BRAND STRATEGY

Alfasigma al fianco delle donne in gravidanza con Biochetasi. Pianifica Initiative

- # # # # #

biochetasi

In gravidanza il corpo di una donna cambia repentinamente e soprattutto nei primi mesi possono insorgere piccoli fastidi all’apparato gastrointestinale che spesso risente per primo di questi cambiamenti. Biochetasi, farmaco granulato effervescente ad azione antiacidosa e disintossicante, prodotto da Alfasigma, è on air con uno specifico flight dedicato alle donne in stato interessante. Il centro media di riferimento di Alfasigma è Initiative, network di comunicazione globale del gruppo IPG Mediabrands.

Si tratta di una campagna 100% digital che ha come obiettivo quello di creare awareness sul prodotto e innescare un meccanismo di education per informare meglio il target su usi e potenzialità del farmaco in gravidanza. Biochetasi granulato effervescente è un prodotto in grado di alleviare anche i disturbi gastrici delle donne incinte, è gradevole, si scioglie facilmente in acqua e contiene principi attivi non dannosi né per loro stesse né per il bambino per cui è una soluzione che può accompagnare le future mamme in tutto il corso della gravidanza. Il piano media comprende attività display legate ad un progetto speciale, per comunicare i benefit del prodotto attraverso contenuti editoriali ad hoc, supportato poi da una campagna media in programmatic con Cadreon, l’ad tech unit di IPG Mediabrands.

I punti di forza della campagna sono quindi una targetizzazione specifica che si basa su una preliminare analisi delle donne in gravidanza e un progetto speciale con formati native e publiredazionali. La campagna Biochetasi per le donne in gravidanza si affianca ad altri flight su un target più ampio prevedendo campagne digital di videocomunicazione. La campagna pubblicitaria è attiva a partire dal mese di ottobre.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Initiative e Converse celebrano le Chuck Taylor nella campagna All The Stories Are True

- # # # # #

Initiative - Converse

Converse è uno dei produttori di sneaker più iconici e longevi al mondo. Nel corso degli anni i suoi prodotti sono stati un punto di riferimento per gli appassionati di pallacanestro, per le comunità di skaters e per un pubblico più vasto legato allo streetwear.

Initiative e Converse hanno sviluppato insieme la campagna All The Stories Are True che celebra le Chuck Taylor, testimoni di un sacco di avvenimenti, e le storie autentiche di chi le indossa.

Al fine di mostrare lo stile iconico delle Chuck Taylor e di mettere in luce le loro vibrazioni underground, è attiva una campagna multimediale che coinvolge digital, partnernship e OOH.

Le attività digitali includono diversi formati su Spotify e Shazam per dominare il territorio musicale e avvicinarsi a un pubblico più giovane impegnato in una delle sue più grandi passioni. Il coinvolgimento di Cadreon, l’AD tech unit di IPG Mediabrands, specializzata nel programmatic, sta dando la possibilità di fornire formati avvincenti e di impatto al target specifico, interessato allo streetwear e al lifestyle, una campagna Facebook, partnership editoriali digitali di rilievo per un target giovane e trendy, e altri posizionamenti digital premium.

Se le attività digitali mirano a coprire l’intero territorio nazionale, la campagna OOH si è concentrata, invece, solo su Milano, la città più alla moda e di tendenza del paese. Per due settimane FSU digitali hanno coperto l’intera città insieme a un imponente maxisite in Via Torino, una delle strade più popolari nel cuore della città.

articoli correlati

NUMBER

Magna (IPG Mediabrands): i ricavi pubblicitari globali cresceranno del 4% nel 2018

- # # #

magna

Magna, la unit di intelligence appartenente al gruppo IPG Mediabrands, analizza la situazione del settore advertising a livello globale e con particolare interesse per l’Italia, che evidenzia tre aspetti cruciali. Innazitutto la spesa pubblicitaria crescerà del +2,8 quest’anno, grazia alla stabilità dei mezzi tradizionali (con un -0,5%), mentre il comparto Digital crescerà di circa il 10%. Elemento di incertezza, invece, la lenta crescita economica e l’incertezza politica che potrebbero essere fattori di rallentamento alla dinamica del mercato pubblicitario: previsto un +1,2% per il 2019.

Fatto salvo quest’ultimo punto, tuttavia, i dati sono più ottimistici degli analoghi resi noti nella medesima giornata da Zenith: non resta che attendere qualche mese per verificarne l’attendibilità…

In Italia, comunque, la 2017 la spesa pubblicitaria è cresciuta del + 2,2% attestandosi su un valore complessivo di circa 8,1 miliardi di euro, in rallentamento rispetto all’anno precedente (+4,7%); ciò è dovuto principalmente al calo del comparto dei mezzi tradizionali (-2% rispetto al +3% dell’anno precedente) mentre è cresciuto l’ambito digitale (+12% rispetto al +9% dell’anno precedente).
Il mezzo TV ha registrato la frenata più importante con un calo dell’1,6% dopo la crescita del 5% dell’anno precedente; rimane comunque il mezzo più rilevante in Italia con una quota share del 46% a fine 2017 seguito da Internet con il 33%. Gli investimenti stampa hanno subito un ulteriore calo pari al 7,5%; in leggera flessione il comparto OOH. Buone le performance del mezzo radio che ha registrato una crescita del 5% grazie agli investimenti consistenti di settori quali automotive, retail e arredamento.
Internet è cresciuto del 12% e raggiunge i 2,6 miliardi di euro. Gli ambiti più dinamici sono stati i social media e il mobile (+ 35%) e, in misura minore, search e video (+12%); in calo la display.

