AZIENDE

La mostra NEED di Logotel esplora al Fuori Salone il bisogno di nutrizione del pianeta

- # # # # # # #

I designer e le alternative alimentari sono di scena alla mostra che Logotel presenta alla Milano Design Week 2015. Ecologici, abbondanti e nutrienti, gli insetti commestibili saranno il cibo del futuro? E le innovazioni introdotte dalle tecnologie all’avanguardia cambieranno il nostro modo di nutrirci?

I Critter Bitters sono dei cocktail artigianali a base di grilli tostati. Sono quattro gli aromi della gamma: grilli alla vaniglia, grilli al cacao, grilli alla mandorla tostata e, per i più audaci, grilli puri. Critter Bitters, progetto di Julia Plevin e Lucy Knops, parte dalla considerazione che le persone sono più aperte e desiderose di sperimentare e innovare attraverso l’alcol. Critter Bitters è uno dei 19 progetti realizzati da designer italiani e internazionali che la service design company Logotel ha riunito in una mostra chiamata NEED, when design empowers human potential”. La mostra evento, che dal 14 al 19 aprile si terrà nello spazio Logotel di via Ventura 15 a Milano (Lambrate) è probabilmente uno degli appuntamenti più originali della Milano Design Week. Con NEED Logotel propone un percorso di esplorazione dei “bisogni”, uno sguardo non convenzionale sul futuro che mette al centro della scena il design come strumento per riscrivere e riprogettare i bisogni individuali e collettivi. Tra questi spicca il tema cruciale di nutrire il pianeta, che come sappiamo sarà anche il cuore di Expo 2015. NEED dedica al tema delle alternative alimentari ben tre progetti.

Se con Critter Bitters, Knops e Plevin hanno trovato un modo per introdurre gli insetti nella cultura americana, con il progetto Èntomo, Lara Hanlon punta a incoraggiare le persone a scoprire gli insetti come “gustosa” alternativa nutrizionale alla carne di uso comune come quella bovina o suina. In realtà attraverso il suo progetto grafico che applica il food design agli insetti, Lara Hanlon, vuole proporci uno stile di vita più intelligente e socialmente sostenibile. Certo, in Occidente prima di assaggiare un piatto insect-based sarà necessario superare il “fattore disgusto”, e non sarà facile. Lo scorso anno al Salone del Gusto e Terra Madre di Torino, Irad Santacruz Arciniega, cuoco messicano e fiduciario della condotta Slow Food Tlaxcalam, ha mostrato al pubblico larve, uova e insetti che in Messico vengono normalmente utilizzati. L’abitudine di mangiare insetti, inoltre, è frequente in molti paesi come Africa, America Latina e Asia. A livello mondiale si stima che siano 2 miliardi le persone che si nutrono di insetti e quasi 2000 le specie commestibili.

Il bisogno di considerare gli insetti come una valida alternativa alimentare per il futuro del pianeta è stata al centro del rapporto 2013 della FAO. Secondo il rapporto, nel 2030 dovranno essere nutrite più di 9 miliardi di persone, assieme ai miliardi di animali. Visto che fenomeni come l’inquinamento di acque e di terreni causato dalla produzione intensiva di bestiame e la deforestazione provocata dal pascolo eccessivo contribuiranno ai cambiamenti climatici e ad altri impatti distruttivi sull’ambiente, uno dei modi per affrontare il problema della sicurezza alimentare e dei mangimi passa attraverso l’allevamento di insetti, nutrienti, con alti contenuti di proteine, grassi e minerali.

NEED, inoltre, ospita anche Bioplastic Fantastic, il progetto di Johanna Schmeer  che studiando nuovi tipi di prodotti e interazioni scaturiti da innovazioni materiali nella biotecnologia e nanotecnologia ha creato sette “dispositivi biologici” che producono tutto il cibo e l’energia che serve all’essere umano per sopravvivere (proteine, grassi, acqua, fibre, zuccheri, vitamine e minerali), semplicemente esponendosi alla luce (attraverso la fotosintesi artificiale). I dispositivi sono stati progettati come parte di uno spazio domestico influenzato biologicamente e somigliano a quella di macchine o laboratori al fine di sottolinearne la natura di oggetti di uso domestico e le possibilità di design derivanti. Il progetto nasce per porre interrogativi e generare discussioni sulle tipologie di applicazioni di biotecnologia e nanotecnologia che in futuro non tanto lontano diventeranno parte integrante della nostra vita quotidiana.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Giacomo Giannini racconta al Fuori Salone attraverso immagini oniriche il brand tau-marin

- # # # # #

Quando il quotidiano incontra il design: tau-marin, brand dedicato all’igiene orale per eccellenza, con le immagini oniriche di Giacomo Giannini dà vita a “Design Quotidiano”, una mostra originale che si terrà a Milano dal 14 al 19 Aprile negli spazi del Fuori Salone del Mobile.

