BRAND STRATEGY

Caffeina e Findomestic: nuova User Experience e Interface del sito Findomestic.it

- # # # # #

Caffeina e Findomestic

Findomestic si appresta ad affrontare le nuove sfide del web con strumenti digitali innovativi a cominciare dal nuovo sito business completamente ripensato grazie al supporto di Caffeina.

Il rapporto tra Findomestic e Caffeina, iniziato a metà 2016, si consolida così con il primo lancio, frutto della collaborazione tra agenzia e brand.

Dopo un lavoro che ha visto una grande collaborazione tra Caffeina e il team di Findomestic, il risultato è un sito che presenta un’interfaccia funzionale, capace di comunicare la semplicità e l’immediatezza dei servizi della banca.

Il sito è stato riprogettato sviluppando un’esperienza utente moderna e coerente basata sul Material Design con il duplice obiettivo di potenziare sia la presentazione delle offerte che le esigenze di chi è già cliente.

Il lavoro non si è limitato solo alla UI/Ux, perché Caffeina è stata coinvolta anche nella creazione di una guideline coerente con le linee guida di marca per l’utilizzo dei font e dei colori su tutte le piattaforme digitali del brand.

“Siamo felici di lanciare la nuova Experience digitale di Findomestic. Abbiamo orientato il nostro approccio ai risultati e al voler ottimizzare non solo l’immagine ma anche il ruolo di business del website”, ha commentato Tiziano Tassi, CEO di Caffeina.

“Quando abbiamo pensato alla riprogettazione, desideravamo mettere a frutto le lezioni imparate dal vecchio sito, intercettare le esigenze di business e di comunicazione e, soprattutto, ascoltare i nostri utenti. Abbiamo lavorato con Caffeina in modo che il risultato finale tenesse conto dei nostri obiettivi, ma che allo stesso tempo facesse tesoro delle buone pratiche dei grandi player web, applicando raccomandazioni tecniche di terze parti e cercando di adottare tendenze (grafiche, di design e di user experience) ben attestate e familiari agli utenti. Siamo estremamente soddisfatti del risultato, frutto di una collaborazione proficua ed estremamente positiva”, ha spiegayo Sylvie Chabroux, Direttore Marketing di Findomestic.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

On air la nuova campagna Findomestic ‘Shared Passion’ realizzata da TBWA\Italia

- # # #

Nuova campagna Findomestic

È on air da oggi la nuova campagna Findomestic ‘Shared passion’. La nuova comunicazione firmata TBWA\Italia tocca il lato emotivo delle persone, usando il tono di voce ironico e fresco di un’azienda che osserva il contesto reale con ottimismo. Il focus è l’empatia dei consulenti Findomestic che gli permette di farli appassionare a un progetto tanto quanto il cliente che vuole realizzarlo.
Questa relazione speciale, che si crea tra consulente e cliente, è la vera anima distintiva di Findomestic, raccontata attraverso un concept rivoluzionario tramite un ribaltamento dei ruoli.

Il nuovo impianto di comunicazione multisoggetto descrive 3 storie che hanno come protagonisti i consulenti Findomestic. Ogni soggetto racconta un progetto: il bagno nuovo, la cameretta per il figlio, un restyling del giardino ed ogni progetto è vissuto come una passione condivisa tra cliente e consulente.

La pianificazione è prevista su tv, stampa, display, dem, vetrine e leaflet. Una massiccia presenza pubblicitaria è pianificata sui canali Publitalia e Rai e quelli del digitale terrestre con maggiore share (Real time, Iris, Top Crime, Rai Cinema, Rai News, Rai Premium).
Insieme alla tv, verrà lanciato un nuovo format di comunicazione stampa con gli stessi protagonisti dello spot tv, sulle maggiori testate familiari del panorama italiano (Di più, Di più tv, Nuovo, Sorrisi e Canzoni) e gli allegati più importanti dei quotidiani nazionali (Sette ed il Venerdì) .

Hanno lavorato al progetto Paola Buble (art director) e Raffaella Iollo (copywriter) con il supporto di Elena Di Lernia (art director, BTL e POP) con Eugenio Chiapparelli (art director digital) . Direzione creativa di Gina Ridenti. Chief Creative Officer Nicola Lampugnani.

CREDITS

Cliente: Findomestic
Prodotto: Prestito Personale
Direttore Marca, Comunicazione e Pubblicità: Lorenza Ciacci
Responsabile Media & Pubblicità: Meris Baffoni
Direzione Marca, Comunicazione e Pubblicità: Fabio Bagnoli

Agenzia: TBWA\Italia
Chief Creative Officer: Nicola Lampugnani
Direttore Creativo: Gina Ridenti
Copywriter: Raffaella Iollo
Art Director: Paola Buble,
Art Director (BTL, POP): Elena Di Lernia
Art Director Digital: Eugenio Chiapparelli
Direttore Servizio Clienti Roma: Fabrizia Marchi
Account Manager: Daniele Lenzi
Account Executive: Filomena Pontieri
Chief Strategy Officer: Michael Arpini
Digital Manager: Fabio Allemagna
Project Manager: Jennifer Puzzo
Senior Web Designer: Chiara Villotta
Senior Flash Developer: Riccardo Sallusti
Flash Designer: Marco Dagnoni

