AZIENDE

Costa (Country Manager WPP): “Il nostro 2018 chiuderà a +8%”. Nel 2019 il Campus WPP

- # # # # # #

campus wpp

“Nel 2018, le prime valutazioni ci indicano un chiusura a +8% per il gruppo WPP nella sua interezza”, esordisce Massimo Costa, Country Manager del Gruppo, in un incontro stampa dedicato alle novità in chiusura del primo semestre. “In questa fase il mercato appare un po’ rallentato, frutto dell’incertezza legato alle molte novità in ambito politico, a partire dalla formazione del governo, ma le proiezioni rimangono positive. Per quanto ci riguarda direttamente, il margine operativo è in crescita a doppia cifra”.”,
“Come gruppo stiamo crescendo molto più del mercato, che stimiamo arriverà a un +2% a fine anno”, aggiunge Massimo Beduschi, a capo di GroupM e COO di WPP Italia. “Quanto al fatturato consolidato, viaggiamo sui 400 milioni l’anno, per il 70% prodotto da clienti locali”.
Pur in presenza di cifre che non sono divulgate nei dettagli, essendo WPP quotato alle Borse di Londra e New York, l’insieme è la conferma di una crescita che ha visto il Gruppo in 10 anni lievitare del 30% nei fatturati, a fronte di un mercato che nello stesso tempo si è contratto del 20% in valore assoluto, e del 40% se si calcola che all’inizio era virtualmente inesistente l’apporto di Google e Facebook, stimato attualmente intorno ai due miliardi.

“È anche per queste cifre che abbiamo avuto dall’headquarter l’approvazione per il lancio del WPP Campus”, prosegue Costa. “la nuova sede che, a partire dalla prossima primavera, riunirà gradualmente tutti i 2.300 dipendenti WPP, provenienti dalle 65 aziende del Gruppo attualmente a Miano. Progettato dallo stesso studio di architettura, BDS di Londra, che ha già firmato i progetti dei Campus a New York e a Shanghai, e di quelli di prossima apertura a Londra, Madrid ed Amsterdam. Si tratta di progetto già attivo, in parte in locazione, nella sua attività di trasformazione e adattamento degli spazi: un’operazione di riqualificazione industriale di circa 30.000 metri quadrati in area Navigli, nell’ex Complesso Industriale “Richard Ginori” con una delle attigue torri Richard”.

Un investimento importante, che testimonia la fiducia di WPP nel potenziale di crescita del nostro Paese, che permetterà a tutti i talenti provenienti dalle 65 aziende del gruppo WPP di lavorare a stretto contatto. Il campus permetterà inoltre una sinergia strategica, gestionale e finanziaria, per massimizzare l’efficienza e dare vita ad uno “stargate” dei servizi WPP a disposizione di tutti i clienti.

“Un nuovo polo della creatività e della cultura per Milano”, conclude Costa. “Senza considerare il “social impact” per il rilancio di una periferia urbana e per la creazione di nuove opportunità di business a beneficio di tutta la città e del Sistema Paese”.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Ikea in tv con il quarto episodio di The Lift. Firmano DDB e Wavemaker

- # # # # #

ikea the lift

“Siamo fatti per cambiare”, tema dell’anno di Ikea Italia, si riconferma il protagonista indiscusso della comunicazione integrata dell’azienda svedese. Tv e web sono i mezzi sui quali ha preso vita la mini-serie di Ikea The Lift, arrivata ormai al suo quarto ed ultimo episodio dell’anno.
L’ascesa ai piani di un iconico condominio ci racconta, puntata dopo puntata, come la casa sia un luogo “fluido” in cui tutto può accadere e in cui ognuno di noi può essere esattamente ciò che vuole.
Il progetto vuole dimostrare come il cambiamento dei luoghi che viviamo e soprattutto il modo in cui li viviamo sia funzionale a migliorare la qualità della nostra vita.

