NUMBER

Moviment lancia la sua nuova campagna promozionale #thefasteswaytohappiness

- # # # #

Moviment lancia #thefasteswaytohappiness

La stagione invernale è alle porte, e Moviment, parco divertimento e avventura delle Dolomiti ha lanciato ieri la sua prima campagna promozionale #thefasteswaytohappiness, “la strada più veloce per la felicità”, realizzata dall’agenzia grafica web Interagendo e da Mec Global Italia.
Un progetto della durata di un anno, la campagna comprende scatti fotografici con primi piani, brevi video virali della durata di 10-15 secondi in cui si possono ammirare i gesti atletici dei protagonisti e brevi filmati con il backstage del progetto. A Interagendo il compito della produzione dei contenuti, mentre a Mec Global Italia va la diffusione della campagna, che avverrà sui social network, sulla stampa locali, sui magazine internazionali sportivi. La campagna proseguirà anche in estate, con contenuti dedicati alle attività praticabili a Moviment durante la bella stagione.

Ed è proprio alle storie di chi vive Moviment in prima persona che si affida il concept della campagna promozionale. “I nostri testimonial” racconta Alessandro Huber, marketing manager del parco e ideatore del progetto, “sono volti normali, non modelli da catalogo. Persone di ogni età che si divertono insieme ed esprimono meraviglia e divertimento, magari dopo aver vinto una sfida sulla pista di slalom parallelo, o aver coperto 700 metri in 240 con la cabinovia Piz La Ila. Perché anche la velocità è benessere, emozione positiva”.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

CARE’s lancia l’edizione zero di un nuovo appuntamento dedicato alla grande ristorazione

- # # # #

CARE's lancia l'edizione zero di un nuovo appuntamento dedicato all'alta ristorazione

I protagonisti della ristorazione internazionale, con i più qualificati produttori di vino e gli esperti del settore dell’alimentazione si danno appuntamento in Alta Badia, Alto Adige, dal 17 al 20 gennaio 2016, per discutere e condividere una visione comune, etica e responsabile sul tema della cultura enogastronomica. CARE’s – the ethical chef days – è un progetto ideato e promosso da Norbert Niederkofler, chef stellato del Ristorante St Hubertus (Hotel Rosa Alpina di San Cassiano) e Paolo Ferretti, titolare dell’agenzia di comunicazione HMC di Bolzano, con il contributo di Giancarlo Morelli, chef stellato e patron del Pomiroeu, e si avvale della collaborazione di AUDI, in qualità di main partner e di Alta Badia, Colmar, Ferrari Trento, Lavazza, Monograno Felicetti, S. Pellegrino & Acqua Panna, Südtirol.
Quella di gennaio è la edizione zero di un progetto che intende non solo aggregare le più significative personalità della cultura enogastronomica e della ristorazione internazionale ma proporsi come e vento itinerante in sedi ogni volta diverse, ma sempre esemplari in termini di valorizzazione del territorio, rispetto e protezione dell’ambiente, creando occasioni di confronto e di sensibilizzazione anche a livello locale ma con un respiro fortemente internazionale. E’ previsto, inoltre, un d oppio appuntamento ogni anno, con una edizione successiva nel periodo estivo.
Con lo spettacolare scenario delle Dolomiti che farà da sfondo e le varie località dell’Alta Val Badia coinvolte, da sempre esempi virtuosi di utilizzo responsabile delle risorse naturali, il programma di questa prima edizione di CARE’s si svilupperà in 4 giornate di lavori. Da San Cassiano a Corvara, a La Villa, passando per i vari rifugi, tra tavole rotonde, Cooking Masterclasses e Chef Talk, i partecipanti porteranno la loro personale testimonianza di un mondo enogastronomico legato alla consapevole fruizione e valorizzazione del territorio.
La missione di CARE’s è di promuovere l ’attenzione alla natura, valorizzando le best practice in termini di focus sul territorio, sui prodotti locali e sulla stagionalità degli stessi, ma anche sui consumi responsabili, riciclo dei materiali e riutilizzo degli scarti alimentari. La formula scelta del confronto diretto fra i protagonisti del settore vuole essere occasione di condivisione e di arricchimento comune, partendo dai contributi personali dei partecipanti, ma punta sui contenuti più che sul prestigio indiscusso dei relatori. Vuole essere un modo di riportare sostanza e concretezza al centro dell’attenzione, nella consapevolezza che la cultura, a tutti i livelli, è contagiosa e può innescare meccanismi virtuosi tali da modificare comportamenti e qualità della vita.
Particolare attenzione sarà dedicata all’educazione delle nuove generazioni, con programmi dedicati ai bambini sul tema dell’alimentazione, il rispetto per l’ambiente e la sostenibilità. Rientra inquesto ambito anche l’istituzione del premio Young Ethical Talent Award, che verrà assegnato, per ogni edizione, alla figura selezionata – tra giovani chef, pasticceri, sommelier e personale di sala – dalla giuria composta dagli chef partecipanti alla manifestazione. Oltre al premio il vincitore potrà inoltre
lavorare per un mese in un rinomato ristorante arricchendosi dell’esperienza diretta. Gli chef partecipanti alla manifestazione sono selezionati su invito dell’organizzazione, che si pone l’obiettivo di garantire di volta in volta il coinvolgimento di circa trenta chef da tutto il mondo. Sono inoltre coinvolti produttori di vino biologico, e di prodotti vari alimentari, figure manageriali della ristorazione, somellier, rappresentanti dei media nazionali e internazionali e altre figure professionali coerenti con il tema della manifestazione.

articoli correlati