AGENZIE

Aipem vince la gara e accompagna Snaidero nella comunicazione 2018

- # # # #

aipem snaidero

L’agenzia di marketing e comunicazione Aipem, a seguito di una consultazione fra agenzie, si è aggiudicata l’incarico di accompagnare Snaidero cucine nella comunicazione 2018 con un mix di attività digitali e non, sostenendo anche l’importante presenza del marchio a Eurocucina Salone del Mobile.

Sul fronte della comunicazione offline, l’agenzia di Paolo Molinaro (nella foto) ha progettato due campagne stampa per rispondere ai diversi obiettivi strategici di marketing dell’azienda. Il coordinamento strategico e il project management sul cliente sono condotti dall’AD Stefano Sebastianelli, mentre la coppia creativa che si è occuperà dell’ideazione e realizzazione delle campagne è composta dall’art director Daria Biasizzo e dal copywriter Maurizio Clemente.

Sui canali digitali, il team di content marketing di Aipem, composto da Daniele Cozzi e Serena Cecconello, ha strutturato una strategia social dal respiro internazionale, capace di rispondere alla necessità di comunicare a un target globale composto sia dal grande pubblico consumer, che da un importante segmento B2B di architetti, designer, dealer e contractor.

Aipem sta quindi mettendo a disposizione di Snaidero un pacchetto di servizi di marketing e comunicazione a 360°, frutto del “know-wow” dell’agenzia: caratteristica unica e distintiva che nei primi mesi del 2018 ha già portato all’acquisizione di clienti prestigiosi come Vebi (chimico-farmaceutico), Alchemist (ruote professionali per bici da corsa), Legnonord (pavimentazioni in legno pregiato) e Copernico Sim (consulenza finanziaria), nonchè alla riconferma di clienti come Electrolux Professional, Eurospital, Givi, Parmalat, Alf Da Frè, DWS Systems, Bofrost Italia e Banca di Cividale.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

easyJet atterra al Fuorisalone con tre oggetti di design insieme a FCB Milan

- # # # #

esayjet

Si chiama Two hours to become a star ed è un progetto creativo che atterra al Fuorisalone di Milano: un’attivazione completamente fuori dai luoghi comuni, ideata e realizzata da FCB Milan per easyJet.

L’agenzia guidata da Fabio Bianchi e Francesco Bozza, rispettivamente Amministratore Delegato e Chief Creative Officer, insieme con la compagnia aerea, ha coinvolto gli studenti NABA nella progettazione di un oggetto di design in grado di semplificare l’esperienza del viaggio.
Il brief per i giovani designer? Trovare l’idea rivoluzionaria un’idea innovativa in due ore di tempo, a diecimila metri di altezza, a bordo di un volo easyJet. Perché nel relax, e tra le nuvole, la mente è libera di inseguire grandi sogni. I tre progetti vincenti sono stati realizzati in laboratorio edesposti durante il Fuorisalone,  nella Lounge easyJet, in via Tortona 37, dal 17 al 22 aprile.

“Con la testa tra le nuvole”, “Handy” e “SIGG” sono state premiate come migliori proposte, idee che si sono distinte per l’originalità e la funzionalità: il primo è un “un progetto creativo e culturale, magico e ambizioso”, come commental’autore, il giovane designer Riccardo Gianduzzo. pensata per i più piccoli ma anche per tutte le persone che durante il viaggio amano approfittare di un momento di relax. Il “libro easyJet” permetterebbe di appoggiare la testa, addormentarsi dolcemente e in assoluta comodità. Il secondo, invece, firmato da Silvia Faggiano è un reticolo di eleastici flessibili. mas protetti da una sicura copertura, che, adattati alla propria valigia, permettono di portare con sè numerosi oggetti utili. L’ultimo, infine, è opera di Francesca Daloiso: un manico per valigia dotato di seduta portatile, incorporata nel bagaglio.

“Abbiamo coinvolto i giovani designer di NABA e fatti volare, sfidandoli a ideare – tra le nuvole e in due ore di tempo – l’oggetto del futuro del viaggio”, conclude Noemi Frisoli, Head of Marketing Southern Europe easyJet. “Quale momento migliore per lasciare i pensieri a terra e lasciarsi trasportare dall’immaginazione per concentrarsi su nuove idee?”

