AZIENDE

Netcomm Focus Food: l’eCommerce alimentare cresce del 43% rispetto al 2016

- # # #

Netcomm

Oggi a Palazzo Mezzanotte si è tenuto il convegno Netcomm Focus Food sviluppato in collaborazione con Fiera Milano. Questo appuntamento è la prima tappa di un percorso di collaborazione e approfondimenti su questo settore, che vede tra gli appuntamenti principali la prossima edizione di TuttoFood.

Il cibo è un elemento tradizionalmente molto importante nella cultura italiana: e ha per il consumatore un valore non soltanto fisiologico ma anche culturale e sociale.

“Gli stili di vita oggi cambiano con una rapidità mai vista prima: è quindi normale che anche il rapporto dei consumatori con il cibo si trasformi continuamente. Questa evoluzione punta decisamente verso un’integrazione del digitale anche all’interno di un’esperienza di per sé molto fisica, com’è quella del cibo. La tendenza è evidente: L’Osservatorio eCommerce legato al settore food in Italia vale 849 milioni di euro, cioè il 4% del volume totale del commercio digitale italiano. Il dato più impressionante è il tasso di crescita annuo, che evidenzia un aumento del 43% rispetto ai volumi del 2016: l’eCommerce alimentare si sta affermando sempre più nello stile di vita dei consumatori italiani, offrendo grandi opportunità di crescita ai player del settore che si dimostreranno più ricettivi nei confronti di nuovi canali e strumenti”, ha spiegato il presidente di Netcomm Roberto Liscia.

Il rapporto tra consumatore e cibo sta cambiando, sempre di più si parla di quattro attributi che sono la convenience, intesa come convenienza economica ma anche come rapidità, rapidità di consegna e rapidità di consumo.
Importante è anche la ricerca di prodotti specifici, dettata da nuove scelte alimentari ad esempio la preferenza di prodotti bio, prodotti vegetariani o per celiaci quindi dettate dalla diffusione di allergie o intolleranze alimentari e dal sempre maggiore apprezzamento per cucine etniche. Strettamente collegata a queste tendenze è la ricerca di informazioni e contenuti: il consumatore infatti vuole sapere cosa sta mangiando e quindi una maggiore attenzione agli ingredienti e ai valori nutrizionali.
Infine l’ultimo maggiore e importante aspetto è l’esperienzialità e cioè la valorizzazione di tutti quegli elementi che contribuiscono a rendere il pasto un momento di piacere e non solo soddisfare un bisogno.

Il mercato dell’eCommerce sta crescendo sempre più arrivando alla cifra di più di 2 miliardi di euro di fatturato nel 2017 a livello planetario con una cifra significativa di un miliardo e mezzo di compratori nel mondo, in questo momento ci sono più di un miliardo e mezzo di persone che comprano online.
Il food è una fetta sempre più importante del commercio digitale infatti la percentuale di e-shopper italiani che acquistano prodotti alimentari è in continua crescita: a marzo 2017 erano il 24%, secondo l’osservatorio NetReatail. La tendenza è evidente su scala globale.

Secondo le rivelazioni Statista, il valore del food & Beverage in Europa ammontava a 10 miliardi di dollari nel 2016, con previsione di crescita annue del 13%: nel 2021 il valore dell’eCommerce alimentare in Europa raggiungerà i 18 miliardi di dollari. Valori simili si riscontrano negli USA, mentre la Cina sperimenterà una vera e propria esplosione passando dal 10,9 miliardi di dollari dal2016 a 30,3 miliardi di dollari nel 2021 con un tasso medio di crescita del 23%.

I compratori digitali non abbandonano i punti vendita fisici ma si aspettano anzi di migliorare il proprio custode journey attraverso l’integrazione di questi diversi canali: lo studio NetRetail 2017 evidenzia che per il il 33,7% dei consumatori omnicanale lo spartphone gioca un ruolo fondamentale nell’orientare i comportamenti di consumo anche in negozio.

“L’integrazione del digitale aprirà nuovi scenari anche per la filiera del mondo Food& Grocery, consentendo ai player B2B di offrire alle aziende clienti gli stessi vantaggi in termini di flessibilità, varietà dell’offerta, ricchezza di informazioni e innovazione a cui si sono con il tempo accostumati”, ha affermato Riccardo Mangiaracina, Responsabile Scientifico Osservatorio eCommerce B2c Netcomm School of Management, Politecnico di Milano.