Co-protagonisti del progetto fotografico sono tau-marin e Alessi, Fabbrica del Design italiano, immersi in un contesto quotidiano nella città di Milano, e l’acqua. Acqua che sgorga dal sottosuolo e che zampilla dalle fontane, acqua che attraversa e scorre nei Navigli dipingendo paesaggi incantati, fino a raggiungere gli spazi della quotidianità milanese e tutte le case che la abitano. Tracce di un antico legame evocato dalle numerose opere architettoniche della metropoli, che ammalia con un’anima contemporanea e storica allo stesso tempo: dalla nuovissima Piazza Gae Aulenti con i giochi d’acqua e nello sfondo la Torre Isozaki, il più alto edificio d’Italia, alle fontane dal sapore rinascimentale e le sontuose statue. Sfondi apparenti contenitori che mostrano tutta la loro “centralità da terzo co-protagonista”.
Un micro mondo colorato e giocoso raccontato attraverso gli scatti di Giacomo Giannini, che narra in una scala diversa da quella reale oggetti decontestualizzati che si impongono per forme antropomorfiche. Ad affiancare lo spazzolino tau-marin, dal design essenziale e minimale, i prodotti per il bagno firmati Alessi: i due attori dialogano e giocano come amici di vecchia data sugli sfondi d’acqua di una città che si muove e cresce. Oggetti carichi di storia e personalità, quasi dotati di un’anima, da cui nascono sette storie immortalate in sette scatti. A rendere artistico ed irripetibile il tutto i giochi di proporzione. Giannini genera delle immagini magiche, quasi tridimensionali che attraverso gli spazzolini tau-marin e gli oggetti Alessi in primissimo piano evocano a loro volta mondi fittizi eppure al contempo assolutamente convincenti, in una cornice unica e fortemente emotiva, che abbraccia e mette in relazione gli oggetti con le persone ed il mondo circostante.

Arte fotografica che colloquia con il Design Quotidiano, appunto: tecnologia ed estetica in un prodotto unico e originalissimo che rivoluziona il concetto di spazzolino da denti, e che dal suo primo lancio ad oggi non necessita di restyling. Il concept dello spazzolino mostra sempre la sua efficienza ed innovazione, rendendolo oggetto intramontabile nonostante il passare del tempo. Situazioni e ricordi che affondano le radici in un intimo quotidiano che ci accompagna fin dai lontani anni Settanta, momento storico in cui lo scalare è il primo strumento per la cura dell’igiene orale capace di uscire dall’anonimato. Un’alternanza di colori costante e perfettamente armonica; a racchiuderli, la costruzione geometrica dalle linee pure, pulite ed essenziali, che ha reso questo movimento di forme e geometrie un oggetto elevato al Design: lo spazzolino tau-marin.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Red Bull: The Red Italian Edition premia il design italiano

- # # # # # #

Durante la serata conclusiva del Red Bull Design Workshop, organizzata in collaborazione con Zero, è stata premiata la squadra di giovani designer del POLI.design, capitanata da Zaven, che ha creato il bicchiere che più rispecchia lo spirito di Red Bull – The Red Italian Edition, il nuovo energy drink dal colore rosso brillante e dal sapore unico pensato esclusivamente per l’Italia.

La premiazione è avvenuta durante un aperitivo presso lo Swiss Corner, nel cuore della capitale del design al termine del Salone del Mobile, durante il quale sono stati presentati i progetti dei quattro designer Paolo Cappello, Zaven, Giorgio Biscaro e Sovrappensiero. I prototipi dei quattro bicchieri presentati in occasione dello Zero Design Festival sono stati esposti in apposite teche, così da poterli ammirare in tutta la loro diversità e unicità. La vittoria è andata al team guidato da Enrica Cavarzan e Marco Zavagno –  conosciuti appunto come Zaven, studio nato nel 2006 con base a Venezia – che hanno saputo interpretare in modo inusuale e innovativo l’aperitivo con Red Bull – The Red Italian Edition.

