BRAND STRATEGY

Integral Ad Science (IAS) protegge gli inserzionisti di YouTube su scala globale

- # # # # #

ias - youtube

Da oggi, la collaborazione tra Integral Ad Science (IAS) e YouTube consente a tutti i clienti inserzionisti di IAS di proteggere il loro investimento pubblicitario sulla piattaforma a scala globale. L’anno scorso YouTube ha scelto IAS come primo partner, per risolvere le problematiche di brand safety sulla piattaforma.

La soluzione per la brand safety di IAS coniuga in modo unico il machine learning e la revisione umana al fine di ricalibrare continuamente i modelli, piuttosto che basarsi esclusivamente su un algoritmo statico. L’utilizzo di questa tecnica consente a IAS di informare gli inserzionisti e YouTube di contenuti poco appropriati, offrendo la possibilità di smettere di monetizzare i contenuti e di ricalibrare al meglio le campagne per ridurre i rischi.

Lo scorso dicembre, è stato avviato un importante programma in versione beta per monitorare centinaia di campagne condotte in sette Paesi, con oltre 50 inserzionisti. Brand globali di rilievo come Diageo, Bayer Health e Verizon hanno usufruito dei report di IAS allo scopo di adeguare la loro strategia di brand safety e ottenere risultati migliori nel posizionamento dei loro annunci su YouTube.

“Tutte le parti interessate del nostro settore devono lavorare sinergicamente per trovare una soluzione alle criticità della brand safety”, ha dichiarato Nick Morley (nella foto), Managing Director EMEA di IAS. “La beta ha avuto grande successo, perché YouTube, IAS e i brand di rilievo coinvolti hanno instaurato un dialogo costruttivo al fine di creare una soluzione congiunta”.

Ora che l’integrazione è disponibile per tutti i clienti di IAS, i modelli di machine learning sviluppati, continueranno a essere perfezionati. Con l’assimilazione di una quantità sempre maggiore di dati e l’immissione di ulteriore feedback umano, i modelli IAS analizzeranno nuovi contenuti e impareranno a identificare video, ritenuti non sicuri, permettendo ai brand di poter prendere decisioni quasi in tempo reale per le loro campagne.

articoli correlati

AZIENDE

A Vista Equity Partners la maggioranza azionaria di Integral Ad Science (IAS)

- # # # # # #

ias

Vista Equity Partners, società di private equity focalizzata sugli investimenti in software, dati e attività tecnologiche, ha siglato un accordo per l’acquisizione della maggioranza di Integral Ad Science (IAS), software company globale specializzata in soluzioni per la verifica e l’ottimizzazione dell’advertising online.

“Siamo entusiasti di collaborare con il team di IAS per aiutare l’azienda ad accelerare gli investimenti che promuovono l’innovazione e la crescita per soddisfare le esigenze dei clienti”, ha dichiarato Brian Sheth, co-fondatore e presidente di Vista. “Brand Safety, viewability e ad fraud rappresentano una seria sfida per gli investitori e gli editori di tutto il mondo” ha aggiunto. “Viviamo in un mondo digitale e IAS svolge un ruolo fondamentale, consentendo ai brand, alle agenzie, agli editori e alle piattaforme di avere una guida nell’ecosistema pubblicitario”.

Fondata nel 2009 con sede a New York City e uffici in 13 Paesi, IAS è diventata leader nel proprio settore, assicurando che ogni annuncio digitale arrivi a consumatori reali in ambienti adatti al marchio e abbia l’opportunità di essere visto dagli stessi. “Sin dall’inizio abbiamo riconosciuto l’enorme potenziale della pubblicità digitale, ma allo stesso tempo le problematiche che ne minano l’impatto”, ha dichiarato Scott Knoll, Ceo di Integral Ad Science . “Con il supporto di Vista, continueremo a concentrarci sul miglioramento delle nostre capacità di verifica per proteggere gli asset dei nostri clienti utilizzando le nostre competenze e i dati per far crescere le loro attività in tutto il mondo e influenzare un maggior numero di consumatori”. Questa operazione permetterà a IAS di intensificare i suoi piani di sviluppo.

