MEDIA

Arriva Ligatus Motion, per video programmatici più coinvolgenti e mirati

- # # # #

ligatus motion

Ligatus, il principale fornitore europeo di soluzioni di Native Advertising, amplia la propria offerta di programmatic native utilizzando Ligatus  Motion, un promettente formato video più coinvolgente, basato sull’informazione e profondamente mirato. Questa estensione dell’offerta di prodotti Ligatus segna il passaggio a formati pubblicitari nativi personalizzati, più accattivanti e non intrusivi.

Ligatus Motion, infatti, presenta un approccio alternativo per gli inserzionisti che utilizzano il video, creato appositamente per il coinvolgimento tramite contenuti in forma breve. Il video inizia solo quando il lettore è in view, e si ferma se l’utente prosegue con lo scrolling pagina, attivandosi solo quando è veramente visto, non falsificando così le statistiche di reporting. La funzionalità short-form è ideale per aumentare la notorietà del marchio, catturare l’attenzione dei potenziali clienti (in particolare sul cellulare) e ha un tasso di completamento più elevato per garantire che i brand condividano il loro messaggio completo con gli utenti. L’audio accompagna il video solo su scelta dell’utente. Dopo il completamento, il player si chiude automaticamente o può essere chiuso in qualsiasi momento.

Il nuovo formato è integrato in tutto il premium marketplace Ligatus – per citarne alcuni: Le Monde, Il Sole 24 Ore, RTL.fr, Il Fatto Quotidiano, PNP.de, Gala.de, LaSexta.com, Wetter.de, ChefKoch.de, Stern.de, ViaMichelin.de, Cumhuriyet.com.tr, Huffingtonpost.fr, Mopo.de, Antena3.es, EsDiario.com – e le campagne sono disponibili attraverso un servizio gestito o programmaticamente tramite la DSP preferita.

“Ligatus Motion è il riflesso della nostra missione di offrire esperienze pubblicitarie positive per tutte le parti interessate”, commenta Andreas Van de Ven (nella foto), Chief Product Officer di Ligatus. “Sappiamo che i video nativi funzionano, ma che solo con il giusto approccio possono raggiungere il loro pieno potenziale. Abbiamo unito le ultime tecnologie con insights sui consumatori per sviluppare un formato che sia accattivante, ma che lasci il controllo all’utente, evitando così ogni forma di irritazione”.

 

 

articoli correlati

TECH & INNOVATION

Sizmek lancia una nuova versione della sua DSP: insight più completi e trasparenza totale

- # # # # #

Sizmek - DSP

Sizmek, piattaforma di buy-side advertising, ha annunciato oggi una completa revisione della sua DSP (Demand Side Platform). La nuova DSP presenta una user experience evoluta, fornendo ai clienti nuovi schermi e nuovi flussi di lavoro per una maggiore trasparenza, un maggior controllo e una maggiore efficienza nella gestione dei budget e della spesa per il programmatic.

Questi miglioramenti assicurano alle agenzie degli insight completi a seguito delle campagne adv e permettono loro di identificare e ottimizzare le strategie media, avendo così un quadro più chiaro su cosa sta funzionando, cosa no, e aiuta a prendere le decisioni migliori in tempo reale. Grazie all’esperienza dei buyer, la usability è stata migliorata e le prospettive sono quelle di ottimizzare i tempi lavorativi con minori click e un ridotto tempo/valore.

Sizmek garantisce ai buyer il pieno controllo sull’esecuzione della campagna e sui tempi di utilizzo dell’intelligenza artificiale (ad esempio, esplicita quando la campagna è ottimizzata dall’intelligenza artificiale o vengono assegnati manualmente i budget tattici giornalieri). La DSP lavora sui dati con l’intento di scoprirne sempre di nuovi e trasforma la trasparenza in key learnings tramite report che mostrano quali caratteristiche abbiano contribuito al successo della campagna.

In tema di trasparenza, la nuova DSP migliorata offre una chiara visione dei media, delle delivery, dei costi e dell’impatto delle campagne. Le agenzie possono prendere decisioni maggiormente consapevoli sui budget e sulla spesa complessiva del programmatic, rafforzando il loro valore come brand partner massimizzando le prestazioni e riducendo al minimo l’errore umano.

“Abbiamo ascoltato i feedback dei nostri clienti e abbiamo lavorato con loro mano nella mano per progettare la nuova DSP. Le agenzie vogliono più controllo ed efficienza e chiedono ai loro partner tecnologici un rafforzamento della loro value proposition”, ha dichiarato Mark Grether, CEO di Sizmek. “Inoltre, spesso nel nostro settore circola la convinzione errata che l’intelligenza artificiale possa sostituire le persone. La nostra DSP e i nostri prodotti mirano a consentire ai nostri clienti di prendere decisioni più ragionate e di differenziarsi sul mercato. Il nostro successo è radicato nel modo in cui mettiamo insieme dati, creatività e media, il tutto basato sull’Intelligenza Artificiale. La DSP di Sizmek incorpora tutte queste offerte in un’unica piattaforma”.

