NUMBER

Assocom: una gara su tre senza esito, per un valore non assegnato di 3 milioni

- # # #

assocom

AssoCom ha presentato ieri i risultati della ricerca condotta su oltre 400 agenzie per analizzare la situazione attuale delle gare a più di 3 anni dalla presentazione del protocollo contenente le linee guida per un loro svolgimento utile e corretto.
La ricerca AssoCom è stata realizzata con la collaborazione di LeFAC nel corso del 2016 e in parte del 2017 per fare il punto sulla pratica dei “pitch” in Italia e portare alla luce elementi critici che rendono difficile l’applicazione del precedente protocollo.
Il numero di gare in Italia ha registrato una crescita significativa negli ultimi tre anni (database LeFAC) e in base all’indagine, l’investimento annuale totale del mercato è di oltre 9 milioni di euro. Il quadro però è tutt’altro che positivo se si considera che 1 gara su 3 è senza esito, lo spreco totale per le gare non assegnate ammonta a quasi 3 milioni di euro e solo una minima parte (il 16,6%) prevede l’assegnazione di un contratto annuale. I motivi di non assegnazione più ricorrenti risultano essere per tutte le tipologie di agenzie intervistate: il cambio di piani, la mancanza di fondi o di approvazione da parte del management e, drammaticamente, l’assegnazione ad altra struttura fuori gara.

I centri media evidenziano caratteristiche e problematiche specifiche distinguendosi dalle altre due categorie (agenzia creative e agenzie specializzate): partecipano a più gare (mediamente 20 gare all’anno) e prevedono per ogni gara un investimento importante di circa 25.000 euro (un budget di 500.000 euro all’anno): si tratta di gare complesse e costose che nell’89% dei casi si riferiscono ad un contratto annuale.
Inferiore ma sempre elevato è il numero di gare per le altre categorie (14 gare all’anno per le agenzie specialistiche e 10 gare all’anno per le agenzie creative) così come l’investimento sostenuto (4.600 euro per le agenzie specialistiche e 8.500 euro per le agenzie creative). Il contratto annuale è spesso un “miraggio”: delle gare vinte dalle agenzie creative solo il 32% dà vita a un contratto annuale, meglio per le agenzie specialistiche dove la percentuale sale al 44%.

“Il dato evidente, testimoniato questa mattina da più parti, è che le gare mal gestite generano un danno, sia per i clienti, sia per le agenzie”, ha concluso Emanuele Nenna (nella foto), Presidente di AssoCom, Co-Founder & CEO The Big Now. “La domanda banale è quindi: perché si continua così? Per una serie di fattori: il più importante è il tema culturale, e su questo fronte l’organizzazione di giornate come questa o la creazione di tool come il “Pitch Evaluator” possono aiutare. Così come aiuta certamente il dialogo, che auspico sempre più serrato, tra le diverse associazioni e le diverse parti in causa. Se cresce la consapevolezza di cosa c’è dietro a una gara, e se si realizza che l’iper-tatticismo e il continuo ricorso alle gare crea inefficienza per tutto il mercato, sicuramente si sbaglierà meno. Poi c’è, inutile negarlo, una parte di malcostume e su questo fronte trovare poche ma ferme regole – riconosciute dalla legge o dall’autodisciplina – potrebbe essere l’unica soluzione”.

articoli correlati

AGENZIE

Now Available Africa si allarga al media. In Nigeria e nella Costa D’Avorio entro l’anno

- # # # #

the big now

Per il secondo anno consecutivo l’agenzia creativa Now Available Africa ha chiuso il suo bilancio in utile: una crescita inarrestabile per l’agenzia “afropean”, nata nel 2013 e controllata al 51% da The Big Now , che in 4 anni è diventata una delle società di comunicazione di riferimento nella regione del Central West Africa. Forte di 28 persone, guidate dal CEO Kofi Mangesi, Now Available Africa integra oggi la propria offerta di comunicazione aprendo a un’area strategica come quella del media, con l’obiettivo di accelerare in modo importante la crescita del suo business.

A sostenere la nascita del nuovo team media, alcune settimane fa il nuovo Head of Media di The Big Now Elena Merazzi, insieme al CEO e CoFounder Emanuele Nenna, sono stati ad Accra per svolgere insieme ai colleghi ghanesi una settimana di training intensivo sulle logiche di pianificazione media più evolute, con un focus particolare su digital e programmatic advertising.

