BRAND STRATEGY

Due spot tv e un’attività di guerrilla marketing su tutto il territorio di Milano: la nuova azione crossmediale di meetic. Pianifica Havas Media

- # # # # #

Meetic

Meetic, l’azienda leader nel dating, mette in pista un’azione crossmediale con un claim d’impatto che suona come una presa di posizione a tutti gli effetti: “Dai inizio a qualcosa di VERO”. A supporto non solo due spot tv pianificati da Havas Media e già in onda sulle principali emittenti, ma anche un progetto di comunicazione firmato Jungle, l’agenzia indipendente di unconventional marketing.

 

L’attività, ampiamente sostenuta da Social Media e Pr, prevede diverse installazioni nella città di Milano, dal centro alla periferia, oltre alla produzione di un interessante video che darà voce ad alcune coppie reali che racconteranno la loro VERA storia d’amore nata grazie a Meetic.

 

Sono 50 i green graffiti sparsi per il capoluogo meneghino con lo scopo di raccontare le vicende sentimentali di alcune coppie che si sono conosciute grazie a Meetic. Ecosostenibili e realizzati con la tecnica dello stencil, i contenuti dei graffiti sono semplici e diretti, esattamente come una storia d’amore di successo.

 

Ogni installazione mostra i nomi delle coppie coinvolte, l’hashtag #qualcosadivero e un ricordo legato al luogo dove è posizionato lo stencil. “Mattia e Ilaria qui si sono presi per mano la prima volta”, piuttosto che “Lorenzo e Rebecca qui hanno improvvisato un pic-nic romantico” o ancora “Leonardo e Greta qui hanno improvvisato un valzer sotto la pioggia”.

 

Dal Castello Sforzesco ai Navigli passando per Porta Venezia o NoLo, tutta Milano sta ospitando le installazioni Meetic per raccontare a tutti degli aneddoti romantici relativi alle VERE storie nate grazie al servizio di dating per eccellenza, l’unico che può vantare una community di persone serie intente a trovare altrettanto seriamente il loro partner ideale. Il messaggio del claim, infatti, risponde alle reali esigenze dei single che, in una “società liquida” fatta di relazioni fugaci e profili social artefatti, sono sempre più alla ricerca di esperienze profonde e durature e non di avventure da una notte e via.

 

Un’iniziativa evidence based dunque, che si fonda sulla fortissima conoscenza che Meetic ha dei single iscritti ai servizi di dating. Non è un caso se, a oggi, sono ben più di un milione le coppie italiane che si sono conosciute grazie a Meetic. Proprio come Ippolita e Gianni: per loro il servizio di dating è stata la svolta che ha rivoluzionato le loro vite, tanto da metter su famiglia e realizzare il loro sogno nel cassetto, cioè l’apertura di un bellissimo ristorante sulle rive del Lago Maggiore.

 

E saranno proprio delle coppie vere le protagoniste dei video che verranno pubblicati sulla pagina Facebook italiana di Meetic, raccontando le loro esperienze sentimentali, a cominciare dal primo approccio avvenuto grazie al sito o all’app. Ecco a cosa punta la nuova azione targata Meetic: raccontare al mondo intero che grazie al servizio di dating più serio ed efficiente della Penisola, trovare il partner ideale e dare inizio a qualcosa di vero è alla portata di tutti.

 

A dimostrarlo in modo lampante le tantissime storie a lieto fine disponibili sul sito ufficiale di Meetic.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Jungle e Banca Etica portano in Piazza Affari Borsopoly, il gioco della finanza

- # # # #

Borsopoly

A 10 anni dal default di Lehman Brothers, il 15 settembre 2008, Banca Etica vuole ricordare l’inizio simbolico della crisi finanziaria globale che sconvolse l’economia e la società e i cui effetti perdurano ancora oggi. Per farlo si è affidata a Jungle, agenzia specializzata in street advertising e unconventional marketing, che ha progettato una spettacolare installazione in Piazza Affari, sede della Borsa di Milano: intorno al dito medio di Cattelan apparirà un grande tabellone da gioco denominato Borsopoly, per riflettere in modo divertente sui temi della finanza e dei mercati.

