AGENZIE

TBWA\Italia sperimenta lo Smart Working. Fanfani: “Sono certo che funzionerà”

- # # # #

smart working

Allo scopo di favorire la creazione di un ambiente di lavoro che unisca ad una maggiore flessibilità dell’orario un miglioramento produttivo, il Gruppo TBWA\Italia dal 1 febbraio ha adottato lo smart working per i suoi dipendenti, sia per la sede di Milano che per quella di Roma.

Il nuovo modello organizzativo si basa su una gestione flessibile della prestazione lavorativa, che prevede il suo svolgimento in orari non rigidamente definiti e anche al di fuori della sede aziendale. I dipendenti avranno a disposizione due giornate al mese. Questa iniziativa è la prima di una serie che il gruppo sta definendo per migliorare il welfare aziendale.

“Vorrei che si dicesse che in TBWA, non solo siamo bravi ma si lavora bene”, commenta il Group Country Manager Marco Fanfani (nella foto). “Proviamo per sei mesi ma sono sicuro che funzionerà. L’opportunità è grande, è una vera “disruption” e mi fa piacere che TBWA sia la prima agenzia in Italia a sperimentarla”.

 

articoli correlati

NUMBER

Tutto il potenziale (inespresso) dell’Italia Creativa: i risultati dell’indagine EY, MIBACT e SIAE

- # # # # #

Tutto il potenziale (inespresso) dell'Italia Creativa: i risultati dell'indagine EY, MIBACT e SIAE

Quello dell’industria della creatività italiana è un settore di vitale importanza per il paese, con i suoi 880mila occupati diretti e un valore economico di 48 miliardi di euro nel 2015. Un risultato che potrebbe essere decisamente (si stima in 72 miliardi di euro) migliore una volta risolti i maggiori problemi che affliggono il settore (tra cui value gap e pirateria). Su tutto questo si è concentrato l’ultimo studio realizzato da Ernst&Young con il supporto delle principali Associazioni di categoria guidate da MIBACT e SIAE, dal titolo “Italia Creativa“. Alla tavola rotonda per la presentazione dello studio, moderata dal giornalista Marco Fratini di LA7, sono intervenuti Filippo Sugar, presidente di SIAE; Donato Iacovone, AD di EY in Italia; Antonella Mansi, vice presidente di Confindustria; Luciano Fontana, direttore del Corriere della Sera; Manuel Agnelli, autore/artista; Fedele Confalonieri, presidente di Mediaset.

L’indagine ha analizzato per il secondo anno consecutivo i dati relativi all’Industria della Cultura e della Creatività in Italia ponendo inoltre l’accento sulle minacce per il settore e sulle opportunità di crescita ancora da sfruttare. Nel 2015 l’Industria della Cultura e della Creatività del nostro Paese ha registrato un valore economico complessivo di 47,9 miliardi di euro, pari al 2,96% del PIL, con un tasso di crescita rispetto all’anno precedente del 2,4% dei ricavi diretti (+951 milioni di euro). Un dato particolarmente edificante se consideriamo che il PIL italiano è aumentato dell’1,5%. “Questi valori evidenziano la centralità del diritto d’autore, che rappresenta il motore di questa industria”, ha commentato Filippo Sugar, Presidente di SIAE. Dallo studio emerge inoltre che l’86% dei ricavi è rappresentato da ricavi diretti, derivanti cioè dalle attività della filiera creativa quali la concezione, la produzione e la distribuzione di opere e servizi culturali e creativi, mentre il rimanente è dovuto a ricavi indiretti, ovvero quelli relativi ad attività collaterali o sussidiarie. Altro dato particolarmente interessante è che nel 2015 la filiera creativa ha occupato oltre un milione di persone, circa il 4,6% della forza lavoro italiana, di cui l’86% nelle attività economiche dirette, con circa 880.000 posti di lavoro (+15 mila posti di lavoro, in aumento dell’1,7% rispetto al 2014). La crescita è risultata superiore rispetto alla variazione complessiva degli occupati in Italia, che nel 2015 ha segnato un +0,8%…

 

Continua a leggere su MyMarketing.Net!

articoli correlati

MEDIA

Lundari (AOL Italy): un 2017 all’insegna di mobile e video, openness e trasparenza

- # # # #

lundari aol

“Ripensiamo a quest’ultimo anno. Qual è stato l’evento che ha avuto il maggiore impatto sul nostro lavoro?”, si chiede  Christina Lundari, AOL Managing Director Italy (nella foto), e si rsponde: “Per alcuni di noi possono essere stati avvenimenti epocali quali la Brexit, o l’elezione del Presidente Trump o la morte di grandi artisti, da Bowie a Cohen. Per altri, invece, sono stati i cambiamenti che si sono manifestati nel nostro settore”.
E qui inizia un’analisi predittiva che mostra la sua vision per l’anno a venire.

