AGENZIE

Ego of White, Red & Green si aggiudica la comunicazione del luxury brand DoDo

- # # # # #

Dodo - Ego

DoDo, il brand italiano del lusso parte del Gruppo Kering affida a Ego of White, Red & Green la realizzazione della nuova campagna di comunicazione.

Ego, a divisione dedicata al lusso e al lifestyle di White, Red & Green, si fa dunque interprete del mondo DoDo, forgiando una comunicazione dal linguaggio esplosivo, siglata dalle fotografie del talentuoso Pierpaolo Ferrari e dalla direzione creativa di Paola Manfrin: una liaison artistica iniziata più di dieci anni fa e che prosegue con l’inconfondibile impronta irriverente che da allora la contraddistingue.

La nuova campagna DoDo

Il primo step della nuova campagna sarà il lancio della collezione Horoscope, la nuova linea di charm DoDo dedicati ai segni zodiacali, dove il potenziale iconografico offerto dal mondo dell’astrologia sarà sfruttato per forgiare immagini evocative e dal gusto surreale.

A seguire, il lancio della campagna Christmas – che vedrà come protagonisti alcuni dei charm storici del brand – metterà alla prova la percezione dell’osservatore attraverso una sistematica e ironica distorsione della realtà.

I nuovi concept di comunicazione saranno declinati sull’intera veste istituzionale del brand: dalle campagne ADV alle attività sul Web, che prevedranno tra le altre cose una Social & Contents Strategy volta a creare contenuti visivi e narrazioni innovative, finalizzate ad intensificare la sinergia tra la filosofia e l’immagine di DoDo già consolidata ed i nuovi concetti creativi proposti nell’ambito delle nuove campagne.

White, Red & Green raccoglie con entusiasmo questa nuova sfida, con l’obiettivo di contribuire ad accrescere ancor più la risonanza globale di DoDo vanto del patrimonio Made in Italy attraverso una comunicazione originale e di massimo livello.

CREDITS

Creative Director: Paola Manfrin
Managing Director: Pierluigi Lo Giudice
Account Manager: Stella Caprari
Writer: Elisabetta Porcinai
Digital Strategist: Fabrizio Gammino

Photographer: Pier Paolo Ferrari
Stylist: Elisa Zaccanti
Set Designer: Michela Natella

articoli correlati

NUMBER

Ericsson: il 5g cambierà media, istruzione e turismo. La ricerca Merged Reality

- # # #

ericsson merge reality

Il ConsumerLab di Ericsson ha presentato “Merged Reality”, lo studio che indaga le aspettative dei consumatori in merito all’integrazione della Realtà Virtuale (VR) e della Realtà Aumentata (AR) con il mondo fisico. L’indagine Ericsson prende in esame in particolare le considerazioni degli early adopter (utenti che utilizzano più volte a settimana visori VR) e dei consumatori che intendono dotarsi di un visore VR in futuro. La parte qualitativa è stata condotta tramite focus group in VR, focus group tradizionali e test sulla VR. La ricerca quantitativa è stata svolta online durante il primo semestre 2017 su un campione di 9.200 utenti in Francia, Germania, Italia, Giappone, Corea del Sud, Spagna, UK e US. Il campione italiano è composto da 1.150 possessori di smartphone a conoscenza della VR, di età compresa tra i 15 e i 69 anni.
Tra le principali evidenze emerse dal campione italiano, 6 consumatori su 10 ritengono che nel prossimo futuro la VR e AR modificheranno profondamente la nostra quotidianità in sei ambiti: media, formazione, lavoro, interazioni sociali, turismo e retail. Affinché questo accada, però, bisogna migliorare i tempi di risposta delle reti e, in questo, il 5G può giocare un ruolo importante.