“Ad Accra ho trovato innanzitutto colleghi affamati di conoscenza e con una straordinaria capacità di apprendere e mettere in pratica le tantissime informazioni condivise durante le giornate di lavoro in ufficio”, commenta Elena Merazzi. “Da alcuni anni le aziende che operano nel Central West Africa stanno investendo sulla comunicazione digitale, ma oggi dai social network gli investimenti media si stanno spostando in maniera significativa su discipline più evolute come il programmatic, su mobile in particolare”.

“Dopo quattro anni possiamo parlare oggi di Now Available Africa come di un’agenzia pienamente matura e autonoma nel suo percorso di crescita all’interno nel continente africano”, aggiunge Emanuele Nenna. “Ora il nostro progetto imprenditoriale può compiere quell’evoluzione che è nella mente mia e dei miei soci sin dal giorno dell’evento di inaugurazione degli uffici ad Accra: la creazione di un network panafricano di agenzie con cultura internazionale e forti radici locali”.

Prossimo obiettivo della struttura italo-africana è, infatti, l’apertura entro l’anno di due nuovi sedi nella regione occidentale: una nella francofona Costa d’Avorio e una in Nigeria, il paese africano più popolato (circa 177 milioni di abitanti) ed il primo per produzione di ricchezza (oltre 1.100 miliardi di dollari annui).

articoli correlati

AGENZIE

Assocom: Emanuele Nenna è il nuovo Presidente. Eletti i 9 membri del Consiglio Direttivo

- # #

Assocom

Un’associazione che comprenda tutte le anime della comunicazione, che sappia coinvolgere i grandi gruppi e le agenzie indipendenti. Una Assocom sempre più rappresentativa e con un ruolo strategico nel mercato. Un’organizzazione che porti valore concreto agli associati. Questi gli obiettivi di Emanuele Nenna, eletto oggi nuovo presidente di Assocom insieme al Consiglio Direttivo.

“Ringrazio tutti gli associati che hanno creduto in me e mi hanno dato il loro voto”, ha commentato il neo Presidente Emanuele Nenna. “Sono grato ai consiglieri appena eletti per la fiducia espressa nominandomi presidente. Ringrazio i consiglieri e il presidente uscenti: Marco Testa e tutta la sua squadra che hanno preso in mano l’associazione in un momento particolarmente difficile. Potevano avere solo da perdere e non hanno esitato a mettersi in gioco, perché credono nel valore di un’associazione. Oggi ripartiamo da lì, e vogliamo correre ancora più forte. Il grande consenso ottenuto da me e dai nuovi consiglieri mi rassicura molto sulla possibilità di trasformare le buone intenzioni in fatti. C’è una buona squadra, puntiamo da subito al buon gioco, e i risultati arriveranno”.

L’assemblea riunita oggi ha eletto come consiglieri Davide Boscacci, Group Creative Director at Leo Burnett; Stefano Capraro, CEO di Ideal Comunicazione; Andrea Cornelli, CEO di Ketchum Italy; Marco Fanfani, CEO di TBWA Italia; Marco Girelli, CEO di OMG; Mauro Miglioranzi, Founder e CEO di Cooee; Emanuele Nenna, CEO e co-founder di The Big Now; Gianna Paciello, Owner di Aida & Partners; Paolo Stucchi, Chief Strategic Officer di Dentsu Aegis. L’assemblea ha anche eletto i probiviri Marco Gualdi (Presidente del collegio dei probiviri), Giorgio Bonifazi Razzanti e Fabrizio Feliciani.

Il nuovo Consiglio, nella sua prima riunione, oltre a nominare presidente Emanuele Nenna ha confermato Guido Surci (Chief Strategy & Innovation Officer di Havas Media Group) Presidente del Centro Studi; Eugenio Bona (Presidente di Media Italia) Presidente di Assap Servizi e Paolo Dorna (CEO di Glebb & Metzger) tesoriere dell’associazione. Stefano del Frate è stato riconfermato Direttore Generale.

La rinnovata forza di Assocom, che viene da un triennio di risanamento e consolidamento sotto la guida di Marco Testa, si è già manifestata con l’acquisizione di nuove associate importanti come TBWA Italia, FCB, PHD e We Are Social. Un segnale chiaro del fatto che oltre a incentivare e allargare la partecipazione delle imprese dell’advertising, del media, delle relazioni pubbliche, Assocom si candida a diventare il punto di riferimento anche per il digital come pure per gli eventi, due anime fondamentali del comparto su cui il nuovo management dell’associazione lavorerà in maniera prioritaria.

