BRAND STRATEGY

Il Wired Next Fest torna a Firenze il 30 settembre e il 1° ottobre

- # # #

Wired Next Fest a Firenze

Il Wired Next Fest torna a Firenze per il secondo anno consecutivo. Il 30 settembre e il 1° ottobre il festival italiano dedicato all’innovazione animerà Palazzo Vecchio e trasformerà per due giorni Firenze nella capitale del cambiamento.

Mentre a Milano si è parlato di Identità, a Firenze il festival si svilupperà attorno al tema Confini. Un tema che sarà esplorato in tutte le sue forme anche all’interno del giornale in edicola a settembre. Confini in ambito tecnologico, artistico, politico, economico, culturale e social attraverso la presenza di personaggi di rilievo nel panorama internazionale.

“Viviamo un tempo in cui la rete cancella le distanze, ma dove l’essere umano è ancora capace di erigere muri. Un’epoca scandita da personalità che hanno saputo vedere oltre, visionari che hanno tracciato nuovi percorsi, innovatori che hanno rotto le regole semplicemente affrontando da nuove angolazioni problemi ritenuti insormontabili. Perché non esiste innovazione e rivoluzione senza il superamento dei limiti personali e sociali. Un mondo in rapida trasformazione in cui molti confini sono ancora da tracciare, alcuni da superare, altri da spostare”, ha spiegato Federico Ferrazza, direttore di Wired Italia.

I dati dell’evento di Milano, che si è tenuto ai Giardini Indro Montanelli, raccontano un’edizione da record: oltre 150.000 presenze totali (830.000 in video-streaming) e due concerti serali che hanno richiamato diverse decine di migliaia di persone. L’anno scorso sono state oltre 188.000 le presenze registrate complessivamente tra Milano e Firenze. I numeri sono stati rilevanti anche in ambito digitale: 1 milione di utenti hanno seguito il festival sul sito di Wired.it e sulla pagina Facebook di Wired Italia con 4 milioni di pagine sfogliate.

Il Wired Next Fest di Firenze si propone quindi di essere un luogo reale e virtuale di incontro e confronto, senza confini, attraverso talk e performance artistiche con ingresso gratuito e su registrazione che avverrà sul sito.

Hashtag ufficiale: #wnf17
Diretto da Federico Ferrazza
A cura di Omar Schillaci, Emiliano Audisio
Wired Next Fest è realizzato con il Patrocinio del Comune di Firenze
Tutto il Festival è organizzato in collaborazione con Audi
Main Partner: BNL – Gruppo BNP Paribas, Enel, Huawei, Nastro Azzurro, Sky
Partner Istituzionale: Regione Puglia, Puglia Sviluppo
Official Timekeeper: Tag Heuer
Partner Scientifico: AIRC
Event Supporter: Audible, Elmec, IED – Istituto Europeo di Design, SIAE, SixthContinent, Yougenio
Official Radio: RDS
Partner Tecnico: Verso
Exhibit & Design Production: Piano B

 

articoli correlati

MEDIA

Spd Awards: Wired Italia è il Best Magazine of the Year

- # # # # #

Spd Awards: Wired Italia Best Magazine of the Year

In occasione dell’appuntamento annuale degli Spd Awards (Society of Publication Designers) a New York, Wired Italia è stato premiato con il titolo di Best Magazine of the Year. Dietro le altre riviste arrivate in finale: il New York Times Magazine, Wired US, Avaunt Magazine, Bon Appétit, The California Sunday Magazine e il New York Magazine.

“Questo riconoscimento premia un lavoro iniziato 20 mesi fa, quando abbiamo deciso di cambiare radicalmente il progetto editoriale e di conseguenza il design del volume cartaceo di Wired Italia, trasformandolo in una creatura a metà tra un libro e un giornale. Un format pensato per analisi e approfondimenti di grandi firme italiane e internazionali che completa un’offerta di contenuti composta di digitale ed esperienze live come il Wired Next Fest”, ha commentato Federico Ferrazza, direttore di Wired Italia.

Wired Italia ha conquistato altri due ori nelle categorie: “Miglior magazine per genere Science and Technology” e miglior “Design Section”.

Medaglia d’argento inoltre per le categorie: “Best design”, per il numero di settembre 2016 sulla Bellezza e “Illustrated Stories” per il lavoro “Un giorno di ordinaria distopia” dell’artista Simon Stalenhag, incluso nel numero dedicato al Tempo uscito a maggio 2016.

