NUMBER

Audiweb: a Febbraio 2018 il 48,3% degli italiani ha navigato su Internet nel giorno medio

- # # # # #

audiweb

La total digital audience a Febbraio è rappresentata da 34,2 milioni di utenti unici, il 62,4% della popolazione dai due anni in su, online per 52 ore e 55 minuti in media per persona. Lo rivela, come è consuetudine, la ricerca AudiWeb relativa al periodo di riferimento, che segnala come nel giorno medio siano 26,5 milioni gli italiani collegati almeno una volta, online in media per 2 ore e 26 minuti per persona.
Per quanto riguarda la fruizione dai differenti device rilevati, nel giorno medio a febbraio risulta che 13,6 milioni di italiani dai due anni in su hanno navigato da un PC e 22,7 milioni di italiani maggiorenni da mobile (smartphone e/o tablet), con 13 milioni di questi che hanno preferito navigare esclusivamente da mobile.

Quasi metà degli italiani, il 48,3%, ha navigato quotidianamente a febbraio, con quote più rilevanti per la fascia d’età dai 18 ai 34 anni, con il 66,2% online almeno una volta nel giorno medio, e al di sotto della media (43,8%) per la fascia più matura dei 55-74 anni.
Secono i dati resi noti da Audiweb. inoltre, a trainare si conferma la navigazione da mobile che vede coinvolti, in generale, il 51,8% degli italiani maggiorenni e, più in dettaglio, la quasi totalità dei giovani online (il 61,4% dei 18-24enni e il 60% dei 25-34enni), il 57,2% dei 35-54enni e il 38% degli over 55.
In sintesi, per quanto riguarda il tempo dedicato all’online, in questo mese di rilevazione risulta che il 77% del tempo complessivo dedicato alla fruizione di internet è stato generato dagli accessi da mobile; mentre le donne hanno dedicato all’online 26 minuti in più rispetto agli uomini.

Il tempo quotidiano dedicato alla fruizione di internet supera la media generale nel caso della popolazione più giovane, con 2 ore e 40 per i 18-34enni, arrivando alle 2 ore e 34 minuti nel caso dei 35-54enni.

I dati riferiti alle prime cinque categorie di siti e applicazioni più visitati a febbraio assegnano alla categoria Serch il 93,6% degli utenti online nel mese, pari a 32 milioni, l’86,4% degli utenti alla categoria General interest portals & communities (29,6 milioni), l’86,1% ai siti della categoria Member communities – social network – (29,5 milioni), l’85,2% alla categoria Internet tools / web services – i siti dedicati ai servizi e tool online -, (29,2 milioni) e l’83,2% alla categoria Video / Movies (28,5 milioni).

Sono comunque molto rilevanti anche i dati riferiti alle categorie di siti e applicazioni di servizio, ad esempio eMail, con il 79% degli utenti online nel mese, e Corporate Information, con il 72,1% degli utenti, oppure dedicate al tempo libero e alle relazioni, come nel caso della categoria Cellular/Paging con 75,1% degli utenti o Map/Travel-Info con il 67,7%

articoli correlati

NUMBER

Nielsen: a febbraio 2018 gli investimenti dell’area allargata salgono a +1,2%

- # #

febbraio nielsen

Il mercato degli investimenti pubblicitari in Italia chiude il mese di febbraio in crescita del +1,2% (-0,9% senza search e social), portando il bimestre a +1,8%, rispetto allo stesso periodo del 2017. Se si esclude dalla raccolta web la stima Nielsen sul search e sul social, l’andamento del bimestre registra un calo del -0,3%.

“I numeri di questi primi due mesi dell’anno confermano una certa prudenza da parte degli investitori, seppur il trend sia in terreno positivo” – spiega Alberto Dal Sasso, AIS Managing Director di Nielsen. “L’andamento di febbraio, mese precedente a una tornata elettorale dall’esito incerto, è in leggera crescita, ma il clima di insicurezza ha sicuramente inciso sulla frenata registrata rispetto a gennaio, quando il mercato aveva chiuso a +2,6%”.

