AZIENDE

Nasce Capgemini Invent: la nuova linea di business globale del Gruppo

- # # # #

Capgemini invent

Capgemini ha lanciato oggi Capgemini Invent, una nuova linea di business globale che ha l’obiettivo di offrire supporto ai leader aziendali per identificare un percorso verso il futuro e offrire loro gli strumenti necessari per realizzare i propri obiettivi. Capgemini Invent combina, sotto un unico brand, i punti di forza multidisciplinari di Capgemini Consulting insieme alle competenze chiave tecnologiche e di data science del resto del Gruppo, con le recenti acquisizioni, che includono la società di customer engagement, LiquidHub, quella di consulenza sull’innovazione, Fahrenheit 212, e le tre agenzie di creative design, Idean, Adaptive Lab e Backelite.

La linea di business globale comprende un team di oltre 6.000 professionisti con oltre 30 uffici e 10 studi creativi in tutto il mondo. Le competenze specialistiche di Capgemini Invent forniscono ai clienti la capacità di operare alla velocità del digitale, attraverso l’ideazione e la progettazione di strategie per la trasformazione digitale, prototipi di soluzioni digitali e piani di trasformazione tangibili, determinando al contempo il percorso migliore per implementarli e monitorarli su larga scala grazie all’esperienza del Gruppo. Capgemini Invent aiuta i propri clienti a mantenere la propria posizione di leader di mercato e anticipare la concorrenza.

“Abbiamo creato Capgemini Invent per soddisfare la crescente domanda dei clienti relativa ai nostri servizi digitali avanzati”, ha dichiarato Paul Hermelin, Presidente e CEO di Capgemini Group. “Questa linea di business globale e integrata combina perfettamente le nostre capacità e competenze specialistiche, necessarie per progettare, creare e sperimentare nuove soluzioni digitali e futuri modelli di business, implementandoli velocemente e facendoli crescere grazie al supporto dei riconosciuti punti di forza del Gruppo”.

La creazione di Capgemini Invent va incontro a un’esigenza fondamentale per le aziende, quella di prevedere gli sviluppi futuri della loro strategia di trasformazione digitale. Sia che si tratti di CEO che valutano la redditività di mercati adiacenti o di CMO in cerca di nuove modalità di coinvolgimento dei clienti, Capgemini Invent mira a fornire ai clienti soluzioni ai problemi aziendali, accelerando la trasformazione delle idee in prototipi e, quindi, dei prototipi in prodotti e servizi scalabili sfruttando le competenze dell’intero Gruppo, così da generare nuovi flussi di cassa, nuovi modi di interagire con i clienti e una crescita sostenibile.

articoli correlati

AZIENDE

The North Face compie 50 anni e lancia la campagna globale “Question Madness”

- # # # # # #

The North Face lancia la campagna globale Question Madness per il suo 50° anniversario

In occasione del suo 50° anniversario, The North Face ha svelato la sua nuova campagna mondiale dal titolo “Question Madness”.

Questa iniziativa rappresenta l’evoluzione del brand, che da piccolo negozio aperto a San Francisco nel 1966 ha saputo affermarsi come leader globale del mercato outdoor. In questi cinque decenni, l’impegno del marchio a favore dell’esplorazione – dalle vette dell’Himalaya fino al contenuto urbano – è rimasto invariato e continua ad essere il filo conduttore del marchio in tutti gli ambiti: retail, campagne pubblicitarie e relazioni con i consumatori.

Protagonisti della campagna digital 2016 gli atleti che hanno fatto parte della storia del marchio trovando entusiasmo e grande soddisfazione nelle loro straordinarie imprese e diventando fonte di ispirazione per gli altri, spingendoli a mettersi alla prova. La campagna è caratterizzata da immagini mozzafiato catturate nei luoghi più remoti del globo e molto del girato è stato realizzato dagli atleti stessi durante le loro spedizioni. La colonna sonora di questo emozionante video è la bellissima “Miles From Nowhere” di Cat Stevens. “Question Madness” punta a valutare le motivazioni che sono alla base del desiderio di esplorare, e che portano le persone a sfidare i propri limiti. Come brand, The North Face rimette in discussione il concetto tradizionale di realizzazione e sprona i suoi clienti a fare lo stesso, promuovendo un concetto di esplorazione intesa come il muoversi continuamente in avanti, sia a livello individuale sia come società.