Le aziende oggi devono attuare nuove strategie che tengano conto degli elementi caratteristici di questa nuova evoluzione, affrontando nuove sfide:
– I comportamenti di consumo stanno cambiando rapidamente, facilitando l’avvento di nuovi modelli di business e nuovi player
– Il cambiamento non riguarda solo una parte del settore ma tutto, partendo dal marketing alle operation, dalla distribuzione al merchandising
– L’online non deve escludere l’offline ma la complementarietà di entrambi potrà aumentare l’engagement del cliente e le vendite multicanale
– Il mobile, la localizzazione e il nuovo retail stanno ridisegnando il custode journey
– Lo scenario competitivo si fa sempre più complesso e la filiera si traforma
– È necessario lavorare sui fattori chiave della scelta del negozio online e offline: prezzo, qualità, convenienza, selezione ed esperienza
– I dati devono essere alla base delle strategie di unified commerce delle imprese.

Le aziende devono continuare a migliorarsi e a lavorare sempre più sui loro canali eCommerce infatti secondo una ricerca di Netcomm realizzata in collaborazione con Eumetra dimostra che il grado di soddisfazione dei consumatori per le soluzioni di eCommerce food esistenti non è particolarmente elevato: il 30% di chi ha comprato cibo confezionato online e il 32% di chi ha comprato prodotti pronti dichiara che non sarà propenso a ripetere l’esperienza, aumenta la percentuale di chi ha comprato prodotti freschi che sale addirittura al 53%.

Durante il convegno ha preso parte anche Simone Zucca, Sector Leader Retail, Fashion Luxury & Finance, Google che ha fatto un analisi sui comportamenti dell’uomo nei confronti del cibo.

“Alla luce delle dinamiche sociali contemporanee afferma che il rapporto tra l’uomo e il cibo si stia evolvendo in direttrici e connotazioni diverse. Questa dicotomia si basa da una parte sull’esperienzialità ed emozionalità e dall’altra sulla funzionalità. Infatti nel suo studio dal titolo “Taste of togethers” analizza come cambia il rapporto tra le famiglie moderne e il cibo e i millennials e il cibo. Le famiglie vedono il momento del pasto come un momento per stare insieme, cercando di sfruttare soprattutto il weekend come momento di unione e condivisione, invece i millennials pensano al cibo non solo come momento di unione me come un modo per prendersi cura di se stessi, mangiando bene, mangiando determinati alimenti. Vediamo quindi a fronte di questo studio come in base al cambio generazionale ci sia anche un cambiamento del concetto di “cibo”.
Pensano alla nutrizione come un modo per potenziare le capacità cognitive, per puntare alla bellezza e soprattutto per migliorare la concentrazione e gestire lo stress”, ha spiegato Zucca.

Dunque notiamo come stia cambiando sempre più la concezione legata al food e di come stiano anche cambiando i mercati legati ad esso, infatti è stata proprio Monica Paoluzzi, Business Strategist, Just Eat Italia a spiegare come anche il take away sia un elemento importante nella cultura del food in Italia e nel mondo.

“L’Italia nel gruppo Just eat rappresenta uno dei mercati con un maggiore potenziale di crescita, legato sicuramente all’amore degli italiani per il cibo e al fatto che in Italia oltre metà della popolazione adulta utilizza abitualmente servizi di take away. Il digital take away però pesa soltanto il 5% di questo mercato è quindi un mercato ancora in crescita e rappresenta un mercato molto piccolo, sono circa 1milione e 4 i clienti che usufruiscono del digital take away clienti che non sono solo concentrati nelle grandi città ma in tutto il territorio nazionale. Quello che vogliamo oggi è arrivare al pari dell’offline e raggiungere un equilibrio. Possiamo stimare circa 7 milioni di italiani propensi a ordinare online. L’obiettivo che ci poniamo oggi è quello di  aiutare i clienti attraverso un’offerta più ampia, ma vogliamo aiutare anche i ristoranti e affiancarli al fine che sempre più di essi collaborino con il nostro marketplace. La tecnologia e l’utilizzo dei dati hanno un ruolo fondamentale per noi e attraverso i dati ci poniamo tre obiettivi: 1) migliorare l’offerta e fare in modo che i ristoranti che ospitiamo nella nostra piattaforma offrano una migliore offerta ai nostri clienti. 2) Migliorare l’esperienza dei clienti e infine aiutare la categoria ad espandersi”, ha concluso la Paoluzzi.

