MEDIA

L’Uomo Vogue compie 50 anni e torna in edicola martedì 12 giugno

- # # #

l'uomo vogue

A 50 anni dalla prima uscita, L’Uomo Vogue torna in edicola con una formula completamente rinnovata martedì 12 giugno, giorno di apertura di Pitti Immagine Uomo, che festeggia il compleanno con un party a Firenze. Il magazine Condé Nast, che verrà distribuito principalmente con Vogue Italia, sarà composto da quattro grandi sezioni.

Nella prima, Culture, si ricordano 50 anni di storia attraverso le immagini più iconiche; i più rilevanti critici internazionali disegnano il futuro del menswear; profili d’autore sono dedicati ai cinque direttori creativi di fresca nomina: Riccardo Tisci, Hedi Slimane, Kim Jones, Virgil Abloh e Kris Van Assche; scrittori e esperti di fotografia disegnano un ritratto dell’uomo contemporaneo; icone di stile raccontano icone di stile.

La seconda sezione, Fashion, è un lungo, ininterrotto flusso di immagini di moda. Per il primo numero, la scelta è stata di chiedere a cinque fotografe donna di dare una loro interpretazione di cinque categorie dello stile maschile, e allo stesso tempo di rileggere – reinterpretandoli – i cinque decenni di vita de l’Uomo Vogue. Collier Schorr, Brigitte Lacombe, Annemarieke van Drimmelen, Julia Hetta e Arielle Bobb-Willis hanno quindi ritratto personaggi noti (Pharrell Williams), modelli, real people: cinque visioni molto diverse, eppure complementari, di eleganza maschile.

Per la terza parte, Objects, la redazione ha lavorato a un’approfondita ricerca di capi di abbigliamento, accessori, oggetti del desiderio maschile. Si vede in pagina quindi di una ricca selezione di prodotto, fotografata e commentata dagli editors de l’Uomo Vogue.

Infine Affairs affronta i temi dello stile maschile dal punto di vista del business: analisi, interviste, commenti, una selezione delle opinioni più significative della stampa internazionale.

I testi sono firmati, tra gli altri, da insider della moda come Carlo Capasa, Vanessa Friedman e Suzy Menkes, da designer come Olivier Roustaing, Marcelo Burlon e Stephen Jones, da scrittori come Ivan Cotroneo, Diego De Silva, Marcello Fois, Marco Missiroli e Francesco Piccolo, da fotografi come Mert Alas e Paolo Roversi, ma anche da un’icona maschile come David Beckham. Gli articoli sono pubblicati in inglese e in italiano, perché L’Uomo Vogue si rivolge da sempre a una audience globale.

“Oggi L’Uomo Vogue”, dice il direttore Emanuele Farneti, “comincia un nuovo capitolo di una storia editoriale che in 50 anni ha raccontato, attraverso la lente d’osservazione della moda, le evoluzioni del costume. Non esiste un solo tipo di uomo: per questo il giornale, attraverso la sua struttura ricca e la molteplicità di punti di vista, sarà aperto, inclusivo, plurale”.

Eccellente la risposta del mercato: questo fascicolo ha una foliazione pubblicitaria di 127 pagine. Il numero successivo uscirà in ottobre. Proseguiranno ovviamente le attività digitali del brand, su Instagram attraverso i contenuti foto e video del profilo @luomovogue, e su Internet attraverso news e approfondimenti all’interno di Vogue.it, sito dove del resto l’audience maschile supera il 20% del totale.

articoli correlati

MEDIA

Quattroruote Milano compie 30 anni: per festeggiare in edicola a settembre il numero speciale

- # # # # #

Quattroruote Milano compie 30 anni

Quattroruote Milano compie 30 anni e li celebra con un numero speciale. Era, infatti, il settembre del 1986 quando per la prima volta veniva allegato alla rivista un inserto consacrato ai temi della viabilità, della circolazione e del mercato relativi a Milano e alla sua provincia.
Uno sguardo sulle problematiche locali che spesso, per comprensibili motivi, non trovavano spazio nell’edizione nazionale ma che toccavano da vicino gli automobilisti della metropoli lombarda. In questi trent’anni, con l’avvicendarsi di sindaci e assessori, l’inserto milanese ha affrontato aspetti come le chiusure del centro storico e l’introduzione del pagamento per il suo accesso, la mancata realizzazione d’infrastrutture di viabilità, la disciplina della circolazione, la politica della mobilità, sempre con l’approccio di difesa dei diritti di automobilisti e cittadini che lo contraddistingue.
Lo speciale del numero di settembre – 40 pagine interne al giornale -­‐ ripercorre le tappe delle molte battaglie condotte dalla rivista, ma amplia anche lo sguardo sull’evoluzione delle realtà commerciali che hanno venduto le auto ai cittadini nel corso degli ultimi trent’anni, approfondendo i cambiamenti rivoluzionari che hanno interessato il settore in questo lungo periodo.