Relativamente ai singoli mezzi, la TV cala nel singolo mese del -0,8% e chiude il bimestre a +0,6%. Sempre in negativo i quotidiani, che a febbraio perdono il -9,6%, consolidando il periodo cumulato gennaio-febbraio a -8,7%. Stesso andamento per i periodici sia nel singolo mese
che per il bimestre, con cali rispettivamente del -8,1% e -11,1%.
La radio continua l’andamento positivo (+4,9% a febbraio) e porta a +5,1% l’incremento del periodo gennaio – febbraio. Sulla base delle stime realizzate da Nielsen, la raccolta dell’intero universo del web advertising nei primi due mesi dell’anno chiude in positivo a +7,8% (+2,6% se si escludono il search e il social). Il cinema è in crescita del 37,4%, così come l’outdoor (+7,5%), il transit (+19,2%) e la GoTv (+33,1%).

Per quanto riguarda i settori merceologici, se ne segnalano 12 in crescita, con un apporto di circa 34,3 milioni di euro. Per i primi comparti del mercato si registrano andamenti differenti. Alla buona performance di automobili (+5,6%), enti e istituzioni (+41,1%) e media/editoria
(+8,2%), si contrappone il calo di alimentari (-1,4%), farmaceutici (-9,4%) e telecomunicazioni (-20,5%). Tra gli altri settori che contribuiscono alla crescita si segnala il buon risultato in termini di investimenti pubblicitari di gestione casa (+14,1%), industria/edilizia/attività (+34,4%) e tempo libero (+32,3%).
“Guardando all’andamento dei singoli mezzi nel bimestre, ci troviamo di fronte a un mercato a due velocità, che non ha fatto invertire il trend ma indubbiamente l’ha frenato: 37 milioni (+3,7%) di nuovi investimenti per i mezzi che sono cresciuti e 16 milioni in meno (-8,7%) per quelli che hanno sofferto da gennaio a oggi”, conclude Dal Sasso. “Ci si potrebbe aspettare un cambio di marcia nel secondo trimestre, quando le incertezze sull’assetto governativo del Paese si saranno auspicabilmente esaurite”.

articoli correlati

NUMBER

Nielsen: a Febbraio brusca frenata degli investimenti. Ma nel 2016 il mese era “record”

- # # # #

febbraio

Nei primi due mesi del 2017 il mercato degli investimenti pubblicitari chiude in calo del 2,3% rispetto allo stesso periodo del 2016. Nel singolo mese di febbraio la raccolta perde il 2,8%. Aggiungendo anche la stima sulla porzione di web attualmente non monitorata (principalmente search e social), il mercato chiude il mese di febbraio e il periodo consolidato in pari (0% e 0,2%).
Lo rende noto oggi Nielsen, che ha pubblicato i dati delle rilevazioni sul bimestre Gennaio-Febbraio.

“Come ci si poteva aspettare, a febbraio gli investimenti pubblicitari oscillano tra il negativo e la parità se si considera il perimetro allargato dell’intero universo del web advertising” spiega Alberto Dal Sasso, TAM e AIS Managing Director di Nielsen. “Il periodo si confronta con febbraio 2016 che era stato uno dei mesi con la performance migliore dell’anno, se si esclude il mese di giugno con l’inizio degli Europei di calcio”.