All’inizio del 2016 l’Ad Blocking sembrava il tema più caldo in ambito pubblicitario, sottolinea Lundari. Più di recente però ci sono state altre evoluzioni nel panorama dei media che hanno generato un flusso apparentemente senza fine di gare, a livello globale. Senza dimenticare la forte e sempre crescente preferenza da parte dei consumatori per tutto ciò che è mobile e video. Il cambiamento avviene continuamente, e spesso crea scompiglio. A volte il cambiamento è sfidante. Ogni volta però è un’occasione per (ri)pensare al nostro ruolo, alla nostra organizzazione e al nostro modello di business. “Detto ciò, queste sono le aree in cui prevedo che le cose possano cambiare nel 2017. Anche se, dopo un anno come quello appena trascorso, c’è la possibilità che fra dodici mesi potremmo ritrovarci con un quadro completamente diverso…”

Il Mobile non smetterà di crescere
Il Mobile continuerà a crescere e sempre più rapidamente. Le stime di eMarketer mostrano che nel 2017 il numero di utenti smartphone (53,1%) supererà per la prima volta il numero di utenti di telefonia mobile tradizionale. Con un numero di connessioni al mondo vicino agli 8 miliardi, secondo la GSMA, e con gli smartphone pronti a dominare, i responsabili marketing e gli editori non potranno esimersi dall’aumentare i propri investimenti in quest’area nei prossimi 12 mesi.
In questo scenario, dobbiamo anche tenere in considerazione che l’originaria funzione telefono nel mondo smartphone sta diventando sempre meno importante, essendo diventato anche uno schermo per l’entertainment, un dispositivo fotografico e un portafoglio – per citare solo alcune delle infinite modalità di impiego. Viste queste caratteristiche uniche del mobile, le opportunità più interessanti che vediamo sono la progressiva affermazione di nuovi formati pubblicitari – in particolare i formati 360°, la realtà virtuale (VR) e la realtà aumentata (AR) e i video live, che avranno una rapida diffusione non appena entreremo nell’era 5G – e, conseguentemente, i marketer dovranno studiare come raggiungere gli utenti in mobilità nei modi più diversi, sofisticati e integrati possibili.

Il video continua a dominare
La crescita dei video, e il video in ambito mobile in particolare, nel corso degli ultimi due anni è stata esponenziale. Il Visual Networking Index di Cisco (VNI) 2016 prevede che, avendo già superato il 50% l’anno scorso, entro il 2020 tre quarti del traffico dati mobile al mondo saranno imputabili al Video. Il prossimo anno la crescita è destinata ad aumentare di nuovo con un’impennata addirittura di 11 volte.
Questa crescita è guidata dal fatto che la vista, il suono e il movimento rimangono uno dei modi più coinvolgenti per raggiungere i consumatori tramite qualsiasi dispositivo. I video e il mobile domineranno man mano il mondo dei media, nel 2017 e per molti anni a venire. I consumatori stessi saranno i primi utilizzatori delle nuove tecnologie video – insieme alle già citate 360°, VR, AR e ai video live – e noi marketer dovremo pensare a modi completamente nuovi per riuscire a coinvolgerli in maniera efficace nel prossimo anno.

Il potere agli editori
In passato, la maggior parte delle piattaforme tecnologiche nell’ecosistema del Digital Advertising sono state sviluppate pensando prima di tutto agli advertiser. Tuttavia, nel 2016, abbiamo visto emergere nuovi potenti tool per gli editori, i quali hanno a disposizione piattaforme tecnologiche più flessibili, formati maggiormente orientati al consumatore e funzionalità di targeting avanzate. Questo li ha aiutati a far evolvere la loro offerta oltre le semplici campagne a performance, potendo ora rispondere a tutti i KPI richiesti dagli inserzionisti.
L’Header Bidding e il Price Floor Optimisation (PFO) automatizzato sono solo un paio tra le soluzioni a disposizione degli editori. Entrambi sono diventati più diffusi negli ultimi 12-18 mesi, aiutando gli editori ad aumentare i propri ricavi attraverso il Programmatic.
In passato c’era una certa esitazione ad utilizzare questi strumenti. Oggi, tuttavia, le cose sono cambiate in quanto gli editori possono assicurarsi il miglior prezzo per impression in tempo reale. Inoltre, dato che i contenuti degli editori spesso vengono fruiti tramite altri canali oltre ai siti proprietari, le piattaforme tecnologiche diventeranno sempre più importanti per gli editori, in quanto miglioreranno ulteriormente i ricavi generati dai contenuti anche al di fuori dalle proprie properties.

