AZIENDE

A Imille la gestione dei social media di Enel. Incarico in 3 lingue su 5 piattaforme

- # # # # #

enel green power

Imille è la nuova agenzia Social Media per i brand Enel (Holding) e Enel Green Power, due progetti worldwide che si sviluppano in tre lingue (italiano, inglese, spagnolo) e su cinque piattaforme (Facebook, Twitter, Instagram, LinkedIn, YouTube). I due team multiculturali (otto nazionalità) saranno guidati da Daniele Bazzano, Content & Media Director della sede romana.

 

Enel Group è l’impresa multinazionale dell’energia operante in oltre trentacinque Paesi. Imille lavora già a fianco del Gruppo su progetti di User Experience e Intelligenza Artificiale, occupandosi della nuova strategia digitale realizzando la UX dei siti commerciali di Italia, Cile, Argentina, Perù, Colombia, Brasile e supportando i lavori in Spagna. Imille ha inoltre progettato per Enel X l’esperienza utente dell’eCommerce e del sito istituzionale, in tutti i Paesi del gruppo. Ultima arrivata, nell’ecosistema digitale, l’app dedicata a tutti i clienti di Enel Energia in Italia.

Enel Green Power, fondata nel 2008 all’interno del Gruppo Enel, è tra i principali operatori di rinnovabili a livello mondiale, gestendo e sviluppando attività di generazione di energia in trenta Paesi su cinque continenti. Ha una produzione annua di circa 82 TWh, proveniente principalmente da acqua, sole, vento e geotermia. A Imille il compito di declinare le tematiche della sostenibilità con i linguaggi e per le audience dei diversi social media, producendo contenuti ad hoc e organizzando eventi tematici sul territorio.
Due progetti che permetteranno ai “Digital Heroes” de Imille guidati dal C.E.O. Paolo Pascolo di mettere a sistema le competenze e le esperienze maturate nelle varie aree dell’agenzia.

articoli correlati

AGENZIE

L’Istituto Europeo di Design sceglie Imille per la campagna di comunicazione degli eventi 2019

- # # # #

imille

L’Istituto Europeo di Design e Imille hanno lavorato “fianco a fianco” per la realizzazione della nuova campagna eventi IED 2019 multisoggetto. Una collaborazione che ha valorizzato le rispettive expertise attraverso il coinvolgimento di Alumni e studenti IED e il contributo dei Digital Heroes specializzati in creatività, strategia e tecnologia.

Dopo essersi aggiudicata la gara per l’affidamento del progetto, Imille ha messo a disposizione dell’Istituto un team di professionisti che avevano svolto il loro percorso formativo proprio in IED. Le proposte sono state poi condivise con una selezione di studenti delle scuole di Design, Moda, Comunicazione e Arti Visive che – tramite un percorso di brainstorming, study group e workshop – hanno declinato i diversi soggetti.

 

A partire dalla richiesta di mantenere nello studio del nuovo key visual il concept caro a IED di Find your difference, è stata sviluppata l’idea creativa di Behind the door, che sarà declinata sia tramite affissioni che sui canali digitali e i social media. Per un futuro designer, la propria “porta” è unica perché dietro nasconde il percorso che lo renderà diverso da chiunque altro. In IED non esiste un’esperienza formativa uguale ad un’altra, perché non esiste un solo modo per riconoscere il proprio talento e trasformarlo in una professione. L’obiettivo di IED è infatti quello di formare giovani professionisti che, grazie alla propria capacità progettuale, sappiano applicare nel mondo del lavoro quanto appreso durante gli studi.

 

“Si tratta di un progetto che va oltre le normali dinamiche professionali, soprattutto per quanto riguarda i flussi di lavoro”. ha dichiarato Ilaria Graziadio, Strategy Director di Imille e Alumna IED, “Il fatto che abbiamo in organico diverse figure che hanno frequentato i corsi di IED, a partire da me stessa, dal C.E.O. Paolo Pascolo e dall’Account Director Flora Caroli, ci ha permesso di vivere “dall’interno” lo sviluppo dell’intera campagna. Abbiamo così messo in piedi una collaborazione che prevede un vero arricchimento reciproco, nel segno della formazione continua”.

