COMMERCE

Le 5 tendenze tecnolgiche che domineranno il retail nel 2019. Il punto di vista di Adyen

- # # # # # #

Adyen

Ogni nuovo anno porta con sé nuovi cambiamenti nel mondo del commercio al dettaglio. La tecnologia sta spingendo i confini delle modalità d’acquisto. Da internet al mobile commerce per passare al commercio conversazionale, fino alla tecnologia wearable: qualsiasi dispositivo connesso o social network rappresenta infatti un potenziale canale di vendita. D’altra parte, anche i luoghi di vendita tradizionale si stanno evolvendo, diventando delle vere e proprie experience.

 

Quindi, in un mondo in cui tutto può essere un negozio e un negozio può trasformarsi in qualsiasi cosa, come si dovranno comportare i retailer nell’accogliere i clienti che sempre di più mettono il fattore “esperienza” al di sopra di tutto? Philippe De Passorio, Country Manager di Adyen Italia, introduce le cinque tendenze tecnologiche che interesseranno il settore del retail e che vedremo protagoniste nel 2019.

 

1. Il commercio unificato o “unified commerce” sarà fondamentale

 

Nel corso del 2019, i marchi non vedranno più le vendite all’interno del negozio in competizione con l’eCommerce, ma le due diverse modalità verranno considerate come un unico canale unificato.

 

“I vantaggi dell’unified commerce arrivano dal comprendere l’importanza che i dati sui pagamenti assumono nel generare nuove entrate. Il consolidamento dei dati sui pagamenti provenienti dai diversi canali consente infatti ai retailer di creare un quadro completo della loro clientela e di comprendere a fondo le preferenze dei clienti più fidelizzati, il valore medio delle transazioni e la frequenza degli acquisti, in modo da personalizzare in maniera sempre più pertinente offerte o programmi di acquisto”, racconta Philippe De Passorio.

 

2. La customer experience si evolverà ulteriormente grazie alla tecnologia

 

Migliorare l’esperienza d’acquisto rappresenterà un nodo fondamentale per far sì che i rivenditori possano differenziarsi dalla concorrenza. Ecco tre aree di sviluppo legate alla tecnologia che inizieranno ad emergere nel corso di quest’anno.

 

Smart devices
Si è parlato molto del potenziale di trasformazione della vendita al dettaglio di assistenti domestici come Amazon Echo o Apple’s HomePod. Nel 2019, entreranno in gioco anche nuove opportunità create da altri dispositivi come televisori e game console. Ad esempio, un cliente potrebbe guardare la TV, vedere un annuncio di un prodotto e acquistarlo immediatamente con un click del telecomando.

 

Meno code in negozio
Le code rappresentano per molti utenti uno dei principali ostacoli per completare l’acquisto.
Grazie alla tecnologia, i negozianti potranno però creare un legame continuo tra negozi online e negozi fisici, permettendo di avviare transazioni su una piattaforma e finirle su un’altra, effettuare resi in negozio, prenotare online e pagare in-store o utilizzare direttamente il cellulare per completare l’acquisto nel negozio fisico, con il conseguente vantaggio di ridurre l’attesa di pagamento alla cassa.

 

La tecnologia wearable
I prodotti wearable continueranno sempre più a semplificare il processo di vendita e a creare nuove esperienze per i clienti, in particolare nei settori dell’ospitalità e dell’intrattenimento “Potremo vedere clienti di un bar o di un resort pagare con un semplice dispositivo al polso, senza bisogno di un telefono o di una carta di credito”, spiega De Passorio.

3. L’importanza dei metodi di pagamento locali
In un mercato sempre più globale, i commercianti dovranno guardare oltre il mercato interno e aggiungere metodi di pagamento locali se vorranno espandere il proprio business. I retailer dovranno garantire che i metodi di pagamento offerti sia online che offline siano ottimizzati per i loro clienti in qualsiasi luogo, riconoscendo il valore di offrire un’esperienza di pagamento familiare ai turisti di tutto il mondo.

 

“I metodi di pagamento tipici dei turisti cinesi e i portafogli elettronici basati sul codice QR, saranno in cima alla lista delle priorità”, afferma de Passorio.

 

4. La seconda fase della direttiva Europea PSD2 offrirà nuove opportunità di innovazione
Il 2018 è stato l’anno del GDPR. Nel 2019 entrerà in vigore la seconda fase della PSD2, una nuova direttiva a cui i fornitori di servizi di pagamento e gli esercenti dovranno adeguarsi. Il settore del commercio al dettaglio dovrebbe considerare questa come un’opportunità, in quanto le nuove API potranno aiutare i commercianti a comprendere meglio i loro clienti e ad offrire loro nuove customer journeys.

 

5. Le frodi saranno più facili da evitare
I dati di Adyen indicano che le frodi continuano a crescere: 6 rivenditori su 10 hanno dichiarato lo scorso anno di aver rilevato un aumento delle attività fraudolente. Poiché le prime versioni del 3DS (3D-secure) non si sono rivelate di facile utilizzo o implementazione, molti commercianti hanno rinunciato a questa tecnologia di sicurezza.

 

“Con la nuova versione di 3DS che Adyen integra nella sua piattaforma di pagamento, i commercianti saranno in grado di migliorare la sicurezza e prevenire le frodi. Grazie alle nuove API create a seguito dell’entrata in vigore del PSD2, i fornitori di servizi di pagamento potranno eseguire controlli antifrode durante il completamento del processo d’acquisto, creando un’esperienza di pagamento semplificata e senza interruzioni”, conclude Philippe De Passorio.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Online il nuovo sito di Save the Children dedicato ai Regali Solidali. Firma Boraso

- # # # # #

Boraso

In tempo per iniziare a pensare ai regali di Natale arriva il nuovo sito di Save the Children dedicato ai Regali solidali, dove è possibile trovare regali pensati per aiutare a cambiare la vita di tanti bambini in tutto il mondo.

La firma della nuova piattaforma è di Boraso, agenzia full service di Conversion Marketing scelta da Save the Children Italia per una consulenza strategica finalizzata al redesign dell’eCommerce dedicato ai regali solidali.

Lo sviluppo del portale

Il punto di partenza della nuova release del portale è stata l’analisi dell’esperienza utente, per arrivare alla progettazione di nuove interfacce che rispondano a specifici bisogni e aspettative. Per delineare le caratteristiche e i comportamenti del target è stato organizzato un workshop tra Boraso e Save the Children.

Dai risultati ottenuti da questa attività, sono state definite personas, customer journey e comportamenti degli utenti, e individuato gli aspetti da considerare per la costruzione di una miglior customer experience. Queste informazioni sono state incorporate nel design di wireframe e quindi stati sviluppati i layout visual.

Durante questa prima fase di analisi e ricerca è stata studiata e realizzata una nuova architettura informativa. Questa nuova struttura consente una migliore fruibilità e interazione con la piattaforma, oltre che un più semplice reperimento dell’informazione sia lato utente che per i motori di ricerca.

