AZIENDE

4w MarketPlace lancia 4w VideoNative, sintesi perfetta tra native e video

- # # # #

4w

4w MarketPlace arricchisce la propria offerta native con una soluzione innovativa per l’intero mercato dell’adv digitale italiano: 4w VideoNative, multi-formato costituito da un video affiancato da uno spazio testuale dedicato alla call to action, posizionato all’interno del contenuto editoriale.

Risultato della pluriennale esperienza del network in entrambi gli ambiti, annunci native e video, 4w VideoNative è stato pensato appositamente per favorire una forte relazione tra utente e brand attraverso una user experience positiva e stimolante grazie agli strumenti offerti dalle due modalità di comunicazione.

Le caratteristiche di 4w VideoNative, sia per posizionamento sia per comportamento funzionale, rendono il formato pienamente rispondente ai requisiti L.E.A.N. (Light – Encrypted – Ad choice supported – Non-invasive). Ben evidente, non crea disturbo, viene visualizzato soltanto in presenza di campagne attive, è dotato di barra di comando e l’audio si attiva al mouse over. Al termine del video resta l’immagine del logo dell’inserzionista, affiancata dal testo e dal bottone della call to action.

Le possibilità di misurazione sono molteplici e rispondono alle necessità sempre più articolate degli investitori: VTR, viewability, click sul video e click sugli elementi testuali. Il formato risponde inoltre ai requisiti di visibilità poiché si apre solo quando entra nella viewport dell’utente.

Roberto Barberis, CEO di 4w, mette in evidenza come “4w VideoNative esprime la sintesi perfetta delle due anime dell’azienda, la parte Native tipicamente a performance e il Video utilizzato per la brand awareness. Già in queste prime fasi di proposta, stiamo riscontrando un grande interesse da parte degli investitori, che comprendono il grande potenziale di questo formato per gli obiettivi della loro comunicazione”.

Con il VideoNative, 4w conia un nuovo termine per definire il molteplice obiettivo offerto dall’insieme dei due formati adv: PerformAwareness, che esprime proprio il grande potenziale di questa soluzione. Le misurazioni delle prime campagne fanno registrare un incremento superiore al 50% dell’engagement rispetto al solo formato video e la risposta in termini di awareness è una viewability particolarmente alta e un ottimo vtr.

articoli correlati

TECH & INNOVATION

Sizmek spiega perché la transparenza crea vantaggi competitivi per tutti

- # # # # # # #

Sizmek - Trasparenza

Considerando l’utilizzo crescente di piattaforme online e digitali, non sorprende che i brand abbiano deciso di investire fortemente in questo settore, attuando importanti strategie di digital advertising. Negli ultimi anni è stata registrata una crescita di questi investimenti verso il programmatic: in Italia nel 2018 si prevede una crescita del 20% del budget dell’adv display è investito in programmatic. Inoltre la spesa del programmatic non può che aumentare perché i pubblicitari e i brand vogliono massimizzare l’impatto, la reach e le conversioni.

Questo aumento della spesa è considerato come un passo avanti di rilievo per la digital adv, ma il programmatic e il retargeting hanno sollevato la questiona della trasparenza e la richiesta di avere maggiore chiarezza e controllo su come vengono spesi i soldi degli investimenti adv.

L’impatto della tecnologia sulla trasparenza

Mentre altri settori, come per esempio quello sanitario, stanno già vedendo da tempo gli effetti positivi dell’intelligenza artificiale, il settore pubblicitario invece sta realizzando solo ora quanto sia importante l’intelligenza artificiale per deliverare l’adv alla persona giusta e per affrontare la sfida della transparency. I sistemi che implementano l’intelligenza artificiale mettono a disposizione dei pubblicitari più dati e di conseguenza più insight riguardo all’adv che dovrà essere deliverata, in quale momento e a quale consumatore.

