BRAND STRATEGY

Ford Italia a Lucca Comics & Games 2018. QMI Stardust firma il progetto per Mustang

- # # # # #

mustang

Ford Italia sceglie QMI Stardust, responsabile delle sponsorship a Lucca Comics and Games, e, per la prima volta, sarà presente alla 52esima edizione del festival internazionale del fumetto, cinema d’azione, illustrazione e gioco.

La partecipazione dell’Ovale Blu al LC&G si inserisce nel percorso che porta Ford a presidiare in modo sempre più ampio il dinamico e variegato universo del gaming. Applicazione reale dell’approccio out of the box, il pensiero gamificato porta a una riflessione innovativa, in grado di sviluppare soluzioni non convenzionali a problematiche concrete, per trasformare alcuni aspetti dell’esperienza quotidiana.

Complice QMI Stardust, Ford Italia ha deciso di dare nuova vita a una Mustang nera affidandola alla maestria del famoso fumettista Fabrizio de TommasoMustang #FightTheDarkness nasce come interpretazione dell’incontro tra la hero car e l’universo dei fumetti. Realizzata con l’uso di colori acrilici e bombolette spray, raffigura l’uomo comune che si trasforma in supereroe grazie all’energia sprigionata dalla hero car.

Gli appassionati che affolleranno la manifestazione, potranno ammirare, presso lo stand Ford, la nuova generazione di Mustang, la supercar della casa americana protagonista di tanti film, videogame e di innumerevoli comics in tutto il mondo. Da oltre 10 anni, è l’auto sportiva più venduta negli Stati Uniti e, per il terzo anno consecutivo, è stata incoronata come l’auto sportiva più venduta al mondo.

 

articoli correlati

TECH & INNOVATION

Ford Italia e GTB Roma presentano Feel The View, il dispositivo che permette ai non vedenti di “sentire” il panorama

- # # # # #

Ford Italia

Aprire le autostrade a tutta l’umanità. Questo era il sogno di Henry Ford oltre 100 anni fa. Quel sogno si sta evolvendo giorno dopo giorno per migliorare la vita delle persone, cambiando il modo in cui si muovono: dai servizi di sharing mobility a quelli di collaborative parking, dalle soluzioni per rivoluzionare la logistica nelle città del futuro, fino a immaginare un mondo in cui le strade saranno riconfigurabili in funzione delle esigenze delle persone e dei flussi di traffico. Un processo di evoluzione che vuole essere più inclusivo possibile e rispondere alle esigenze di tutte le persone, anche e soprattutto di quelle con disabilità.

Per questo oggi Ford Italia e GTB Roma presentano Feel The View: un innovativo dispositivo che, applicato al finestrino di un’auto, è capace di decodificare il panorama visto dal finestrino dell’auto, permettendo a chi è disabile visivo di vederlo con la punta delle dita.

Il dispositivo – sviluppato da Aedo, startup specializzata in dispositivi per disabili visivi –  è in grado di trasformare la superficie piana del finestrino di un’auto in un display tattile. Il prototipo cattura e trasforma le foto scattate dalla fotocamera integrata in stimoli sensoriali aptici, non visivi, percepibili attraverso il tatto e l’udito.

La foto scattata dal dispositivo viene convertita dal software interno in un’immagine in scala di grigio altamente contrastata. L’immagine viene “riprodotta” sul vetro del finestrino da speciali LED. Il device provoca, sul punto del finestrino che l’utente sta toccando, delle sollecitazioni facendolo vibrare con 255 differenti intensità: minore sarà l’intensità di grigio, maggiore sarà l’intensità di vibrazione. In questo modo il non vedente, attraverso l’esplorazione dell’intero finestrino, può “immaginare” e ricostruire nella mente la forma dell’oggetto che sta toccando.

Il prototipo, connesso a internet, integra un sistema di intelligenza artificiale e sintesi vocale che completa l’experience: una voce guida connessa all’impianto audio dell’auto Ford, aiuta i disabili a contestualizzare il contenuto catturato dalla fotocamera integrata, consentendo loro di esplorare le forme del paesaggio circostante in autonomia, con semplicità e in modo intuitivo.

Il video è stato realizzato dalla casa di produzione Why Worry, per la regia di Mauro Mancini. Un ringraziamento speciale va alla protagonista, Anna Rita De Bonis, Amministratore Delegato di Views International.

“Quando l’idea era allo stato embrionale, abbiamo cercato fornitori in tutto il mondo per capire come realizzarla”, racconta Federico Russo, Executive Creative Director di GTB Roma. “Durante l’ultimo Maker Fair tenutosi a Roma abbiamo conosciuto Aedo Project. L’interfaccia aptica implementata su alcuni loro progetti ci ha aperto un mondo e ci ha permesso di ragionare come farebbe un non vedente. Man mano che il prototipo prendeva forma, ci siamo resi conto di aver dato vita ad un nuovo linguaggio per permettere ai non vedenti di decodificare la realtà intorno a loro, ricostruendo nella propria mente l’immagine di un paesaggio circostante mentre sono in viaggio. Un’innovazione che oggi nasce per essere utilizzata all’interno di un’auto, ma che un domani potrebbe essere implementata nelle scuole e negli istituti per non vedenti come strumento per molteplici utilizzi”.