articoli correlati

MEDIA

Il grande Mazinga sbarca in edicola con La Gazzetta dello Sport e il Corriere della Sera

- # # # # #

Sarà in edicola da venerdì 20 marzo Con Corriere della Sera e La Gazzetta dello Sport la collana “Mazinga the Original di DVD Collection” che conterrà le due serie “Il grande Mazinga” e “Mazinga Z”.

Dopo il grandissimo successo delle precedenti Ufo Robot Goldrake e Jeeg robot d’acciaio, sempre in edicola con Corriere della Sera e La Gazzetta dello Sport, che hanno venduto oltre 1.500.000 copie totali, comincia una nuova iniziativa dedicata agli anime giapponesi degli anni ’70 e ’80.
La raccolta propone le avventure dei primi “robottoni” arrivati in Italia, in una versione particolarmente ricca e curata. I 37 DVD di cui è composta l’opera comprendono tutti i 56 episodi del Grande Mazinga e tutti i 92 di Mazinga Z, con 41 puntate inedite interamente ridoppiate in italiano per l’occasione.
Audio e video di tutte le puntate sono rimasterizzati, gli episodi sono completi delle scene tagliate e mai trasmesse dalla televisione italiana con la possibilità inoltre, di vedere il cartone con audio giapponese e sottotitoli italiani.

I dvd contengono inoltre le sigle italiane con le titolazioni originali della prima messa in onda televisiva, un modo per restituire con maggior fedeltà possibile lo spirito di questo anime. Sempre in quest’ottica si è scelto di presentare prima “Il grande Mazinga” e poi “Mazinga Z”, nell’ordine in cui sono arrivati nel nostro Paese.
Arricchiscono le collane i poster pieghevole con i disegni preparatori (settei) che ritraggono i leggendari protagonisti della serie creati dal fumettista Go Nagai e che accompagnano ciascun dvd.

La prima uscita, “L’eroe dei cieli”, è disponibile a 1,99 euro; la seconda, “L’attacco dei mostri guerrieri”, a 5,99 euro con cofanetto in regalo; la terza, “Il grande Mazinga nel regno del terrore”, a 9,99 euro con megaposter da collezione; e le seguenti sempre a 9,99 euro, con cadenza settimanale ogni venerdì in edicola.

articoli correlati

MEDIA

Domani in edicola il nuovo Rolling Stone di Bernardini de Pace. Stasera lancio all’Alcatraz