La tecnologia può anche fornire dati maggiormente dettagliati sull’efficacia del budget investito. Questo rassicura i brand sul valore che stanno ottenendo dalla loro spesa pubblicitaria e stanno raggiungendo il numero ottimale di consumatori con la corretta comunicazione adv. Sono informazioni efficaci che possono essere usate per pianificare future campagne, attività marketing o anche strategie corporate.

Scoprendo il contenuto della scatola nera

Una cultura basata sulla segretezza genera solo una mancanza di fiducia tra agenzie, advertiser e provider di tecnologie pubblicitarie. In aggiunta, una modalità simile servirà solo a limitare e ad ostacolare il successo di una campagna. Aprendo la “scatola nera” di un sistema di adv per rivelare come funziona e come fornisce i risultati, aumenta la visibilità riguardo alla struttura dell’ecosistema pubblicitario, e mostra esattamente ciò che viene speso e fornisce importanti insight.

Scegliendo di lavorare con quello che viene definito un “walled garden” i brand e le agenzie media rischiano di perdersi delle informazioni vitali che possano essere fondamentali per prendere decisioni importanti. Per questo motivo Sizmek si impegna per avere con i suoi clienti una conversazione a doppio senso. Dopotutto, crediamo che non abbia senso ottenere, organizzare e implementare tutti questi dati se non possono essere usati per aiutare gli advertiser ad ottenere migliori risultati, imparando dai consumatori e creando delle strategie marketing efficaci.
Fiducia e trasparenza devono diventare una norma nel settore. Senza questi due elementi i provider di tecnologia per adv rischiano danni alla loro reputazione, e danni anche a livello di risultati.

“Lo scopo finale per tutti deve essere quello di deliverare adv su larga scala alla persona giusta, nel momento perfetto e in un ambiente sicuro”, spiega Enrico Quaroni, Managing Director Italy di Sizmek (nella foto). “Il programmatic può aiutare i vendor a perseguire questo obiettivo e se mostrerà apertamente il suo modo di operare e la direzione verso cui vuole tendere, verrà ancora più apprezzato per i vantaggi dal punto di vista della personalizzazione e della rilevanza per i consumatori. Può essere quindi un approccio vincente per tutti”.

articoli correlati

AGENZIE

Bayer ha scelto KIWI per la realizzazione della nuova campagna di digital adv

- # # # #

Kiwi

È online il nuovo spot Bayer firmato da KIWI. L’agenzia è stata scelta per la realizzazione della nuova campagna di digital adv della linea di prodotti endoparassiticidi per cani e gatti.

L’agenzia guidata da Giancarlo Sampietro ha curato l’approccio strategico e l’ideazione dello spot web per il 2018, con protagonisti due simpatici amici a quattro zampe, pianificato sulle
principali piattaforme digital nei formati 30” e 6”. La realizzazione è stata a cura della casa di produzione Combocut.

Alessandra Versaci, Account Director di KIWI, si dimostra molto soddisfatta per la nuova collaborazione: “Lavorare con degli attori così particolari è stata un’esperienza sorprendente. Dopo
un lungo impegno, crediamo di essere riusciti a portare l’entusiasmo delle nostre just fresh ideas anche in un mondo complesso come quello dei medicinali veterinari, grazie a una creatività
pensata per bucare lo schermo nei primi secondi di visualizzazione”.

Credits
Creative Director: Federico Castelli
Copywriter: Leonardo Bonaccorso
Art Director: Aleksandra Zalewska
Account Director: Alessandra Versaci
Casa di produzione: Combocut

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Il data-diriven digital adv di Performedia per Perfetta, la nuova collezione di Morellato

- # # # # #

viola morellato

Morellato ha presentato a fine febbraio la nuova Collezione di gioielli Perfetta, che omaggia il sentimento dell’amicizia, affidando la campagna di lancio sui media digitali a Performedia, centro media del Gruppo DigiTouch.
La scelta è stata quella di raccontare la nuova collezione Perfetta attraverso una storia di amicizia interpretata da tre giovani influencer, Gabrielle Caunesil, Paola Turani e Alba Rico; la promozione sui media digitali ha visto Performedia adottatare un approccio Performance Branding basato sull’utilizzo dei dati, che permette ai canali della parte bassa del funnel di capitalizzare gli investimenti effettuati in brand awareness.
La scelta delle testimonial della nuova collezione è disrupting e strategica in quanto permette a Morellato di creare un forte appeal sul target giovane e cross country, attraverso le tre giovani influencer molto seguite in Italia, Francia e Spagna, dove la campagna è attiva.