CREDITS

Agency: GTB Roma
Executive Creative Director: Federico Russo
Art Director: Stefania Esposito
Copywriter: Leonardo Pastacaldi
Client Service Director: Andrea Manfredonia
Business Director: Chiara Di Loreto
Account Executive: Marta Vagnarelli
IT Manager, Data Administrator and Analyst: Massimiliano Pacilio
Head of production: Mara Bruschetti

Production and post production Company: Why Worry Production
Director: Mauro Macini
DoP: Agostino Vertucci
Executive producer: Diego Panadisi
Line producer: Francesca Esposito
Editor: Julien Panzarasa

Sound design: SUONI LAB – Rome
Editing: Claudio Bresciani

articoli correlati

ENTERTAINMENT

Campagna Ford EcoSport: continua la collaborazione tra GTB Roma e i The Jackal

- # # # # #

GTB Roma

La campagna Ford EcoSport si arricchisce di un nuovo capitolo. Dopo “Il Buttofuori del weekend”, continua la collaborazione tra GTB Roma (l’agenzia del Gruppo WPP dedicata al cliente Ford Italia) e i The Jackal con un nuovo progetto: “Le 48 ore di Fru”.

Ne “Il Buttofuori del weekend” le vittime, un appassionato di videogiochi, un mammone casalingo e una dipendente da serie televisive, sono state letteralmente scaraventate fuori di casa a bordo di una fiammante EcoSport ST-Line per vivere quegli sport che avevano sempre sognato di praticare ma non avevano mai avuto la forza e la spinta per farlo.

I risultati della prima fase del progetto video sono stati significativi: più di 8.000 nuovi iscritti al canale YouTube Ford Italia, oltre 1,2 milioni di views su YouTube e 5.000.000 su Facebook, distribuito anche sulle pagine di Fanpage.it, con un crescente interesse ai video nelle tre settimane di programmazione.

Stavolta la vittima è il più pigro dei The Jackal: Gianluca Fru, un ragazzo di 22 anni che apparentemente, per l’aspetto e lo stile di vita, ne dimostra settanta. I The Jackal e GTB Roma hanno sottoposto Fru a un “epic torture test” per 48 ore di fila, per fargli fare tutte le esperienze che non ha mai fatto in vita sua: dal rafting a pascolare le pecore, dal bubble soccer al rugby, dalla ceretta al lancio col paracadute.

 

 

Il video “Le 48 ore di Fru” è stato lanciato sui canali social di Ford Italia (Facebook, Instagram, YouTube, Twitter, G+) venerdì 16 febbraio. In circa 48 h ha fatto registrare più di 1.2 Mio di visualizzazioni sui canali YouTube di Ford Italia e The Jackal e più di 250 mila visualizzazioni per le stories dei canali The Jackal e Fru, ricevendo più di 600 risposte dirette. Il giorno precedente, giovedì 15, è stato anticipato da un video trailer di 15” postato su Facebook, Facebook Stories e Instagram Stories.

“Il posizionamento della nuova Ford Ecosport – La vita è là fuori, e tu? – ci ha permesso di creare dei branded content divertenti e dal grande potenziale social”, commenta Federico Russo, Executive Creative Director di GTB Roma. “Per aumentare il livello di engagement, Fru alla fine del filmato chiede alla fan base di suggerirgli un modo per vendicarsi degli altri membri dei The Jackal. Prevediamo di rilasciare dei nuovi contenuti nelle prossime settimane, con il coinvolgimento di un nuovo, sorprendente personaggio”.

“Siamo molto contenti di questa collaborazione, sin dai primi momenti in cui siamo stati briffati abbiamo avuto l’impressione di poter raccontare una storia perfetta per il nostro piano editoriale, che allo stesso tempo potesse veicolare in modo potente il messaggio di Ford”, dice Vincenzo Piscopo, Head of Branded Content del gruppo Ciaopeople. “La contrapposizione tra il personaggio di Fru e l’entusiasmo di vivere il weekend crea un meccanismo di sicuro coinvolgimento della nostra community”.

