AZIENDE

Kaspersky Lab promuove la gender equality e incoraggia l’educazione in tema di sicurezza digitale

- # # # # #

Kaspersky Lab

Kaspersky Lab ha pubblicato il suo ultimo report dedicato alla CSR (Responsabilità Sociale d’Impresa), tracciando il profilo delle varie iniziative tecnologiche, educative e benefiche messe in atto dall’azienda. Il report sottolinea l’importanza del lavoro fatto negli anni da Kaspersky Lab in tutto il mondo per promuovere l’uguaglianza di genere nel settore della tecnologia e per incoraggiare l’educazione dei bambini in tema di sicurezza digitale.

 

Il report sottolinea i tanti modi attraverso i quali l’azienda sta aiutando le comunità a crescere e sta contribuendo a fare del mondo un posto migliore e più sicuro per tutti. Un focus particolare è dedicato all’Italia, che si è distinta per importanti iniziative e partnership con l’obiettivo di incentivare l’educazione digitale e la protezione online dei più giovani.

 

L’uguaglianza di genere nel settore della tecnologia

Kaspersky Lab sostiene con forza l’uguaglianza di genere nel settore della tecnologia. L’azienda è convinta che la diversity all’interno dello staff aziendale possa rendere le imprese più produttive, maggiormente dinamiche e di successo, e si impegna quindi per promuovere il lavoro delle donne nell’ambito della sicurezza informatica. Per Kaspersky Lab il mondo della cybersecurity può non solo offrire una carriera professionale gratificante ed entusiasmante, ma può anche essere un modo per fare del bene, per proteggere persone, aziende e organizzazioni dal pericolo delle minacce informatiche. C’è bisogno di un numero maggiore di donne nel settore per colmare il divario di competenze e ampliare le prospettive proprio sulle cyberminacce.

 

La sponsorizzazione da parte di Kaspersky Lab della competizione AMPLIFY dell’associazione mondiale Girls in Tech – un concorso per imprenditrici per mettere in luce i propri successi in ambito professionale – è solo una delle tante iniziative supportate dall’azienda con l’obiettivo di aiutare sempre più donne a portare avanti la propria passione per i prodotti e i servizi digitali. Attraverso l’iniziativa di PwC, Tech She Can Charter, inoltre, Kaspersky Lab è anche impegnata nel far aumentare il numero delle donne che lavorano proprio in ambito tecnologico.

 

La protezione dei bambini

Oltre a incentivare la partecipazione delle donne nell’IT, Kaspersky Lab è impegnata anche nell’aiutare i genitori a proteggere i propri figli attraverso la tecnologia. Tra le soluzioni proposte, ad esempio, c’è la app per dispositivi mobile Kaspersky Safe Kids, che permette ai genitori di controllare le attività online dei più piccoli, ma anche di monitorare chiamate e messaggi per bloccare i contatti indesiderati, di ricevere consigli e suggerimenti degli esperti, di bloccare l’accesso a siti web o a contenuti non adatti, ma anche di usare un GPS e di localizzare i propri figli in qualunque momento: l’app è, infatti, in grado di inviare delle notifiche nel caso in cui un bambino o un ragazzo si trovino in un luogo sconosciuto o lontano da casa.

 

Kaspersky Lab, inoltre, organizza regolarmente dei roadshow legati a Safe Kids per far crescere la consapevolezza dei più piccoli quando si parla di sicurezza online. In molte città del mondo, come a Johannesburg o a Città del Capo, è stato possibile insegnare a bambini e ragazzi di età compresa tra i 7 e i 13 anni come proteggersi in varie circostanze, reali o virtuali, che potrebbero portare a situazioni di pericolo.

 

Inoltre, i dipendenti di Kaspersky Lab sostengono varie cause benefiche attraverso il volontariato e organizzano eventi per aiutare le persone che hanno bisogno di sostegno o, in generale, per rendere il mondo un posto migliore.

