BRAND STRATEGY

Exploreat ci guida alla scoperta dei frutti del Belpaese

- # # # # # #

Exploreat ci guida alla scoperta dei frutti del Belpaese

Exploreat è la prima multi-piattaforma di circuiti eno-gastronomici, nata per valorizzare la ricca offerta italiana nel mondo del gusto e delle tipicità territoriali del Belpaese. 

Alla scoperta degli artigiani del gusto del Friuli, in Malga come un mastro casaro, a caccia di tartufi nei boschi toscani, sono solo alcune delle proposte di Exploreat per gli enogastronauti più curiosi ed esigenti. Da nord a sud, in città o in campagna, dentro o fuori casa, la parola d’ordine è Gusto!
In pochi semplici passi, con Exploreat si può scoprire un mondo di attività, scegliere, prenotare e acquistare, con conferma immediata, le migliori esperienze legate al mondo del cibo di qualità e, con l’ausilio di una guida locale specializzata, andare alla scoperta del territorio per un viaggio che coinvolge tutti i sensi.

 

Milano in bici alle origini del gusto


Alla scoperta di una Milano insolita, appena fuori le mura, in bici alla volta di una cascina tipica per assistere alle fasi di lavorazione del latte e dei formaggi che qui sono prodotti. Durante il percorso, sarà possibile entrare in contatto con il contesto rurale milanese, in cui tra le altre cose vengono coltivati anche grano e riso, allevati animali, curate piante e fiori. Il tour è ideale per tutti, per un momento di pausa fuori dal solito verso le origini del gusto.

 

Bio tour a Bergamo con visita all’allevamento di lumache.

Una giornata a stretto contatto con la natura: dalla visita all’allevamento di lumache e al Comprensorio Biologico con 8 ettari con produzione di grano bio, frutta e verdura, fino ad un pranzo in un agriturismo della zona, per gustare i prodotti tipici del territorio bergamasco. Il tour si concluderà con la visita al Santuario della Beata Vergine delle Lacrime edificato tra il 1594 e il 1619.

 

A cavallo nella campagna toscana con pranzo e gedustazione.

Un tour indimenticabile tra uliveti e vigneti, percorrendo le dolci colline del Chianti nei dintorni di Firenze. I panorami mozzafiato tipici di questa regione faranno da cornice a una giornata memorabile, un’occasione emozionante per scoprire la Toscana seguendo il ritmo lento di questi splendidi animali. Una passeggiata tra vigneti, uliveti e borghi medievali con due soste per gustare all’ora di pranzo, le prelibatezze tipiche del territorio e nel corso della giornata, per una degustazione di vini in una cantina locale.

 

L’oro del bosco: caccia al tartufo e degustazione emiliana.

Un’esperienza emozionante alla ricerca di tartufi con un cercatore professionista e il suo fidato cane dal fiuto infallibile che mostreranno i luoghi nascosti dove scovare il prezioso tubero e le tecniche per affinare la ricerca. Al termine della passeggiata nei boschi circostanti (per circa 1,30h), ci aspetta un’interessante visita al Museo del Tartufo di Savigno e un delizioso aperitivo con prodotti locali.

 

Tour guidato con degustazione alla scoperta dei tesori del Lazio.

Un tour guidato in un luogo carico di suggestioni: la Valle Suppetonia, nel viterbese, alla scoperta dei santuari, dei capolavori del romanico laziale, e, percorrendo sentieri che aprono la vista a paesaggi spettacolari, si scopriranno antichi eremi. Una degustazione di vini locali completerà questa interessante giornata.

articoli correlati

AGENZIE

ClickPoint fa team building a Barcellona

- # # # # #

Clickpoint Spagna_TeamBuilding

Nell’era digitale e dell’always connect non è certamente un problema lavorare in città o in Paesi diversi. Talvolta però è utile anche un incontro fisico: scambiare opinioni o discutere del proprio lavoro, senza la mediazione di una webcam o di una connessione telefonica continua a essere quaòcosa di difficilmente sostituibile. Partendo da questo presupposto, Clickpoint lo scorso 11 dicembre ha riunito il suo team italiano e quello spagnolo a Barcellona, per un’attività di team building. Fortemente convinta che uno degli asset intangibili più rilevanti per un’azienda è il capitale umano, Clickpoint ha pensato proprio di raggruppare le sue persone a Barcellona, dove  nel 2013 l’agenzia ha aperto una sede in cui lavorano oggi 14 persone (da settembre è operativo anche l’ufficio commerciale di Madrid).