Il consolidamento dei dati
Nel 2016, abbiamo visto brand ed editori attivarsi per migliorare i punti di contatto col consumatore creando creatività di qualità e contenuti in cui il pubblico trovasse un vero valore: personalizzati e pertinenti. Questo è avvenuto in parte perché i consumatori sono sempre più in movimento e se i marketer vogliono coinvolgerli in maniera efficace devono raggiungerli lì dove sono, offrendo loro esperienze pubblicitarie uniche.
Questo è un trend che continuerà a crescere poiché i creativi, per tenere il passo con la direzione che sta prendendo il settore, stanno velocemente adottando i dati come fondamento e guida, usandoli per sviluppare creatività che siano sempre più allineate con quello che il pubblico cerca nei contenuti, e stanno sfruttando la tecnologia per creare esperienze personalizzate. Le innovazioni tecnologiche daranno, quindi, una forma diversa ai video, il progresso nel mobile aprirà nuovi touch point sempre più personalizzati, e sarà l’enfasi sul consumatore a segnare il futuro del settore.

Responsabilità & Trasparenza
Il management è sempre più esigente nella valutazione degli investimenti e i Chief Marketing Officer sono sotto pressione per fornire un ROI misurabile. L’aumento della tecnologia nell’advertising ha creato sia nuovi rischi – come frodi, bot, ecc. – ma ha al tempo stesso dato l’opportunità agli inserzionisti di ottenere informazioni utili per guidare i loro investimenti.
Al fine di rispondere a queste esigenze, i CMO hanno bisogno di avere la certezza che gli investimenti non vadano sprecati a causa di truffe e possano essere efficacemente valutati attraverso i diversi canali. Di conseguenza, i media e i fornitori di tecnologia devono mettere i brand e le agenzie nelle condizioni di utilizzare i propri fornitori di fiducia per misurare il ROI, e non chiuderli in un “walled garden”. Aspettiamoci di assistere ad una forte spinta del settore verso rapporti di lavoro trasparenti e aperti dove i vari player siano più responsabili e garantiscano una maggiore trasparenza.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Nasce #ItalianHiddenBeauties, la staffetta fotografica di Sony che celebra le bellezze italiane

- # # # #

Sony organizza una staffetta fotografica

Per far conoscere e valorizzare le bellezze nascoste d’Italia, Sony promuove #ItalianHiddenBeauties, una vera e propria staffetta fotografica che avrà come “testimone” lo “zaino del perfetto fotografo”, un kit con fotocamere e ottiche top di gamma del brand. Il progetto attraverserà l’Italia grazie all’aiuto di alcuni fotografi che posteranno le foto delle proprie città e regioni su Instagram. Gli scatti realizzati saranno condivisi sui social con gli hashtag #ItalianHiddenBeauties e #Alphalovers per generare un flusso continuo di immagini, una photogallery creativa di scorci di metropoli, paesaggi e strade. Per poter cogliere ogni sfumatura e dettaglio le macchine fotografiche che Sony ha scelto saranno: la α7R II e la α7S II, due ottiche della nuova linea G Master,  la SEL2470 f/2.8,  la SEL85 f/1.4, e il SEL50F14 Zeiss.

“Abbiamo voluto dedicare questo progetto ai professionisti e appassionati di fotografia che vogliono contribuire a valorizzare e promuovere il nostro territorio. Per questo abbiamo deciso di mettere a disposizione i nostri prodotti migliori, così da permettere loro di liberare la creatività e immortalare al meglio luoghi e situazioni. Lo zaino di Sony viaggerà per il Paese a supporto dello spirito artistico dei partecipanti”, commenta Stéphane Labrousse, Country Head di Sony in Italia. “Desideriamo offrire un’esperienza memorabile e di valore, continuando a sostenere la forza della fotografia come linguaggio contemporaneo importante e universale, così come facciamo con iniziative quali Sony World Photography Awards, la cui mostra abbiamo portato per la prima volta anche in Italia e il cui scopo è quello di rivelare e sostenere i talenti della fotografia a livello internazionale”.

articoli correlati

MEDIA

Facchinetti testimonial dei “buoni propositi” di AXA Italia

- # # # # #

axa facchinetti

AXA Italia aiuta i propri clienti a realizzare i loro buoni propositi: sia che si tratti di un corso di lingua o di cucina, oppure di un abbonamento in palestra o di una piccola ristrutturazione in casa, grazie al concorso “Realizziamo Buoni Propositi” sarà possibile vincere un voucher dal valore massimo di 3.000 euro per concretizzare i propri desideri.

