MEDIA 4 GOOD

Banco BPM e Banco Alimentare insieme nella giornata della Colletta Alimentare

- # # #

La colletta alimentare

Banco BPM in collaborazione con Fondazione Banco Alimentare Onlus ha avviato lo scorso 28 settembre un’attività di raccolta degli alimenti presso 30 sedi in tutta Italia.

L’iniziativa ha coinvolto tutti i dipendenti di Banco BPM,. Cresce la Banca, crescono anche le iniziative legate al territorio e al mondo del volontariato. Per un giorno le filiali coinvolte, pur continuando ad erogare il servizio ai clienti, sono state trasformate in punti raccolta dei prodotti alimentari.

Partendo dalla sede di Piazza Meda a Milano e di Piazza Nogara a Verona, coinvolgendo Bergamo, Lodi, Monza, Legnano, Novara, Torino, Alessandria, Bologna, Modena, Reggio Emilia, Genova, Chiavari, Livorno, Lucca, Pisa, Roma, Napoli, Foggia, Catania e Palermo, la giornata della Colletta Alimentare è riuscita a unire tutto il Paese in un grande momento di solidarietà.

I colleghi hanno contribuito donando viveri non deperibili: alimenti per l’infanzia, omogeneizzati, legumi, pelati e sughi in lattina, tonno e carne in scatola, latte a lunga conservazione, biscotti, riso e pasta per un totale di 788 scatole (circa 10 kg. l’una) che saranno destinate alle associazioni del territorio convenzionate con Banco Alimentare, organizzazione no-profit che dal 1989 recupera in Italia alimenti ancora integri e non scaduti per distribuirli a oltre 8.000 strutture caritative che aiutano più di 1.500.000 di persone indigenti del nostro Paese.

La giornata della colletta alimentare si inquadra nelle iniziative di Volontariamo, il progetto di volontariato d’impresa che da maggio vede coinvolti i dipendenti di Banco BPM, che hanno messo a disposizione circa 500 giornate lavorative per attività di volontariato in collaborazione con diverse organizzazioni no-profit attive su tutto il territorio nazionale, in cui la Banca è presente.

“Questa iniziativa realizzata insieme al Banco Alimentare è una concreta testimonianza della sensibilità e generosità dei colleghi di Banco BPM a favore delle persone del territorio e di come la collaborazione tra soggetti, oltre a generare valore, rappresenti una pratica di buon esempio che alimenta una nuova modalità di esprimere sostegno al tessuto economico, sociale e civile di riferimento”, ha dichiarato Salvatore Poloni, Condirettore Generale di Banco BPM.

“Siamo molto felici di essere nuovamente insieme a Banco BPM che si conferma essere un partner sensibile e coinvolto nella nostra mission. Questa Colletta Alimentare rappresenta un ulteriore passo in avanti nella collaborazione con Banco BPM e che mi auguro possa ripetersi anche negli anni a venire. Un doveroso ringraziamento va ai dipendenti della banca che hanno deciso di donare in questa giornata alimenti per le persone povere del nostro paese. Un grazie anche al team “volontariamo” di Banco BPM che ha consentito la realizzazione ed il successo della colletta”, ha spiegato Andrea Giussani Presidente di Fondazione Banco Alimentare Onlus.

articoli correlati

AZIENDE

Monini crea l’olivetta Mo’ e insegna ai bambini come nasce il vero olio Extra Vergine d’oliva

- # # # # # # #

Monini racconta l’olio extra vergine ai giovanissimi con un cartoon intitolato Mo’ e la favola dell’olio Extra Vergine d’oliva dedicato alle scuole d’infanzia e ai primi due anni delle primarie di tutta Italia.

Obiettivo è insegnare ai più piccoli (ma anche a mamma e papà) come nasce un vero olio Extra Vergine d’oliva e le regole base della buona alimentazione in modo divertente. Una campagna di educazione alimentare che ha come protagonista un simpatico personaggio di nome Mo’, una graziosa e buffa olivetta con tanto di foglioline, pronta a fare da guida ai bambini nel percorso dall’uliveto al frantoio fino alla tavola, mostrando in maniera giocosa quali sono le tappe che portano dall’oliva al prezioso liquido verde che ogni giorno arricchisce di bontà e salute i piatti preparati da scuole e famiglie.

