BRAND STRATEGY

MCM firma il ritorno del Dolomiti Ride, per Yamaha Motor Europe branch Italy

- # # # #

MCM Yamaha Dolomiti Ride

Yamaha Motor Europe branch Italy ha scelto MCM, una tra le principali società italiane indipendenti per l’ideazione e realizzazione di eventi, per ridare vita a uno degli eventi motociclistici più amati e attesi degli ultimi anni: il Dolomiti Ride 2018, un tributo all’universo Yamaha e a tutti i suoi appassionati.

Nella suggestiva cornice di Molveno (Tn), dove le Dolomiti di Brenta si tuffano nelle acque cristalline del lago, MCM ha organizzato una 3 giorni (dal 6 all’8 luglio) all’insegna dei motori, del divertimento e dello stare insieme.

L’agenzia si è occupata di tutta l’organizzazione, a partire dall’ideazione, pianificazione e gestione delle attività di intrattenimento ed experience, come il “Motogiro” (tour di 4 ore tra i panorami mozzafiato delle Dolomiti) e la “Yamaha Night”, una serata magica dove gli ospiti sono stati intrattenuti da stuntman e ospiti speciali. Ma l’impresa maggiore è stata la creazione, l’allestimento e il coordinamento dello “Yamaha Village”, un vero e proprio villaggio allestito sulle rive del lago di Molveno, dove i fan del brand hanno potuto vivere a pieno lo spirito del “marchio a tre diapason“ partecipando ai test ride dei principali modelli Yamaha e godendo dell’intrattenimento offerto dalle numerose attività presenti nel village: un barber shop vintage, uno stand dove poter acquistare t-shirt personalizzate, un museo con alcuni dei principali modelli storici del marchio, le show bike YZR-M1 di Valentino Rossi e Maverick Viňales, un temporary shop con l’official merchandising Yamaha, la possibilità di scattarsi una foto ricordo e inviarla come una vera cartolina, uno store dove acquistare dei gioielli personalizzati e molto altro ancora; tutto esaltato dall’intrattenimento di Virgin Radio, che ha realizzato anche delle dirette live dalla sua postazione mobile inserita nel village.

“E’ stato per noi un vero privilegio essere stati scelti da Yamaha per organizzare il ritorno di un evento importante e iconico come il Dolomiti Ride”, commenta Chicco Nobili co-founder e Direttore creativo di MCM. “Tutto lo staff dell’agenzia ha lavorato in modo sinergico per poter realizzare le tante attività in programma. Basti considerare che durante i tre giorni abbiamo accolto motociclisti provenienti da ogni parte d’Italia, per i quali abbiamo curato l’hospitality; abbiamo gestito oltre 1000 test ride, 1000 experience, e 250 ospiti per la grande festa del sabato sera”.

articoli correlati

AZIENDE

IAB Europe approva Commanders Act come fornitore di servizi di gestione del consenso

- # # # # #

commanders act

Commanders Act (fornitore di software SaaS e leader europeo nella gestione dei dati e dei tag) è entrato a far parte dell’elenco di fornitori di servizi di gestione del consenso approvati da IAB Europe nell’ambito del proprio Quadro di trasparenza e consenso. Questo quadro specialistico ha lo scopo di aiutare tutti gli attori del processo pubblicitario (fornitori, inserzionisti, partner tecnologici) a conformarsi al Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR), in particolare centralizzando e standardizzando le comunicazioni per il consenso dell’utente al trattamento dei propri dati a fini pubblicitari. A differenza di alcuni CMP che gestiscono esclusivamente la lista di tag IAB, il modulo Privacy ne gestisce nativamente una gamma molto più ampia. Commanders Act è quindi riconosciuto per la sua capacità di gestire il consenso sia per tutti i fornitori inclusi nella lista di fornitori IAB sia per qualsiasi altra soluzione presente sul mercato: testing, personalizzazione, analisi e raccomandazione. Commanders Act è entrato a far parte dell’elenco dei Fornitori Mondiali grazie alle soluzioni Customer Data Platform (strumento di raccolta, segmentazione e attivazione dati per partner di marketing e pubblicità) e Mix Commander (strumento di misurazione delle performance di campagne e customer journey per una più precisa attribuzione delle conversioni a ciascun partner).