 

“Nel corso dei 21 anni di storia della nostra azienda abbiamo fatto tanta strada sotto molti aspetti. La Responsabilità Sociale d’Impresa potrebbe non essere la parte più evidente, ma è un ambito molto importante per lo sviluppo della nostra cultura aziendale. È il nostro contributo per rendere il mondo un posto più sicuro. Ci concentriamo su progetti vicini al nostro know how professionale – ad esempio, dando accesso a soluzioni di sicurezza gratuite o formando i bambini in tema di sicurezza digitale – ma seguiamo anche progetti per garantire l’uguaglianza di genere e per promuovere l’educazione nelle discipline STEM (Scienze, Tecnologia, Ingegneria e Matematica)”, ha dichiarato Eugene Kaspersky, CEO di Kaspersky Lab. “Sono anche molto felice di poter condividere i risultati del lavoro svolto, non solo nella nostra sede centrale, ma anche negli uffici Kaspersky Lab di tutto il mondo, con programmi di volontariato locale e altre iniziative di beneficenza”.

 

I progetti dedicati all’educazione digitale

Kaspersky Lab Italia, in particolare, si è distinta per una serie di progetti dedicati all’educazione digitale e a incentivare la consapevolezza della sicurezza online da parte dei più giovani, oggi sempre più connessi e sempre più oggetto di possibili cyberminacce. In questa direzione l’azienda ha realizzato una campagna di comunicazione integrata, “Safe with Midori Kuma”, che ha vinto l’European Excellence Award for PR and Communications nella categoria “Science and Education” e il GrandPrix Relational Strategies, proprio nella categoria CSR. Nell’ambito della campagna, è stato prodotto uno spettacolo teatrale a Milano, realizzato da una compagnia di giovani talenti, dal titolo “Kasper, Sky e l’orso verde”, basato sull’omonimo libro scritto da Marlies Slegers. L’obiettivo era raccontare i temi del cyberbullismo e della sicurezza online ai piccoli utenti.

 

Per diffondere la consapevolezza delle minacce digitali anche a livello nazionale, Kaspersky Lab ha realizzato un DVD dello spettacolo da distribuire nelle scuole e ha reso disponibile gratuitamente il libro “Kasper, Sky e l’orso verde” dal sito di Kaspersky Lab. Ben 500 copie sono state, inoltre, donate all’Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma. La registrazione dello spettacolo teatrale, infine, è stata presentata la scorsa estate nel corso dell’ultima edizione del Giffoni Film Festival, il festival cinematografico internazionale dedicato a bambini e ragazzi.

 

Nell’ambito della partecipazione, anche una tavola rotonda sulla Next Education, con la partecipazione di Kaspersky Lab, del presidente di Telefono Azzurro, del presidente del Giffoni Film Festival e di un rappresentante del MIUR. L’opera teatrale presentata al Giffoni Film Festival è diventata una Gaming App grazie all’impegno e al lavoro di un gruppo di giovani talenti, la community del Giffoni Dream Team.

 

Lo spettacolo e la app sono importanti strumenti per far conoscere le regole più importanti relative alla sicurezza online e per incoraggiare i piccoli “navigatori” a confrontarsi con genitori e insegnanti e a non rimanere in silenzio in caso di bisogno di aiuto. La app, realizzata a partire dal nuovo anno, arriverà nelle scuole elementari italiane come strumento per promuovere l’uso appropriato e responsabile dei media digitali tra i bambini e i loro genitori.

 

I progetti con le Associazioni benefiche

Kaspersky Lab Italia collabora da anni anche con alcune associazioni benefiche e di rilevanza sociale. L’azienda si è impegnata fin dal 2009 con Telefono Azzurro per mettere a disposizione alcune soluzioni di cybersecurity e per programmare una serie di attività educational rivolte a bambini e adolescenti. In merito all’associazione Susan G. Komen Italia, l’azienda ha partecipato al Pink Tie Ball, il Charity Gala per la raccolta fondi da destinare ai nuovi progetti per la lotta ai tumori del seno.