In questa puntata l’esuberante protagonista non più giovanissimo si sfida a tenersi in forma coinvolgendo la moglie con la sua irrefrenabile voglia di cambiare. L’ambiente principe questa volta è la camera da letto con un particolare focus sulla struttura letto con 6 cassetti Nordli nel 30” e sulla fodera per cuscino double face Lungört nel 15”.

Il concept creativo è stato elaborato da DDB e pianificato con la collaborazione di Wavemaker Italia. società parte di Group M ha studiato una pianificazione con un ampio media mix che sta coinvolgendo televisione, stampa, radio, affissione e digital.
Il lancio della quarta attività è sostenuto da una campagna pubblicitaria integrata, on air dal 15 aprile fino al 2 giugno.
La campagna televisiva, dal 15 aprile al 2 giugno, coinvolgerà le principali tv generaliste e satellitari, attraverso la rotazione di spot a 30’’ e 15’’.

Da metà maggio fino alla fine del mese, è prevista la rotazione di uno spot radio da 30” e 15’’ in alta frequenza sulle principali radio nazionali e locali. In contemporanea alla radio, la campagna stampa coinvolgerà le principali testate nazionali e locali.
In continuità per tutto il periodo di attività, il digital interesserà un target ampio, sia maschile sia femminile, con l’aggiunta di attività dedicate alla promozione.

La campagna includerà la presenza sui principali social network, un supporto tattico sia con attività display che con video, una presenza con lo spot su Spotify e attività mirate con focus mobile. Completano la pianificazione una serie di attività in programmatic.

 

Credits
Il TVC è prodotto da Karen Film, regia di Tomas Mankovsky.
Media Agency: Wavemaker Italia
Agency: Gruppo DDB Italia
Executive Creative Director: Luca Cortesini
Client Creative Directors: Matteo Pozzi, Samantha Scaloni
Art Director: Pierpaolo Bivio
Copywriter: Camilla Nani
Account Director: Davide Bergna
Account Manager: Azzurra Ricevuti
Marketing Director IKEA Italia: Laura Schiatti
External Communication Manager IKEA Italia: Alessandra Giombini
Advertising Responsible IKEA Italia: Cristina Pedotti
Marketing Specialist IKEA Italia: Federica Fazzini
Production Agency: Karen Film
Executive Producer: Tommaso Pellicci
Director: Tomas Mankovsky
DOP: Adam Frisch
Set Designer: Totoi Santoro
Post-Production: EDI

articoli correlati

MEDIA

Da quotidiani a newsbrand: progetto di GroupM insieme a 4 concessionarie

- # # # # #

newsbrand

Il progetto NewsBrand, realizzato da GroupM, con Manzoni, Piemme, RCS Pubblicità e System24, ha l’obiettivo di richiamare l’attenzione della business e media community sull’evoluzione del ruolo pubblicitario dei quotidiani e dei loro canali digitali, e di sfatare alcuni pregiudizi nei confronti della stampa per riposizionarne strategicamente l’offerta all’interno del panorama mediatico italiano.

Nel corso dei due appuntamenti di Milano (31 gennaio) e Roma (2 febbraio) verranno raccontate le linee-guida di questa evoluzione attraverso una rilettura più approfondita dei dati di scenario e la presentazione dei contenuti emersi da numerosi cantieri di ricerca ad-hoc.

“Il primo obiettivo di questo progetto”, spiega Federica Setti, Chief Research Officer di GroupM, “è rendere familiare a chi investe sul mercato italiano l’etichetta ‘NewsBrand’, un termine che certifica il passaggio del mondo dei quotidiani e dei loro siti in un Sistema multi-piattaforma integrato costituito dal quotidiano cartaceo e dalle versioni desktop, tablet e mobile. Questo sistema ha ancora un peso fondamentale nella dieta mediale della popolazione, com’è emerso in una delle nostre ricerche: le News sono, infatti, in ordine d’importanza, il primo contenuto al quale le persone non rinuncerebbero mai (lo dice una persona su tre)”.