Guardando al 2018-2019, la lenta crescita economica e il clima di incertezza politica potrebbero essere fattori di rallentamento in termini di fiducia dei consumatori e degli investitori. Nell’aggiornamento di aprile 2018 (prima della formazione del nuovo governo), il FMI prevedeva una crescita del PIL reale dell’1,5% quest’anno e del +1,1% l’anno prossimo, ovvero un punto al di sotto delle previsioni per la zona euro (+2,4 % nel 2018, + 2,0% nel 2019).
Magna prevede nel 2018 una crescita degli investimenti digital del + 9,6% che compenserà il calo dei mezzi tradizionali (-0,5%) andando a generare una crescita complessiva del + 2,8%.
L’assenza della nazionale Italiana di calcio dal torneo di Coppa del Mondo FIFA frenerà in parte la crescita degli investimenti legata ai grandi eventi sportivi: per la TV si prevede una crescita del +1%.
La stampa sarà ancora in calo di circa un -8%, mente cresceranno gli investimenti di OOH e radio. La crescita del mezzo OOH è limitata dal calo degli investimenti nel comparto poster. In crescita il DOOH soprattutto in ambienti “indoor”: lo sviluppo del comparto digital out of home all’esterno è subordinato alle regolamentazioni comunali, ad oggi ancora restrittive.

articoli correlati

AZIENDE

Mobile e Intelligenza Artificiale, i pro e contro nel focus di IPG Mediabrands

- # # #

mobile, intelligenza artificiale

di Giuseppe Caiazza, CEO IPG Mediabrands/McCann Worldgroup Italia

 

Barcellona, Mobile World Congress 2018. Mi trovo davanti a uno schermo su cui è proiettato un video di otto anni fa (febbraio 2010): parla Eric Schimdt (allora amministratore delegato di Google) e quello che dice è: “Tra qualche anno sarà tutto mobile”. In otto anni non solo questa “premonizione” è diventata realtà, ma ci sembra anche scontato che sia così. Ve lo immaginate un mondo in cui non si possa fare un acquisto dal nostro telefonino? O in cui se vi viene fame, ma è domenica e non avete voglia di uscire, non possiate ordinare un pasto da una delle tante piattaforme di food delivery? O, anche più semplicemente, immaginatevi di dover raggiungere un posto che non conoscete e vi troviate senza connessione, niente Google Maps, niente rete per fare una telefonata… Cosa fareste?

Cosa faremmo, oggi, senza la tecnologia mobile? E come è potuto accadere tutto così velocemente? Sembra un’eternità che facciamo uso del mobile, ma non è così: sono fenomeni esponenziali, che accorciano i tempi impiegati per percorrere una stessa distanza. Ci sono voluti secoli per inventare la prima linea telefonica, rimasta pressoché uguale per circa un secolo, in 40 anni poi è successo di tutto: il primo telefono cellulare, il primo smartphone, le videochiamate, le app, l’intelligenza artificiale. Cinque i punti cardine di questo cambiamento, raccolti su Ipg Warehouse, la piattaforma che analizza ricerche ed approfondimenti legati a temi sociali e di attualità.

 

Più velocità, più opportunità

Nel giro di pochi anni sono comparse e diventate comuni cose che non avremmo saputo immaginare. Nel 2010 l’unico modo per fare una telefonata video era via Skype, oggi possiamo farlo da ogni app di messaggistica che usiamo normalmente per comunicare con amici e colleghi. Le app oggi ci conoscono più di quanto ci conosciamo noi stessi. Pensate a Spotify che vi suggerisce la musica che vi potrebbe piacere (e ha quasi sempre ragione). O ad Uber che è probabilmente in grado di stimare e ottimizzare gli spostamenti delle persone meglio del trasporto pubblico grazie proprio all’utilizzo dei dati.

O a Facebook, che sa molte più cose di noi stessi di quante noi stessi ne sappiamo (ci ricordiamo tutti i like che abbiamo messo a tutti i nostri amici)? Ci stiamo insomma spostando verso un’economia basata sui dati e sulla capacità di attivarli per offrire servizi, prodotti e comunicazione sempre più mirata alle esigenze del singolo individuo grazie ad applicazioni e piattaforme che diventano ecosistemi aperti che interagiscono tra di loro. Con la nuova tecnologia 5G che ne diventa il propulsore, permettendo la trasmissione dei dati e delle informazioni a velocità siderali.

 

Leggi l’articolo completo su MyMarketing.Net!