Nella foto Enrico Quaroni, Managing Director Italy Sizmek

 

articoli correlati

TECH & INNOVATION

Rocket Fuel: AI e DSP unite per migliorare la trasparenza e la customer experience

- # # # # # #

DSP

Secondo l’analisi di Rocket Fuel le aziende impegnate soprattutto a conservare o accrescere la propria quota di mercato, spesso, approcciano il digital marketing dando la priorità ai risultati, senza preoccuparsi dei mezzi utilizzati. A volte anche alcuni fornitori di piattaforme di programmatic marketing hanno favorito questo atteggiamento mantenendo un certo alone di mistero. L’evoluzione del settore ha però portato a una crescente richiesta di trasparenza: i marketer desiderano sapere dove compaiano le loro pubblicità e quale sia il rendimento delle loro campagne. Gli inserzionisti sono sempre più interessati a sapere ciò che non ha funzionato e quello che può essere fatto per migliorare l’efficienza e l’efficacia delle proprie campagne.

Per ottenere questi risultati bisogna puntare sulla qualità dei dati. Le aziende hanno sempre più bisogno di avere grandi quantità di dati e molto rapidamente, per poterli sfruttare al meglio e rispondere in tempo reale. Solo in questo modo sarà possibile offrire esperienze online che portino alla conversione e alla fidelizzazione degli utenti.

Il predictive marketing offre alle aziende una conoscenza unica degli utenti, del loro customer journey e delle loro intenzioni. Grazie a queste conoscenze, i marketer possono proporre messaggi più rilevanti, prendendo decisioni in tempo reale in base a esigenze di business. (leggi qui i 5 principi del predictive marketing secondo Rocket Fuel).

Il successo del predictive è arrivato con l’ottimizzazione delle Demand Side Platform (DSP), che permettono di acquistare inventory e posizionare messaggi pubblicitari in tempo reale. Se la tecnologia non è sufficientemente sofisticata fornisce dati deboli e le attività della DSP rischiano di non essere efficaci, portando all’acquisto di spazi pubblicitari non adeguati e irritando gli utenti.

“Con lo sviluppo tecnologico, il modello SaaS si è rivelato vincente. Esso offre numerosi benefici ad aziende e brand: consente maggiore controllo e autonomia ai marketer, oltre a permettere di personalizzare funzionalità e applicazioni in base alle specifiche esigenze del cliente. Questo modello offre, inoltre, maggiori possibilità di integrazione con altre tecnologie, per unire dati e applicazioni precedentemente suddivisi in silos”, ha commentato Enrico Quaroni, Regional Director Southern Europe and Mena Region di Rocket Fuel. “Tuttavia, anche in questo caso, è importante che i marketer usino la tecnologia in modo strategico, evitando di cadere nella trappola di dare più importanza alla reach che alla rilevanza, infastidendo i consumatori”.

L’intelligenza artificiale applicata alla DSP permette di ottenere analisi migliori e più rapide dei dati per prendere decisioni in tempo reale. È possibile prevedere il momento migliore per rivolgersi a una persona sulla base di risultati tracciabili come l’audience, il brand engagement e i cambiamenti nella percezione del brand e nelle intenzioni. In questo modo i marketer potranno migliorare la fedeltà al brand offrendo esperienze più personalizzate e rilevanti.

“L’era del GDPR sarà presto realtà e i marketer devono iniziare a sfruttare i first party data e ridurre la propria dipendenza dai dati di terze parti. Le informazioni che fanno la differenza nel mondo predictive non vengono da un set di dati acquistato, ma dalla capacità di cogliere i segnali generati dalla propria audience”, ha aggiunto Quaroni.

Si tratta di un vantaggio competitivo: i consumatori si aspettano che le aziende siano pronte a contattarli con il giusto messaggio nel momento migliore, su ogni canale e dispositivo. Una DSP basata sull’intelligenza artificiale consente di sfruttare al meglio ogni touch point del customer journey in modo coerente rispetto ai valori del brand. Solo così sarà possibile correggere gli errori delle pratiche attuali che hanno minato la fiducia degli utenti.

articoli correlati

AZIENDE

Rocket Fuel lancia la piattaforma Demand-Side basata sull’intelligenza artificiale

- # # # #

Rocket Fuel ha sviluppato DSP

Rocket Fuel ha sviluppato una DSP (Demand-Side Platform) self-service di nuova generazione per gli advertiser. Basata sull’intelligenza artificiale, la DSP di Rocket Fuel permette ad agenzie e brand di sfruttare al massimo il volume e la velocità dei dati a loro disposizione per ottenere insight significativi e migliori risultati.

