AZIENDE

Non Solo Buono, il magazine online per gli amanti del cibo si amplia con nuove firme e temi

- # # # # #

Non Solo Buono, il magazine online per gli amanti del cibo si amplia con nuove firma e nuovi temi

Non Solo Buono, magazine dedicato a chi crede che “buono non è più abbastanza”, si appresta a festeggiare i 2 anni di attività con tante novità. Il portale incarna la mission del Gruppo Fini nel segno del legame con il territorio emiliano e di una tradizione in continua evoluzione.
In questi mesi il sito continua ad arricchirsi accogliendo al suo interno, oltre a sempre nuovi contenuti interessanti, anche collaborazioni e rubriche realizzate da speciali contributor. In particolare, le nuove rubriche della blogger Roberta Castrichella con articoli dedicati alla mise en place e all’estetica della tavola in ogni occasione; ma anche quelle dedicate al racconto del territorio emiliano, curate da Stefania Fregni che parla di Modena e delle sue curiosità, e Valeria Moschet che si concentra invece su Bologna.
La sezione Ricette, invece, ospita i video delle originali preparazioni pensate da Giorgia Di Sabatino, food blogger nota come Cook the Look che suggeriscono nuovi utilizzi per i prodotti di pasta fresca Fini e de Le Conserve della Nonna.
Novità anche per il canale social Instagram Non Solo Buono, che ha attivato una collaborazione con l’iger Francesco Mattucci, noto come Iena70.
Non Solo Buono si propone come uno spazio di narrazione di contenuti piacevoli, ma anche utili e autorevoli; un mezzo per attivare la conversazione e la partecipazione degli utenti, grazie anche alle sue pagine social. Il magazine è stato creato dal Gruppo Fini nell’ambito di una strategia web fortemente orientata al content marketing che intende instaurare con i consumatori una relazione basata sulla condivisione di valori e sulla fiducia.
Gli argomenti del portale sono raggruppati in sezioni tematiche. La rubrica TERRITORIO sottolinea il legame di particolari cibi e vini con i luoghi geografici in cui si producono e lo fa attraverso la narrazione di aspetti culturali e tradizionali, oppure spunti presi dal mondo letterario, del cinema e delle leggende popolari.
In OLTRE IL PIATTO c’è il mondo infinito che ruota intorno al cibo, alla tavola e alla convivialità. In questo format si raccontano gli ultimi trend del food design, come le nuove app e gli strumenti tecnologici da usare in cucina.
Mentre, EDUFOOD è la sezione del magazine che fornisce consigli utili a nutrirsi in modo, appunto, non solo buono ma anche equilibrato.
Non manca anche un tool interattivo, LA CENA PERFETTA che permette in pochi passi di creare un menù a tema seguendo consigli sulle portate, il vino da abbinare e anche sulla musica e lo stile della mise en place.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Carletto torna in TV con GreyUnited. E per la prima volta, anche in radio

- # # # # #

GreyUnited

Carletto, il camaleontico testimonial Sofficini, a 0ttobre torna in comunicazione per annunciare l’inizio del nuovo concorso “Carletto e la ricetta perduta”. Carletto infatti nelle vesti di un avventuriero, si metterà alla ricerca della nuova ricetta dei Sofficini che gli è stata rubata. Per ritrovarla, Carletto Avventuriero, chiederà aiuto a tutti…

In palio, per i fortunati consumatori che troveranno la card vincente all’interno delle confezioni di sofficini promozionate, il peluche di Carletto Avventuriero.

La creatività del tag on, nel formato TV 10”, è di GreyUnited, che firma anche la prima assoluta di Carletto in radio con un taglio a 30”. Entrambi sono già on air da domenica 16 ottobre.

CREDITS

Direttore Creativo: Barbara Cicalini
Copywriter: Paolo Moretti
Art Director: Filippo Solimena
Creative Planner: Carlo Muttoni
Account Supervisor: Elena Suardi
CDP: Ubique per l’animazione 3D
SuoniLab: Spot Radio
Luca Dal Fabbro: Carletto

articoli correlati

AZIENDE

UberEATS, il servizio di food delivery firmato Uber, sbarca a Milano

- # # # # #

UberEATS, il servizio di food delivery firmato Uber, sbarca a Milano

Dopo il successo riscosso a Londra, Amsterdam, Dubai e Tokyo, UberEATS si appresta a conquistare anche i food lover di Milano. La capitale della moda italiana diventa infatti la quinta “piazza” Europea, dopo Amsterdam, Londra, Parigi e Bruxelles, in aggiunta alle altre 43 città nel mondo, in cui il servizio di food delivery è già attivo. Grazie all’app di UberEATS, disponibile sia per Android che per iOS, da oggi il cibo sarà a “portata di clic” – 7 giorni su 7, sia che si tratti di una riunione di lavoro in ufficio o di un momento di relax a casa. La nuova piattaforma di food delivery di Uber consente di prenotare da app o all’indirizzo: www.ubereats.com e dà accesso ad un’ampia selezione di ristoranti in grado di soddisfare ogni genere di palato: dai puristi della cucina tradizionale italiana o di quella salutare e vegana agli amanti dello street food.