“In IAS, abbiamo sempre creduto che il digitale avrebbe garantito un’enorme crescita all’industria della pubblicità, ma abbiamo anche riconosciuto le sfide che avrebbe portato per marchi, agenzie, editori e piattaforme a livello globale”. ha dichiarato il managing director di IAS EMEA, Nick Morley. “Questa è una grande opportunità per IAS di consolidare la propria presenza nei mercati chiave di tutto il mondo. Grazie ai nuovi investimenti di Vista, continueremo a concentrarci sull’evoluzione della nostra tecnologia per meglio proteggere e far crescere il business dei nostri clienti dell’area EMEA mentre navigano nell’‘insidioso’ ecosistema pubblicitario”.

Gli investitori di IAS – Accomplice, August Capital e Sapphire Ventures – resteranno azionisti della società.

articoli correlati

MEDIA

Italiaonline e Integral Ad Science (IAS): partnership per la verifica delle campagne pubblicitarie

- # # # # # #

Integral Ad Science

Italiaonline prosegue la sua strategia sulla trasparenza e la media quality scegliendo Integral Ad Science (IAS), azienda globale con sede a New York specializzata in misurazione della media quality, come partner di ad verification per viewability, brand safety e frodi pubblicitari

Italiaonline ha intrapreso da tempo un percorso di qualità e trasparenza delle sue properties e uno dei temi centrali che permettono di dare maggiore visibilità ai propri inserzionisti è rappresentato dalle metriche di media quality, prima fra tutte la viewability. Da qui la scelta di IAS come partner di riferimento per la verifica delle campagne pubblicitarie con la misurazione delle performance di viewability, brand safety e traffico fraudolento.

Anche i risultati relativi all’incidenza del traffico non umano mostrano come Italiaonline si posizioni al top con un livello medio inferiore che supera il 50% rispetto alla media di mercato. Ciò permette di sviluppare una value proposition per clienti e agenzie molto forte, grazie alla possibilità di avere un dato verificato indipendente fornito da IAS, che funge da nuova digital currency del mercato di riferimento.

“Italiaonline è stata uno dei primi player sul mercato italiano a indirizzare il tema della media quality, il quale così come i dati rappresenta un fattore competitivo per un publisher”, ha commentato Domenico Pascuzzi, Marketing Director BU Large Account di Italiaonline (nella foto). “Lavoriamo sulla qualità delle nostre properties a livello di contenuti e prodotti pubblicitari, sulla sicurezza della nostra posta elettronica e la protezione dei dati personali dei nostri utenti. Siamo soddisfatti di questa partnership perché IAS è una soluzione scalabile e un partner capace di capire le nostre esigenze di business e le sfide che siamo chiamati ad affrontare.”

“Siamo davvero orgogliosi che Italiaonline abbia scelto IAS per un tema tanto sentito dal mercato”, ha commentato Elisa Lupo, Director Italia di Integral Ad Science. “Il nostro impegno è di dare gli strumenti necessari a Italiaonline per analizzare, comprendere e ottimizzare la loro inventory in termini di brand safety, viewability e potenziale traffico fraudolento”.

Massimo Crotti, Sales House Director BU Large Account di Italiaonline, ha dichiarato: “Con la nostra concessionaria di pubblicità nazionale iOL Advertising forniamo forti garanzie di trasparenza agli inserzionisti sul posizionamento degli annunci. La partnership con IAS rappresenta un ulteriore passo in avanti su queste tematiche sempre più centrali nel mercato in cui ci muoviamo”.

articoli correlati

AZIENDE

Sizmek con DoubleVerify, comScore e Integral Ad Science per la video viewability

- # # # # #

Sizmek

Sizmek Inc., la piattaforma buy-side indipendente che crea coinvolgenti esperienze di advertising, annuncia la propria partnership con DoubleVerify, comScore e Integral Ad Science (IAS) per garantire agli advertiser una maggiore efficienza del flusso di lavoro nella misurazione di video HTML5.

