MEDIA

Record di pagine adv per la Fashion Issue di Gioia!

- # # #

Gioia! è in edicola con il numero speciale Fashion Issue, in versione brossurata, che ha fatto registrare un record di pagine adv toccando quota 135 su 320 totali.

“Penso che riuscire a battere un record che risale al 2009 sia un successo senza precedenti, se consideriamo quanto è accaduto alla stampa periodica negli ultimi 5 anni. La Fashion Issue, con le sue 135 pagine, è solo uno dei risultati straordinari di questi primi mesi autunnali. Il numero 37 in edicola il 24 settembre, dedicato alla settimana della moda milanese, aveva pubblicato 127 pagine adv con la presenza di tutti i più importanti marchi alto di gamma. La Beauty Issue, in edicola l’8 ottobre, ha registrato una raccolta che sfiora le 100 pagine ed è solo il primo dei due appuntamenti previsti in questo semestre. La passione con cui Hearst Magazines Italia ha lavorato in questi due anni, da quando il nostro settimanale è stato rilanciato nel mese di giugno del 2013, ci ha portati a questi risultati straordinari. Oggi festeggiamo un record che abbiamo cercato e voluto con grande determinazione e che sarà di stimolo per continuare a migliorarci e a crescere nei prossimi mesi e nei prossimi anni”, commenta Marco Cancelliere, Direttore Generale Adv Italia di Hearst Magazines.

La Fashion Issue, lanciata nel 2014, esce due volte all’anno e vede la moda come assoluta protagonista di tutti gli spazi redazionali del magazine, con una vera e propria contaminazione di contenuti dall’editoriale all’attualità al beauty e al lifestyle. Per Gioia! la moda è centrale e protagonista e rappresenta soprattutto un vero e proprio punto di forza editoriale. È quanto confermano anche le lettrici, intervistate da GFK Eurisko nei focus group della primavera 2015 (un appuntamento ormai fisso per l’editore dal lancio del nuovo magazine) che dichiarano di leggere Gioia! perché “non si limita a parlare di moda in una sezione dedicata/ritagliata, ma lo fa in maniera pervasiva, pagina per pagina, attraverso un linguaggio non verbale e implicito”.

La nuova Fashion Issue è un concentrato di look, tendenze e cool people in 320 pagine totali. “Un numero totalmente focalizzato sulla moda. Non solo tante pagine dedicate alle nuove tendenze di stagione, ma anche le storie dei protagonisti della moda: i grandi stilisti, le nuove superstar delle passerelle, gli emergenti da tenere d’occhio, le scuole più accreditate per lavorare nel fashion system. Uno speciale imperdibile per chi ama la moda e vuole saperne di più”, dice il Direttore Maria Elena Viola.

In contemporanea con l’uscita in edicola della Fashion Issue, la piattaforma digitale di Gioia! propone i propri contenuti in chiave fashion. Le proposte editoriali digitali sono anch’esse caratterizzate da una forte contaminazione moda che coinvolge le utenti attraverso rimandi con Gioia! cartaceo, ma anche con spunti nuovi e di grande appeal, sfruttando le importanti potenzialità di interazione della piattaforma stessa.

articoli correlati

MEDIA

Hearst Magazines Italia presenta Gioia! Digital: un nuovo progetto su AppStore e su web

- # # # # # # #

Dopo essersi completamente rinnovato in edicola nel giugno 2013 Gioia! si offre tutta nuova anche nella versione digitale. Il settimanale di Hearst Magazines Italia diretto da Maria Elena Viola debutta in questi giorni con un nuovo progetto su App Store e su web e propone alle lettrici una piattaforma  che va molto al di là del sito tradizionale.

A disposizione delle utenti c’è infatti uno spazio molto interattivo: un mondo di emozioni da condividere, proposte sia dalla redazione sia dagli utenti in un unico flusso da viralizzare. E’ la prima volta che una piattaforma digitale mette a disposizione delle lettrici gli stessi strumenti di produzione dei contenuti dello staff editoriale, facendoli interagire.

La piattaforma unisce il meglio dei social in immagini e parole, dove la fruibilità smartphone è uno dei motori propulsori della progettazione stessa, per permettere alle utenti di utilizzare  con estrema semplicità ed empatia il loro magazine. E’ sufficiente creare un profilo personale e da quel momento si può cominciare a condividere le “istantanee di vita” attraverso tre tipologie di post – fotografia, testo, citazione – a cui poter associare uno dei 12 mood che Gioia! propone.  I post possono nascere liberamente dalle idee delle utenti oppure interpretando uno dei “Topic” che la redazione quotidianamente propone.

L’applicazione consente inoltre di scattare foto o di caricarle dal rullino del proprio smartphone e di personalizzarle aggiungendo cornici, testi e fumetti o utilizzando filtri.

Sia dal sito sia sull’app è anche possibile utilizzare una nuova forma narrativa che consente di collegare più elementi di contenuto tra di loro per raccontare una storia con una sequenza di post. Ogni post può essere condiviso anche sui principali social quali Facebook, Twitter e Instagram mentre è contemporaneamente possibile cliccare “I care” (l’equivalente dell’“I like” di Facebook) e seguire altri utenti all’interno della piattaforma. I migliori post e le migliori storie vengono poi selezionati dalla redazione e messe in evidenza sia sul sito www.gioia.it sia sul magazine in edicola creando una circolarità tra applicazione, sito e rivista. Il flusso emozionale di ciascun utente è poi visualizzabile attraverso un’apposita interfaccia di statistiche che tiene traccia del proprio mood giorno per giorno sulla base dei contenuti condivisi.

L’innovazione si riflette anche sul fronte delle soluzioni pubblicitarie. L’offerta comprende, accanto alle tradizionali formule di display advertising quali Skin e formati standard IAB, una forma evoluta di Native Advertising.  Gli inserzionisti potranno partecipare attivamente alla vita della piattaforma grazie a una tipologia di profilo appositamente concepita per le loro esigenze e soprattutto branded content. Attraverso il profilo “Brand Ambassador”, che è evidenziato da un’apposita icona, gli advertiser potranno postare i propri contenuti con immagini, testi e aforismi e prendere parte alla conversazione dando vita a delle vere e proprie “Native Stories” .

articoli correlati