L’incontro di Barcellona  è diventato così un’occasione per confrontarsi, per fare il punto sui mercati internazionali (il team catalano si occupa di Spagna, Francia e Latam) e, anche, per svagarsi in attesa della festa serale con i colleghi spagnoli. Accantonato il lavoro, sabato 12 dicembre il team ha dedicato la giornata al turismo culturale e alla conoscenza della città: un’immersione nelle opere di Gaudì con Sagrada Familia e Park Guell. In serata, i festeggiamenti sono continuati con una cena al Port Olympic.

“Da due anni siamo presenti sul mercato spagnolo”, ha ricordato Roberto Siano, Ceo & Founder di Clickpoint. “I due team lavorano costantemente insieme, anche se a distanza. Certo le tecnologie consentono a tutti noi di vedersi e sentirsi da qualunque luogo, però ogni tanto poter condividere opinioni e vivere esperienze comuni è fondamentale. Così quest’anno, per approfondire ancora di più il legame e azzerare le distanze geografiche, abbiamo pensato di “sfruttare” il periodo di fine anno che tradizionalmente si presta anche ai festeggiamenti, per dar vita a un evento di team building, dal sapore ludico e professionale. È nata così l’idea di dedicare un intero fine settimana alle persone che sono e rappresentano Clickpoint”

articoli correlati

AGENZIE

Meetic riconferma Havas Media dopo una gara

- # # # #

meetic

Havas Media, la sigla guidata dal CEO Stefano Spadini, si riconferma media partner di Meetic, brand leader nei servizi di dating, a seguito di una gara relativa al mercato italiano che l’ha vista contrapporsi nella fase finale a Vizeum.

Il pitch è stato vinto al termine di  una sfida fra le principali agenzie tra cui ovviamente la stessa Vizeum (gruppo Dentsu – Aegis), già partner in comunicazione di Meetic per i paesi chiave tra cui Francia, Germania UK e Spagna. L’Italia rimane l’unico paese gestito da Havas Media.

“Siamo molto orgogliosi di questa riconferma”, ha commentato Spadini, “perché dimostra il solido e grande riconoscimento del rapporto di fiducia instaurato tra agenzia e cliente, inoltre la proroga della partnership dimostra la capacità di Havas Media di evolversi secondo i bisogni dei brand.

In Italia, infatti, il sodalizio tra Meetic e Havas Media è iniziato nel 2010 con l’obiettivo, da parte dell’agenzia, di gestire fin da subito tutte le attività di comunicazione. In un momento cruciale come quello che il mercato sta vivendo ormai da tempo, per poter rinnovare la collaborazione con i propri clienti diventa fondamentale conoscere la capacità di seguirli rinnovandosi.

Meetic tornerà attivo in comunicazione in apertura del 2016,  con una campagna che partirà da Gennaio con un nuovo flight televisivo.

articoli correlati

NUMBER

Magna Global: mercato globale adv a +4,6% nel 2016.

- # # # # #

Magna Global, la media investment unit di IPG Mediabrands, ha rilasciato negli scorsi giorni il suo ultimo rapporto relativo alle previsioni globali sui ricavi pubblicitari, in cui stima che il mercato pubblicitario mondiale crescerà del +3,2% nel 2015 per un totale di 503 miliardi di dollari. Questo dato risulta inferiore alla precedente previsione rilasciata nel giugno 2015 (+3,9%) ed evidenzia un rallentamento rispetto alla crescita del 2014 (4,9%).

Anche nel 2016 la raccolta pubblicitaria globale continuerà a mostrare un segno “più” grazie alla stabilizzazione dell’economia e alla spesa incrementale generata da eventi non ricorrenti (le elezioni generali e presidenziali negli Stati Uniti, la coppa UEFA in Europa e le Olimpiadi estive in Brasile), che porteranno a un +4,6% a consuntivo. Neutralizzando l’impatto di tali eventi nel 2014, 2015 e 2016, la crescita globale del marcato pubblicitario sarebbe cresciuta del +4,1% nel 2015 e +3,7% nel 2016, il che suggerisce la mancanza di una vera e propria accelerazione della domanda nel 2016 neutralizzando gli effetti di questi driver ciclici.

Tra i 73 Paesi analizzati da Magna Global in questo aggiornamento, quest’anno 62 hanno sperimentato una crescita dei ricavi pubblicitari mentre i restanti undici (tra cui Russia, Finlandia, Francia, Grecia, Perù e Singapore) hanno registrato un calo. I maggiori contributi al rallentamento vengono da due Paesi del BRIC colpiti da gravi difficoltà economiche: la Russia (-12%) e il Brasile (+ 4,4%). D’altra parte è cresciuta la stima per il 2015 per Paesi come l’India, la Cina e gli Stati Uniti. Per il 2016 magna Global si attende che solo quattro mercati continueranno a rimanere in perdita, mentre 69 (compresa la Russia) sperimenteranno un certo livello di crescita.