Parallelamente a queste, sono state condotte anche attività lato SEO, nello specifico analisi, strategia e specifiche onsite volte ad identificare criticità e opportunità da considerare per indirizzare il traffico organico e qualificato verso il sito.

Lo sviluppo dell’eCommerce

Tutte queste attività sono state propedeutiche al cuore del progetto: lo sviluppo dell’eCommerce, che è stato interamente realizzato dagli sviluppatori Magento interni a Boraso.

Il risultato è una piattaforma completamente rinnovata, customizzata e personalizzata tanto da far vivere all’utente un’esperienza unica e intensa, che faccia spuntare un sorriso. Perché questi regali solidali fanno bene al cuore e non saranno mai dimenticati in un cassetto.

“Grazie alla professionalità del team Boraso e alla sintonia che fin da subito si è instaurata tra le nostre realtà, siamo riusciti a raggiungere questo primo obiettivo con grande soddisfazione e in tempi record”, commenta Lorenzo Catapano, Head Of Digital Media Department di Save The Children Italia.

articoli correlati

COMMERCE

Alkemy firma il nuovo eCommerce di Ducati, per un eShopping taylor made

- # # #

alkemy ducati

Alkemy mette in moto la passione per Ducati firmando il nuovo eShop dell’azienda, leader mondiale nella produzione di motociclette.

Alkemy inaugura in questo modo una partnership importante accompagnando Ducati in un ulteriore step del suo iter di digitalizzazione e di ampliamento del suo mercato, ed enfatizzando i momenti di brand experience e di acquisto sul web con il plus di nuovi servizi digitali e di un’offerta customizzata declinata sulle diverse target audience.

A seguito di una fase di analisi strategica condotta in modalità di co-design, il risultato è un eCommerce che, partendo dalla ridefinizione del customer journey degli appassionati e dei clienti Ducati, dà origine a una piattaforma integrata nell’intero universo del brand, che diventa strumento capace di costruire un’esperienza di eShopping tailor made, realmente modulata sulle caratteristiche dell’utente.

Un nuovo canale in dialogo costante con il mondo Ducati e con il suo sito istituzionale, che consente di integrare l’esperienza tradizionale con quella digitale, annullando le differenze tra mondo fisico e virtuale anche e soprattutto nell’esperienza di acquisto.

“La sfida maggiore è stata quella di valorizzare la nuova piattaforma di eCommerce all’interno del mondo estremamente diversificato di Ducati”, ha commentato Matteo Bellomo, VP eCommerce di Alkemy, “e di integrarla con gli asset omnicanale già consolidati, per offrire ai ducatisti un’esperienza di interazione con il brand coerente sia con il modo in cui vivono la loro passione sia, naturalmente, con la loro distribuzione geografica”.

“Una piattaforma coerente con i brand value e al passo con la digitalizzazione: un look&feel attraente e armonizzato alle digital properties Ducati, un design responsive, user friendly, mobile first e multi-language”, ha dichiarato Luca Battiloro, Commercial After Sales Director Ducati. “Coscienti che oggi il consumatore è omnicanale e viene influenzato da diversi touch point, sia fisici che digitali, il nuovo eShop offrirà opportunità di acquisto in cui on line e off line (tramite la rete dei dealer) si integreranno garantendo un incremento di traffico presso i concessionari e la conversione della fan base”.

L’intero progetto è frutto del lavoro del team di eCommerce di Alkemy che, con la guida di Matteo Bellomo (VP eCommerce) ha visto coinvolti in prima linea Marco Fabbro (PM) Valentina Usai (PM tech), Chiara Pagnotta (Head of Operations) e tutto il suo team, Rosa Cerasuolo e Andrea Druso Bianchi (Senior Store Managers), Simone Esposito La Rossa (Creative Director) e Silvia Stroppa (Senior Art Director).

articoli correlati

AZIENDE

Subito e Motociclismo insieme in occasione di EICMA

- # # # # #

Motociclismo - Subito

Subito annuncia, in occasione di EICMA,la partnership con Motociclismo, la più importante rivista specializzata dedicata al mondo delle due ruote.

I contenuti della storica testata, nata nel 1914, andranno ad arricchire gli annunci presenti nella piattaforma nella categoria Motori all’interno della sezione Moto e Scooter, per offrire agli utenti di Subito un servizio a valore aggiunto e un’esperienza online ancora più ricca ed efficace.

Chi cerca la propria moto su Subito troverà, direttamente all’interno dell’annuncio prescelto, una scheda con pregi e difetti di quel modello specifico, curati dalla redazione di Motociclismo e frutto della loro esperienza di collaudatori. Chi vende invece avrà ancora più visibilità: la propria due ruote potrà essere selezionata da Motociclismo ed essere inserita nella nuova sezione “usato” di motociclismo.it, che viene presentata proprio oggi a EICMA.

“Il comparto delle due ruote ricopre per noi di Subito un ruolo particolarmente strategico e ogni settimana riceve una media di circa 3 milioni di visite. Pur essendo leader in questa categoria, non ci accontentiamo e il nostro obiettivo è quello di continuare a crescere. Con la partnership con Motociclismo, che porta contenuti di qualità sulla nostra piattaforma e una selezione dei nostri annunci sulla loro, puntiamo ad ampliare ulteriormente il nostro bacino di utenza”, commenta Andrea Volontè, Head of Automotive di Subito.

Il nuovo servizio offerto da Subito, conferma l’importanza del settore delle due ruote per la piattaforma così come per l’intero segmento motori che vede nel digitale uno dei canali privilegiati sia per chi desidera acquistare che per chi deve vendere il proprio mezzo, grazie all’immediatezza nella condivisione delle informazioni e alla possibilità di avere accesso a un’offerta ampia e varia. Gli annunci presenti sulla piattaforma che riguardano le due ruote mediamente ogni giorno sono oltre 500.000, di cui 200.000 nella sezione Moto e Scooter e 300.000 in quella Ricambi e Accessori Moto.

Tra i modelli più rappresentati sulla piattaforma al primo posto ci sono gli scooter (28%), seguiti dalle moto sportive (17%) e da quelle Cross/Enduro (16%). Non manca poi le moto storiche e d’epoca (10%) e quelle turismo (9%). Per quanto riguarda invece le ricerche, nella classifica top brand, i primi 5 sono Harley Davidson, BMW, Ducati, KTM e Honda mentre i top5 modelli sono Vespa, Honda SH, Yamaha T-Max, Piaggio Beverly e Honda R6.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Ciesse Piumini affida a Triboo il lancio della nuova piattaforma eCommerce

- # # # #

ciesse piumini

Ciesse Piumini, storico marchio sportivo nato negli anni ’70 e fenomeno di culto negli anni ’80 e ’90, torna protagonista nel panorama della piuma Made in Italy con il nuovo eStore lanciato da Triboo, partner nella digitalizzazione a 360° del brand.