 

Credits
Agenzia: FCB Milan
Francesco Bozza – Chief Creative Officer
Fabio Teodori – Group Creative Director
Valentina Salaro – Creative Strategist
Massimiliano Sala – Senior Copywriter
Greta Carrara – Copywriter
Emily Vanzo – Art Director
Paolo Costella – Strategic Planner
Claudia Moscato – Group Account Director
Agnese Salvatore – Account Supevisor
Alessandro Oliva – Account JunioreasyJet attera al Fuorisalone
Michele Virgilio – Producer
Valeria Semplici – Social Media Manager

Video
Casa di produzione: D.E.A Production
Regia: Davide Agosta
Fotografia: Marco Alfieri

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Teads alla Milan Design Week, con Teads Wonderbox

- # # # #

teads wonderbox

Teads, ideatrice della pubblicità outstream e primo video marketplace al mondo secondo la classifica di comScore, è lieta di inaugurare Teads Wonderbox, un evento lungo tre giorni che si inserisce nel calendario ufficiale del FuoriSalone durante la Milano Design Week.

In occasione della Settimana del Design, Teads apre al pubblico le porte dei suoi uffici milanesi, in Via Tortona 37, nelle giornate del 17, 18 e 19 aprile per consentire al pubblico di visitare un tunnel della comunicazione interattivo dedicato a come la tecnologia sta cambiando lo scenario dei media online nel segmento dell’advertising. Un’esperienza lunga quasi 15 metri in cui il visitatore, attraverso ambientazioni diverse, potrà decodificare e scoprire come le tecnologie digitali hanno definito un nuovo scenario grazie soprattutto all’AI e all’interattività.

L’iniziativa sarà anche aperta al pubblico in orari prestabiliti, ma il 17 e il 19 ospiterà workshop e panel session aperti solo gli addetti ai lavori. L’agenda dell’evento è, infatti, declinata su 3 appuntamenti distinti, ognuno dei quali approfondisce tematiche differenti.

Il 17 aprile Teads, affiancata dai più importanti esponenti dell’industry, ospiterà una serie di speech e panel dedicati ai temi caldi dell’advertising digitale, come brand safety, creatività e pubblicità sostenibile, e presenterà in anteprima i risultati di una ricerca condotta con la School of Management del Politecnico di Milano per capire come i processi creativi tengono conto delle tecnologie digitali e dell’esperienza degli utenti sui vari device. UPA e IAB (Italia e Europe), Cadreon, Hearst e Editoriale Domus e un famoso brand del lusso terranno le redini dei concetti di clean advertising, trasparenza, viewability e user experience. Agenzie creative, Samsung, MSC Crociere, insieme a due brand e due ospiti internazionali spalancheranno gli occhi dei visitatori mostrando esperienze di marketing e comunicazione immersive, al limite del teletrasporto.

Il 18 aprile, l’ufficio sarà aperto alle visite del pubblico consumer e l’appuntamento si chiuderà in serata con aperitivo e DJ set by i Distratti presso via Tortona 37, in collaborazione con Campari.

A concludere l’agenda dell’evento il 19 aprile, sarà un panel verticale dedicato alla leadership femminile dal titolo “Stories Of Female Entrepreneurs and Leadership”. L’appuntamento sarà moderato da Eliana Salvi di PinkTrotters. Le protagoniste: Alicia Matilda Lubrani di Samsung, la chef Cristina Bowerman (con un contributo video), Fjona Cakalli di Game Princess e Tech Princess, Francesca Grilli di alfemminile, Cristina Fogazzi alias Estetista Cinica, Rosaria Coppola di Grandi Giochi, Emanuela Donetti di Urbano Creativo e molte altre che saranno presto annunciate.

 

articoli correlati

MEDIA 4 GOOD

Leo Burnett Italia lancia il progetto “The Shelter Box” con MIA Onlus per aiutare le persone senza fissa dimora

- # # # # #

Leo Burnett

Quando il design è al servizio del sociale: l’agenzia Leo Burnett Italia, in collaborazione con Milano In Azione Onlus (MIA), lancia il progetto “The Shelter Box” per aiutare le persone senza fissa dimora che, con la fine dell’emergenza freddo, si trovano costretti a lasciare le strutture d’accoglienza e ritornare in strada.

“The Shelter Box” è una soluzione di design realizzata in cartone navale e formata da tre elementi che si incastrano, permettendo al prodotto di trasformarsi, a seconda delle necessità, in un letto, una sedia, un tavolo e anche una borsa, con cui trasportare tutti i propri oggetti personali. In questo modo, i senza fissa dimora possono affrontare più facilmente alcune delle principali difficoltà che condizionano le loro giornate durante tutto l’anno.

 

 

Il progetto “The Shelter Box” nasce dalla collaborazione dei designer Marcello Foppiani, Andrea Longoni e Marco Zilioli, art director di Leo Burnett, con MIA Onlus, e verrà presentato durante il Fuorisalone, il 6 e l’8 aprile, per sollevare l’attenzione sulla chiusura annuale del “piano freddo”.