 

Per Medici senza Frontiere, poi, ha messo a disposizione diverse soluzioni di sicurezza digitale. Da non dimenticare la partecipazione a “Una Vita da Social”, la campagna itinerante ideata dalla Polizia Postale, in partnership con Kaspersky Lab e altre realtà: un progetto nato per sensibilizzare e informare i giovani sui potenziali rischi della rete, che nell’ultima edizione ha raggiunto più di 50 tra le più importanti città italiane, coinvolgendo oltre 220.000 studenti grazie ad un’aula didattica multimediale allestita in un truck che ha attraversato l’Italia, da Milano a Palermo.

 

“I più piccoli possono andare incontro a molti pericoli quando navigano online, tanto che Internet rappresenta oggi una preoccupazione per molti genitori”, ha dichiarato Alessandra Venneri, Head of Corporate Communications Italy and South East Europe di Kaspersky Lab. “Per questa ragione, Kaspersky Lab Italia ha deciso di impegnarsi e di dedicare particolare attenzione alle giovani generazioni e al loro approccio al mondo digitale. Lo abbiamo fatto attraverso una serie di iniziative e di partnership con istituzioni e organizzazioni di rilevanza nazionale, perché il nostro messaggio potesse arrivare il più lontano possibile. Per noi è importante aiutare i bambini e i ragazzi a capire meglio il mondo digitale e a sentirsi più sicuri quando navigano online, utilizzando un linguaggio il più possibile vicino al loro, ma anche offrire uno spunto ai loro genitori, perché approfondiscano queste tematiche e si confrontino con i loro figli in caso di bisogno di supporto. Le iniziative che abbiamo portato avanti sono pienamente in linea con la mission globale dell’azienda: creare una società digitale sicura per tutti, partendo proprio da quelli che saranno gli utenti di domani”.

articoli correlati

MOBILE

Infront lancia FAN+, pensata per amplificare la user experience dei tifosi allo stadio

- # # # # #

FAN

È attiva da oggi la nuova webapp di Infront FAN+, pensata per entrare nei cuori dei tifosi, amplificando le emozioni della partita e la user experience allo stadio.

Disponibile su Android e Apple store, l’app permette di ricevere sul proprio smartphone video, news, statistiche, premi, ma anche il panino al posto, l’autografo digitale del proprio idolo o lo streaming live della partita con la possibilità di scegliere il punto di vista preferito.

Saranno i supporter di Genoa e Sampdoria i primi a testare questa nuova piattaforma di servizi pensati per fornire al tifoso presente allo stadio un’esperienza che arricchisca la visione dal vivo della partita di tutte quelle funzionalità cui siamo abituati a casa, rendendo ancora più speciale il tempo passato allo stadio.

La webapp, ideata e realizzata da Infront in partnership con Genoa e Sampdoria sarà disponibile allo Stadio Luigi Ferraris a partire da sabato 1 dicembre per Sampdoria – Bologna e domenica 9 dicembre per Genoa- Spal.

Fan+ integra in un unico ecosistema le funzionalità proposte dalle start up più innovative, selezionate con un accurato lavoro di scouting in Italia e all’estero. Nella sua road map di sviluppo sono previsti anche strumenti di realtà aumentata per spettacolarizzare la visione della partita, chatbot per interagire direttamente con gli utenti e altri servizi come il car pooling e la geolocalizzazione del parcheggio o del gate di ingresso allo stadio.