“Questa campagna arriva in un momento in cui per la storia del nostro brand l’esplorazione – qualsiasi sia la sua accezione – è più importante che mai” commenta Todd Spaletto, Presidente The North Face. “In quanto società, mettiamo in discussione le tradizioni, i sistemi prestabiliti, le istituzioni; ciò che fino a ieri era considerato fuori dal normale oggi è assolutamente accettabile. Noi ci mettiamo al fianco e celebriamo tutti coloro che hanno il coraggio di affrontare l’ignoto e definire il proprio successo nel modo a loro più congeniale”

Stacy Peralta skateboarder, surfista e regista della campagna spiega: “La linea sottile tra il progresso e la follia è qualcosa che gli atleti attraversano e riattraversano ogni giorno. Ho trascorso molto tempo con gli atleti e ritengo che spesso vengano totalmente fraintesi. La maggior parte di noi ritiene che a guidarli nelle loro sfide sia la follia ma in realtà si tratta di più di questo, di un traguardo intangibile, si tratta di impegnare ogni fibra di sé stessi per tirar fuori qualcosa di davvero straordinario e quando ciò avviene è incredibilmente liberatorio. Quando ci si spoglia di tutto il resto, ciò che resta sei tu ed il tuo momento ed è la sensazione più bella del mondo”.

La campagna è stata lanciata su Facebook in 16 paesi e sarà inoltre diffusa sui media online e attraverso alcune iniziative OOH in mercati di paesi selezionati. Tra i protagonisti di “Question Madness”, gli atleti The North Face Xavier De Le Rue, Emily Harrington, Alex Honnold, Renan Ozturk e Conrad Anker. Tutti sono invitati a condividere il racconto di come cercando di superare i propri limiti sui social con #QuestionMadness.

articoli correlati

NUMBER

Magna Global: mercato globale adv a +4,6% nel 2016.

- # # # # #

Magna Global, la media investment unit di IPG Mediabrands, ha rilasciato negli scorsi giorni il suo ultimo rapporto relativo alle previsioni globali sui ricavi pubblicitari, in cui stima che il mercato pubblicitario mondiale crescerà del +3,2% nel 2015 per un totale di 503 miliardi di dollari. Questo dato risulta inferiore alla precedente previsione rilasciata nel giugno 2015 (+3,9%) ed evidenzia un rallentamento rispetto alla crescita del 2014 (4,9%).

Anche nel 2016 la raccolta pubblicitaria globale continuerà a mostrare un segno “più” grazie alla stabilizzazione dell’economia e alla spesa incrementale generata da eventi non ricorrenti (le elezioni generali e presidenziali negli Stati Uniti, la coppa UEFA in Europa e le Olimpiadi estive in Brasile), che porteranno a un +4,6% a consuntivo. Neutralizzando l’impatto di tali eventi nel 2014, 2015 e 2016, la crescita globale del marcato pubblicitario sarebbe cresciuta del +4,1% nel 2015 e +3,7% nel 2016, il che suggerisce la mancanza di una vera e propria accelerazione della domanda nel 2016 neutralizzando gli effetti di questi driver ciclici.

Tra i 73 Paesi analizzati da Magna Global in questo aggiornamento, quest’anno 62 hanno sperimentato una crescita dei ricavi pubblicitari mentre i restanti undici (tra cui Russia, Finlandia, Francia, Grecia, Perù e Singapore) hanno registrato un calo. I maggiori contributi al rallentamento vengono da due Paesi del BRIC colpiti da gravi difficoltà economiche: la Russia (-12%) e il Brasile (+ 4,4%). D’altra parte è cresciuta la stima per il 2015 per Paesi come l’India, la Cina e gli Stati Uniti. Per il 2016 magna Global si attende che solo quattro mercati continueranno a rimanere in perdita, mentre 69 (compresa la Russia) sperimenteranno un certo livello di crescita.

Nel capitolo relativo all’Europa Occidentale, la Ricerca mostra ricavi pubblicitari in crescita per il secondo anno consecutivo (+2,9%) per un totale di 110 miliardi di dollari, con tassi di crescita elevata a una cifra nel Regno Unito e in Spagna che compensano la stabile lentezza di Paesi come la Francia e l’Italia. Il mercato dell’Europa Occidentale torna così al valore del 2007, prima del manifestarsi della lunga recessione, anche se alcuni mercati sono ancora significativamente più piccoli. Per il 2016 si prevede una crescita regionale del +2,5%.