IAB ha inoltre approvato Commanders Act come fornitore di servizi per la gestione dei consensi grazie all’esperienza dell’azienda nella gestione dei tag e della privacy dei dati e alle relative soluzioni Tag Commander e Privacy Center.

Commanders Act da sempre considera la protezione dei dati degli utenti una priorità e infatti già dal 2012 offre ai propri clienti il suo modulo Privacy. Dopo aver ricevuto la certificazione tedesca ePrivacySeal nel 2017, il fatto che IAB abbia aggiunto l’azienda all’elenco ne conferma ulteriormente la competenza e la capacità di adempiere a tutti gli obblighi relativi all’infrastruttura, le condizioni per la fornitura, la documentazione o la metodologia stabiliti dal GDPR.

 

articoli correlati

MEDIA

FreeWheel Council for Premium Video annuncia il suo lancio europeo

- # # # # #

freewheel

A seguito del successo del FreeWheel Council for Premium Video (FWC) nel Nordamerica, il FWC annuncia il suo lancio europeo, rafforzando così la sua missione di sostegno del settore premium video a livello internazionale. Il FreeWheel Council for Premium Video Europe (FWCE) è un advocacy group composto, al momento del lancio, da 13 membri, tra cui i principali operatori ed emittenti europei. Il gruppo intende porsi al servizio degli interessi condivisi degli operatori del settore premium video attraverso la definizione di posizioni di leadership, la ricerca e il sostegno alla promozione dell’economia premium video.

“Il lancio del FreeWheel Council in Europa ci consentirà di mettere in luce l’importanza e il valore del premium video per un pubblico sempre più vasto”, spiega Jonathan Lewis, Responsabile Digital and Partnership Innovations di Channel 4 e membro di FWCE. “In questo modo gli attori dell’economia premium video avranno la possibilità di esprimersi e di condividere conoscenze a vantaggio del settore della pubblicità, del marketing e dei media. È un onore far parte di questo gruppo; lavoreremo con entusiasmo per lo sviluppo del mondo del premium video advertising, un ambito in rapidissima espansione”.

A suggello della creazione del FWCE, il gruppo ha pubblicato il suo primo documento programmatico dal titolo L’importanza del Premium Video per gli inserzionisti: una prospettiva europea. Il documento costituisce il primo prodotto congiunto del FWCE e si basa su conoscenze condivise maturate dai leader di mercato. Il testo definisce il significato di premium video e presenta un quadro delle differenze rispetto al settore digitale in generale.

Di seguito un riassunto delle principali conclusioni del documento:

1) Ciò che contraddistingue il premium video è la sua capacità di promuovere la partecipazione sia nei confronti del contenuto degli editori, sia verso la relativa pubblicità.
2) Troppo spesso il settore si propone di misurare il premium video sulla base di standard tipici di altri formati, limitando la valutazione del suo valore a metriche quali la visibilità, senza nessun riferimento alle potenzialità in termini di partecipazione del consumatore.
3) In ambienti simili a quello televisivo, la sicurezza del marchio viene garantita e il rischio di truffe è praticamente inesistente; gli inserzionisti sono in grado di raggiungere persone in carne e ossa, che partecipano ai contenuti che hanno scelto di visionare.
Thomas Bremond, Managing Director di FreeWheel International (nella foto), afferma: “È un piacere sfruttare l’opportunità del successo conseguito dal FreeWheel Council nel Nordamerica mettendo il suo supporto e la sua leadership di pensiero a disposizione di un pubblico completamente nuovo in Europa. L’analisi dei temi che caratterizzano il settore in questa regione sarà estremamente stimolante”.

Continua Emmanuel Josserand, Brand, Agency and Industry Relations di FreeWheel, nonché pioniere del lancio europeo: “Per prosperare, l’ecosistema premium video deve operare in stretta collaborazione. Pur concentrandosi sul sostegno ai provider premium video, il FWCE condividerà ricerche e opinioni approfondite che attingeranno alla vasta esperienza e conoscenza dei suoi membri e di terzi. Il nostro obiettivo è collaborare con tutte le parti interessate del settore, compresi gli investitori e in generale gli operatori, in modo da spingere insieme questo settore verso il futuro”.

articoli correlati