BRAND STRATEGY

Experience 2017: l’Albero della Vita di Expo torna a dar spettacolo a Milano

- # # # #

Experience

L’Albero della Vita simbolo di Expo Milano 2015, l’icona che ha radunato intorno a sé oltre 15 milioni di visitatori, ritorna con nuovi spettacoli per riaccendere l’area di Experience che ha ospitato l’ultima Esposizione Universale.

A partire dal 2 giugno tutti i venerdì, sabato e domenica gli spettacoli dell’Albero della Vita tornano infatti con nuovi “day fountain show” a ogni ora, a partire dalle 14:30, con giochi d’acqua accompagnati da quattro brani musicali italiani: “Azzurro” di Adriano Celentano, “Occidentali’s karma” di Francesco Gabbani, “Quello che le donne non dicono” di Fiorella Mannoia e “Sono solo parole” di Noemi.

Alle 21.30 e 22.30 ci sarà poi un nuovo spettacolo di 9 minuti in un’atmosfera da sogno, con un forte impatto tecnologico, e un finale di pura emozione accompagnato nella sua ultima parte dalla composizione originale del Maestro Roberto Cacciapaglia.

L’installazione artistica racconterà con il suo show dal vivo un viaggio ideale in un mondo pieno di colori. Un arcobaleno simbolo di pace, speranza e uguaglianza sociale, porterà ancora in sé l’obiettivo di Expo: far alzare lo sguardo con ottimismo verso un futuro più rispettoso del pianeta e di tutte le sue differenze.

Il 2 giugno, in occasione della Festa della Repubblica, l’Albero della Vita ha celebrato il Tricolore con due spettacoli speciali alle 19:00 e alle 21:00 accompagnati dal vivo dalla Fanfara del Comando 1° Regione Aerea dell’Aeronautica Militare Italiana.

“Sono felice che l’Albero della Vita sia diventato una nuova icona di Milano e ritorni con spettacoli estivi dal taglio molto contemporaneo, pur mantenendo il feeling epico di Expo, per continuare a stupire ed emozionare tutti visitatori di Experience”, ha dichiarato Marco Balich, Chairman Balich Worldwide Shows e Direttore Artistico Padiglione Italia ad Expo Milano 2015.

L’Albero della Vita è nato nel 2015 da un’idea di Marco Balich, Direttore Artistico del Padiglione Italia, grazie al contributo di Diana Bracco, Coldiretti, Pirelli, Orgoglio Brescia, Studio Giò Forma (Florian Boje, Cristiana Picco, Claudio Santucci), Koert Vermeulen e Marco Astarita insieme a Balich Worldwide Shows e oggi torna a emozionare con i suoi spettacoli grazie a EXPerience, Arexpo e Regione Lombardia.

articoli correlati

TECH & INNOVATION

L’evoluzione tecnologica fa tappa in parlamento con Cedat85

- # # # # #

Il gruppo Cedat85, che da 30 anni si occupa della gestione dei contenuti provenienti dal parlato attraverso lo sviluppo di tecnologie per il riconoscimento vocale e la verbalizzazione automatica, si è aggiudicata la gara indetta dalla Camera dei Deputati per la fornitura del servizio di trascrizione automatica del parlato (ASR) per i prossimi 3 anni del valore di 480.000 euro.

Una rivoluzione digitale che proietta la Camera dei Deputati, attraverso la tecnologia abilitante del riconoscimento automatico della voce (ASR) nel futuro come uno dei parlamenti più evoluti per la comunicazione istituzionale rispetto al modello ideale di “Digital Democracy”.

L’annuncio è stato fatto durante l’incontro organizzato presso l’Auditorium Rai a Expo Milano 2015 proprio in occasione dei 30 anni di attività dell’azienda.

Il sistema di trascrizione automatica sviluppato da Cedat85, consente la trascrizione in simultanea del parlato in testo con il modello del linguaggio politico-parlamentare e la sincronizzazione tra audio e testo con indicizzazione parola per parola per una ricerca mirata e veloce. Una soluzione software che permette una maggiore rapidità nella filiera della resocontazione e dà agli stenografi parlamentari la possibilità di superare a piè pari la fase della trascrizione, aumentando pertanto l’efficienza, l’efficacia e la produttività del lavoro.

Grazie alla tecnologia di Cedat85 potranno essere indicizzati, parola per parola, gli audio video della seduta, cosa che consentirà di reperire all’interno dell’archivio audiovisivo, qualunque spezzone video d’interesse facendo una semplice ricerca “google-like”.

La fornitura del sistema di trascrizione automatica del parlato va ad integrare i servizi di resocontazione delle sedute delle commissioni permanenti, d’inchiesta e bicamerali già offerti da Cedat85 alla Camera dei Deputati. Tutti i sistemi forniti sono brevettati dal gruppo Cedat85 che è proprietario di tutti gli strumenti tecnologici e di tutte le soluzioni offerte.