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Super Bowl, Olimpiadi, Mondiali di calcio e… Sanremo: quando l’evento è la pubblicità

- # # # #

Super Bowl

Ci sono appuntamenti fissi, in cui gli spot hanno un potere magico: non interrompono la storia, ma ne fanno parte. E tutti vogliono esserci.

“Solo in America le persone possono essere eccitate per gli adv come per la partita”. Stephen King, lo scorso 5 febbraio, su Twitter si esprimeva così. Si riferiva all’evento sportivo dell’anno in Usa, il Super Bowl, ma si sbagliava, almeno riguardo al fatto che questo avvenga solo in America. Secondo i dati di MAGNA, la unit di intelligence del gruppo IPG Mediabrands, si prevede una crescita del mercato pubblicitario globale del +5,2% nel 2018: un’accelerazione rispetto al 2017 che è legata soprattutto alla presenza di importanti eventi ciclici (Coppa del Mondo FIFA, Olimpiadi invernali, elezioni di metà mandato negli Stati Uniti). Questi eventi genereranno 5 miliardi di dollari di spesa pubblicitaria incrementale. La spesa totale in pubblicità raggiungerà i 535 miliardi di dollari nel 2018, 195 miliardi negli Usa, record di sempre.

L’emblema di questo fenomeno è il Super Bowl, l’ultima partita di campionato di National Football League (NFL) durante la quale, da tradizione, ciò che conta sono tre elementi: il risultato della partita, l’artista che intona l’inno e l’intermezzo dedicato alla pubblicità. Nel corso del 51esimo Super Bowl, che si è disputato il 5 febbraio 2017 a Houston, in Texas, a un quarto d’ora dalla fine gli Atlanta Falcons erano in vantaggio per 28 a 3, per poi perdere 28 a 34 contro i New England Patriots, protagonisti di una rimonta senza precedenti. Un esito eccezionale che non è bastato a oscurare l’halftime show, il mini concerto che si tiene nell’intervallo con la pubblicità a contorno, protagonista Lady Gaga. Show durante il quale le aziende fanno a gara per accaparrarsi uno spazio temporale per veicolare, insieme ai propri prodotti/servizi, anche messaggi sociali o politici – la parità dei generi, un rimando al muro di Trump, quest’anno persino censurato. E per farlo investono massicciamente – si parla di 5 milioni per 30 secondi – realizzando veri e propri cortometraggi diretti da registi di Hollywood (i fratelli Coen per Mercedes, sempre per restare all’ultima edizione) e interpretati da vere star (Lady Gaga per Tiffany, Justin Bieber per T-Mobile, Melissa McCarthy per Kia).

Il Super Bowl non è dunque solo uno degli eventi sportivi più importanti del mondo ma anche l’avvenimento pubblicitariamente più rilevante in assoluto. Nike, Volkswagen, Sony, Doritos, Apple, Coca Cola, Pepsi, Budweiser, solo per fare qualche nome: chi non compare e c’è sempre stato, si nota quasi quanto chi non ha mai avuto accesso a questo Olimpo. E chi produce questi spot che parlano alla parte emotiva del pubblico gode di vantaggi enormi, anche se non necessariamente tangibili nell’immediato, riuscendo a emergere dalla massa.

Succede in tutti gli eventi ricorrenti. Chi non ricorda lo spot emozionante di Procter & Gamble per le Olimpiadi 2016? Dedicato alle mamme e alla forza e alla fiducia che hanno saputo infondere nei loro piccoli campioni. Terzo episodio di una vera e propria saga, partita nel 2012 e che ha fatto tappa anche a Sochi nel 2016, con i giochi invernali, per veicolare il messaggio che senza l’aiuto dei loro genitori gli atleti non avrebbero mai potuto competere per una medaglia.

Johnson & Johnson, sponsor ufficiale healthcare del Mondiale 2014, aveva invece sviluppato una creatività dedicata al valore della protezione, che raccontava come “Dietro una grande vittoria c’è sempre una grande difesa”, ben rappresentata dalle parate di Gigi Buffon.

O lo spettacolare cortometraggio The Last Game, lanciato da Nike per spiegare il suo concetto di calcio in occasione degli ultimi mondiali, in cui rischiare è meno pericoloso che giocare sicuro. A coronamento di una campagna che aveva coinvolto tutti i grandi nomi del calcio: Cristiano Ronaldo, Neymar Jr., Wayne Rooney, Zlatan Ibrahimović, Gerard Piqué, Gonzalo Higuaín, Mario Götze, Eden Hazard, Thiago Silva, Andrea Pirlo, David Luiz, Andrés Iniesta, Thibaut Courtois, Tim Howard sull’headline “Risk everything”.

Cosa succede invece in Italia? La spesa pubblicitaria aumenterà del 2,1% nel 2018, sempre secondo le stime di Magna, nonostante l’esclusione dell’Italia dal Campionato del mondo di Calcio. E ad essere eccezionale nel Mondiale di quest’anno non è solo il fatto che gli azzurri resteranno sul divano, ma anche che le partite della Coppa del Mondo saranno trasmesse in chiaro sui canali Mediaset, grazie ad un accordo di esclusiva senza precedenti per la TV commerciale free nel nostro Paese.