Nel capitolo relativo all’Europa Occidentale, la Ricerca mostra ricavi pubblicitari in crescita per il secondo anno consecutivo (+2,9%) per un totale di 110 miliardi di dollari, con tassi di crescita elevata a una cifra nel Regno Unito e in Spagna che compensano la stabile lentezza di Paesi come la Francia e l’Italia. Il mercato dell’Europa Occidentale torna così al valore del 2007, prima del manifestarsi della lunga recessione, anche se alcuni mercati sono ancora significativamente più piccoli. Per il 2016 si prevede una crescita regionale del +2,5%.

Magna Global ha infine esaminato il mercato italiano, visto nel 2015 in crescita dell’ 1,2%, per un totale di 7 miliardi di euro, di raccolta: una stabilizzazione dopo quattro anni consecutivi in negativo. Il mercato italiano è, tuttavia, ancora inferiore alle dimensioni raggiunte nel 2008 (anno in cui ha raggiunto il suo apice) del 20% (8,9 miliardi di euro).
Nel 2016 il mercato italiano mostrerà una situazione in miglioramento, grazie a una crescita complessiva delle vendite stimata intorno al +2,4%, guidata da una ripresa delle tariffe televisive (vendite adv a + 2,1%) e dei media digitali (+8%). I ricavi relativi al mezzo stampa, invece, continueranno a diminuire (-5%). La radio dovrebbe registrare una crescita moderata (+1,6%), mentre l’affissione diminuirà rispetto ai dati registrati in occasione di Expo (-2,5%).

articoli correlati

NUMBER

Audiweb: settembre da 28,8 milioni di utenti italiani sul web, 21,6 milioni gli utenti unici al mese

- # # # # #

Audiweb distribuisce il nastro di pianificazione, Audiweb Database, con i dati dell’audience totale di internet (total digital audience) del mese di settembre 2015. Il nastro di pianificazione, distribuito alle software house e fruibile attraverso i tool di pianificazione, offre il dettaglio dei dati della navigazione quotidiana sui siti degli editori iscritti al servizio, organizzati per device, PC e Mobile (smartphone e tablet al netto delle sovrapposizioni).

I nuovi dati sull’audience totale di internet e sulla fruizione dell’online da desktop e da device mobili sono disponibili anche sulla piattaforma Audiweb View per la consultazione dei dati mensili su tutto il mercato online. La total digital audience nel mese di settembre è rappresentata da 28,8 milioni di utenti unici, il 52% degli italiani dai 2 anni in su, collegati complessivamente per 45 ore e 23 minuti per persona. Nel giorno medio sono stati 21,6 milioni gli utenti unici totali, online in media per 2 ore per persona.

L’audience di internet da dispositivi mobili (smartphone e tablet) è rappresentata da 20,7 milioni di utenti unici mensili, il 47% degli italiani tra i 18 e i 74 anni. Nel giorno medio risultano online da mobile 17,5 milioni di utenti collegati per 1 ora e 47 minuti per persona. La fruizione di internet da PC è rappresentata da 26,6 milioni di utenti nel mese, il 48,2% degli italiani dai 2 anni in su, e 12 milioni nel giorno medio online per 1 ora.

A settembre erano online nel giorno medio il 40,3% degli uomini (11 milioni di uomini dai 2 anni in su), il 37,7% delle donne (10,5 milioni) e oltre il 60% dei giovani tra i 18 e i 34 anni, rispettivamente il 63% dei 18-24enni (2,7 milioni) e il 64,2% dei 25-34enni (4,5 milioni). Erano online il 38,3% degli abitanti dell’area Nord Ovest (4,3 milioni), il 37,9% del Nord Est (2,8 milioni), il 33,4% del Centro (2,3 milioni) e il 31,6% dell’area Sud e Isole (5,6 milioni).

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Publicis Italia on air per la “Festa del Bricolage” di Leroy Merlin

- # # # #

Dal 13 Ottobre all’8 Novembre torna la Festa del Bricolage Leroy Merlin: nell’occasione, in 47 punti vendita Leroy Merlin verranno realizzati corsi in edizione speciale dedicati al bagno, gratuiti e aperti a tutti.