Leo Burnett Italia ha seguito per intero il progetto che ha come obiettivo la sensibilizzazione dei cittadini su questo dramma sociale, invitandoli a sostenere MIA Onlus, con una donazione.

MIA Milano in Azione Onlus è un’associazione di volontariato nata nel 2012 per dare assistenza alle persone gravemente emarginate e povere di Milano, con particolare attenzione a chi è anche senza dimora.

Credits
Campagna: The Shelter Box
Agenzia: Leo Burnett Italia
Direttori Creativi Esecutivi: Francesco Bozza, Alessandro Antonini
Direttore Creativo: Nicoletta Zanterino
Copywriter: Alejandra Gumucio, Andrea Zanino
Art Director: Filippo Formentini, Marco Zilioli
Producer: Alessandra Caldi

Product Designer: Marcello Foppiani, Andrea Longoni, Marco Zilioli

Technical Production: CLS Onlus

Casa di produzione: Bedeschifilm
Regista: Claudio Gallinella

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Logotel, il futuro delle persone tra macchine e tecnologie: al Fuorisalone l’evento PostHuman

- # # # #

favini, logotel,

In occasione della mostra evento “POSTHUMAN – When Technology Embeds Society” designed by Logotel, il 6 aprile in via Ventura 15 a Milano, Imprenditori e Manager di aziende nazionali e internazionali si incontreranno e converseranno con esperti per riflettere su quale sarà l’impatto che le nuove tecnologie avranno sul nostro futuro, sul nostro modo di vivere e di lavorare.

È una questione matematica. Dagli algoritmi che gestiscono servizi per i Clienti a quelli che scelgono al posto loro, da quelli che governano le catene di montaggio che assemblano le macchine a quelli che guidano al posto nostro, a quelli più evoluti che ci riparano o che ci consigliano soluzioni creative. Le nuove tecnologie entrano in tutti gli spazi della nostra esistenza, tendono a riconfigurare le nostre relazioni con le cose, con le persone e con l’ambiente; il futuro che non ci immaginavamo è già qui. Ci meravigliamo ma ci preoccupiamo anche per ciò che riescono a fare e a farci fare o per quello che non potremo più fare. Non si tratta solo di nuovi strumenti ma di un contesto che sta mutando, di un nuovo ambiente, di una nuova dimensione che ci trasforma e si caratterizza per la pervasività e per la rapidità dei cambiamenti.

Stiamo passando a un’epoca POST che avrà la caratteristica distintiva di mostrare il superamento non di elementi grandi o piccoli dell’attuale presente ma dei suoi perni strutturali. In un’epoca PostHuman, come sarà la PostOrganization? Dalla collaborazione con le macchine come ne uscirà l’uomo? Potenziato o diminuito? Quali scelte e sfide per le persone e per le organizzazioni? Alla crescita della tecnica, della tecnologia, non sempre corrisponde una crescita della consapevolezza. Per questo come persone, professionisti, imprese, comunità abbiamo il dovere di sviluppare un pensiero critico, progettuale. Motivo che ha spinto Logotel a organizzare il sesto appuntamento nell’ambito del percorso di ricerca Horizon sui temi di avanguardia che influenzano la progettazione contemporanea.

Giuliano Favini, CEO Logotel, Nicola Favini, Direttore Generale Logotel e Cristina Favini, Strategist & Manager of Design Logotel e Project Manager della mostra, rifletteranno sul tema dell’evento, approfondito e valorizzato da interventi e riflessioni di tre relatori con punti di vista diversi: Pietro Leo, Executive Architect – IBM Italy Chief Scientist, and Research Strategist – IBM Academy of Technology Leadership – Riccardo Staglianò, giornalista e scrittore – Thomas Bialas, futurologo e innovatore. La discussione collaborativa e il percorso esplorativo porteranno i partecipanti ad interrogarsi sui possibili scenari che ci attendono e che, per certi versi, sono già una realtà con cui le imprese e le organizzazioni devono confrontarsi. A partire da oggi. L’evento business, organizzato per il pomeriggio di giovedì 6 aprile a partire dalle 15.30, è inserito tra gli appuntamenti della mostra “Posthuman – When Technology Embeds Society”, che espone l’istallazione di Maria Yablonina – “Mobile Robotic Fabrication Eco-System” e che si terrà dal 4 al 9 aprile nel circuito Ventura Lambrate della Milan Design Week. Il 2017 è per Logotel il sesto anno di partecipazione alla Milan Design Week. Logotel ha realizzato sei mostre con l’obiettivo di sviluppare una serie di riflessioni sulle nuove sfide della progettazione contemporanea, con il contributo di oltre 70 designer e ospiti internazionali. A partire dal 2012, Logotel ha infatti attivato “Horizon,” contenitore di iniziative dedicate a esplorare futuri orizzonti tra avanguardia e concretezza, tra design e impresa.