Fino al 27 novembre, infatti, a fronte dell’acquisto di uno dei prodotti assicurativi di protezione o investimento in concorso, ogni cliente riceverà una cartolina con il codice promo da utilizzare sull’apposito sito oppure tramite SMS, e ogni settimana verrà estratto almeno un vincitore.

Testimonial d’eccezione della campagna è Francesco Facchinetti, che è stato protagonista di una “candid camera” diventata un video virale sul web. Attraverso un totem interattivo installato presso la sede AXA di Milano in Corso Como, Facchinetti ha invitato i passanti a realizzare in quel momento esatto il loro “buon proposito”: una simpatica gag con tanto di “happy ending” in cui i partecipanti hanno potuto conoscere dal vivo il testimonial, nascosto dietro il totem.
Il video viral e i dettagli del concorso sono disponibili sul sito axabuonipropositi.it e sulle pagine web e social di AXA Italia.

articoli correlati

AGENZIE

Arm&Hammer affida a Adv Activa il piano media per il suo lancio in Italia

- # # # # #

Arm&Hammer, Adv Activia cura il piano media del lancio in Italia

Partirà a novembre 2016, sui principali periodici del nostro paese, la campagna stampa di Arm&Hammer, la famosa linea di dentifrici made in USA distribuita in Italia da Ibsa Bouty. La campagna, che verrà veicolata da riviste come Gente, Gioia, Benessere, Grazia, For Men, F e Donna Moderna, durerà fino ad agosto 2017: ad occuparsi della pianificazione media è stata l’agenzia milanese Adv Activa, guidata da Maurizio Matarazzo e Paolo Pedroni.
Per il lancio sul mercato italiano di Arm&Hammer, marchio che può vantare una delle più alte brand awareness nel campo dei prodotti di largo consumo USA, Ibsa Bouty ha messo a disposizione un investimento importante per il piano media, puntando sulle due caratteristiche che hanno contribuito al successo del prodotto in ambito statunitense e inglese: la sensazione di pulito a lunga durata e il potere sbiancante del bicarbonato di sodio. I dentifrici Arm&Hammer, infatti, vantano una speciale formulazione a base di liquid calcium, baking soda, ricavata dai depositi minerali dei laghi salati del Wyoming, e micro-particelle pulenti: dedicati a un target giovane e di status elevato, attento al benessere e alle nuove tendenze, saranno disponibili nei negozi specializzati e nella rete della GDO. La campagna curata da Adv Activa sarà on air fino all’agosto dell’anno prossimo sui principali periodici italiani.

articoli correlati

AZIENDE

IAB Italia: iscrizioni aperte per il Seminar Video Advertising

- # # # #

seminar

IAB Italia apre le iscrizioni per il Seminar Video Advertising: tra storytelling, creatività e innovazione, ultimo seminar previsto per il 2016, in programma il 18 ottobre presso il MiCo – Milano Congressi Ala Nord (Gate 14 – Via Gattamelata 5) a partire dalle 9.30, con un programma particolarmente interessante e ricco di interventi e workshop, che si snoderà nell’arco di tutta la giornata.
Storytelling, creatività e innovazione sono le macro-aree che guideranno la giornata, con approfondimenti su temi quali mobile cross-screen, pianificazione strategica dell’audience, inventory, big data, strategie di monetizzazione e misurazione, storytelling e branded content, innovazione ed evoluzione delle piattaforme, viewability, programmatic video e tv, creatività e formati attraverso interventi di ospiti nazionali e internazionali e case history.

IAB Europe presenterà in anteprima i risultati della recente ricerca “Attitudes Towards Digital Video Advertising”, che indaga le modalità con le quali gli operatori stanno adottando il video advertising.
Tra gli ospiti ci saranno alcuni degli interpreti di spicco del “mondo video”: da Federico Clapis a Il Pancio, da The Jackal ai protagonisti del mercato. Moderatore della giornata, come di consueto, sarà Marco Montemagno.
Il giorno dell’evento sarà possibile seguire IAB Seminar commentando su Twitter attraverso l’hashtag dedicato #iabvideo16.

