BRAND STRATEGY

Il grazie agli “eroi del Natale” secondo Tesco. Firma Rothco Dublino

- # # # #

tesco

Ieri il gigante della GDO Tesco e l’agenzia Rothco di Dublino hanno dato il via alla prima fase di una innovativa campagna natalizia: “Here’s to the Hosts”.

L’obiettivo di Tesco era quello di creare una campagna che si sintonizzasse realmente con i propri consumatori sul piano emotivo. Rispondendo a tale brief, Rothco ha compreso che per “conquistare” il Natale, Tesco dovesse innanzitutto conquistare i cuori e le menti delle persone. Lavorando sulla constatazione che dietro gli acquisti natalizi vi è quasi sempre un importante evento familiare (richiedente spesso una accurata pianificazione), l’agenzia ha messo al centro dello campagna “l’ospite”, colui che “lavora” per organizzare e realizzare gli appuntamenti festivi: il vero e misconosciuto “eroe” di Natale.
Ma, data la natura intima di questa ricorrenza, invece di fargli avere i ringraziamenti di Tesco, Rothco ha scelto di farlo ringraziare dai partecipanti alla festa da lui preparata. Con un mossa commovente e molto empatica, Tesco ha quindi deciso di trasformare i propri spazi pubblicitari in una piattaforma per consentire a tutti gli Irlandesi di porgere personalmente il proprio “grazie” a quelli che hanno reso loro possibile festeggiare il Natale insieme.

Gli spot, diretti dal pluripremiato documentarista Ken Wardrop, mostreranno persone da tutto il Paese che ringraziano, attraverso una lettera, le persone care li hanno invitati per Natale. Trentacinque di queste missive saranno protagoniste di altrettanti commercial, lette pubblicamente dai mittenti. In molti casi, le persone ringraziate sono all’oscuro di tutto, fino al momento in cui vedranno il tv lo spot che li riguarda direttamente.
L’autenticità di questa campagna è tale da aver richiesto un approccio produttivo inusuale, più vicino a un documentario che a uno spot. La CdP Antidote e il regista hanno quindi girato i filmati senza che fossero presenti né l’agenzia, né il cliente, mentre un apposito team ha selezionato le lettere andate on air tra circa 600 missive raccolte.

Oltre alla televisione, la campagna prevede l’inserimento di forme alternative di activation, quali le proiezioni outdoor e una “affisione interattiva” collocata nel centro di Dublino. Inviti sui social media solleciteranno la partecipazione della gente a queste azioni di attivazione, mente in alcuni punti vendita Tesco coloro che fanno acquisti per la festa natalizia verranno ringraziati “sul posto” in tempo reale dai loro ospiti, grazie a megafoni forniti dal personale del supermercato.
Questa che vede Tesco invitare a brindare agli “eroi sconosciuti” delle feste di Natale, chiedendo a tutta l’Irlanda di farlo con lui, è forse la più ambiziosa, e certamente la più innovativa, campagna del brand. La pianificazione include, oltre alla televisione, OOH, radio, social, digital e in-store.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

#civuoleuneroe: Bcube porta in tv i quattro “eroi” di Ceres

- # # # # # #

Dopo qualche giorno in anteprima solo per i fan di Facebook, da ieri sono in TV i nuovi spot Ceres ideati da BCube, che dopo aver ridisegnato il mondo Ceres, ha voluto dare ancora più carattere e spessore ai 4 eroi protagonisti dello storytelling del brand. Il Bello e Bastardo, Miss Inferno, il Genio, il Re dello Scherzo tornano quindi con nuove avventure che mostrano il volto più spensierato e goliardico di Ceres. Il format narrativo scelto per gli spot è quello del trailer cinematografico. I due spettacolari soggetti tv da 30”, intitolati “Il frigo è posseduto” e “Tutti sotto al palco”, sintetizzano in pochi secondi due storie “da film”, facendo ampio uso di effetti visivi surreali e ironizzando sugli stilemi classici dei generi cinematografici.La tecnica utilizzata per la realizzazione degli spot è ancora una volta la rotoscopia: trattamento che unisce live action e animazione, ormai diventato  cifra stilistica del brand.  Novità di quest’anno, i 4 eroi Ceres, ciascuno dei quali rappresenta un diverso aspetto del carattere del brand, per la prima volta si trasformano in personaggi “parlanti”, definendo sempre di più la loro personalità e il loro modo di agire. Entrambi gli spot si concludono con il nuovo payoff del brand, l’hashtag #civuoleuneroe. Lanciato qualche mesa fa e già usato migliaia di volte sui social network, #civuoleuneroe è quindi qualcosa di più di un claim: è un grido di battaglia, un modo per fare un appello, lanciare una sfida, sfogarsi per una difficoltà. E soprattutto, è il segno di una relazione salda tra il brand e il suo pubblico. Gli stessi spot, infatti, sono ispirati alle vicende di alcuni consumatori di Ceres. Il sound design in pieno stile trailer si incrocia con un brano musicale composto per l’occasione. Il pezzo, scaricabile dal sito ceres.com, è un rock tirato con accenti elettronici e riconferma la storica attenzione di Ceres per le scelte musicali. Oltre ai formati da 30”, sono previsti tagli da 15” e 10”.