Magna Global ha infine esaminato il mercato italiano, visto nel 2015 in crescita dell’ 1,2%, per un totale di 7 miliardi di euro, di raccolta: una stabilizzazione dopo quattro anni consecutivi in negativo. Il mercato italiano è, tuttavia, ancora inferiore alle dimensioni raggiunte nel 2008 (anno in cui ha raggiunto il suo apice) del 20% (8,9 miliardi di euro).
Nel 2016 il mercato italiano mostrerà una situazione in miglioramento, grazie a una crescita complessiva delle vendite stimata intorno al +2,4%, guidata da una ripresa delle tariffe televisive (vendite adv a + 2,1%) e dei media digitali (+8%). I ricavi relativi al mezzo stampa, invece, continueranno a diminuire (-5%). La radio dovrebbe registrare una crescita moderata (+1,6%), mentre l’affissione diminuirà rispetto ai dati registrati in occasione di Expo (-2,5%).

articoli correlati

BRAND STRATEGY

La nuova campagna internazionale di Dodge corre con l’adrenalina di Leo Burnett

- # # # # # #

Leo Burnett, l’agenzia guidata da Giorgio Brenna con la direzione creativa esecutiva di Alessandro Antonini e Francesco Bozza, firma la nuova campagna internazionale tv e stampa per Dodge, “Set your adrenaline right”, che racconta come Dodge sia la migliore risposta al bisogno che tutti abbiamo di adrenalina, permettendo di provare a pieno l’euforia della potenza e della velocità, avendone il totale controllo.

Il team creativo guidato da Davide Boscacci (Group Creative Director) e Lisa Marussi (Associate Creative Director) ha così ideato gli spot che raccontano le azioni più folli in cui si imbarcano i protagonisti, nel disperato tentativo di provare quel brivido adrenalinico.

Cinque film irriverenti, diretti dal pluripremiato regista Gary Freedman, con la produzione di Radical Media e la postproduzione seguita da MPC Londra e Proxima Milano.

L’adrenalina è garantita dai modelli come Charger, Challenger, Durango e Journey che si scatenano al ritmo di “Kick Start My Heart” dei Motley Crue.

La campagna è già on air in Medio Oriente e uscirà a breve in 20 paesi dell’America Latina, 16 paesi asiatici e in Sudafrica.
Qui il video dello spot.

 

Credits

Executive Creative Directors: Alessandro Antonini – Francesco Bozza
Group Creative Director: Davide Boscacci
Associate Creative Director: Lisa Marussi
Art Director: Giuseppe Campisi

articoli correlati

NUMBER

Amway e GFK: tra gli italiani cresce la voglia di imprenditorialità

- # # # #

In tempi di incertezza e crisi economica, torna a crescere l’attenzione sulla creazione d’impresa e sull’offerta imprenditoriale: lo conferma la quinta edizione del Rapporto Globale Amway sull’Imprenditorialità, realizzato in collaborazione con Gfk e l’Università Tecnica di Monaco (TUM), secondo la quale il 75% degli intervistati a livello mondiale mostra un atteggiamento positivo verso l’imprenditorialità nonostante la crisi, tendenza confermata dai dati italiani, che crescono rispetto al 2013: dal 69% al 75%, in linea con il dato globale.
L’attitudine favorevole verso il fare impresa cresce di pari passo con la voglia di diventare imprenditori: in Italia il potenziale di imprenditorialità, ovvero coloro che dichiarano di potersi immaginare di poter avviare un’attività in proprio, è del 43% (+2% rispetto al 2013), ben cinque punti sopra la media europea e uno sopra la media globale.
“L’avventura imprenditoriale rappresenta una soluzione ottimale per chi vuole ritagliarsi su misura il lavoro e sfruttare pienamente le conoscenze teoriche e pratiche che ha acquisito attraverso la scuola o specifici programmi di formazione, coniugandole con le proprie capacità personali”, afferma il Professore Enrico Santarelli, Ordinario di Scienze Economiche dell’Università di Bologna. “Questo trend sta crescendo nel nostro Paese, dove ormai oltre un terzo dei nuovi imprenditori ha meno di 35 anni e continuano a crescere le nuove imprese con un titolare di età compresa tra 50 e 70 anni.”
In particolare, tra gli under 35 italiani la propensione all’imprenditorialità tocca l’83%; sono soprattutto i giovani del Nord Italia ad avere un atteggiamento positivo verso il lavoro autonomo.
Inoltre, il 58 % dei giovani italiani si vede in grado di iniziare un’attività in proprio (media globale: 51%; media europea: 49%); la potenzialità imprenditoriale si concentra, anche in questo caso, nelle regioni del Nord e del Centro Italia.
Interessanti i risultati legato alla percezione della capacità imprenditoriale come qualità innata.
Per il 64% degli italiani, invece, l’imprenditorialità si insegna (media globale: 63%); della stessa opinione sono anche gli under 35 con il 70% di risposte affermative (media globale: 70%).
Da evidenziare la percezione dei fattori che permettono di fare impresa con successo in Italia. Per il campione italiano è l’esperienza “sul campo” il fattore determinante. Il 33% degli italiani, infatti, afferma che uno degli elementi di maggiore rilevanza per il percorso formativo sia svolgere delle esperienze concrete di lavoro imprenditoriale.
Un dato particolarmente allarmante riguarda l’offerta formativa in Italia, ritenuta non sufficiente dal 64% degli intervistati rispetto a una insoddisfazione europea e globale del 43%.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Elan affida a Publimarket2 strategia e creatività per il lancio di Impression Yachts