Informazioni e iscrizioni qui.

articoli correlati

AZIENDE

Mark Zuckerberg per la prima volta in Italia: il discorso all’Università Luiss di Roma

- # # # #

Mark Zuckerberg alla Luiss di Roma

La fitta agenda di Mark Zuckerberg rispecchia ormai pienamente il peso specifico raggiunto dal social in blu: le tappe del viaggio italiano dell‘uomo con un miliardo di amici riflettono a tutti gli effetti quelli di un capo di stato estero, passato a trovare nientemeno che il Papa e il presidente del consiglio italiano. Durante la TownHall che si è tenuta presso l’Università Luiss di Roma, un discorso tenuto agli studenti di uno dei più importanti atenei della capitale, Mark Zuckerberg si è concentrato su alcuni argomenti specifici, a partire da quello più importante, il terremoto che ha colpito il centro Italia, per passare all‘imprenditorialità e al mondo del web.

1. Il terremoto che ha colpito l‘Italia Centrale lo scorso 24 agosto
Mark Zuckerberg ha voluto dimostrare la sua vicinanza e il suo affetto nei confronti di tutti coloro che sono stati colpiti dal Terremoto: “I nostri cuori vanno a tutte le persone che hanno perso case o persone care. Non riesco a immaginare che cosa significhi avere la propria vita sconvolta in un istante”…

 

Continua a leggere su MyMarketing.Net!

articoli correlati

AZIENDE

Nielsen lancia oggi in Europa Nielsen Marketing Cloud. In Italia nei prossimi mesi

- # # # # #

nielsen marketing cloud

Nielsen lancia oggi in Europa Nielsen Marketing Cloud, per supportare i clienti regionali e globali a migliorare i risultati di marketing e a ottimizzare l’utilizzo delle risorse tra le diverse piattaforme. Già disponibile nel Regno Unito e in Francia, NMC sarà lanciato in Italia, Germania e Spagna nei prossimi mesi.

Nielsen Marketing Cloud è uno strumento che fornisce ai clienti europei approfondimenti esclusivi sulla client base, attraverso dati demografici e insight sui comportamenti e sulle intenzioni di acquisto. È possibile utilizzare queste funzionalità per costruire segmenti di audience, attivandoli in tempo reale su tutte le principali piattaforme media e marketing, compresi sistemi mobile, online, over-the-top TV, video, social media, email e content management. Nielsen Marketing Cloud integra, infatti, in un’unica piattaforma i dati di consumo e di fruizione dei media con i migliori sistemi di analisi e le più avanzate soluzioni di marketing activation.

Inoltre, Nielsen Marketing Cloud dispone di uno dei più grandi grafici di previsione sui dispositivi a livello globale, che copre oltre 6 miliardi di dispositivi, consentendo ai clienti regionali e globali di sviluppare un’unica visione omnichannel dei loro clienti. Tutto ciò rende possibile un marketing multi-canale più rilevante e tempestivo e miglioramenti significativi nel ROI delle iniziative di marketing.

I clienti europei hanno accesso alla suite principale delle applicazioni di Nielsen Marketing Cloud, che include la piattaforma della gestione dati di Nielsen (Nielsen Data Management Platform, DMP), Data-as-a-Service (DaaS), nonché integrazioni con oltre 150 piattaforme media di terze parti e applicazioni di marketing. Ulteriori applicazioni Nielsen e di terze parti, compreso Nielsen Media Impact per la pianificazione dei media tra piattaforme e soluzioni di sales effectiveness, saranno disponibili nei prossimi mesi.

Nielsen Marketing Cloud è attualmente usata da clienti Nielsen in tutto il mondo in diversi settori, compreso il settore alimentare, cura della persona, animali domestici, alcolici, digital media, cinema, broadcast, out-of-home e vendita al dettaglio.

articoli correlati

AZIENDE

Zalando Privé sbarca in Italia

- # # # # #

zalando privé

Arriva anche in Italia Zalando Privé, il sito di vendite private di Zalando. Grazie al nuovo servizio i clienti italiani potranno accedere a campagne caratterizzate da sconti fino al 75% su oltre 2.500 brand. La gamma di prodotti disponibile su Zalando Privé include scarpe, abbigliamento e accessori per uomo, donna e bambino, abbigliamento e attrezzature sportive, intimo, articoli per la casa e gioielleria. Ogni giorno saranno disponibili fino a 6 nuove campagne, ciascuna con una durata limitata nel tempo e valida fino a esaurimento scorte. I clienti potranno accedere alle offerte sia attraverso il sito www.zalando-prive.it, di cui è già disponibile una versione ottimizzata per dispositivi mobile, sia con l’app ufficiale per iOS che seguirà a breve. Per il lancio sul mercato italiano, come già avviene per Zalando.it, è stata introdotta la possibilità di pagamento alla consegna.