Al link moelafavoladellolio.it è possibile fare conoscenza con l’olivetta Mo’, gustare il cartoon di cui è protagonista e visionare i materiali ludico – didattici costituenti il kit su cui si poggia il progetto: un teatrino a fisarmonica da realizzare insieme in classe che fa da sfondo a simpatici personaggi da ritagliare e colorare, semplici consigli per creare con materiali da riciclo divertenti oggetti per completare le scene, un poster – gioco dell’oca in versione “viaggio delle olive” guidati da Mo’ e mini-confezioni di olio EVO da assaggiare.

Finora sono state coinvolte 2.300 scuole che hanno ricevuto circa 3.000 kit contenenti i materiali operativi oltre alle istruzioni per le insegnanti che potranno contare anche su un supporto telefonico del Centro Coordinamento Monini, numero verde 800.922.944 (attivo dal lunedì al venerdì negli orari 9.00-13.00 e 14.00-18.00)

Il cartone animato che racconta la storia di Mo’ – un vero gioiellino d’animazione – sarà protagonista anche di molte attività sul territorio, in manifestazioni ed eventi
per le famiglie e i bambini. Inoltre, i piccoli fan potranno rivederlo in onda dal 22 novembre al 6 dicembre, e poi dal 27 dicembre al 23 gennaio 2016, su Rai Yo Yo, Rai Gulp, Cartoonito e Frisbee.

Dalle scuole, il progetto tocca con mano solidale la Fondazione Banco Alimentare Onlus attraverso il concorso Un regalo per Mo’ che consentirà ai bambini di far donare 1.000 bottiglie di olio Extra Vergine Monini alla Fondazione. Basterà creare e inviare un elaborato a tema olio Extra Vergine d’oliva, senza limiti di numero. Tutte le classi che si iscriveranno al progetto Mo’ e la favola dell’olio Extra Vergine d’oliva potranno infatti partecipare e sarà proprio Mo’ a premiare le cinque classi vincitrici a pari merito: la simpatica oliva ”si materializzerà” infatti nelle cinque scuole e animerà per gli studenti premiati un laboratorio ludico-scientifico.

Una grande iniziativa di educazione, tanto più importante in un momento in cui si conferma ancora una volta la scarsa informazione sull’olio Extra Vergine d’oliva, che si tinge anche dei colori della solidarietà e dell’educazione ambientale.

L’attenzione nei confronti dell’ambiente non è una novità per Monini che da tempo ha intrapreso un importante percorso “eco-sostenibile”, come testimoniano interventi che vanno dall’installazione di un impianto fotovoltaico presso lo stabilimento, all’acquisto di energia da fonti rinnovabili certificate, all’introduzione di packaging eco-sostenibili in vetro riciclato.

Credits
Il progetto di “educational marketing” nelle scuole è stato ideato e realizzato dalla agenzia La Fabbrica in collaborazione con Daniele Peccerillo, CEO e Senior Partner dell’agenzia Make Sense. La creatività dei 7 spot tv da 45” è stata sviluppata dall’agenzia Make Sense: Daniele Peccerillo, CEO e Senior Partner – Alessia Crocini, Creative Supervisor. La realizzazione degli spot e il cortometraggio animato è stata curata dalla società di Animation e Licensing Rainbow S.p.A. – Francesco Mastrofino, Gianni Travaglione, Barbara Nicolai. Il personaggio Mò è stato ideato da Raikhan Musrepova.

articoli correlati

AZIENDE

Cuki Save The Food: operazione di charity a sostegno del Banco Alimentare

- # # #

Continua il sostegno di Cuki alla Fondazione Banco Alimentare Onlus, con un’iniziativa di charity che coinvolge anche i consumatori. A partire da novembre, infatti, acquistando il rotolo in alluminio doppia forza nel formato 8 metri e le vaschette UltraForza con manici nei formati da 6, 8 e 12 porzioni si contribuirà insieme a Banco Alimentare alla lotta contro gli sprechi alimentari.

 

Cuki devolverà una parte dei proventi al progetto Cuki Save The Food (www.cukisavethefood.it), un’iniziativa nata dal suo impegno concreto a fianco dei volontari del programma Siticibo della Fondazione Banco Alimentare Onlus. Cuki Save The Food da 2 anni contribuisce attivamente al recupero di cibo fresco non consumato dalla ristorazione aziendale e scolastica e dai punti vendita GDO, destinandolo alle mense delle strutture caritative in tutta Italia.

 

Il progetto ha inoltre da poco festeggiato il primo milione di porzioni di cibo recuperate dallo spreco.

 

articoli correlati