MEDIA

La Conferenza Episcopale US si è affidata a Golin per la “Campagna social” del Papa in visita

- # # # # # # #

La recente visita di Papa Francesco negli Stati Uniti ha portata in prima piano, all’interno del più generalizzato declino delle tradizionali fedi cristiane nel Paese, anche la flessione del numero di coloro che si dichiarano cattolici, scesi al 20,8% (-3,1% rispetto al 2007).
L’occasione della visita papale (riporta il Wall Street Journal) è stata utilizzata dalla USCCB, la locale Conferenza Episcopale, per sviluppare un’attività di comunicazione social affidata a Golin, agenzia di PR del gruppo Interpublic.
Nei sei giorni della presenza del papa sul suolo statunitense, Golin – appoggiandosi anche a una rete di oltre 120 influencer e 1300 “power user” di Facebook, Twitter e Instagram, ha veicolato contenuti, GIF e video in tempo reale sui social media.
In totale, Golin ha diffuso 2268 contenuti, in Inglese e in Spagnolo, che hanno generato 18,5 milioni di impression attreverso la condivisione e il passaparola, mentre gli hastag #popeinUS e #papaenUSA hanno ricevuto oltre cinque miliardi di visite.
In totale, vi sono state sui social network 73 impression del Papa durante il suo viaggio americano: a titolo di raffronto, ricordiamo che il SuperBowl, quest’anno, si è fermato poco oltre i 66 miliardi.

articoli correlati