Per la TV, che è il mezzo che tipicamente trae maggior beneficio dall’evento sportivo, si stima un 2018 a +1,3%, più contenuto rispetto al forecast iniziale (+2.3%). Il Digital crescerà ancora attestandosi ad un +7% confermandosi come importante traino per il mercato dell’adv. Per gli altri mezzi si stima un calo complessivo del 4% circa.

Un evento italiano ricorrente che, fatte le dovute proporzioni, ha logiche simili a quelli internazionali di cui abbiamo parlato finora è a buon diritto il Festival di Sanremo.
Nell’edizione 2017 il Festival ha superato il 50% di share media, con un totale di 37 milioni interazioni sui social, indice di un’attenzione ed un coinvolgimento verso questo grande evento nazionale senza rivali.

a cura di Carlo Messori, General Manager UM – Universal McCann Italia

articoli correlati

AZIENDE

DigiTouch e IPG Interpublic Group: insieme per un’offerta integrata di servizi innovativi

- # # # #

IPG - Gruppo DigiTouch

IPG Mediabrands e McCann Worldgroup, entrambe appartenenti a IPG, e il Gruppo DigiTouch, società specializzata nel Mar-Tech, hanno stretto una partnership commerciale. L’accordo si basa sulla reciprocità dei servizi offerti dalle due società che, lavorando a quattro mani sui progetti, potranno valorizzare le rispettive competenze e conoscenze nel mercato dell’advertising on e offline, anche sui mercati esteri, offrendo ai rispettivi clienti una gamma integrata e strutturata di servizi.

Il Gruppo DigiTouch potrà avvalersi dei servizi di IPG Mediabrands e McCann Worldgroup per lo sviluppo e la gestione di progetti advertising sui mercati internazionali, dove non è presente, in modo da poter accedere anche a brand multinazionali che hanno centri decisionali fuori dall’Italia, oltre che a poter soddisfare le esigenze dei brand italiani in portfolio, i quali sempre più spesso richiedono servizi su diversi Paesi. Ancora, IPG Mediabrands e McCann Worldgroup diventano il partner di riferimento del Gruppo DigiTouch nella realizzazione di progetti omnichannel che coinvolgono anche la componente offline, mettendo a fattor comune la propria expertise nelle pianificazioni su radio, stampa, affissioni e ambient.

Il Gruppo DigiTouch, a sua volta, potrà offrire la propria esperienza in diverse aree del digital marketing, come ad esempio, lead generation promossa, qualificata e iper profilata nel settore finance e automotive (tramite MutuiperlaCasa.com e Autoandplus.com) fino a prodotti ad elevata componente tecnologica, quali la Customer Data Platform Audiens e la ChatBot. Potendo contare su un portfolio clienti variegato, il Gruppo DigiTouch potrà, inoltre, proporre diverse case studies di successo nell’ambito della digital transformation e partecipare a consultazioni insieme a IPG Mediabrands e McCann Worldgroup.

“In un mercato sempre più in evoluzione sia dal punto di vista delle soluzioni che delle competenze, aver un approccio aperto a partnership qualificate che creino valore per i nostri clienti, risulta un fattore critico di successo sempre più importante”, afferma Giuseppe Caiazza, CEO IPG Mediabrands/McCann Worldgroup Italia.

“Siamo molto lieti di questo accordo perché, in un mercato altamente competitivo quale l’advertising, è fondamentale avere un’offerta di standard qualitativo elevato e ad ampio spettro, in grado di rispondere in modo efficace ed esaustivo alle esigenze di comunicazione espresse dai brand, che sempre più ricercano un partner che sappia accompagnarlo on e offline e supportarlo nella strategia adv sui mercati esteri. Questo accordo, inoltre, permetterà di portare benefici a tutte le realtà attuali del nostro Gruppo, consentendoci di valorizzare le nostre differenti expertise e di lavorare a quattro mani insieme a un team di eccellenza, quale è quello di IPG Mediabrands e McCann Worldgroup”, afferma Paolo Mardegan, CEO del Gruppo DigiTouch (nella foto).

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Mitsubishi Electric torna on air con due campagne istituzionali a cura di UM

- # # # # #

Mitsubishi Electric Climatizzazione rilancia la campagna istituzionale

La Divisione Climatizzazione di Mitsubishi Electric specializzata in apparecchiature elettriche ed elettroniche, annuncia una pianificazione che interessa due campagne istituzionali, una online e una sulla stampa. Dal 25 maggio al 7 luglio, le due campagne si sviluppano rispettivamente sui principali siti di informazione italiani, attraverso Facebook Ads e AdWords, e sulle pagine dei due più importanti quotidiani italiani e dei loro magazine settimanali.

Il soggetto delle due campagne, accompagnato dall’headline “La tua casa ha un’aria più bella” e dal payoff “La bellezza è una condizione del benessere”, sono i climatizzatori Kirigamine Zen scelti anche quest’anno da Mitsubishi Electric perché sintetizzano la mission dell’azienda: fornire prodotti a elevata efficienza energetica, senza dimenticare però il rispetto per l’ambiente, il risparmio energetico e il comfort ambientale, garantendo così soluzioni tecnologiche innovative ed ecosostenibili.