I contenuti della presentazione sono stati disegnati per sfatare alcuni luoghi comuni che il mondo della business e media community ha maturato negli ultimi anni verso la stampa quotidiana, così come emersi nel corso di numerose interviste a investitori e professionisti della pianificazione.

In particolare, nel corso dell’evento, verranno sottolineate le evidenze che confermano come i NewsBrand costruiscano relazioni forti con il loro pubblico basate su valori che altri aggregati mediali emergenti tendono a mettere in secondo piano: attenzione, credibilità, legame col territorio; e offrano audience ampie e qualificate (33 milioni di adulti ogni settimana, pari al 62% della popolazione) grazie alle diverse piattaforme che coprono trasversalmente tutte le generazioni. Senza dimenticare che i NewsBrand garantiscono concreti benefici a chi li pianifica grazie alla capacità delle piattaforme dei NewsBrand di presidiare aree complementari nel percorso d’acquisto del consumatore.

Nel Sistema dei NewsBrand, infine, il quotidiano cartaceo resta ancora la piattaforma di riferimento, con il 66% di lettori esclusivi e grazie alla disponibilità di un formato di assoluta rilevanza come la pagina, uno spazio pubblicitario capace di raggiungere performance di eccellenza sui principali KPI di brand e di adv. In logica complementare, le piattaforme digitali offrono benefici più mirati alla costruzione del ricordo (formati desktop) o all’attivazione dei consumatori (formati mobile).

“Grazie a questo lavoro, oggi sappiamo che i NewsBrand rappresentano una risorsa comunicativa da riprendere in considerazione come mostra, tra l’altro, il potenziale innovativo espresso da soluzioni pubblicitarie come la Native e il content, formati che hanno nei NewsBrand un territorio ideale di sviluppo e sperimentazione” conclude Setti.

articoli correlati

AGENZIE

GroupM ESP apre una sede a Milano, sotto la guida di Michele Ciccarese

- # # # # # #

groupm esp

Dall’inizio di settembre è operativa anche a Milano GroupM ESP (Entertainment & Sports Partnership), l’agenzia di sport marketing al servizio di GroupM e dei rightsholder, nata nel 2015 e  già presente a Londra, New York, Chicago e Singapore.

“La sport industry, anche in Italia, cresce e rappresenta una porzione sempre più significativa del PIL del Paese”, spiega dichiara Michele Ciccarese, Head of GroupM ESP (nella foto). “GroupM ESP risponde alle mutate esigenze del mercato della comunicazione, e offre ai grandi player dello sport una consulenza strategica finalizzata a renderli ineguagliabili piattaforme di comunicazione al fine di essere rilevanti e capaci di ingaggiare alcune delle “target audience” più attente e fedeli: i tifosi. Né va dimenticato che partnership sportive possono giocare un ruolo chiave nel funnel di marketing dei brand: dall’incremento di awareness e consideration, fino alla conversion ed alla loyalty dei tifosi guidati dal driver della passione”

GroupM ESP opera con due declinazioni interne: ESP Brands ed ESP Properties.

La prima è il braccio strategico e operativo delle agenzie media del gruppo (Mindshare, Mec, Maxus e Mediacom) e di clienti diretti, al fine di integrare, identificare, negoziare, attivare e misurare partnership sportive nelle strategie media dei clienti con audience affini al mondo dello sport.

ESP Properties è, invece, la prima azienda del gruppo totalmente dedicata al mondo dei rightsholder: club, leghe, federazioni, grandi eventi e venues. Il suo principale ruolo sarà supportare gli sportmaker italiani, attraverso consulenze ad hoc, nel posizionarsi come piattaforme di comunicazione grazie a una profonda analisi dei dati e degli insight, alla creazione di content digital e social, all’experiential mktg e alla misurazione delle partnership, per permettere ai clienti l’identificazione di nuove aree di revenue esplorandone e sfruttandone tutte le potenzialità.