Soprattutto, Assocom vuole definitivamente essere il luogo nel quale gli associati trovano valore. Un valore che deriva dalla condivisione e dal confronto, dai quali spesso nascono anche opportunità di business; dall’essere realmente ed efficacemente rappresentati di fronte agli interlocutori rilevanti quali ad esempio l’UPA e le istituzioni nazionali ed europee; dal poter disporre di strumenti efficaci per il lavoro di tutti i giorni come i dati e gli insight prodotti dal Centro Studi; dal poter contare su occasioni di formazione autorevoli per le proprie persone, come i master ai quali già Assocom collabora con i più prestigiosi atenei.

Il nuovo Consiglio si è dato appuntamento al 16 gennaio per impostare l’agenda del prossimo anno.

articoli correlati

AGENZIE

Nasce The Big Angle, la casa di produzione del gruppo The Big Now

- # # # #

big angle

 

La nuova cdp The Big Angle si presenta sul mercato con una promessa molto precisa: guardare al mondo della produzione video da una nuova prospettiva. Quella del mondo di oggi, in cui il video è diventato il protagonista assoluto dei contenuti, riprendendosi nell’era digitale quell’egemonia che già era stata sua quando era la TV a farla da padrona.
A guidarla sarà Flavo Nani, talentuoso regista emergente. Con un regista alla guida, The Big Angle nasce con una doppia anima: da un lato completa l’offerta di The Big Now, agenzia creativa che da sempre si propone di integrare al proprio interno competenze complementari, per garantire velocità e efficienza ai propri clienti; dall’altro con l’ambizione di presentarsi autonomamente sul mercato come cdp di nuova generazione, nativa digitale e con un forte dna creativo.
“Già da tempo nel team di The Big Now avevamo introdotto alcune competenze legate al video, proprio perché un’agenzia che faccia contenuto oggi non ne può più fare a meno –spiega Emanuele Nenna, co-founder e CEO dell’agenzia. – La scelta di investire ulteriormente in quest’area è dettata dall’evoluzione del mercato, che sempre più chiede che idea e crafting viaggino insieme. E oltre alla necessità di efficienza e velocità, sta crescendo la domanda di un’alta qualità esecutiva. Avere un regista a bordo, a guidare un team di professionisti, ci aspettiamo che possa fare la differenza. Ogni volta che un brief passato ai creativi toccherà il tema video, già dal primo brainstorming ci sarà una persona di The Big Angle a completare la squadra”.

Una parte rilevante del business di The Big Angle deriverà quindi dai clienti –attuali e futuri- dell’agenzia-madre. Nasceranno così idee creative già pensate tenendo in considerazione le specificità del contenitore.
The Big Angle è una cdp snella, attrezzata per la produzione di contenuti video di nuova generazione, con il dna creativo che le deriva dall’habitat di agenzia in cui è innestata, può ambire a posizionarsi sul mercato come competitor di strutture specializzate: non necessariamente un cliente di The Big Angle sarà anche un cliente di The Big Now. L’offerta della nuova CdP viene infine completata da un filone di business parallelo, quello del branded entertainment, altro tema caldo nell’evoluzione del mercato pubblicitario.

articoli correlati

AGENZIE

The Big Now: tornano le Auditions. “Abbiamo fame di talenti”

- # # #

The Big Now Auditions

Tornano, con una formula rinnovata, le Auditions di The Big Now, audizioni non-stop per i talenti creativi che l’agenzia pubblicitaria con sedi a Milano, Roma e Accra (in Ghana), promuove dallo scorso anno con l’obiettivo di ascoltare e intercettare il talento in comunicazione.

“Abbiamo chiuso il 2015 in crescita, per il 2016 abbiamo obiettivi molto ambiziosi e la nostra fame di talenti è ancora più forte di prima, “ spiega Emanuele Nenna, CEO di The Big Now. “Le Auditions sono per noi uno strumento estremamente prezioso perché ci permettono di scovare talenti che non sempre e non necessariamente rispondono a parametri precisi indicati nei colloqui finalizzati a una precisa posizione”.

Dal prossimo appuntamento, fissato per venerdì 8 aprile, gli incontri e i colloqui conoscitivi fissati nella sede milanese di via Giovanni Masera vedranno la partecipazione, insieme ai quattro soci fondatori della struttura, dei direttori creativi di The Big Now Stefano Morelli, Marco Peyrano e Antonio Zuddas (unit Low specializzata in fashion e luxory).
L’iniziativa di permanent scouting di talenti prevede una giornata intera dedicata a creativi di professione, aspiranti pubblicitari, innovatori e talenti della comunicazione multidisciplinare. Nel 2015, grazie alle Auditions hanno fatto il loro ingresso nel team di The Big Now il copywriter Jacob Salmona Arcari e lo junior strategic planner Enrico Speziale.