Il nuovo progetto consolida il posizionamento sportivo del brand e ne rafforza lo spirito più fashion e cittadino della linea Ciesse Piumini, attraverso una narrazione che fa della tecnologia un aspetto imprescindibile nel design di prodotto. Da oggi le linee del brand sono tutte raccolte nella piattaforma www.ciessepiumini.com: l’anima urban della linea Ciesse Piumini, Ciesse Outdoor con la sua impronta ad alto contenuto tecnico e West Scout per gli appassionati di sci.

La progettazione del nuovo portale, attivo in 25 paesi, presenta su un unico sito i contenuti legati alla storia dell’azienda, alle garanzie di autenticità, alle soluzioni tecnologiche adottate. Elementi di valorizzazione dell’offerta, ben integrati con il catalogo di prodotti disponibili nell’eCommerce.

Il tutto è espresso con un layout dal design immediato, a servizio di una UX che possa garantire una brand&product experience completa. Attenzione particolare è stata dedicata alle schede prodotto, ricche di dettagli tecnici su materiali, tecnologie e struttura dei capi.

A Triboo è stata affidata la gestione di tutte le operations dell’eCommerce, dal customer care alla fatturazione multi-valuta e alla logistica. A supporto della gestione della vendita online, Triboo si occuperà anche di tutte le attività di digital marketing volte a portare traffico al sito e a garantire la relazione con l’utente: email marketing, social media marketing e gestione del SEO on site.

articoli correlati

AZIENDE

DigiTouch SpA acquista Purple Ocean e potenzia la sua expertise in ambito eCommerce

- # # #

Purple Ocean

DigiTouch S.p.A. (AIM: DGT.MI), Full Digital Agency quotata sul mercato AIM Italia, ha sottoscritto in data odierna un accordo vincolante finalizzato all’acquisto di Purple Ocean, società italiana che offre soluzioni innovative di managed services e software development per eCommerce.

Purple Ocean ha realizzato nel 2017 ricavi delle vendite per complessivi 1.062 mila euro in crescita del 27,9% rispetto al 2016 e un EBITDA pari a 162mila euro nel 2017 in crescita del 65,4% rispetto al corrispondente periodo del 2016.

Il commercio elettronico sta assumendo un ruolo sempre più rilevante nel mercato, con una crescita a doppia cifra anno su anno. Secondo le stime del Politecnico di Milano entro fine 2018 l’eCommerce B2C in Italia avrà un valore di 27 miliardi di euro, +15% rispetto al 2017. Sono cifre rilevanti che evidenziano la tendenza delle aziende ad attivare il canale di vendita online, per soddisfare le esigenze di un pubblico che è sempre più parte attiva nei vari step della customer journey e che dà alle aziende la possibilità di conoscerlo sempre meglio e di offrirgli un’esperienza con la marca sempre più personalizzata.

I pillar attorno a cui si sviluppa l’offerta del Gruppo DigiTouch sono: Strategia, Dati, Creatività e Performance. Grazie a questi asset, il Gruppo supporta i brand nell’ideazione e implementazione di progetti di marketing integrati e omnicanale, volti sia ad amplificare l’awareness che a incrementare il business dei brand.

Orientata da sempre all’innovazione, Purple Ocean è nata nel 2010 come risultato di un’iniziativa imprenditoriale guidata da professionisti formatisi nella gestione di progetti complessi in ambito infrastrutturale per clienti di fascia enterprise e ha maturato una eccellente expertise nello sviluppo di soluzioni hybrid-cloud e infrastrutture distribuite, orchestrate con logiche di automation e DevOps.

Nel corso della sua storia aziendale Purple Ocean ha sviluppato alcune soluzioni specifiche per il mercato dell’eCommerce. In particolare, la sua selling proposition si struttura in tre macro-offerte: il servizio Purple Commerce, che riguarda la realizzazione di soluzioni altamente personalizzabili per gli eCommerce; PurpleX, ovvero uno strumento in grado di eseguire controlli automatizzati di qualsiasi sito web, rilevare ogni tipo di anomalia tecnica-funzionale o editoriale e simulare il comportamento degli utenti durante la navigazione del portale; la piattaforma Purple Platform, specializzata in servizi di business critical su infrastrutture di proprietà distribuite in tre data center in Italia, con certificazioni che spaziano dalla Tier III alla Tier IV Plus, dislocati geograficamente per garantire la compliance ai criteri di disaster recovery.

“L’acquisizione di Purple Ocean rappresenta un tassello importante del piano industriale e permette al nostro Gruppo, che si propone sul mercato come una Full Digital Agency, di arricchirsi di nuove competenze: consulenza e tecnologia software in ambito eCommerce completano la nostra offerta dedicata alle aziende retail e ci permettono di posizionarci come partner a tutto tondo per i brand che vogliono lanciare un proprio eCommerce, promuovere la propria offerta e alimentare un flusso continuo di crescita del business grazie a soluzioni di raccolta e analisi dei dati, di business intelligence e machine learning”, afferma Paolo Mardegan, CEO, Gruppo DigiTouch (nella foto).

“Questa operazione si inserisce nel disegno del Gruppo di svolgere un ruolo di aggregatore del mercato, con l’intento di essere sempre più anticipatore dei bisogni dei propri clienti, in un contesto in forte evoluzione e nel quale le tecnologie, insieme alle skills dei professionisti, rivestono un’importanza strategica. L’attività di Purple Ocean costituirà una nuova linea di business per il nostro Gruppo e offrirà opportunità di up-selling e cross-selling che concorreranno al raggiungimento dei risultati previsti dal piano industriale 2018-2020″, afferma Simone Ranucci Brandimarte, Presidente, Gruppo DigiTouch.

“Siamo davvero entusiasti di entrare a far parte del Gruppo DigiTouch, uno dei principali player indipendenti nel digital marketing in Italia. Purple Ocean ha maturato negli anni grandi competenze tecnologiche con particolare attenzione all’innovazione tramite servizi e soluzioni per clienti di fascia Enterprise. Siamo convinti che con l’ingresso nel Gruppo DigiTouch avremo la possibilità di contribuire in maniera sempre più significativa alla Digital Transformation attraverso soluzioni tecnologiche innovative, in grado di confrontarsi direttamente con il digital marketing, in un’ottica reciprocamente vincente”, afferma Massimo Leonarda, Fondatore e CEO, Purple Ocean.

Dettagli dell’operazione

La struttura dell’operazione prevede l’acquisizione da parte di DigiTouch SpA di una quota del 51% del capitale sociale di Purple Ocean, per un corrispettivo di Euro 590 mila pro quota e una Posizione Finanziaria Netta Positiva al 31 luglio 2018 pari a Euro 230 mila, a fronte di un EBITDA (post prime integrazioni derivanti dall’acquisizione) pari a Euro 250 mila. L’accordo prevede che parte del corrispettivo (Euro 100 mila) venga pagato mediante azioni proprie di DigiTouch. Il restante 49% della Società potrà essere acquistato da DigiTouch SpA secondo un modello di “put and call” entro il 31 dicembre 2022.