Insieme alle funzionalità di data enablement, ottimizzazione creativa e media execution dell’azienda, il Verification API framework di Sizmek offre un modo unificato e accelerato di operare, evitando di dover manualmente definire e scambiare ripetutamente i tag tra provider tecnologici, attività che può ritardare il lancio delle campagne, amplificare l’errore umano e aggiungere latenza con conseguenze sull’esperienza dell’utente.

“In un ecosistema sempre più complesso, i nostri clienti chiedono maggiore controllo e trasparenza”, ha commentato Enrico Quaroni, Managing Director Italy di Sizmek. “Queste partnership sono essenziali per supportare al meglio i nostri clienti e dimostrano il nostro impegno nell’aiutare i marketer a sfruttare i vantaggi di una piattaforma unificata che opera sull’intero media plan”.

“Con la crescita esponenziale del digital video advertising, è fondamentale che le piattaforme tecnologiche riescano a offrire la velocità e la precisione necessarie per rispondere alle esigenze dei clienti”, ha dichiarato Steve Woolway, SVP of Business Development di DoubleVerify. “Sizmek ha il merito di investire nelle tecnologie e nell’integrazione essenziali per supportare i livelli più avanzati di autenticazione e misurazione video di terze parti”.

Il framework per video HTML5 è pienamente supportato dai formati In-Stream HTML5-based VPAID e In-Stream Enhanced Video di Sizmek.

“Il nostro obiettivo non è solamente migliorare l’efficienza operativa ma consentire anche ai nostri clienti di essere proattivi relativamente alla media quality”, ha commentato Harmon Lyons, SVP of Business Development di IAS. “Grazie all’integrazione con Sizmek, gli ad che non rispondono alle aspettative dei clienti per quanto riguarda brand safety, frodi e conformità geografica possono essere bloccati per sempre”.

“I nostri clienti chiedono sempre di più la garanzia che i propri ad siano visibili e vengano veicolati a utenti reali”, ha dichiarato Steve Ahlberg, SVP of digital advertising products di comScore. “Le nostre soluzioni di verifica leader di mercato introducono questa certezza nel digital advertising e la nostra partnership con Sizmek offre ai clienti un modo ancora più efficiente di trarre benefici da questi servizi”.

articoli correlati

AZIENDE

Blasting News e IAS insieme per garantire qualità e brand safety agli inserzionisti

- # #

Blasting News

Blasting News ha stretto una partnership con IAS, specializzata sulle misurazioni e gli analytics che permette all’industry dell’advertising di impostare un’ulteriore linea di difesa contro i content di bassa qualità o la pubblicità distorta all’interno della vastissima portata di contenuti oggi esistenti.

Gli articoli di Blasting News sono realizzati da collaboratori freelance delocalizzati, i cosiddetti Blaster, e vengono poi sottoposti a un’accurata verifica da parte di un team qualificato di professionisti senior e analizzati da algoritmi tecnologici. La tecnologia di brand safety di IAS esamina i contenuti di Blasting News in tempo reale, identificando il livello di rischio che potrebbe comportare per un marchio, classificandolo in quattro categorie: molto basso, basso, medio e alto. Blasting News ha integrato questa tecnologia su tutti i contenuti prodotti: oltre 30.000 articoli ogni mese che sono controllati meticolosamente per garantire la massima sicurezza per gli advertiser.