Relativamente ai mezzi, la tv cala dello 0,5% sia nel singolo mese che nel bimestre. Sempre negativa la stampa: quotidiani e periodici a febbraio si attestano rispettivamente a -6,4% e -8,9%, chiudendo il primo bimestre a -9,7% e a -6,4%. performance negativa per la radio nel mese (‐3,3%) che porta il bimestre di poco sotto “quota zero” (‐0,3%). La crescita di internet è dovuta principalmente a search e social, sulla base delle stime realizzate da Nielsen. Relativamente al perimetro attualmente monitorato in dettaglio, infatti, il web registra un calo del 2,9% nel periodo cumulato e dell’8,5% nel singolo mese di febbraio. Allargando invece il perimetro all’intero universo del web advertising, la raccolta nel primo bimestre chiude a +7,2%.
In trend negativo il cinema (-6,4%), l’outdoor (-19,7%), la goTV (-14,1%) e il transit (-7,3%). Stabile il direct mail (0,2%).

Per quanto riguarda i settori merceologici, se ne segnalano 11 in crescita, con un apporto complessivo di circa 35 milioni di euro. per i primi comparti del mercato si registrano andamenti differenti: alle performance positive di automobili (+6%), bevande / alcolici (+22,4%), farmaceutici (+14,9%) e abitazione (+10,8%), si contrappongono i cali delle telecomunicazioni (‐2,6%), media/editoria (-15,9%) e distribuzione (-14,1%). Dopo un anno in costante crescita, gli alimentari frenano nel bimestre con una raccolta di poco sotto lo zero rispetto allo stesso periodo del 2016.

articoli correlati

MEDIA

La Freccia il magazine di Trenitalia dedica la cover di febbraio a Natalie Portman

- # # # #

La Freccia febbraio

Natalie Portman racconta, sulle pagine de La Freccia di febbraio, la sua ultima prova cinematografica nei panni della first lady che il 22 novembre del 1963, a Dallas, era a fianco di John F. Kennedy, quando un attentato dalle dinamiche ancora oggi controverse costò la vita al presidente degli Stati Uniti. Un evento che porterà Jackie, nelle sale italiane dal prossimo 14 febbraio, a combattere per riguadagnare la fede, consolare i figli e definire l’eredità del marito.

L’attrice premio Oscar protagonista di “Jackie” esordisce così: “Jacqueline Kennedy aveva molto autocontrollo. Era cosciente di essere un simbolo e mostrava alla gente solo una parte di sé. Un pezzo della sua personalità rimaneva nascosto, privato. E poi era ironica, dotata di humor nero”.

“La conoscevo per il suo essere un’icona di stile ed eleganza, tristemente celebre. Questo film mi ha dato l’opportunità di approfondire la sua umanità”, dichiara l’attrice, a cui La Freccia dedica la cover di febbraio. Sul magazine mensile di FS Italiane la Portman regala ai lettori qualche anticipazione sui prossimi progetti: “Mi sto preparando per il ruolo di Ruth Bader Ginsburg, avvocato che ha combattuto per la parità dei sessi e collaborato con l’American Civil Liberties Union”.

Ma febbraio è anche il mese del Festival di Sanremo, appuntamento a cui La Freccia non poteva mancare. E lo fa con un big d’eccezione: sulla rivista il conduttore e direttore artistico Carlo Conti, alla sua terza direzione, accompagna i lettori in un viaggio tra brani e ricordi della kermesse italiana amata in tutto il mondo. Protagonista dell’edizione 2017, l’amore raccontato attraverso mille sfaccettature: “Gigi D’Alessio ha scritto una lettera per la mamma che non c’è più. Ermal Meta lancia un grido dal cuore come testimone di episodi di violenza familiare vissuti da bambino. Paola Turci esorta le donne a farsi belle per loro stesse e Fiorella Mannoia canta uno splendido inno alla vita”.

Il numero di febbraio 2017 di La Freccia è in distribuzione sui Frecciarossa, Frecciargento e Frecciabianca e nei FRECCIAClub delle stazioni.
Alcuni contenuti de La Freccia sono fruibili in realtà aumentata, accessibile da smartphone e tablet.