articoli correlati

MEDIA

Al Fuorisalone una panchina per accorciare le distanze: Nescafé presenta la Hello Bench. L’idea è di Publicis Italia

- # # # #

Nescafé The Hello Bench

Tra cucine galleggianti, progetti rivoluzionari e arredi che sembrano sculture iper-moderne, al Fuorisalone di Milano quest’anno viene presentata da Nescafé una speciale panchina, The Hello Bench, che si inserisce nel mondo del design ma che ha un progetto ancora più ambizioso: ridurre la distanza tra le persone. E quale contesto migliore se non quello dell’evento milanese per eccellenza in cui confluiscono decine di migliaia di persone da ogni parte del mondo per ammirare le ultime tendenze in campo di arredamento, design e innovazione in senso più ampio.

The Hello Bench è ideata da Publicis Italia ed è collocata presso il cortile esterno dello Spazio BASE di via Bergognone in zona Tortona, cuore del Fuori Salone, dal 4 al 9 aprile.

“Abbiamo realizzato The Hello Bench perché oggi le persone faticano sempre di più a creare connessioni reali” afferma Matteo Cattaneo, Marketing Manager di Nescafé. “La nostra panchina si accorcia e quindi avvicina le persone nel momento in cui condividono qualcosa. Una tazza di caffè, in questo caso, è in grado di allontanare l’imbarazzo e abbattere la diffidenza. Questa panchina è il manifesto del bisogno di creare nuove connessioni tra persone in un’epoca in cui la relazione è sempre più virtuale. Contestualmente, il Fuori Salone, che raduna migliaia di persone da tutto il mondo, rappresenta l’occasione migliore per lanciare un messaggio così importante”.

Nescafé, sinonimo di socializzazione grazie alla sua tazza fumante Red Mug che allontana l’imbarazzo e accorcia le distanze, si fa portavoce della problematica sociale della diffidenza tra le persone e lo fa utilizzando uno dei simboli più diffusi nei luoghi pubblici: la panchina. Nei luoghi o nei mezzi pubblici, in cui ci si può sedere, è più probabile entrare in contatto con qualcuno ma i dati ci riportano che 8 italiani su 10 preferiscono non avere nessuno a fianco. Da qui l’idea di realizzare la panchina che riduce le distanze: tramite una base meccanica dotata di binari e ruote, la panchina viene azionata nel momento in cui due ignare persone vi si sono sedute e hanno ricevuto inaspettatamente una tazza di caffè. Una sorta di esperimento sociale che mette in luce le reazioni delle persone e dimostra come basti un piccolo gesto per creare dei legami e abbattere la diffidenza.

Nescafé, grazie alla sua forza valoriale, rappresenta quell’occasione in più per iniziare qualcosa di non programmato, mentre la sua tazza rossa abbatte la diffidenza e annulla le distanze con gli altri. Questa la sfida che il brand, nell’ambito del più ampio progetto internazionale RedVolution realizzato per il riposizionamento della marca, lancia, dimostrando come la sua mug fumante sia in grado di far socializzare chiunque.

Per tutta la settimana del Fuori Salone The Hello Bench vivrà attivamente allo Spazio BASE di Milano e sui social attraverso l’hashtag ufficiale #NescafeConnection.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Samsung, uno spot a tema Brexit lancia le nuove lavatrici AddWash; firma Brand Portal

- # # # # #

Samsung

È Brand Portal a firmare, in collaborazione con Zero, una nuova campagna per lanciare l’innovativa gamma di lavatrici AddWash di Samsung. La comunicazione punta tutto sulla caratteristica che rende questo elettrodomestico davvero unico e rivoluzionario: il doppio oblò, che permette di aggiungere capi o detergenti in qualsiasi momento del lavaggio, in pochi secondi. Quindi, finalmente, addio calzini spaiati. La campagna parte proprio da questo insight e si sviluppa in più soggetti, con visual forti e ironici, che estremizzano la possibilità per qualunque capo di potersi riunire. Anche per quelli che in realtà non potrebbero mai stare insieme. Il soggetto di lancio, con protagonisti un calzino inglese e uno europeo, uscirà in stampa e affissioni dal 4 aprile.