Al fondatore di Purple Ocean saranno attribuite le deleghe di ordinaria amministrazione della Società e lo sviluppo del business.

articoli correlati

AZIENDE

Dati e creatività nel focus del prossimo Start in Touch del Gruppo DigiTouch

- # # # #

Gruppo DigiTouch

È giunta al settimo incontro la rassegna “Start in Touch: l’innovazione a colazione”, lanciata dal Gruppo DigiTouch, società quotata sul mercato AIM Italia e specializzata nel Mar-Tech, con l’obiettivo di offrire a marketing manager e director l’opportunità di approfondire i trend topic del settore digital.

Martedì 16 ottobre a Milano gli esperti della Società, insieme a uno special guest di Google, parleranno di “DRIVE-TO-EXPERIENCE. Dati e creatività per ripensare il percorso dell’utente”. L’incontro è organizzato in collaborazione con Assofranchising, associazione storica nell’organizzazione della rappresentanza del franchising in Italia, con cui il Gruppo ha da poco stretto una partnership strategica.

Partendo dall’assunto che oggi il digitale non è un mondo separato da quello reale, ma è il contesto nel quale ci muoviamo, i relatori getteranno nuova luce sulle possibilità offerte dall’utilizzo della tecnologia per riconoscere l’utente in ogni momento del suo percorso, riconciliare i suoi dati per catturare la sua attenzione con contenuti rilevanti e trasformare il punto vendita nello spazio ideale per far vivere un’idea creativa.

Sul palco saliranno: Alessandra Tarenzi, Managing Director di DigiTouch Agency, Enrico Torlaschi, Managing Director di E3, un ospite speciale di Google e Italo Bussoli, Presidente di Assofranchising.

“Oggi il digitale non è un mondo alternativo al mondo “reale”. Quindi non ha molto senso, quando si cerca di comprendere i comportamenti delle persone, distinguere nettamente tra acquistare in store o su ecommerce. Semplicemente, si vive un’esperienza di acquisto resa fluida dal digitale pervasivo. È interessante poter condividere la nostra esperienza nell’utilizzo dei dati per trasformare quell’esperienza in qualcosa di innovativo e soprattutto efficace”, afferma Paolo Mardegan, CEO del Gruppo DigiTouch.

“L’eCommerce è sempre più integrato all’attività in-store, tuttavia non sempre è facile interpretare e comprendere le dinamiche di acquisto del consumatore finale. Come Associazione ci poniamo a fianco delle insegne per aiutarle a crescere e adeguarsi alle nuove tendenze del mercato nel modo più giusto”, afferma Italo Bussoli, Presidente, Assofranchising.

L’evento si svolgerà dalle 9.00 alle 11.30 presso l’Ibis Hotel di Via C. Finocchiaro Aprile 2 a Milano. La registrazione è obbligatoria e può essere richiesta online dal sito http://start-in-touch.gruppodigitouch.it/

articoli correlati

COMMERCE

eCommerce B2c: la logistica nell’ultimo miglio. Otto su dieci non terminano l’acquisto

- # # # #

ecommerce b2c

Per l’85% dei principali merchant italiani la consegna tradizionale a domicilio gestita da terzi (corrieri espresso, operatori postali) è la modalità più utilizzata dai propri web shopper. I consumatori prediligono, inoltre, gli strumenti di pagamento contestuali all’acquisto (carta di credito e PayPal), i quali generano il 96% del transato eCommerce B2c. Relativamente al post-vendita, il 78% degli operatori combina 2 o più strumenti di assistenza al cliente: tra questi, l’email e il telefono rappresentano le modalità più adottate (87% e 86%), seguono chat/chatbot (23%) e social network (11%).

È quanto emerge dalla fotografia scattata dall’Osservatorio eCommerce B2c Netcomm –  School of Management del Politecnico di Milano, che analizza le due fasi a valle della catena del valore eCommerce, ossia le attività volte a gestire l’evasione dell’ordine e assistere il consumatore durante l’acquisto.

“Nel 2018, l’utilizzo degli strumenti di pagamento contestuali all’ acquisto è la modalità più apprezzata dai consumatori: ben il 96% dell’eCommerce è generato attraverso carta di credito (64%) e PayPal (32%). Resta basso l’impiego di altri mezzi di pagamento, come il bonifico (2%) e il contrassegno (2%)”, spiega Valentina Pontiggia, Direttore dell’Osservatorio eCommerce B2c Netcomm – School of Management del Politecnico di Milano. “È confermata, inoltre, la bassa incidenza delle frodi, pari a un valore dello 0,15% del mercato (in linea con quanto registrato nel 2017).  La sicurezza percepita rimane però una delle principali barriere all’acquisto online da parte di molti potenziali clienti”.

Tra le diverse fasi del customer journey, quella di check-out risulta essere quella più critica: su 100 visitatori che inseriscono nel loro carrello almeno un prodotto, ben 88 abbandonano il sito senza finalizzare l’acquisto. Ridurre il tasso di abbandono del carrello, lavorando sull’offerta di strumenti di pagamento per intercettare le preferenze di tutti i potenziali clienti e  semplificando il processo di acquisto, rimane una delle sfide più critiche per i merchant eCommerce.

L’altro punto critico è il processo di consegna a domicilio dell’acquirente. “L’85% dei merchant intervistati dichiara che la consegna tradizionale a domicilio gestita da terzi (corrieri espresso, operatori postali) è la modalità più utilizzata dai propri web shopper. L’8% dei merchant, concentrati soprattutto nell’Alimentare, segnala invece come soluzione più impiegata la consegna a domicilio con mezzi propri, mentre il 7% il ritiro in store”, commenta Riccardo Mangiaracina, Direttore Scientifico dell’Osservatorio eCommerce B2c Netcomm. “A fianco della consegna standard, aumenta l’offerta di servizi a valore aggiunto, che arricchisce e migliora il servizio base e rappresenta un fattore competitivo di differenziazione rispetto alla concorrenza. Attraverso questi servizi i merchant vogliono sia ridurre i costi delle mancate consegne (uno dei principali freni all’acquisto online) sia migliorare il livello di servizio e la soddisfazione del cliente, con ritorni importanti sul fatturato.”

Tra i servizi a valore aggiunto offerti dai primi 50 merchant di prodotto in Italia, quelli più semplici, come la consegna in un giorno definito e “al piano”, sono offerti da circa il 40% degli operatori, mentre quelli che puntano alla riduzione delle consegne fallite, come la consegna al sabato, serale o su appuntamento, sono adottati dal 20%. Ancora poco offerti i servizi che puntano sulla velocità, come la consegna same day (15% dei merchant) e la consegna in due ore (6% dei merchant, concentrati nel food delivery). I principali merchant dell’Informatica ed elettronica offrono invece la consegna con installazione.

