AZIENDE

Campagna IIAS: con i surgelati riduci gli sprechi, aiuti l’ambiente e risparmi

- # # #

L’Istituto Italiano Alimenti Surgelati in collaborazione con le più rappresentative aziende del settore lancia una campagna informativa sul contenimento degli sprechi alimentari domestici grazie a un maggior utilizzo di prodotti surgelati.

Oltre il 30% della produzione complessiva di cibo destinato al consumo umano, viene oggi sprecata; nella sola Europa tale quantità ammonta a 89 milioni di tonnellate, ovvero 18 kg procapite. L’Italia rappresenta circa il 10% con 8.8 milioni di tonnellate di cibo sprecato all’anno, ciò vuol dire 27 kg di cibo procapite per una perdita economica di 454 euro all’anno per famiglia.

Gli sprechi alimentari avvengono in tutta la filiera del cibo, ma in massima parte in quella del consumo domestico (42% dello spreco totale in Europa). Da molteplici indagini si evince che l’uso dei surgelati può contribuire al contenimento degli sprechi e, di conseguenza, a un marcato risparmio familiare.

I motivi sono semplici:
– la lunga durata di conservazione dei surgelati permette al consumatore di utilizzare gli alimenti prima che si deteriorino;
– un maggior controllo nelle porzioni o quantità: si utilizza solo ciò di cui si ha effettivamente bisogno;
– la quantità acquistata corrisponde a quella edibile: niente sbucciature, spinature, lavaggi etc.

Di conseguenza si mangia tutto ciò che si acquista.

Un ateneo britannico, la Sheffield Hallam University, ha di recente condotto una serie di approfondite indagini in merito agli scarti alimentari; gli studiosi hanno dimostrato che il consumo domestico di prodotti surgelati, rispetto agli analoghi a temperatura sopra lo zero, può abbattere del 47% gli sprechi, generando ovviamente un grande risparmio familiare. Tra giugno e luglio apparirà su una selezionata serie di testate periodiche la campagna caratterizzata dallo slogan “Blocca lo spreco” e dall’immagine di una responsabile d’acquisto “ghiacciata” nell’atto di gettare nella pattumiera resti alimentari.

Info su www.istitutosurgelati.it

articoli correlati