 

articoli correlati

BRAND STRATEGY

miart, on air Prisma, la nuova campagna visiva dedicata al 2018 della fiera d’arte moderna

- # # # #

miart 2018

miart 2018, organizzata da Fiera Milano, presenta Prisma, la nuova campagna visiva che accompagnerà nei prossimi mesi la fiera internazionale d’arte moderna e contemporanea di Milano fino alla sua apertura al pubblico il 13 aprile 2018. Come da tradizione degli ultimi anni, anche per questa ventitreesima edizione miart rinnova la propria immagine per rendersi punto di riferimento in un contesto in continuo divenire come quello dell’arte moderna e contemporanea, e lo fa ascoltando le tante voci che animano questo mercato e sulle quali la fiera sviluppa le proprie linee strategiche.

miart è una fiera boutique capace di dare voce ai molteplici linguaggi dell’arte, e come tale l’impegno nello sviluppare una campagna di comunicazione creativa e innovativa e che cambi a ogni edizione è la cifra stilistica che in questi ultimi anni ha contraddistinto la manifestazione. Prisma è, ancora una volta, un racconto per immagini ma, per la prima volta, si è scelto di comunicare l’arte attraverso l’arte, realizzando una collaborazione che coinvolgerà, nel tempo, danza, fotografia e video-arte.

La campagna è infatti il frutto della collaborazione tra il coreografo Alessandro Sciarroni, il duo di video-artisti Masbedo e la fotografa Alice Schillaci, riuniti sotto la direzione artistica di Mousse Agency, in un connubio di discipline artistiche per la
prima volta riunite insieme per la campagna promozionale di una fiera, tra performance e immagine in movimento. A partire da ottobre 2017 e fino all’apertura di miart, Prisma si articolerà in una serie di passaggi successivi nel tempo, mano a mano che la fiera si approssimerà: una campagna stampa su riviste e periodici, una serie di teaser video on line, un’opera video e una performance dal vivo.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Social Media Week: al via le cinque giornate “social” di Roma

- # # # # #

Social Media Week

Conto alla rovescia per la Social Media Week (SMW) di Roma in programma da 12 al 16 settembre, presso la Casa del Cinema nel cuore di Villa Borghese, organizzata da Business International (gruppo Fiera Milano).

La città di Roma torna così protagonista, dopo il successo delle precedenti due edizioni, ospitando uno dei dieci eventi più innovati ed esclusivi dedicati alla rete e ai sui molteplici aspetti. Global theme della terza edizione della Social Media Week – organizzata da Business International – Fiera Milano Media – sarà “The invisible hand: hidden forces of technology”. Attraverso gli approfondimenti e le testimonianze delle più illustri personalità provenienti da tutto il mondo, si discuterà del ruolo fondamentale della tecnologia e delle sue potenzialità che, seppur nascoste, ogni giorno modellano i comportamenti degli utenti, trasformandone il modo di interagire, consumare e comunicare.

Il programma della terza edizione entra subito nel vivo a partire dalla cerimonia di apertura, lunedì 12 settembre alle 11.00, con il saluto di benvenuto da parte dell’assessore del comune di Roma, Flavia Marzano. Durante l’incontro si parlerà di Digital Transformation con Luca Prina, ‎Direttore Centrale Marketing e Comunicazione di CheBanca! e Silvia Conti, PR Manager Italy di BlaBlaCar. A seguire uno sguardo sul futuro della rete; a raccontare le novità dei prossimi 10 anni in materia di digitale e tecnologia ci saranno: Matteo Stifanelli, Country Manager Italia di Airbnb; Marcello Albergoni, Head of Italy and Iberia di LinkedIn; Salvatore Ippolito, Country Manager Italy di Twitter; Veronica Diquattro, Responsabile Mercato Italia di Spotify. Ospite della cerimonia di apertura Alessandro Borghese, social chef e volto di numerosi programmi in onda su Sky.