“Si tratta di un ulteriore successo a conferma dell’elevato livello di affidabilità e innovazione che siamo in grado di garantire con le nostre soluzioni. Lavoriamo con la Camera dei Deputati già da oltre quindici anni e, fare ricerca, siamo convinti che tendere all’eccellenza premia. Questo è per noi un continuo stimolo per continuare a guardare al futuro con entusiasmo e passione. Il settore delle tecnologie del linguaggio è un mercato su cui continueremo ad investire perché vediamo numerosi futuri sviluppi”, ha dichiarato Gianfranco Mazzoccoli, Amministratore Delegato di Cedat85.

articoli correlati

COMMERCE

Osservatorio NetComm Suisse: l’ecommerce ha il “CH Factor”. Un potenziale di 30 milioni di consumatori nel mondo

- # # # # #

La seconda edizione dell’Osservatorio NetComm Suisse, realizzato da ContactLab, conferma la forte propensione dei consumatori elvetici per il canale online. Secondo l’indagine – presentata a EXPO al Padiglione Svizzero nel corso dell’appuntamento “Swiss eCommerce meets Expo” – esiste anche nell’eCommerce un “fattore CH”, ovvero un marcato interesse per i consumatori che vivono fuori dai confini elvetici nell’acquistare prodotti Made in Switzerland. Sarebbero circa 30 milioni, infatti, gli “Swiss addicted” non solo localizzati, come è immaginabile, in Paesi confinanti come Germania, Francia e Italia, o europei come Regno Unito e Spagna, ma anche in alcune aree extra-UE come Shanghai, Guangzhou, New York and Los Angeles.

“I dati dell’Osservatorio di Netcomm Suisse – commenta Alessandro Marrarosa, Presidente NetComm Suisse eCommerce Association – hanno finora messo in luce la forte abitudine degli svizzeri ad acquistare online, dimostrata dalle percentuali molto alte di espansione del mercato in tutte le fasce della popolazione e in tutti i settori dell’impresa. Un paese di otto milioni di abitanti con 4,2 milioni di online shopper che vantano uno scontrino medio di quasi 2.000 franchi è senza dubbio un eCommerce Champion dal punto di vista dei consumi. La Svizzera però è anche un hub digitale dell’ecommerce, un’occasione per chi fa commercio elettronico nel resto d’Europa di veder crescere il proprio fatturato stimolando l’esportazione dalla Svizzera e non solo l’importazione. Un cambio di paradigma suggerito da questa ricerca, nata in collaborazione con ContactLab, che conferma ciò che prima soltanto si poteva intuire: esiste un fattore CH nell’ecommerce globale”.

L’analisi di ContactLab ha preso in considerazione cinque nazioni (Germania, Francia, Italia, Spagna, Regno Unito) e quattro mercati di riferimento extraeuropei (Shanghai, Guangzhou, New York e Los Angeles) individuando circa 30 milioni di consumatori potenzialmente interessati ad acquistare prodotti con il marchio svizzero.

Con diverse ragioni e sensibilità a seconda dei paesi, la Svizzera gode nell’insieme di una forte reputazione su diversi item: l’alta qualità del prodotto svizzero è il primo valore riconosciuto in Germania (66% dei rispondenti) come in Cina (53% a Shanghai+Guangzhou), l’affidabilità dei servizi online viene attribuita sempre dalla Germania (63%), il Regno Unito (56%) e Francia (54%), la tempestività della consegna svizzera ha il grado più elevato di apprezzamento in Spagna (46%), mentre la sicurezza del pagamento quando si compra in Svizzera è in cima ai pensieri degli spagnoli nel 51% delle interviste. Associati alla Svizzera sono anche l’unicità di alcuni prodotti, la convenienza, la cura del rapporto con il consumatore. Un tratto culturale a cui si aggiunge il plurilinguismo della Svizzera e che insieme costituiscono un valore aggiunto che può drenare nuovi clienti verso chiunque sappia sfruttarlo.

L’analisi di ContactLab svolta nel mese di aprile ha stimato 12,8 milioni di Swiss Promoter in Germania, almeno 6,2 in UK, 4,6 in Francia, 4,3 in Italia, 3 in Spagna. Ma anche in Cina (aree di Shanghai + Guangzhou) ci sono ben 5,5 milioni di consumatori interessati ai prodotti elvetici e 2,3 milioni di acquirenti in USA, considerando solo New York e Los Angeles come area.

Le aziende che finora avevano visto nella Svizzera un Paese di soli 4,5 milioni di acquirenti di alto livello ora possono considerarlo un paese in grado di più che raddoppiare il suo fatturato, pensandolo come paese esportatore di prodotti.