Ravioleria Sarpi, Ghe Sem, Maido, Let’s Wok (per la cucina asiatica), God Save The Food, Trattoria della Pesa (per la cucina tradizionale), Fatto Bene, Hambistro, Macinata (per gli amanti degli hamburger), Mantra Raw Vegan, 3wRAW (per la cucina salutare e vegetariana), La Martesana e Le Vrai (per il bakery) sono solo alcuni degli oltre 100 partner UberEATS da cui è ora possibile ordinare ottimi pasti affidandosi alla piattaforma Uber per la consegna.

Senza minimo d’ordine e spese di consegna – all’interno dell’area della Circolare Esterna milanese – i corrieri partner di Uber saranno infatti pronti a portare il proprio ordine fino alla porta (se lo si desidera). Inoltre, fino al 9 novembre sia dall’applicazione che dal sito, sarà possibile ordinare gli special dell’UberMENU, una gustosa selezione che intende celebrare i piatti tipici dei partner UberEATS in chiave creativa e molto Uber. Gli chef consigliano: UberBURGER (by Fatto Bene), UberPANZEROTTO (by Priscio), UberFISHBURGER (by A’mare) UberLIGHT e UberJUICE (by Mantra Raw Vegan), UberPIZZA (by Briscola), UberFANCYKEBAB (by Mariu), UberINVOLTINO (by Ravioleria Sarpi) o UberYOGURT (by V3raw).

Come funziona UberEATS
-Scarica l’app UberEATS da iTunes o Google Play
-Accedi con le credenziali del tuo account Uber o crea un nuovo account
-Seleziona un ristorante o cerca la cucina che più ami dall’apposito menù
-Scegli quello che desideri mangiare dal menù
-Clicca su “Ordina” e attendi che la tua consegna sia pronta, puoi seguire l’aggiornamento della tua consegna sull’app
-Un corriere partner di Uber consegnerà il tuo ordine dove preferisci
-Il resoconto del tuo ordine verrà inviato all’indirizzo email associato all’account Uber. La ricevuta sarà presente sulla busta consegnata

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Zaini debutta in tv con il cioccolato Emilia. La creatività è di Leo Burnett

- # # # # #

cioccolato Emilia

Emilia, il blocco di cioccolato fondente Zaini, entra per la prima volta in televisione con una campagna pubblicitaria firmata da Leo Burnett Italia.

Emilia è il brand del cioccolato da cucina, quello preferito dagli italiani per la preparazione dei dolci. Ma l’amore per il cioccolato Emilia della Luigi Zaini spa, ha una lunga storia, cominciata nel 1913, anno della fondazione della nota Fabbrica di Cioccolato in via De Cristoforis, nei pressi di Corso Como a Milano. Oggi con il debutto in tv dello spot Emilia, Zaini celebra la qualità di un nome che da generazioni ispira la fantasia e la creatività in cucina.

Nello spot ideato da Leo Burnett e in onda sulle reti Mediaset nei mesi di ottobre e novembre, il blocco di cioccolato Emilia diventa una vera e propria fabbrica di dolci: sminuzzato, fuso e lavorato si trasforma ogni volta come per magia. Ogni taglio, una fetta di dolce diverso. Una magia a cui contribuiscono il sound design e la musica di Enrico Ascoli e la regia di Roberto Calvi.

Credits
Agenzia: Leo Burnett
Direttori Creativi Esecutivi: Alessandro Antonini, Francesco Bozza.
Direttore Creativo e Art Director: Marco Viganò
Direttore Creativo Associato e Copywriter: Francesco Simonetti
Account Director: Alessandra Fujani
Account Manager: Francesca Nava
Producer: Giulia Linguanti

Musica originale e sound design: Enrico Ascoli

Casa di produzione: Table Spot
Regia e Fotografia: Roberto Calvi
Executive Producer: Dario Cattadori
Dir. Produzione: Beppe Genovese
Aiuto Regia: Massimo Zambiasi
Special EFX: Patrizio Todisco
Home Economist: Clara Campana

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Asiago DOP lancia il contest “l’APPetito vien VINCEndo”

- # # # # #

contest Asiago DOP

Dal primo novembre al 31 dicembre 2016 Asiago DOP lancia un innovativo concorso che unisce retail e mondo digitale con “l’APPetito vien VINCEndo”, il contest dedicato ai clienti dei punti vendita al dettaglio e delle gastronomie dell’Asiago Network, il selezionato gruppo di ambasciatori della specialità veneto trentina che aderiscono all’iniziativa.