Il calendario della Social Media Week sarà scandito nell’arco delle cinque giornate da numerosi incontri tematici ideati per imprenditori, manager e appassionati di tecnologia e digitale. Tra le novità più attese della terza edizione lo spazio dedicato all’innovativa #PA Social Academy, un’accademia social rivolta alle pubbliche amministrazioni. Il gruppo #pasocial sarà infatti presente alla Social Media Week di Roma con cinque appuntamenti – dal 13 al 16 settembre – dedicati a settori come trasporti, scuola e università, cultura, turismo e promozione del territorio, gestione emergenze ed eventi, in cui i social stanno vedendo un incremento del loro utilizzo al fine di migliorare i servizi e il rapporto tra pubblica amministrazione e cittadini.

Spazio anche alla musica: si discuterà di royalty e diritti d’autore, ma soprattutto di musica digitale che a oggi rappresenta il 68% del mercato musicale. Ospiti nella giornata di martedì 13 settembre alle 17.30 i teen idol del momento Benji e Fede protagonisti insieme a Enzo Mazza, Chairman at SCF – Società Consortile Fonografici e Giuseppe Mosca, Head of Music Content, Telecom Italia.

Dal mondo del cinema cresce invece l’attesa per la social intervista via Facebook Live, Periscope e Twitter con il regista Gabriele Muccino (in programma lunedì 12 settembre) che racconterà aneddoti e curiosità legati al suo ultimo film L’Estate Addosso, nelle sale a partire dal 15 settembre. Da Roma, moderati dal Direttore di Leggo, Alvaro Moretti, ci saranno anche i due giovani attori protagonisti Brando Pacitto e Matilda Lutz. Il 15 settembre sarà ancora il cinema protagonista della SMW con la proiezione in anteprima dell’attesissimo film Bridget Jones’s Baby! Dal grande al piccolo schermo, però con la serie rivelazione degli ultimi anni: Gomorra. Il 12 settembre, infatti, alla Social Media Week sarà il Gomorra Day; insieme ai protagonisti si ripercorreranno i momenti più significativi che hanno reso la serie, ideata da Roberto Saviano un vero e proprio fenomeno mediatico, che ha invaso la TV, il web e i social media.

Alla Social Media Week si parlerà anche di Food&Wine con tanti eventi in cartellone dedicati al tema e declinati in ambito social. Primo fra tutti, nella giornata iniziale la SMW, il party celebrativo per i 30 anni della nascita di Mixer, il magazine di riferimento per i professionisti del mondo Horeca. Si parlerà degli influencers del mondo del vino 2016 con Marilena Barbera, unica italiana citata nella classifica di Social Vignerons sui personaggi che costituiscono la Top 20 degli influencers nel mondo del vino sui social media a livello globale. Dal vino al cibo, si parlerà del sempre crescente fenomeno del delivery food con Matteo Sarzana, General Manager di Italy Deliveroo e Daniele Contini, Country Manager Italy di Just Eat. Le conversazioni in materia di cibo continuano poi raccontando della seconda vita sui social di piatti e ricette costantemente fotografate e postate.
Spazio anche all’arte, per capire come sia cambiato il modo di “comunicare l’arte” attraverso l’uso di tecnologie digitali, intese come strumento di evoluzione e rivoluzione nel modo di “produrre”, “commercializzare” ed “esporre” opere d’arte tramite musei virtuali, gallerie online, correnti d’arte digitale, piattaforme di crowdsourcing e social network di artisti.

Ampio spazio al gaming grazie all’intervento di Fabio Viola, l’unico italiano nella TOP 10 mondiale dei gamification designers, capiremo cosa si nasconde dietro il fenomeno del momento Pokémon Go Mania (venerdi 16 settembre), il gioco online considerato uno dei principali fenomeni economici, tecnologici e sociali del XXI secolo, destinato a influenzare molti settori di mercato.

Accanto a questi temi troveranno spazio anche i dibattiti legati a storytelling, social Advertising, social TV e branded content. Tra gli appuntamenti da non perdere della settimana della social media week, il 13 e 14 settembre una doppia lezione – con iscrizione gratuita fino ad esaurimento posti – su Snapchat, il social più discusso dell’anno. Le porte della SMW si spalancano infatti per una delle testimonianze più attese con l’arrivo direttamente da Los Angeles dell’evangelist di Snapchat Stefano Mongardi. Due giornate dedicate al social network dove si mostreranno le potenzialità del suo utilizzo anche nel business.