“Potenzialmente ci sono 30 milioni di persone nel mondo attratte da prodotti di Made in Switzerland, ma bisogna concretizzare questa chance” – commenta Carlo Terreni General Director NetComm Suisse eCommerce Association. “Se, come pensiamo di aver dimostrato, esiste un fattore svizzero nell’ecommerce, il primo compito degli attori di questo settore è incoraggiare il crossborder online shopping E questo va fatto secondo lo schema colto dalla nostra ricerca, che vede un rapporto inverso tra il totale dei clienti crossborder e il livello di penetrazione dell’ecommerce rispetto al valore del segmento di mercato: in Spagna il 66% degli online shopper sono crossborders, in Francia il 49%, in Uk il 37%, in Germania il 32%; tuttavia, grazie al mercato eCommerce sempre più grande, il segmento principale per le spese da siti stranieri è in Uk (circa 10 miliardi di dollari). Anche in Cina – paese col quale la Svizzera ha di recente siglato un importante accordo commerciale – è possibile stimare in circa 4,3 miliardi di dollari il segmento degli acquisti online da paesi stranieri”.

La strategia digitale per promuovere lo Swiss eCommerce Factor si comporrà di diversi obiettivi: incrementare il supporto ai clienti sui mercati europei, dare assolute garanzie sulla protezione dei dati sensibili per il mercato statunitense, fornire prodotti di qualità nei mercati asiatici, affamati di lusso e prodotti difficilmente imitabili.

“La Svizzera ha la chance di trasferire la propria singolarità – grande mercato interno e abitudine di acquisto da siti stranieri – verso l’esterno ribaltando la prospettiva a vantaggio delle imprese”, conclude Alessandro Marrarosa. “Sempre considerando che un processo di export dalla Svizzera comporta delle complicazioni gestionali della dogana che raccomandano l’affidamento a società esperte, come Swiss Post, forte della sua esperienza centenaria, che non a caso ha supportato la ricerca”.

La giornata presso Expo è stata sostenuta da: Swiss Post, Tinext, Pwc, Quickly, Swisslocation.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Gli “small scale producers” di Slow Food protagonisti a Expo con Saatchi & Saatchi

- # # # #

Statuine in miniatura raffiguranti piccoli contadini, pescatori e agricoltori sono apparse tra i padiglioni dell’EXPO 2015, sfilando come un vero e proprio corteo, con cori e striscioni.

Le statuine, realizzate artigianalmente dai presepai napoletani, rappresentano gli small scale producers, giovani produttori alimentari indipendenti, che lavorano insieme a Slow Food per dare una speranza al futuro del cibo.

L’attività di guerrilla ha lo scopo di attirare l’attenzione sull’evento “Terra Madre Giovani – We Feed The Planet”, che si terrà a Milano dal 3 al 6 ottobre, e invitare le persone a donare su http://www.wefeedtheplanet.com

Le donazioni sosteranno i costi di trasferimento dei contadini dai loro paesi d’origine fino a Milano, permettendogli così di partecipare all’evento dove si discuterà di nuovi modi per produrre il cibo in maniera più sostenibile per il pianeta.

Credits
Agency: Saatchi & Saatchi Italy
Executive Creative Director: Agostino Toscana
Creative Director: Agostino Toscana, Manuel Musilli
Art Director & Creative Supervisor: Alessio Bianconi
Copywriter & Creative Supervisor: Leonardo Cotti
Art Director: Vittoria Tonelli
Copywriter: Federico Lommi
Account manager: Francesca Guastalla
Artwork created by Di Virgilio Art (Genny di Virgilio)

articoli correlati

BRAND STRATEGY

EXPO: da Milano 2015 ad Astana 2017. Il grande successo di Balich Worldwide Shows

- # # # # # # #

Expo 2015 si conferma importante vetrina e fucina per le aziende italiane coinvolte. Grazie al successo ottenuto dall’esposizione sull’Identità Italiana all’interno del Padiglione Italia e dall’Albero della Vita, Balich Worldwide Shows è stata chiamata ad Astana per celebrare con una grande cerimonia i 550 anni del popolo Kazako e presentare al mondo la sede della prossima esposizione universale.

La spettacolare cerimonia si è svolta oggi, venerdì 11 settembre, alle 15 ora italiana, nella Barys Ice Arena di Astana e avrà il suo culmine nella celebrazione di Expo Astana 2017, la prima esposizione internazionale ospitata da un Paese centro-asiatico, come promessa di un futuro di pace e tolleranza del popolo kazako.

In poco più di un mese il gruppo di BWS ha realizzato uno spettacolo sontuoso per un pubblico esclusivo, fra cui i presidenti dei paesi limitrofi Uzbekistan, Turkmenistan, Tajikistan, Kyrgyzstan e Turchia.

La cerimonia, trasmessa anche in diretta dalle televisioni nazionali e in streaming, ha fatto rivivere la storia del “Eternal Country”, a partire dal libro del suo Presidente Nursulan Abishevich Nazarbayev, unendo tradizione e contemporaneità con danze popolari e tecnologie futuristiche. Una grande architettura scenica, realizzata dallo Studio Giò Forma, riproduce cielo e terra ed evoca un’immensa Yurta, abitazione tradizionale in cui i nomadi si riuniscono per tramandare la loro identità e simbologia.