“Con Samsung condividiamo da sempre l’obiettivo dell’eccellenza. E siamo felici di poter collaborare al lancio di un prodotto davvero innovativo” commenta Francesco De Guido, Amministratore Delegato dell’agenzia.
“I progetti più belli sono quelli in cui, nel cercare ingressi creativi originali, riusciamo anche a divertirtici.” aggiunge Marco Gucciardi, Direttore Creativo Esecutivo di Brand Portal “e lavorare su un prodotto come questo aiuta di sicuro”.
“Siamo orgogliosi di avere clienti come Samsung, che ti permettono di osare” conclude Paolo Torchetti , fondatore e principale azionista di Brand Portal “e in un mercato così affollato, è fondamentale farsi notare, sia per i brand, che per le agenzie”.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Brand Portal in stampa e affissione con Samsung Serif TV e Samsung AddWash

- # # #

Brand Portal

Brand Portal, l’agenzia guidata dall’AD Francesco De Guido ha sviluppato la comunicazione di Samsung Serif TV e Samsung AddWash, i due “gioielli” di Samsung, che stabiliscono nuovi standard nel design e nell’innovazione.

In occasione del Fuorisalone Brand Portal ha sviluppato due campagne che potessero esaltare le caratteristiche uniche di questi prodotti, con un linguaggio internazionale e premium. Si tratta di una campagna stampa e affissione, dove il televisore Samsung Serif diventa protagonista di un originale soggiorno, fatto apposta per godere della vista del suo design a 360 gradi e la lavatrice Samsung AddWash presenta l’esclusivo oblò nell’oblò, attraverso la “testimonianza” di una t-shirt che non deve più temere di essere dimenticata.

“Il Fuorisalone per Samsung è molto importante sia a livello nazionale che internazionale. Rappresenta un momento in cui la nostra brand grazie ai suoi prodotti può dare segnali concreti nell’ambito del Design unito all’innovazione. E questi due prodotti ne sono la riprova”, dice Francesco Cordani, Head of Marcom di Samsung Italia.

“Quando un prodotto ha qualcosa di nuovo e innovativo da comunicare, la sfida creativa è ancora più bella, e i risultati si vedono”, sottolinea il direttore creativo esecutivo di Brand Portal Marco Gucciardi.

 

articoli correlati

BRAND STRATEGY

MINI al Fuorisalone insieme a We Are Social per il progetto #MINILiving

- # # # # # # #

MINI - We Are Social

MINI ha realizzato MINI Living, un’installazione urbana di oltre 1.500 mq che racconta un moderno concetto di abitazione condivisa. Lo storytelling del progetto, realizzato sotto forma di miniserie video, è condotto da tre content creator d’eccezione che attraverso dirette video quotidiane sul canale Facebook del brand raccontano lo spazio, le iniziative e le persone presenti al MINI Living durante i giorni del Fuorisalone e interagendo con gli utenti della community.

L’ecosistema di comunicazione, ideato e coordinato da We Are Social insieme a MINI, permette di raccontare a più livelli l’iniziativa sfruttando diversi linguaggi e formati con un ruolo centrale della nuova funzione Live di Facebook. I tre content creator selezionati ­‐ la fashion blogger Lucia Del Pasqua, l’instagrammer Nicola Carmignani e lo youtuber Claudio di Biagio ‐ saranno il volto del brand durante l’intera Milan Design Week integrandosi in diversi modi all’interno dei canali di comunicazione ufficiali per raccontare il mondo MINI e l’installazione dal proprio personalissimo punto di vista.

Ogni giorno, alle 19.00, è previsto un collegamento in diretta dal MINI Living attraverso Facebook Live dove mostreranno lo spazio, le iniziative in corso e interagiranno con le persone presenti attraverso interviste e sketch.

Anche gli altri canali social saranno animati in modo del tutto inedito; il MINI Journal, il magazine realizzato completamente sul canale Instagram di @mini_italia, uscirà in edizione straordinaria ogni giorno per raccontare cosa accade nel MINI Living. Anche in questo caso i content creator saranno co­‐protagonisti del profilo e inviteranno le persone a far comparire i propri scatti fotografici all’interno del MINI Journal. Parallelamente all’edizione su Instagram, ogni giorno verranno stampate delle copie cartacee del MINI Journal da distribuire ai visitatori dello spazio e nelle zone limitrofe. L’account Twitter verrà gestito a turno dai tre content creator aggiornando la community anche al di fuori della finestra dedicata alla diretta Facebook e invitando i propri follower a interagire con loro.

Come racconta Francesca Feller, Account Director di We Are Social, “abbiamo scelto di mettere al centro del progetto 3 content creator che comunicano attraverso linguaggi molto differenti tra loro, dalla fotografia al video, in modo da poter dare alle persone che seguono MINI un punto di vista sempre diverso. L’idea di utilizzare Facebook Live deriva dall’esigenza di sperimentare forme e linguaggi sempre nuovi per comunicare e offrire alla community un luogo di scambio e confronto aperto e libero”.