Per candidarsi alle “The Big Now Auditions” è online la pagina www.thebignow.it/auditions

articoli correlati

AGENZIE

“Akwaaba Milano”: Now Available Africa festeggia tre anni di vita e di successo

- # # # #

now available africa

“A tre anni dall’apertura della nostra agenzia in Ghana”, esordisce Emanuele Nenna, CEO di The Big Now e co-fondatore di Now Available Africa, “festeggiamo il Paese che ci ha accolti portando un po’ di Africa a Milano”.

Musica, fotografia, moda, cibo e creatività del paese dell’Africa Occidentale sono infatti i temi principali dell’evento “Akwaaba Milano” (“Benvenuti a Milano” in lingua akan del Ghana) che The Big Now ha ideato e promosso nella serata di martedì prossimo 15 marzo per celebrare i suoi primi tre anni di attività in Africa Centro-Occidentale.

“L’intuizione imprenditoriale era giusta: dopo tre anni abbiamo iniziato a raccogliere i frutti economici del nostro investimento”, aggiunge Nenna. “Ora possiamo pensare al passo successivo: è portando le logiche di pianificazione media più evolute (e ancora da scoprire in West Africa) che contiamo di accelerare in modo importante la nostra crescita. C’è forte domanda e poca competenza in quell’area, e se saremo bravi potremo per primi occupare uno spazio libero”.

Basata dal 2013 ad Accra, capitale del Ghana, con la sigla Now Available Africa (controllata al 51% dai soci fondatori di The Big Now), l’agenzia afro-italiana conta attualmente su un team di 22 persone e ha chiuso il bilancio 2015 con 4,5 milioni di GHC (oltre un milione di dollari) e un utile netto significativo. Nel portfolio dell’agenzia sono presenti campagne per marchi internazionali come Nestlé (Nescafé e Nido), PZ Cussons, Nespresso e Citröen, accanto a progetti per brand leader nella regione centro-occidentale come la telefonica Tigo, le nigeriane Access Bank e So Klin e la ghanese Kasapreko.

La “festa” di martedì prossimo vedrà tra i suoi contenuti principali dell’evento il reportage fotografico “Now in Accra” del fotografo Thomas Pololi che propone un inedito viaggio nella capitale del boom africano. Tradizione e lifestyle, in un perfetto culture mix “afropean”, saranno inltre al centro dell’area fashion, curata dalla unit LOW e realizzata in collaborazione con alcuni dei più affermati fashion designer ghanesi. E con la partecipazione di Nana Brenu, direttore creativo del brand 1981, marchio ghanese moderno e contemporaneo con sede a Milano, che nel 2014 è stato nominato miglior stilista emergente dell’anno per l’Africa Fashion Awards. La startup di design afroitaliano Manukafashion, allestirà l’ambiente con i suoi tessuti.

Tra i protagonisti della serata “afropean” anche la neonata Associazione The Small Now Onlus, organizzazione non-profit specializzata in progetti di comunicazione per la CSR, ideata da Enrico Tamiazzo, art director cresciuto in Now Available Africa e Michele Bianchi, cooperante internazionale.

articoli correlati

AGENZIE

Assocom e Pr Hub: nel 2016 si cambia!

- # # # # #

Andrea Cornelli PR Hub Assocom

Bilancio di un anno soddisfacente e un altro cambio di passo per 2016. Queste le linee guida dell’assemblea annuale di Assocom, tenutasi oggi a Milano. Guardando ai dodici mesi appena trascorsi, Assocom ha registrato una pluralità di  attività che l’anno vista impegnata con lusinghieri risultati, dalla partecipazione alle Audi e a Pubblicità Progresso, ai progetti sulla realizzazione di nuovi standard di rilevazione dei video in collaborazione con UPA e i principali player tecnologici della filiera. Senza dimenticare il successo della seconda edizione di IF! Italians Festival, dell’ormai tradizionale incontro Comunicare Domani e l’impegno congiunto con Nielsen e UPA per ottenere una più ampia visione dei compositi investimenti del settore digitale