Dal primo novembre al 31 dicembre, il concorso sperimenta nuovi percorsi di dialogo tra il mondo del retail e l’esperienza digitale, utilizzando strumenti e modalità vicine ai consumatori più giovani e valorizzando la relazione con il proprio negoziante. Il contest, infatti, prevede che, con l’acquisto di formaggio Asiago Fresco o Stagionato presso il proprio negozio di fiducia, venga consegnato un gratta e vinci. Dopo aver grattato la cartolina, il cliente dovrà inserire il codice riportato all’interno dell’App Formaggio Asiago DOP, eventualmente scaricandola sul proprio telefonino. I codici fortunati permetteranno di vincere 1 Kg di formaggio Asiago DOP Stagionato che verrà spedito direttamente al recapito del vincitore.

Puntando a rafforzare la sua forte comunità di appassionati e amanti del formaggio, il Consorzio Tutela Formaggio Asiago arricchisce di nuovi contenuti l’innovativa applicazione per smartphone e tablet che diventa la porta d’accesso per vincere decine di forniture di formaggio Asiago DOP Stagionato facendo vivere l’esperienza del mondo dell’Asiago DOP, conoscere la zona d’origine, distinguere le diverse tipologie di prodotto, avere tante ricette da utilizzare in ogni occasione e consultare l’agenda aggiornata di tutti gli eventi. In più, l’avanzata geolocalizzaizone permette di individuare tutti i membri di Asiago Network, visionare la scheda di contatto, la tipologia di Asiago DOP disponibile e avere immagini che si potranno subito condividere con gli amici.

Tutti i negozianti aderenti al concorso appartegono al progetto Asiago Network, il selezionato gruppo di ristoratori, bar, paninoteche, pizzerie ma anche gastronomie e punti vendita GDO che promuovono, attraverso il loro quotidiano lavoro, la naturalità e qualità del formaggio Asiago e testimoniano, attraverso la ristorazione, la grande versatilità in cucina.

La creatività e la progettazione del contest è stata curata da Studio Cattaneo-Vicenza.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Giovanni Rana goes to Hollywood. Al via la campagna pubblicitaria USA

- # # # #

Giovanni Rana

Mentre gli americani stanno valutando quale dei due candidati alla Casa Bianca sia il migliore, Giovanni Rana si candida come Presidente del Tortellino, lanciando in tutta l’America la “sua” campagna gastronomica, on air dal 10 ottobre.

“Mi insegna a cucinare?” chiedeva una timida Marilyn Monroe al pastaio più amato di sempre. “E lei mi insegna a recitare?” rispondeva un ancor più imbarazzato Giovanni Rana, compiaciuto di aver conquistato con i suoi tortellini la bionda più affascinante del mondo. Sono passati più di vent’anni da questo dialogo memorabile in cui Giovanni Rana sognava di recitare a Hollywood per proporre i suoi tortellini alle più famose star del cinema di sempre. Ora questo sogno si è avverato. E, presso gli Studios di Los Angeles, al signor Giovanni non è servito neppure un interprete, perché la lingua del matterello e della forchetta funziona meglio dell’esperanto, è la lingua naturale delle bocche buongustaie su entrambi i lati dell’Atlantico.

È un giorno mitico per la storia di Giovanni Rana. È il giorno in cui si realizza il sogno di una vita – il sogno americano…. ma se per Renato Carosone essere nato “in Italy” era forse un limite, per il signor Giovanni si è rivelato senz’altro un pregio. Perché agli ‘Mericani (come si dice in Veneto) questo garzone di panetteria, classe ’37, fa sognare un’Italia di sapori, memorie, piazze e tavole piene di golosa allegria.

“È stata un’esperienza indimenticabile e super divertente”, ha dichiarato Giovanni Rana. “E con questo sono due i sogni americani che si sono realizzati: portare i miei prodotti in America e recitare a Hollywood! Ma il ruolo che amo di più è quello di tutti i giorni, quello di pastaio che considero il lavoro più bello del mondo. Sono più di 50 anni che preparo tortellini con amore e non c’è soddisfazione più grande che essere sulle tavole, un posto intorno a cui si svolge la vita delle persone. Tutto ciò non sarebbe mai potuto succedere senza l’incredibile sinergia tra me e mio figlio Gian Luca. Quando mi ha parlato di internazionalizzazione per la prima volta – vent’anni fa – ero incredulo. Ma lui ci ha visto proprio lungo e mi ha portato in ben 38 paesi”.