- # # # # # #

Saranno presentate ufficialmente stasera all’Alcatraz di Milano le tante le novità del sistema Rolling Stone targato Bernardini de Pace con la sua nuova squadra: il lavoro di gruppo, l’interazione web-print-marketing, il progetto di coinvolgimento di radio e televisione, quali espressioni di un’utile quanto necessaria brand extention; investimenti nel mondo dell’educational (in collaborazione con il Sae Institute, il più grande creative media college internazionale d’Italia) e il prossimo lancio di iniziative etiche volte a portare i giovani verso una relazione sana e positiva con la musica e a tutto quel che le gira intorno. Il leitmotiv del nuovo Rolling Stone si esprime attraverso l’hashtag #lamusicaringrazia, su cui è basata anche la campagna di lancio del mensile.
Il primo numero, che sarà domani in edicola a firma di Giorgio Bernardini de Pace, lancia in copertina Pharrel Williams – in concerto a Milano il 20 settembre – fotografato da Terry Richardson e la storia della fenomenologia legata all’entertainment a 360 gradi che ha saputo sviluppare. In apertura le prime rubriche: Rolling List (5 motivi per cui vale la pena rotolare), la sezione Cover Art (ogni mese un grande nome del mondo dell’arte reinterpreta la copertina di un disco, si inaugura con Michelangelo Pistoletto che rilegge la cover del nuovo album dei Subsonica) e le Lettere, con una rubrica della posta curata da Cristina Scabbia dei Lacuna Coil. Alle quali vanno aggiunte Rock&Roll, che racconta con brevi interviste e servizi le news e i nomi più cool della scena italiana e internazionale; ogni mese l’analisi approfondita dettaglio per dettaglio di uno strumento musicale nella nuova rubrica Sala Prove, che troverà ampio spazio anche sul sito.
Poi Storie: l’importante sezione di approfondimento di RS dedicata alle rockstar si apre con uno spettacolare servizio fotografico, un tributo alle stagioni tutte sold out dei concerti di Vasco Rossi negli stadi, espressione del riconoscimento alla grande musica italiana, spesso trascurata; i Kiss e i 40 anni della più colossale macchina da soldi del rock; una serie di ritratti ai rapper nostrani – nel primo numero Ensi – realizzati in esclusiva dal genio fotografico di Giovanni Gastel; inchieste (il fenomeno Spotify analizzato in profondità), uno Speciale Playlist che raccoglie le canzoni preferite di 10 rockstar internazionali, riproposte e in rotazione anche sul sito di RS, con la possibilità di essere ascoltate con Spotify.
E ancora: interviste ad attori e ai protagonisti legati al mondo del cinema, della cultura e all’entertainment, con un focus speciale riservato ogni mese a una personalità particolare; lo stile esplorato attraverso reportage che raccontano cosa “sfila” realmente nelle città di tutto il mondo. La qualità fotografica è una costante in Portfolio, con le immagini delle rockstar internazionali firmate dai grandi fotografi di Rolling Stone Usa.
Tra le tante novità Il Viaggio di Rolling Stone: il primo accompagna i lettori a Clarksdale, Mississippi Delta, là dove tutto ebbe inizio. Questa sezione non sarà solo una rubrica: ogni mese, Rolling Stone propone un viaggio emozionante sulle orme della musica e dei suoi protagonisti. Lo si scopre dalle pagine del giornale e poi sul sito di RS lo si realizza davvero. Un viaggio nei Paesi del mondo, seguendo le storie musicali più famose e quelle meno conosciute, che ogni volta saranno costruite su misura per i lettori dalle migliori agenzie specializzate.
E nella sezione Reviews, con una sofisticata stampa che riproduce i solchi del vinile, ricche pagine di recensioni di musica, libri, fumetti, film, videogiochi.

Affianca il “nuovo corso” della rivista anche il sito internet totalmente rinnovato. “L’informazione spiccia non è più materia di un periodico mensile stampato su carta: appartiene al mondo dei byte, dove la notizia non è sempre esclusiva del giornalista, che viene superato dai tempi di reazione fulminei del lettore – protagonista e autore di post o tweet che anticipano il giornalista stesso” commenta l’editore Luciano Bernardini de Pace. Il sito è ancora più ricco e ora è più facile e immediato interagire con la redazione grazie all’espansione dei contatti attraverso Facebook, Twitter, Google+ e Instagram: una scorpacciata di news, recensioni, concerti, interviste, backstage, video, playlist. Rollingstone.it offre anche una sezione tutta nuova dedicata ai viaggi tematici legati al mondo di RS, proposti contestualmente al cartaceo: è sul sito che  ogni mese il viaggio può essere realmente acquistato dagli appassionati della musica, con la possibilità di postare le foto dei viaggi degli utenti da condividere e commentare. Nell’area Sala Prove un ulteriore approfondimento dal mensile: lo strumento musicale raccontato su carta prende vita attraverso le playlist e i video delle canzoni suonate con quello stesso strumento, e anche gli indirizzi dove andare a comprarlo in tutta Italia.

“Questa sera lanceremo il nostro video manifesto #lamusicaringrazia, realizzato da giovani film maker, in collaborazione con il Gruppo Armando Testa e Fremantle” – dichiara Bernardini de Pace.  “La clip sarà di sostegno per una campagna web e radio. Il concept vuole affermare con forza il ringraziamento a tutte le categorie che mantengono in vita la musica, da chi la ascolta a chi la produce, da chi la suona a chi la vende. La concessionaria pubblicitaria è gestita internamente al nostro gruppo di lavoro con una squadra totalmente dedicata di 5 persone. Le pagine adv del primo numero coprono il 20% della foliazione totale di 148 pagine: abbiamo introdotto una novità assoluta, un “listino etico”, tutte le pagine sono state vendute allo stesso prezzo. Non vendiamo “sconti”, ma proponiamo ai nostri investitori veri progetti di comunicazione integrata che si esprimono su carta, web e attraverso l’organizzazione di eventi sul territorio. Rolling Stone viene distribuito in 65mila copie, di cui comunicheremo i dati effettivi di vendita: non sono previsti cut price e il prezzo dell’abbonamento al mensile è stato fissato a 29,90 euro all’anno, per 12 numeri. Rispettiamo il fondamentale supporto di chi ci vende, gli edicolanti, desideriamo creare una forte complicità con i nostri punti vendita, riportando uno spirito etico anche in questo settore. Abbiamo perciò invitato tutti gli edicolanti di Milano e Lombardia alla nostra serata di lancio”.