 

“Abbiamo scelto Imille come partner creativo di questo progetto”, commenta Fabrizia Capriati Responsabile Comunicazione IED Italia, “perché è determinante per IED mantenere e alimentare un dialogo costruttivo con i suoi Alumni. L’Istituto ha come obiettivo la formazione delle future generazioni di creativi; è quindi per noi una grandissima opportunità poter lavorare oggi insieme a coloro che, dopo i loro anni di studio in IED, sono diventati professionisti innovativi e di riferimento per il loro settore”.

 

Fra le prime declinazioni della campagna è già in uso quella relativa ai Creative Days 2019 mentre sarà prossimante lanciata quella relativa al prossimo Open Day IED, giornata a porte aperte che coinvolgerà il 16 marzo 2019 tutte le sedi Italia.

La collaborazione fra IED e Imille è la dimostrazione concreta che è possibile alimentare una rete di collaborazioni virtuose e che puntare sulle professionalità di nuova generazione non è solo uno slogan, ma una scelta vincente. Del resto, il modello formativo dell’Istituto che si base sul dialogo con il mondo del lavoro si sposa perfettamente con la vision del mercato di Imille, partner di realtà sempre pronte a guardare al futuro.

articoli correlati

AGENZIE

Imille presentano il proprio rebranding, il nuovo sito e toccano i 5 milioni di fatturato

- # # # #

imille paolo pascolo

Imille ha da ieri effettuato il rebranding del proprio sito, all’insegna del motto: “Technology has disrupted the world. Our job is to redesign it“. Il nuovo sito è il segno del traguardo raggiunto da Imille: dalle decine di giovani talenti inseriti nelle aree creativa, strategica e tecnologica all’apertura di due nuove sedi (prima a Santiago de Chile, poi a Roma), all’inaugurazione una divisione interamente dedicata a Design & Innovation.
Un percorso che è andato di pari passo con l’acquisizione di importanti clienti di livello nazionale e internazionale. E che mostra numeri più che convincenti.

Il fatturato consolidato di Imille supererà nel 2018 i 5 milioni, in forte crescita rispetto all’anno precedente. Un risultato che è stato presentato a Milano, insieme alla nuova immagine coordinata. Un logo rinnovato che, a partire dalla “m” con una zampa in più, consolida l’impronta avventuriera con cui Imille è nata, guardando contemporaneamente a un futuro ricco di nuove sfide. E senza perdere la connotazione di Digital Heroes.

Il sito web, a sua volta, è completamente nuovo, e dà ampio spazio ai lavori realizzati e ai servizi offerti dai sessanta professionisti in organico. “Sin dal 2004 abbiamo vissuto un’evoluzione continua”, ha dichiarato Paolo Pascolo, CEO di Imille. “Ciò che ci ha sempre caratterizzato è la volontà di osare e sperimentare. Del resto, la scelta di ispirarci all’impresa garibaldina non è stata casuale. Nel corso degli anni, Imille ha rafforzato il proprio ruolo a fianco di company innovative, operanti nei mercati di tutto il mondo. Il rebranding rappresenta il primo passo verso il nostro futuro”.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Fabio Moioli protagonista il 23 aprile del 2° appuntamento con i Digital Heroes di Imille

- # # # #

fabio moioli, digital heroes, imille

Dopo l’incontro dedicato al Viewable Advertising, l’agenzia creativa Imille prosegue con il suo ciclo “Digital Heroes”, per discutere degli argomenti più caldi del momento con ospiti provenienti dalle realtà più importanti dell’industria digitale.
Durante il secondo appuntamento si parlerà di Blockchain ed Exponential Technologies insieme a Fabio Moioli, Head of Consulting and Services di Microsoft.

Con oltre 15 anni di esperienza manageriale in aziende di spicco nei settori della consulenza e della tecnologia, Fabio è da due anni in Microsoft, dove si occupa di temi legati alla Digital Transformation e, in particolare, all’intelligenza artificiale. Artificial Intelligence, Blockchain, Quantum Computing… esiste una serie di tecnologie la cui potenza e velocità di elaborazione cresce continuamente, mentre il loro costo si riduce sempre di più. Sono le Exponential Technologies, e stanno rivoluzionando le modalità tradizionali di fare business. Creano nuove opportunità per tutti, democratizzando l’accesso a nuovi servizi – prima impensabili – da parte di pubblico e privati. Non è fantascienza, ma la realtà odierna.