“La Spagna è stato il primo paese del mio progetto oltre ai confini d’Italia” – commenta Gian Luca Rana, Amministratore Delegato del gruppo Rana – “ma, a ogni tappa europea che conquistavamo, sapevo che l’America si stava facendo più vicina. In meno di quattro anni dallo sbarco, abbiamo raggiunto una distribuzione tale da poter fare pubblicità in tutti gli Stati Uniti. Oggi è un giorno di festa per tutti: mio padre, San Giovanni Lupatoto, il Made in Italy e le 2500 famiglie nel mondo che lavorano appassionatamente con noi”.

E Hollywood mangia e ride di gusto accogliendo con calore un Giovanni Rana italianissimo, umile, coraggioso e autoironico, che attraverso una serie di gag tragicomiche cerca di far assaggiare i suoi tortellini agli americani nelle situazioni più inaspettate e improbabili… cowboy texano con un cappello così originale da far impallidire Pharrell Williams, inguainato in una muta da subacqueo che neanche 007 è così sportivo, pronto per la maratona equipaggiato di tuta rossa in versione XL di Ben Stiller nei Tenenbaum, fino a essere avvocato in un carcere di massima sicurezza: Giovanni Rana non teme nulla pur di adempiere alla sua missione patriottica, portare la pasta italiana più fresca che c’è in tutta la ‘Merica.

 

 

Ma non finisce qui. Non solo, come fece in Italia tanti anni fa, Giovanni Rana ci mette la faccia… in America ci mette pure la casa. C’è un invito infatti alla fine di ogni film rivolto a tutti i 323 milioni di americani: “Venite a trovarmi a casa mia, per davvero!”.

Una lotteria golosa che farà aprire a Giovanni Rana le porte di casa sua a 300 ospiti americani, che conosceranno l’amata Verona, visiteranno lo stabilimento di San Giovanni Lupatoto e naturalmente lo incontreranno, mangeranno insieme a lui e impareranno anche qualche parola di dialetto veneto, perché Giovanni Rana non è un attore, ma un uomo così come lo vedi, sincero, curioso, affamato di sogni più ancora che di tortellini.

articoli correlati

MOBILE

Pan di Stelle lancia l’app iSogni. Firma Imille

- # # # # # #

Imille

Ideata e sviluppata da Imille, l’app iSogni è la nuova piattaforma mobile di Pan di Stelle. Con iSogni si apre una nuova fase per le iniziative di loyalty e i concorsi che permetteranno agli amanti del brand di vincere premi esclusivi.

La prima iniziativa lanciata da iSogni è il concorso per vincere l’Agenda Mandala dei Sogni, un’agenda settimanale perpetua in cui si alternano originali disegni Mandala, da personalizzare a piacere con i propri colori preferiti, e pagine in cui annotare pensieri, sogni e aspettative. Al concorso si partecipa acquistando tre confezioni di biscotti Pan di Stelle e inserendo i codici univoci presenti sulla confezione nella sezione della raccolta punti dell’app iSogni.

iSogni è anche piena di sorprese: i fan di Pan di Stelle troveranno il tool per le foto “pandistellizzate” alle quali applicare gli elementi caratterizzanti di Pan di Stelle insieme ad emoticons di nuova generazione declinate nello stile del mitico biscotto, e anche frasi personalizzate capaci di far sorridere e vivere un attimo di gioia.

Nuove release dell’app iSogni sono previste durante tutto il 2017 e prevedono nuove funzionalità e grandi sorprese a testimonianza della vocazione digitale di Pan di Stelle e del sua missione: continuare a far sognare le persone.

Un’importante passo per Pan di Stelle che continua a segnare numerosi successi online, coinvolgendo il proprio pubblico con la giusta dose di magia e di digital appeal. Con quasi due milione di fan, Pan di Stelle infatti è il brand food più seguito su Facebook in Italia.

Imille si riconferma l’agenzia digital e social di Pan di Stelle per il 2017, un sodalizio che ha fatto dell’innovazione il fulcro delle iniziative digitali del brand. iSogni è solo l’inizio di una nuova modalità di concepire il rapporto con i consumatori, una modalità mobile-centric che sfrutterà il geo-fencing per attività push in-store.

iSogni è un’app è disponibile per piattaforma iOS e Android distribuita su App Store e Google Play.

articoli correlati

AZIENDE

Riso Gallo festeggia i suoi 160 anni con un video evocativo. Eccolo in anteprima

- # # # # #

Riso Gallo

Da 160 anni e attraverso 6 generazioni, un chicco dopo l’altro l’azienda risicola della Lomellina allieta le tavole degli italiani con “Chicchiricchi di fantasia”. È la storia di Riso Gallo, che ha festeggiato oggi questo grande traguardo davanti al gotha della ristorazione, dell’imprenditoria e della cultura riunita nel tempio dell’Opera milanese, il Teatro alla Scala, con una conferenza stampa e una cena di gala per appassionati gourmet del risotto.