Credits
Francesca Feller: Account Director
Davide Corti: Senior Account Manager
Giacomo Galli: Senior Account Executive
Carmela Balestrieri: Writer
Luca Della Dora: Editorial Director
Simona Melani: Editor
Daniele Piazza: Creative Production Director
Gabriele Caeti: Creative Director
Mattia Lacchini: Senior Art Director
Stefano Cucinotta: Senior Creative
Alessio Bichi: Designer

articoli correlati

AGENZIE

Logotel presenta per il Fuorisalone di Milano l’evento business “Progettare Emozione”

- # # # # #

Logotel lancia l'evento "Progettare Emozione - When Business Meets Poetry"

In occasione della mostra evento di Logotel, “Poetry – 21 words for…”, il 14 aprile imprenditori e manager di aziende nazionali e internazionali si incontrano negli spazi del gruppo di via Ventura 15 a Milano per riflettere su come uscire dagli standard e tornare a creare emozione nei progetti.

Clienti sempre più indifferenti? Più le imprese accerchiano, bombardano i propri clienti, più i clienti sembrano non rispondere. È solo un problema di overdose, oppure il design – la progettazione – di ambienti, esperienze, comportamenti, contenuti, oggetti e servizi offerti punta solo a essere garanzia che tutto o quasi funzionerà? Viene offerta solamente una visione funzionale. Semplificazione, comfort, standardizzazione. Ecco cosa guida il “progetto”. Uniformità e aspettative livellate per produrre un continuum esperienziale stabile e continuo.
L’Impresa contemporanea tra esigenze di globalizzazione, gestione della complessità, consumerizzazione e sostenibilità economica alla fine rischia di produrre e quindi offrire “esperienze impoverite” che non destano attenzione e non muovono emozione nei clienti e nei loro collaboratori. Le imprese si trovano spesso a non essere più in grado di creare poesia, emozioni (poesia dal greco ποίησις, poiesis, come creazione del differente e del nuovo).
Uscire dalle formule e dagli standard ha a che fare con l’originalità, con la riscoperta del fattore emozionale. Nasce per rispondere a questa provocazione l’evento business “Progettare Emozione – When Business Meets Poetry” che la service design company Logotel organizza nel pomeriggio di giovedì 14 aprile a partire dalle 14,30 presso la sua sede di via Ventura 15 a Milano Lambrate. L’evento è un appuntamento che si rinnova da 5 anni nel quadro del progetto culturale Horizon che raccoglie iniziative dedicate a esplorare futuri orizzonti tra avanguardia e concretezza, tra design e impresa.
L’evento, che è su invito ed è rivolto a un pubblico di executive e manager di importanti aziende nazionali e internazionali, mira a esplorare le profonde connessioni tra il mondo del business, del design e della poetry per ispirare e infondere nel “progetto” vita, bellezza e significato. Per condividere parole, sintassi, e linguaggi capaci di dire di più.
Nicola Favini, Direttore Generale e Manager of Communities di Logotel e Cristina Favini, Strategist & Manager of Design di Logotel e Project Manager della mostra-evento “POETRY – 21 words for…”, in qualità di chairman dell’evento, accompagneranno i partecipanti all’interno di un percorso diviso in tre momenti e in tre “ROOM” differenti per scoprire come la poetica e le emozioni sono il risultato di uno spiazzamento, per scoprire come il linguaggio trasforma e conversare sulla poetica del business oltre che alla pratica del business… Con speaker di comprovata esperienza come Gianluca Alderuccio, Laura Bartolini, Daniele Cerra, Giuliano Favini, Mariagrazia Gasparoni, Antonio Russo e designer e ospiti internazionali come Choi + Shine, Morten Grønning, Tomas Kral, Michiel Martens, Arno Mathies, Ted Wiles.
L’evento business è inserito tra gli appuntamenti della mostra “Poetry – 21 words for…” che si tiene dal 12 al 17 aprile nel circuito Ventura Lambrate della Milan Design Week.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Vorwerk Folletto anima il FuoriSalone di Milano con l’arte e l’ironia di Yux