Il miglioramento esponenziale del rapporto tra costo e performance delle tecnologie digitali è sotto gli occhi di tutti, ma la vera innovazione deriva spesso da strumenti inizialmente ignorati dall’opinione pubblica. Viene perciò spontaneo chiedersi: conosciamo a sufficienza le tecnologie esponenziali, che stanno trasformando progressivamente il mondo in cui viviamo? Siamo pronti ad adottarle? Lunedì 23 aprile alle 19:00 sarà Coffice Milano, in Viale Emilio Caldara 1 (metropolitana Linea M3, fermata Porta Romana), a ospitare l’incontro. La partecipazione è gratuita, ma è necessaria la registrazione su Eventbrite.

“Il nostro proposito di creare un dialogo continuo nel mondo dell’industria digitale” dichiara Paolo Pascolo, CEO de Imille. “La collaborazione con i migliori professionisti del settore è nel DNA della nostra agenzia, e per questo abbiamo invitato un ospite d’eccezione come Fabio Moioli. “Digital Heroes” è un messaggio lanciato a tutti coloro che vogliono contribuire alla trasformazione digitale: un invito a condividere e partecipare. Il primo appuntamento è andato oltre le aspettative, in termini sia qualitativi che quantitativi, e vogliamo proseguire su questa strada”.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Imille firma il rebranding di Yellow: nuovo logo, packaging e campagna video

- # # # #

Imolle - Yellow

Combinare sapientemente innovazione, ricerca e scienza con arte, passione e stile. È il marchio di fabbrica di Alfaparf Group, il primo gruppo italiano nella cosmetica professionale, che da quasi quarant’anni esporta in più di un centinaio di Paesi l’eccellenza nel settore della bellezza femminile. L’agenzia creativa Imille ha valorizzato questo patrimonio curando il rebranding di Yellow, uno dei brand di Alfaparf: quattro linee di prodotti dal DNA italiano destinati a donne giovani e moderne, attive e dinamiche, solari e sorridenti. Con l’obiettivo di costruire un’immagine riconoscibile e rilevante, il progetto ha preso avvio dalla creazione della Brand Architecture, passando poi all’individuazione di un tone of voice e di un’identità visiva in grado di enfatizzare i punti di forza della marca.

Imille ha così ideato il nuovo logo e il nuovo payoff di Yellow – We Love Italian Style – accompagnati da un concept in grado di mettere in relazione le persone con il brand, attraverso un linguaggio semplice e immediato. Il lavoro teorico è stato quindi declinato negli scatti fotografici destinati a raccontare ciascuna delle quattro linee di prodotti, e in altrettanti video utilizzati per la comunicazione sul web e presso eventi e fiere di settore. Come nel caso di Cosmoprof Worldwide Bologna, l’osservatorio leader internazionale sulle tendenze legate al mondo beauty, cui Alfaparf Group ha partecipato con Yellow, presentando le nuove linee.

“L’alta qualità dei prodotti di Yellow è il risultato di una costante ricerca e della collaborazione con centri estetici di livello internazionale. Ciononostante, per noi è fondamentale il cuore italiano della marca”, afferma Margherita Bonomi, Marketing Manager di Yellow. “Il lavoro svolto con Imille è andato proprio in questa direzione: rafforzare il posizionamento di un brand che permette alle donne di esprimere e condividere la propria personalità in ogni occasione, un modo di fare tutto italiano”.

“Siamo molto soddisfatti dell’intero progetto”, dichiara Paolo Pascolo, CEO de Imille. “La possibilità di lavorare con realtà così importanti è sempre una grande sfida. Un’opportunità che abbiamo raccolto immediatamente: del resto, senza coraggio non si va da nessuna parte. Il feeling con Yellow non è stato casuale: uno dei mercati più importanti del brand è rappresentato dal Sud America, il continente dove la nostra agenzia ha recentemente aperto una nuova sede, e dove stiamo investendo molto per esportare la creatività italiana e le nostre competenze tecnologiche”.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

È online il nuovo Enel One Hub Italia, un ambiente digitale in sintonia con le persone. Firma Imille

- # # # # # #

enel one hub - Imille

È da poco online il nuovo Enel One Hub Italia, il passo più importante del processo di rinnovamento della multinazionale dell’energia, che proseguirà con il lancio di altre One Hub nel mondo nel corso del 2018. Un ambiente digitale che è in completa sintonia con la User Interface (UI) inaugurata da enel.com.