Il corpo artistico è composto da oltre 3000 perfomer, tra cui i migliori attori e ballerini del Paese, che insieme a cammelli e cavalli si esibirà su una colonna sonora composta appositamente, fatta di poesia, musica pop e melodie popolari.

“L’esperienza olimpica ci ha insegnato l’importanza di parlare al cuore della gente per creare emozioni indimenticabili. Celebrare oggi i 550 anni di storia del popolo kazako è per noi un grande onore e spero che la nostra partecipazione aggiunga un piccolo contributo a un futuro promettente, pacifico e sostenibile del Kazakhstan”, ha dichiarato Gianmaria Serra, CEO Balich Worldwide Shows.

articoli correlati

MEDIA

Clear Channel lancia la promozione BikeMi per EXPO

- # # # #

Sono passati poco più di 3 mesi da quando la città di Milano ha visto nascere il primo sistema di bike sharing integrato al mondo, un orgoglio tutto italiano, voluto proprio nell’anno in cui si svolge un evento unico nel suo genere, Expo Milano 2015.

I numeri che riguardano il servizio sono un esempio tangibile del grande consenso pubblico nei confronti di questo mezzo di trasporto ecologico e dinamico, evidenziato ancor più dal record di utilizzi registrato proprio in questi mesi: più di 10 milioni di utilizzi dalla partenza del servizio, nel dicembre 2008, e un incremento della media giornaliera, con punte di 12.000 e anche 15.000 prelievi in un solo giorno.

Clear Channel, gestore del servizio, ha lanciato un’offerta imperdibile, riservata alle nuove iscrizioni a BikeMi effettuate sul sito www.bikemi.it.

Nella pagina dedicata ai nuovi abbonati, è infatti possibile selezionare la promozione Abbonamento Annuale + Expo a soli € 39,90. La promozione prevede l’iscrizione al servizio di bike sharing per un anno e un biglietto d’ingresso a Expo. BikeMi ha pensato anche a turisti e utenti occasionali. Oltre all’abbonamento annuale si potrà infatti scegliere tra: Abbonamento Settimanale + Expo a soli € 23,90 e Abbonamento Giornaliero + Expo a soli € 19,90.

articoli correlati

TECH & INNOVATION

#wefeedthefuture: l’innovazione raccontata da Pirelli a Expo Milano 2015

- # # #

Expo raccontato da due giovani studenti a “caccia di innovazione”. È questa, in sintesi, la sfida che si è posta Pirelli nel progetto #WeFeedtheFuture che per oltre un mese ha visto all’opera un originale “Innovation Team” composto da Miloš Nikolić, fisico montenegrino con la passione per il digitale, e Gregory A. Kufera, matematico americano esperto di new media.

Entrambi studenti del corso “Pirelli Visiting Professorship in Italian Studies” della prestigiosa Università di Princeton, Miloš e Gregory si sono messi alla ricerca degli elementi di innovazione che caratterizzano Expo attraverso testi e immagini distribuiti su un pianeta virtuale che ha al centro l’innovazione, così come da sempre avviene nella vita reale di aziende che, come Pirelli, hanno l’innovazione tra i loro punti di forza. Non solo. Traendo ispirazione dagli argomenti presenti all’interno dell’Esposizione Universale, l’”Innovation Team”, che riflette la natura internazionale che caratterizza Pirelli, ha approfondito tematiche di sostenibilità, emozione e arte & cultura, campi che vedono un impegno quotidiano da parte dell’azienda: la sostenibilità come ricerca di equilibrio tra aspetti economici, sociali e ambientali, le emozioni del mondo del motorsport, il sostegno dato allo sviluppo delle iniziative culturali del Paese.

Si vola con le api del Padiglione britannico, si vivono le emozioni dell’Albero della Vita, l’icona della manifestazione sostenuta da Pirelli insieme a Coldiretti e Orgoglio Brescia, e si percorrono le dune degli Emirati Arabi. E molto altro ancora in #WeFeedtheFuture nel corso delle prossime settimane.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Jeep lancia la Jeep Baloon Experience per Expo e il progetto “MiColtivo. The Green Circle”

- # # # # # #

Jeep, in qualità di Main Partner del progetto “MiColtivo. The Green Circle” promosso da Fondazione Riccardo Catella in collaborazione con Confagricoltura, offrirà ai cittadini milanesi e ai visitatori di Expo Milano 2015, grazie alla nuova iniziativa Jeep Baloon Experience, una nuova opportunità per vedere la città dell’esposizione universale. Dall’8 agosto al 25 ottobre, ogni fine settimana, una mongolfiera si librerà per 20 metri sopra l’area di Porta Nuova e i suoi ospiti potranno godere dell’emozionante panorama della città di Milano, ammirandone gli ultimi interventi urbanistici, alla ricerca di quella sensazione di libertà e di quello spirito di avventura che animano ogni attività promossa dall’iconico brand automotive.