Tra gli intervenuti alla conferenza Mario e Carlo Preve, rispettivamente Presidente e Amministratore Delegato di Riso Gallo, il critico enogastronomico Allan Bay, gli chef Filippo La Mantia e Gualtiero Marchesi, Luisa Todini, Presidente di Poste Italiane. L’iniziativa nel suo complesso è stata seguita dall’agenzia Havas PR Milano da qualche mese advisor di Riso Gallo per le relazioni pubbliche.

Un compleanno importante, suggellato da immagini evocative dense di ricordi, traguardi raggiunti e nuove sfide da accogliere. Ecco in anteprima il video che andrà in onda “one shot” su Rai Uno domani sera, alle 21.00-

 

 

Era il 1856, quando Giobatta Preve, commerciante in Sudamerica da anni, intuisce che è il momento di tornare e si stabilisce a Genova, dove poi aprirà lo stabilimento di Sampierdarena che lavora risone importato e lo esporta oltre Oceano, in Argentina, dove qualche anno dopo verrà acquisito uno stabilimento a Buenos Aires. La storia del Riso Gallo comincia così.

Il marchio Gallo nasce invece negli anni ’40, in Sudamerica dove, a causa dell’analfabetismo ancora molto diffuso, si decise di identificare le differenti qualità di riso con i disegni di animali. La giraffa, l’aquila, l’elefante, il leone campeggiavano sui sacchi di riso e il gallo individuava la migliore qualità. Nel momento in cui si passò alla confezione in scatola, venne scelto il gallo che diventò così simbolo e marchio dell’azienda. Una scelta di qualità che ha premiato nel tempo.

È questa l’affascinante storia di un’azienda che ancora oggi è leader di mercato con una quota del 22% a valore, che fattura più di cento milioni di euro all’anno e lavora più di un milione di quintali di riso, ma che resta ben salda e legata alle tradizioni familiari. Sei generazioni, che di padre in figlio si tramandano il know-how con l’obiettivo di diffondere la cultura del riso e di accrescere il business trovando nuove strade per migliorare sempre di più il prodotto.

Così la storia del Riso Gallo è diventata anche un libro scritto dal giornalista Gianni De Felice, “160 anni di chicchiricchi”, una storia di avventure di una grande famiglia tra due Paesi, Italia e Argentina, e di un alimento semplice e maestoso al tempo stesso come il riso. Un “diario” di famiglia, dove avventura, intraprendenza, passione, attaccamento al lavoro e profondo rispetto per i dipendenti, il prodotto e il consumatore sono protagonisti indiscussi.

Questo importante anniversario si è celebrato oggi, 3 ottobre, con una conferenza stampa nelle sale del Ridotto del Teatro alla Scala. I temi affrontati sono stati i numerosi traguardi raggiunti: primo fra tutti la decima edizione, totalmente rinnovata, della Guida Gallo “I Risotti dei migliori ristoranti del mondo”, quest’anno con nuovo taglio editoriale e molto più ricca di contenuti, con ben 117 inedite ricette e altrettanti chef stellati e ristoranti a presentarle. Un guida, come ricorda il Presidente di Riso Gallo, Mario Preve, che è iniziata con “i 18 ristoranti dove si amava andare a mangiare e con Gualtiero Marchesi – presente all’evento – come primo testimonial dell’eccellenza in cucina”.

In secondo luogo l’emissione di un francobollo celebrativo da parte del Ministero dello Sviluppo Economico; da sempre i francobolli segnano la nostra memoria e accompagnano la storia degli italiani, così Riso Gallo, nel corso di questi 160 anni, ha trainato lo sviluppo economico del mercato risicolo italiano ed ha contribuito al benessere in tavola, guardando avanti con soluzioni che coniughino tradizione e innovazione.

“Festeggiare i nostri 160 con questa emissione filatelica è momento di orgoglio e soddisfazione per la nostra azienda, da sempre protagonista delle tavole degli italiani, ha commentato il Presidente di Riso Gallo, Mario Preve. “Per noi questo è un compleanno speciale che celebriamo con l’entusiasmo che da sempre ci contraddistingue. Oggi siamo tra le aziende simbolo dell’eccellenza del Made in Italy nel mondo, grazie alla passione e alla dedizione che ci hanno guidato in un mercato complesso come quello del riso e che ancora oggi ci permettono di guardare al futuro con lo stesso spirito di 160 anni fa”.

Si festeggiano anche i traguardi delle giovani leve della ristorazione gourmet: premiato Sergio Daniel Porras Salazar, primo classificato del concorso “Risotto dell’Anno”, l’iniziativa dedicata ai talenti emergenti della ristorazione dai 18 ai 26 anni e, per la prima volta quest’anno, anche agli allievi dell’ultimo anno degli Istituti Alberghieri.