Publicis Italia ha ideato una campagna multicanale dedicata all’iniziativa che invita a scoprire come il bricolage può rendere speciale la propria casa, perché – come recita la line – “è più di una casa se fatta da te”.
Il concept creativo è infatti a migliorare il percepito del fai-da-te e a dimostrare e ricordare alle persone come il bricolage sia molto più di un semplice hobby, più di un’attività da fare in modo emergenziale o adatta solo agli esperti.

Declinata su stampa, outdoor e radio, la campagna prevede un importante investimento digital con masthead sui principali siti di informazione e youtube, e con video banner. Particolare attenzione è stata inoltre dedicata a tutti i materiali di comunicazione sul Punto Vendita.

Oltre ai corsi speciali di bricolage calendarizzati in otto appuntamenti e dedicati al bagno, Leroy Merlin propone in occasione della Festa anche quattro progetti di design fai-da-te realizzati in collaborazione con l’architetto e designer Claudio Lo Passo: costruzioni molto creative e facili da realizzare, capaci di far riscoprire il piacere di fare. I progetti consistono in una sdraiola, un sdraio con carriola, un appendilume, appendiabiti con luce, un portaviste, portabici con riviste, e un portasù, portatutto con carrucola. Quest’ultimo sarà realizzato nei punti vendita di Leroy Merlin durante una lezione del corso.

articoli correlati

AGENZIE

Cambio al vertice di Y&R Italia: Gitto presidente e Maggini AD

- # # # # # # #

Young & Rubicam Italia, società del Gruppo WPP, ha annunciato oggi la nomina di Vicky Gitto a Presidente e di Simona Maggini ad Amministratore Delegato.

La loro nomina premia una carriera che negli ultimi anni si è sviluppata all’interno della società e testimonia la qualità del lavoro svolto: infatti Gitto e Maggini erano rispettivamente EVP – Chief Creative Officer (carica che mantiene) e Direttore Generale.

Y&R è una delle più importanti società di comunicazione italiane: ha uffici a Milano e Roma, vi lavorano 160 persone, serve aziende leader a livello locale e internazionale nei più diversi settori, dal food & beverage alle TLC, dal retail ai servizi.

Numerosi gli attestati del valore riconosciuti al lavoro dei nuovi vertici di Y&R negli ultimi anni: tra questi è significativa la prima posizione nel ranking del new business 2014, a pari merito con un’altra struttura, secondo una ricerca svolta da TBS Italy.

Gitto e Maggini sono anche stati i fautori della crescita all’interno di Y&R di VML, business unit di comunicazione digitale, che negli ultimi due anni, sotto la loro guida, ha raddoppiato le proprie dimensioni.

Entrambi hanno anche esperienze internazionali nel network Y&R: Gitto fa parte del Global Creative Board di Y&R, mentre Maggini ha lavorato in Russia e Austria, coordinando le attività di team internazionali.

articoli correlati

MEDIA

La cucina italiana secondo laeffe: in onda la prima serie italiana firmata RED

- # # # # #

Parte mercoledì 10 giugno il primo viaggio tutto italiano di RED, che andrà in onda su laeffe (can. 50 DTT e tivùsat, 139 di Sky) e parlerà della cucina del Bel Paese.

Un percorso che attraversa tutta la penisola per indagare il concetto di Cucina POP di Davide Oldani, il manifesto politico del “gastrofilosofo militante” Don Pasta, il viaggio dalla Puglia a EXPO del “cuoco contadino” Peppe Zullo, fino alla cucina futuristica, tra filosofia e scienza, di Davide Scabin.

 

Mercoledì 10 giugno, ore 21.00 –  Davide Oldani: Pop Food per tutti.
“Una cucina d’eccellenza alla portata di tutti”: è la cucina POP, ideata da Davide Oldani. Chef ma anche designer, imprenditore e maitre à penser, Oldani è l’uomo che ha rivoluzionato il concetto di cucina stellata. Un viaggio nelle sue giornate frenetiche tra la Brianza e l’EXPO, dividendosi tra lavoro, famiglia, eventi di business e momenti di riflessione, per raccontare l’anima POP della cultura culinaria italiana. Una filosofia raccontata anche nel suo ultimo libro POP FOOD (Feltrinelli, 2015), che ha inaugurato la collana RED di Giangiacomo Feltrinelli Editore.

 

Mercoledì 17 giugno, ore 21.00 – Don Pasta e la cucina anarchica.
Dj, cuoco politico, economista, anarchico e appassionato “attivista gastronomico”, Don Pasta parte da Napoli per un viaggio nel Sud Italia alla scoperta di storie, ricette, cucine e gastronomie tradizionali, per vivere la sua ricerca e diffondere il suo manifesto rivoluzionario a difesa della cucina italiana, contro tutto e tutti. Per raccontare – tra antropologia e passione per la frittura – cosa è rimasto e cosa è cambiato nella cucina e nella cultura del Bel Paese.