L’iniziativa si inserisce all’interno di un progetto più ampio che coinvolge Jeep nel contesto di Expo Milano 2015. A fine giugno è stato, infatti, inaugurato il Jeep Temporary Store in Piazza Gae Aulenti, un’area espositiva di 500 metri quadrati che consente di conoscere il mondo Jeep, fatto di valori autentici e della gamma di SUV più premiata di sempre.
La Jeep Baloon Experience permetterà ai visitatori dell’area di salire su una mongolfiera brandizzata Jeep, diventando assoluti protagonisti di un’esperienza senza precedenti. I voli dell’aeromobile saranno previsti ogni sabato e domenica, dalle 18 alle 23 e potranno ospitare 4 persone a turno (oltre al pilota del mezzo). Un’occasione da non perdere per vivere una Jeep Experience anche all’interno del contesto cittadino.
“MiColtivo. The Green Circle”, promosso dalla Fondazione Riccardo Catella in collaborazione con Confagricoltura, è un’ iniziativa nata con l’obiettivo di ricreare il contesto agricolo nel cuore della città, sottolineando l’importanza di valori universali per la comunità quali la condivisione del cibo e dell’energia, la salvaguardia dell’ambiente e la crescita sociale ed economica nel rispetto degli individui e della collettività. Il progetto fa parte di un più ampio programma di iniziative promosse da Fondazione Riccardo Catella ideate con l’intento di valorizzare gli spazi pubblici e di migliorare la qualità della vita nel contesto urbano, sfruttando appieno l’opportunità offerta da Expo Milano 2015.
Jeep, brand principe dei percorsi e degli itinerari off-road ideati per i suoi fedelissimi, questa volta punta direttamente al cielo, per garantire agli amanti del fuoristrada la medesima sensazione di libertà e la stessa voglia di spingersi oltre i limiti, insite nel DNA del brand. Solitamente sono proprio i percorsi off-road a stimolare la fantasia degli amanti del marchio: percorsi fatti apposta per esaltare le grandi prestazioni dei fuoristrada Jeep. Del resto, ogni vettura Jeep si presenta come un autentico SUV caratterizzato da prestazioni eccezionali e una versatilità pensata per chi desidera vivere l’outdoor in piena sicurezza ed è alla ricerca di viaggi straordinari immersi nella natura più incontaminata e nei luoghi più impervi.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Del Monte anima le strade di Milano con il Summer Tour 2015

- # # # # #

Del Monte ha scelto Milano come scenario per il suo Summer Tour 2015 che, da inizio luglio a ottobre, animerà nei week-end strade, piazze e alcune location più gettonate della città con un cube van elettrico itinerante ed ecologico appositamente predisposto per coinvolgere simpaticamente i passanti e i visitatori di Expo offrendo loro una pausa rinfrescante e rigenerante.

Quest’anno i nuovissimi frullati gelato, smoothies a base di lampone e mango che hanno già conquistato tutt’Italia, supportati da un’accattivante campagna su Radio Deejay, si aggiungono ai must Del Monte più conosciuti come le banane, l’ananas fresco e in scatola, le conserve di frutta, di verdura e di pomodoro.

articoli correlati

MEDIA

MediaEngine realizza la mappa interattiva per il sito Expo 2015 di Corriere.it

- # # # # # #

MediaEngine, digital agency milanese, è nuovamente partner di RCS, realizzando la mappa interattiva del sito dedicato a Expo 2015 per Corriere.it, che sarà online fino alla fine della manifestazione e fruibile da pc, tablet e mobile.

La mappa interattiva permette di accedere al meglio ai contenuti informativi sull’Expo di Corriere della Sera e ViviMilano, dalle recensioni dei ristoranti, all’agenda degli eventi, dagli approfondimenti alle news in tempo reale ed è stata sviluppata in modo da fornire una serie d’informazioni sugli stand attraverso delle schede tecniche visualizzate direttamente sull’immagine della mappa.

È possibile navigare dalla mappa su 3 livelli: Padiglioni, Ristoranti ed Eventi, grazie anche a data visualization, infografiche tematiche e video. La mappa è inoltre visualizzabile come widget, non solo su Corriere.it, ma anche su ViviMilano.it dove è presente come un vero e proprio banner interattivo.

articoli correlati

MEDIA

Global Blue e Eataly presentano la guida “The Perfect Day”

- # # # #

Global Blue, società specializzata nel fornire servizi connessi allo shopping dei turisti stranier, e Eataly, il più grande centro enogastronomico al mondo, si preparano ad accogliere gli oltre 3 milioni di visitatori extra-UE in arrivo per Expo Milano 2015 con una serie di iniziative congiunte, tra le quali la guida “The Perfect Day“, l’originale strumento che aiuterà i turisti a muoversi in città scegliendo tra le migliori occasioni per fare shopping e gustare gli ottimi prodotti della cucina italiana.