Pianificata con approccio data-driven, la campagna di digital adv sarà erogata applicando diverse tipologie di targetizzazione che permettono l’identificazione di audience di interesse per il brand, l’allargamento del target anche a fasce di età più giovani e la massimizzazione dei risultati grazie a una costante ottimizzazione on going del media planning, volta a minimizzare la dispersione su target non strategici.
“Questo periodo dell’anno rappresenta per il nostro settore un momento decisivo per il lancio delle nuove collezioni. Diventa quindi fondamentale avere un piano di comunicazione efficace sia in termini di contenuto che di scelta dei media”. spiega Sara Viola, Marketing e Digital Director del gruppo Morellato (nella foto).
“Siamo lieti di poter supportare Morellato nella campagna di lancio della sua nuova collezione in Italia, Spagna e Francia”, conclude Annarita
Olivieri, Managing Director di Performedia. “Crediamo fermamente che il branding sia un valido strumento al servizio delle performance; a ciò si aggiunge il vantaggio di aver già collaborato con Morellato per il precedente lancio autunnale e avere già acquisito i valori del brand, elemento importante per massimizzare l’efficacia delle attività adv”.

La campagna per il lancio della collezione Perfetta si inserisce nell’ambito della collaborazione a più ampio respiro che Morellato ha attivato con Performedia per la gestione di tutte le attività di digital advertising del brand.

articoli correlati

TECH & INNOVATION

4w MarketPlace punta sulla tecnologia e accelera il processo di unificazione dei formati sotto un’unica piattaforma

- # #

4w MarketPlace

4w MarketPlace si prepara a un anno all’insegna della tecnologia nella convinzione che questo sia il terreno sul quale concentrare tutte le energie per rispondere in maniera energica e costruttiva, con proposte di prodotto e di mercato concrete e innovative all’evoluzione e trasformazione del mercato del digital adv.

L’azienda ha reso disponibile una suite di targetizzazione dell’audience basata sugli interessi, realizzata in collaborazione con la DMP partner nugg.ad. L’audience dell’intero Network è stata vagliata tramite survey che hanno portato a individuare gli interessi primari degli utenti partecipanti. A oggi è possibile acquistare pacchetti dedicati a una serie di categorie: Responsabili d’acquisto, Sport & Fitness, Consumer Electronics, Travel, Fashion, Offerte commerciali.

Sono inoltre disponibili le ottimizzazioni basate sulla post valutazione, realizzate grazie alla partnership con Nielsen e I.A.S. che consentono di aggiornare costantemente i parametri utili alla definizione dell’audience e dei vari dati storici.

In tema di Video Adv, 4w MarketPlace lavora all’ampliamento della propria suite e per la fine del mese prevede di completare la realizzazione di un nuovo formato Native che risponderà quindi ai requisiti L.E.A.N., con l’obiettivo di raggiungere l’utente con comunicazioni sempre più efficaci.

Questo inizio d’anno vede inoltre il rafforzamento dell’intera linea tecnologica dell’azienda con l’obiettivo di completare il processo che porterà all’unificazione di tutti i formati gestiti da 4w MarketPlace – Native, Video e Display – sotto un’unica piattaforma. Questo processo è iniziato lo scorso anno, ha raggiunto diversi step intermedi e vedrà imprimere un’importante accelerazione nei mesi a venire per l’ottenimento del risultato finale.