Un compleanno importante, dunque, che suggella un percorso imprenditoriale fondato sull’innovazione, sulla ricerca e sviluppo e sull’internazionalizzazione. Un’azienda che è stata pioniera e che si conferma ancora tale, con lo stesso spirito di 160 anni fa, stando al passo coi tempi e mantenendo sempre alti i suoi standard di qualità, grazie ai quali i suoi consumatori gli sono affezionati. Un’azienda che vede al timone la sesta generazione dei Preve – i 4 figli di Mario Carlo, Emanuele, Riccardo ed Eugenio – e che ha grandi progetti per il futuro.

“È un momento davvero importante che ci rende orgogliosi”, commenta Carlo Preve, Amministratore Delegato Riso Gallo. Ma non ci fermiamo certo qui. Ora è il momento di guardare al futuro, con progetti che riguarderanno principalmete l’area benessere, l’area Gourmet e l’area dei servizi. Il futuro ci porterà anche all’estero alla conquista di paesi lontani”.

La nuova campagna Riso Gallo, dedicata alla linea Benessere e firmata dall’genzia Armando Testa, è on air dallo scorso 31 luglio.

 

 

 

articoli correlati

AGENZIE

Question Mark Communication vince la gara per la nuova campagna di FRoSTA

- # # # # #

FRoSTA - Question mark Communication

Question Mark Communication si è aggiudicata la gara per la nuova campagna di FRoSTA, leader nel settore dei surgelati in Germania, giunta in Italia nel 2015.

“La natura ha scelto FRoSTA”, questo il titolo della campagna, mira a promuovere la gamma prodotti “100% naturale” e divulgare la filosofia aziendale. Si tratta di una multi soggetto i cui protagonisti sono un coniglio selvatico e due orsi dell’Alaska, uno Bianco, l’altro Bruno, che diventano testimonial del brand e garanti della naturalità dei prodotti. Il loro istinto naturale e il fiuto infallibile li spingono a scegliere i prodotti FRoSTA, surgelati privi di qualsiasi tipo di additivi, 100% naturali.

“Question Mark Communication è riuscita a rappresentare perfettamente i valori aziendali di FRoSTA, che da sempre si distingue sul mercato per la genuinità dei suoi prodotti. Siamo convinti che i nostri nuovi testimonial riusciranno a conquistare il cuore degli italiani, grandi e piccini”, spiega Meike Stöber, Brand Manager FRoSTA.

La campagna sarà veicolata su Roma, con oltre 1.700 impianti: in formato 300×200 sulla rete stradale; 300×140 nella linea metropolitana e in formato maxi retro bus. On air dal 3 ottobre, verrà diffusa anche sul web, a livello nazionale, su Facebook, Instagram, e su display di blog e magazine.

“Siamo molto orgogliosi di essere stati scelti da FRoSTA Italia. Eravamo in gara con agenzie di prestigio internazionale e questo aumenta il valore della nostra proposta creativa. Crediamo molto nell’impatto mediatico della campagna. Il pubblico italiano è sempre più orientato a un’alimentazione sana e sostenibile”, commenta Luca Pirone, Account Director Question Mark Communication.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Loacker torna in Tv con i nuovi spot per i Wafer. La creatività è di ecomunicare

- # # # # #

Loacker - ecomunicare

Protagonisti dello spot i famosissimi nanetti Loacker che, questa volta, aiutano un papà a raccontare ai suoi bambini cosa si nasconde dentro la bontà genuina e unica dei Wafer Loacker.

“Una Bontà senza fine” è un concept di comunicazione che racconta in 30” oltre novant’anni di storia Loacker fatta di bontà, montagna, ingredienti di alta qualità e simpatia.

Anche questa campagna è firmata da ecomunicare con la Direzione Creativa di Alessandro Petrini. Confermata anche la casa di produzione Diaviva. Molti i talenti impegnati nella realizzazione dello spot: Fabrizio Notari ha diretto con freschezza ed immediatezza la live action, Will Van der Vlugt ha interpretato la golosità attraverso le spettacolari scene di food e Guido De Maria ha firmato l’animazione dei Nanetti.

La campagna prevede una vasta pianificazione in Tv, web e su tutti i principali social network.

CREDITS
Cliente: Loacker
Prodotto: Wafer
Agenzia: ecomunicare
Ceo: Lucio Chiappa
Account Director: Laura Muzio
Direzione Creativa: Alessandro Petrini
Casa di Produzione: Diaviva
Ceo: Luca Puccioni
Executive Producer: Federica Chiesi
Assistant Producer: Pietro Puccioni
Regia animazione: Guido De Maria
Regia live action: Fabrizio Notari
Regia food: Will van der Vlugt
Musica: Theo Spagna

articoli correlati

BRAND STRATEGY

AQuest firma per Müller una nuova experience digitale

- # # # #

AQuest

Müller Italia ha scelto AQuest per dare vita a una Nuova “Müller Experience”, che ha visto la realizzazione del sito corporate del marchio solo come ultimo step di un percorso di comunicazione sinergico. La collaborazione tra azienda e agenzia è iniziata in seguito alla vittoria di una gara, ed è proseguita con un’analisi da parte di AQuest della segmentazione psicografica realizzata da Müller.