 

Mercoledì 24 giugno, ore 21.00 – Peppe Zullo, il cuoco contadino.
La sostenibilità della catena alimentare, il recupero delle tradizioni agricole, il rispetto della terra e la cura della stagionalità delle materie prime: sono i valori che stanno alla base della cucina biologica, strettamente connessa ai ritmi della natura, di Peppe Zullo: cuoco imprenditore ed ambasciatore di Slow Food, valori raccontati in un viaggio dalla sua azienda agricola nella campagna pugliese fino alla Milano di EXPO.

 

Mercoledì 1 Luglio, ore 21.00 – Davide Scabin, il futuro in cucina.
Una riflessione sul futuro dell’alimentazione con Davide Scabin, lo chef che ha portato la sua cucina nello spazio, l’inventore del cyber egg, una delle personalità più rivoluzionarie e innovative al mondo, con le sue rivisitazioni della cucina piemontese in chiave moderna e futurista, tra cibo del futuro, scienza e design gastronomico.

articoli correlati

AZIENDE

Digital Next continua ad espandersi in Europa e sbarca anche in Italia

- # # # # #

Digital Next, agenzia di marketing digitale di Manchester, continua ad espandersi in Europa con il lancio della sua divisione italiana che offre servizi sia ad aziende internazionali che vogliano espandere il loro volume d’affari in Italia come anche ad aziende italiane che vogliano espandere il loro volume d’affari all’estero. Il team italiano è situato negli uffici di Manchester ed è gestito dall’International Relationship Manager Giambattista Balletta.
Fra le prime aziende che si avvantaggiano di questi servizi vediamo due rinomate gallerie d’arte marchigiane www.thecircusart.it e www.smalltribute.it le quali stanno lavorando su una campagna di PR per lanciarsi anche nel Regno Unito. Fin dalla sua fondazione, cinque anni fa, Digital Next ha visto una crescita esponenziale globale e non solo nel Regno Unito, risultando nell’apertura di uffici in Australia, Irlanda e Svezia. Il suo co-fondatore Mark Blackhurst ha parlato all’evento UK Trade & Investment (UKTI) dove sull’argomento del SEO internazionale ha raccomandato fortemente alle aziende di guardare al mercato internazionale in Europa, Asia e Australia come mezzo di espansione e progresso.
Ha così commentato: “Forniamo consulenza e lavoriamo con aziende sia nuove che avviate e copriamo tutti gli aspetti delle strategie di marketing digitale, dalla creazione dei siti web alle campagne di marketing internazionale e abbiamo avuto successo sin dall’inizio.”
Il colosso del nordovest inglese continua a far parlare di sé in un ennesimo comunicato di successo dopo l’acquisizione nel Febbraio 2014 della Just Search, un altro gradino di crescita ed espansione della società.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Sbarca in Italia la nuova campagna “Grow Your Own” di Heinz Tomato Ketchup, firmata da PicNic

- # # # # # #

Heinz Tomato Ketchup lancia anche in Italia la nuova campagna “Grow Your Own”. Nata per ricordare alle mamme cosa c’è dietro al gusto del famoso prodotto americano e ai pomodori usati per produrlo, la campagna dà il via a una grande iniziativa di giardinaggio fai da te: Heinz con orgoglio condivide la sua esperienza nella coltivazione dei pomodori e invita le famiglie italiane a piantare e far crescere i pomodori a casa propria.
Una ricetta semplice, come la sua ultima campagna ‘Grow your Own’, che ha radici oltreoceano e che per la prima volta quest’anno approda in Europa e in Italia, dove fino a fine maggio, in 250 punti vendita selezionati, acquistando un prodotto della linea Heinz si riceverà immediatamente in regalo una bustina di semi di pomodoro Heinz e, eccezionalmente, anche uno speciale vasetto in cui coltivare i semi.
L’evento sarà pubblicizzato in TV su Real Time e soprattutto sui principali canali digital, sul nuovo sito e con Facebook, dove i consumatori potranno pubblicare le foto delle loro  piantine di pomodoro. La creatività per la TV è stata studiata su formati speciali dall’agenzia PicNic, che permettono di sottolineare maggiormente le caratteristiche di prodotto e creare suspense nello spettatore. In TV la campagna è pianificata su Real Time. Sul web si svilupperà su video banner e banner con formati speciali pianificati sui principali siti e portali, di cucina e femminili. Al progetto hanno lavorato la copywriter Federica Guidolin e l’art director Riccardo Colombo. Direzione creativa di Niccolò Brioschi. L’account director è Veronica Misciattelli. Casa di produzione The Big Mama. Post produzione video di Videozone e post produzione audio di Screenplay