“I clienti italiani conoscono bene Zalando.it e amano l’eccezionale assortimento di prodotti in-season. Ora, con l’aggiunta di Zalando Privé, rafforziamo l’offerta per l’Italia proponendo prezzi fortemente ridotti su un catalogo rinnovato quotidianamente, continuando al contempo a focalizzare l’offerta sui migliori brand fashion”, spiega Aldo Costagliola, Regional Leader Italia, Francia e Belgio di Zalando Privé. “Differenziare l’offerta ci permette di avere un focus più distinto su ciascuno dei due shop, e con Zalando Privé saremo in grado di rispondere ancora meglio alle necessità dei clienti più attenti al prezzo”.

Lo servizio analogo, sebbene con il nome di Zalando Lounge, è già disponibile in altri mercati -Germania, Austria, Francia, Paesi Bassi, Belgio, Finlandia, Danimarca, Svezia, Regno Unito e Svizzera -e conta già oltre 8 milioni di utenti registrati.

L’integrazione dell’offerta di Zalando Privé va inquadrata all’interno della strategia Zalando, volta ad ampliare la gamma dei prodotti e dei servizi per rispondere a esigenze fashion di carattere distinto.

“Il lancio di Zalando Privé si colloca perfettamente nella nostra strategia -vogliamo portare sul mercato soluzioni diverse per esigenze diverse. L’offerta va a completare quella di Zalando.it e ci consentirà di rispondere ancora meglio ai desideri dei clienti italiani”, ha commentato Giuseppe Tamola, Country Manager Italia e Spagna per Zalando. “Si tratta inoltre di un modello di business che, come osserviamo in altri mercati, si adatta perfettamente all’uso da mobile. Considerata l’alta affinità dei clienti italiani con il mobile, siamo sicuri che il riscontro sarà positivo”.

articoli correlati

MEDIA

Rai Pubblicità presenta l’offerta commerciale per i primi due eventi di questa estate “azzurra”

- # # # # # #

Rai Pubblicità espone la sua offerta commerciale per i primi due programmi dell'estate 'azzurra'

Il 29 maggio allo Stadio Ta’Qali di Malta la Nazionale italiana sfiderà la Scozia, mentre il 31 maggio sarà la protagonista assoluta di “Sogno Azzurro”, un eccezionale evento organizzato da Rai e Figc. Due appuntamenti importantissimi per i nostri Azzurri a cui Rai Pubblicità dedica un’offerta commerciale esclusiva.
La partita Italia–Scozia è il penultimo test amichevole per la squadra di Antonio Conte prima dell’attesissima partenza per UEFA Euro 2016. Un incontro che permetterà al ct della Nazionale di valutare lo stato fisico e mentale dei giocatori in vista del torneo calcistico più significativo d’Europa e che i tifosi potranno seguire in diretta su Rai1.
Martedì 31 maggio, in diretta esclusiva su Rai1, la Nazionale sarà, invece, protagonista della serata “Sogno Azzurro”. Un “in bocca al lupo” speciale prima dell’avventura europea che, oltre ai ragazzi che indosseranno la maglia azzurra ai prossimi Europei di calcio di Francia, coinvolgerà anche i Campioni del Mondo 2006, 10 anni dopo la memorabile vittoria di Berlino.
Un opening spettacolare anticiperà l’arrivo trionfale degli Azzurri che sfileranno sul red carpet allestito all’ingresso dell’Auditorium Rai dell’Olimpico. Ad accoglierli in studio la conduttrice televisiva Antonella Clerici insieme a tantissimi artisti della musica nazionale ed internazionale. Un momento emozionate tra musica, show e sport che accompagnerà la Nazionale italiana al “gate” per Montpellier, sede del ritiro durante il torneo.
Rai Pubblicità affianca queste eccezionali proposte dell’editore con un’offerta commerciale ad hoc per ogni avvenimento, garantendo agli investitori un presidio totale e la possibilità di raggiungere il proprio target di riferimento ovunque si trovi.
Per la partita Italia – Scozia gli sponsor, infatti, possono pianificare su tutte le piattaforme TV, Radio e Digital grazie alla proposta crossmediale della concessionaria. Sul fronte televisivo oltre alla tabellare, sono disponibili anche box break, advideo, inspot, telepromozioni e billboard, mentre la copertura radiofonica è assicurata da Rai Radio1 che seguirà ogni attimo del match. Ampio spazio anche nel mondo digital di Rai con diretta in simulcast, instant replay, video on demand e fotogallery visibili sui siti www.rai.tv e www.raisport.rai.it o sulle rispettive App di Rai.tv o Raisport.
Anche per la serata evento “Sogno Azzurro” la concessionaria propone una pianificazione televisiva completa e in grado di rispondere a qualsiasi esigenza degli investitori. Spot da 15” e iniziative speciali come channel box, advideo, invito all’ascolto e billboard sono le molteplici opportunità messe a disposizione.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Panasonic, un gesto d’amore per il Colosseo per i 150 anni di relazioni tra Italia e Giappone