articoli correlati

MEDIA

Google annuncia Play Edicola, punto di raccolta virtuale per quotidiani e riviste

- # # # # #

Google lancia Play Edicola, una nuova categoria del Google Play Store e una app per smartphone e tablet Android che consente di fruire delle fonti di notizie preferite in un’unica esperienza, che si tratti di quotidiani, periodici o blog. Attraverso Edicola l’utente può attivare un abbonamento, gratuito o a pagamento, a riviste, blog e giornali e Google li ottimizza perché possano essere letti da tablet o mobile.

Per citare solo alcune delle testate che sarà possibile acquistare in Play Edicola, in copia singola o con abbonamento, ricordiamo i quotidiani La Stampa e Il Sole 24 Ore, periodici di informazione come L’Espresso e Panorama, numerose riviste femminili tra cui Amica, Cosmopolitan, Donna Moderna, Elle, Grazia e Vanity Fair, periodici per le famiglie quali Gente e Famiglia Cristiana, Automobilismo e AlVolante per gli appassionati di auto, Dove e National Geographic per chi ama i viaggi e la natura e ancora Class, Focus, ma anche Starbene, Sale&Pepe, Cose di Casa, Style e tanti altri. La app Play Edicola per smartphone e tablet Android si scarica gratuitamente da Google Play Store.

“Siamo particolarmente orgogliosi che l’Italia sia il primo paese, dopo quelli di lingua inglese, a mettere a disposizione degli editori le funzioni più avanzate di Google Play”, ha dichiarato Luca Forlin, Head of International Partnerships per Google Play Newsstand. “Google Play Edicola va ad arricchire le aree di collaborazione tra Google e gli editori e offre agli utenti una soluzione davvero semplice e comoda per fruire dei contenuti di qualità che preferiscono”. “Play Edicola completa i canali di distribuzione digitali di Class Editori e consente ai nostri lettori, a partire da quelli di Class e Capital, di utilizzare l’ampio ecosistema di tablet e dispositivi mobili basati sulla piattaforme Android di Google per avere sempre disponibili online i magazine preferiti”, ha dichiarato Paolo Panerai, Amministratore Delegato del Gruppo Class Editori.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Topolino torna in comunicazione per il numero 3000. Firma Now Available

- # # # # #

Topolino festeggia in grande stile il numero 3000 tornando in comunicazione dal 18 maggio con la campagna “Divertimento a 3000”, realizzata dall’agenzia Now Available.  La creatività gioca sull’enfasi data alla cifra 3000, qui composta dalle pagine del fumetto che, in questa edizione speciale, promette doppie avventure, doppie emozioni e doppio divertimento. Il numero da collezione sarà in edicola mercoledì 22 maggio e anche su iPad e su iPhone con un’edizione dalla foliazione extra, con ben 14 storie dei più popolari sceneggiatori e disegnatori Disney.

La campagna proseguirà fino al 26 maggio su Corriere della Sera, TV Sorrisi e Canzoni, Di Più, Di Più TV, Diva e Donna, Settimanale Nuovo, F e tutte le testate Disney; sono previsti spot da 15 secondi in onda su Disney Channel, Disney XD e Super!, oltre a una campagna web con banner e video su Facebook, Giochi.it, Gioco.it e Miniclip.it e a una outdoor nei circuiti della metropolitana di Milano. The Walt Disney Company The Walt Disney Company è un gruppo diversificato leader nel mercato dell’intrattenimento per famiglie e attivo in cinque segmenti: Media Networks, Parchi e Resorts, Studios, Prodotti Derivati e Interactive.

L’amore dell’Italia per il beniamino di casa Disney è confermato dagli altissimi dati di ascolto registrati ogni qualvolta un film Disney è trasmesso in televisione e il successo del marchio Disney abbinato alla creatività di aziende leader italiane. Inoltre i Disney Store e i quattro canali televisivi a marchio Disney costituiscono delle destinazioni d’eccellenza per bambini e famiglie.

Disney Italia è anche attiva nella comunità e collabora con scuole, ospedali, musei, organizzazioni locali come WWF Italia e diverse onlus quali ABIO (Associazione Bambini in Ospedale), Telethon e Make–a-­-Wish.

Credits
Direttore creativo: Marco Peyrano
Copy: Paolo Platania e Nicolò Carrassi
Art director: Matteo Ruisi

 

 

articoli correlati