Kaspersky Lab, cybersecurity partner del progetto, mette in sicurezza la vita digitale dei tifosi (dati finanziari, transazioni economiche, passioni ed esperienze digitali).

articoli correlati

AZIENDE

Kasper, Sky e l’orso verde: lo spettacolo di Kaspersky Lab per la sicurezza dei bambini online

- # # # #

Kaspersky Lab

Martedì 27 marzo alle ore 18 andrà in scena presso il Teatro Fontana di Milano lo spettacolo “Kasper, Sky e l’orso verde”, prodotto da Kaspersky Lab e realizzato dalla compagnia di giovani talenti diretta da Mitzi Amoroso. L’opera teatrale, basata sull’omonimo libro scritto dall’autrice olandese Marlies Slegers per Kaspersky Lab, ha l’obiettivo di guidare il pubblico in un viaggio per raccontare i temi del cyber bullismo e della sicurezza online per i piccoli “navigatori”.

Il giovane Kasper e la sua amica Sky vengono infatti aiutati dal magico orso verde Kuma a scoprire le principali regole di sicurezza per esplorare il mondo digitale senza correre pericoli. Il racconto intende inoltre invitare gli utenti più giovani ad aprirsi con genitori e insegnanti e non nascondere le minacce incontrate online o le offese dei bulli, che siano nel mondo reale o in rete.

Internet fa sempre più parte della vita quotidiana dei bambini, che spesso si avvicinano a questo potente mezzo senza una guida e ignorando i rischi che si celano nel web. Secondo un’indagine di Kaspersky Lab, più della metà dei genitori teme che le minacce online per i propri bambini siano in aumento (51%) e che i propri figli abbiamo accesso incontrollato a contenuti inappropriati su internet (57%). Questi timori sembrano fondati dato che, secondo quanto riportato dai genitori, quattro bambini su dieci (41%) hanno affrontato almeno una minaccia online, come contenuti espliciti o inappropriati (12%) e software nocivi (10%), o hanno condiviso troppe informazioni personali (8%). Inoltre, quasi un terzo dei bambini (29%) ha ammesso di temere di diventare vittima di cyber bullismo.

“I benefici offerti dalla possibilità di essere sempre connessi a Internet ci portano a dimenticare che gli utenti più giovani sono naturalmente vulnerabili alle minacce online quando utilizzano i dispositivi connessi alla rete”, ha commentato Morten Lehn, General Manager Italy di ‎Kaspersky Lab. “Per aiutare i nostri figli ad affrontare le numerose informazioni indesiderate e le esperienze traumatiche che possono incontrare online, dovremmo parlarne più spesso, insegnar loro come proteggersi e come comportarsi in caso di incidenti. Tuttavia, genitori e insegnanti soffrono la carenza di strumenti educativi disponibili per guidare i bambini nel mondo digitale. È proprio per questa ragione che abbiamo lanciato questa iniziativa, volta ad aiutare i più giovani a familiarizzare col mondo online e accedervi in modo sicuro”.

Kaspersky Lab crede fortemente nell’importanza di sensibilizzare i ragazzi e i loro genitori sulle minacce che si celano online e sulle semplici regole che possono proteggere la loro vita digitale. Per questo motivo, l’azienda prende parte a numerose iniziative di sensibilizzazione di organizzazioni come Telefono Azzurro e la Polizia Postale e delle Comunicazioni, oltre a offrire ai genitori una soluzione come Kaspersky Safe Kids appositamente pensata per proteggere i giovani online anche quando navigano senza la supervisione degli adulti.

“Ci rendiamo conto che internet rappresenti una preoccupazione per molti genitori. Ecco perché è per noi importante aiutare i giovani utenti a familiarizzare con il mondo digitale. Con questo progetto abbiamo voluto utilizzare una modalità e un linguaggio più vicini ai bambini per aiutarli a sentirsi sicuri online e offrire uno spunto ai genitori per affrontare queste tematiche. L’iniziativa è pienamente in linea con la nostra mission: creare una società digitale sicura per tutti”, ha dichiarato Alessandra Venneri, Head of Corporate Communications Italy and South East Europe di Kaspersky Lab.