“Da un lato le marche, dall’altro gli sportmaker ed i rightsholder: il nostro ruolo sarà quello di sviluppare attività di consulenza strategica per disegnare azioni di comunicazione e di marketing capaci di far dialogare al meglio le parti nel rispetto degli obiettivi e delle strategie al fine toccare la profondità della target audience, e concentreremo il nostro impegno su tre pillar: creatività, innovazione e misurazione” – conclude Ciccarese.

ESP Properties Global oggi, dopo poco più di un anno di attività, annovera tra le sue properties partner quali: All Blacks, Cleveland Cavaliers in NBA, Liverpool F.C. e Manchester City Football Club in Premier League, Sevilla nella Liga e ha collaborato nello sviluppo delle strategie di partnership dell’ultima Coppa America Centenario disputata negli Stati Uniti nel giugno scorso.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Access fa volare un dirigibile per la finale di X Factor

- # # # #

In occasione della finalissima di X Factor in onda su Sky Uno HD, giovedi 11 dicembre un dirigibile ha sorvolato il cielo di Milano catturando l’attenzione dei milanesi e dei loro smartphone, che hanno immortalato l’inaspettata performance.

Nelle prime ore del pomeriggio il dirigibile X Factor, con i suoi 42 metri di estensione, si è alzato in cielo nei pressi dello stadio di San Siro, ha sorvolato Piazza Duomo, passando dal Castello Sforzesco e dalle vie del centro città, per poi fare rotta verso Assago, ripreso anche dalle telecamere di Sky TG24 che attorno alle ore 17.45 hanno trasmesso live l’arrivo in volo del dirigibile nelle immediate vicinanze del Forum. A partire dalle ore 18 e per tutta la durata della trasmissione il dirigibile si è poi sollevato in volo ascensionale, ancorato all’esterno del Forum, dando così il benvenuto agli oltre 10.000 spettatori accorsi per la finalissima di X Factor.

L’innovativa activation & live show porta la firma di Access, unit di Group M specializzata in unconventional media, che ha accompagnato il cliente in tutte le fasi del progetto, dall’indentificazione della modalità di live show alla produzione e gestione dell’ operazione sino al volo, ripreso da telecamere GO PRO installate nella navicella di pilotaggio.

articoli correlati

AZIENDE

Quanto valgono gli oggetti che vuoi vendere? Subito.it e H-Art firmano Vendilo.Subito.it

- # # # #

Una piattaforma per dare il giusto valore ai propri oggetti prima di metterli in vendita, un’opzione difficile e fonte di uno stress destinato a diventare un lontano ricordo con uno strumento semplice e utile come il valutatore di Subito.it: Vendilo.subito.it.

Sempre pronto a sperimentare forme nuove di comunicazione con i propri utenti, Subito.it, il servizio per la compravendita dell’usato con 8,8 milioni di utenti mensili, ha indetto una gara per lo sviluppo di una campagna digitale “fuori dagli schemi”. Gara a quattro, che H-ART si è aggiudicata grazie a un progetto innovativo e originale, che ruota attorno alla tecnologia, all’ironia e all’appartenere a un territorio. La soluzione messa a punto dall’azienda parte di GroupM, che sviluppa customer experience, comprende analisi, strategia, creatività, tool e piattaforma.

Partendo dai concetti di prossimità, semplicità, sicurezza, caratteristiche distintive di Subito,it, il team di H-ARTist si è interrogato su come facilitare e ironicamente sdrammatizzare il compito di valutare il proprio usato. È nato così Vendilo.subito.it, un mini-sito e un “valutatore” sviluppati ad hoc e suddivisi nelle categorie merceologiche più diffuse: biciclette, elettrodomestici, fotografia, informatica, sport, strumenti musicali, telefonia, tutto per bambini, console e videogiochi.