- # # # # # # #

Vorwerk Folletto e Yux, artista contemporaneo della scena milanese, hanno animato il ponte di via Tortona durante il Fuori Salone milanese con una interpretazione artistica dell’iniziativa #pensapulito, lanciata da Vorwerk Folletto lo scorso anno.
Il progetto, realizzato e gestito in collaborazione con White Marketing and Communication, ha coinvolto migliaia di visitatori fra cui anche i bambini della scuola elementare Martin Luter King di Milano, che muniti di colori e cartoncini hanno realizzato le loro opere d’arte ispirate dai valori dell’iniziativa “Folletto. Pensa Pulito”. Yux ha invece fatto parlare direttamente le icone dell’arte attraverso rivisitazioni in chiave ironica di opere famose come l’uomo con la bombetta di Magritte, la Venere di Botticelli e il David di Michelangelo, che sono diventati moderni portavoce dell’hashtag – e del progetto- #pensapulito volto a promuovere valori positivi come la correttezza e l’onesta nella vita quotidiana.
I cartelli, realizzati in materiali riciclabili e posti in zone di passaggio e alta visibilità, fra cui il ponte di via Tortona, hanno suscitato la curiosità dei passanti, portandoli ad interrogarsi sul significato di #pensapulito.
Centinaia di persone si sono scattate foto con il team di Folletto #Pensapulito, che nelle giornate di venerdì e sabato hanno coinvolto il pubblico a far parte della community. Le immagini più belle sono state caricate sul profilo Instagram PensaPulito e sul sito internet Follettopensapulito.it.
Fra tutti i visitatori del Fuori Salone, l’attività ha colpito anche i più piccoli e il network de Il Club delle Mamme che ha deciso di condividere l’iniziativa coinvolgendo la scuola elementare Martin Luter King di Milano. I.
Infine un’azione di guerrilla marketing ha affiancato le opere street art: 2.000 magneti a forma di nuvoletta con messaggi #pensapulito sono stati posizionati nelle zone più strategiche di Milano.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Replay al Fuorisalone 2015 con un’installazione di Fabio Novembre. Who are you?

- # # # # #

Dal 14 al 18 aprile 2015, in occasione del 54° Salone Internazionale del Mobile di Milano, Replay e l’Architetto Fabio Novembre si uniscono per una rivisitazione del tema centrale del nuovo negozio Replay The Stage in Piazza Gae Aulenti con un’installazione nella vetrina principale del negozio.

Il progetto è stato ideato in esclusiva per Replay dal talento visionario di Fabio Novembre, che ha voluto unire uno dei suoi iconici pezzi, la poltrona Driade, al tema centrale di Replay The Stage: la realtà scenica del cinema e del teatro, dove tutto cambia, proprio come nella trama di una rappresentazione. Con “Who are you?”, puntando sulla contrapposizione tra proscenio e dietro le quinte, Fabio Novembre ne ha proposto una trasposizione più legata alla sfera personale e intimista.

Who are you? “Ogni uomo mente ma dategli una maschera e sarà sincero”. Questo aforisma di Oscar Wilde è molto efficace per descrivere un tempo in cui tra avatar, nicknames e profili fantasma nessuno vuole più accettare di essere se stesso. Le identità celate innescano mondi paralleli, disegnano scenari imprevedibili. Ma il rischio latente rimane l’inevitabile crisi di identità: chi sono io? Chi sei tu?

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Audi è presente al Fuorisalone con il temporary store Audi City Lab

- # # # # #

“Every Innovation is temporary”. È questo il claim dell’Audi City Lab, il temporary store che  inaugurato da Audi Italia in via Montenapoleone a Milano. Un laboratorio di idee, nel cuore del quadrilatero della moda, che la Casa automobilistica tedesca ha deciso di dedicare ai diversi modi di intendere il concetto di innovazione e di design e che, fino al 10 maggio, ospiterà eventi, incontri e dibattiti con ospiti d’eccezione.

Dal 16 al 28 aprile è in programma la rassegna di incontri aperti al pubblico “Audi Mind Movers – From design to imagination”, una serie di talk quotidiani, durante i quali diversi “mind movers” – artisti, designer, creativi e accademici – approfondiranno il legame tra il design, la mobilità, la sostenibilità e il futuro.

E così personaggi che vanno dal sociologo Francesco Morace, passando per il fashion Designer Romeo Gigli, fino al musicista e produttore Marracash, si confronteranno con figure di spicco del mondo Audi e alcune delle eccellenze creative che Audi Italia ha individuato con il progetto Audi innovative thinking.

L’Audi City Lab è presente a Milano nel periodo del Fuorisalone per affrontare e approfondire diverse tematiche e per diventare la sede privilegiata di una serie di incontri su temi diversi: dal design, alla musica, dalla mobilità del futuro all’innovazione in tutte le diverse forme, a cui potranno partecipare, clienti, creativi e semplici appassionati, insieme a tutti gli influencer ed esponenti del mondo del design internazionale, presenti in città per la Design Week.