La guida propone suggerimenti su itinerari selezionati di shopping, consiglia ristoranti ed eccellenze dell’enogastronomia italiana, offre informazioni utili su dove alloggiare e come spostarsi a Milano, oltre a ricordare i più importanti appuntamenti legati a Expo Milano 2015. Disponibile in formato cartaceo in versione multilingua, la guida è in distribuzione presso i negozi Eataly di Milano, Roma, Torino, Bologna e Firenze, presso tutti i punti di informazione e rimborso Global Blue e, grazie a particolari accordi con alcuni tour operator e visa center, sarà disponibile anche in Cina, da cui si stima l’arrivo di circa 1 milione di turisti tra maggio e ottobre.

“Expo Milano 2015 porterà in Italia più di tre milioni di turisti Extra-UE che vivranno la ricchezza dell’Esposizione Universale e dei tanti eventi che animeranno le nostre città, ma certamente non perderanno l’occasione di fare shopping e assaggiare la nostra cucina. La collaborazione con Eataly, che trova nella guida “The Perfect Day” la prima espressione, ci permette di accogliere questi visitatori mettendo a loro disposizione strumenti e informazioni per rendere la loro esperienza in Italia ancora più piacevole”, commenta Stefano Rizzi, Country Manager di Global Blue Italia.

“Quando visito una città d’arte e dedico il mio tempo alle bellezze artistiche che saziano la mia fame di cultura, poi mi viene fame di buon cibo. Per questo cerco sempre di scoprire nel minor tempo possibile quali sono i luoghi imperdibili per andare a mangiare. E quando poi ho la pancia piena mi posso dedicare a fare shopping…”, aggiunge Francesco Farinetti, AD e Presidente di Eataly.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Leo Burnett e Samsung Italia presentano il Food Pixel Project

- # # # # #

Prende il via il Food Pixel Project, l’ultima iniziativa ideata da Leo Burnett, l’agenzia guidata da Giorgio Brenna. Il progetto è stato realizzato per Samsung, Official Global Partner di Expo Milano 2015, e si pone l’obiettivo di enfatizzare il tema centrale di questo evento storico: “Nutrire il pianeta, energia per la vita”.

Grazie all’innovativa tecnologia dei prodotti Samsung, è stata realizzata una vastissima collezione di sapori locali, unica nel suo genere: gli aromi più rappresentativi di ogni continente sono stati raccolti e condensati in “pixel”, pronti per essere gustati.

Con il Food Pixel Project, il Samsung District si conferma polo di attrazione per tutti gli amanti dell’innovazione: per l’intera durata di Expo Milano 2015, infatti, i visitatori potranno vivere un’esperienza totalmente immersiva e multisensoriale. Interagendo con l’app caricata su un tablet, il pubblico del Samsung District potrà esplorare digitalmente quest’innovativa collezione di sapori locali e scoprire la storia di ogni singolo flavor, grazie a emozionanti contenuti video appositamente realizzati.

Il Food Pixel Project non appaga solo la curiosità, ma anche il palato: tramite l’app, il pubblico potrà scegliere quale sapore locale assaggiare, attivando l’erogazione del Food Pixel selezionato. Al pubblico sarà così offerta l’esperienza di un vero e proprio viaggio in tutto il mondo, attraverso luoghi, popoli e tradizioni di ogni continente.

Credits
Agency: Leo Burnett
Executive Creative Directors: Francesco Bozza, Alessandro Antonini
Creative Director: Christopher Jones
Copywriter: Nicoletta Zanterino, Alice Crippa, Federica Rebuzzini
Art Director: Alessandro Polia
Project Manager: Andrea Castiglioni
Account Director: Viktoria Ovtcharenko
Account Manager: Federica Giacomotti
Account Executive: Francesca Ajelli
Producer: Isabella Guazzone
Casa di produzione: Magnolia

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Accenture, Avanade e Coop: esperienze “futuristiche” nel retail

- # # # # # # # # #

Accenture e Avanade hanno sviluppato per Coop i sistemi software che supportano l’esperienza utente dei visitatori del Supermercato del Futuro, situato all’interno del Future Food District in EXPO.

Al centro del Future Food District c’è la visione dell’architetto Carlo Ratti, insegnante presso il Massachusetts Institute of Technology di Boston e direttore del MIT Senseable City Lab. In questa visione la consapevolezza alimentare è fortemente sostenuta dalla tecnologia, a supporto del consumatore. Per il Future Food District è stato quindi realizzato un supermercato completamente funzionante, dove l’utente può fare la spesa, scoprire la storia dei prodotti e leggerne le caratteristiche: prezzi, allergeni, ingredienti, provenienza, valori energetici, impatto ambientale, video, foto e altre descrizioni di dettaglio. Il tutto in un ambiente che coniuga accoglienza e innovazione, dove il visitatore, con il supporto della tecnologia, può effettuare i propri acquisti in maniera più consapevole e “socializzante”.