Navigabile sia da desktop sia da mobile, il mini-sito è accompagnato da una campagna adv social e da cinque soggetti video (di 15, 30 e 60”) che nei dialetti veneto, pugliese, toscano, milanese e romano, invitano con ironia e coinvolgimento tutti gli italiani a sperimentare il nuovo strumento. Set ideale è proprio la sede milanese di Subito.it, che ha accolto i protagonisti dei 5 soggetti:
Anna, la fotografa hipster e amante della tecnologia, cittadina del mondo che decide di tornare a vivere nella cittadina veneta dove è nata.
Gli amici pugliesi Marco & Chicco, che vivono le stesse passioni, come nel caso di sport e biciclette, e si prendendo in giro, trasmettendo consigli su come vendere oggetti usati.
Per gli elettrodomestici andiamo da Max in Toscana: riparatore e idolo indiscusso del quartiere, perché nel suo mestiere non sbaglia un colpo.
Alessio il milanese è un fan di telefonia e computer e sa come far fruttare il suo cellulare per sostituirlo con l’ultimo modello di smartphone.
Infine, il video che ci porta nel Lazio con la simpatia travolgente di Francesca, che ride, canta e coinvolge con la sua voglia di fare e di vivere.

“Subito.it, con oltre 5 milioni di annunci pubblicati in tutta Italia, spinge da sempre i propri utenti a incontrarsi di persona, nella loro zona di appartenenza, per scambiarsi il bene in modo facile e sicuro. Da qui nasce la scelta di sviluppare una campagna di comunicazione che parli alle persone nella loro lingua valorizzando, attraverso i cinque personaggi, la parlata e la comicità caratteristiche delle diverse Regioni. Inoltre, la presenza sul mini-sito di un valutatore dell’usato semplificherà notevolmente la fase di inserimento annunci, aiutando le persone a dare il giusto valore agli oggetti che non usano più. – spiega Erica Bigi, Marketing Manager di HSubito.it – Abbiamo scelto il progetto sviluppato da H-ART perché rappresenta, in tutti i suoi aspetti, un approccio innovativo al digitale che ci permette di comunicare con i nostri utenti in modo efficace e coinvolgente. ».

“Un piano sviluppato in un paio di mesi – sottolinea Giuseppe Azzone, Client Director di H-ART -, che ha unito digital strategist, copy, art e tanti altri H-ARTist in un progetto molto sfidante, impegnativo e stimolante. Il team con creatività e conoscenze tecniche ha dato vita a qualcosa di divertente e ironico, destinato ad aggregare gli utenti di Subito.it, che si riconosceranno anche nella creatività a sostegno del lancio. Per questo motivo è stata adottata un’idea articolata che propone una soluzione strategica più distribuita nel tempo e a lungo termine».

La pianificazione media è gestita da MEC.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Access colora Milano con Testanera Nectra Color

- # # # # #

Per il lancio di questa nuova linea Testanera Nectra Color, Access, unit di GroupM specializzata in unconventional media & events, all’interno del piano di comunicazione MEC ha ideato e coordinato un sistema di activation per una copertura globale del capoluogo lombardo dal primo al 21 settembre.

Al centro della città la domination della stazione della metropolitana di Duomo fino al 14 settembre, 3 maxi schermi digitali (a Lima, Marghera e COIN 5 Giornate) e il coinvolgimento dei migliori store COoin (piazza 5 giornate, Corso Vercelli, piazza Cantore) oltre al multicenter Mondadori in corso Vittorio Emanuele II e allo store OVS in corso San Gottardo.

All’interno dei punti vendita sono stati allestiti dei veri e propri temporary flagship shop per presentare la nuova linea prodotti, mentre all’esterno vetrine floreali con Digital Show Case dove vengono trasmessi contenuti di brand e l’invito ad inviare messaggi floreali (tramite app). Gli stessi messaggi verranno poi proposti all’interno delle vetrine stesse.