Questi premi arrivano in un mese ricco di iniziative e appuntamenti per Wired, primi fra tutti:
Wow – Immagini dal futuro: la mostra fotografica organizzata in collaborazione con Mini e dedicata all’ultimo volume del giornale. Inaugurata lo scorso 20 aprile alla Triennale di Milano si concluderà il 18 maggio per poi approdare dal 22 maggio al 25 giugno al Maxxi di Roma.

Wired Next Fest 2017: la quinta edizione del più importante festival italiano dell’innovazione. Tanti gli ospiti di prestigio previsti dal 26 al 28 maggio ai Giardini Indro Montanelli di Milano e dal 30 settembre al 1° ottobre a Palazzo Vecchio a Firenze.

articoli correlati

MEDIA

Wired Italia in edicola nell’inedita veste di album fotografico

- # # # #

Nuovo Numero Di Wired Italia

In edicola il nuovo volume di Wired Italia che in esclusiva diventa una raccolta di scatti spettacolari grazie all’obiettivo di 15 grandi fotografi. Ospite d’eccezione è Paolo Sorrentino, protagonista del prologo del numero in cui il regista premio Oscar spiega il significato della fotografia nella società contemporanea.

Immagini che arrivano da diversi luoghi del mondo e che raccontano le principali novità sull’innovazione, immortalate da artisti del calibro di Mattia Balsamini, Alex John Beck, Obert Benson, Philippe Braquenier, Daniel Brown, Nicola Galli, Sean Lemoine, Spencer Lowell, Etienne Malapert, Benedict Redgrove, Craig Ward, Dan Winters, Patrick Witty e altri ancora.

Dalle ultime ricerche sulla robotica e l’intelligenza artificiale provenienti dal Massachusetts Institute of Technology (Mit) di Boston fino alle località e alle tecnologie che conservano tutti i dati della Terra; dagli algoritmi in grado di progettare le città del futuro ai mezzi di trasporto più avveniristici, ma reali. Un’esplosione di fotografie con l’ambizione di interpretare anche il cambiamento che il linguaggio sta vivendo in questi anni di comunicazione digitale.

“Oggi gran parte delle conversazioni è composta da immagini. Ogni giorno vengono condivise 80 milioni di foto su Instagram e su Facebook vengono visti otto miliardi di video. Un numero impressionante che dimostra come sia cambiato il nostro modo di dialogare e di esprimerci. Non significa che l’arte della fotografia sia di colpo diventata “democratica” ma che tutti comunichiamo non più solo con l’alfabeto o con i numeri. In fondo, comprenderne il motivo è anche intuitivo: se la comunicazione passa soprattutto attraverso uno schermo collegato a una fotocamera, per alcuni messaggi è più semplice ed efficace usare un’immagine o un filmato”, ha commentato Federico Ferrazza, direttore di Wired Italia.

Per celebrare il nuovo volume di Wired, grazie alla collaborazione con MINI e Nuova MINI Countryman Plug-In Hybrid, sarà allestita la mostra fotografica “WOW – Immagini dal Futuro” alla Triennale di Milano e al MAXXI di Roma. Le due mostre, completamente gratuite, resteranno aperte al pubblico dal 20 aprile al 18 maggio a Milano e dal 23 maggio al 25 giugno a Roma.

articoli correlati

MEDIA

Wired: da magazine a “bookazine”

- # # # #

Wired cover

Il “sistema Wired” si arricchisce della nuova versione cartacea disponibile da domani 4 dicembre: un concept completamente rinnovato in grado non solo di informare ma soprattutto di orientare e ispirare sui temi dell’innovazione, raccontandone l’impatto sulla vita quotidiana e sul mondo contemporaneo.

Per questo, il nuovo direttore Federico Ferrazza ha riunito i protagonisti, a livello internazionale, della rivoluzione tecnologica in corso. Saranno loro le nuove firme di Wired Italia. Nel numero di dicembre compariranno, tra gli altri, personaggi del calibro di Melinda Gates, Reid Hoffman, Wim Wenders, Chris Anderson, Roberto Cingolani, Michael Najjar, Alice Rawsthorn, Don Antonio Spadaro, Carlo Ancelotti.