Il bicchiere “Tab” di Zaven, ispirato alla forma della linguetta della lattina, ha saputo coniugare forza comunicativa e coerenza tra contenuto e contenitore e ha ottenuto i favori di una giuria di esperti, composta da Katrin Cosseta di Interni, il designer Odoardo Fioravanti, Stefano Temporin, art director di Zero, e Red Bull. L’efficacia grafica del logo interagisce con il colore rosso dell’energy drink  e crea un gioco visivo che trasmette la particolare energia del prodotto.

Hanno partecipato al progetto “Tab” di Zaven: Gracia Chamochumbi, Napawadee Rodjanathum, Mario Paino Domingos del POLI.design – Consorzio del Politecnico di Milano.

Le immagini dei quattro bicchieri e i dettagli su ogni singolo progetto sono disponibili sul sito  www.redbull.it/reditalian nella sezione Design Workshop.

articoli correlati

MEDIA

“Proteggiti dal Salone”con Kaspersky Lab

- # # # # #

In occasione dell’edizione 2013 del Fuori Salone, Kaspersky Lab sarà presente nel cuore nevralgico del design milanese con l’iniziativa di guerrilla marketing dal titolo “Proteggiti dal Salone”. Realizzata in collaborazione con l’Organizzazione Creativa Art Kitchen, la campagna Kaspersky Lab fornisce suggerimenti ironici e divertenti per proteggersi dai “virus” del Fuori Salone, un evento unico e ricco di ispirazioni e suggestioni ma anche caotico e stressante.

La campagna si sviluppa attraverso 8 card che verranno distribuite in alcune aree di Zona Tortona e che vedranno sul fronte un’immagine creata del Graphic Designer e Illustratore milanese Antonio Colomboni e sul retro un codice per scaricare la trial del nuovo PURE 3.0 Total Security.

Le 8 card:
– Proteggi dai design tour.
– Proteggi dai fiumi di persone.
– Proteggi dal cattivo gusto.
– Proteggi dalle tag di Facebook.
– Proteggi dal ponte di ferro di Tortona.
– Proteggi dagli aperitivi pacco.
– Proteggi dalle bici degli hipster.
– Proteggi dagli sticker.

Per ulteriori informazioni è possibile collegarsi al sito web www.proteggitidalsalone.com o alla pagina www.kablaze.it.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Samsung “Luxury in Tour” prende il via da Tiffany&CO

- # # # # # # #

Sta per prendere il via il “Samsung Luxury in Tour”, progetto che, di qui alla fine dell’anno,vedrà protagonista delle vetrine più esclusive d’Italia il nuovo gioiello tecnologico di casa Samsung, il tv UHD S9000 da 85 pollici. Questo mix di eccellenza tecnologica e lusso debutterà ufficialmente nella boutique milanese di Tiffany&CO di Via della Spiga in occasione della serata inaugurale del progetto Spiga Smart Street, il 9 aprile, in occasione del Fuori Salone 2013.

Il Samsung Luxury in Tour, che nasce dalla volontà di valorizzare il nuovo S9000 quale incarnazione di un concetto di estetica completamente rivoluzionato, porta l’alta tecnologia in mezzo a tutti quegli oggetti “unici” per il valore inestimabile e l’originalità dello stile. Partendo da Tiffany&CO che rappresenta per eccellenza il lusso e dalla cornice del Fuori Salone, sinonimo di massima espressione per il mondo del design, Samsung ha deciso di supportare in veste di main sponsor l’iniziativa Spiga Smart Street, contribuendo a innovare la città di Milano e a promuovere un look sempre più smart, chic e sostenibile.

L’iniziativa Spiga Smart Street trasforma una delle vie fashion più note nel mondo nella prima Smart Street Multimediale e Multiservizi realizzata in Italia attraverso l’innovativo sistema smart city, che integra tecnologie di illuminazione urbana intelligente e di connettività a banda ultralarga in grado da garantire risparmi energetici fino al 70% e di offrire servizi sul territorio quali mobilità sostenibile, sicurezza e sistemi multimediali di comunicazione. Fa infatti parte del progetto anche un totem touch multimediale di Samsung che, installato in modo permanente in via della Spiga, permette a cittadini, turisti e stranieri di accedere a utili comunicazioni e informazioni urbane.

Al termine del Fuori Salone l’S9000 sarà esposto nella boutique di Tiffany a Roma, in Via del Babuino 118.

articoli correlati