Infine l’analisi condotta sui primi 100 merchant per fatturato operanti in Italia, ha evidenziato un utilizzo consapevole e maturo di diversi sistemi di assistenza al cliente, sia sincroni (telefono, chat…) sia asincroni (email, post sui social…).
“La strategia dei merchant italiani è combinare l’offerta di più strumenti di assistenza: il 78% ricorre infatti ad almeno 2 canali. L’email e il telefono rappresentano le modalità più adottate (87-86%), seguono chat/chatbot (23%) e social network (11%). Al tempo stesso, cresce anche l’uso di mezzi meno tradizionali come Skype e WhatsApp” conclude Samuele Fraternali, Ricercatore Senior dell’Osservatorio eCommerce B2c Netcomm.  “La scelta del canale di assistenza è influenzata dal comparto merceologico di appartenenza: nei prodotti prevale l’email mentre nei servizi il telefono, più adatto a gestire consulenze più complesse. Adottare adeguati sistemi di assistenza favorisce la capacità di convertire l’interesse in acquisto e di creare una relazione prolungata e ricca di valore con il proprio consumatore”.

articoli correlati

AGENZIE

Save the Children sceglie Boraso per il restyling dell’eCommerce Lista dei desideri

- # # # # #

Boraso - Save The Children

Save the Children ha avviato in Italia una collaborazione con Boraso per una consulenza strategica finalizzata al restyling dell’eCommerce dedicato ai regali solidali.

La Lista dei Desideri è il portale di Save the Children Italia dove è possibile trovare regali pensati per cambiare la vita di molti bambini, tra i più vulnerabili, in Italia e in tutto il mondo. Ci sono proposte per qualsiasi tipo di evento e, una volta scelto il dono, sarà simbolicamente recapitato al destinatario con una e-card corredata di certificato di donazione, ma andrà concretamente a beneficio e a sostegno dei progetti di Save the Children a favore dei bambini nel mondo.

La collaborazione tra Boraso e Save the Children prevede lo sviluppo di nuovo eCommerce coerente e in linea con l’identità e il posizionamento del brand dell’Organizzazione.

Una prima release sarà rilasciata a ottobre 2018 secondo le logiche dell’approccio MVP (Minimum Viable Product): una soluzione che prevede un numero sufficiente di funzionalità tali da consentire la gestione dei servizi, pur continuando in parallelo il processo di sviluppo altamente personalizzato per il completamento di tutti i passaggi definiti. Questo risulta infatti essere il miglior modo per ottimizzare il time to market con le evoluzioni delle richieste che sopraggiungono nella realizzazione di un progetto, mentre prende forma.

“L’orientamento al risultato e alla focalizzazione sulle performance che Boraso incarna nella sua identità di agenzia di Conversion Marketing sono state le principali motivazioni che ci hanno portato a sceglierlo come partner per la release della nostra Lista dei Desideri”, commenta Lorenzo Catapano, Head Of Digital Media Department di Save The Children Italia. “Per noi il raggiungimento di un risultato si traduce concretamente nella possibilità di aiutare sempre più bambini e garantire loro un futuro. L’approccio che Boraso ha proposto per questo progetto si allinea alla nostra visione e ai nostri obiettivi in termini di raccolta fondi, valorizzando al meglio e migliorando sempre l’esperienza e il coinvolgimento dei nostri donatori. Da subito infatti si è instaurato con il team di Boraso un clima di collaborazione positiva e professionale: queste credo siano la premesse fondamentali per raggiungere nuovi e importanti risultati facendo concretamente la differenza in positivo nella vita di tantissimi bambini in Italia e nel mondo”.

articoli correlati

AZIENDE

Triboo acquisisce Net2b e rafforza il posizionamento nel settore moda e lusso

- # # # # # # #

triboo - net2b

Triboo annuncia di avere concluso la acquisizione di Net2b società di sviluppo del gruppo Antonioli che fa capo a Claudio Antonioli, (trend setter internazionale nella street fashion).

Net2b gestisce con successo le piattaforme tecnologiche di New Guards Group, che ha come co-fondatore Claudio Antonioli,  e ha al suo interno marchi in fortissima crescita come Antonioli, Off-White, Marcelo Burlon, Antonia Boutique, Palm Angels, Heron Preston, A Plan Application, Ben Taverniti, Unravel e Alanui; a soli 4 anni dalla costituzione, stima di chiudere il 2018 con oltre 200 milioni di euro di fatturato posizionandosi come gruppo emergente nel panorama fashion internazionale.

Con l’operazione, Triboo rafforza ulteriormente il proprio posizionamento distintivo nel settore del fashion e del lusso. Net2B negli anni si è distinta sul mercato grazie a un’offerta che fa leva sulla creazione di soluzioni eCommerce basate su tecnologie e infrastrutture di ultima generazione, ma anche su concept innovativi per lo sviluppo di esperienze digitali, visive e grafiche sempre più coinvolgenti per il consumatore finale.

L’operazione permetterà a Triboo di rafforzare ulteriormente il proprio know-how di digital-factory in grado di accompagnare le aziende della moda e del lusso lungo tutto il percorso di digitalizzazione, con un focus specifico sulla gestione tailor-made del canale eCommerce, sugli obiettivi di vendita e di profittabilità degli store e sull’individuazione delle strategie di vendita più efficaci.

Nella foto Claudio Antonioli e Giulio Corno, AD Triboo.

articoli correlati

COMMERCE

Netcomm Focus Fashion e Lifestyle 2018: più acquirenti e più vendite online

- # # # # #

netcomm focus

Oggi si è svolto a Milano, a Palazzo Mezzanotte, per il secondo anno consecutivo, il Netcomm Focus Fashion & Lifestyle, l’appuntamento di riferimento per la trasformazione digitale e l’eCommerce delle aziende del fashion, del beauty e del design promosso da Netcomm in collaborazione con Fashion Magazine.

Crescono le persone che utilizzano abitualmente il web per effettuare i propri acquisti: il numero di eShopper nel mondo è salito da 1,77 miliardi del 2017 a quasi 2 miliardi nel 2018, e si prevede che entro il 2022 arriveranno a superare i 2,5 miliardi. Anche le vendite online seguono questo trend: nel 2017 hanno superato i 2.300 miliardi di dollari e si stima che nel 2018 sull’online verranno effettuati acquisti per un valore di oltre 2.800 miliardi (fonte: Statista 2018). Anche il mercato del lusso nel suo complesso segue il trend crescendo in maniera consistente nell’ultimo decennio: la spesa per questa tipologia di beni è salita di quasi 100 miliardi di euro, passando dai 170 miliardi del 2007 ai 262 del 2017.