Credits GTB Roma
Executive Creative Director: Federico Russo Art Director: Stefania Esposito
Copywriter: Leonardo Pastacaldi
Account Director: Francesca Pellegrini Account Executive: Barbara Petricciuolo Social Media Director: Danielantonio Di Palma Head of production: Mara Bruschetti
Media Client Service Director: Luigi Sorrentino

Credits The Jackal (Production Company)
Head of Branded Content: Vincenzo Piscopo
Creative Director The Jackal: Francesco Ebbasta, Alfredo Felco Production Director: Simone Ruzzo
Executive Producer: Maria Chiara De Gregorio
Project Manager: Chiara Iovine
Director: Matteo Bruno
Head of Editor: Alfredo Felco
Editor: Nicola Verre e Mario Rotili
Edit Audio e musiche: Liz Martin
Attori: Gianluca Fru, Simone Ruzzo, Ciro Priello, Fabio Balsamo

articoli correlati

MEDIA

Il Buttofuori del weekend: webserie di The Jackal per Ford EcoSport. Firma GTB Roma

- # # # # #

buttofuori ford

Il 40% degli italiani conduce una vita sedentaria, fa poco movimento e trascura benessere e forma fisica. Può un’auto contribuire a contrastare questo fenomeno? La risposta è Nuova Ford EcoSport, il SUV compatto di casa Ford pensato per una vita dinamica, dentro e fuori la città, che oggi si presenta con un frontale completamente rinnovato e una qualità superiore degli interni e delle tecnologie di bordo.

Partendo dal concetto del nuovo posizionamento europeo della EcoSport, GTB Roma, l’agenzia del Gruppo WPP dedicata al cliente Ford Italia, ha creato una webserie per risvegliare dal letargo tutti i pigri d’Italia: il Buttofuori del weekend.
Il Buttofuori è un uomo enorme, minaccioso e simpatico al tempo stesso, che on-demand su chiamata di amici e parenti si presenta in casa e butta letteralmente fuori le sue vittime affette da pigrizia: un malato di videogiochi viene trascinato fuori casa per andare a fare surf d’inverno la mattina presto; una dipendente da serie TV viene portata a fare lezioni di paddle; un mammone sedentario appassionato dei manicaretti domenicali di mammà viene catapultato a fare lezioni di vela.

La produzione della webserie è dei The Jackal, per la regia di Francesco Ebbasta.

Credits
Executive Creative Director: Federico Russo
Art Director: Stefania Esposito
Copywriter: Leonardo Pastacaldi
Account Director: Francesca Pellegrini
Account Executive: Barbara Petricciuolo
Social Media Director: Danielantonio Di Palma
Head of production: Mara Bruschetti

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Ford: al via Go Faster. Stunt driver per un giorno alla guida della Performance

- # # #

Ford presenta Go Faster

Ford presenta Go Faster, l’experience che permetterà ai partecipanti di calarsi nella realtà cinematografica e muoversi come un vero e proprio stunt alla guida di una Ford Performance car.

Durante l’esperienza sarà possibile rivivere le scene più emozionanti dei classici di Hollywood spiegate da stunt professionisti, che sveleranno ai partecipanti i segreti per ottenere performance estreme, tra drifting e gomme fumanti.

Una volta apprese le tecniche, sarà possibile diventare Wheels, il protagonista del film Go Faster. A bordo di una Focus RS, l’estrema hot hatch dell’Ovale Blu, l’interprete eseguirà manovre incredibili per seminare un’agguerrita Ford Mustang; un inseguimento che verrà ripreso utilizzando macchine fotografiche e impianti di alta qualità. Ai momenti al volante verranno abbinate anche alcune scene recitate, che andranno a comporre il trailer del film Go Faster, pellicola che racconta di un pilota tornato dal carcere per vendicare un vecchio torto subito da alcuni compagni di banda.

“Questa è un’occasione unica non solo per vivere l’emozione di sentirsi come un vero stunt al volante di una delle auto più incredibili di sempre, ma anche per misurarsi con le proprie capacità di guida ed essere, infine, i protagonisti di un film. È come se il cinema incontrasse le lezioni di guida condotte da stunt professionisti divenendo un unicum, il tutto immerso nello scenario di una raffinata produzione in stile hollywoodiano, regalando ai partecipanti una giornata indimenticabile, nonché un trailer da condividere con gli amici”, ha commentato Andrew Merryweather, Manager Brand Experience di Ford.

Go Faster si svolgerà a Londra da venerdì 13 a domenica 22 ottobre. Ai partecipanti verrà inviato un canovaccio completo per prepararsi prima di andare in scena ed essere il protagonista di un’intera giornata all’insegna delle performance.

articoli correlati

MEDIA

Ford celebra il World Emoji Day e pone ancora l’attenzione sulla guida sicura

- # # # #

Ford celebra il World Emoji Day

Ford celebra il World Emoji Day, la giornata internazionale dedicata alle ‘faccine’ più famose di sempre, così popolari da essere diventate protagoniste di una pellicola cinematografica (The Emoji Movie), che arriverà in Italia alla fine del mese di settembre.

Il film in 3D descrive un mondo immaginario, chiamato Textopolis, con una sua dimensione vitale, raffigurata all’interno di ogni smartphone attraverso i diversi emoji, che riproducono fedelmente un’unica emozione e personalità. Il personaggio principale Gene, emoji curioso e dubitativo, inizia un viaggio alla ricerca di una dimensione alternativa a quella del proprio ambiente di appartenenza, dove potersi esprimere diversamente.