L’agenzia digital Imille – che ha avuto l’incarico in seguito a una gara – ha lavorato a una User Experience (UX) che evitasse l’approccio autoreferenziale ma – come fatto nei progetti di Artificial Intelligence – seguisse il concetto di “Cosa ci sta chiedendo l’utente?“. Un portale dedicato non solo ai 12 milioni di clienti del mercato libero, ma anche a tutti coloro che vogliono approfondire il mondo Enel in Italia.

La sfida di Enel One Hub Italia è quindi creare un’esperienza tagliata su misura delle persone, mettendosi nei loro panni e assecondandone bisogni e interessi. Il nuovo enel.it non è quindi un semplice sito web, ma un luogo progettato per far accedere chiunque al mondo Enel in modo amichevole, rispondendo in tempo reale alle domande di tutti. L’obiettivo del sito è proprio questo: accorciare le distanze fra le domande di chi lo usa e le risposte che vuole ottenere. Avere luce e calore per casa propria, attivare e modificare un contratto, prevedere costi e spese: tutto ciò adesso è possibile in pochi passaggi.

Il lancio di Enel One Hub in Italia è un traguardo importante, ma non è un punto di arrivo. Questo per almeno due ragioni. La prima: si tratta del primo presidio che, in ottica di miglioramento continuo come da lean startup, verrà ampliato e perfezionato seguendo gli insight dei dati di utilizzo. La seconda: One Hub diventerà l’approccio digitale di Enel in tutti i mercati.

“Il lancio di Enel One Hub in Italia dimostra che Enel fa sul serio quando parla di customer-centricity. I campioni in questo campo sono tutte aziende nate pochi anni fa, costruite da zero secondo questo principio. In pochi avrebbero scommesso che Enel, 55 anni di vita e un passato statale, potesse riuscire a cambiare approccio mettendo il cliente al centro”, ricorda Simone Tornabene, Head of Strategy de Imille. “La notizia oggi non è che Enel vuole essere customer-centric. La notizia è che lo sta facendo e ci sta riuscendo”.

“Il progetto Enel One Hub Italia rappresenta una grande opportunità di evoluzione della customer experience: l’utente deve poter vivere un’esperienza fluida e senza interruzioni, perché il sito lo guida esattamente dove vuole arrivare. È stata un’esperienza collaborativa estremamente stimolante”, afferma Paolo Pascolo, CEO di Imille. “Con il team di Enel Italia abbiamo da subito condiviso un metodo che permettesse di procedere step by step, allineando le diverse esigenze del cliente attraverso l’utilizzo di interviste, focus group e workshop. Il risultato è un progetto dinamico, senza barriere all’ingresso, con una filosofia user-friendly e user-centric. Un ringraziamento particolare va a tutto il team che ha contribuito a realizzare questo importante progetto: Federica Federico, Valeria Amato, Francesco Scuderi, Salvatore Carannante, Sara Quadraccia, Lorenzo Cagnato, Matteo Roversi, Francesco Scuderi, Simone Tornabene, Andrea Poli”.

Per far conoscere il nuovo sito enel.it è stato ideato un percorso di engagement in cui si chiede all’utente di risolvere un mistero guidato dalla blogger Chiara Maci e dal divulgatore web Salvatore Aranzulla – volti noti del Web che aiutano l’utente fino alla soluzione della questione, svelando la nuova semplicità di Enel One Hub Italia.

La realizzazione del nuovo sito enel.it è firmata dall’agenzia Imille, che curerà anche la realizzazione dei siti in Cile, Perù, Brasile, Colombia e Argentina. Le attività di awareness digitali dell’iniziativa sono invece curate da BizUp, agenzia di content e performance marketing parte di Alkemy spa.

 

articoli correlati

AGENZIE

Imille cresce e rafforza la squadra con sette nuovi ingressi

- # # # #

Imille

Imille, l’agenzia guidata da Paolo Pascolo, ha da poco dato il benvenuto a sette figure, che rafforzano una squadra già ampliata negli scorsi mesi. Eccole in dettaglio.

Due Project Manager: Ilaria Giovannini, con oltre quattro anni di esperienza in DigitasLBi Italy, e Umberto Santarelli, specializzatosi nello sviluppo front-end in realtà come Docomo Digital e MotorK.