Per far sì che i 1500 prodotti presenti nel supermercato potessero raccontare le loro caratteristiche e la loro storia nel modo più fluido e naturale possibile, Accenture e Avanade hanno realizzato diverse tipologie di interazione:
– Tavoli interattivi, composti da vele e Microsoft Kinect e collocati all’interno di tutto il supermercato;
– Scaffali verticali con touch screen disposti in tutto il perimetro di ciascuno dei 3 livelli del supermercato;
Second Screen in alcuni punti specifici del supermercato.

Per quanto concerne i tavoli interattivi, Accenture e Avanade hanno sviluppato una nuova modalità di interazione, intuitiva e per questo efficace, che permette ai visitatori del supermercato di interagire con i prodotti fisici semplicemente indicandoli. Grazie ai 200 sensori Microsoft Kinect disposti nelle vele all’interno del supermercato, l’utente ha la possibilità di accedere a tutte le informazioni riguardanti i prodotti, semplicemente allungando la mano verso il prodotto prescelto e vivendo un’esperienza unica nel suo genere.

Gli scaffali verticali sono dotati di un’etichetta aumentata, che è possibile attivare mediante un semplice tocco. Le tecnologie alla base, Windows 8.1, le Modern App e il Kiosk Mode, rendono facile la gestione di tutti i dispositivi utilizzabili dagli utenti. Tutti i dispositivi sono collegati a PC della famiglia NUC (Next Unit of Computing) di Intel, pensati per lavorare in piccoli spazi come quelli ricavati dietro le vele.

Il CMS dell’intero sistema è basato su Sitecore, nel quale vengono archiviati tutti i prodotti e le informazioni presenti sugli scaffali, comprese le nozioni nutrizionali e la provenienza fruibile sugli schermi di tutti i generi alimentari presenti.

Attraverso il Cloud Microsoft e nello specifico grazie a Microsoft Azure, sono stati integrati i diversi sistemi; sono state gestite le informazioni attraverso 400 mini-PC connessi in rete, monitorati e configurati automaticamente, grazie alla tecnologia Windows 8.1, ai servizi presenti su Microsoft Azure e alla suite Microsoft System Center, che sfrutta anche la tecnologia Intel V-Pro dei processori dei pc NUC.

L’intero flusso di informazioni derivante dalle interazioni viene gestito attraverso i servizi offerti dal Cloud di Microsoft Azure, elaborato e reso disponibile tramite SQL Server Integration Services. L’obiettivo è quello di rendere comprensibile ai visitatori queste informazioni aggiuntive sui prodotti mediante un enorme Data Visualization Wall visibile sulla parete del supermercato da qualunque punto: 120 mq di proiezione digitale che mostrerà in tempo reale alcuni dati relativi al punto vendita: il numero dei visitatori, con quali prodotti stanno interagendo, la top ten dei prodotti più venduti…

La visione del Supermercato del Futuro non si ferma solo alla nuova esperienza del cliente, ma migliora sensibilmente anche il lavoro dei dipendenti Coop: attraverso un’apposita applicazione sviluppata per tablet Microsoft Surface 3, gli addetti possono sostituire, spostare, rifornire e gestire i prodotti in vendita e in magazzino.

Nell’ottica di rendere ancora più unico il percorso del cliente nel Future Food District, Coop ha chiesto ad Accenture di ideare e sviluppare un’app, che guiderà il visitatore in un percorso personalizzato all’interno del negozio.

Attraverso una logica di gamification, il cliente definirà il proprio Lifestyle (vegan, bio, italian lover etc.) e, grazie all’utilizzo di beacon ultrasonici collocati nel punto vendita – circa una ventina – vedrà comparire sul proprio smartphone segnalazioni dei prodotti maggiormente in linea con il proprio stile di vita e informazioni sulla loro esatta localizzazione all’interno dello store. La mobile app avrà inoltre un’integrazione di realtà aumentata, per cui il visitatore potrà accedere a dei contenuti aumentati semplicemente inquadrando dei tag.

 

articoli correlati

MEDIA

Armando Testa personalizza due treni della metropolitana con immagine Birra Moretti

- # # # # #

Il treno dei desideri, questa volta, punta dritto a Expo Milano 2015 e lo fa con l’immagine fresca e originale di Birra Moretti, l’Official Beer Partner della manifestazione. Da giugno ad agosto, infatti, due treni della metropolitana rossa di Milano (M1) – la linea che porta a Expo Milano 2015, saranno personalizzati con la creatività di Birra Moretti.