I passanti potranno così sfidare dal vivo i loro amici, avanzando sulle caselle – dove sono descritte, in modo ironico, situazioni economiche e finanziarie – e cercando di arrivare primi al traguardo. Sui social tutta l’operazione avrà come hashtag #borsopoly, per postare frasi, foto e video ispirati all’iniziativa. Il gioco sarà poi scaricabile anche in formato digitale dal sito bancaetica.it e sarà accompagnato da una serie di approfondimenti curati da valori.it

Jungle ha curato tutta la parte creativa e produttiva dell’operazione. L’invito per l’inaugurazione di Borsopoly è dunque per mercoledì 12 settembre alle 12.30, mentre si continuerà a giocare anche giovedì 13 e venerdì 14 dalle 10.30 alle 19.30 sempre in Piazza Affari.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Jungle firma la nuova campagna Red Bull Dance Your Style, all’insegna dello street dance

- # # # #

red bull e jungle

Hip Hop, House Dance, Locking, Popping, Breaking, Waacking, Vogueing: questi gli stili di ballo che si sono affrontati sul palco del Red Bull Dance Your Style sabato 16 in Piazza Duca d’Aosta a Milano, in una serie di battle all’ultimo respiro che hanno incoronato come re degli street dancer il breaker Mowgli, dopo la finale con Tonini. Giudice d’eccezione dell’iniziativa è stato il pubblico, accorso numerosissimo ed entusiasta di essere parte attiva della competizione. Il Red Bull Dance Your Style è stato anticipato da una campagna di comunicazione unconventional e di contenuto firmata dall’agenzia Jungle.

Shooting fotografici, proiezioni guerrilla e una gigantesca installazione in Via Morosini hanno toccato alcune delle piazze più calde della street dance milanese, portando alla luce i volti e gli stili di questa multiforme disciplina underground. In una prima fase di scouting, un van marchiato Red Bull è andato in giro giorno e notte a scoprire i volti e i luoghi segreti della street dance milanese: direttore d’orchestra di un team composto da fotografi, videomaker e stylist è stato il fotoreporter Gabriele Micalizzi, che ha scattato i ritratti di centinaia di ballerini dilettanti. Le foto sono state post-prodotte live e trasformate in poster 50×70, regalate poi agli stessi ballerini.

La fase di ricerca, interviste e shooting, inoltre, ha portato alla creazione di una mappa collaborativa dei luoghi della street dance milanese: punti di ritrovo, negozi, palestre e locali, ora consultabili dagli appassionati al seguente link. A conclusione dell’attività, tutti i poster raccolti nei giorni di shooting sono stati utilizzati per realizzare una gigantesca installazione di street art: un’affissione di circa 320 mq esposta sul Giardino delle Culture di via Morosini, sviluppata come un collage composto da tutti i volti della street dance milanese e da quelli dei ballerini professionisti che si sono sfidati nelle battle al Dance Your Style.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Jungle firma il tour di street advertising per promuovere il servizio Banca5

- # # # # #

Jungle - Banca5

Jungle, l’agenzia specializzata in street advertising e unconventional marketing, è impegnata in questi giorni con una grande campagna di green graffiti per promuovere Banca5, nuovo servizio bancario del Gruppo Intesa Sanpaolo e “prima banca di prossimità in Europa”.

Progettata da Jungle sotto la supervisione di MEC, la campagna è partita a fine novembre nei principali centri urbani del Nord (Milano e Torino) per spostarsi successivamente su Rovigo, Varese, Brescia, Padova, Cesena, Pesaro, Napoli e Catania. Un’azione che porterà complessivamente alla realizzazione di 240 green graffiti distribuiti su 10 Comuni differenti, tra cui come detto anche città come Pesaro, Cesena e Rovigo che hanno deciso di sperimentare per la prima volta questa forma di adv offline.

