BRAND STRATEGY

Garage Italia Customs, online il sito firmato da Low, unit premium cut di The Big Now

- # # # #

Low, la nuova unit premium cut di The Big Now diretta da Massimiliano Chiesa, firma la digital presence di Garage Italia Custom, il progetto automotive di Lapo Elkann che punta sulle lavorazioni sartoriali e sul made in Italy per rendere unico qualsiasi veicolo, sia questo un’auto, una moto, una barca, un aereo o un elicottero

“Low è una realtà che lavora per unire i puntini tra clienti, contenuto e commerce – racconta Massimiliano Chiesa – Ho quindi fortemente voluto lavorare su Garage Customs Italia come primo progetto perché, pur mancando al momento l’elemento di vendita online, ci ha permesso di raccontare storie di clienti attuali che diventano contenuto per il target prospect. Lavorare con Lapo Elkann e il suo team, oltre ad essere fonte quotidiana di ispirazione, è sicuramente garanzia di sviluppare progetti interessanti.”

“Ho chiesto a Massimiliano Chiesa di seguire questo progetto – sottolinea Lapo Elkann – perché volevo che il sito raccontasse le personalità dei nostri clienti tramite lo storytelling e illustrasse come nascono idee e proposte che poi diventano concrete sul progetto finale. Il sito è la nostra vetrina sul mondo ed è importante che spieghi cosa fa il Garage, ma qual è il cuore pulsante del nostro lavoro: un mix tra tailor made, automobile, design, moda e cultura.”

Garage Italia Customs si pone l’obiettivo di rendere unico qualsiasi veicolo con interventi di personalizzazione tailor made, volti alla ricerca, all’equilibrio dei componenti, allo studio dei materiali e alla rielaborazione dei sogni del cliente.

Lanciato a marzo 2015 Garage Italia Customs combina una forte identità italiana con uno spirito internazionale intraprendente, nutrito da uno spiccato stile di forma, ereditato dalla tradizione di un’eccellenza produttiva riconosciuta in tutto il mondo. 
Per la unit Low di The Big Now hanno lavorato al progetto il creative director Antonio Zuddas, la fashion editor Odeya Bendaud, l’head of creative technology Diego Vurro, l’art director Alessandro Mori e l’account manager Francesca Guidi.

articoli correlati