- # # # # # # #

Tra i principali produttori di attrezzature per lo sport ed il tempo libero, il Gruppo Elan  ha affidato alla Pubblimarket2 di Udine, agenzia specializzata in comunicazione strategica di marketing, il lancio del nuovo marchio “Impression Yachts” sul mercato globale. Nato per rispondere alle esigenze dei propri clienti che prediligono imbarcazioni altamente performanti ma dedicate al turismo nautico, il nuovo brand racchiude tutti i punti di forza costruttivi tipici del gruppo Elan: innovazione, alta tecnologia, resistenza, affidabilità e comfort ai massimi livelli.

“Dopo la proficua collaborazione sia per il marchio Elan Skis sia per quello Elan Yachts, supportare il lancio a livello globale di questo nuovo brand è per noi un incarico di massima soddisfazione”, commenta Francesco Sacco, Presidente di Pubblimarket2. “Ora abbiamo l’opportunità di lavorare con due marchi distinti dedicati a differenti tipologie di clientela e sarà nostro obiettivo mettere in campo il profondo know-how e la vocazione internazionale che ci contraddistingue per rivolgerci ai consumatori di tutto il mondo in modo molto preciso, enfatizzando i plus del costruttore per ogni tipologia di prodotto.”

La strategia di lancio sviluppata da Pubblimarket2 ha come obiettivo quello di mettere in luce le caratteristiche e la vocazione della nuova marca che si contraddistingue per essere una gamma completa di deck saloon yachts. La creatività, declinata in un format unico per tutti e 4 i modelli “Impression”, fatta eccezione per la personalizzazione delle relative foto e body copy, pone subito in primo piano i punti di forza del prodotto, identificando chiaramente il target cui si rivolge. Con il titolo “What’s your Impression”, oltre a creare un link diretto al nuovo brand, si è voluto invitare il potenziale cliente a scegliere il modello più adatto alle proprie esigenze tra tutti quelli offerti dalla gamma.
Oltre alla campagna di lancio, Pubblimarket2 ha curato la realizzazione dei nuovi cataloghi e materiali a supporto delle vendite. Inoltre, l’agenzia udinese ha supportato il gruppo Elan anche nella realizzazione degli allestimenti per le fiere di settore dove il nuovo marchio è stato presentato; tra le ultime in ordine cronologico il Salone Nautico Internazionale di Genova e Biograd Boat Show di Zaravecchia.

Il team di Pubblimarket2 che ha curato la realizzazione di tutti gli strumenti di comunicazione di “Impression Yachts” è coordinato dal Presidente Francesco Sacco, affiancato da Daniela Ceccato, account cliente, dalla coppia creativa formata da Alberto di Donna e Paolo Lacchini e da un gruppo di collaboratori con competenze specifiche e specializzate nel settore.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

“Feel the Game”: Wieden+Kennedy crea la campagna per Fifa 15

- # # # # # # #

Il calcio è lo spettacolo più coinvolgente del mondo e l’ultima release di Fifa, il celebre videogioco di EA Sports, mette davvero gli appassionati al centro del palcoscenico. Così simile alla realtà, Fifa 15 porta i videogiocatori in una emozionante corsa sul campo di gioco, immergendoli letteralmente nell’esperienza diretta di ciò che accade in partita.