Per diffondere la consapevolezza delle minacce di internet per i bambini su tutto il territorio nazionale, Kaspersky Lab realizzerà un dvd dello spettacolo da distribuire nelle scuole elementari italiane. Alcune scuole milanesi hanno già aderito al progetto pilota dell’iniziativa e hanno previsto la visione della rappresentazione teatrale per la fine di maggio per i propri alunni delle classi 4^ e 5^.

A partire da settembre, con l’inizio del nuovo anno scolastico, verranno coinvolte anche tutte le altre scuole di Italia interessate all’iniziativa di sensibilizzazione. I genitori che desiderano iniziare ad affrontare queste tematiche con i propri bambini, a partire dal 27 marzo, potranno scaricare gratuitamente il libro “Kasper, Sky e l’orso verde” dal sito di Kaspersky Lab.

articoli correlati

MEDIA 4 GOOD

Kaspersky Lab sostiene la prima avventura di 12 esploratrici al Polo Nord

- # # # #

Kaspersky Lab

Kaspersky Lab ha rinnovato la sua collaborazione con la famosa esploratrice polare Felicity Aston, Cavaliere dell’Ordine dell’Impero Britannico, che ad aprile di quest’anno condurrà una squadra di 12 donne, prevalentemente inesperte, in una spedizione di 10 giorni al Polo Nord.

Dopo aver sponsorizzato già due delle precedenti avventure polari della Aston – la Kaspersky Commonwealth Antarctic Expedition nel 2009 e la Kaspersky ONE Transantarctic Expedition nel 2011 – la società di cyber sicurezza annuncia il suo sostegno a quest’ultima impresa: la prima spedizione tutta femminile al Polo Nord.

La Aston e il suo team – composto da 7 donne provenienti dall’Europa e 5 dalla penisola araba – partiranno dal campo base di Barneo all’inizio di aprile, con l’obiettivo di arrivare dopo circa 10 giorni al Polo Nord.

“L’obiettivo della spedizione non è solo raggiungere la cima del mondo, ma sfidare gli stereotipi, cambiare le percezioni e fornire qualche informazione lungo la strada. Sono felice che Kaspersky Lab abbia sostenuto questa spedizione, così come ha fatto per le mie due precedenti, perché so che il loro sostegno deriva da una reale volontà di sfidare lo status quo”, ha commentato Felicity Aston. “Non affronteremo solamente temperature estremamente rigide – che possono raggiungere i -40° – ma anche banchise in continuo movimento: a volte ci spingeranno nella giusta direzione, altre si spaccheranno dando vita a canali d’acqua o si scontreranno creando rilievi dell’altezza di un piano di un edificio. Correremo anche il rischio di incontrare gli orsi polari”.

L’unico membro del team con un’esperienza significativa da esploratrice è la guida alpina russa Olga Rumyantseva – che nel 2013 ha intrapreso la spedizione dei 7 vulcani di Kaspersky Lab, diventando la prima donna nella storia a scalare da sola, in un anno, le cime più alte dei vulcani in ciascuno dei sette continenti.

Eugene Kaspersky, CEO di Kaspersky Lab, che volerà al Polo Nord per incontrare e congratularsi con le donne al loro arrivo, ha dichiarato che la sua società è orgogliosa di continuare a sostenere le avventure di donne come la Aston e il suo team: “Per me, l’esplorazione artica non è solo una sfida eccitante, ma è un esempio di motivazione: persone come Felicity e la sua squadra – determinate e appassionate – sono fonte d’ispirazione, modelli di riferimento per le nuove generazioni in grado di aiutare a perseguire davvero quello che si voglia nella vita”.

Alex Moiseev, di recente nominato Chief Business Officer di Kaspersky Lab ha aggiunto: “Come azienda ricca di donne dalle menti brillanti che hanno sfidato lo status quo per diventare programmatori e ricercatori di cybersecurity, vogliamo incoraggiare e responsabilizzare più giovani donne ad essere coraggiose e a fare qualcosa di inaspettato – che si tratti di raggiungere il Polo Nord, o imparare a programmare e diventare cyber-difensori. Queste 12 esploratrici, con un background così diverso e unico, ci ricordano come le persone comuni possano ottenere cose straordinarie”.