Si tratta di un’implementazione particolarmente rilevante anche per la divisione italiana, guidata dal Country Manager Filippo Arroni, che conta oltre 15 milioni di utenti unici, un magazzino video pre-roll da 40 milioni di video view mensili e oltre 500.000 Blaster attivi. L’area italiana si è prefissata un importante obiettivo per il 2017: un incremento notevole del fatturato rispetto al 2016 grazie ai progetti di Native Branded Content, alla nuova struttura locale, al consolidamento del business in programmatic e alla crescita delle campagne in reservation. La partnership favorirà ulteriormente il raggiungimento di grandi risultati anche in quest’area geografica.

“Ogni volta che IAS ci segnala che un articolo è classificato a medio o alto rischio, blocchiamo ogni forma di pubblicità. Siamo consapevoli del fatto che le grandi news sono molto interessanti a livello informativo per i nostri lettori, ma allo stesso tempo poco sicure per alcuni marchi. Un esempio può essere quando viene riportata una storia riguardante un terremoto: dal punto di vista giornalistico si vuole garantire una copertura totale dell’evento, ma con ogni probabilità nessun brand vuole essere associato a un terremoto. Ecco perché continueremo a pubblicare questo tipo di notizie, ma non mostreremo alcuna pubblicità accanto ad esse, se i marchi non lo desiderano”, ha spiegato Andrea Manfredi, CEO di Blasting News.

Grazie a questa partnership, Blasting News utilizzerà i dati IAS per produrre campagne sicure per i brand e inventory di qualità, soddisfacendo appieno le aspettative degli advertiser.

“Preservare la sicurezza dei marchi in un mondo programmatic è per noi la priorità assoluta. Continueremo, quindi, a sottoporre la nostra piattaforma e gli algoritmi a stress-test per essere certi che i brand possano fare la loro pubblicità in un ambiente assolutamente sicuro”, ha concluso Andrea Manfredi.

“Siamo molto entusiasti di questa partnership con Blasting News che ha l’obiettivo di monitorare la brand safety del loro repertorio di news. Questa collaborazione garantisce ai clienti di Blasting News la sicurezza che la reputazione del loro brand è protetta in linea con le loro impostazioni di livello di rischio”, ha spiegato Paul Astbury, Business Development Director, Publisher Solutions, Integral Ad Science.

articoli correlati

MEDIA

Rubicon Project e Integral Ad Science, partner per ottimizzare annunci video e display

- # # # #

rubicon

Rubicon Project, azienda che gestisce uno dei marketplace pubblicitari più grandi del mondo, e Integral Ad Science (IAS), impresa basata sulla tecnologia e sui dati che consente al settore pubblicitario di raggiungere e influenzare in maniera efficace clienti di tutto il mondo, hanno annunciato una partnership per offrire agli inserzionisti dati affidabili di terza parte per la pubblicità video e display a livello del posizionamento dei singoli annunci, così da ottimizzare la gestione delle offerte in asta.

L’offerta di visibilità combinata di Rubicon Project e IAS viene proposta ai clienti e partner di IAS per la pubblicità video e statica per il Web sia in chiave desktop che mobile. L’offerta sfrutta la soluzione di visibilità di IAS con accreditamento MRC, il catalogo di publisher globale di alta qualità di Rubicon e il nuovo oggetto delle metriche OpenRTB 2.5 di IAB per individuare nelle richieste di offerta l’efficacia del posizionamento di ciascun annuncio nelle pagine per la visualizzazione da parte del consumatore.

“La nostra esclusiva soluzione di visibilità fornirà agli acquirenti i segnali sui dati che richiedono per prendere decisioni di acquisto più efficaci in tempo reale e mettere in atto campagne di successo nei nostri marketplace aperti (open marketplace) e privati (private marketplace)”, spiega Tom Kershaw, Chief Product & Engineering Officer, Rubicon Project.  “I dati della visibilità a livello di posizionamento sono un elemento fondamentale anche per i publisher, che potranno valutare e ottimizzare il proprio inventario al livello più dettagliato possibile ottenendo migliori prestazioni e prezzi, massimizzando il rendimento a lungo termine”

articoli correlati