BRAND STRATEGY

Cristiano Ronaldo, Khedira, Matuidi, Cancelo e Bernardeschi a tavola con De Cecco. Campagna digital adv firmata LoRo

- # # # #

Pasta De Cecco

Da quest’anno De Cecco è Official Partner della Juventus. Per celebrare questo sodalizio, l’agenzia LoRo ha ideato un film che vede protagonisti Cristiano Ronaldo, Khedira, Matuidi, Cancelo e Bernardeschi, seduti a tavola in paziente attesa della pasta.

 

L’attesa è parte essenziale della produzione della pasta De Cecco e della sua qualità superiore: secondo il Metodo De Cecco, infatti, la pasta deve essiccare lentamente a bassa temperatura, per conservare tutte le caratteristiche organolettiche e nutritive del grano migliore. Gli spaghetti richiedono ben 18 ore di essiccazione, alcuni formati addirittura 36.

 

Ma alla fine la pasta arriva, molto gradita. Il pranzo, compreso un simpatico equivoco sulla parola “rigore”, è raccontato come se fosse una partita da una ben nota voce, quella di Maurizio Compagnoni, commentatore di Sky (che ha devoluto in beneficienza alla Onlus per la ricerca in campo genetico “Insieme per Riccardo”, il compenso ricevuto per la sua prestazione).

 

 

La creatività è di Roberto Scotti e Lorenzo Zordan, titolari dell’agenzia LoRo che quest’anno per De Cecco ha già realizzato il film istituzionale con Claudia Gerini. Nella realizzazione dello spot per la De Cecco ha collaborato l’ufficio marketing. Il film, prodotto in vari formati dal 15” al 45”, è presente su tutti i canali social De Cecco e prevede, al momento, una programmazione DigitalADV.

 

Credits

Direttori Creativi: Roberto Scotti e Lorenzo Zordan

Account Director: Sonia Rocchi

Regia: Andrea Linke

Fotografia: Alessandro Dominici.
Casa di Produzione: Perigeo Associati

Executive Producer: Pietro Bonetta

Centro Media: Inmediato

 

 

 

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Nuovo sito internet #allaDeCecco: Websolute firma per la pasta DeCecco

- # # #

dececco websolute

Si rinnova il sito di De Cecco, realizzato da Websolute e da oggi online su dececco.com; un progetto sviluppato dalla digital company che ruota intorno a un unico fondamentale concetto riassunto nell’hashtag #alladececco, che orienta il processo di storytelling anche sui social network del brand (Facebook e Instagram).

“Alla De Cecco” nasce infatti per definire un mondo di valori condivisi, prima ancora che una filosofia produttiva. La strategia di storytelling parte dal presupposto che ogni pagina prodotto possa agire come potenziale home page, racchiudendo in sé un racconto trasversale dei valori del brand: ricette “alla De Cecco” condite da momenti di vita, e ancora citazioni di chef, sintesi del metodo produttivo e infine i contenuti generati dagli utenti sui social, il miglior biglietto da visita per un brand. Il tutto per rendere immediatamente percepibile il mondo De Cecco in una sola pagina, che il consumatore può esplorare in profondità navigando tramite i diversi link.

Così, rovesciando il tradizionale schema del sito contenitore, il prodotto diventa contemporaneamente il punto di partenza e d’arrivo, mentre catalizza tutta la narrazione della marca con il suo portato valoriale. “Il prodotto è la prima cosa che l’utente raggiunge (da una ricerca, una newsletter o una foto postata sui social) ed è fondamentale crearvi intorno quanti più punti di contatto, grazie ad un racconto multiforme di valori autentici”, spiega Claudio Tonti direttore creativo e responsabile digital strategy.

Dal punto di vista tecnico l’interfaccia del sito, straordinariamente semplice e intuitiva, è la punta di un iceberg assai più complesso in termini di architettura, programmazione e gestione, considerando il database di oltre 300 referenze, differenziate per 30 Paesi e tradotte in 9 lingue. Il tutto collegato all’attuale piattaforma di eCommerce De Cecco.
“Si può dire che il sito stesso dell’azienda interpreta il concept #alladececco”, continua Claudio Tonti. “Lo abbiamo creato allo stesso modo in cui De Cecco produce la sua pasta. O si fa al meglio, o non si fa per nulla: costi quel che costi, in termini di tempo ed energie. Ma la semplicità resta l’unica cosa evidente”.

articoli correlati