Il numero di consumatori mondiali che scelgono il web per acquistare capi di abbigliamento, footwear e accessori aumenta con un tasso di crescita annuo medio del 9% tra il 2016 e il 2022: sono passati da 948 milioni nel 2016 a 1.062 milioni nel 2017; le stime per il 2018 li attestano a 1.178 milioni e il trend proseguirà nei prossimi anni fino a toccare la quota 1.580 milioni nel 2022. L’incremento della spesa di questi consumatori in abbigliamento e accessori aumenta a un tasso di crescita annuo medio ancora superiore (12%) tra il 2016 e il 2022, passando da 322.521 milioni di euro (2016) a 377.704 milioni di euro (2017), quest’anno supererà i 435 milioni fino ad arrivare a 645 milioni nel 2022.

“La crescita degli acquirenti online è inarrestabile e più della metà delle persone che scelgono questo canale acquistano prodotti lifestyle” commenta Roberto Liscia, Presidente di Netcomm. “La Cina si conferma il mercato online più importante nel mondo per quanto riguarda il fashion con acquisti per un valore di oltre 176.730 milioni nel 2017, circa il 50% della spesa mondiale in questo settore, ma la crescita delle persone che si rivolgono al web per acquistare abbigliamento, accessori, cosmetica e prodotti di design è una tendenza planetaria e le imprese sono chiamate a cogliere le opportunità offerte dall’ecosistema digitale. I consumatori sono sempre più informati e consapevoli e la maggior parte di essi (il 61%) si aspetta una forte trasformazione del settore indotta dalle nuove tecnologie, con un grande impatto del digitale sui modelli di acquisto. Il 39% vorrebbe servizi di home delivery di alta qualità, il 44% chiede forti programmi di loyalty e il 45% desidera prodotti e servizi sempre più personalizzati. Inoltre, è fondamentale che il negozio fisico si evolva in chiave omnicanale facendo da ponte fra mondo fisico e digitale e ridefinendo le modalità di relazione con la clientela”.

Il negozio è ancora un luogo cruciale (anche alla luce del fatto che nei punti vendita viene effettuato il 63% degli acquisti) ma la rivoluzione tecnologica lo sta riconfigurando: basti pensare al self-checkout e al programma loyalty proposti da Zara, all’integrazione di online e offline di Sephora, che con il suo click&collect permette di acquistare il prodotto sul sito e ritirarlo in 2 ore nel punto vendita, al negozio-entertainment di Adidas o alla virtual reality integrata nei punti vendita di Gucci. L’acquisto è soltanto una parte del processo conversazionale che si instaura tra il cliente, il brand e il venditore e diversi fattori contribuiscono a rendere soddisfacente l’esperienza in negozio: il 58% dei consumatori ritiene importante il pagamento self-service, il 70% apprezza la possibilità di trovare offerte real-time personalizzate, il 57% giudica utili gli schermi per vedere e ordinare prodotti, il 73% vuole addetti alla vendita preparati. Il personale del negozio è portatore di una nuova cultura e deve essere adeguatamente formato, visto che il suo ruolo è fondamentale per la creazione di una relazione rinnovata col cliente, che anche grazie alla tecnologia diventa più esperienziale e caratterizzata dall’erogazione e dalla condivisione di contenuti.

“Il digitale sta offrendo opportunità allettanti a tutte le imprese attive nel settore del fashion, della cosmetica e del design, alcune delle quali esprimono tutta la qualità del Made in Italy”, prosegue  Liscia. “Brand e aziende dovranno essere capaci di ripensare in modo profondo i propri modelli di business e la relazione con il mercato: saranno chiamati ad accorciare i tempi del ciclo che porta dal design allo scaffale”.

Quella della in-store experience è una delle aree di investimento prioritarie per la crescita del Digital Lifestlyle secondo i professionisti del settore, indicata dal 26% del campione; il 60% è convinto che si debba investire sull’integrazione omnichannel e sul marketing digitale, il 34% menziona CRM e programmi di loyalty, il 26% indica brand building e difesa del prezzo e il 24% ritiene importanti investimenti IT per digitalizzare la value chain. Quest’ultimo è un fattore sicuramente cruciale: oltre a offrire la possibilità di disintermediazione attraverso la vendita diretta, a raccogliere grandi quantità di dati sui comportamenti e i desideri degli utenti che permettono di creare offerte coerenti ad essi, le nuove tecnologie consentono infatti di digitalizzare tutta la catena del valore, rendendo i processi più efficienti e rapidi.

“Le aziende dei settori costitutivi del made in Italy e dell’Italian Lifestyle si trovano a dover compiere un doppio salto di qualità”, aggiunge Marc Sondermann, CEO & Editor-in-chief Fashion Magazine e eBusiness Magazine. “Da una parte sono costrette a cambiare pelle in modo profondo, integrando online e offline, dall’altra si trovano obbligate a ottenere quella massa critica imprescindibile per essere preponderanti a livello mondiale nella loro nicchia di riferimento”.

A seguire, le Tavole Rotonde con protagonisti del mercato che hanno affrontato alcuni temi di grande attualità: da Alessandra Domizi, Industry Head Retail and Fashion di Google Italia, che ha ricordato la promozione di Yoox di 5 secondi solamente per conquistare l’oggetto in vendita; a Marco Adami, Senior Product Manager Business Development di DHL Italy, che ha sottolineato il valore aggiunto della vera consegna “su misura”; a Lars Feldscher, Head Astounding Commerce Dach, che ha evidenziato le contraddizioni e le specificità geografiche dei consumatori: come gli Italiani che preferiscono le App per eCommerce (70% vs 52% dei tedeschi), e non “si divertono” a fare shopping online (38% vs 57% USA).

Nel pomeriggio, hanno chiuso la giornata due sessioni alternative, in simultanea, che hanno preso in esame le tante varie declinazioni dell’eCommerce, dalle soluzioni logistiche alle nuove frontiere del retail, all’ultimo miglio dell’eCommerce, fino ai suggerimenti per incrementale le conversion.

 

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Trovaprezzi.it: esordio in tv e nuovo luogo. Firma H-57 Creative Station

- # # # #

Trovaprezzi

Trovaprezzi.it, il motore di ricerca prodotti più utilizzato dagli italiani per risparmiare sui propri acquisti, è approdato in Tv domenica 1° luglio con la prima campagna pubblicitaria per valorizzare tutte le sue funzionalità.

La campagna, realizzata da H-57 Creative Station, agenzia creativa milanese già autrice delle pubblicità di gran successo di Segugio.it, prevede una serie di differenti spot. Gli episodi partono dalle necessità quotidiane e a volte impellenti: il sogno di un condizionatore in un’afosa giornata d’estate, oppure la sfortunata caduta del nostro smartphone. Situazioni in cui vorremmo trovare in fretta, comodamente e al miglior prezzo possibile tutto ciò di cui abbiamo bisogno. Adesso il luogo giusto per soddisfare i nostri desideri e risparmiare è a portata di click, con una semplice ricerca su Trovaprezzi.it. Non a caso il payoff della campagna è il semplice ma efficace “Chi cerca, Trovaprezzi”.