- # # # # # #

Panasonic illumina d'amore il Colosseo

Per celebrare i 150 anni di relazioni diplomatiche tra Italia e Giappone, iniziate con il trattato di Amicizia e Commercio stipulato nel 1866, Panasonic ha deciso di lanciare nel bel paese diverse manifestazioni “d’affetto”. Tra i molti eventi simbolici in programma, uno dei più importanti vede il Colosseo protagonista dall’11 al 13 maggio 2016 di un affascinante videomapping, realizzato tramite tecnologie del brand, dal tema “Amore per l’Umanità, Amore per la Terra”.

Grazie alle light designer Motoko e Lisa Akari Ishii, e con il contributo tecnologico di aziende quali Panasonic, il Colosseo si fa simbolo di questo legame e cornice d’eccezione per trasmettere universalmente il messaggio di amicizia, pace e amore per l’umanità e l’ambiente.

Nove proiettori professionali compatti PT DZ21K2 di Panasonic da 20.000 ANSI Lumen danno corpo all’essenziale messaggio, regalando un gioco di luci dinamico intorno alla parola “amore”, che viene proiettata in tutte le lingue del mondo come a comporre una scintillante costellazione. I proiettori PT DZ21K2 assicurano una straordinaria qualità e fluidità delle immagini in movimento, che alternano alla parola amore scene oniriche e pitture a inchiostro ispirate dalla tradizione giapponese.

La prima proiezione, realizzata mercoledì 11 maggio alle 20.40 alla presenza della famiglia imperiale giapponese, ha visto illuminato l’Anfiteatro Flavio con immagini proiettate sulle note di una serie di brani, che fondevano tradizioni musicali italiane e giapponesi. Lo spettacolo verrà replicato il 12 e  il 13 maggio con proiezioni ripetute ogni 10 minuti, dalle ore 20:30 alle ore 23:00.

articoli correlati

MEDIA

WebAds venderà l’inventory di MailOnline in Italia, Paesi Bassi e Spagna

- # # # # # #

webads mailonline

MailOnline, il più grande sito di news in lingua inglese al mondo, con 235 milioni di browser globali unici al mese, ha annunciato di aver scelto WebAds Europe per la vendita della propria inventory in Italia, nei Paesi Bassi e in Spagna.
MailOnline è il leader globale per le breaking news, indagini, spettacolo, politica, viaggi e salute. Raggiunge più di 5,8 milioni di visitatori unici nei tre Paesi ogni mese, sviluppando oltre 50 milioni di impressions al mese tra Italia, Olanda e Spagna.

“Con oltre 5,8 milioni di visitatori unici al mese tra Italia, Paesi Bassi e Spagna, questi Paesi sono molto importanti per MailOnline”, spiega James Leaver, International General Manager di MailOnline. “Confidiamo che WebAds Europe sia il collegamento tra i maggiori inserzionisti in Europa e i lettori altamente ingaggiati e di valore di MailOnline. ”

“Siamo molto soddisfatti dellìingresso di MailOnline nel nostro network”, conclude Xavier Schijffelen, Managing Director di WebAds Europe, “e lieti di poter offrire tutti i più conosciuti formati video e display sia su desktop che su mobile”.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Rovagnati lancia il ‘Giro del buon gusto’, un viaggio alla scoperta delle bontà regionali

- # # # # #

Rovagnati giro del buon gusto

Parte il “Giro del Buon Gusto” di Rovagnati, un viaggio alla scoperta delle bontà regionali. Da marzo a dicembre ogni mese sarà dedicato a un salume della tradizione italiana, dal Prosciutto crudo dell’Alto Lazio alla Porchetta di Ariccia, dal Capocollo calabrese allo Speck Altoatesino.

Il “Giro del Buon Gusto” coinvolgerà centinaia di salumerie, gastronomie e decine di migliaia di consumatori che avranno la possibilità di assaggiare la bontà di tutti i prodotti tipici.
I clienti, inoltre, riceveranno una cartolina da collezionare con le ricette del prodotto del mese e anellini di plastica che potranno essere utilizzati come raccoglitori per le cartoline stesse.