Kaspersky Lab è impegnata a convincere più donne a intraprendere una carriera nel settore della sicurezza informatica, opportunità che spesso non viene presa in considerazione dalle giovani donne. Le ragazze, infatti, conoscono poco questo settore, temono di non avere le competenze di programmazione necessarie e che si tratti di un mondo per soli uomini. Le donne, invece, possiedono “competenze trasversali” che possono rivelarsi importanti quanto le competenze tecniche e spesso persino di più per fare la differenza in un’azienda. Il settore della sicurezza informatica soffre una significativa carenza di esperti e l’ingresso delle donne potrebbe colmare questo gap e aiutare le aziende di tutto il mondo a proteggersi dai sempre più frequenti e complessi attacchi informatici.

Kaspersky Lab ha lanciato un concorso per dare l’opportunità a un fortunato o una fortunata di accompagnare Eugene Kaspersky nel suo viaggio al Polo Nord per incontrare le coraggiose esploratrici. Fino al 14 marzo è infatti possibile iscriversi per vincere un viaggio del valore di 20.000 euro che include un volo per Svalbard e quindi per il remoto ice camp di Barneo a una latitudine di 89° N, da cui si partirà in elicottero verso il Polo Nord geografico. Per partecipare all’estrazione è sufficiente effettuare il download di Kaspersky Free Antivirus dal sito della competizione e inserire i propri dettagli (nome, età, Paese e indirizzo email) nell’apposito modulo. È necessario essere residente nell’Unione Europea, in buona salute, di età superiore ai 18 anni e disponibile per un viaggio tra il 13 e il 16 aprile 2018.

articoli correlati

MEDIA 4 GOOD

Kaspersky Lab supporta la prima Antartic Biennale, spedizione artistica nel nome del futuro

- # # # #

Kaspersky Lab

Eugene Kaspersky, Presidente e CEO di Kaspersky Lab, prenderà parte alla primissima Antartic Biennale – un viaggio che riunirà artisti, scienziati e visionari della tecnologia da tutto il mondo, per esplorare e creare un futuro culturale universale per l’Antartide. Kaspersky Lab supporta attivamente il progetto, che porterà i collaboratori in una spedizione di 12 giorni dall’Argentina all’Antartide e viceversa. Ogni membro della spedizione sarà un testimone e contribuirà al processo artistico.

La spedizione artistica, sotto il patrocinio dell’Unesco, inizierà il 16 Marzo 2017 da Ushuaia, la città più a sud del mondo, dove i partecipanti si imbarcheranno sulla nave di ricerca “Akademik loffe”. Durante gli sbarchi nelle diverse zone dell’Antartide, gli artisti allestiranno delle esposizioni temporanee d’arte o si esibiranno in performance e spettacoli. La mobilità, l’equilibrio degli spazi, la compatibilità ecologica, l’espressività artistica e l’acutezza concettuale saranno i temi principali di questi progetti artistici. Tutte le installazioni create durante la spedizione saranno smontate e caricate sulla barca, per continuare la loro vita nei principali musei e centri artistici del mondo.

“L’Antartide è l’ultimo spazio veramente libero e un modello per il futuro. Secondo il trattato Antartico (1959) e i relativi accordi internazionali sono concessi esclusivamente per attività creative e ricerche scientifiche nell’interesse di tutta l’umanità”, afferma Alexander Ponomarev, capo del progetto, artista, navigatore e filosofo. “L’Antartide è il continente che può incoraggiare le persone a pensare al futuro dell’umanità e della cultura, offrendo l’opportunità di creare nuovi modi per vedere la vita nel nostro pianeta”.