AQuest ha quindi proposto un concept creativo basato sulla scomposizione grafica del prodotto-yogurt, dedicando a ogni linea un layout differente, in cui i bianchi vortici sono arricchiti via via da ingredienti diversi.

La proattività di AQuest si è concretizzata non solo con la proposta grafica e lo sviluppo del sito, ma anche con la realizzazione di scatti fotografici, la produzione di video e la composizione di brani e temi musicali.

Con la messa online del nuovo sito Muller.it, AQuest si è occupata dell’ottimizzazione SEO, del monitoraggio degli accessi al sito – in particolare in concomitanza con il lancio dei nuovi spot televisivi del brand – e del supporto nella realizzazione di contenuti dedicati ai social media e contest User Generated Content.

Il nuovo sito Müller è stato premiato con cinque award internazionali di settore (Awwwards Site of the Day, Awwwards Honorable Mention, CSS Design Awards, CSS Light e French Design Index), ma anche il risultato del pubblico è stato premiante: gli utenti scelgono infatti di esplorare molte più pagine del nuovo sito, per un incremento pari al +157% rispetto al precedente.

“AQuest è riuscita a proporci una idea creativa in grado di interpretare e trasferire al pubblico di riferimento i valori del brand. A oggi i dati di Google Analytics dimostrano che gli obiettivi prefissati sono stati raggiunti”, ha commentato Luisa Forestali, Senior Brand Manager di Müller.

“È un onore per noi collaborare con un marchio come Müller, così noto e da sempre rivoluzionario nella comunicazione. Crediamo di essere riusciti a tradurre il loro concept multisensoriale in un’esperienza web fresca, originale ed emozionante”, ha commentato Fabio Merlin, CEO e Creative Director di AQuest.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Orogel torna protagonista dei palinsesti televisivi nazionali con Pubblisole

- # # # # #

Orogel

Dal mese di settembre Orogel, la prima azienda italiana nel settore dei vegetali freschi surgelati, torna protagonista dei palinsesti televisivi delle più importanti reti nazionali.

Il Gruppo cesenate è stato infatti sponsor unico della serata evento che Canale 5 ha dedicato a Laura Pausini martedì 6 settembre, che ha concluso il tour tutto sold out “Stadi 2016”, e durante il quale è stato trasmesso il concerto che la cantante ha tenuto lo scorso giugno allo stadio San Siro di Milano.

Dopo 12 anni, inoltre, Orogel torna protagonista, in qualità di sponsor ufficiale, anche a Miss Italia. L’8, 9 e 10 settembre, durante le serate finali di Jesolo, verrà anche eletta Miss Benessere Orogel 2016. A promuovere i principi di salute e bellezza accomunano Miss Italia e il Gruppo romagnolo, sarà Marco Bianchi, testimonial Orogel che, nel corso delle dirette televisive presenterà alcuni prodotti della linea Benessere, per i quali suggerirà anche delle gustose ricette, e i Mini Burger di verdure in tutte le loro varianti: da quelli di verdure con panatura croccante, a quelli di quinoa e semi di lino che soddisfano le esigenze di tutti i palati, anche quelle dei più piccoli. Il concorso di Miss Italia vedrà Orogel protagonista anche sul web, dove verranno attivate operazioni di engagement su tutte le principali piattaforme social.

A fianco di questi eventi esclusivi, una campagna pubblicitaria che dal 28 agosto a inizio ottobre vede il Benessere Orogel e i Mini Burger presenti sulle reti Mediaset e Mediaset Premium e sui canali La7 e La7D.

Infine nei primi giorni di ottobre ripartirà la campagna radiofonica accompagnata dalla campagna web e dalla stampa.

La creatività è firmata dall’agenzia Pubblisole.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Stuffer torna on air con campagna adv e product placement

- # #

Per il prossimo autunno Stuffer svela un nuovo capitolo della propria campagna di comunicazione, pianificando una massiccia presenza pubblicitaria televisiva, online e in alcune riviste nazionali, target famiglia e cucina, di larga diffusione.

La campagna advertising che l’azienda metterà in campo dal prossimo 11 settembre, si articolerà per una settimana sulle reti Mediaset all’interno del formato “Questa sera” e si svilupperà anche in un progetto di product placement all’interno della nota trasmissione di Rai 1 “La Prova del Cuoco”, dove tra settembre e ottobre i prodotti Stuffer diventeranno ingredienti essenziali per la realizzazione delle ricette proposte dagli chef del programma televisivo.