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Nuova partnership strategica globale tra la Figc e Puma. Maggiore collaborazione su marketing e licensing per i prossimi 10 anni

- # # # # # #

Puma e la Figc ancora insieme per un altro decennio. Il brand ha infatti esteso i suoi diritti di marca, rinnovando il diritto di Licenza Master in esclusiva per gestire attivamente l’intero portafoglio dei prodotti a marchio FIGC, e continuerà ad essere il fornitore tecnico ufficiale di tutte le Nazionali Azzurre. FIGC e PUMA, inoltre, in base all’accordo sottoscritto, sosterranno attivamente una serie di progetti per il rafforzamento commerciale su scala globale dell’immagine della Federazione e delle Nazionali e per la crescita del sistema calcistico di base. In quest’ottica, sono previsti investimenti condivisi di marketing per lo sviluppo di attività centrali nel programma della FIGC: calcio giovanile, calcio femminile, lotta al razzismo e internazionalizzazione del brand.

In più di 10 anni, dal 2003, PUMA è passata dall’essere semplicemente partner delle Squadre Nazionali a una nuova era nella quale puntare ad un maggiore reciproco ritorno per entrambe le organizzazioni.

Björn Gulden, Amministratore Delegato di PUMA, ha dichiarato: “L’ampliamento di questa collaborazione di lunga data con la FIGC è estremamente importante per PUMA e per noi rappresenta un altro passo fondamentale verso il raggiungimento del nostro obiettivo di diventare il ‘Fastest Sport Brand in the world’. La FIGC con la sua storia e la sua tradizione è l’elemento più importante all’interno del nostro ‘football portfolio’; i suoi nuovi dirigenti hanno una visione chiara che condividiamo e che siamo lieti di appoggiare. Nei prossimi anni PUMA garantirà un maggiore impegno sul progetto FIGC per raggiungere importanti opportunità commerciali attraverso una collaborazione che ha continuato a crescere e riserva ancora un grande potenziale.”

Carlo Tavecchio, Presidente della FIGC, ha commentato: “La firma del prolungamento del contratto con PUMA rappresenta un risultato molto importante per la FIGC perché produrrà benefici sia nell’affermazione del nostro brand a livello internazionale sia perché ci vedrà impegnati insieme per lo sviluppo di progetti speciali. La Federazione sta portando avanti un percorso di sviluppo a 360° che spazia dalla Nazionale maggiore alle giovanili, dal calcio femminile alle iniziative sociali e in questo percorso ambizioso PUMA sarà un valido partner che siamo orgogliosi di avere ancora a lungo al nostro fianco”.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

E3 “vince” il social di Philips Sound Italia. L’ “ossessione per la musica” va su Facebook

- # # # # # # #

Al termine di una gara, l’agenzia di marketing digitale milanese E3 è stata scelta da Woox Innovations, società licenziataria del marchio Philips per i prodotti audio, video, multimedia e accessori, per la gestione strategica della strategia social media di Philips Sound Italia.

Le attività di comunicazione sono incentrate sulla piattaforma Facebook, presidiata dal brand Philips tramite il profilo ufficiale.
Gli obiettivi dell’incarico sono comunicare il mondo Philips Sound a 360 gradi, creare occasioni di engagement con i Fan e gli appassionati del suono e profilare i fan per migliorare la comunicazione, favorendo la loyalty e individuando Brand Ambassador.

La Branded Content Strategy messa a punto da E3 per Philips Sound è riassunta dal claim “ossessionati dal suono”. I protagonisti della comunicazione di prodotto sono: sistemi home audio e portable audio con tecnologia wireless Bluetooth, NFC e WI-FI, soundbar, auricolari e cuffie sia dotate di cavo che wireless con tecnologia Bluetooth, radio portatili e soluzioni di telefonia domestica cordless.
La strategia di engagement è articolata e differenziata: il design, la qualità dell’audio per la gamma a marchio Philips Fidelio; il travel e la mobilità; la tecnologia e la cultura Geek; il cinema e l’home video; la musica e la storia della musica.
Per il monitoraggio delle attività di social media marketing, E3 si avvale dell’utilizzo di Socialbakers, piattaforma certificata da Facebook che permette di analizzare le performance quantitative sui social network del brand anche in relazione ai competitors

articoli correlati

BRAND STRATEGY

“What’s The Italian Word For… Eat?”: online il quarto video della campagna UNA Hotels

- # # # # # #

È online il quarto video della campagna promossa da UNA Hotels & Resorts, “Feel The Italian Passion”. Il tema di questa puntata riguarda infatti una delle maggiori eccellenze italiane, riconosciuta in tutto il mondo, ovvero quella del cibo.