Giovedì 15 settembre a partire dalle 11.00 spazio alle novità del settore eCommerce con il gruppo Intermatica che presenterà le novità legate al circuito OnShop, l’innovativo buono-spesa prepagato per fare acquisti sicuri in rete e PhoneAll, la nuova app per telefonia mobile che consente di effettuare chiamate VoIP gratuite verso tutti i numeri fissi e mobili italiani.

Tanti gli ospiti che si alterneranno durante le 5 giornate della Social Media Week da Alessandro Borghese, ospite della cerimonia di apertura, a Carlo Verdone, Max Giusti, Margherita Buy, Fortunato Cerlino, Raf, Gabriella Labate ed Enrica Guida protagonisti insieme al Direttore Alvaro Moretti de “I Leggo awards: direttori per un giorno, amici per sempre”.
Durante la Social Media Week di Roma anche lo sport diventa social, con il panel Sport 2.0 (13 settembre, ore 14), durante il quale si affronterà la testimonianza di Federscherma che grazie ai new media è riuscita a sviluppare una brand identity innovativa e dinamica in grado di raggiungere pubblico prima impensabile per uno sport come la scherma.

Venerdì 16, tutti di corsa con una tappa speciale della Breakfast Run (www.breakfastrun.it), una maratona non competitiva di 5km che si svolgerà in un contesto ricco di colori, musica ed allegria e che in occasione della SMW partirà dal quartier generale della Business International fino alla Casa del Cinema.

La SMW sarà anche beneficenza: Charity Partner di questa edizione l’associazione internazionale Save the Children.

La Social Media Week è stata realizzata grazie alla collaborazione di IVRI, Istituti di Vigilanza Riuniti d’Italia, Sky Italia, Che Banca!, Intermatica, JustEat, Deliveroo, Lastminute.com, Anica, Ovh, Snai, Veesible, sponsor dell’iniziativa.

La SMW è presente in rete con il sito http://www.smwirome.it/, per conoscere tutte le iniziative, il programma e i keynote speech della manifestazione; il profilo Twitter dedicato @SMWRME e l’hashtag ufficiale #SMWRME, la pagina Facebook www.facebook.com/SMWRome.

articoli correlati

AGENZIE

C Cube si aggiudica la gara per i social di SI Sposaitalia 2017

- # # # #

SI Sposaitalia

C Cube comunicazione al cubo si è aggiudicata la gara indetta da Fiera Milano S.p.A per la gestione dei social media di SI Sposaitalia per l’edizione 2017.

La manifestazione, leader nel mondo del bridal fashion, conferma il suo successo, chiudendo l’edizione del 2016 con un +10% di collezioni presenti e 7.766 i buyer di cui 33% provenienti dall’estero, e decide di accettare la sfida social in linea con i principali player internazionali.

Il progetto strategico di social media management e la stretta sinergia con le media relation e la pianificazione pubblicitaria, mira pertanto a rafforzare l’immagine internazionale e l’unicità della manifestazione SI Sposaitalia come centro del business ma anche occasione irrinunciabile per incontrare il meglio della creatività e dello stile italiani.

www.ccube.it

articoli correlati

AZIENDE

Nasce “La Fabbrica del Libro SpA”, nuova realtà di AIE e Fiera Milano

- # # # # #

Nasce la Fabbrica del Libro, nuova realtà AIE e Fiera Milano

Fiera Milano ed Ediser, società di servizi dell’Associazione Italiana Editori (AIE), hanno costituito oggi La Fabbrica del Libro SpA, che svilupperà attività di promozione del libro, anche mediante l’organizzazione di eventi fieristici in tutto il territorio nazionale, valorizzando l’intera produzione editoriale. L’atto costitutivo è stato siglato da Corrado Peraboni, amministratore delegato del centro espositivo, e da Federico Motta, presidente di AIE. È stato così compiuto un ulteriore importante passo verso la prima edizione dell’appuntamento fieristico milanese dedicato al libro, la cui squadra organizzativa è già in fase avanzata di messa a punto. Fiera Milano detiene il 51% de La Fabbrica del Libro SpA e ne esprime l’amministratore delegato, nella persona di Solly Cohen. Il 49% appartiene a AIE, a cui spetta la nomina del presidente, ruolo ricoperto da Renata Gorgani, editore della casa editrice Il Castoro.
“Oggi abbiamo posato il primo mattone non solo della Fabbrica del Libro, ma del nostro progetto” dichiara Federico Motta. “AIE, con i suoi 147 anni di storia e di esperienza, e Fiera Milano, primo operatore fieristico in Italia e uno dei maggiori al mondo, mettono insieme le loro energie e la loro esperienza per realizzare insieme il Progetto di Promozione del Libro di AIE, che partirà con l’appuntamento milanese a maggio, ma investirà progressivamente anche Roma e il sud in una messa in rete degli appuntamenti principali di promozione del libro e della lettura”.
“Il progetto di un evento fieristico a Milano dedicato al libro prende corpo” aggiunge Corrado Peraboni. “Ne siamo davvero felici. Milano è già capitale dell’editoria, oltre che centro vitale di produzione culturale, ricerca e innovazione. Era giusto che avesse una manifestazione di livello nazionale sul libro. Ora abbiamo creato il soggetto che dovrà materialmente sviluppare l’idea, a cui presto daremo anche un nome. Il sogno sta diventando realtà”.