Daniela Chiorboli è una Social Media Strategist con competenze approfondite nell’automotive e nel food, proveniente da SapientRazorfish. Omar Mootamri, UI/UX Designer che in passato ha lavorato per Electronic Arts e TBWA\Worldwide, e Linda Iacuone, Digital Designer formatasi in Spagna e Sud America, vanno a diversificare ulteriormente il reparto creativo. Tra i nuovi arrivi anche Samantha Colombo, Copywriter che viene da Meloria, e Filippo Marano – con alle spalle anni di esperienza in diverse agenzie come SEC RP, Doing e Cohn & Wolfe – che si occuperà di Content Strategy e Digital PR.

Tutti giovani talenti con un percorso accademico e professionale di alto livello. Coerentemente con la propria mission – trovare il modo più efficace e innovativo per far parlare marche e persone – Imille vuole quindi arricchire tutti i reparti, consolidando i tre pillar della propria offerta: strategia, creatività e tecnologia.

“Siamo molto contenti di poter investire su un team di grande valore”, ha dichiarato il CEO, Paolo Pascolo. “Negli ultimi anni Imille è cresciuta parecchio, sia in termini di clienti e progetti sia in termini numerici. Per noi è fondamentale da un lato lavorare con professionisti di qualità, dall’altro avere un clima sempre positivo e vincente. Ogni collaboratore è dunque selezionato non solo per la sua competenza, ma anche per le sue soft skills. È un po’ come avviene nel mondo dello sport: uno spogliatoio coeso è fondamentale per ottenere degli ottimi risultati”.

articoli correlati

AZIENDE

L’AR sbarca in 15 aziende: al via i workshop organizzato da Imille

- # # # # #

imille workshop

È uno dei trend più caldi degli ultimi tempi: l’Augmented Reality (AR), insieme alla Virtual Reality (VR), sta spopolando sempre di più, con previsioni di crescita enormi. Per contribuire a creare una vera e propria cultura in merito, Imille ha deciso di lanciare dei workshop sull’AR di seconda generazione per tutte le realtà che vogliono capire le opportunità e sfruttarne le potenzialità. Grazie ai nuovi framework di sviluppo (come ARKit e ARCore), gli utenti possono infatti riconoscere in maniera accurata gran parte degli elementi fisici di un ambiente semplicemente con l’utilizzo di una fotocamera. 15 brand hanno già deciso di aderire agli incontri sull’Augmented Reality curati dall’agenzia digital milanese.

Del resto, estendere la percezione umana oltre le capacità dei cinque sensi tradizionali è il principale obiettivo della Augmented Reality. Un insieme di tecnologie che combina la realtà del mondo con quella renderizzata. Trasformando strumenti di uso quotidiano come smartphone e tablet in device che permettono di “aumentare” il mondo circostante con elementi tridimensionali e informazioni interattive. “Non ci sono limiti alle possibili applicazioni” racconta Paolo Pascolo, CEO di Imille, “architettura e arredamento, indicazioni stradali e mappatura dei luoghi, educazione e intrattenimento. Ma, soprattutto, l’AR crea valore per le aziende sia in ottica di marketing, in quanto migliora il rapporto con il brand agendo direttamente sulla qualità della user experience, sia di produttività, in quanto migliora le performance su tutta la catena del valore (logistica, produzione, risorse umane, …)”.

Durante gli incontri organizzati da Imille viene applicato il metodo Sprint, un processo ideato da Google Ventures per rispondere a concreti problemi di business in modo collaborativo. Dopo aver individuato un touchpoint tra l’azienda e il suo target di riferimento, i partecipanti impiegano didascalie, prototipi e sketch per trovare la soluzione finale. Il risultato viene raggiunto anche divertendosi.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

ActionAid lancia Aida, il nuovo chatbot su Facebook Messenger. Il progetto è firmato da Imille

- # # # #

Imille - ActionAid

Il chatbot Aida è il nuovo canale su cui è oggi raggiungibile ActionAid, l’organizzazione internazionale che opera in più di 40 Paesi per un mondo senza ingiustizia, dove ogni persona possa godere pienamente dei propri diritti, libera dai limiti derivanti da povertà, disuguaglianza ed esclusione sociale.