L’iniziativa nasce da una recente ricerca dell’azienda che ha evidenziato la grande attenzione dei consumatori italiani verso le specialità gastronomiche locali. Degli italiani che vanno in vacanza, ben il 47%, porta a casa un prodotto alimentare, per continuare ad assaporare il gusto caratteristico del luogo anche dopo averlo visitato.
ROVAGNATI, di ciascuna specialità regionale, ne racconta l’origine, la storia, il particolare processo produttivo, oltre a curiosità, consigli su come degustarlo al meglio e naturalmente una ricetta tipica.

I negozi e i punti vendita aderenti all’iniziativa verranno brandizzati con i materiali promozionali de “Il Giro del Buon Gusto”, tra cui una locandina mensile con l’immagine del salume del mese e sul retro la storia del prodotto e un totem permanente con tasca porta cardRicette.
Per i punti vendita, ROVAGNATI ha previsto una grande iniziativa. Ai negozianti aderenti sarà richiesto di scattare una foto al proprio punto vendita con i materiali di comunicazione dell’iniziativa. Tutti gli scatti saranno postati nella sezione “Il Giro del Buon Gusto” del blog Rovagnati e sui canali social dove i consumatori potranno scoprire i punti vendita più vicini per gustare queste eccellenze.

Anche i consumatori saranno coinvolti attivamente nel “Giro del Buon Gusto”, grazie a un divertente concorso a premi: “Creare il Buon Gusto ti premia!”. Chiunque vorrà potrà postare sulla pagina Facebook di ROVAGNATI una ricetta con il salume tipico del mese accompagnato da una foto e dall’hashtag #girodelbuongusto. Per tutti coloro che parteciperanno ci sarà la possibilità di diventare protagonisti della pagina ufficiale ROVAGNATI e ricevere un omaggio super gustoso: tanti buoni sconto per continuare a gustare i buonissimi prodotti Rovagnati!

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Starbucks apre anche in Italia, “con umiltà e rispetto”

- # # # # #

Starbucks sbarca in Italia

La notizia che molti italiani aspettavano da un po’ è finalmente giunta: Starbucks conferma il suo sbarco in Italia attraverso un comunicato, in cui annuncia di aver trovato l’accordo per l’apertura del primo punto vendita nel nostro paese. Percassi, scelto come licenziatario del colosso in Italia, sarà proprietario e gestore dei locali; la prima apertura è prevista a Milano all’inizio del 2017.

Proprio a Milano, trentatrè anni fa, sembra nascere, secondo quanto raccontato dal presidente e CEO di Starbucks Howard Schultz, il famoso colosso americano. Nel lontano 1983 Schultz fece il suo primo viaggio d’affari a Milano e a Verona; un viaggio che cambiò la sua vita per sempre. L’idea di Schultz di dar vita a Starbucks cominciò a mettere radici qui, ispirato dalla maestria dei baristi milanesi, dallo spirito del popolo italiano, affascinato dalla loro cortesia e cordialità, oltre che dal gusto per la qualità.

“La storia di Starbucks è strettamente legata alla tradizione italiana del perfetto caffè espresso. Tutto quello che abbiamo realizzato si basa sulle meravigliose esperienze che molti di noi hanno vissuto in Italia, e da 45 anni la nostra aspirazione è stata quella di agire da depositari rispettosi della tradizione italia” ha dichiarato Schultz. “Ora intendiamo provare, con umiltà e rispetto, a condividere quanto abbiamo fatto e imparato aprendo il nostro primo store in Italia. Il primo Starbucks italiano verrà progettato con una scrupolosa attenzione ai dettagli e con un grande rispetto per gli italiani e la cultura del caffè. Mi auguro che i nostri partner possano sentirsi orgogliosi a tal punto che, ogni volta che vedranno uno store o ne varcheranno la porta, penseranno di aver fatto la cosa giusta”.
In collaborazione con Percassi, partner scelto per l’Italia, Starbucks intende aprire i suoi locali in tutto il Paese, iniziando da Milano. Percassi, licenziatario unico per l’Italia, è un’azienda italiana con un comprovato track record nella gestione di partnership con brand di grande successo in tutta Italia. Percassi condivide i valori di Starbucks e la sua passione per la storia e l’eredità culturale italiana e saprà combinare l’expertise locale con la dimostrata capacità di trasformare ogni singolo locale in un’esperienza unica e molto emozionante per tanti nuovi clienti italiani. Starbucks prevede di aprire il primo locale in Italia a Milano nei primi mesi del 2017. “Siamo consapevoli di affrontare una sfida unica, portando Starbucks in Italia, il paese del caffè per eccellenza e confidiamo che gli Italiani siano pronti per vivere appieno l’esperienza del brand Starbucks, come avviene in molti altri mercati”, ha dichiarato Antonio Percassi, Presidente della business company Percassi.

articoli correlati