MEDIA

Sergio Bonelli Editore e Gazzetta dello Sport lanciano “Dylan Dog, I colori della paura”

- # # # # # # # #

Già l’anno scorso Dylan Dog, il fumetto della Sergio Bonelli Editore creato da Tiziano Sclavi a metà degli anni Ottanta, era stato oggetto di una riorganizzazione per il rilancio del personaggio ad opera del nuovo curatore Roberto Recchioni. Oggi nel pieno della fase 2 che lo ha coinvolto sulla testata principale, l’indagatore dell’incubo sbarca anche sulla Gazzetta dello Sport con una nuova collana in cui saranno riproposte le storie brevi a colori già apparse sul Dylan Dog Color Fest. La serie ha debuttato mercoledì con un inedito remake del mitico n. 1, una “nuova” alba dei morti viventi riscritta proprio dal nuovo curatore, illustrata da Emiliano Mammuccari e colorata da Annalisa Leoni.
La serie è inoltra impreziosita da cover inedite realizzate da maestri del fumetto italiano.

Ciascun albo costa 1,99€. Il primo, La nuova alba dei morti viventi, sarà in edicola dal 22 luglio. 
La seconda uscita, in edicola dal 29 luglio, contiene la storia Il Vampiro dei colori, di Giovanni Di Gregorio e Giampiero Casertano, nella quale Dylan Dog ha a che fare con l’ombra inquietante di una creatura famelica che si aggira silenziosa in una Londra moderna e aggredisce le sue vittime per succhiare loro anche l’ultima goccia di colore. La copertina inedita è di Marco Nizzoli.
Il terzo volume, in edicola dal 5 agosto, contiene la storia La Grande Nevicata di Luigi Mignacco e Enrique Breccia nella quale Dylan Dog fugge da un’invasione aliena insieme a una bella scienziata per sventare la peggiore minaccia che abbia mai colpito la razza umana. La copertina inedita è di Carlo Ambrosini.
Il quarto volume, in edicola dal 12 agosto, contiene la storia Fuori Tempo Massimo, di Roberto Recchioni e Massimo Carnevale. Ci sono incubi che non muoiono mai. Uno di questi è Axel Neil, un maniaco assassino che solo Dylan Dog riuscì a fermare. Ora dopo un lungo sonno il killer si è svegliato. La copertina inedita è di Maurizio di Vincenzo

articoli correlati

AZIENDE

La Sergio Bonelli Editore inaugura una business unit per lo sviluppo delle proprietà intellettuali. Su Rai 4 il primo motion comic

- # # # # # # # #

Tre anni fa ci lasciava Sergio Bonelli, il grande timoniere della Fabbrica dei Sogni di Via Buonarroti. Una storia di famiglia, di padri e figli, come ha ricordato Roberto Recchioni, sceneggiatore e nuovo curatore di Dylan Dog. Prima Gian Luigi con la signora Tea, poi Sergio e oggi Davide Bonelli. Sempre il 26 settembre del 1986 arrivava nell’edicole il “fumetto d’orrore, fumetto d’autore”, Dylan Dog che, a partire dal numero in distribuzione da domani sarà protagonista di una nuova fase per riportarlo alle origini. Il ranger Tex è ancora il mensile a fumetti più venduto al mondo e di primati la Sergio Bonelli ne ha conquistati dozzine su dozzine. Anche il 26 settembre 2014 si ritaglia un posto nella storia della casa editrice.

Per celebrare degnamente l’anniversario, la SBE fa le cose in grande e inaugura una nuova divisione aziendale, iniziando un vero e proprio percorso di produzione televisiva presentando nel corso della primissima conferenza stampa dell’intera storia della casa editrice la nuova divisione aziendale, una business unit che svilupperà le potenzialità delle sue proprietà intellettuali. Addio quindi al vecchio circuito delle semplici ristampe su licenza, la squadra di via Buonarroti scende in campo in prima persona con la precisa volontà strategica di entrare nel campo delle produzioni multimediali – serie televisive, film, videogiochi, merchandising – direttamente o con partner italiani e internazionali, per valorizzare al meglio il proprio straordinario patrimonio di storie e personaggi amati dal pubblico in ogni parte del mondo. Un’attività che porterà nuova linfa ai fumetti Bonelli, amatissimi da vecchi e nuovi lettori. La nuova untà sarà composta da Vincenzo Sarno, Antonio Navarra e Giovanni Mattioli, con un lungo curriculum nel campo editoriale e multimediale. La “Fabbrica dei sogni” di via Buonarroti debutterà su Rai4 a dicembre con “Orfani”, il primo motion comic co-prodotto con Rai Com.

Ai nostri microfoni, Vincenzo Sarno non nasconde l’emozione nel vedere un suo sogno diventare realtà, lavorare con i suoi personaggi preferiti: “Racconteremo il nostro universo al pubblico italiano e internazionale attraverso altri linguaggi, innovando per rimanere fedeli a noi stessi”. A dicembre 2014 sarà on air su Rai4 la prima delle 10 puntata della serie tv motion comics co-prodotta da Sergio Bonelli Editore e Rai Com: “Orfani” per la regia di Armando Traverso, che già aveva firmato i radiodrammi tratti da Dylan Dog e Tex. Un mix vincente tra generi e linguaggi, com’è nel DNA della Bonelli, che ha da sempre rivoluzionato il campo dei fumetti creando personaggi a tutto tondo. A Recchioni anche l’investitura ufficiale da parte di Tiziano Sclavi, il creatore di Dylan Dog, presente fisicamente e a sorpresa alla conferenza.