Tra gli artisti che parteciperanno all’Antartic Biennale ci sono Tomas Saraceno, Zhang Enli, Lara Favaretto, Matthew Ritchie e Hani Rashid. Alexander Ponomarev crede che questo viaggio sarà una rivoluzione perché si tratta di un fenomeno socioculturale unico. Al posto del solito padiglione nazionale, saranno affrontati i ghiacci inaccessibili del continente Antartico, vivendo l’unione tra la grande natura e la massima consapevolezza, grazie al dialogo con scienziati, futuristi e visionari della tecnologia.

Riguardo al suo viaggio imminente in Antartide con la Biennale, Eugene Kaspersky ha affermato: “In passato abbiamo supportato le spedizioni in Antartide, ma questo sarà per noi il più grande progetto nel continente. Penso che sarà un’impresa affascinante e ho deciso di appoggiarla quando ho visto la passione degli organizzatori. Non esiste nessun luogo come l’Antartide sulla Terra: è un continente condiviso senza confini che è allo stesso tempo bellissimo e fragile nel suo carattere selvaggio. Ci sono già stato, e penso sia un posto che fornisca molte ispirazioni per l’esplorazione e l’espressione artistica. Sono davvero contento di partecipare a questa spedizione e sono emozionato dalla possibilità di vedere le creazioni artistiche che verranno realizzate”.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Kaspersky Lab vuole essere #inattaccabile. Al via la nuova campagna di comunicazione

- # # # #

Kaspersky Lab

“Voglio essere #inattaccabile” è la richiesta che Kaspersky Lab è pronta a soddisfare e che caratterizza la campagna di lancio delle nuove soluzioni di sicurezza consumer: Kaspersky Internet Security e Kaspersky Total Security.

Volta ad aumentare la consapevolezza persone della necessità di poter contare su una protezione informatica, la campagna fa leva sulle reali problematiche di sicurezza che ognuno di noi affronta quotidianamente nella propria vita digitale.

La nuova campagna si articola in numerose iniziative, che hanno come obiettivo l’education del consumatore sui temi e sulle problematiche legate alla sicurezza informatica.

“Oggi, l’uso sempre più diffuso di dispositivi connessi a Internet, la condivisione di contenuti attraverso social media e applicazioni di Instant Messaging mettono in pericolo i nostri dati personali, che se non vengono protetti correttamente possono trasformarsi in un profitto per i criminali informatici. La nuova campagna di comunicazione Voglio essere #inattaccabile’ nasce proprio con l’obiettivo di aiutare gli utenti a diventare più consapevoli online e proteggersi in tutta tranquillità grazie alla nuova versione delle nostre soluzioni”, ha dichiarato Maura Frusone, Head of Marketing Italy di Kaspersky Lab.

Oltre a una pianificazione pubblicitaria online e offline, la campagna “Voglio essere #inattaccabile” scende in strada con un temporary stand in Largo La Foppa, dal 22 fino al 25 settembre, dove i promoter Kaspersky Lab sono a disposizione per presentare le funzionalità delle soluzioni di sicurezza 2017 e rispondere a esigenze e domande in termini di protezione IT.

Per dimostrare il livello di conoscenza della sicurezza IT degli utenti, Kaspersky Lab lancia l’iniziativa “Sicuro di essere sicuro?”. Collegandosi al sito www.inattaccabileconkaspersky.it, disponibile fino al 2017, sarà possibile verificare le proprie competenze informatiche partecipando al test, che mette in scena comportamenti della vita reale per sottolineare l’importanza di proteggersi nel modo corretto. A questa iniziativa verrà affiancata anche una campagna Facebook con l’obiettivo di coinvolgere il maggior numero di utenti possibili, contribuendo alla diffusione di una cultura della sicurezza e a portare avanti un processo di formazione.