Sempre nel mese di settembre, le ricette Stuffer e le basi pronte fresche della linea “Stuffer Crea…” saranno protagoniste nel web con banner dedicati all’interno di alcuni siti web target famiglia.

A supporto della campagna televisiva e web, Stuffer ha pianificato inoltre per i prossimi mesi uscite pubblicitarie su alcuni dei maggiori periodici italiani, sia di cucina sia familiari, puntando principalmente sulla gamma “Stuffer Liberi dal Lattosio”. Questa linea include attualmente 12 referenze, dagli yogurt al latte UHT, dal formaggio spalmabile ai fiocchi di latte, tutti contenenti meno dello 0,1% di lattosio.

La massiccia campagna pubblicitaria che Stuffer ha intrapreso negli ultimi anni nasce a supporto della filosofia aziendale: un’evoluzione costante e una continua ricerca di soluzioni innovative, sia nella gamma di prodotti offerti che nel marketing e nella comunicazione.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

La natura al centro della nuova comunicazione Sarchio. Firma The Key

- # # # #

Sarchio - The Key

Sarchio – azienda di riferimento nel settore bio e vagan – presenta la campagna pubblicitaria “Sarchio. Il gusto preferito dalla natura”. Un piano integrato che utilizza un dosato mix di canali tradizionali e digitali basato sul concetto che “il bio non è mai stato così buono”. Il concept è firmato da The Key, sigla emergente tra le boutique creative milanesi.

La campagna prevede due soggetti che si presentano avvolti in un bucolico e goloso scenario per sottolineare non solo la naturale bontà, ma anche la scelta biologica dell’azienda che utilizza solo ingredienti coltivati nel totale rispetto dell’ambiente.

Un gelsomino buongustaio ruba furtivamente un biscotto da una confezione di Fior di Limone. Un’edera golosa non resiste alla tentazione di assaggiare uno Snack Mandorle e Goji: la natura, da vera intenditrice, è ghiotta di Sarchio e dei suoi ingredienti sani e biologici.

Un’immagine evocativa che richiama leggerezza e semplicità, mentre il claim “Sarchio. Il gusto preferito dalla natura” sottolinea l’inscindibile legame con l’ambiente e l’importanza di recuperare un’alimentazione più genuina, ricca di principi nutritivi indispensabili per la salute e il benessere.

La campagna è affiancata dal placement televisivo nella terza edizione del programma “Senza glutine con gusto” su Gambero Rosso Channel (SKY 412), dodici puntate ogni sabato e domenica fino al 2 ottobre. Al centro delle ricette create dallo chef “sglutinato” Marcello Ferrarini, il gusto senza glutine delle migliori referenze Sarchio come: quinoa real, ceci, sfogliette, gallette, biscotti e snack.

“Per il nostro debutto in comunicazione abbiamo scelto una creatività che sintetizzasse la filosofia aziendale da sempre impegnata a diffondere i valori di una corretta alimentazione biologica, per nutrirsi con gusto, nel massimo rispetto della natura”, ha dichiarato Sandra Mori, Responsabile Marketing di Sarchio.

Credits
Agenzia: The Key Company
Art: Andrea Vercellino
Copy: Paolo Chiabrando
Foto: Alessandro Giuzio

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Doria di nuovo in tv ad agosto con Bucaneve. La creatività è di Saatchi & Saatchi

- # # # # # #

Bucaneve

Dal 14 al 27 agosto Bucaneve sarà on air sulle emittenti dei circuiti Rai, Mediaset, La7, Sky, Discovery e Cielo per un totale di oltre 2.100 passaggi da 10’. E ritorna con il messaggio “le cose semplici sono le più buone”, forte del livello di gradimento ottenuto nell’ultima campagna dello scorso maggio, pari al 90%* del campione degli intervistati, e del 78%* del desiderio di rivederlo ancora per il linguaggio grafico, immediato e smart, che non si dimentica.

Doria ribadisce così la forza del suo prodotto di punta che sa percorrere il tempo senza perdere appeal nei confronti di ogni generazione, grazie alla capacità di comunicare in modo moderno e coerente agli stili di vita e alimentari dei propri affezionati consumatori.

Una programmazione estiva, per cogliere la bontà del frollino Bucaneve anche in vacanza, all’insegna della genuinità e semplicità del suo sapore racchiuso nell’inconfondibile forma a fiore, con il buco e le piccole glasse sui petali.

L’agenzia di comunicazione è Saatchi & Saatchi, la pianificazione è affidata a PHD. Movie Magic la casa di produzione.

* (Fonte Doxa: giugno 2016)

articoli correlati