Pensati come veri e propri complementi d’arredo, queste soluzioni dotate di tecnologia DC inverter a pompa di calore uniscono un’estetica minimalista e raffinata all’eccellenza di Mitsubishi Electric, in termini di risparmio energetico, silenziosità e capacità filtrante, assicurando benessere, armonia e bellezza. Le tre combinazioni, bianco, nero lucido e argento satinato, permettono di trovare la tonalità che più si adatta al proprio stile.

La pianificazione delle campagne istituzionali 2017 di Mitsubishi Electric Climatizzazione è a cura di UM, network di comunicazione globale del gruppo IPG Mediabrands. Il planning, studiato strategicamente per rafforzare la brand awareness, coinvolge con vari formati impattanti

“Torniamo a parlare Kirigamine Zen perché grazie alla sua eleganza e alle sue prestazioni ha conquistato il ruolo di oggetto di design all’interno di numerose case italiane. Quest’anno, oltre alla campagna stampa, abbiamo deciso di puntare sul canale online, incluso Facebook e AdWords, al fine di coprire tutti i target e i maggiori canali di comunicazione mass media e social”, ha dichiarato Raffaella Fusetti, Marketing Communication Manager Air Conditioning Division di Mitsubishi Electric Climatizzazione.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Amaro Lucano al fianco di Initiative e Reprise Media con il contest online “SePardo”

- # # # # # # # # #

Amaro Lucano

Amaro Lucano torna in campagna al fianco di Initiative e Reprise Media, agenzie parte del gruppo IPG Mediabrands.

La campagna, che si articola unicamente sul web, porta online un progetto nato con l’obbiettivo di avvicinare sempre di più un target giovane al famoso Amaro Lucano. Da qui l’idea di sfruttare al meglio le abitudini e i passatempi dei più giovani, con la complicità di un giornalista, conduttore televisivo e commentatore sportivo a loro molto caro: Pierluigi Pardo. Come? Lanciando a tutti una sfida! Per questo Reprise Media ha ideato il contest “SePardo”: un concorso, lanciato su Facebook, che offre a tutti la possibilità di aggiudicarsi una partita dal vivo a Fifa 2017 proprio contro Pierluigi Pardo.

Non tutto però è facile come sembra: Pierluigi Pardo, infatti, lancerà una sfida che prevede, in caso di sconfitta, anche una penitenza. Per potersi aggiudicare la possibilità di sfidarlo, gli utenti dovranno lasciare un commento ai post Facebook relativi al concorso inserendo l’hashtag #SePardo e compilare il form di registrazione sul sito, specificando la penitenza che sarebbero disposti a realizzare in caso di sconfitta. Tra tutti gli aspiranti giocatori saranno cinque quelli che, avendo postato le penitenze più divertenti e creative, vinceranno un match dal vivo con Pierluigi a Milano. In palio una prestigiosa bottiglia di Amaro Lucano Anniversario e, in caso di vittoria della partita, una bottiglia Jeroboam da 300cl.

Il video di lancio del concorso, prodotto da Pierluigi Pardo, è stato pubblicato e sponsorizzato, oltre che sulla pagina Facebook di Amaro Lucano, anche su quella di Pierluigi Pardo e sulla pagina “Che Fatica la vita da Bomber”. Dalle partite che Pardo giocherà con i vincitori del concorso verranno poi realizzati cinque video che saranno pubblicati e sponsorizzati su Facebook dal 30 aprile al 19 maggio con cadenza settimanale.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Sarabanda e Initiative presentano la nuova collezione p/e 2017

- # # # # #

campagna Sarabanda

Sarabanda porta in campagna la nuova collezione p/e 2017 con Initiative, network di comunicazione globale parte del gruppo IPG Mediabrands e guidato in Italia da Andrea Sinisi.

Coinvolgendo una selezione di magazine rivolti al mondo femminile e in particolare alle mamme attente alla moda dei propri piccoli, Initiative ha reso protagonisti i nuovi capi di abbigliamento firmati Sarabanda. Un marchio che, senza rinunciare a una grande cura e attenzione ai dettagli, anche quest’anno veste bimbi e bimbe, fino a 16 anni, sia nelle occasioni più eleganti sia nella quotidianità. Una collezione che trova spazio anche nelle versioni digitali delle riviste coinvolte nella campagna stampa, raccontando l’interpretazione che Sarabanda fa del concetto di eleganza pura e, anche, dell’anima rock che si nasconde in ogni bambino.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Ikea, continua la campagna all’insegna della “sorpresa ogni giorno”; pianifica Initiative

- # # # # #

IKEA

Continua la comunicazione di IKEA sul “Sorprenditi ogni giorno” anche nel terzo appuntamento dell’anno. Il nuovo spot, in onda dal 12 febbraio, ripropone alcune delle situazioni dello spot di lancio di settembre insieme a nuovi episodi, per rinforzare il concetto che solo all’interno delle nostre case possiamo essere davvero noi stessi e ci possiamo sentire liberi di fare quello che più ci piace. IKEA grazie ai suoi prodotti, utilizzati anche in modo non convenzionale, permette a ognuno di vivere a modo suo, utilizzando la propria casa come meglio crede, libero da imposizioni, pregiudizi o aspettative.