Una cosa è certa, gli emoji non dovrebbero mai ‘viaggiare’ quando ci si trova al volante. Uno studio condotto nel 2016 ha, infatti, rivelato che il 22% dei giovani europei ha ammesso di avere la cattiva abitudine di inviare emoji quando si trova alla guida. Distrazione che, in effetti, può aiutare a comprendere il perché siano i Millennial (ragazzi di età compresa tra i 18 e i 24 anni, che rappresentano l’8% della popolazione che guida) a essere il 15% delle vittime complessive coinvolte in incidenti stradali fatali in Europa.

A tal proposito, l’Ovale Blu, nell’ambito del Ford Driving Skills For Life (DSFL), il programma di corsi gratuiti di guida responsabile, che rappresenta l’impegno di Ford in tema di Corporate Social Responsibility, ha lanciato la campagna Don’t Emoji and Drive, veicolata attraverso sia i tradizionali canali di comunicazione sia i social media, con l’intenzione di ricordare agli automobilisti che, anche solo inviare un’emoji è una pericolosa fonte di distrazione, che può avere serie conseguenze per sé stessi e per gli altri.

In Italia, il DSFL è stato lanciato nel 2013 e ha toccato, fino a oggi, sette città (Roma, Milano, Napoli, Palermo, Padova, Pavia, Monza), coinvolgendo in totale oltre 2.500 ragazzi, che hanno potuto acquisire maggiore consapevolezza e responsabilizzazione alla guida, per evitare le distrazioni, imparare a riconoscere tempestivamente i pericoli, controllare il veicolo in situazioni d’emergenza e gestire gli spazi e la velocità. L’edizione di quest’anno, apertasi con la tappa di Roma, lo scorso mese di maggio, alla quale hanno partecipato 320 “giovani conducenti”, proseguirà a Palermo il prossimo ottobre.

 

articoli correlati

AZIENDE

Ford College Community Challenge 2017: l’idea vincente dei “Caffé Silenziosi”

- # # # # # #

Ford

Il silenzio è d’oro (nero) nel caso dell’iniziativa di eventi Pop-Up dedicati ai “Caffè Silenziosi” (in tedesco, Cafè Ohne Worte), caffetterie dove tutto è finalizzato ad assumere, formare e prendersi cura della clientela rappresentata da non udenti o da coloro che presentano problemi di udito.

Si potrà ordinare ciò che più si preferisce grazie al linguaggio dei segni, offrendo a coloro che hanno problemi di udito, da un lato la possibilità di trovare occupazione nel settore della ristorazione, e dall’altro l’opportunità di condividere momenti con la comunità dei non udenti, in un luogo dove ritrovarsi per mangiare, e soprattutto poter essere facilmente compresi. Sarà, inoltre, l’occasione per i normo udenti di calarsi nella realtà di coloro che vivono questa disabilità e apprezzare come talvolta potrebbe essere (migliore) un mondo più silenzioso.

L’iniziativa è stata sostenuta dai Caffè che hanno messo a disposizione i propri locali per ospitare gli eventi Pop-Up, ed è frutto dell’idea di studenti dell’Università di Colonia, Germania. I ragazzi sono stati ispirati dall’aver assistito in prima persona alle difficoltà incontrate dai clienti non udenti, o in generale con problemi di udito, alle prese con le ordinazioni.

“L’essere non udente può davvero tagliarti fuori dalla società, anche quando si tratta di fare qualcosa di apparentemente semplice, come ordinare un caffè o lavorare come cameriere o cameriera”, ha raccontato Frederike Höfermann, diciannovenne studente di economia, Project Manager del Café Ohne Worte. “L’idea dei Caffè Pop-Up ha riscosso molto interesse, tanto che stiamo cercando di estenderlo ad altre località in Germania, per poi esportare il concept in tutta Europa”.

L’iniziativa dei Cafè Ohne Worte è tra quelle che maggiormente si sono distinte al Ford College Community Challenge 2017, un programma educativo condotto dal Ford Motor Company Fund, che mette a disposizione sovvenzioni per progetti studenteschi focalizzati sulla costruzione di comunità sostenibili per il prossimo futuro.

Dal lancio dello scorso anno, sono stati circa 1.000 i clienti che hanno cenato nei 7 eventi Caffè Pop-Up dedicati, che si sono svolti in 4 diversi locali, e che hanno visto all’opera almeno 5 persone di staff ogni volta.

“Si tratta di un progetto molto stimolante in cui essere coinvolti, sia per vedere le reazioni sorprese positivamente di coloro che presentano problemi di udito, sia per apprezzare l’entusiasmo e il grande impegno degli studenti che si sono occupati di questo ambizioso progetto”, ha commentato Debbie Chennells, Manager Ford Fund, Ford Europa.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Ford e GTB Roma presentano EcoSport: Il SUV a misura di città

- # # # # #

Nuova Ford EcoSport

Ford lancia EcoSport un SUV innovativo, che unisce all’assetto di guida rialzato un design compatto e di giuste dimensioni. GTB Roma, l’agenzia del Gruppo WPP dedicata al cliente Ford Italia, ne firma lo spot internazionale, che racconta attraverso l’ironia e il paradosso i disagi di chi sceglie oggetti dalle dimensioni poco adatte alle proprie esigenze.