All’attività è collegata un’azione promozionale “acquista Nectra Color in COIN e puoi vincere due biglietti per la finale di X Factor” e la più estesa attività web e mobile “Dillo con i fiori”, dove le persone, attivando shazam durante lo spot televisivo o da browser, possono inviarsi messaggi dal lettering fiorito, attraverso una web app, via Facebook e via mail, e possono partecipare all’estrazione di 4 biglietti per due persone per assistere alla finalissima di X Factor 2014.

articoli correlati

NUMBER

Ricerca di Mec e Group M ‘FoodFWD’: dal media planning all’environment planning

- # # # #

“L’obiettivo per Mec è quello di posizionarsi come un Marketing Solution Provider “per dare un contributo alle aziende nel gestire una pianificazione più rilevante e per ottenere migliori risultati di business”: così ha spiegato Luca Vergani, ceo di Mec. Per questo servono nuovi approcci e strumenti, come la ricerca ‘FoodFWD’, sviluppata da Mec e GroupM, e presentata ieri alla stampa.

 

Il food è un comparto imprescindibile e di forte rilevanza nel nostro sistema Paese, in quanto è la seconda industria manifatturiera con un fatturato 2013 superiore a 130 miliardi di euro (+2% sul fatturato 2012 e +8% l’export) che costituisce il 10% del Pil. “Il food è anche il leit motiv dell’Expo 2015 e ha ricadute mediatiche in programmi tv che fanno i maggiori ascolti”, ha introdotto Massimo Beduschi, chairman e ceo di GroupM Italia. Un laboratori di innovazione e un driver di successo che nel 2013 ha totalizzato 70 programmi sul tema Tv nel 2013, circa 35 milioni di persone contattate mensilmente, 1.000 siti dedicati e 110 testate stampa tra verticali e generalisti. Un’analisi che è in grado di proporre strategie più mirate a target profilati e offrire nuove possibilità di business alle aziende, con un approccio più consumer centric e business oriented.

 

La ricerca ‘FoodFWD’, presentata da Federica Setti, chief Research Officer di GroupM, e da Julian Prat, chief Strategy Officer di Mec, è stata condotta con metodologia CAWI, su un campione di 2.076 individui rappresentativo di 28,9 milioni di italiani online compresi tra i 15 e i 64 anni, per analizzare l’innovazione percepita dai consumatori relativa a consumi e comunicazione, brand e media brand. Al netto dell’esposizione passiva, la ricerca evidenzia come ogni touch point (programma tv, sito, evento, personaggio) solleciti una risposta differenziata nei diversi stadi di un funnel che va dal passaparola, attraverso le modalità di condivisione e di orientamento tipiche del web, all’esperienza concreta (trial) fino alla frontiera della creazione partecipata (co-creation). Affinché le aziende possano muoversi oggi in questo scenario sfaccettato, che Mec definisce Foodscape (composto non più solo dai mezzi tradizionali ma anche dai new media, dagli eventi, dalle contaminazioni tra food e moda, design), è necessario impostare un planning che integri la baseline televisiva con l’utilizzo di digital ed eventi come upgrade verso l’innovazione. La ricerca ha inoltre analizzato quali siano i touch point e formati adv utilizzati dai consumatori: il risultato più efficace è un mix di Paid media (mondo televisivo e motori di ricerca) con l’86%, di Owned media (i siti, le app e le videoricette delle aziende, ricette sulle etichette dei prodotti, corsi di cucina ed eventi a tema) con il 70% e di Earned media (il passaparola in tutte le sue componenti on e off tramite blog e siti specializzati, così come le nuove frontiere di Food Instagram) con il 51%. La tv rimane il mezzo centrale ma al format di 30”, che genera passaparola e spinge alla prova il 36% dei consumatori, si affiancano product placement, che lavora nella fase di consideration per il 34%, e le telepromozioni che lavorano sul trial per il 29%. In sintesi la ricerca ha sottolineato la necessità di passare da un media planning a un environment planning, ovvero la capacità di pianificare su più touch point per arrivare al consumatore. (V.Z.)

articoli correlati