Ad accompagnare il film istituzionale, seguirà uno spot da 15” dedicato a una gamma specifica di prodotti IKEA: i contenitori per l’ordine. Il film ne descrive la grande varietà e i diversi modi d’uso che permettono a ognuno dei protagonisti delle varie scene di vivere l’ordine a modo suo: fratello e sorella useranno i contenitori come “crash-test” per il loro triciclo, una coppia di artisti bohémien li useranno per raccogliere la pioggia che filtra dal tetto, uno studente fuori sede ne riceverà diversi da parte della mamma, riempiti con le sue specialità. In parallelo alla TV e alla videocomunicazione, sarà on air la campagna dedicata alla promozione sulle cucine, supportata da differenti media, tra cui affissione, display banner, radio, stampa periodica e quotidiana.

La pianificazione media è stata curata da Initiative, network di comunicazione globale del gruppo IPG Mediabrands. La campagna video vivrà sia sulla TV che sul web e prevede una fase iniziale di focus sulla brand awareness, con il video da 30’’ on air in TV nelle fasce qualitative del prime time e in posizionamenti speciali, mentre sul web sarà online sulle principali Web TV, sui social più diffusi, nei siti e portali a larga audience. Successivamente l’attenzione verrà spostata sul prodotto, intensificando la presenza dello spot 15’’ ad esso dedicato sia sui canali on/off generalisti e sia aumentando la frequenza su quelli più verticali.
Inoltre, dalla seconda metà di febbraio, la Promo Cucine sarà supportata con una presenza in affissione nei principali comuni italiani per lavorare localmente vicino ai negozi; sul web con una campagna di display in programmatic per intercettare le persone interessate all’acquisto di cucine e sui magazine settimanali per allargare ulteriormente la reach e spingere il drive to store. Un ulteriore boost è previsto su Stampa e Radio nella fase finale della promozione. Per entrambi i mezzi sono stati pianificati i principali titoli/network nazionali e locali. La comunicazione della gamma cucine era già iniziata a gennaio con una presenza sulle principali testate di arredamento.

Per AUGE hanno lavorato alla campagna:
Direzione creativa esecutiva: Federica Ariagno e Giorgio Natale
Copywriter: Niccolò Bossi
Art Director: Veronica Ciceri
Project Manager: Leonardo Zenoni
Senior Producer: Cecilia Del Favero
Casa di produzione: Hfilms
Regista: Chris Balmond
Post produzione: edi
Post produzione audio: The Log
Pianificazione media: Initiative
Per IKEA hanno lavorato:
External Communication Manager: Alessandra Giombini
Advertising Responsible: Cristina Pedotti
Media Manager: Monica Tomassetti
Marketing Specialist: Federica Fazzini
La canzone dello Spot è: I gotta get the world off my back di Bill Martin e Phil Coulter

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Gioco Digitale torna in tv, e sul digital in programmatic, al fianco di UM e Xister

- # # # # # # #

Gioco Digitale

Gioco Digitale, il brand italiano con offerta focalizzata sul Casino e Bingo oltre che su giochi di abilità, Poker e Scommesse, e parte del gruppo GVC Holdin plc, lancia la nuova campagna Casinò.

La campagna televisiva, pianificata da UM, network di comunicazione globale del gruppo IPG Mediabrands, porta in tutte le case degli italiani la piattaforma di gioco online dedicata a coloro che vogliono divertirsi online, in particolare grazie all’offerta di giochi Casinò. La campagna è firmata dall’agenzia Xister che, con 3 film dai toni spiccatamente comedy, ha portato in vita il posizionamento del brand scegliendo di raccontare l’attitudine al divertimento attraverso personaggi e situazioni inusuali.

“L’idea è quella di veicolare l’offerta di Gioco Digitale attraverso un contenuto che sia già di per sé un momento d’intrattenimento, con cui creare empatia ed esprimere la promessa che il brand fa ai suoi consumatori in maniera tangibile e immediata. Gioco Digitale è riuscito a far divertire anche noi, dandoci la possibilità di realizzare una campagna ironica e sofisticata allo stesso tempo, con un risultato di cui siamo molto fieri”, ha commentato Sarah Grimaldi, Direttore Creativo Xister.

La pianificazione sul mezzo televisivo include tutti i canali generalisti e un’attenta selezione di reti digitali e satellitari, per un totale di più di 50 milioni di contatti a target. UM ha strategicamente puntato a una pianificazione di qualità, scegliendo di associare il brand solo a programmi altamente affini ai temi del divertimento e dell’intrattenimento.

 

 

“Siamo molto soddisfatti di essere nuovamente al fianco di Gioco Digitale, una realtà consolidata che ha da poco festeggiato i suoi 10 anni di attività. Siamo certi che la strategia di pianificazione televisiva sviluppata per l’occasione sarà in grado di assicurare e massimizzare la visibilità rispetto al focus target di riferimento”, commenta Carlo Messori, General Manager di UM.