Per info e per accreditarsi agli eventi: www.audicitylab.audi.it

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Il cubo. Il pixel. Il bit. Kinect. Lumia. Sintesi digitale al Fuorisalone per Microsoft

- # # # # # #

Nel cuore del FuoriSalone, la tecnologia Microsoft viene reinterpretata dal noto visual designer e art director Sergio Pappalettera, trasformandosi in opera d’arte. L’istallazione, collocata in via Tortona all’angolo con via Bergognone, è stata inaugurata ieri alle ore 19.30.
Lo spazio che ospita l’installazione è “costruito” utilizzando quale elemento primario il cubo che, moltiplicato, elaborato, stratificato, dà vita al mondo digitale col suo numero infinito di bit. Il risultato è uno spazio avvolgente, che include e al contempo ben definisce le aree, gli elementi e il loro utilizzo, consentendo ai visitatori di prendere parte alla performance live e di vederne il risultato finale, dall’interno e dall’esterno dell’installazione stessa.
Posizionandosi davanti alla composizione di cubi, il visitatore diventa protagonista dell’opera artistica: vede la propria immagine rispecchiata su tutti gli elementi, mentre i sensori Kinect ne catturano i movimenti rielaborando digitalmente il corpo umano in forma astratta. Il risultato è registrato in mini-clip che, trattate e trasformate grazie al sapiente talento dell’art director Sergio Pappalettera, diventano visionarie opere d’arte digitali che animeranno gli schermi degli smartphone Microsoft Lumia, disposti in diversi punti interni ed esterni dell’installazione, amplificando così il messaggio volto a sottolineare il forte legame tra creatività artistica e sintesi digitale.
Durante l’inaugurazione le opere digitali sono state realizzate grazie a performer professionisti e ballerini di danza moderna che hanno ballato sulla musica realizzata attraverso i Surface Pro 3 trasformati in strumenti musicali contemporanei sempre sotto la regia di Sergio Pappalettera.
La performatività propria dei linguaggi digitali pone infatti in primo piano la componente attiva della comunicazione: la nozione di performance rimanda ad un processo comunicativo che si basa sul gesto, su un fare che si costituisce come premessa e condizione della comunicazione e come contenuto della comunicazione in sé. L’individuo attraverso il digitale può quindi operare una sperimentazione performativa manipolando e decostruendo i significati e i codici comunicativi, al fine di rifunzionalizzare ogni elemento visivo nei suoi rapporti con il senso complessivo in base al suo personale percorso di senso, costruito non solo interiormente, ma anche esteriormente avvalendosi delle possibilità di interazione che i nuovi media offrono. Attraverso l’interattività assunta dai nuovi media, è possibile non solo manipolare l’immagine interattiva, ma anche interrogarla, richiamarla, ricostruirla, dialogare con essa.

articoli correlati

AGENZIE

Veesible lancia al Fuorisalone un progetto di comunicazione integrata e crossmediale

- # # # #

La concessionaria digital del Gruppo Tiscali unisce alla pianificazione digital anche quella su mezzi tradizionali, amplificando in questo modo la presenza dei brand sponsor del Brera Design District. Un progetto nato in collaborazione con Studiolabo. I brand sponsor del progetto, saranno ospitati all’interno dell’homepage del sitoBreraDesignDistrict.it. e sul sito di FuoriSalone.it, con una speciale vetrina.

La presenza degli sponsor sarà online anche sui profili Facebook e all’interno della Newsletter inviata a tutti gli iscritti al database Brera Design District, nella Guida Eventi FuoriSalone e all’interno dell’App ufficiale della kermesse.

Veesible, inoltre, uscendo dagli schemi della pianificazione digitale ha messo a punto anche alcune specifiche iniziative di esposizione media di tipo tradizionale, come il posizionamento di maxi affissioni nei più importanti crocevia del FuoriSalone e la creazione del Mediapoint Brera Design District powered by Samsung in Corso Garibaldi 118, punto di incontro per i giornalisti e snodo informativo per il distretto di Brera.

Massimo Crotti, AD di Veesible, ha commentato: “Veesible in questa iniziativa riconferma un approccio fortemente caratterizzato dalla continua ricerca di qualità e innovazione, indispensabile per avere la massima visibilità in uno dei distretti più distintivi della Milano Design Week. In questa importante occasione che celebra la creatività e il design nazionale e internazionale, i brand hanno scelto di affidarsi alle nostre soluzioni efficaci e vincenti, che conquistano e stupiscono, nonché alle nostre importanti collaborazioni con partner autorevoli, in grado di offrire massimo valore”.

articoli correlati