Lanciata oggi, la campagna globale a supporto, “Feel the Game” firmata da Wieden+Kennedy Amsterdam, rappresenta infatti i player nel vivo dell’azione, facendo loro vivere soggettivamente le emozioni dei tackle, delle parate e dei goal. Un filmato epico, della durata di due minuti e 15 secondi, dove i protagonisti – separati dal gioco solo da un sottolissimo schermo televisivo, vedono gli avvenimenti trasferirsi dallo stadio nelle loro case. Quando sul prato piove, ad esempio, piove anche nel soggiorno; e quando un calciatore subisce un contatto violento, anche il giocatore riceve il medesimo impatto, venendo scaraventato attraverso la stanza.
Protagonista del video, nei panni del protagonista, è Lionel Messi: perfino uno dei più grandi campioni di tutti i tempi non sfugge alle emozioni di Fifa 15.

La campagna “Feel the Game” viene pianificata da oggi sui canali tv e digitali in tutto il mondo, in diverse lunghezze e versioni di spot, mentre il video completo originale sarà trasmesso negli USA nel corso della partira di Premier League tra il Manchester United e il QPR.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Oggi il lancio della campagna globale “Cities of the World” di Heineken, firmata da W+K

- # # # # # # #

Heinken ha svelato oggi la sua più recente campagna globale, “Cities of the World”, il cui obiettivo è quello di inspirare le persone a vivere nuove avventure, attraverso il racconto dei “segreti” delle loro città. La campagna, totalmente integrata, si compone di un filmato televisivo di 2 minuti, di brand activation online e sul territorio, e di un’edizione speciale delle bottiglie di birra Heineken.
Il film, che costituisce il settimo episodio delle serie “The Legends”, ritrae “Men of the World” che si spingono fino a raggiungere il proprio limite, e oltre. Creato da Wieden + Kennedy Amsterdam in partnership con il brand, il video vede il protagonista imbarcarsi in una nuova avventura seguendo i biglietti da visita persi da una bellissima donna, Eva, ognuno dei quali permette di scoprire un aspetto sorprendente e nascosto della città. Il messaggio è che i MotW non devono mai dimenticare che ogni città offre un’avventura infinita tra i suoi grattacieli e le sue strade illuminate al neon.
In occasione del lancio della campagna, Heineken ha prodotto una serie speciale di bottiglie, ciascuna dedicata a una città presente nella serie di commercial New York, Shanghai, Berlino, Amsterdam, Londra e Rio de Janeiro., che saranno disponibili in tutto il mondo.
“I Men of the World  vogliono ottenere il massimo dal tempo trascorso in città, perché sanno che non avranno una seconda occasione. Per questo vivono la città appiano, alla costante ricerca di nuove esperienze, con il latente timore di perdere le migliori”, spiega Gianluca Di Tondo, Senior Brand Director Global Heineken Brand. “Come Heineken siamo sempre alla ricerca di modalità innovative di interazione con i nostri MotW e, conoscendo i loro timori, vogliamo essere al loro fianco, aiutandoli nella ricerca”.
Dopo il lancio odierno, la campagna “Cities of the World” con attività locali in più di 100 paesi, a partire dagli Stati Uniti.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Prima campagna di Havas Worldwide Milan per Costa Crociere

- # # # # #

Ha debuttato in Italia il 26 dicembre – su TV, stampa e web – la nuova campagna di Costa Crociere realizzata Havas Worldwide Milan, diventata Global Advertising Agency del Gruppo a seguito di un pitch internazionale. Dopo l’Italia, la campagna vedrà l’on air anche in Francia (da metà gennaio) e, a seguire, in altri paesi europei. Il concept della campagna interpreta il viaggio come un percorso personale, ricco di profumi, sapori, paesaggi, luoghi, culture diverse ed emozioni di nuove destinazioni da vivere: proprio nella compresenza di questi elementi una vacanza in crociera Costa trova gli elementi differenzianti e riesce a offrire il meglio del mare e della terra.