“Sono contento di lavorare alla rinascita di un brand storico nel panorama del gaming online italiano. Il tutto è possibile grazie alla scelta di partner strategici, che ci stanno supportando nella realizzazione della nostra visione di un gioco online responsabile. Insieme stiamo riuscendo a far percepire Gioco Digitale come un portale di puro intrattenimento grazie a un contenuto “caldo” e inedito nella comunicazione di settore in Italia, veicolato con una pianificazione che tiene in considerazione il contenuto televisivo più che il bacino d’utenza. In parallelo le nostre attività digital supportano e rinforzano il messaggio veicolato su tutte le principali piattaforme video e banner ottimizzate grazie al programmatic buying”, dichiara Alessandro De Stasio, Marketing Manager Gioco Digitale.

 

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Initiative e RBA lanciano la prima edizione della collana “I Geni della Matematica”

- # # # # #

campagna di RBA

È al via in questi giorni la nuova campagna di RBA, dedicata alla prima edizione de “I Geni della Matematica”. La campagna è la settima della società da fine Dicembre 2016, dopo “Archeologia”, “La mia prima Bibbia”, “Imparare a Pensare”, “Imparare a Dipingere”, “Insetti da tutto il mondo” e “Mitologia”.

Il lancio della collezione, studiata per permettere ai lettori di conoscere le menti geniali che hanno contribuito all’evoluzione della matematica nei secoli, è supportato da una campagna integrata pianificata da Initiative, network di comunicazione globale parte del gruppo IPG Mediabrands.

Il centro media, guidato in Italia dal General Manager Andrea Sinisi, ha affiancato RBA nella definizione della strategia di lancio della prima edizione della collana, supportata da risorse testuali, grafiche e fotografiche, che trasmettono con chiarezza le idee di geni della matematica che sono vissuti in epoche diverse come l’antica Grecia, la Francia rivoluzionaria o la Germania nazista.

Allo scopo di massimizzare la copertura del target e lavorare in contesti altamente affini al prodotto, è stata pianificata una campagna televisiva che porta lo spot di RBA su tutti i canali generalisti, satellitari e digitali con due formati da 10 e 20 secondi.

Anche la stampa supporta il lancio della collezione, con un piano che coinvolge i principali quotidiani nazionali, mentre sul web una campagna search permette di intercettare tutti gli utenti potenzialmente interessati ai temi della collana.

In aggiunta Cadreon, l’AdTech Unit del gruppo IPG Mediabrands si è occupata di un’attività di display che ha permesso di coprire un elevato numero di siti web, selezionati sulla base degli interessi del focus target.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Neo Borocillina on air con i nuovi diavoletti firmati Serviceplan. Pianifica Initiative

- # # # # # # #

Serviceplan

È partita il 4 dicembre la nuova puntata del format di comunicazione creato da Serviceplan per Neo Borocillina, brand della Divisione Automedicazione di Alfa Wassermann, società del gruppo Alfasigma. Il nuovo spot da 20” presenta lo spray contro la tosse secca. Un prodotto distintivo, grazie alle sue componenti di origine vegetale, crea un film che svolge un’azione emolliente e idratante, calmando la tosse e dàndo sollievo alla gola irritata.

Due diavoletti gemelli, armati di fastidiosissime piume, rappresentano il sintomo della tosse secca che colpisce una giornalista costretta a interrompere la diretta televisiva. Il servizio potrà riprendere solo grazie all’azione del nuovo spray Neo Borocillina Sollievo Tosse. Per un prodotto così distintivo la scelta è stata quella di spiegare in modo chiaro l’azione dello spray con una demo scientifica. Una soluzione classica che diventa insolita e si integra perfettamente all’interno della storia grazie alla presenza dei due diavoletti che vengono prima intrappolati dal film protettivo e così sconfitti.

La strategia di comunicazione per il lancio della nuova referenza è stata sviluppata da Initiative, network di comunicazione globale del gruppo IPG Mediabrands, e prevede due spot TV da 20’’ e da 15’’ on air su tutti i canali generalisti e sulle principali emittenti della piattaforma digitale e satellitare. In sinergia con il mezzo televisivo, il centro media guidato in Italia da Andrea Sinisi ha previsto anche una campagna digital che coinvolge portali e siti di grande traffico in una campagna cross device.

Completa infine il communication plan un’attività SEA, il cui obiettivo è quello di intercettare gli utenti alla ricerca di informazioni sui rimedi per le principali patologie invernali e spingerli alla prova prodotto, portando anche traffico di qualità al sito web di Neo Borocillina.

Andrea Sinisi, General Manager di Initiative, ha commentato: “Questa campagna è l’ultima in ordine temporale di una lunga serie di nuovi lanci che ha portato in alcuni anni il Brand Neo Borocillina a diventare un riferimento indiscusso nel panorama OTC grazie a un esercizio di brand stretching molto ben architettato ed eseguito. Molto del merito è del team di marketing di Neo Borocillina che ha progettato questo percorso di sviluppo con grande cura e capacità. Siamo felici di poter continuare a dare il nostro contributo non solo disegnando strategie media sempre più articolate ma anche attuando una attenta misurazione delle performance e delle sinergie che possiamo oggi sfruttare tra la mother Brand Neo Borocillina e le molteplici sub brand di cui si compone oggi”.