La DSP di Rocket Fuel è basata sulla tecnologia Moment Scoring che impara dal comportamento degli utenti ed è in grado di prevedere i prossimi passi del loro percorso. Raccogliendo e analizzando miliardi di data point, i marketer possono ora monetizzare il valore del momento, inviando i giusti messaggi di marketing con il giusto tempismo, riducendo il costo per acquisizione e incrementando il ROI della pubblicità.

I marketer possono impostare specifici KPI e ottimizzare le loro campagne orientando le attività verso specifici utenti anziché dispositivi. Questo approccio ottimizzato guida le campagne e la performance del business, rendendo più semplice che mai offrire insight dettagliati, permettendo ai planner e ai media buyer di focalizzarsi sulla strategia e di aggiungere valore concreto che si traduce in risultati.

Angela Mottram Breeze, Director of Real Time Trading, House of Kaizen, ha commentato: “Ora possiamo gestire oltre 45 campagne al mese, impegnare meno tempo nell’ottimizzazione manuale poco efficace e concentrarci invece sugli insight e le analysis, che portano benefici alle attività di marketing di tutti i nostri clienti. La piattaforma di Rocket Fuel permette di guadagnare tempo da dedicare alla formazione dello staff e dei clienti sul programmatic e di focalizzarci sulla pianificazione altamente strategica”.

Enrico Quaroni, (nella foto) Regional Director Southern Europe e MENA Region di Rocket Fuel ha commentato, “La principale sfida per le aziende è comprendere i loro clienti in tempo reale. Il loro non è un percorso lineare ed è quindi necessaria una piattaforma basata sull’intelligenza artificiale per comprendere gli utenti in uno specifico momento. La DSP di Rocket Fuel non utilizza segmenti pre-definiti, ma si relaziona con le persone in modo granulare, rilevante e contestuale, consegnando le giuste pubblicità a persone reali”.

“Un’attività di marketing così sofisticata porterà a un migliore ROI e creerà clienti più fedeli, trasformando in realtà il marketing predittivo. Il sogno di ogni marketer sarà così realizzato. Rocket Fuel, pioniere nell’intelligenza artificiale, ora permette ad agenzie e brand di fare tutto questo in autonomia.”

Quaroni ha aggiunto, “Il volume e la velocità dei dati sono un problema importante per il settore. Essere in grado di gestire la velocità alla quale si muovono i dati e la loro grande quantità è essenziale per il successo di ogni azienda. E questo può essere fatto solo con l’intelligenza artificiale”.

articoli correlati

MEDIA

AOL sviluppa la partnership con Dailymotion

- # # # # # #

aol dailymotion

AOL Platforms e Dailymotion, una delle piattaforme video leader nel mondo con 3,5 miliardi di video visti al mese, annunciano lo sviluppo strategico della loro partnership. L’accordo, infatti, consentirà agli inserzionisti di tutto il mondo di acquistare l’inventario in-stream di Dailymotion direttamente attraverso ONE by AOL, la prima piattaforma pubblicitaria cross-screen a livello programmatico che consente l’ottimizzazione delle campagne dal web alla TV.

Dailymotion Exchange (DMX), il marketplace video premium e globale di Dailymotion Advertising, ha lavorato su un’integrazione tra OpenRTB e ONE by AOL, permettendo ai partner con piattaforme demand-side di accedere all’inventario video premium di DMX attraverso desktop, cellulari, tablet, console di gioco, e connected TV da tutto il mondo.

L’integrazione OpenRTB consentirà ai clienti che utilizzano ONE by AOL di beneficiare di un accesso rapido e sicuro all’inventario di DMX, alimentato da una integrazione server-to-server. Gli inserzionisti possono sia fare un’offerta pubblica all’asta oppure negoziare attraverso private marketplace mentre acquistano in tempo reale su DMX.

La nuova integrazione con ONE by AOL garantisce inoltre agli inserzionisti capacità di targeting granulari e accurati grazie a insight relativi al contesto e alle caratteristiche socio-demo e comportamentali che emergono dai dati proprietari di DMX.

Questa partnership estende l’accordo siglato nel 2012 focalizzato sulla supply-side di ONE by AOL che consente comunque a inserzionisti selezionati di accedere ad alcuni private marketplace di Dailymotion Exchange.

articoli correlati