articoli correlati

AZIENDE

PwC sceglie la tecnologia semantica di Expert Sistem per Expo Business Matching
 

- # # # # # # #

Expert System collaborerà con PwC per Expo Business Matching, la piattaforma virtuale d’incontri d’affari promossa da Expo Milano 2015, Camera di Commercio di Milano, Promos, Fiera Milano e PwC.

Dopo una semplice registrazione e profilazione, produttori, distributori, fornitori, buyer, investitori italiani e internazionali possono svolgere attività di ricerca su www.expobusinessmatching.com e, grazie all’intelligenza semantica di Expert System, reperire velocemente tutte le informazioni utili a valutare le opportunità di business più in linea con i propri obiettivi, approfondire le occasioni ritenute più interessanti nei diversi Paesi e programmare incontri B2B durante Expo 2015.



“Siamo orgogliosi che la nostra tecnologia semantica sia presente ad EXPO 2015,” ha dichiarato Stefano Spaggiari, Amministratore Delegato di Expert System. “È motivo di enorme soddisfazione la possibilità di offrire un nostro contributo per ottimizzare le attività di ricerca multilingue attraverso la piattaforma “business matching” mettendo a disposizione di aziende provenienti da tutto il mondo le potenzialità uniche di Cogito.”



“Siamo molto felici di questa collaborazione su un progetto di grande rilevanza nazionale e internazionale. Expo Business Matching e’ un iniziativa all’avanguardia che promuove il dialogo e il networking fra gli operatori business durante Expo Milano 2015 ed ha ottime premesse per diventare in futuro il portale di riferimento per l’internazionalizzazione delle imprese italiane” commenta Vincenzo Grassi, Associate Partner di PwC e Project Leader di Expo Business Matching.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Foot Rocker, spazio alla musica a theMICAM con Rolling Stone Italia

- # # # # #

Spazio anche per la musica al prossimo salone internazionale del settore calzaturiero, al prossimo theMICAM andrà in scena Foot Rocker, lo spazio dedicato agli stili young fashion e ai marchi più underground e “street” nel mercato calzaturiero contemporaneo. Ad animare il padiglione la bibbia del rock: Rolling Stone Italia che sarà presente con un apposito stand destinato a diventare la piattaforma ideale per una serie di attività: per tutta la durata di theMICAM, verranno prodotte quotidianamente video interviste agli espositori, veicolate su rollingstonemagazine.

 

Tra le attività previste dalla collaborazione fra Rolling Stone e theMICAM, anche il Foot Rocker Awards: una commissione di qualificati trend setter premierà un promettente designer italiano della calzatura moda giovane, offrendogli la possibilità concreta di entrare nel mondo del lavoro. L’evento, previsto per domenica 15 settembre al padiglione 10, sarà presentato da Francesco “Nongio” Mandelli, oggi attore affermato e notissimo grazie a “I Soliti Idioti”. A seguire, una performance dal vivo degli Shazami, band formata dallo stesso Mandelli con il dj/scrittore Federico Russo.
Per tutta la durata della manifestazione, all’interno dello stand di Rolling Stone verranno esposti i lavori di aspiranti designer della calzatura young fashion selezionati dalle più importanti scuole di moda. I visitatori potranno vivere un’esperienza di pura creatività scoprendo come da una semplice idea può nascere una calzatura che farà tendenza.

 

articoli correlati