I prodotti delle Edizioni La Freccia sono disponibili anche su ISSUU e su www.fsitaliane.it, nella sezione Media ed Eventi.

articoli correlati

ENTERTAINMENT

Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia presenta il programma “Marte e marziani”

- # # # #

Museo

Marte e marziani è il titolo di un fittissimo programma di attività per tutti i gusti e per tutte le età che il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia propone da sabato 11 a domenica 19 febbraio. Un programma che permette di addentrarsi fra le più recenti scoperte e i progetti futuri di esplorazione ma anche di dare spazio alla propria creatività o di immergersi nella cultura popolare dei videogiochi e del cinema ispirata al Pianeta Rosso.

Utilizzando visori di realtà virtuale Google Cardboard e Samsung Gear VR, si esplora la superficie di Marte e si viaggia attraverso il Sistema Solare. Adulti e ragazzi possono giocare a Space Invaders, Galaga, Space Ace o ai flipper di Star Wars come in una sala giochi degli anni Ottanta.

Nella Tinkering Zone si inventa una lunga reazione a catena con ingranaggi e leve per dare il via a un razzo spaziale o si costruiscono circuiti per mandare messaggi luminosi. Nelle attività interattive, bambini e adulti progettano il viaggio di una sonda e i movimenti di un rover sulla superficie marziana o sperimentano come coltivare piante nello Spazio.

Grazie a una speciale imbracatura si può provare come gli astronauti si spostano in condizioni di gravità differente da quella terrestre. Laura Laciniati, truccatrice per effetti speciali cinematografici, trasforma una modella in un alieno.

Per i bambini più piccoli sono previste attività dedicate: quelli fra 2 e 3 anni possono partecipare al laboratorio di danza creativa con Virginia Ruth Cerqua, quelli da 3 a 6 anni inventano un’avventurosa missione giocando con le ombre o scoprono le missioni spaziali insieme alla piccola Rosetta.

Giovedì 16 febbraio il giornalista Giovanni Caprara, autore del libro Rosso Marte, discute con Gianpiero Tagliaferri, direttore dell’Osservatorio di Brera-Merate, e Marco Molina, ingegnere di Leonardo Spa, la nuova avventura sul “vicino cosmico”.

Le attività sono comprese nel biglietto d’ingresso al Museo, ad eccezione dell’incontro Rosso Marte. La prenotazione, necessaria solo dove è indicato un numero massimo di partecipanti, si effettua il giorno stesso alla biglietteria.

Il programma dettagliato e aggiornato di tutte le attività (mostre temporanee, visite guidate, laboratori interattivi) sarà disponibile all’indirizzo http://www.museoscienza.org/attivita

articoli correlati

NUMBER

Nielsen: mercato media a -5,8%. A Febbraio brusco stop al trend di recupero.

- # # # # # # #

Il mercato degli investimenti pubblicitari chiude Febbraio 2014 a –5,8% rispetto allo stesso mese del 2013, facendo registrare una riduzione tendenziale del -4,3% per il primo bimestre, pari a circa 42,7 milioni di euro in meno sul periodo gennaio – febbraio dello scorso anno.   “L’inaspettata debolezza del mercato di febbraio interrompe il trend di avvicinamento a “quota zero” che si era registrato per sei mesi consecutivi a partire dallo scorso agosto, quando da un gap di -10,9% si era arrivati al -2,8% di gennaio 2014” – spiega Alberto Dal Sasso, Advertising Information Services Business Director di Nielsen. “Non è un buon segnale, se pensiamo che si confronta con quel febbraio 2013 che aveva fatto registrare la seconda peggior performance dello scorso anno”.

Tra i mezzi, la TV chiude il singolo mese a -1%, mantenendo la crescita per il periodo cumulato gennaio – febbraio, seppur molto vicina al pareggio (+0,2%). “Il saldo negativo di circa 3,1 milioni per il piccolo schermo è motivato dalle perdite subìte da alcuni settori chiave, come Telecomunicazioni, Beverage e Cura persona, non controbilanciato, se non in piccola parte, dalle crescite degli investimenti delle aziende Automotive e Pharma. Vista la forte negatività di marzo 2013, quando si sfiorò il -24%, ci aspettiamo un primo trimestre positivo per la TV”, precisa Dal Sasso.