EG+ Worldwide Produzione Cinema
Responsabile Ufficio Cinema: Antonello Filosa
Producer: Barbara Salaroli

Casa Di Produzione: Enormous
Regia: Matteo Pellegrini
Casa di Produzione fotografica: The Kitchen
Fotografo: Dirk Vogel

EG+Worldwide Produzione Stampa
Responsabile Ufficio Produzione Stampa: Valerio Minestra
Coordinamento Traffico e controllo produzione stampa: Loredana Zavaglia
Produzione stampa: Antonio Ribezzi

Pianificazione mezzi: MindShare
Mezzi: tv, stampa, display, dem, vetrine, leaflet
On Air: 4 aprile 2016

articoli correlati

AZIENDE

Per la Giornata della Terra le grandi imprese scelgono il carpooling

- # # # # # #

Brembo, Findomestic, General Motors Powertrain, Heineken e il Comune di Castelvetro Modena hanno scelto di far partire il carpooling aziendale Jojob in occasione della Giornata della Terra. Circa 12.000 dipendenti potranno così condividere l’auto per gli spostamenti casa-lavoro attraverso l’innovativo servizio che certifica i viaggi e i risparmi ambientali ottenuti ideato dall’azienda torinese Bringme.

Il servizio consiste in un’applicazione mobile che per prima al mondo rende possibile la “certificazione” del risparmio ambientale, espresso in termini di emissioni di CO2 evitate. L’app permette ai dipendenti di stabilire la propria presenza in auto quando fanno carpooling, e allo stesso tempo fornisce alle singole aziende aderenti un sistema di monitoraggio efficace e completo, con dati e statistiche sull’utilizzo del servizio da parte dei propri dipendenti e sul risparmio ambientale.

Jojob ha calcolato il risparmio annuale per ogni dipendente che va al lavoro condividendo l’auto (*). Per una distanza casa-lavoro di 30 km il risparmio arriva a 1.782 euro e 7.722 Kg di CO2.
Il miglioramento dell’impatto ambientale è testimoniato dal caso pilota di Kedrion Biopharma, presso cui Jojob ha attivato il servizio, 160 dipendenti hanno sperimentato il servizio per tre settimane certificando oltre 150 viaggi (più di 3.000 km percorsi) evitando l’emissione di circa 250 kg di CO2.

“L’eccezionale riscontro ottenuto dal servizio di carpooling aziendale – sottolinea Gerard Albertengo, CEO di Bringme, azienda ideatrice di Jojob – è dovuto a più fattori tra i quali: l’innovazione tecnologica, il costo ridotto ma ancor più l’impegno profuso dal team di Bringme nel trasformare ogni singola attivazione in caso di successo”.

“I primi dati registrati, in termini di adesioni e dunque di CO2 risparmiata, sono decisamente interessanti – dichiara Marta Bonaldi, Head of EHS di Kedrion Biopharma – e ci confermano che la strada intrapresa è decisamente quella giusta. Kedrion pone al centro di ogni attività le persone e opera costantemente per il miglioramento dell’impatto ambientale delle proprie attività sul territorio. Favorendo la condivisione tra dipendenti del mezzo di trasporto nel tragitto casa-lavoro e riducendo così le emissioni di CO2, il progetto di carpooling con JoJob si inserisce perfettamente nell’ottica “green” della nostra azienda e rappresenta per noi un punto di miglioramento molto importante.”

articoli correlati

BRAND STRATEGY

TBWA\Italia e Shootin’Gun firmano la nuova campagna integrata Findomestic

- # # #

TBWA\Italia e Shootin’Gun, content factory del Gruppo TBWA\Italia, firmano la nuova campagna di comunicazione Findomestic che punta sull’esperienza dei propri consulenti. 4 i soggetti della campagna Tv: due consulenti uomini e due consulenti donne raccontano il valore formativo derivante dal contatto con i clienti. L’ascolto di tante storie e l’incontro di altrettante persone, metaforicamente ricordate da una serie di dettagli ( un paio di occhiali, un bracciale…), sono stati infatti fattori fondamentali nella costruzione dell’esperienza consulenziale.
I film sottolineano inoltre i vantaggi della multicanalità e dell’intercanalità.
 
Hanno lavorato all’ideazione della campagna televisiva l’art director Massimiliano Brancaccio e Aldo Capsoni e la copywriter Claudia Marini con la Direzione Creativa di Luca Albanese e Francesco Taddeucci (HUMANS BEING).