La capillarità del media pubblicitario scelto rispecchia alla perfezione quella del servizio Banca5: con un palinsesto di servizi attivabili direttamente dal tabaccaio sotto casa, Banca5 è l’unico ente in grado di offrire ai cittadini carte di credito, prestiti, conti correnti, assicurazioni e servizi attivabili direttamente in tabaccheria (la rete finora conta 3000 esercizi convenzionati in tutto il territorio italiano), senza doversi recare in banca o collegarsi a un’app.

Lo street advertising è una forma di comunicazione outdoor, figlia di una sintesi tra street art e guerrilla marketing, che trasforma le superfici dei marciapiedi in potenziali spazi di comunicazione. La migliore espressione di questa tecnica sono sicuramente i green graffiti: messaggi realizzati artigianalmente grazie a una miscela di yogurt, gesso e cellulosa, completamente naturali e temporanei. Una soluzione media che permette di raggiungere ottime performance e una targettizzazione millimetrica, garantendo allo stesso tempo un impatto ambientale minimo e azzerando la produzione di rifiuti.

articoli correlati

MEDIA

Fazland.com protagonista dello scenario urbano milanese con la nuova campagna Jungle

- # #

Fazland

Arriva nelle principali linee dei mezzi di trasporto di superficie e della metropolitana di Milano la campagna “Jungle”  lanciata da Fazland che rappresenta il proseguo naturale di un percorso di comunicazione iniziato a febbraio 2017 e finalizzato a rendere per la seconda volta Fazland.com protagonista dello scenario urbano milanese.

Fazland.com è la piattaforma online che permette all’utente di trovare un servizio professionale, in pochi e semplici passaggi e di valutare l’offerta più adatta alle proprie esigenze. L’obiettivo di Fazland.com è infatti di offrire un servizio pratico, moderno e contemporaneo, semplice e sicuro, nei principali centri italiani nella fase di ricerca di un servizio professionale.

La campagna “Jungle” on air dal 20 di Novembre, è presente nelle principali linee dei mezzi di trasporto di superficie e della metropolitana di Milano ed è stata realizzata da IGPDecaux grazie alla collaborazione di ATM. L’obiettivo di questa sfrontata e divertente campagna di comunicazione è di trasmettere una pratica e semplice soluzione ad un problema che, probabilmente, molte persone affrontano nella quotidianità e che non riescono a risolvere a causa dei ritmi frenetici dettati dalla routine metropolitana. La campagna “Jungle” rappresenta il proseguo naturale di un percorso di comunicazione iniziato a febbraio 2017 e finalizzato a rendere per la seconda volta Fazland.com protagonista dello scenario urbano milanese.

Il privato sceglie Fazland.com perché

-È veloce. Consultare la piattaforma e richiedere un preventivo è semplice, veloce, intuitivo.

– È Sicuro. Fazland.com mette al centro la tutela delle persone; rispetta tutti gli aspetti di salvaguardia legale della privacy e del rispetto dei dati sensibili.
– È garantito. La piattaforma si impegna a coinvolgere su tutto il territorio Nazionale, aziende e professionisti in linea con i più alti standard di mercato, selezionando i soggetti che possano rispondere, nel miglior modo possibile, alle esigenze dei privati.

Il professionista sceglie Fazland.com perché:

– È efficace. Ampliando la possibilità di contatto e promozione della propria azienda verso un pubblico più allargato, rispetto al tradizionale passaparola, la probabilità di concludere positivamente un’offerta è maggiore.
– È innovativo Sfruttando la tecnologia, il professionista semplifica e velocizza le possibilità di contatto con un potenziale cliente estremamente motivato e preciso nelle richieste di intervento.
– È commercialmente affidabile. Tutte le richieste di preventivo e i dati di contatto dei potenziali clienti, vengono analizzate, verificate e certificate internamente, prima del passaggio dell’informazione commerciale al professionista.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Mudec: ambient marketing e social engagement per raccontare l’Antico Egitto

- # # # # # #

Mudec

È iniziato a giugno, con il volto di un bambino che guarda verso l’alto e che diventa la cornice di immagini che evocano il mondo dell’Antico Egitto, il primo momento di comunicazione della grande mostra autunnale del Mudec. È stata infatti scelta come uno dei quattro soggetti della nuova campagna istituzionale 2017 del Mudec-Museo delle Culture di Milano, “Al Mudec puoi”. Intuitiva ed emozionale, come si addice a un museo che parla al cuore dei popoli e racconta le culture del mondo.