E proprio il Festival della Creatività dà dimostrazione dell’approccio che l’Associazione vuole adottare in futro: ideare progetti che servano al mercato e agli associati e trovare le risorse per realizzarli, senza chiedere quote associative più alte. Un cambiamento che passa anche attraverso l’attenta revisione dei costi effettuata negli ultimi anni e l’apertura a nuove significative realtà del mondo della comunicazione che ha visto nella fondazione della piattaforma PR HUB la sua espressione più significativa.
“Partecipazione e confronto. Formazione.  Ispirazione. Informazione. Visibilità per gli associati: queste sono le parole chiave per il prossimo anno”, dichiara il Vice Presidente Emanuele Nenna. “Lanceremo proposte, creeremo eventi, faremo cultura della comunicazione. E dove potremo essere prescrittivi, come sulle gare, saremo propositivi. Assocom deve essere l’organizzazione guida con il buon esempio, che studia e propone modelli, che stimola l’innovazione, che promuove la qualità della comunicazione. Che fornisce dati e trend. Nel 2016 la promessa del presidente e del direttivo è che ASSOCOM sia sempre di più ciò che gli associati si aspettano che sia”.
Una prospettiva nella quale avrà un ruolo fondamentale PR Hub, la piattaforma di Open Knowledge e Intelligenza Collaborativa nata a maggio in seno ad Assocom e diventata in pochi mesi punto di riferimento per le Relazioni Pubbliche in Italia.

PR Hub, nel 2016, presenterà un Nuovo Manifesto, che “non racconta cosa vorremmo essere, ma ci impegna ad essere quello che siamo: professionisti delle Relazioni Pubbliche, strateghi della comunicazione al fianco di managers, imprenditori e professionisti delle istituzioni”, spiega Andrea Cornelli, CEO Ketchum PR nella foto). “
Realizzare progetti ambiziosi con la forza e la determinazione di un gruppo di Agenzie competitor sul mercato, ma alleate per il raggiungimento di obiettivi utili a tutta la categoria è ciò di cui il nostro settore sentiva il bisogno. E la logica conseguenza di questo nuovo approccio associativo è il nascere di rapporti di stima e di fiducia tra diverse agenzie, che portano poi alla naturale condivisione di conoscenza, di sapere, di esperienza. Nessuno nel 2015 può più pensare di crescere e prosperare senza condivisione: PR Hub contribuisce alla crescita di tutto il nostro mercato, di tutte le nostre agenzie”..
Fra i progetti imminenti di PR Hub, che oggi è rappresentata anche nel Consiglio Direttivo di Assocom, vi è il varo del nuovo sito, previsto tra pochi giorni: un punto di snodo tra la piattaforma PR Hub di condivisione interna, il sito di Assocom e tutti i canali social attivati. In dirittura d’arrivo anche il progetto formazione in partnership con il Politecnico di Milano, per il Master Snid (Social Network Influence Design).

articoli correlati

AGENZIE

Now Available Africa cerca talenti pubblicitari

- # # # # # #

Con l’obiettivo di rafforzare la sua nuova struttura inaugurata lo scorso 20 febbraio, l’agenzia pubblicitaria Now Available Africa (www.nowavailableafrica.com) sta promuovendo un recruiting internazionale alla ricerca di nuove figure professionali da inserire nel proprio staff basato ad Accra, in Ghana.

Grazie a una importante crescita del suo business, la prima “afropean advertising agency” attiva in Ghana e nel Central West Africa, sta selezionando da tutta Europa creativi, account manager, digital strategist & social media, web designer e web developer fortemente motivati a vivere un’esperienza professionale nel continente africano per un periodo minimo di sei mesi.

I colloqui di selezione, previo l’invio della propria candidatura all’indirizzo africall@nowavailable.it, avverranno su appuntamento in due giornate che l’agenzia  ha organizzato il prossimo 21 giugno a Cannes, in concomitanza con il Festival Internazionale della Pubblicità, e il 28 giugno a Milano, presso gli uffici di Now Available in via del Caravaggio 6.

“Coltivare valori quali l’integrazione e la localizzazione – spiega Emanuele Nenna, CEO di Now Available – è la chiave per affrontare con successo un nuovo mercato e di contribuire alla sua crescita. In contrasto con la maggior parte delle agenzie pubblicitarie straniere, che di solito stabiliscono semplici affiliazioni con le agenzie locali, abbiamo optato per la creazione di un team di professionisti europei ad Accra, in modo da integrare le competenze creative e strategiche con la conoscenza locale della lingua, della cultura locale”.

Controllata al 51% dai soci fondatori della sede “madre” italiana, Emanuele Nenna, Alessia Oggiano e Stefano Pagani, e guidata da un team di management composto da Freddie Shava (CEO), Tina Walendy (Chief Creative & Strategic Officer) e Antonio Colaci (Chief Digital Officer), Now Available Africa è attualmente composta da 15 professionisti provenienti da 5 paesi differenti, tra Europa e Africa.

articoli correlati