MEDIA 4 GOOD

Giocare per un futuro migliore, successo per la campagna solidale di Imaginarium

- # # #

Ottimi risultati per la campagna solidale “Giocare per un futuro migliore” promossa da Imaginarium e L’Albero della Vita. A essere coinvolti dal progetto tutti i punti vendita Imaginarium dove era possibile acquistare uno speciale braccialetto solidale, disponibile in due misure, adulto e bambino.
In otto mesi, grazie alla buona visibilità della campagna ottenuta sui media e sui social network dei due partner coinvolti – individuabile dall’hashtag #GiocarePerUnFuturoMigliore – sono stati venduti 9.500 braccialetti.
Boom di vendite anche per la limited edition del KicoNico Red, pupazzo simbolo di Imaginarium. Quasi 500 sono stati i pezzi acquistati negli store Imaginarium, destinando così 5€ del prezzo di listino direttamente alle attività de L’Albero della Vita.

“E’ stato bello vedere come il lavoro di accoglienza e sostegno ai minori a rischio d’esclusione sociale, verso i quali ci impegniamo ogni giorno per restituire un futuro migliore nelle nostre case, ha incontrato in questa campagna la sensibilità di tanti nuovi amici” – dichiara Ivano Abbruzzi, Vice Presidente della Cooperativa Sociale L’Albero della Vita. “Una sensibilità che genera frutti concreti per i più piccoli accolti nella comunità ZeroSei: l’educazione, la socializzazione, il gioco, la ricerca di una nuova famiglia, fattori chiave per superare traumi e deprivazioni, ritrovare serenità e costruire nuovi progetti di vita”.
“Siamo davvero grati della generosità dei nostri clienti e di tutti coloro che hanno voluto contribuire alla campagna “Giocare per un futuro migliore” – dichiara Nicoletta Catozzella, Retail Manager Italia di Imaginarium -. “Aver aiutato i bambini più bisognosi, contribuendo al loro diritto di crescere serenamente, anche attraverso il gioco, è per noi di Imaginarium l’obiettivo più bello mai raggiunto”.

articoli correlati

TECH & INNOVATION

La stampa 3D diventa un gioco da bambini: Imaginarium lancia Imaginieer

- # # # #

Il brand spagnolo Imaginarium annuncia il lancio mondiale di Imaginieer, la prima linea di giocattoli in 3D realizzabili direttamente dai bambini, comodamente da casa. Per il debutto della nuova linea – previsto per metà ottobre – si punta sui gioielli realizzati dai giovanissimi clienti del marchio e sulle macchinine Comic Cars, customizzabili e personalizzabili accedendo al sito imaginieer.com.

Ricevere il giocattolo scelto a casa sarà semplicissimo: una volta selezionati design, forme e colori dei giocattoli, i bambini inviano la loro scelta al software Imaginarium Magical Factory che si occuperà di realizzare il prodotto in 3D. Dopo pochi giorni, i bambini riceveranno il giocattolo in 3D direttamente a casa propria o all’indirizzo indicato.

Con il lancio mondiale di Imaginieer, Imaginarium ha definitivamente impresso un passo avanti nell’obiettivo di rendere accessibile e a portata di bambino una tecnologia avanguardistica come quella della stampa 3D, semplificando sensibilmente il processo di fabbricazione di un giocattolo.

“Imaginieer non rappresenta solo un gioco unico e personalizzato” – dichiara David Monterde, Imaginieer Product Manager di Imaginarium -. “Imaginieer è la nuova frontiera della creatività che permette a genitori e bambini di lavorare insieme nella fase di progettazione dei giocattoli”.

“Cosa c’è di più bello del creare il giocattolo dei propri desideri?” – ha aggiunto Félix Tena, CEO Imaginarium. “Noi di Imaginarium siamo orgogliosi di essere stati pionieri nell’introdurre la tecnologia 3D nel settore dei giocattoli, in un modo semplice, intuitivo e accessibile per i bambini. Imaginarium è a oggi la prima azienda ad aver applicato questa rivoluzionaria tecnologia di produzione, la stampa 3D, al settore dei giocattoli”.

La prima gamma di giochi Imaginarium personalizzabili e stampati in 3D comprende una collezione di gioielli (venduta al prezzo di 19,95€) e macchinine Comic Cars (24,95€). A partire dal 2015 nuove linee di prodotto implementeranno il catalogo di giochi realizzabili con stampante 3D.

La stampa 3D utilizzata da Imaginarium per i suoi giocattoli apre un mondo di infinite possibilità di produzione, con un occhio costante all’ambiente.
I prodotti Imaginieer di Imaginarium sono infatti realizzati in PLA, un polimero plastico 100% biodegradabile. Inoltre, la stampa 3D non utilizza più materiale di quanto strettamente necessario, aggiungendo strati di materiale attraverso un processo di estrusione.
Le linee Imaginieer saranno disponibili a partire da metà ottobre accedendo online ai siti Imaginarium, su www.imaginieer.com e presso i punti di vendita tradizionali.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

“El Día E”: la festa della lingua spagnola con Imaginarium e Instituto Cervantes

- # # # #

La catena spagnola di negozi specializzati nell’infanzia Imaginarium e la sede italiana dell’Instituto Cervantes annunciano la loro partnership in occasione della celebrazione del “El Día E”, la giornata mondiale della lingua spagnola, seconda lingua del mondo per numero di parlanti madrelingua. Il 22 giugno tutte le sedi dell’Instituto Cervantes, comprese le 4 sedi italiane di Roma, Milano, Napoli e Palermo, aprono così le proprie porte in occasione di questa speciale ricorrenza, organizzando giochi, laboratori, workshop per grandi e piccini.

 

 

La collaborazione prevede mutua visibilità di Imaginarium e Instituto Cervantes, tanto all’interno del blog corporate Imaginarium La Piccola Porta (www.lapiccolaporta.com) e nel sito italiano dell’Instituto Cervantes, quanto nelle newsletter e nelle comunicazioni ufficiali dirette ai soci Imaginarium e a tutti gli studenti delle sedi italiane dell’Instituto Cervantes.

Oltre a forniture di prodotti Imaginarium dall’alto valore educativo nelle sedi italiane dell’Instituto Cervantes e al posizionamento di leaflet e materiale sui corsi per bambini dell’Instituto Cervantes nei punti vendita Imaginarium, la collaborazione prevedrà nei prossimi mesi anche un calendario editoriale di post, dal contenuto culturale e didattico, all’interno della pagina facebook di Imaginarium Italia e delle pagine italiane dell’Instituto Cervantes.

articoli correlati