BRAND STRATEGY

Il Natale al tempo del web: Bauli scommette sul talento dei giovani filmmaker di OffiCine

- # # # #

Bauli

In vista del Natale 2016, Bauli, leader nei prodotti dolciari da ricorrenza, scommette sul talento di giovani filmmaker per comunicare i valori del proprio marchio con i linguaggi e le formule narrative adatte alla rete e al vissuto della “generazione del web”. L’azienda di Verona, infatti, sostiene e collabora al Laboratorio di Alta Formazione per Filmmaker, che si terrà dal 3 ottobre al 7 novembre a Milano, a cura di OffiCine, progetto formativo nato nel 2010 dall’unione di Anteo spazioCinema e Istituto Europeo di Design, con l’obiettivo di avvicinare un pubblico ampio ed eterogeneo al mondo del cinema.

Il laboratorio “I Corti per il WEB: I Natali di Bauli – Quale magia per il tuo Natale” è finalizzato alla realizzazione di tre cortometraggi della durata di circa 2 minuti, concepiti per essere veicolati sui canali web e per raccontare modi di vivere la magia del Natale diversi da quello del classico spot televisivo natalizio.

L’obiettivo dell’azienda è ribadire la propria leadership e il presidio della tematica natalizia aprendosi, tra tradizione e contemporaneità, all’esplorazione di nuovi linguaggi e narrazioni. In quest’ottica si inquadrano sia la scelta di finanziare il percorso formativo di realizzazione dei film sia la volontà di produrre, accanto alla campagna TV, contenuti pensati in modo specifico per i nuovi mezzi di comunicazione.

La sfida creativa consiste nel trovare storie, personaggi, ambientazioni e modalità espressive che catturino la curiosità e l’attenzione di quella fetta di pubblico adulto tra i 18 e i 35 anni che ha eletto internet quale principale strumento d’informazione e di entertainment. Per assolvere tale missione, i giovani talenti saranno divisi in troupe composte da sceneggiatori, registi, direttori della fotografia, fonici, montatori e produttori così da coprire la realizzazione dei cortometraggi dall’ideazione fino alle riprese e al montaggio.

“Le nostre campagne pubblicitarie sul piccolo schermo hanno sicuramente contribuito a costruire un vissuto di marca Bauli che la annovera tra i marchi natalizi per eccellenza, perché hanno saputo trasferire al grande pubblico la magia del Natale in famiglia. Bauli si è appropriata dei sentimenti e della tradizione in cui tuttora grandi e piccoli si identificano”, dichiara Paolo Isolati, Direttore Marketing del Gruppo Bauli (nella foto). “La collaborazione al progetto formativo di OffiCine ci apre la possibilità di raggiungere quella parte di pubblico giovane che è meno attratta dalla TV e scoprire quale è il loro Natale, dando loro l’opportunità di parlare di noi e dei nostri valori con il loro stesso linguaggio. Sono convinto che quest’opportunità di crescita professionale offerta ai giovani talenti della filiera cinematografica sarà ripagata da contenuti di altissima qualità e originalità”.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Santàl e la crowd di Userfarm insieme per la strategia video dell’estate 2015

- # # # # #

“Metti in scena il tuo momento Santàl”: i filmmakers della crowd italiana di Userfarm hanno raccontato l’esperienza Santàl in video “super rinfrescanti” di 15” . Sempre di più i progetti di Userfarm_Content Creators, partono dalla piattaforma di crowdsourcing, alimentano gli ambienti digitali del brand e atterrano in tv.

È proprio quello che è accaduto con Santàl, un brand aperto, sociale di per sé, solare, dinamico, allegro, praticamente perfetto per la crowd che, infatti, ha risposto con straordinari video tra i quali è stato difficile scegliere.

134 video partecipanti, tra cui sono stati scelti i 10 migliori, che diventeranno il contenuto eroe della campagna digital. I 3 top videos, invece, celebreranno l’operazione #MySantàlMoment con 2 mesi di pianificazione estiva. Un progetto a 360° che ha al suo centro la creatività partecipativa e la partnership tra Userfarm e Zenith Optimedia, che ha saputo vedere in questo progetto un’opportunità di avvicinare il contenuto sempre di più alla distribuzione, come il native content insegna. E un cliente, Santàl, che sa guardare lontano.

articoli correlati