 

Credits

Direttore Creativo Esecutivo: Sergio Spaccavento

Direttore Creativo Associato: Andrea Stanich

Copywriter: Silvia Savoia

Art Director: Alessandro Sciarpelletti

Art Junior: Mario Giordano

Copy Junior: Federica Rebuzzini

Account Director: Marta Garavaglia

Senior Account Executive: Giorgia Benetti

Producer: Federica Manera

Regia: Dario Piana

CdP: Movie Magic

Post produzione video: Buf

Musica e sound design: Fabio Gargiulo -BKM Production

Postproduzione audio: Top Digital

articoli correlati

BRAND STRATEGY

BCube e Bright.ly “firmano” Gli Eroi del Rock 2013 di Ceres

- # # # # # # #

Dopo la sponsorizzazione di Rock in Roma 2012 (e il lancio della relativa applicazione, grazie alla quale ci si poteva mettere in coda per il proprio concerto preferito e vincerlo), Ceres ha via via rafforzato il suo legame con il mondo della musica rock: anche nel 2013, infatti, il brand danese parlerà di musica. Questa volta però non limitandosi a un solo evento, ma allargando l’esperienza a più eventi in tutte le principali città italiane lungo tutto il corso dell’anno. Allo scopo, Ceres lancia una nuova iniziativa, ampliando l’esperienza del Rock in Roma anche a realtà più piccole come per esempio il Magnolia di Milano o il Mandela di Firenze.

“Eroi del rock” è il progetto 2013 powered by Ceres: un concorso che permette di vincere biglietti per i concerti delle più note band nazionali e internazionali. Sul palco troviamo delle vere e proprie icone del rock come Bruce Springsteen, Smashing Pumpkins, Green Day, Blur e molti altri ancora. Per partecipare e vincere basta registrarsi sul sito www.ceres.com oppure accedere da Facebook mettendo un like alla pagina fan di Ceres. Una volta dentro l’applicazione, con un click sul concerto che si preferisce si guadagna l’opportunità di vincerlo. Inoltre l’app dà la possibilità di invitare i propri amici a partecipare per aumentare le proprie probabilità di essere estratti. Più amici vengono invitati, più crescono le chance di vivere un’esperienza live unica Tra tutti coloro che partecipano al concorso, alla fine dei giochi verrà estratto un fortunato che vincerà una mitica chitarra Fender aerografata Ceres!

Ai progetti “rock” di Ceres per il 2012 e il 2013 hanno lavorato le agenzie BCube e Bright.ly.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Ceres accompagna ai seggi i giovani “eroi” italiani. Con BCube

- # # # # # # #

Nel suo dialogare quotidianamente via social network con i più giovani, Ceres ha potuto misurare la grande distanza che esiste tra il mondo della politica e quello dei ragazzi. Quale occasione migliore di utilizzare questo rapporto privilegiato, costruiti nel tempo, per inviare un messaggio positivo e dare il proprio, piccolo contributo per ridurre l’atteso astensionismo? Invitare i giovani al voto, ma senza rinunciare al tono ironico, scanzonato e dissacrante di sempre: “Gli eroi non si astengono”, “Prima si vota, poi si beve. Non come le altre volte”, “Bottiglie aperte solo a urne chiuse”, sono le headline delle tre affissioni pianificate su Milano e firmate creativamente da BCube.

 

A chiusura degli annunci, è stato inserito anche il messaggio: “don’t drink and vote”, mentre il pay-off di Ceres “La città ha bisogno di eroi” è stato adattato trasformandosi in: “l’Italia ha bisogno di eroi”. Infatti con la confusione e il clima di sfiducia diffuso, senza contare la poca attenzione che la politica dedica ai giovani, andare a votare è già un gesto “da eroi”. Dopo aver fatto il proprio dovere, però, premiarsi con una buona birra è un diritto.

 

La creatività si declina su affissioni locali, le prime per Ceres: 190 facce su pensiline e mezzi pubblici ATM, 250 facce nella Metro di Milano e 200 facce nelle posizioni speciali del Circuito BikeMi. Inoltre, per il circuito Ambient Media sono state pianificate fuori dai locali 200 postazioni dei nuovissimi Smokito. Le affissioni ambientate saranno postate anche su Facebook. Inoltre, sul web, girerà un video tutorial che, passo per passo, spiegherà come si vota e poi si festeggia secondo Ceres: una parodia dei video che in tv spiegano come votare.

Sotto la direzione creativa esecutiva di Francesco Bozza, hanno lavorato il direttore creativo associato Sergio Spaccavento, il copywriter e client creative director Andrea Stanich, l’art director Alessandro Sciarpelletti e la copywriter Silvia Savoia.

Credits
Executive Creative Director: Francesco Bozza

Art e Direttore Creativo Associato: Sergio Spaccavento
Copywriter e Client Creative Director: Andrea Stanich
Copywriter: Silvia Savoia
Art Director: Alessandro Sciarpelletti
Account Director: Edi Borrelli
Account Executive: Giorgia Benetti
Producer: Sveva Spalletti
CdP, disegni e animazione: Sergio La Macchia

Sound: Roberto Grassi @ The Log Audio Post & Production
Agenzia Digital: Bright.ly

 

articoli correlati