Un lampadario extra-large, una fontana che ostruisce il vialetto di casa, una tv che non passa nemmeno attraverso il portone. Sono questi gli oggetti che il protagonista dello spot guarda divertito, mentre attraversa la città a bordo della sua Ford EcoSport, agile e dinamica anche nelle strade più strette: la scelta più intelligente per chi cerca un’auto che si adatta alle esigenze della vita di tutti i giorni. Ford EcoSport è proprio questo: il SUV compatto su misura per te.

“La scelta della nostra proposta dopo un pitch internazionale ci riempie di orgoglio. In passato nessuna agenzia locale era mai riuscita a far passare una propria creatività per il mercato europeo. Del progetto abbiamo seguito tutte le fasi, dallo shooting avvenuto a Madrid, alla postproduzione eseguita a Londra. Questo ha reso ancora più stretto il nostro rapporto con GTB Central e ci sta portando nell’immediato futuro a nuove e interessanti collaborazioni. A GTB Roma è stato affidato infatti il coordinamento europeo di un team internazionale formato da coppie creative sia UK sia italiane per il lancio di un nuovo modello dell’Ovale Blu”, ha commentato Federico Russo, ECD di GTB Roma.

CREDITS

Chief Creative Officer UK & Europe: Julian Watt Executive
Creative Director: Federico Russo
Art Director: Stefania Esposito
Copywriter: Giorgia Spina, Marta Policastri
Client Service Director: Andrea Manfredonia
Account Director: Eleonora Casati
Account Executive: Barbara Petricciuolo

articoli correlati

NUMBER

Ford a San Valentino stupisce con una sorpresa gli operatori del settore hospitality

- # # #

Ricerca Ford

Un sondaggio condotto da Ford conferma che per chi opera nell’hospitality, San Valentino significa mettere l’amore altrui prima del proprio. Sono proprio questi inconsapevoli ‘assistenti di Cupido’ a dover rinunciare al loro San Valentino, discutendo spesso con i relativi partner, per la loro assenza. Ford quindi ha voluto stupirli e ha organizzato una romantica sorpresa di San Valentino, dedicata al loro amore.

Approfondendo il tema del sondaggio l’atmosfera di San Valentino rende gli operatori del settore alberghiero e della ristorazione più predisposti verso la clientela; 1 su 4, infatti, si rende disponibile a realizzare soluzioni creative per rendere magico il momento della dichiarazione d’amore dei loro clienti.

La ricerca si è svolta attraverso interviste a operatori del settore hospitality di diversi paesi europei, tra cui camerieri, baristi e concierge, alcuni dichiarano che sarebbero disposti a lasciare il lavoro piuttosto che perdere la notte più romantica dell’anno in compagnia del loro amore; sono gli intervistati italiani, con il 33% delle preferenze, a percepire quanto complicato sia il dover lavorare in questa giornata, mentre sono i francesi, con il 29%, a raccontare di aver più volte affrontato litigi per tale motivo.

Degli intervistati, inoltre, 1 su 3 ha cercato di evitare il turno di lavoro, 1 su 10 si è dato per malato, o altri ancora hanno dato libero sfogo alla fantasia, inventano emergenze personali o improbabili problemi come l’auto in panne.

Ford ha voluto stupire questi inconsapevoli ‘assistenti di Cupido’, organizzando per loro una romantica sorpresa di San Valentino.

“A San Valentino le coppie si dedicano a se stesse senza prestare attenzione al resto. Certo è, che molto del loro festeggiamento dipende dalle persone che, sacrificandosi, lavorano ardentemente per rendere il nostro momento magico. Sono loro i veri Cupido di San Valentino, e quale modo migliore per riconoscere i loro sforzi se non renderli protagonisti del momento” ha dichiarato Greg Dawson, Vice President Communications and Public Affairs, Ford Europa.

Per gli operatori a lavoro nel giorno dedicato all’amore c’è però un lato positivo: 2 su 3 degli intervistati, infatti, ha affermato che i clienti a San Valentino sono più gentili, oltre ad essere, secondo la maggioranza, più generosi.
E cosa fanno questi ‘assistenti di Cupido’ per i clienti che si presentano da soli proprio a San Valentino? Dal sondaggio emerge che 1 cameriere su 5 si prende cura di loro, cercando di farli sorridere.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

I fan di Ford e Tinder si incontrano sulla Mustang

- # # # # #

incontri Tinder su Ford

Ford realizza un primo appuntamento al buio decisamente alternativo. Degli oltre 1,5 milioni di utenti Tinder che hanno interagito con il profilo creato da Ford per aggiudicarsi questo insolito primo appuntamento, rigorosamente al buio, 5 fortunate coppie sono riuscite ad aggiudicarselo e a trascorrerlo a bordo dell’iconica ‘muscle car’ dell’Ovale Blu.