[guarda su Televisionet.tv il trailer della serie]

La serie tv motion comics sarà la trasposizione televisiva della serie a fumetti pubblicata nel 2013/2014 e creata da Roberto Recchioni e Emiliano Mammucari che presto tornerà in edicola con la nuova stagione: Ringo. Un mix vincente tra generi e linguaggi, com’è nel DNA della Bonelli, che ha da sempre rivoluzionato il campo dei fumetti creando personaggi a tutto tondo. A Recchioni anche l’investitura ufficiale da parte del creatore di Dylan Dog, presente fisicamente a sorpresa alla conferenza. Mauro Marcheselli, direttore editoriale Sergio Bonelli Editore S.p.A., ha così commentato l’apertura della nuova business unit: “È con grande piacere che accogliamo la nascita di questa nuova divisione all’interno delle attività editoriali Bonelli. Da tanti anni Bonelli ha il piacere di appassionare, divertire, intrattenere e anche emozionare lettori di tutte le età, ed è motivo di soddisfazione poter continuare a farlo attraverso serie televisive, film, videogiochi, merchandising. Questa apertura conferma ulteriormente la nostra posizione di editore leader in Italia per il mercato del fumetto, e ci proietta nel futuro, nel segno della nostra grande tradizione e verso uno sviluppo fedele alle nostre radici”. (A.P.)

articoli correlati

AZIENDE

Il fumetto dice basta. Gli eroi delle nuvole parlanti scendono in campo contro il femminicidio

- # # # # # # #

A fianco delle donne maltrattate scendono in campo gli eroi dei fumetti per la nuova Comics Collection delle cartoline Postcardcult. Un’iniziativa che coinvolgerà in futuro anche i personaggi dello sport e dello spettacolo. Sono 13 soggetti e una cover, alcuni dei più importanti personaggi a fumetti delle case editrici nazionali e non ad immagini create ad hoc da parte di autori di riferimento fino alle cover di alcune graphic novel tristemente in tema con questo tragico argomento.

 

Alla collezione è abbinata una raccolta fondi sulla piattaforma di crowdfunding Eppela, le cartoline saranno distribuite nelle location milanesi per una campagna di sensibilizzazione (per informazioni: postcardcult@gmail.com)

 

Eva Kant, l’eterna fidanzata di Diabolik, che proprio quest’anno compie cinquant’anni; Asso, l’alter ego di Roberto Recchioni, uno dei fumettisti più importanti a livello nazionale, neo curatore di Dylan Dog e papà della miniserie Orfani della Sergio Bonelli Editore; proprio l’Indagatore dell’Incubo grazie ad una magistrale interpretazione di Gigi Simeoni; Julia, la detective di casa Bonelli, una vera eroina del Fumetto. E ancora: ‘A Panda Piace’, la divertentissima creatura di Giacomo Bevilacqua che fra poco sbarcherà in edicola ma che nel frattempo un sorriso, anche se amaro, ha saputo strapparcelo; una fanciulla di Milo Manara, non discinta come al solito ma armata di pistola e pronta a difendersi; due graphic novel purtroppo in tema, come Inès di ReNoir e Io so’ Carmela di Becco Giallo. Il protagonista de Il Corvo in una posa già vista ma con autorizzazione diretta di James O’ Barr (grazie ad Edizioni BD), e la cruda ma efficace immagine di Alessandro ‘Ganassa’ Mazzetti, un altro che ci delizia con le sue fanciulle ma che oggi ci ha riservato un vero pugno allo stomaco. Chiudiamo con colui che difende i più deboli, alias Long Wei di Diego Cajelli, con la protagonista de L’Insonne e con il testimonial (quasi) in carne ed ossa: Francesco Facchinetti non ha esitato a metterci la faccia. Per restare in tema, si è anche fatto disegnare dalla fumettista Lola Airaghi.

 

articoli correlati

AZIENDE

Gli eroi di Bonelli testimonial per AIDO con Pubblicità Progresso

- # # # # # # # #

Selezionata tra le migliori del mondo, per il progetto Creative For Good del World Economic Forum, sviluppato e sostenuto in primis dall’Advertising Council Americano, la campagna per la donazione di organi e tessuti “Tu puoi dare la vita” di Pubblicità Progresso, nella sua seconda fase ha affiancato ai testimonial (da Lorenzo Sassoli de Bianchi a Claudia Gerini, da Diego della Valle a Caterina Caselli, da Irene Ferri a Luisa Todini) prestatisi nel primo flight, dei protagonisti insoliti: gli eroi dell’Editore Bonelli. Dylan Dog, Martin Mystère, Tex Willer, Nathan Never e Zagor invitano infatti i loro appassionati lettori a diventare donatori di organi. “La scelta del WEF”, commenta Alberto Contri, Presidente di Pubblicità Progresso, ‟premia il lavoro gratuito di oltre 40 tra professionisti e tecnici, tra cui i Condirettori Creativi Andrea Concato e Roberto Fiamenghi, i fotografi Chris Broadbent e Gerald Bruneau, le case di produzione Bedeschi Film, BB productions e Postatomic, Matteo Righi e tutta Banzai, Pacifico e Sugar, Giuseppe Minoia e Paolo Anselmi di GFK Eurisko, tutti i consiglieri di Pubblicità Progresso e molti altri”.

articoli correlati