Si tratta di un traguardo estremamente importante che consentirà la programmazione di operazioni cross e multi-formato in maniera agile ed efficace e che offrirà ai clienti la possibilità di un’unica azione per raccogliere sia awareness che performance pura, attraverso la modulazione di una serie di ottimizzazioni articolate in modo da sfruttare tutto il potenziale del digitale per una comunicazione davvero efficace.

“In un anno così denso di incognite, tra ad-filtering di Chrome, GDPR e kpi, il nostro messaggio è chiaro e forte”, afferma Roberto Bassani, CP&TO di 4w. “Il contributo di ogni player in questo mercato deve essere concreto, portare innovazione, creatività, inventiva. E 4w partecipa sempre con tutte le sue energie migliori per continuare a essere il primo ad-tech-network italiano”.

“La sensazione è che il mercato sia partito piuttosto lento quest’anno, un po’ per tutti”, dice Roberto Barberis, CEO di 4w, “ma 4w è attiva con proposizioni mirate a intercettare le pianificazioni più esigenti. Abbiamo sempre cercato di andare nella direzione di un advertising utile e a maggior ragione, nel periodo di ripensamento delle logiche dell’adv digitale che l’industry tutta sta attraversando, vogliamo offrire soluzioni concrete per una comunicazione efficace, che arrivi a destinazione nel momento in cui si sviluppa un bisogno, nella situazione adatta a stimolare un desiderio, sui diversi device, nelle differenti circostanze”.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Peg Pérego rinnova la collaborazione con InTarget Group. Focus su social e digital adv

- # # # # # # #

Peg Pérego, azienda leader in Italia nel settore prima infanzia e giocattoli per bambini, ha rinnovato la collaborazione con InTarget Group per le attività di digital marketing. Dopo un primo incarico di consulenza SEO e web analytics, incentrato sulla gestione della migrazione verso la nuova piattaforma internazionale, si prosegue con un nuovo progetto che – oltre alle leve già incluse nel primo anno di collaborazione – abbraccerà anche quelle del social media marketing e del digital advertising.

“In seguito alla fase di lancio del nuovo sito web, gestita in modo ottimale grazie alla consulenza di InTarget Group, abbiamo deciso di ampliare il piano di azione anche all’ambito social e adv”, afferma Alessandro Zardoni, Web Manager presso Peg Pérego. “L’obiettivo è consolidare i risultati ottenuti e costruire un piano volto a incrementare nel lungo periodo awareness e presence del brand Peg Pérego sui canali online”.

Punto di partenza della strategia elaborata dall’agenzia guidata da Nicola Tanzini è la conduzione di un’approfondita reputation analysis per individuare in che modo l’azienda e i suoi prodotti vengano percepiti online. Questa attività di analisi sarà realizzata da InTarget Group mediante un algoritmo proprietario, capace di garantire la massima affidabilità e significatività dei dati – valore di confidenza del sentiment pari al 95%.

“L’analisi della reputazione costituirà il punto di partenza per l’elaborazione di una social media strategy che interesserà tutti i canali dell’azienda. «L’obiettivo è costruire una strategia conversazionale che guidi la gestione dei diversi account social di Peg Pérego”, afferma Raffaella Pierpaoli, Head of Social a InTarget Group (nella foto). “Un piano di comunicazione capace di raccontare la mission e i valori dell’azienda in modo emozionale e coinvolgente, facendo leva sugli elementi portanti della storia di Peg Pérego. Il progetto punterà, inoltre, a rendere le piattaforme social il luogo principale dell’interazione con i clienti attuali e potenziali e con i principali influencer di settore”.

L’incarico prevederà, inoltre, l’ideazione e la gestione da parte di InTarget Group delle campagne di comunicazione promozionali, sia lato search che social, volte a ottenere un incremento delle performance di pegperego.it in termini di presence e di traffico qualificato. Si proseguirà, infine, con interventi di ottimizzazione SEO, volti a sviluppare maggiore awareness e a sfruttare al massimo la search come driver di traffico qualificato, e di web analytics, finalizzati al monitoraggio delle attività messe in atto e all’individuazione di nuovi piani di intervento.

articoli correlati