Dalla pagina Facebook ufficiale di ActionAid Italia è infatti possibile iniziare una conversazione con il bot. Attivando le notifiche, l’utente riceverà gli aggiornamenti da ActionAid. Ad esempio, le notizie che raccontano l’impegno dell’associazione e dei suoi attivisti in Italia e nel mondo al fianco delle comunità più povere ed emarginate, la possibilità di attivarsi diventando volontari, o i modi in cui è possibile offrire il proprio supporto in situazioni di emergenza tramite donazioni.

Con il Messenger bot sviluppato da Imille, ActionAid si propone di spingere la propria comunicazione verso un’interazione sempre più stretta con gli utenti, siano essi sostenitori già attivi, potenziali o curiosi da coinvolgere in modo ingaggiante in questo modo rafforzando la sua presenza sui canali social e può generare lead utili in relazione all’attivismo o alle donazioni.

Aida è in grado di rispondere a domande legate all’organizzazione e alle sue numerose attività (come “Cosa fa ActionAid per i diritti delle donne?”, “Cosa fate in Ghana?” o “Cosa fa ActionAid nelle aree colpite dal terremoto in Centro Italia?”), rendendo intuitivo e agevole l’accesso alle informazioni da parte degli utenti.

“Con Aida intendiamo lavorare nel senso dell’innovazione e della piena fruibilità, sia per i contenuti sia per i modi in cui relazionarsi e comunicare con il pubblico, per il quale trasparenza e affidabilità sono fondamentali. Per organizzazioni come la nostra, ciò significa stare sempre più vicino ai nostri sostenitori e coinvolgerne di nuovi per realizzare insieme il cambiamento”, afferma Sofia Maroudia, Chief of Operations di ActionAid Italia.

articoli correlati

MEDIA

Sperlari, online il nuovo sito web firmato da Imille

- # # #

Sperlari sito web

Imille, agenzia di comunicazione social di Sperlari dal 2016, firma oggi il nuovo sito web dello storico brand di Cremona. Assieme alla nuova immagine, il sito presenta una ricca sezione dedicata alle ricette realizzate con i prodotti Sperlari, un’ampia pagina dedicata ai 180 anni del marchio e un approfondimento sul tema della sostenibilità con focus sul cacao UTZ. Il programma UTZ interessa i coltivatori di materie prime con l’obiettivo di sviluppare una produzione del cacao equo e sostenibile al fine di affrontare le sfide economiche, sociali e ambientali.

Il concept creativo del sito web vuole da una parte sottolineare tutto ciò che Sperlari rappresenta nella storia della tradizione dolciaria italiana; dall’altra comunicare la presenza dei suoi prodotti nella vita di tutti i giorni e nelle occasioni speciali delle persone. Famiglia, qualità, festa e tradizione sono al centro della comunicazione dello storico marchio nato a Cremona nel 1836 quando Enea Sperlari aprì nel cuore della città un negozio per la produzione artigianale e la vendita di specialità tipiche della tradizione locale: il torrone e la mostarda.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Imille e Pan di Stelle ancora insieme per “Magici Premi”

- # # #

Imille con Pan di Stelle

Prosegue la ricca collaborazione de Imille con Pan di Stelle che anche quest’anno lancia la nuova raccolta punti “Magici Premi” che permetterà ai fan della marca di collezionare due oggetti esclusivi dedicati a Pan Pan, l’amico dei sogni: l’esclusiva sciarpa di Stelle e il libro, edito da Gribaudo, “Il Richiamo dei Sogni” con una storia molto speciale.

La raccolta punti come l’anno scorso avverrà tramite l’app ufficiale di Pan di Stelle, iSogni e inizierà oggi: la prima soglia a 4 punti permetterà di ricevere il libro, la seconda, a 8 punti, la sciarpa esclusiva e la terza, a 11 punti, entrambi i premi.

Da otto anni, Imille si distingue per promuovere e realizzare progetti altamente innovativi. Ultima dimostrazione è la novità importante introdotta quest’anno: l’Augmented Reality applicata alle pagine del libro “Il Richiamo dei Sogni”, destinato al pubblico più piccolo, per i contenuti e le illustrazioni e ad un pubblico più trasversale e maturo per l’usability.

Attraverso all’app iSogni, gli utenti potranno inquadrare un marker e attivare per alcune pagine una vera e propria avventura magica con particolari sorprendenti.

