MEDIA

A Mediarkè la raccolta pubblicitaria di DronEzine

- # # # #

Sarà curata da Mediarkè la raccolta pubblicitaria di “DronEzine”, la prima rivista italiana sui droni. La società romana ha infatti raggiunto un accordo con Nuova Editoria, la casa editrice bolognese che pubblica la testata diretta da Luca Masali. “DronEzine” è nata un anno fa come magazine digitale e dal settembre scorso è sbarcata anche in edicola, riscuotendo subito un notevole successo sulla scia del dilagante interesse del pubblico italiano per queste nuove macchine volanti radiocomandate. Mediarkè curerà anche la raccolta pubblicitaria del prossimo “Annuario del Drone 2015”, che sarà pubblicato all’inizio del prossimo anno sempre da Nuova Editoria.

La rivista “DronEzine” è un bimestrale (formato 21×29,7 cm, foliazione 56 pagine, prezzo di copertina 6,50 euro) e mantiene le due versioni: quella cartacea ha una tiratura di oltre 5mila copie, distribuite in edicola da Sodip, mentre quella digitale è scaricabile su abbonamento dal sito www.dronezine.it. Gli abbonati sono attualmente 1.500, di cui 1.000 alla versione digitale e 500 a quella cartacea. Molto attiva anche la presenza sul web e nei social: il sito del magazine ha oltre 6mila utenti registrati, mentre la pagina Facebook può vantare più di 15mila fan. L’”Annuario del Drone” avrà invece una tiratura di 5mila copie e sarà distribuito a partire dal febbraio 2015.

Con questo accordo, Mediarkè entra nel settore della pubblicità (con il marchio Mediarkè Adv), che si aggiunge alle attività di ufficio stampa (tra i clienti: Panini, BolognaFiere, Dall’Angelo Pictures, European Network Editore, Pagnanelli Risk Solutions) e all’organizzazione di eventi. Proprio Mediarkè organizza infatti, in collaborazione con l’associazione Ifimedia, i due grandi eventi nazionali sui droni: “Roma Drone Expo&Show”, il salone aeronautico italiano sui droni (la seconda edizione è prevista per il maggio 2015), e “Roma Drone Conference”, il ciclo di conferenze sulle applicazioni professionali dei droni (prossimo appuntamento su “L’Italia dei droni” dopodomani 19 dicembre presso l’Atahotel Villa Pamphili di Roma).

articoli correlati

NUMBER

I tech-trend del 2014 nell’analisi Akamai: web frammentato, droni e app predittive

- # # # #

Luca Collacciani (nella foto), Regional Manager di Akamai ha individuato alcuni trend e tecnologie che potrebbero caratterizzare i prossimi 12 mesi. Dall’internet of things, passando alla frammentazione del web e alle app predittive. Ecco tutti i tech trend del prossimo anno.

Aumentano gli oggetti sempre più smart, dal termostato 2.0 Nest che taglia i costi del riscaldamento, all’antifurto intelligente per biciclette o DoorBot, un videocitofono che permette via app di aprire la porta di casa da remoto.

Il proliferare del touch point porterà alla progressiva frammentazione della stessa fruizione del web, spingendo verso il situational performance per trarre il massimo vantaggio in base ai fattori in cui l’utente viene “agganciato”.

Le app stanno riscrivendo le regole del mercato, intaccando modelli di business che sembravano intoccabili, come ha fatto Uber, l’app per chiamare un taxi privato che in un colpo solo ha superato il concetto di auto noleggio e ha scavalcato la lobby dei tassisti.

Il successo della cyber moneta Bitcoin ha dimostrato che è possibile superare il sistema bancario e le sue pastoie, ora il problema riguarda la sua sicurezza.

Il successo di Siri ha dimostrato che le app diventano sempre più spesso veri assistenti personali, come il nuovo iBeacons testato a Cupertino che permette di scansionare oggetti per ricevere recensioni e preventivi. La catena Macy’s s’è già prenotata per una prova in store.

I droni sono il futuro, molteplici gli utlizzi, dal rilevamento dei bracconieri in Africa, sino alle sperimentazioni come corrieri per DHL e in futuro anche per Amazon.

In questo scenario, aumenteranno anche gli attacchi DDoS, sempre più targetizzati verso app specifiche.  non più di carattere volumetrico e indirizzati al front-end ma piuttosto di natura ‘slow&low’ e rivolti al back-end, come ad esempio Slow POST e HashDos.

articoli correlati