BRAND STRATEGY

J. Walter Thompson firma lo spot “a ritroso nel tempo”di San Carlo 1936. Regia di Tornatore

- # # # # # # #

Da ieri è on air lo spot delle nuove “1936 Antica Ricetta”, le patatine che riprendono la ricetta originale della rinomata Rosticceria San Carlo di Milano, che il fondatore Francesco Vitaloni aprì proprio nel 1936. Patate di prima qualità, arricciate e croccanti, cotte lentamente e spolverate con un pizzico di sale marino, queste patatine sono così speciali da meritare un ritorno in grande stile. Da questa premessa è nata una campagna, firmata J. Walter Thompson, che va a ritroso nel tempo e che, partendo proprio dagli anni trenta, ripercorre 80 anni di storia del nostro Paese attraverso le mode e gli stili che hanno caratterizzato le diverse epoche.
L’idea, infatti, è proprio quella di mettere in scena il momento di consumo delle patatine negli anni in cui sono nate e raccontare, attraverso l’analogia di una relazione, il loro ritorno tanti anni dopo.

Siamo nel 1936. I nostri protagonisti, due giovanissimi innamorati, sgranocchiano le patatine tra sorrisi ed effusioni. Sono alla stazione e lei sta per partire. Ma, mentre il treno inizia la sua marcia, la ragazza con un gesto rapido e aggraziato sottrae il sacchetto di patatine al fidanzato e scompare all’orizzonte salutando dal finestrino. Lui resta lì, con l’aria malinconica. Il suo grande amore è partito, a lui non resta che aspettare. Mentre la canzone “Tornerai” riempie di note struggenti la scena, vediamo il ragazzo, fermo al suo posto, invecchiare in una lunga, surreale e speranzosa attesa. Un orologio scandisce il tempo, passano stagioni, anni e decenni. Lui è sempre lì. Cambia tutto intorno: gente, abiti, atteggiamenti, cambiano i treni. Siamo nel presente. Adesso lui è un signore molto, molto anziano. Arriva un modernissimo Frecciarossa e dal treno scende una giovane deliziosa, sta pescando patatine da un sacchetto su cui leggiamo “1936”. Il vecchio signore si illumina: sembra lei, l’amore della sua vita, è forse tornata?

Un casting che ha coinvolto più di 150 tra attori e comparse, e il contesto della stazione Centrale di Milano, con tre lunghi, intensi e torridi giorni di riprese a luglio.
Una ricostruzione dell’ambiente studiata in ogni particolare, dalle locandine alla locomotrice a vapore, così come nei costumi di scena (abiti, cappelli, guanti, scarpe e valigie) per ricreare, con la poetica del realismo, le diverse atmosfere degli anni passati. Ecco quindi la raffinata eleganza degli anni trenta, il compunto rigore degli anni 50, il giovanilismo ribelle degli anni 60 e lo spirito rilassato e anticonformista dei 70, per arrivare fino ai nostri giorni. Un grande impegno che ha coinvolto agenzia, cliente e casa di produzione per dare vita a una insolita storia d’amore. Una storia di passione, di partenza, di attesa e…un finale a sorpresa.
la regia è del premio Oscar Giuseppe Tornatore, grande narratore e creatore di affreschi indimenticabili, che ha realizzato un filmato sospeso a metà tra pubblicità e cinema dove, attraverso ogni accuratissimo dettaglio e inquadratura, rivive lo spirito della patatina che ha fatto la storia.

Lo spot è stato lanciato in TV, a reti unificate sui canali Mediaset e Rai, alle ore 21 di ieri. Oltre alla televisione, la campagna è pianificata da Vizeum su web, cinema a livello nazionale, affissione a Milano, e carta stampata (quotidiani, settimanali, mensili), con una divertente galleria di personaggi degli anni trenta che sarà protagonista in outdoor e web, mentre numerosi contributi e curiosità dal set vivranno nel sito dedicato www.1936.sancarlo.it

articoli correlati