 

E la rotta ne è il segno distintivo: non è infatti una semplice linea che unisce più mete, ma rappresenta un filo conduttore di esperienze e realtà da scoprire. Trasformando questo semplice segno grafico nel key visual della campagna Havas Worldwide Milan ha saputo interpretare il nuovo posizionamento del brand: “Sea, Ship, and Shore”. Dalla navigazione in mare, al relax in spiaggia, dai sapori dell’entroterra alle escursioni avventuristiche, le crociere Costa offrono sia a bordo che a terra, attimi unici da vivere e posti da scoprire, regalando il giusto mix per una vacanza da sogno. Il film racconta la storia di un uomo che vede delle misteriose piattaforme rotonde affiorare dal mare. Le piattaforme disegnano un percorso e l’uomo, incuriosito, comincia a seguirle. Così facendo, passo dopo passo, si lascia alle spalle la vita di tutti i giorni per andare incontro ad una magica avventura. Lungo il suo viaggio farà incontri affascinanti e vivrà esperienze mai provate prima. Solo alla fine del film si scopre che il percorso segnato dalle piattaforme rotonde non è altro che la rotta di una crociera Costa. La magia e il fascino del viaggio sono stati enfatizzati dai forti richiami cinematografici e dal  lavoro di regia affidato a Carl Rinsch, regista hollywoodiano che ha diretto 47 Ronin, con Keanu Reeves tra i protagonisti. La comunicazione, con lo stesso key visual, coinvolgerà in modo trasversale anche la stampa, il web e le attività in-store, dopo il lancio in TV con il film da 45”, e gli adattamenti da 30”, 20” e 15” a seguire.

 

La campagna è nata da un lavoro di intesa tra il management di Costa Crociere, Frederik Pénot, Vice President Marketing Costa Crociere, e Andrea Cortese, International Marketing Communication Director, con il team di Havas Worldwide Milan dedicato al progetto: il direttore creativo esecutivo Giovanni Porro, il direttore creativo Selmi Barissever (anche art director del progetto) e il direttore creativo Lorenzo Crespi (anche copywriter del progetto). Alla campagna stampa, prodotta da LSD, ha collaborato l’art director Filippo Formentini. La declinazione sul web, attraverso campagne banner, video banner e una social activation è firmata da Havas Worldwide Digital sotto la direzione creativa di Tommaso Mezzavilla, e la collaborazione dell’interactive director Vitali Shykhau, del copywriter Alberto Mora, e Simone Arecco, Digital Manager di Costa Crociere. La produzione del film è a cura di The Family, la pianificazione della campagna invece è stata realizzata dal centro media Carat.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

“Stay Human”: on air oggi la nuova campagna globale di Kia, firmata Innocean

- # # # # # # #

Auto concepite e costruite per compensare lo stress e i disagi che ciascuno di noi si trova a vivere nella sua routine quotidiana: per questo le nuove Kia aiutano i loro guidatori a “rimanere umani”. E “Stay Human” è quindi la head della campagna globale del brand coreano svelata oggi, la prima a essere stata ideata e realizzata in Europa, da parte dell’agenzia Innocean Worldwide Europe. Da oggi alla fine dell’anno la campagna andrà in onda in sette diversi paesi del mondo, pianificata su Tv, stampa, OOH e digitale. Tecnologie quali i sensori di parcheggio e la visibilità negli angoli morti sono in primo piano nei messaggi, a sottolineare appunto come Kia contribuisca a ridurre la tensione della guida anche nelle situazioni meno piacevoli. Lo spot, girato a Praga dal regista Rocky Morton, mostra il punto di vista dell’automobile, che di invita a condividere il suo stupore nel vedere i tanto frequenti “intoppi” della via di tutti i giorni. “In aggiunta al nostro consolidato posizionamento, quello di una marca che offre qualità e design”, spiega Benny Oeyen, Vice President Marketing and Product Planning di Kia Motor Europe, “volevamo che la campagna avesse al centro l’elemento umano, quello che accompagna le nostre auto dal tavolo da disegno alla strada”.

 

Credits

Chief Creative Officer: Jamie Colonna

Creative Director:  John Crozier e Dom Sweeney

Regista:  Rocky Morton

Director, MJZ Casa di Produzione: MJZ

articoli correlati

AZIENDE

Nestlé Professional presenta il nuovo brand globale Nestlé Docello

- # # # # # # # # #

Nestlé Docello è il nuovo brand globale dedicato ai semilavorati per la preparazione del dessert e ai topping per decorazione, pensato esclusivamente per il fuoricasa. Già presentato con grande successo in diversi Paesi europei, e prossimamente in lancio in America Latina e in Asia, si appresta a sbarcare anche in Italia. “La quota del mercato potenziale è a livello mondiale del valore di 10 miliardi CHF, di cui 1,6 miliardi CHF in Europa e 158 milioni CHF (130 milioni di Euro) in Italia”, rileva Lorenzo Viganò, recentemente nominato Country Business Manger Nestlé Professional. “Attraverso una ricerca di mercato eseguita a livello mondiale presso i professionisti del fuoricasa, abbiamo evidenziato le problematiche che riscontrano gli operatori professionali nella preparazione del dessert, cosa rappresenta il dessert per il business del ristoratore e quali sono le aspettative del consumatore finale.