Credits
Agenzia Creativa: Serviceplan Italia
Executive Creative Director: Oliver Palmer
Direttori Creativi: Giuliana Guizzi e Salvatore Giuliana
Art Direction: Marco Dal Molin
Coordinamento produzione: Serviceplan Solutions
Partner, Managing Director: Laura Moltrasio
Casa di produzione: Filmgood
Casa di post-produzione: Tex
Regia: Marcello Lucini
Musica originale: Red rose production composta da Flavio Ibba

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Giordano Vini torna in campagna al fianco di Initiative

- # # # #

Giordano Vini

Giordano Vini, azienda parte di Italian Wine Brands, gruppo vinicolo di riferimento nella produzione e distribuzione di vini, lancia la sua nuova campagna pianificata da Initiative.

L’agenzia media, parte del gruppo IPG Mediabrands e guidata in Italia dal General Manager Andrea Sinisi (nella foto), ha pianificato una campagna per presentare a tutti gli italiani le nuove offerte promozionali di Giordano Vini, azienda leader nel direct marketing, che ha fatto del rapporto diretto tra produttore e consumatore il suo punto di forza, assicurando la massima convenienza delle offerte senza rinunciare alla qualità dei prodotti e all’affidabilità del servizio offerto ai clienti.

Obiettivo della campagna di comunicazione è quello di promuovere le diverse offerte pensate per i nuovi clienti, ai quali Giordano Vini offre la possibilità di provare la qualità e la convenienza dei propri prodotti, la cui eccellenza è riconosciuta dai migliori esperti del settore, beneficiando di omaggi esclusivi e della spedizione gratuita. La qualità dei vini e delle specialità alimentari e la serietà di un’azienda con oltre 100 anni di tradizione si uniscono a un approccio moderno verso il consumatore, ai quali Giordano Vini assicura la possibilità di ordinare con praticità e ricevere comodamente a casa propria gli ordini effettuati. Il tutto senza dimenticare la convenienza dei propri prodotti e l’attenzione verso i consumatori.

La campagna si concentra sul mezzo stampa come main media, con l’obiettivo di accrescere i clienti di Giordano Vini, grazie ai vantaggi offerti a tutti coloro che acquisteranno i vini e le specialità alimentari che compongono l’offerta di benvenuto. La pianificazione prevede un impiego mixato di formati differenti, in aggiunta a inserti a copertura di diverse aree tematiche, come a esempio caccia e alpinismo, e differenti componenti del target. Sono infatti state infatti incluse anche testate di automobilismo, per raggiungere il target maschile, e testate familiari per parlare a tutte le donne.

articoli correlati

AZIENDE

IPG Mediabrands annuncia l’acquisizione di Stickyeyes Group

- # # #

IPG Mediabrands

IPG Mediabrands annuncia l’acquisizione di una delle più importanti aziende di marketing digitale del Regno Unito: Stickyeyes Group. Il gruppo, che comprende Stickyeyes e Zazzle Media, fornisce creative search e content marketing, influencer engagment e servizi di produzione video. Il gruppo conta oltre 140 dipendenti tra i suoi diversi uffici situati a Leeds, Peterborough e Londra. È stata recentemente nominata “Best Large Integrated Agency” nel 2016 durante l’European Search Awards e attualmente sta lavorando con grandi brand internazionali tra cui Staples, Hertz, AO.com, Superdry, ShopBop, Admiral Group e IG Index.

“I nostri clienti si aspettano la migliore strategia digitale e il miglior dispiegamento di competenze possibili”, dichiara Henry Tajer, Global CEO, IPG Mediabrands. “Per questo la leadership digitale è per noi un imperativo. Questa acquisizione dimostra il nostro impegno nel soddisfare le esigenze dei clienti e segna una continuità nella nostra crescita, dopo l’acquisizione di Mubaloo, società di consulenza nell’ambito del mobile con base in UK. Oggi, più di due terzi dei nostri talenti nel Regno Unito sono esperti digitali a tempo pieno”.

Con l’acquisizione, IPG Mediabrands di rafforza ulteriormente la sua posizione nel mercato in rapida evoluzione del marketing digitale, nonché le proprie competenze esistenti nell’ambito delle attività di social e search.

“È stato chiaro fino subito, quando ci siamo conosciuti, che le nostre ambizioni e quelle di IPG Mediabrands erano e sono allineate”, conclude Craig Chalmers, CEO, Stickyeyes Group. “La loro esperienza nel settore della strategia media, della pianificazione e del media buying, nonché le competenze in fatto di dati e acquisto in programmatic si combinano perfettamente con il nostro approccio di engagement tramite i mezzi digitali audience-focused. Ci sono enormi opportunità non solo per tutti coloro che fanno parte di Stickyeyes, ma anche e soprattutto per i clienti del gruppo IPG Mediabrands”.

articoli correlati