Le coppie sono state scelte tra quelle che sono sembrate più compatibili per l’account di Ford Mustang che prometteva: “Questo è l’incontro che hai sempre aspettato. Ford Mustang vuole invitarti all’appuntamento al buio più unico di sempre”. I fortunati si sono lanciati sulle strade di Londra per vivere questa straordinaria esperienza, che si è conclusa in un cinema drive-in, dal sapore vintage. Durante la conoscenza on the road, le coppie, per rompere il ghiaccio tra loro, sono state sottoposte alle domande più strane di Jarred Christma, dai tatuaggi nei posti più strani ai belfies.

Jim Farley, Executive Vice President e President, Europe Middle East e Africa, Ford Motor Company ha dichiarato, “Un inizio decisamente niente male, quello di presentarsi al primo appuntamento in Mustang. È un’auto iconica, che da sempre fa girare la testa.”

Derek Callow, Vice President International, Tinder, ha commentato, “La Mustang ha cambiato per sempre, rivoluzionandolo, il concetto di auto sportiva americana nel cuore degli appassionati, e non solo. Tinder, ha cambiato completamente, rivoluzionandolo, il modo di incontrarsi per le persone di tutto il mondo. Per questo l’idea di collaborare insieme per sviluppare nuove modalità di relazione ci è sembrato interessante.”

articoli correlati

MEDIA

Dopo un pitch europeo che ha coinvolto anche Youtube, GTB Roma e Ford presentano lo Human Car Configurator

- # # # # #

GTB Rome

Ford Europa e GTB Europe, in collaborazione con Youtube, hanno indetto un pitch europeo tra le agenzie big five del Gruppo (UK, Italia, Germania, Francia e Spagna) per sviluppare un video che comunicasse l’importanza del ruolo dei Ford Store all’interno del processo di acquisto di un’auto. Mandatories: il video doveva essere sviluppato in sole 48 ore con un budget di soli 10k pound.

GTB Roma, l’agenzia del Gruppo WPP dedicata alla comunicazione del cliente Ford Italia, ha presentato un’idea innovativa per comunicare alle persone un concetto semplice ma quanto mai vero: un’auto non si può solo guardare o cliccare online, ma va vista dal vivo, toccata e annusata. È nato così il primo Human Car Configurator.

Nel video un dealer permette all’utente da casa di interagire con lui e configurare insieme l’automobile preferita in base ai suoi tap e clic. L’uomo si sostituisce alla macchina, dimostrando di sapere eseguire meglio e con molta più simpatia il processo di configurazione dell’auto. La line finale spiega l’idea: “Toccare è meglio che guardare. Vivi l’esperienza di un Dealer Ford. Dal vivo”.

 

 

“È stata una sfida ai limiti dell’impossibile sia per i tempi sia per le risorse a disposizione” – commenta Federico Russo, Direttore Creativo GTB Roma – “e ci ha costretto a pensare il video in modo diametralmente diverso rispetto al classico commercial. Fare una configurazione live di un’auto è un’impresa. Ci piaceva l’idea, volevamo realizzarla a tutti i costi e abbiamo dovuto trovare il modo più semplice per farla diventare realtà: usare dei trick visivi e creare un configuratore analogico fatto di cardboard. L’interazione con un fantomatico utente da casa che con un dito decideva come indirizzare la configurazione ci ha aiutato a creare degli ulteriori effetti visivi, che abbiamo realizzato in linea con il layout della piattaforma per cui è nato il progetto: Youtube. Un particolare ringraziamento va alla casa di produzione WhyWorry, nella persona di Diego Panadisi, e al regista Mauro Mancini che hanno creduto fortemente nel progetto e fatto un lavoro straordinario”.

Il video italiano tra tutte le proposte è quello che ha registrato la migliore retention sull’intera durata nonostante fosse lungo 2 minuti, dimostrando una grande memorabilità e un consistente uplift nella consideration del brand e confermando che la durata non costituisce un elemento determinante nella viewability quando il prodotto creativo è interessante per il target.

Credits

Agency: GTB Rome
Creative Director: Federico Russo
Art Director Junior: Alberto Terribile
Copywriter Senior: Fulvio Di Meo, Roberto Ottolino
UX and Frontend Developer: Lucio Gagliardi
Client Service Director: Andrea Manfredonia
Digital Business Director: Chiara Di Loreto
Head of Production: Mara Bruschetti

articoli correlati

MEDIA

Allaguida racconta con test drive, video e social i 421 cavalli della Ford Mustang