La creatività evidenzia la qualità e la trasparenza dei servizi offerti dal sito, uniti alla diversificata gamma di prodotti di frequente e importante acquisto. Due caratteristiche chiave di Trovaprezzi.it. Gli spot richiamano poi un ulteriore tratto distintivo di Trovaprezzi.it: l’attenzione alla qualità e alla affidabilità dei venditori online presenti sul sito, oggetto di valutazione continua da parte degli utenti tramite due sistemi di recensioni certificate.

A questi principi cardine si ispira anche la nuova veste grafica del logo, utilizzando due icone senza tempo già presenti in passato nella simbologia di Trovaprezzi.it: la lente e il simbolo dell’euro, a richiamare le grandi valenze di ricerca di qualsiasi prodotto e di garanzia di massima attenzione al prezzo di acquisto.

La campagna Tv è partita con i primi due spot on air in contemporanea, nelle durate di 20 e 30 secondi, ed è disponibile anche sulla homepage di Trovaprezzi.it. Coinvolgerà tutte le principali emittenti italiane – Rai, Mediaset, Digitalia, La7, Sky, Cielo, Discovery, Viacom – con grande frequenza di programmazione e in tutti i palinsesti fino al 14 luglio, ed è già allo studio una prosecuzione della campagna nei mesi successivi.

 

 

“Oggi è per noi un giorno importante. Abbiamo dedicato gli ultimi anni a un vero rilancio di immagine di Trovaprezzi.it, a partire dal restyling del sito con lo sviluppo di alcune features della piattaforma per permettere agli utenti di godere di una user experience sempre più innovativa, fino al rinnovo del logo con una visione più coinvolgente ma pur sempre legata ai valori primari del brand. L’esordio in Tv rientra in un’ampia strategia di trasformazione che include altri ambiziosi progetti. L’obiettivo è soprattutto quello di soddisfare quotidianamente i nostri utenti e coltivare le già solide relazioni con i nostri inserzionisti, così da offrire alla rete una vetrina trasparente e affidabile di ciò che propone il mercato”, dichiara Dario Rigamonti, Responsabile di Trovaprezzi.it.

articoli correlati

AGENZIE

Original Marines sceglie Triboo come partner digitale. Al via l’eCommerce integrato

- # # # #

original marines

Original Marines prosegue il suo percorso verso l’omnicanalità e fortifica la sua presenza internazionale anche sui canali digital scegliendo Triboo come partner.

Triboo si è occupata del restyling del sito istituzionale e della realizzazione dell’eCommerce integrato. La progettazione del nuovo portale, disponibile in 7 lingue e attivo in 33 Country d’acquisto, si è basata su un lavoro di meticolosa riorganizzazione dei contenuti in un layout dal design semplice e caratterizzato da una UX che possa garantire una brand&product experience completa.

Triboo ha perfezionato le funzionalità già esistenti e ha portato a un livello di ulteriore integrazione la piattaforma eCommerce, in particolare attraverso strumenti omni-channel come il Single Sign-On (autenticazione unificata) tra app del brand e store online, il Pay & Collect nei negozi fisici e servizi multicanale di Loyalty.

A Triboo è stata affidata la gestione di tutte le operations dell’eCommerce integrato: la logistica e la gestione dei pick-up in store su tutto il territorio italiano, l’incasso e la fatturazione multi-valuta per i diversi Paesi in cui è disponibile l’acquisto e il customer care (e-mail e telefono, in italiano e in inglese). Triboo si occuperà, inoltre, della gestione del SEO on site e off site e fornirà la propria consulenza specialistica su attività di Direct Marketing Automation.

Il progetto prevede anche la realizzazione di strategie di digital marketing volte a supportare la crescita del brand online, a partire dalle campagne di Google Adwords per massimizzare le performance sul canale.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Il trionfo del Branded Commerce: Tembo cala il poker

- # # #

netcomm award

La straordinaria giornata di Tembo inizia al VII Netcomm eCommerce Award, l’iniziativa di Netcomm che individua le migliori realtà italiane di eCommerce che si distinguono per livello di innovazione del modello di business, grado di evoluzione tecnologica ed efficacia della relazione con il cliente.

Il primo progetto premiato dalla giuria di esperti è Paco, un portale dedicato alla vendita online di prodotti alimentari ultra premium e accessoristica per animali (paco.pet). Tembo progetta completamente la brand identity, la user experience e l’interfaccia grafica, con l’obiettivo di ottimizzare la navigazione e aumentare i tassi di conversione. Paco si aggiudica il primo premio nella categoria Pets.

Dopo Paco è il turno di Mr. Worker, uno store online di utensili e attrezzatura di lavoro finanziato da AME Ventures. Un marketplace B2B di riferimento per la manutenzione industriale costituito da negozi verticali specializzati e monomarca composti da oltre 50.000 prodotti, selezionati tra le migliori marche per professionisti presenti sul mercato. La nuova piattaforma, attiva su offre un’esperienza di navigazione semplice e immediata, schede tecniche dettagliate e video tutorial, un blog con suggerimenti e recensioni, gestione preventivi tramite CRM e nuovi metodi di pagamento (misterworker.com).
Un lavoro estremamente complesso e dettagliato che ha portato la Branded Commerce Company torinese a vincere il primo premio nella categoria B2B.

Quasi in contemporanea, Tembo è protagonista anche al Teatro Elfo Puccini di Milano, sul palco dei XII NC Awards, dal 2007 vetrina di eccellenza e punto di riferimento per l’intero panorama della comunicazione. A trionfare questa volta è Eutekne.info, che si aggiudica due ori in due categorie differenti: Best Holistic Campaign BTOB e Miglior Campagna Interattiva Digitale BTOB.

“I quattro premi”, dichiara Michele Cornetto, CEO di Tembo, “rappresentano la consolidano come una delle realtà indipendenti più premiate del 2018 e rafforzano il posizionamento focalizzato sul Branded Commerce, che mette al centro il valore di marca con l’obiettivo di massimizzare il processo di acquisto e la fidelizzazione dei clienti”.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Netcomm eCommerce Award 2018: Bottega Verde vince il primo premio assoluto

- # # # # #

Bottega Verde

A chiusura della prima giornata del Netcomm Forum 2018, ha avuto luogo la cerimonia di premiazione del Netcomm eCommerce Award 2018, il premio che ogni anno valorizza idee e strategie originali applicate al commercio elettronico delle migliori realtà italiane.

Ad aggiudicarsi il primo premio assoluto è stata Bottega Verde, marchio storico nel settore della cosmetica, che si è distinto rispetto agli altri 72 candidati.

Nata come erboristeria nel 1972, l’azienda riesce ad integrare armonicamente la dimensione online e quella offline grazie al suo approccio omnicanale. Questa strategia, unita alla forte attenzione al consumatore e alla costante innovazione di un prodotto sicuro e rispettoso della natura, rende Bottega Verde protagonista anche a livello internazionale.