A Venezia un cagnolino assaggia un bocconcino di pane appena sfornato che la sua padrona ha acquistato passeggiando lungo i canali, a Bari l’occhio viene catturato da un’esplosione di colori in un banco tradizionale di frutta e verdura, a Firenze una mamma assaggia il sugo di pomodoro e chiama a raccolta la famiglia con la confortante espressione “a mangiare!”. E ancora, a Catania un bimbo esulta di fronte a una vetrina di coloratissimi dolci tradizionali, a Napoli un padre insegna al figlio l’arte della pizza e fa roteare in aria la pasta, e a Milano uno chef, dopo aver fatto la spesa, si esibisce con orgoglio in un tipico risotto alla Milanese. Il video fa parte dell’emozionante viaggio che UNA Hotels & Resorts sta compiendo alla ricerca delle passioni e dello stile di vita italiani attraverso le parole e i dialetti locali, ricchezze che fanno da fil rouge alla narrazione. Ogni quindici giorni viene pubblicato un video sul sito di UNA Hotels & Resorts, nell’ambito della campagna “Feel The Italian Passion”.
I video sono stati prodotti da Alessandro Moggi, su un’idea dell’agenzia creativa The Branding Crew.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Il Museo Egizio di Torino raddoppia e si presenta con un nuovo logo

- # # # #

Il Museo Egizio di Torino presenta al pubblico il raddoppio del percorso museale e il riallestimento delle collezioni e per l’occasione, il prossimo 1° aprile aprirà le porte per un’intera giornata a ingresso libero.
L’ingresso gratuito è un ringraziamento rivolto al pubblico che ha continuato a frequentare il Museo in numero sempre crescente, nonostante i lavori e un cantiere di grande impatto urbano.

Con un’apertura prolungata dalle 9.00 alle 24.00 (ultimo ingresso ore 23.00), il Museo regala ai torinesi e a tutti i turisti un’occasione imperdibile per scoprire o riscoprire la civiltà egizia secondo un nuovo approccio: il museo ottocentesco si trasforma così in un museo archeologico contemporaneo in linea con gli standard internazionali. Sulla base del progetto scientifico del Direttore Christian Greco, redatto a più mani con i sette curatori, il Museo Egizio recupera il suo ruolo centrale nel panorama egittologico mondiale e diventa una tappa imperdibile per il grande pubblico.

Per ottimizzare l’organizzazione di questa giornata gli ingressi saranno suddivisi in fasce orarie, una ogni trenta minuti. Per evitare la formazione di lunghe attese all’ingresso, sarà disponibile un sistema di prenotazione online, attivo da venerdì 20 marzo 2015. Per prenotare la propria visita gratuita sarà sufficiente collegarsi al sito www.egizio1aprile.it.

Inoltre, il Museo Egizio si presenta con un nuovo logo e una nuova corporate identity realizzata da Ico Migliore e Mara Servetto, Migliore+Servetto Architects.
Il nuovo logo rielabora un antico segno geroglifico, simbolo dell’acqua. Un segno ritmato e continuo che rappresenta un elemento simbolico importante di legame tra i due luoghi geografici e storici: l’acqua infatti rappresenta per l’Egitto, col fiume Nilo, la fonte della sua grande civiltà, mentre a Torino è intorno al fiume Po che la città è cresciuta e si è organizzata.

Al ritmo grafico del simbolo si accosta poi il tratto forte e storico del carattere Bodoni per la dicitura completa nel logotipo. Un omaggio alla straordinaria innovazione del carattere disegnato a fine settecento dal piemontese Giambattista Bodoni, e che già a inizio ottocento era stato utilizzato per l’insegna storica del Museo Egizio a Torino, tutt’ora presente in facciata. Il logo verrà declinato in tutta l’immagine coordinata del Museo Egizio.

articoli correlati

NUMBER

Anche in Italia i motori di ricerca battono i media tradizionali come fonte di notizie

- # # # # # # #

La quindicesima edizione dell’Edelman Trust Barometer – la ricerca annuale che misura la fiducia e la credibilità di aziende, governi, media e NGO’s realizzata da Edelman – disegna per l’Italia, un po’ a sorpresa, un quadro in molti punti contrastante, e non sempre in negativo, con quanto si registra negli altri paesi industrializzati, dove nell’ultimo anno la fiducia della popolazione è caduta a livelli comparabili con quelli della grande crisi del 2009.