Il mezzo Stampa conferma la perdurante difficoltà nel raccogliere investimenti pubblicitari, chiudendo i primi due mesi a -14,7% per quel che riguarda i quotidiani e a -16,3% per i periodici. Anche il dato del singolo mese, -17,4% per entrambe le categorie, è peggiore rispetto a quanto registrato a gennaio.   Buoni segnali invece dalla Radio che va in controtendenza rispetto al mercato, grazie a un incremento del +9% per febbraio e del +7,5% per il bimestre. Si confermano le buone performance di gennaio e una crescita diffusa e generalizzata che non ha però riguardato i 10 top spender che sono decrementati del 7%.

Internet, relativamente al perimetro attualmente monitorato, chiude il periodo cumulato gennaio – febbraio a -6,3% rispetto allo stesso periodo del 2013, seppur con una crescita importante per gli Alimentari (+77%) e una buona tenuta dell’Automotive (+8,7%). Il singolo mese di febbraio chiude a -8,1%. “L’offerta pubblicitaria sul web – aggiunge Dal Sasso – sta attraversando una fase di grande cambiamento, con un riposizionamento delle piattaforme e del ruolo dei diversi players. Credo che lo stallo registrato nella parte di mercato analizzata sia dovuto proprio al cambio di pelle che sta avvenendo a causa della tecnologia che traina e provoca il cambiamento di alcune logiche consolidate”.

Ancora in negativo il Cinema, il Direct Mail e l’Outdoor.

 

In generale, per quanto riguarda i settori merceologici, nel periodo gennaio – febbraio si registra complessivamente una situazione negativa. A eccezione di un brand in netta controtendenza, emerge una vistosa frenata in termini di spesa da parte degli spender della Telefonia. Si tratta di una perdita superiore ai 22 milioni di euro, su un totale mercato per il singolo mese di febbraio che ne ha persi circa 25. Crescono l’Automotive e il Pharma, rispettivamente di 6 e 4 milioni di euro, mentre gli Alimentari registrano un sostanziale pareggio. In generale si ferma il settore del Largo Consumo frenato dai decrementi di Beverage, Cura persona e Gestione casa. “Sappiamo che il mercato è fortemente concentrato verso i top spender e che spostamenti di budget e campagne possono influire in maniera importante in questa prima parte dell’anno”, conclude Dal Sasso. “Complessivamente, nel bimestre i primi dieci investitori hanno ridotto del -3,5%, lasciando sul terreno circa 5,2 milioni di euro, seppur con andamenti differenti all’interno, dal momento che le performance in attivo e in negativo sono nettamente divise al 50%”.

articoli correlati

NUMBER

Nielsen: febbraio a -17,7%, si accentua la flessione degli investimenti media.