Il premio è stato istituito da Netcomm per valorizzare idee e strategie originali applicate al commercio elettronico. Una giuria di esperti super-partes ha selezionato e analizzato 73 eccellenze italiane in ambito eCommerce, che sono state valutate e premiate sulla base di criteri quali l’innovazione dei modelli di business, la user experience, le strategie di marketing e di conversation, i servizi di customer care, l’attenzione verso gli aspetti logistici e di pagamento, nonché di compliance regolamentare.

“In questo momento di grande dinamismo per il commercio digitale italiano è particolarmente interessante scoprire le strategie più creative e innovative alla base dei progetti di eCommerce di maggior successo”, commenta il Presidente di Netcomm Roberto Liscia. “Con la continua crescita delle grandi piattaforme riteniamo fondamentale dare evidenza alle realtà che riescono a differenziarsi attraverso l’innovazione tecnologica, la creatività, la capacità di creare proposte esperienziali per il consumatore e generare così opportunità di sviluppo percorribili non solo da grandi imprese, ma anche da medio-piccole realtà. Queste sono le aziende che hanno saputo sviluppare una nuova forma di cultura orientata alla sperimentazione continua, mettendo in discussione quanto fino a oggi acquisito e aprendosi al futuro con spirito critico”.

Di seguito i premi per le singole categorie:

Primo premio assoluto
Vince Bottega Verde per l’approccio omnicanale, la forte attenzione al consumatore e la costante innovazione di prodotto.

Categoria Arredamento e oggettistica
Premiata Scavolini che ha fatto della customizzazione, della flessibilità e della multicanalità i punti di forza del suo eShop.

Categoria Fashion, Jewelry e Accessori
Il premio va a Fiorellarubino per il forte approccio mobile first, completamente integrato con gli altri negozi di Miroglio Fashion e perché offre la possibilità ai propri clienti di personalizzare i capi facendo sentire il consumatore unico.

Categoria Food and Beverage
Vince il premio Cortilia, il primo mercato agricolo online a mettere in contatto i consumatori con agricoltori, allevatori e produttori artigianali; premiato per l’innovazione e per il nuovo modo di comporre e personalizzare il proprio acquisto.

Categoria Elettronica di consumo
Unieuro vince per aver creato un’applicazione mobile a supporto non solo dell’e-commerce, ma anche dei punti vendita: un’app che consente un’esperienza omnicanale del processo d’acquisto.

Categoria Profumeria e cosmetica
Bottega Verde, vincitore assoluto dei Netcomm eCommerce Award 2018, si aggiudica anche il premio nella categoria merceologica di riferimento per aver integrato nel proprio modello di business l’esperienza di acquisto online con l’offline.

Categoria Salute e Benessere
Premiata Farmacia Loreto, affacciatasi al mondo dell’eCommerce quasi 10 anni fa e fra le prime farmacie a cogliere l’opportunità della vendita online. Premiata per aver colto l’opportunità della vendita online crossborder, in particolare nel mercato cinese.

Menzione speciale per la Categoria Salute e Benessere
Menzionata Amicafarmacia per aver sviluppato un sito chiaro e lineare, pensato in ottica responsive, e per aver avuto la capacità di costruire un rapporto di fiducia con il cliente.

Categoria Viaggi e Tempo libero
Premiata Ticketone, già vincitore nel 2017 grazie al suo approccio omnichannel e cross device, per la nuova App “I tuoi eventi a portata di mano”, che offre un’esperienza di acquisto intuitiva, user friendly e personalizzata.

Categoria Kids
Premiato Mukako, portale verticale dedicato alle esigenze delle neomamme e diventato un punto di riferimento in Italia per l’acquisto online di prodotti per la prima infanzia, che ha sviluppato prodotti innovativi per le famiglie.

Categoria Pets
Paco, portale dedicato alla vendita online di prodotti alimentari ultra-premium e accessoristica per animali, vince il premio per aver promosso la cultura della qualità e del rispetto degli animali e della natura attraverso tutti i canali di comunicazione attivi con i propri clienti.

Categoria Servizi
Vince Milkman grazie al suo servizio di consegna a domicilio per l’eCommerce costruito attorno alle esigenze del consumatore.

Categoria Sport
SportIT Football vince il premio grazie all’innovatività del modello di vendita, che offre l’opportunità al cliente di poter provare e personalizzare il proprio prodotto prima di acquistarlo.

Categoria No Profit
Just Eat, vincitore nel 2017 per la categoria Food, vince per il progetto Ristorante Solidale, che ha l’obiettivo di contribuire alla riduzione degli sprechi e alla sensibilizzazione dei cittadini e del mondo della ristorazione verso questi temi.

Categoria Giardinaggio e Fai da te
Apicolturaurbana, il primo eCommerce che avvicina le persone comuni al mondo delle api, è stato premiato per un progetto di originale e innovativo che permette di produrre miele a km 0, favorendo allo stesso tempo la protezione delle api.

Categoria B2B
Premiato Mister Worker, marketplace di utensili professionali e attrezzi da lavoro per aziende, che vince per aver colto l’opportunità della vendita online cross border: oggi le vendite internazionali rappresentano oltre il 50% del suo fatturato.

Categoria Digital retailing – unified commerce
Coincasa, che ha fatto dell’omnicanalità il suo punto di forza, vince il premio per aver posto al centro il cliente e portato nello store fisico servizi e un livello di customer experience tipici dello store digitale. L’esperienza è ulteriormente migliorata dalla relazione col personale di vendita.

Categoria Innovazione
CaldaieMurali.it, sito eCommerce italiano dedicato alla Termoidraulica con un blog ricco di informazioni e video a supporto dei suoi clienti, che lo rende vero e proprio influencer di settore, vince il premio grazie a servizi e soluzioni innovative in ambito di prodotto, modello di business e attenzione al consumatore.

Categoria Internazionalizzazione
Illy ha un modello di business i cui punti di forza sono omnicanalità, personalizzazione dell’offerta e attenzione al cliente. Vince il premio per aver esteso il proprio business oltre i confini nazionali: Illy.com è ora live in Europa, Sud America, Nord America e Asia.

Categoria Start up e nuove promesse
Martha’s Cottage, vincitore assoluto nel 2017, è un innovativo e pioneristico progetto di eCommerce dedicato al matrimonio che ha intercettato il cambiamento da tradizionale a digitale creando engagement nel pubblico più giovane.

Premio speciale
Era il 3 giugno 1998 quando un cliente di Freemont, California, ha acquisto online su IBS.it segnando l’inizio della storia dell’eCommerce in Italia. La piattaforma, punto di riferimento per amanti di libri e prodotti d’intrattenimento culturale, vince il premio speciale per i suoi 20 di attività nell’eCommerce.

Netcomm eCommerce Award è un’iniziativa di Netcomm realizzata in collaborazione con TVN Media Group.

articoli correlati