- # # # # #

Allaguida.it racconta la Ford Mustang

Allaguida.it è salito a bordo della Mustang, bolide più puro di Ford per provarlo, con il vento tra i capelli in versione cabrio, e raccontarne le eccezionali prestazioni con un piano editoriale all’insegna della creatività e dell’engagement.
Il web magazine dedicato ai motori, edito da Trilud, ha voluto assaporare l’essenza della più desiderata “Pony Car” del mondo, capirne ogni dettaglio e testarne la potenza. Ma non solo: ha dato l’opportunità a un fedelissimo lettore del sito di mettersi al volante della Mustang, tramite un’iniziativa lanciata sulla pagina Facebook.
Divertimento, adrenalina e sensazioni, raccontati anche attraverso un video emozionale, che raccoglie le reazioni della gente e dei passanti di fronte all’iconica vettura parcheggiata.
La Mustang, sinonimo di eleganza oltre che di sportività, ha poi trovato la sua location ideale nel Parco Valentino di Torino, in occasione del Salone dell’auto 2016, che è stato trasformato dalla redazione di AllaGuida.it nel contesto perfetto per un’intensa attività di live posting su Facebook, Twitter e Instagram. Naturalmente a bordo di Ford Mustang.
“La partnership con Ford – afferma Dragan Jankovic, CEO di Trilud SpA – è un esempio della capacità creativa e di coinvolgimento degli utenti che i nostri brand editoriali offrono per raccontare al meglio prodotti di così alta qualità, come la Ford Mustang entrata ormai nel mito, e per garantire ai nostri partner uno storytelling efficace, emozionale e declinato ad hoc su valori condivisi”.

articoli correlati

AGENZIE

Nasce GTB – Global Team Blue, il più esteso network di WPP

- # # # # # # #

GTB

WPP annuncia che Team Detroit, Blue Hive e Retail First da oggi saranno riunite sotto un’unica, nuova identità: GTB. Il nuovo nome e organizzazione riflettono l’approccio innovativo e la diffusione globale che caratterizza queste società e la loro visione di sviluppo.
GTB – acronimo di Global Team Blue – è presente in sei continenti con 49 sedi operative ed è il più esteso network del gruppo WPP, pronto a tradurre la nuova sinergia in livelli ancora più alti di creatività ed efficacia sui media.

“Operiamo come un’unica entità a livello globale, quindi, oltre a obiettivi condivisi, ha senso avere anche un nome che li rispecchi e li renda noti alle nostre risorse tanto quanto ai nostri clienti”, dichiara Kim Brink, Chief Operating Officer di GTB. “I clienti, oggi più che mai, pretendono la migliore selezione di talenti che il gruppo WPP riesce a garantire e offrire. Il nostro modello di business si muove verso una maggiore interconnessione: unire i molti e diversi talenti è una vera e propria dichiarazione d’intenti che permetterà di raggiungere grandi risultati. Di fatto, GTB è un unico grande team.” L’essere una realtà organizzata e globale rappresenta uno dei punti di forza di questa partnership. “Proprio perché siamo integrati in tutto il mondo, riusciamo a proporre idee e strategie scalabili, che funzionano a livello globale” ha continuato Brink. Team Detroit e Blue Hive sono nati dall’unione di esperienze e competenze provenienti da JWT, Ogilvy, Mindshare, Y&R e Wunderman.
“In Italia GTB è a Roma”, aggiunge Sergio Baratelli (nella foto), CEO di Blue Hive Italia, “e continua l’attività impostata da Blue Hive. Ha la propria sede non lontano dai clienti, perché anche la vicinanza caratterizza la nostra attività. Adv, digital e live communication, sotto la direzione creativa di Federico Russo, rendono la nostra proposta unica nel panorama italiano e la nostra costante crescita negli ultimi anni, per molti competitor di grande crisi, dimostra quanto i clienti apprezzino il nostro approccio”.

La parola “Blue” è un omaggio al principale cliente di GTB: Ford Motor Company. Altri grandi clienti di GTB nel mondo sono Purina e Johnson Controls, da tempo attratti dall’efficienza di un modello di business collaborativo.
Da oggi in tutti i mercati del mondo i team delle tre società costituenti – finora riunite nel brand Blue Hive – adotteranno il nome GTB. “Ci sono voluti tempo e molte valutazioni per trovare la combinazione perfetta,” ha conclusoToby Barlow, Global Chief Content Officer di GTB. “Avevamo bisogno di un nome che rappresentasse appieno il nostro brand e che funzionasse in tutti i mercati in cui operiamo.” Insieme al nome, sono stati definiti un nuovo logo e un nuovo sito web, che saranno declinati in tutto il mondo per il periodo di transizione del 2016.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Just Eat lancia “Food Explorer”, con Ford, Airbnb e la blogger Alice Agnelli

- # # # #

just eat

Just Eat, servizio per ordinare online pranzo e cena a domicilio, lancia il progetto Food Explorer, un tour gastronomico attraverso la Penisola che parte dalla Capitale e tocca le città di Napoli e Sorrento approdando poi a Milano alla scoperta delle abitudini alimentari degli italiani e dei sapori che caratterizzano il territorio.
Fino al 6 maggio infatti, la foodblogger Alice AgnelliA Gipsy in the Kitchen, insieme al fidanzato-gitano fotografo e designer Alessandro Madami, fa tappa nei locali tipici di ogni città, si confronta con chi vi abita e incontra gli chef del luogo per raccontare attraverso esperienze digitali fatte di video, parole e immagini l’Italia del Gusto, delineando le tendenze del fenomeno in crescita del food delivery e svelando curiosità su come gli italiani vivono il cibo, cosa amano, cosa mangiano, dove, quando e con chi.