CREDITS

Cliente: Findomestic
Prodotto: Campagna di comunicazione 2014 – Prestito personale “Come voglio”
Direttore Marca Comunicazione e Pubblicità: Lorenza Ciacci
Responsabile Media: Meris Baffoni
Direzione Marca Comunicazione e Pubblicità: Fabio Bagnoli, Giacomo Cruciani, Niccolò Coppini, Aurelia Aziza

Agenzia: TBWA\Italia
Direttore Generale: Geo Ceccarelli
Direttori Creativi Esecutivi: Luca Albanese, Francesco Taddeucci
(HUMANS BEING)
Art Director: Massimiliano Brancaccio, Aldo Capsoni
Copywriter: Claudia Marini
Direttore Clienti (sede Roma): Fabrizia Marchi
Account Director: Chiara Benigni
Account Manager: Daniele Lenzi
Account Executive: Manuela Maffei
Head of Strategic Planning: Marina Belli

Industrial Strange
Producer: Erica Jones

E-Graphic
Creative Service Director: Valerio Minestra
Coordinatore traffico controllo produzione stampa: Loredana Zavaglia
Post Produzione e impaginazione grafica: Antonio Ribezzi

Casa di Produzione: Shootin’gun
Regista: Francesco Calabrese

Fotografo: Dirk Vogel

Centro Media: Mindshare
Mezzi: TV; stampa, web, DEM
On air: dal 30 marzo con i primi soggetti

articoli correlati

NUMBER

Cause e effetti della crisi secondo gli italiani: ecco i dati dell’ultimo Osservatorio Findomestic

- # # # # #

Lo stipendio economico dignitoso? Oggi di media vale, per i single, 1.350 euro, 1.876 per la coppia senza figli e 1.995 euro per quella con figli. Lo rivela l’ultimo Osservatorio sui consumi di beni durevoli di Findomestic a Milano presso ieri lo spazio Theca, che sottolinea anche come sotto queste cifre (difficilmente raggiunte dalla maggior parte dei lavoratori italiani) si è costretti ad operare rinunce che incidono fortemente sullo stile di vita e sulla qualità della vita.
In particolare, l’83% degli intervistati ha ridotto in modo importante le spese per viaggi, vacanze, ristoranti, pizzerie, abbigliamento calzature, generi alimentari, divertimento, svaghi e tempo libero. Sulle cause di questa crisi, in particolare, si stanno delineando due categorie di pensiero ben distinte: secondo i ‘miglioristi’ la stagnazione attuale è il frutto di una errata applicazione dell’attuale sistema economico capitalistico, bloccato dai meccanismi della ‘finanza’ impazzita e fuori controllo che ha minato la domanda aggregata, principale motore della crescita; per gli ‘eco-pauperisti’ invece il sistema presenta un vizio all’origine non contemplando meccanismi di protezione e rigenerazione delle risorse: ecco quindi che occorre un radicale ripensamento.
All’interno di questi due gruppi si sta comunque affermando una corrente di pensiero costituita dai cosiddetti ‘visionari attivi’, con una concezione del futuro che non può non prescindere dalle azioni che si intraprendono subito sul fronte dei consumi e della produzione: entrambi devono essere sostenibili, grazie alla rinuncia al superfluo, al consumo compulsivo, alle produzioni impattanti; meglio quindi consumare o produrre qualche cosa in meno, ma che abbia un impatto ecosostenibile.
La spesa per beni durevoli per la mobilità, già fortemente ridimensionata dall’inizio della crisi, ha riportato nel 2013 un ulteriore calo sia delle vendite (-4,4%) sia del fatturato (-4,0%). Il mercato italiano dell’auto nuova segna nel 2013 un nuovo record negativo: dopo il calo a doppia cifra del 2012, le immatricolazioni subiscono una nuova flessione vicina all’8%, che porta il livello 2013 a 1,3 milioni di nuove vetture. Anche le vendite di motoveicoli nel 2013 hanno subito, nel complesso, un’ulteriore contrazione vicina al 30% a volume: le moto di grossa cilindrata, hanno registrato performance migliori, mentre la domanda di ciclomotori si è mantenuta in caduta libera, con un’ulteriore riduzione del parco circolante che si avvicina ai 2 milioni di motorini.
Il ridimensionamento dei consumi interessa anche la spesa dei beni durevoli per la casa che riportano nel 2013 una contrazione sia delle vendite sia del fatturato, quest’ultimo penalizzato dall’aumento della pressione competitiva che spinge al ribasso i prezzi. Nel 2013, la domanda di elettrodomestici grandi ha arrestato il suo calo, registrando solo lo 0,2 di flessione; di contro, il mercato degli elettrodomestici piccoli continua la sua decrescita, con il -1,3%. Il comparto dell’elettronica di consumo prosegue nel 2013 la propria decrescita, registrando una flessione del 22,5%; anche il comparto fotografico continua a vedere nettamente negativi, con il -18,1% di fatturato. Il mercato della telefonia registra la migliore performance tra i settori dei beni durevoli monitorati dall’Osservatorio, grazie al suo +9,6%; buone nuove anche dal mercato dell’informatica, che dopo la flessione dello scorso anno ricomincia a vedere numeri positivi (+4%). Cala, infine l’home confort: dopo l’importante crescita registrata lo scorso (grazie all’eccezionalità del clima) quest’anno vede un’importante contrazione del 14%, che porta i valori del fatturato a livelli inferiori di quelli di due anni fa.

articoli correlati