“Noi di Kaspersky Lab crediamo che la sicurezza IT non possa dipendere solamente dall’efficacia delle soluzioni di sicurezza, perché sono importanti anche le competenze informatiche degli utenti. Spesso, infatti, le persone sottovalutano l’importanza delle informazioni personali condivise su internet, pongono poca attenzione ai siti che visitano e quando si trovano ad affrontare una minaccia informatica hanno difficoltà a identificarla e contrastarla”, ha commentato Morten Lehn, General Manager Italy di Kaspersky Lab.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Grande successo per la campagna social di Kaspersky Lab ideata da Hibo

- # # # # #

Con l’hashtag #KaSPAssion24 il team digital di Hibo ha raccontato per Kaspersky Lab – brand leader mondiale nello sviluppo di soluzioni per la sicurezza informatica e la gestione delle minacce IT – l’avvicinamento, la cronaca e il dopo gara della 24 Ore di Spa: celebre competizione automobilistica di durata del campionato Endurance Blancpain GT Series che ogni anno ospita sul circuito belga di Spa-Francorchamps veloci supercar derivate dalla serie.

Una campagna di comunicazione voluta – grazie anche al lavoro di MSM, l’agenzia internazionale specializzata nelle attività legate al mondo del Motorsport – per raccontare sul web la storia, la tradizione e la passione per il mondo dei motori alle migliaia di appassionati che, sin dalle prime fasi dell’operazione mediatica, sono stati coinvolti direttamente e resi poi protagonisti di una gara mitica.

Kaspersky Lab, infatti, è il main sponsor sulla Ferrari 458 GT del team AF Corse che ha preso parte alla grande classica belga e composto dai piloti Alexander Moiseev, Garry Kondakov, Riccardo Ragazzi e Rui Aguas. Da qui l’esigenza, per la multinazionale russa, di comunicare la sua presenza in un evento unico e senza precedenti a livello di partecipazione per il brand.

Attraverso una engagement strategy dal forte impatto che si è sviluppata sui social media, la campagna di comunicazione è stata un successo di numeri: più di un milione di impression, con un incremento del 10% dei follower e un hashtag, #kaSPAssion24, rimasto per diverse ore tra i Trend Topic durante la corsa. Nelle 24 ore di gara il brand Kaspersky Lab ha corso veloce anche sui social, con il suo profilo Twitter di Kaspersky Motorsport. Un boom di condivisioni, like e commenti che si estende anche agli altri canali, Facebook e Instagram, con un record di visualizzazioni fatte registrate dagli utenti sulla landing page dedicata al live streaming dell’evento sul sito web di Kaspersky Motorsport.

articoli correlati

MEDIA

“Proteggiti dal Salone”con Kaspersky Lab

- # # # # #

In occasione dell’edizione 2013 del Fuori Salone, Kaspersky Lab sarà presente nel cuore nevralgico del design milanese con l’iniziativa di guerrilla marketing dal titolo “Proteggiti dal Salone”. Realizzata in collaborazione con l’Organizzazione Creativa Art Kitchen, la campagna Kaspersky Lab fornisce suggerimenti ironici e divertenti per proteggersi dai “virus” del Fuori Salone, un evento unico e ricco di ispirazioni e suggestioni ma anche caotico e stressante.

La campagna si sviluppa attraverso 8 card che verranno distribuite in alcune aree di Zona Tortona e che vedranno sul fronte un’immagine creata del Graphic Designer e Illustratore milanese Antonio Colomboni e sul retro un codice per scaricare la trial del nuovo PURE 3.0 Total Security.

Le 8 card:
– Proteggi dai design tour.
– Proteggi dai fiumi di persone.
– Proteggi dal cattivo gusto.
– Proteggi dalle tag di Facebook.
– Proteggi dal ponte di ferro di Tortona.
– Proteggi dagli aperitivi pacco.
– Proteggi dalle bici degli hipster.
– Proteggi dagli sticker.

Per ulteriori informazioni è possibile collegarsi al sito web www.proteggitidalsalone.com o alla pagina www.kablaze.it.

articoli correlati