Il progetta nasce per dare voce alla cultura gastronomica e mettere in evidenza come nel corso degli anni questa abbia continuato a evolversi, andando oltre la cucina tradizionale italiana e mixando nuovi sapori e abitudini, come ad esempio quella di affidarsi al takeaway non soltanto come una soluzione di emergenza, ma come un vero e proprio alleato per una serata speciale da piatti gourmet, o semplicemente per scoprire cucine diverse e nuovi sapori. Ed è proprio questo cambiamento, e le sue sfumature diverse in ogni regione, ciò che Alice Agnelli racconta insieme a Just Eat in un diario quotidiano sui propri canali social.
Al termine del viaggio sono previste attività di PR e Media Relations al fine di comunicare i food trend emersi dalla speciale indagine a livello nazionale e locale nelle regioni visitate.

Partner dell’iniziativa è Ford, che accompagna Alice alla scoperta dell’Italia del gusto a bordo di una Ford C-Max, e Airbnb, che ospita nelle case tipiche italiane la food explorer per una vera esperienza locale.

Ford capitalizza sul forte legame cha ha da anni con il mondo del food, frutto della sua scelta di posizionarsi anche in territori non automotive, con  eventi e attività con lo scopo di rafforzare la relazione tra l’azienda e i diversi interlocutori – media, blogger, influencer e appassionati – del mondo ‘food’, come ad esempio la recente attività del Ford Social Restaurant.

 

articoli correlati

AZIENDE

#DontEmojiAndDrive: Ford porta alla Games Week la cultura della responsabilità alla guida

- # # #

Ford Italia porterà alla Games Week, il più importante appuntamento italiano con il mondo dei videogiochi  a Milano – FieraMilanoCity, dal 23 al 25 ottobre,) il messaggio della campagna creativa di sensibilizzazione “Don’t Emoji and Drive”.
La campagna, nata in occasione del World Emoji Day e con la quale è stato vestito lo skyline dello stand Ford alla Games Week, si articola in una serie di grafiche costruite con la tecnica del mosaico: le emoticon costituiscono i ‘pixel’ di immagini più ampie in cui sono raffigurati un bambino, un anziano e un cane, tra gli utenti più vulnerabili della strada.

A firmare la campagna è Blue Hive Roma, l’agenzia del gruppo WPP dedicata alla comunicazione del cliente Ford Italia, con la direzione creativa di Federico Russo.

Il messaggio veicolato suggerisce che anche una semplice emoticon inviata alla guida può nascondere un rischio, specialmente per le categorie più indifese di chi popola le strade. I visitatori della Games Week potranno registrarsi allo stand Ford e posare per una foto che riceveranno, ‘emojizzata’ in tempo reale, sotto forma di badge e in formato elettronico, inviato sul proprio dispositivo mobile. La foto ‘emojizzata’ potrà poi essere condivisa sui social per contribuire a diffondere i temi della responsabilità alla guida promossi da Ford.

In occasione della Games Week, Blue Hive Roma presenta anche il video della campagna “Don’t Emoji And Drive” realizzato in collaborazione con Why Worry Production e Studio Suoni: un video fatto interamente di emoji, frutto di una post produzione impegnativa e minuziosa, realizzata frame dopo frame dal motion grapher Claudio Lamperti. Protagonista il cattivo comportamento alla guida di chi chatta e scrive SMS, utilizzando le “faccine”, senza pensare alle conseguenze.

#DontEmojiAndDrive ricorda agli automobilisti che anche solo inviare un’emoticon, le note ‘faccine’ delle app di messaging, è una pericolosa fonte di distrazione che può avere serie conseguenze per se stessi e per gli altri.
Inoltre, venerdì 23 ottobre alle 15.30, l’Area Relax Ford presso la Games Week Arena (Pad 4 – Stand F4) ospiterà un panel al quale parteciperanno rappresentanti di Microsoft, e altri player dello scenario del gaming, che discuteranno con Ford sul tema della responsabilità alla guida e dell’importanza nella distinzione tra la guida reale e quella virtuale.
Il messaggio lanciato dalla campagna “Don’t Emoji and Drive” segue le recenti attività di Ford Italia per la promozione dei comportamenti responsabili alla guida nell’ambito della più ampia operazione di sensibilizzazione #FordSafe, che ha preso spunto da uno studio della Casa automobilistica, su un campione di 7.000 giovani europei nella fascia di età 18-24 anni, in base al quale 1 giovane guidatore europeo su 4 (in Italia 1 su 5) ammette di controllare con frequenza il telefono mentre guida per visualizzare, scorrendolo sul display, il proprio feed social, un’abitudine che comporta elevatissimi rischi di incidente.

 

Credits
Digital Creative Supervisor: Alessandro Izzillo
Art Director: Simone Mari
Copywriter: Giorgia Spina
Social Media Manager: Danielantonio Di Palma
Account: Francesca Pellegrini, Giulia Forti
IT Manager: Massimiliano Pacilio
Head of Production – Tv, Radio, Digital: Mara Bruschetti

 

articoli correlati