Poi a settembre lungo le pensiline della metropolitana milanese e in giro su manifesti, lungo le fiancate degli autobus e nei ledwall della città è apparso il volto ieratico della statua di Amenofi II, il faraone protagonista dell’ultima mostra “Egitto. La straordinaria scoperta del Faraone Amenofi II”, aperta al pubblico dal 13 settembre scorso.

E infine il “faraone” si è materializzato con le sue guardie del corpo per le vie della Milano pre-inaugurazione, ovvero 4 giorni prima del 12 settembre, scatenando la curiosità sui social e facendo parlare di sé in maniera assolutamente non convenzionale: un testimonial perlomeno insolito, dato l’aura di antichità che giustamente avvolge il faraone vissuto nel 1.400 a.C..

Per il Mudec è stata un’occasione perfetta, quella della mostra “Egitto”, per raccontare il palinsesto autunnale con un linguaggio ancora più nuovo, fresco, giovanile, social, che arrivasse agli occhi e alle orecchie dei visitatori e dei numerosissimi followers dei canali social del Museo delle Culture.

Diverse e molteplici sono state quindi le attività programmate all’interno del piano di comunicazione della mostra, con iniziative che hanno toccato i potenziali spettatori utilizzando quanti più mezzi possibili e in maniera integrata: above the line con media planning su stampa, web e affissioni; attività di promozione e social media marketing sui principali canali in target con l’evento; ufficio stampa e media relations.

La campagna pubblicitaria tradizionale, la cui creatività è stata sviluppata internamente, è stata pianificata sui mezzi del Gruppo 24 ORE, nonché sull’emittente televisiva La7D. Per le affissioni statiche, sono state previste 8 turnazioni da 220 manifesti 140×200 cm con loghi e marchi sponsor nella città di Milano, per tutto il periodo di mostra; 2 ledwall presso la stazione di Porta Garibaldi e 1 alla stazione di Cadorna. Inoltre 13 autobus milanesi sono stati decorati con il manifesto della mostra sulla fiancata. Fuori da Milano e nelle principali stazioni lombarde è stato previsto un mese di affissione di Mupi e Digimupi di grande formato.

Oltre alla campagna adv vera e propria, il piano di avvicinamento all’evento ha coniugato l’attività tradizionale di ufficio stampa e public relations con le azioni sui social network, (campagne adv su Facebook, promozioni su base socio-demo, geolocalizzata, per interessi/gruppi di appartenenza, pianificazione organica).

Per questa mostra per la prima volta però 24 ORE Cultura, che organizza e promuove le Grandi Mostre ospitate al Museo delle Culture, ha deciso di optare per un rafforzamento della comunicazione attraverso una campagna di guerrilla marketing, realizzata la settimana prima dell’avvio della mostra dal titolo “Amenofi is in town!” e curata dall’agenzia milanese di unconventional marketing Jungle.

Il faraone egizio, con tanto di guardie reali al seguito, se ne è andato a spasso per le strade del centro di Milano, attirando l’attenzione di turisti e passanti, provocando su Facebook centinaia di foto-testimonianze delle improvvise apparizioni dello strano personaggio, e generando un fenomeno di photobombing diventato virale in pochi giorni: una campagna unconventional
che ha fatto quindi leva sull’alone di mistero che avvolge ancora la civiltà egizia, per risvegliare l’interesse del pubblico e “ingaggiarlo”.

Infine si è parlato ancora di Egitto per festeggiare il milionesimo visitatore del MUDEC, raggiunto alle 19:15 del 21 settembre scorso. Il milionesimo visitatore è stato infatti anche l’occasione per festeggiare l’importante traguardo del museo, raggiunto in soli due anni e mezzo dall’apertura nel 2015.