Ogni nuovo numero di Wired sarà monografico – il primo è dedicato al 2016 e alle innovazioni che vedranno la luce il prossimo anno e che cambieranno radicalmente la nostra vita – e sarà in grado di approfondire i grandi temi della modernità. Una complessità di contenuti che ha determinato un nuovo format: non più un semplice magazine, ma un ibrido con la struttura e le caratteristiche di un libro. Un “bookazine” capace di conservare l’autorevolezza e la capacità comunicativa propri di Wired Italia e di introdurre elementi di approfondimento e di analisi.

“La ricetta di Wired è quella di essere credibili, rilevanti e sorprendenti allo stesso tempo. Per far nascere il nuovo Wired di carta, abbiamo quindi realizzato un’opera di ingegneria genetica, ibridando il format e l’impatto visivo di un magazine con quello del prodotto cartaceo di maggior successo di sempre: il libro. Il risultato è un prodotto che rompe gli schemi del passato. Che non solo racconta l’innovazione ma ambisce a essere innovativo; che nel format non sarà mai uguale al numero precedente; che è contemporaneo anche se analogico; che non ha intenzione di inseguire i tempi, i linguaggi e la quantità delle informazioni online ma che, anzi, completa l’offerta di Wired fatta di digitale ed eventi”, commenta Federico Ferrazza, Direttore di Wired Italia.

Il nuovo “bookazine” andrà oltre l’edicola. I lettori lo troveranno anche presso shop online, concept store e librerie di culto. Un libro a tutti gli effetti, una caratura cartacea più preziosa e, come sempre, una cura attenta per il design e la grafica, che forniscono anche a livello percettivo la sensazione di un prodotto di grande valore.

Molte le novità commerciali, con spazi più impattanti, inserti e tagli di carta differenti per cogliere opportunità di comunicazione come branded content e native advertising. Un prodotto unico nel panorama italiano che racchiude qualità editoriale, information design, immagini spettacolari e soluzioni cartotecniche originali.

L’edizione cartacea diventa dunque un “luogo” di pensiero e di comprensione di una società che sta cambiando a una velocità mai vista prima, integrandosi perfettamente nel “sistema Wired” centrato sul digitale. Il sito Wired.it, ha visto negli ultimi mesi un consolidamento del traffico a 5 milioni di utenti unici mensili e 27 milioni di pagine viste. Ottimi risultati anche per il mobile che supera il 50% del traffico complessivo e per la componente di video che conta oltre 5 milioni di video views.

Anche il digitale si amplia: i temi monografici della versione stampata saranno integrati in canali corrispettivi, con lo scopo di interagire e informare la social base del brand che conta a oggi circa 1 milione di utenti. Inoltre, i lettori potranno rimanere sempre aggiornati sui loro argomenti preferiti con le Buzzword, sezioni del sito con relativi profili social suddivisi per tematiche: le prime saranno Wired Bufale, Wired Zoo, Wired Food, Wired Sounds, Wired Popcorn (per gli appassionati delle serie tv) e Wired Sports.

Il “sistema Wired” si completa con importanti manifestazioni sul territorio rivolte al grande pubblico: è il caso di Wired Next Fest, il festival dell’innovazione voluto e creato dal brand Condé Nast nel 2013 a Milano, che lo scorso maggio ha riscosso il record di 108.500 presenze totali durante le tre giornate. Il Fest unisce momenti di dibattito sui temi legati alla cultura digitale e all’attualità a una parte di entertainment musicale, per un pubblico da 0 a 99 anni. Numerosi i personaggi che hanno calcato il palco della manifestazione: da Roberto Saviano a Edward Snowden, da Shirin Ebadi a Gianni Morandi, e ancora dai Subsonica a Max Pezzali, da Gino Strada a Marracash, da Zerocalcare a Frank Matano, insieme ai tre concerti serali di Giorgio Moroder, Saint Motel e Neneh Cherry. Nel 2016 il Wired Next Fest raddoppia l’appuntamento: a maggio a Milano e a settembre per la prima volta approderà anche a Firenze.

Accanto al Wired Next Fest, tanti saranno gli eventi che si susseguiranno nel corso del 2016, tutti con l’obiettivo di avvicinare sempre più il grande pubblico al brand ed entrare così in contatto diretto con personaggi e aziende che ogni giorno contribuiscono all’innovazione italiana e internazionale.

articoli correlati