“Ericsson sta guidando lo sviluppo della tecnologia 5G grazie alle partnership siglate con 36 operatori in tutto il mondo e ad ingenti investimenti in ricerca e sviluppo. Recentemente con Verizon abbiamo dimostrato come sia possibile guidare un’auto da corsa, oscurandone i vetri, proprio grazie al 5G e a visori VR 4K. In Italia abbiamo 650 ricercatori distribuiti su Genova, Pisa e Pagani, che stanno creando le basi per quella che si prospetta essere una tecnologia che nel prossimo futuro porterà incredibili benefici sia per le persone che per le industrie” ha commentato Federico Rigoni, Amministratore delegato di Ericsson in Italia. “Il lavoro dei nostri ricercatori è inoltre funzionale al programma “5G for Italy”, lanciato nel 2016 insieme a TIM, con stiamo creando un ecosistema di partner per sperimentare casi di utilizzo della nuova tecnologia. Ad ottobre abbiamo inoltre lanciato la nuova edizione del Programma EGO, aprendo le porte a quelle startup che vorranno avvicinarsi da pioniere al 5G”.

Per gli early adopter italiani, la Realtà Virtuale è destinata a sostituire gli spazi fisici: nello specifico, in meno di un anno la fruizione mediatica potrebbe essere radicalmente trasformata dall’utilizzo di schermi virtuali. Secondo il 54% degli early adopter italiani la visione tramite “virtual screen” sostituirà quella attuale su smartphone; lo stesso accadrà nelle sale cinematografiche (per il 48% del campione) e con i televisori in HD (47%). Anche per i consumatori che contano di usare un visore VR nel prossimo futuro gli schermi virtuali sostituiranno quelli dei cinema tradizionali (47%), così come monitor, PC e portatili (44%) e televisori in HD (42%).

L’utilizzo di contenuti attraverso dispositivi VR è sempre più diffuso: più di un terzo (36%) degli early adopter italiani già fruisce di video tramite VR (contro il 37% a livello globale), uno su quattro (25%) utilizza il visore VR per giocare con i videogame e il 22% per momenti di socializzazione con altri utenti. Il 25% si aspetta di poter guardare film su uno schermo virtuale entro un anno mentre il 56% ritiene che la partecipazione a concerti di musica interattiva ed eventi in VR sarà una tendenza comune entro tre anni.

Come la vr cambierà istruzione e turismo
Tra gli altri ambiti maggiormente impattati da un crescente utilizzo di Realtà Virtuale e Realtà Aumentata, l’istruzione e il turismo sono quelli in cui gli italiani si aspettano i maggiori cambiamenti. Secondo il 55% degli early adopter la VR trasformerà le modalità di insegnamento e apprendimento nelle scuole, con spazi virtuali all’interno delle aule.
Queste nuove tecnologie daranno vita anche a un nuovo concetto di turismo: per il 21% degli italiani sarà possibile esplorare le destinazioni tramite mappe che integrano informazioni accessibili in Realtà Aumentata e per il 25% si potrà viaggiare virtualmente insieme ad altre persone.

In merito all’integrazione tra le due tecnologie, gli intervistati italiani ritengono che AR e VR saranno accessibili da un unico dispositivo (46%) anche se la AR avrà un numero maggiore di applicazioni per il mondo reale in quanto si integra con l’ambiente fisico (52%). I vantaggi dell’AR riguardano la maggiore mobilità (44%) e il mass market potenziale più ampio rispetto alla VR (44%). Solo il 29% crede che l’AR rimarrà un fenomeno di nicchia o sarà confinata in specifici settori industriali.

Le principali sfide alla diffusione della VR su larga scala riguardano il costo dei device ancora molto elevato, alcuni limiti “fisici” legati all’uso del visore (limitata mobilità, consumo della batteria dello smartphone e scomodità dei dispositivi da indossare) e la scarsa disponibilità di contenuti in VR, oggi prevalentemente dedicati a gaming ed entertainment.

Il ruolo del 5G
In questo contesto, il 5G è chiamato a giocare un ruolo importante per promuovere la mobilità degli utenti di AR e VR e favorire la cosiddetta “merged reality”: ad esempio, per il 37% degli italiani intervistati, il 5G favorirà una maggiore mobilità garantendo una rete stabile, veloce e a banda ultra larga; il 33% crede che il 5G migliorerà l’esperienza di visione di contenuti video in VR grazie a una maggiore risoluzione e il 29% ritiene che il consumo delle batterie dei dispositivi diminuirà grazie al 5G, aumentando così l’efficienza dei device. Infine, il 5G renderà le esperienze AR e VR più accessibili grazie a piani di traffico dati dal costo più contenuto (32%) e contribuirà a ridurre il problema della nausea da realtà virtuale (29%).

articoli correlati