E così, per una volta, la seria biglietteria del museo – al suono di tromba che ha proclamato davanti a tutti il fortunato milionesimo visitatore – si è per un attimo trasformata in un set cinematografico, a cura dell’agenzia Jungle, dove sono comparsi in costume antico egiziano le stesse guardie e il faraone che si erano aggirati a inizio settembre per la città, insieme a Cleopatra e un seguito di festanti personaggi, tra cui ovviamente anche lo staff del museo. Il momento è stato ripreso da 10 telecamere go pro per diventare un video promosso su tutti i canali social del Museo e in particolare sulla pagina Facebook che conta oltre 59.000 fan.

articoli correlati

MEDIA

Viral marketing firmato Sky e Jungle per il lancio della serie TV Westworld

- # # # # # # #

Sky Atlantic - Westworld

La campagna di viral marketing per il lancio della serie tv Westworld progettata da Sky in collaborazione con Jungle ha coinvolto in meno di due settimane più di 325.000 persone, e dal 26 settembre al 2 ottobre si prepara per una nuova attività onfield in Piazza Argentina a Milano.

La campagna è iniziata online, con la creazione e la diffusione di contenuti editoriali inediti finalizzati a generare curiosità intorno all’inaugurazione di Westworld Experience, il servizio di luxury travel ideato dalla finta azienda americana Ford&Lowe. Il risultato sono state più di 325.000 persone coinvolte finora, e 11.000 interazioni in meno di due settimane.

Prendendo spunto da quelli che sono gli aspetti caratterizzanti della serie, si è aperto un dibattito tra gli utenti intorno ai futuri utilizzi della tecnologia e al rapporto tra etica e robotica.

Il secondo step della campagna si è svolto per le strade di Milano, con un’attività prank che prevedeva l’utilizzo di un visore per la realtà virtuale e di un container perfettamente allestito come un saloon western. Durante il weekend del 17/18 settembre sono state coinvolte decine di ignari passanti ai quali è stata offerta la possibilità di vivere in prima persona quelle sensazioni di smarrimento e ambiguità tra reale e virtuale raccontate dalla serie TV.

Il lancio della serie TV in Italia, in onda in contemporanea con gli Stati Uniti dal 2 Ottobre su Sky Atlantic, sarà preceduto dalla pubblicazione del video reportage che racconterà le emozioni vissute dai partecipanti durante la due giorni di attività. Appuntamento sul canale Facebook di Westworld Experience da venerdì 23 Settembre.

Dal 26 settembre al 2 Ottobre la campagna continuerà in Piazza Argentina a Milano, con incontri, intrattenimento e tantissime iniziative promozionali per il lancio ufficiale della nuova serie TV firmata HBO.

La struttura utilizzata per il video reportage sarà aperta al pubblico, affiancata da una scultura a grandezza naturale riproducente un prototipo dell’androide simbolo di Westworld. All’interno della struttura i curiosi potranno provare l’esperienza della realtà virtuale, immergersi in un set perfettamente allestito, partecipare a dibattiti sul tema robot-vita quotidiana e conoscere tutti i dettagli della serie più attesa dell’anno.

Westworld, le info
Westworld è una serie televisiva ideata da Jonathan Nolan (sceneggiatore tra le altre cose di Interstellar, Memento, The Prestige) e basata sull’omonimo film di Michael Crichton del 1973. La produzione è firmata JJ Abrams e prodotta da HBO.
Westworld mescola fantascienza e western, e narra di un parco divertimenti futuristico, popolato da umanoidi, dove i turisti possono vivere ogni loro recondito desiderio senza limite. Almeno fino a quando, nel mondo creato dal Dr. Ford qualcosa inizia a sfuggire al controllo dei supervisori e i robot iniziano a sviluppare una propria coscienza.
Tra gli interpreti di Westworld Anthony Hopkins, Ed Harris, Evan Rachel Wood, James Marsden e Thandie Newton.
La serie sarà trasmessa il 2 Ottobre negli Stati Uniti e in contemporanea in Italia in versione originale sottotitolata su Sky Atlantic.

 

articoli correlati