“Il Richiamo dei Sogni”, arricchito dell’AR è una vera e propria novità in campo editoriale italiano in grado di coniugare magia e innovazione.

iSogni è un’app è disponibile per piattaforma iOS e Android distribuita su App Store e Google Play.

 

articoli correlati

TECH & INNOVATION

Arriva Elen, il chatbot per la comunicazione corporate di Enel, sviluppato da Imille

- # # # # #

Elen - Imille

Enel lancia un chatbot dedicato alla comunicazione corporate su piattaforma Facebook Messenger. Il suo nome è Elen.

La funzione del chatbot è quella di semplificare e digitalizzare la relazione quotidiana con i principali stakeholder (clienti, azionisti, dipendenti, media, ecc). Basta fornire al chatbot poche keyword per avere in cambio i contenuti più rilevanti (notizie) che raccontano l’impegno di Enel nel mondo. Grazie alla possibilità di attivare notifiche push è possibile restare informati su comunicati stampa, notizie e storie appena queste vengono pubblicate.

Elen parla tre lingue: italiano, inglese e spagnolo; ed è in grado di rispondere alle domande legate all’organizzazione, come ad esempio “chi è il CEO di Enel?” e alle sue attività, “cosa fa Enel a Larderello?”, avvicinando l’azienda ai suoi stakeholder.

Secondo Ryan O’Keeffe, Direttore della Comunicazione di Enel: “Digitalizzazione e Customer-Centricity sono due pilastri molto importanti della strategia industriale del Gruppo Enel. Il lancio di un canale di relazione su Facebook Messenger porta il nostro brand più vicino ai nostri stakeholder, e ci porta avanti nella trasformazione digitale di Enel”.

“Questo è solo il primo passo di Enel sulla piattaforma di Facebook Messenger che vanta oltre un miliardo di utenti attivi nel mondo con una forte penetrazione proprio in quei paesi dove Enel è presente. Intendiamo evolvere questo ulteriore canale di comunicazione seguendo le linee del piano di comunicazione digitale del gruppo”, riporta Isabella Panizza, Head of Global Digital Communications di Enel, che aggiunge: “dopo #EnelFocusOn e @EnelData su Twitter, continuiamo a spingere la nostra azione di comunicazione seguendo il tema dell’innovazione non solo nei contenuti ma anche nei modi in cui parliamo ai nostri pubblici”.

Secondo Paolo Pascolo, CEO de imille l’agenzia che ha sviluppato Elen, “l’innovazione portata dai chatbot è qui per restare, non è effimera. Sempre di più la convergenza fra VR, AI e chatbot spingerà la creatività nella comunicazione verso nuovi orizzonti tecnologici ricchi di promesse”.

articoli correlati

MOBILE

Pan di Stelle lancia l’app iSogni. Firma Imille

- # # # # # #

Imille

Ideata e sviluppata da Imille, l’app iSogni è la nuova piattaforma mobile di Pan di Stelle. Con iSogni si apre una nuova fase per le iniziative di loyalty e i concorsi che permetteranno agli amanti del brand di vincere premi esclusivi.

La prima iniziativa lanciata da iSogni è il concorso per vincere l’Agenda Mandala dei Sogni, un’agenda settimanale perpetua in cui si alternano originali disegni Mandala, da personalizzare a piacere con i propri colori preferiti, e pagine in cui annotare pensieri, sogni e aspettative. Al concorso si partecipa acquistando tre confezioni di biscotti Pan di Stelle e inserendo i codici univoci presenti sulla confezione nella sezione della raccolta punti dell’app iSogni.

iSogni è anche piena di sorprese: i fan di Pan di Stelle troveranno il tool per le foto “pandistellizzate” alle quali applicare gli elementi caratterizzanti di Pan di Stelle insieme ad emoticons di nuova generazione declinate nello stile del mitico biscotto, e anche frasi personalizzate capaci di far sorridere e vivere un attimo di gioia.

Nuove release dell’app iSogni sono previste durante tutto il 2017 e prevedono nuove funzionalità e grandi sorprese a testimonianza della vocazione digitale di Pan di Stelle e del sua missione: continuare a far sognare le persone.

Un’importante passo per Pan di Stelle che continua a segnare numerosi successi online, coinvolgendo il proprio pubblico con la giusta dose di magia e di digital appeal. Con quasi due milione di fan, Pan di Stelle infatti è il brand food più seguito su Facebook in Italia.