“La preparazione del Dessert – afferma Raffaella Severi, Category Manager Food – è l’area in cui gli Chef scendono maggiormente a compromessi e quella in cui è maggiormente difficile far convivere l’ambizione di proporre un’offerta varia, personalizzata e allettante e il contenimento dei costi, nonostante rappresenti la portata con più alto margine di guadagno per il ristoratore”.

Il nome “Docello”, vincitore a livello mondiale tra le proposte di naming fatte agli operatori professionali, rimanda immediatamente al mondo del dolce ed è vissuto come l’insieme di “dolce” e “cielo” dove quest’ultimo ricorda la sofficità dei dessert. Il lettering “cremoso”, ricorda invece una firma, da qui il claim “crea la tua firma più dolce”.

L’idea portante del brand è l’Innovation by Application che si fonda sui valori di ispirazione, semplicità, qualità, creatività. Nestlé Docello sceglie infatti un approccio facile e immediato che consente di ottenere dessert sempre diversi aggiungendo al preparato uno o più ingredienti in dosi variabili o usando semplicemente attrezzature differenti. Il punto di forza della gamma è la versatilità dei prodotti: “un preparato, tanti dessert”.

La comunicazione del nuovo brand avverrà inizialmente “chef to chef” per proseguire con una campagna istituzionale sulla stampa di settore e un concorso dedicato ai professionisti.

articoli correlati

NUMBER

Zenith Optimedia: global adv spending in crescita. Nel 2015 +5,6%

- # # # # # # # #

Rese note oggi le previsioni di ZenithOptimedia circa gli investimenti mondiali in comunicazione. Con una modesta revisione al ribasso, l’ufficio studi del centro media stima che il 2013 chiuderà presentando una crescita a livello globale del 3,9%, toccando i 430 miliardi di dollari di spending. Rimangono invece inalterate le attese relative al biennio seguente, che vedono una crescita del 5% nel 2014 e del 5,6% nel 2015. Motore della crescita sono internet, che presenterà un incremento del 14,4% alla fine di quest’anno (contro l’1,6% dei media classici), e i Paesi emergenti, che nello stesso periodo metteranno a segno un incremento dell’8,2%, rispetto all’1,8% dei mercati “maturi”.

All’interno di internet, il segmento a più rapida sviluppo sarà il display, in media +20% l’anno, spinto dai video online e dal social media advertising, entrambi con dinamiche sopra il 30%. Notevoli anche le performance del paid search, con una tasso medio annuo di sviluppo del 13% nel triennio.
A conferma dell’articolazione delle dinamiche su base geografica, si nota che – benché gli Usa diano sempre il maggior contributo singolo alla crescita (28% dell’incremento previsto di 76 miliardi di dollari nel triennio), sono i mercati emergenti, nel loro complesso, a fare la parte del leone, con una quota del 63% sul totale dello spending addizionale. La situazione si riflette anche nella classica degli Stati, che – se da un lato conferma per il 2015 le attuali prime quattro posizioni a USA, Giappone, Cina e Germania, vede il Brasile salire al quinto posto, scavalcando la Gran Bretagna, e la Russia entrare al settimo, mentre il Canada esce dai Top Ten.
Quanto all’Europa, che nel suo complesso è attesa da perfomance modeste, il Report di ZenithOptimedia la considera divisa in due parti: Northern & Central Europe e Peripherical Europe (di cui fanno parte Italia, Irlanda, Grecia, Spagna e Portogallo. La prima area dovrebbe rimanere sostanzialmente stabile quest’anno (+0,2%) e crescere del 2% annuo circa nel prossimo biennio. La seconda invece sarà ancora in area negativa (-6,6%) nel 2013, per stabilizzarsi l’anno seguente e mostrare segni di recupero (+3%) solo nel 2015.

articoli correlati