- # # # # # #

Accelera la dinamica negative del media advertising: a febbraio 2013 il mercato pubblicitario si è chiuso con un -17,7 sullo stesso mese dell’anno scorso. Il dato peggiora quello di gennaio (-15,3%) e porta la variazione tendenziale del bimestre a un -16,5% anno su anno. Lo rende noto Nielsen, con un comunicato in cui sottolinea la centralità, ai fini di disegnare uno scenario predittivo sulla restante parte dell’anno, del mese di marzo, che storicamente, nella stagionalità degli investimenti, è uno dei più importanti dal punto di vista della raccolta, insieme a settembre ed ottobre. Rispetto al mese precedente, gli investimenti decrescono ulteriormente su tutti i mezzi, ad eccezione della televisione che a gennaio ha fatto registrare un -16,1% e rimane con lo stesso trend sul cumulato. Continua la frenata dei quotidiani ( -26,1%) mentre i periodici rallentano il calo, portandosi ad un -1,6% sul cumulato bimestrale. Internet, che a gennaio aveva fatto segnare un rassicurante +9%, viene investito in pieno, così come gli altri mezzi, dallo stallo politico istituzionale e dei consumi, e registra un +1,5% che porta il bimestre al +5%. Bene l’affissione dinamica e statica (grazie alle elezioni), ancora in sofferenza il direct mail. Particolarmente in difficoltà rispetto al primo mese dell’anno la radio, che passa da un -2,2% di gennaio ad un -27,7% di febbraio, pari a un cumulato al -17,3%. Dal punto di vista degli spazi, tutti i mezzi sono in decremento anche se in modo meno drastico rispetto alle riduzioni della raccolta, a testimonianza della tensione sui prezzi che è in atto dal 2000, anno in cui il costo a spazio di TV, stampa e radio ha toccato il picco storico. L’alimentare riduce i propri investimenti del -15,3%, in particolare sulla radio (-50%), mentre continua a crescere su internet (+51,8%) che però non rappresenta ancora una quota significativa sul mix del settore (2,4%), dominato dalla TV con il 90% della preferenza. Le automobili passano da un -13,3% di gennaio ad un -25,7% del cumulato, a conferma della crisi strutturale del mercato dell’auto in Italia; il settore è in calo su tutti i mezzi e in particolare sulla stampa quotidiana, dove nei primi due mesi dell’anno lascia più di metà dell’investimento rispetto allo stesso periodo del 2012 ( -53,7%). Le telecomunicazioni continuano il loro trend di diminuzione ( -17,1%), anche se ridotto di qualche punto rispetto al mese di gennaio; il settore sta abbandonando la stampa (quotidiani: -79,4%; periodici: -61%) a favore di radio (+11%) ed esterna (+47%). Cresce, seppur di poco, la distribuzione (+0,4%). L’area informatica segna un +74% grazie alla categoria Tablet/e -reader, che vede campagne importanti nel mese di febbraio, in particolare sulla TV. Ancora in crescita enti ed istituzioni, sulla spinta della campagna elettorale, mentre il settore turismo e viaggi rallenta al +4,7%, con un incremento soprattutto sul mezzo televisivo (+41,8%). Per quanto riguarda i top spender, i primi 10 investitori del bimestre riducono molto più del mercato la loro spesa, attestandosi ad un -21%.

articoli correlati

MEDIA

Audiweb: 28,6 milioni di utenti online collegati da Pc a fabbraio. Crescita del 3,3% anno su anno

- # # # #

Secondo i dati di audience online rilevati da Audiweb resi noti oggi, nel mese di febbraio 2013 sono stati 28,6 milioni gli utenti che hanno effettuato almeno un accesso a internet da computer, il 52% della popolazione dai due anni in su, con una crescita del 3,3% in un anno.

In crescita anche l’audience online nel giorno medio, che registra un incremento del 6,5%, con 14,6 milioni di utenti che hanno dedicato al mezzo 1 ora e 27 minuti per persona. Guardando invece alle fasce orarie, i picchi più alti di audience nel giorno medio si registrano tra le 15 e le 18, con 8 milioni di utenti, e tra le 18 e le 21 (8,1 milioni): Stabile l’audience giornaliera nei giorni feriali, circa 15,3 milioni di utenti, che calano di un paio di milioni al giorno nel week end.
La popolazione online nel giorno medio vede ancora prevalere gli uomini (8 milioni di uomini, 54%) contro 6,7 milioni di donne. L’accesso su base geografica, infine, rispecchia la distribuzione della popolazione nelle diverse aree del territorio: il 29,6% dei casi è rappresentato da utenti dell’area Sud e Isole (4,3 milioni), il 28% dell’area Nord Ovest (4,1 milioni), il 16,6% del Centro (2,4 milioni) e il 14,5% dell’area Nord Est (2,1 milioni).

articoli correlati