Imille si riconferma l’agenzia digital e social di Pan di Stelle per il 2017, un sodalizio che ha fatto dell’innovazione il fulcro delle iniziative digitali del brand. iSogni è solo l’inizio di una nuova modalità di concepire il rapporto con i consumatori, una modalità mobile-centric che sfrutterà il geo-fencing per attività push in-store.

iSogni è un’app è disponibile per piattaforma iOS e Android distribuita su App Store e Google Play.

articoli correlati

AGENZIE

Imille firma il nuovo racconto di Italbasket e Barilla in un video 360

- # # # #

Imille firma il video 360 di Barilla e Italbascket

Barilla sostiene i sogni di Italbasket e rinsalda il rapporto tra pasta e sport in vista delle Olimpiadi di Rio. Nell’ambito della campagna ‘Nutriamo un Sogno’ lo sponsor della Nazionale Italiana di Pallacanestro regala a tutti i fan un video 360 con i protagonisti della squadra; il tutto, firmato da Imille. Quella per il basket in Italia è una passione profonda, che ha le proprie radici nei cuori di migliaia di persone. Perché quando si parla della Nazionale italiana di Basket si parla dell’Italia intera.

La tecnologia 360 è stata protagonista di una giornata con gli azzurri della Nazionale italiana di Basket durante il ritiro di Folgaria. Le riprese firmate da Imille e effettuate sul campo da gioco hanno dato la possibilità di apprezzare da vicino e in modo immersivo le prodezze di Gallinari e compagni. Bargnani, Belinelli, Cusin, Abass e Poeta hanno spiegato ai fan cosa significa per loro giocare a basket. Lo hanno fatto poco prima di avviarsi verso un’azione da canestro, rivolgendosi ai fan come se fossero anche loro lì sul campo da gioco, con tutta la squadra.

Il sesto uomo in campo per questa volta è stata una camera speciale che contiene 14 GoPro in grado di realizzare una ripresa a 4k sferica e stereoscopica in tempo-reale. Panoptikon VR è uno dei primi prototipi di camera 360 realizzati in Italia e nel mondo. Il video 360 è stato pubblicato e sponsorizzato su piattaforma Facebook 360 e Youtube 360. Oltre alla versione desktop e mobile il video può essere meglio apprezzato con i dispositivi di realtà virtuale Cardboard su piattaforma Youtube e con Samsung Gear VR su Facebook.

articoli correlati

AGENZIE

Sperlari affida a Imille la creatività digitale e la gestione dei social

- # # #

sperlari imille

Un nuovo brand food entra nel portfolio di Imille, agenzia digital con un forte posizionamento nel settore, che si occuperà di sviluppare la comunicazione digital di Sperlari, definire la content strategy e il piano editoriale dedicato. Particolare attenzione verrà dedicata ad estendere il target alle fasce di età più giovani sfruttando i canali digitali e creando occasioni di interazioni con la marca.

“Sperlari è un marchio presente nell’immaginario di ognuno di noi”, commenta Paolo Pascolo, creative director di Imille, “è veramente una grande soddisfazione poter contribuire a renderlo ancora più memorabile”.

Qualità, tradizione ma anche capacità di innovare sono al centro della comunicazione dello storico marchio, nato a Cremona nel 1836, quando Enea Sperlari aprì nel cuore della città un negozio per la produzione artigianale e la vendita di specialità tipiche della tradizione locale: il torrone e la mostarda. Sperlari, oggi parte del gruppo Cloetta, produce tancora orrone, torroncini, mostarda, caramelle e praline.

Il concept creativo vuole da una parte sottolineare tutto ciò che Sperlari rappresenta, ovvero l’immaginario, la tradizione, e l’aspirazione; dall’altra comunicare la presenza dei suoi prodotti sia nella vita di tutti i giorni e nelle occasioni speciali delle persone.

Tutto ciò verrà comunicato con l’ausilio delle storie di marca ideate da Imille: Taste Stories, Sperlari Stories e Italian Stories che racconteranno tutte le curiosità di Sperlari partendo dalle specificità del prodotto e dall’evoluzione del brand nel corso degli anni attraverso i grandi avvenimenti che hanno segnato la storia dell’Italia.

 

articoli correlati