Su uno sfondo di bottiglie che mostra l’intera famiglia Birra Moretti campeggia il brand, accompagnato dagli immancabili baffi del mitico Baffo Moretti. Accanto, il giovane Allievo di Baffo Moretti brinda all’Esposizione Universale con un bicchiere di birra fresca e spumeggiante e invita i passanti a fargli compagnia nella Bottega Birra Moretti a Expo. Il luogo dove migliaia di visitatori da tutto il mondo potranno scoprire la storia autenticamente italiana di Birra Moretti iniziata, a Udine, nel lontano 1859, e godersi una pausa, comodatamene seduti in Terrazza, con un bel bicchiere di Birra Moretti.

La realizzazione è stata affidata all’agenzia Armando Testa.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Trussardi e Coca-Cola Italia insieme per vestire Coca-Cola Light e l’iconica contour bottle

- # # # # # #

La creatività di Trussardi incontra il brand più fashionista e contemporary di Coca-Cola, Coca-Cola light, per dare vita a una edizione limitata dal titolo “Elegantly Cool” composta da tre lattine personalizzate dal brand del Levriero che rappresentano il simbolo dell’incontro fra l’eleganza ricercata di Trussardi e lo spirito cool di Coca-Cola light.

Il motivo delle prime due lattine è il levriero Trussardi che, stilizzato, compare qui in chiave ironica in un mix di tonalità vivaci quali rosso Coca-Cola, verde acido, viola e ciliegia. Protagonista della terza grafica è la storica stampa “lizard” di Trussardi che, vestita di oro, spicca sull’argento della lattina riprendendo due temi ricorrenti del marchio del Levriero: l’elegante accostamento dei metalli e l’uso di materiali pregiati tipici della pelletteria.

Trussardi è inoltre il primo marchio di moda a vestire l’iconica bottiglia di Coca-Cola, per la prima volta infatti Coca-Cola si farà “vestire”, per festeggiare i primi 100 anni della bottiglia in vetro contour che ha contribuito a rendere questo marchio famoso in tutto il mondo. Ne nasce una edizione limitata di due bottiglie, in cui il rosso, il marrone e l’oro – colori simbolo di Coca-Cola il primo e di Trussardi gli altri – si fondono, donando un look elegante e ironico alla bottiglia, grazie alle miniature del Levriero (logo di Trussardi da oltre 40 anni) riprodotte sapientemente sulla sua silhouette.

Gaia Trussardi, Direttore Creativo del Gruppo Trussardi, commenta: “Siamo particolarmente felici di estendere il nostro lifestyle verso un colosso mondiale quale Coca-Cola. In particolar modo di essere stati i primi a vestire Coca-Cola,un marchio famoso davvero in tutto il mondo anche grazie alla sua bottiglia conosciuta non solo come oggetto di culto ma anche come segno grafico universale e celebrata in arte, musica, design e pubblicità”.

“Anche quest’anno Coca-Cola consolida il legame con il mondo della moda grazie a una partnership d’eccezione, quella con la maison Trussardi: una realtà italiana di grande prestigio, simbolo internazionale del Made in Italy d’eccellenza”, afferma Fabrizio Nucifora, Direttore Marketing Coca-Cola Italia. “Una collaborazione fortemente voluta da ambo le parti, che sottolinea al tempo stesso l’italianità di Coca-Cola e la vicinanza del brand alle eccellenze del nostro Paese. Inoltre, se sono già celebri le passate incursioni di Coca-Cola light nell’ambito della moda, il 2015 passerà alla storia perché, per la prima volta, una Maison veste la contour bottle nell’anno del suo centenario e nell’anno di Expo Milano 2015”.

Le due limited edition in vetro di Coca-Cola saranno presenti nel formato da 330 ml all’interno del padiglione Coca-Cola in Expo Milano 2015 e al Café Trussardi da giugno fino a ottobre 2015, e nel formato da 250 ml da agosto fino a settembre nei migliori punti vendita del mercato siciliano. Le tre creazioni Trussardi per Coca-Cola light saranno invece disponibili nelle versioni in lattina da 330 ml, con una grafica esclusiva nella versione in bottiglia da 500 ml e da 1,5 lt da giugno fino a dicembre 2015, attraverso un’ampia e selezionata rete distributiva e in prestigiosi ristoranti e café in tutta Italia.

Da giugno a dicembre 2015, la collaborazione tra Coca-Cola Light e Trussardi sarà inoltre amplificata da una campagna integrata di marketing e comunicazione con eventi, attività sui social media e uno speciale contest fotografico online che inviterà gli utenti ad interpretare la propria idea di #ElegantlyCool con l’opportunità di vincere esclusivi premi firmati Trussardi.

Le grafiche Trussardi per le lattine in limited edition Coca-Cola light decoreranno anche il prestigioso department store Coin di Piazza Cinque Giornate a Milano che vedrà il lifestyle Trussardi come attore principale, in tutte le sue sfaccettature, per l’intero mese di giugno, sia all’interno sia sulle vetrine del mall.

articoli correlati