In Italia invece nell’ultimo anno la fiducia è cresciuta nei confronti di tutti: governo (dal 24 al 28%), imprese (dal 45 al 53%), media (dal 40 al 48%) e NGO’s (dal 62 al 64%). Si tratta di percentuali molto basse in assoluto, soprattutto quella nei confronti del governo, ma il trend al rialzo è evidente. Sorprende anche la forbice che si registra nel nostro paese fra la credibilità della aziende statali (al 35%) rispetto a quella delle grandi imprese (52%) e a quelle familiari (71%), se comparata alle media mondiale: 50% le statali, 57% le grandi, 68% le familiari. Per la prima volta inoltre i media tradizionali perdono la leadership nei confronti dei motori di ricerca come fonti di informazione per le notizie, con una fiducia rispettivamente al 62% contro il 64%, a livello globale. Valori ancora più accentuati in Italia: 57% dei media tradizionali contro il 69%.

I motori di ricerca vengono utilizzati per raccogliere e comparare informazioni da fonti diverse, così come opinioni di altre persone su un determinato argomento, oppure ancora per verificare le notizie. Anche la fiducia nei media online in Italia è aumentata dal 50% nel 2014 al 61% nel 2015, interrompendo il trend negativo che registravano da anni. Un fenomeno dovuto ad un graduale processo di accettazione da parte del pubblico che è stato incoraggiato da fattori come il miglioramento della qualità di questo tipo di media, grazie agli investimenti da parte degli editori. Inoltre le abitudini in Italia stanno cambiando, i consumatori si stanno spostando dai media tradizionali come la Tv verso l’uso di Internet, la tecnologia mobile sta incoraggiando questo cambiamento. A questo si aggiungono i motori di ricerca, che incoraggiano l’utilizzo dei mezzi di informazione online.

Non a caso il web in Italia lo strumento più utilizzato in assoluto per informarsi: per il 34% i media online e motori di ricerca sono la prima fonte consultata, il 45% in Italia li usa per trovare “breaking news”, mentre per il 52% sono lo strumento migliore per trovare conferme sulle notizie. Un trend in crescita negli anni che riscontriamo anche a livello globale. Restano indietro televisione e giornali cartacei con valori nettamente inferiori.
In parallelo è stabile la fiducia nei social network come fonte di informazione con un dato del 45%, in aumento di un solo punto percentuale rispetto all’anno scorso. Gli utenti condividono molte informazioni sui social ma non tutto ciò che è condiviso è affidabile e gli utenti i sono divenuti più consapevoli di questo. Infine i media tradizionali e quelli di proprietà (ad esempio siti o blog aziendali) si mantengono stabili o in leggero aumento rispetto al 2014, rispettivamente al 57% e al 44%. Per le aziende è comunque fondamentale integrare tutti i canali nella loro comunicazione ed essere rilevanti su ciascuno di essi. Come rilevato nell’Edelman Trust Barometer 2012, i consumatori per giudicare credibile un’informazione devono essere esposti allo stesso messaggio da 3 a 5 volte.

A livello mondiale infine, l’industria dei media continua a collocarsi tra quelle che ricevono meno fiducia, con un trend leggermente in calo, passando dal 52% del 2014 al 51% del 2015. Al primo posto il settore Technology con una fiducia che raggiunge il 78%.
Continua infine per il terzo anno consecutivo la caduta di credibilità dei CEO, che scivolano nei Paesi sviluppati au livello 31%. A livello medio mondiale i CEO si collocano al 41% mentre i rappresentanti del governo 38%; valori molto bassi se raffrontati con gli accademici (70%) le “persone come te” (63%). Valori in linea con quelli riscontrati in Italia: 67% per gli accademici e 61% per le “persone come te”, mentre i CEO arrivano al 32%.
In Italia In Italia c’è più scetticismo sui creatori di contenuti sui social network, tutte le categorie hanno un livello di fiducia più basso rispetto alla media mondiale. Solo gli amici e la famiglia in Italia rimangono nella categoria “fidati” con il 63%, tutti gli altri scivolano nella categoria “incerti o neutri”, inclusi gli esperti accademici. Le aziende e i loro lavoratori sono percepiti anche loro “incerti o neutri”, mentre la maggior parte dei creatori di contenuti tra cui giornalisti, dirigenti, VIP e celebrità, ricevono percentuali basse che li collocano nella categoria “sfiduciati”. Un’indicazione rilevante per la comunicazione soprattutto delle aziende.

articoli correlati