COMMERCE

Bershka presenta un nuovo concept per vivere lo store da mobile

- # # # #

Bershka presenta a Cremona la sua ultima shopping experience, che permette al cliente di realizzare i propri acquisti in store con l’aiuto dello smartphone. Attraverso la nuova app Bershka Experience e grazie all’incorporazione delle ultime tecnologie, i clienti possono richiedere il capo che desiderano e inviarlo direttamente in camerino o alle casse, solamente scannerizzando l’etichetta dell’articolo. Con questo progetto, il marchio compie un ulteriore passo avanti nel suo modello integrato di negozio fisico e online.

Questa esperienza sarà disponibile al momento unicamente nel nuovo store di Cremona, che con una superficie commerciale di 667 metri quadri ospita le collezioni uomo e donna. La nuova applicazione mobile permette di offrire un trattamento più personalizzato ai clienti, in cui semplicemente scansionando i cartellini dei capi o i codici QR, gli articoli scelti verranno salvati in un carrello virtuale, e una volta confermato l’acquisto, il cliente potrà scegliere se comprarlo direttamente oppure provarlo in negozio. In futuro sarà anche possibile inviare i capi a domicilio.

Grazie alla tecnologia di Identificazione a Radiofrequenza (RFID), Bershka può riconoscere univocamente ogni articolo del brand e aggiornare lo stock dello store in tempo reale. Quando un cliente richiede un capo, il team del negozio prepara l’ordine e, attraverso l’app, viene assegnato direttamente un camerino e inviata una notifica push al cliente informandolo che i suoi capi sono pronti, oppure, che sono stati inviati in cassa.
In questo caso il marchio mette a disposizione delle casse dedicate per i clienti che acquistano tramite Bershka Experience.

Lo spazio dedicato ai camerini è inoltre più ampio e all’interno viene messo a disposizione un iPad che permette al cliente di richiedere taglie differenti o nuovi articoli suggeriti dall’applicazione.

Il nuovo store di Cremona presenta ulteriori novità: è il primo del marchio a mettere a disposizione power bank per la ricarica dei cellulari, oppure offre un’innovativa esperienza per il cliente basata sulla tecnologia RFID, dove alcuni specchi che presentano questo sistema, mostreranno immagini in indossato degli articoli riflessi che vengono posti davanti ad esso per suggerire idee per un total look.

Con l’obiettivo di migliorare l’esperienza del cliente, è stato installato inoltre un “Social Corner”, che consiste in un tunnel-caleidoscopio dove i clienti possono creare un video o scattare foto e condividerle sui social media.

articoli correlati

AZIENDE

MailUp è partner di “Cobox”, il progetto di coworking di Cremona

- # # # # #

“Cobox”: si chiama così il coworking di Cremona, nato per opera del consorzio CRIT (Cremona Information Techology) costituito da 8 aziende: MailUp, Microdata Group, Linea Com, Incode, Lanzoni, Gamm System, CSA Med e Next. Il nome del progetto, il logo e il dominio del sito web  sono stati scelti attraverso un contest che ha ricevuto centinaia di adesioni dall’Italia e dall’estero. Sul sito è presente il calendario completo dei corsi di formazione tenuti da professionisti del mondo dell’Information Technology che inizieranno a metà settembre. Il 15 settembre partirà l’affitto degli spazi di Cobox.

Cobox si trova in via del Comizi Agrari 10 ed è costituito da 26 postazioni open space per coworker, da diversi locali nei quali troveranno sede importanti realtà nel settore della ricerca, dello sviluppo tecnologico e della comunicazione e da alcune sale per ospitare corsi di formazione e meeting. Lo spazio, inoltre, disporrà di collegamenti in banda ultra larga grazie a Linea Com. Oltre a mettere a disposizione postazioni di lavoro, Cobox creerà sinergie e partnership per offrire servizi e consulenze a tutte le start-up insediatesi. Prima e importante collaborazione già attivata è con il PoliHub, l’acceleratore di impresa del Politecnico sede di Cremona.

Carolina Cortellini Lupi, Presidente del CRIT così commenta: “L’idea alla base di questo progetto, oltre ovviamente all’obiettivo di vendere gli affitti degli spazi, è quella di stimolare la nascita di iniziative e nuove attività. Questa visione globale e lungimirante è un po’ la stessa delle aziende che hanno dato vita all’iniziativa. Durante i mesi di preparazione del Cobox abbiamo riscontrato anche l’interesse del Comune. Il percorso ormai è iniziato e la meta del Polo Tecnologico di Cremona è sempre più vicina”.

L’inaugurazione degli spazi è prevista per il mese di ottobre e costituirà la prima concreta opportunità per presentare gli spazi alla città e un momento di confronto con le aziende che hanno realizzato il progetto e che investiranno per la sua crescita futura.

articoli correlati

AZIENDE

Il consorzio CRIT apre a Cremona il primo spazio di coworking. Contest per la scelta del nome

- # # # # #

Ai nastri di partenza a Cremona il primo spazio di coworking. A realizzarlo il consorzio CRIT (Cremona Information Techology) costituito dalle aziende ICT: MailUp, Microdata Group, Linea Com, Incode, Lanzoni, Gamm System, CSA Med e Next. Si tratta di uno spazio progettato per offrire un luogo di lavoro flessibile, nel quale le diverse esperienze si contaminano e si trasformano in progetti, dove le start-up possono trovare casa e i coworker sperimentano le loro idee.
Sarà anche un luogo di formazione e discussione sui temi tecnologici e digitali. L’obiettivo del progetto è quello di incentivare la nascita di start-up nel settore dell’ICT e di offrire un luogo adatto e stimolante per dare corpo alle idee imprenditoriali di coworker e freelancer.

Carolina Cortellini Lupi, Presidente del Crit ha commentato: “Questo intervento rappresenta il primo frutto di Cremona Information Technology per far crescere l’economia digitale, stimolare l’innovazione e l’occupazione nel nostro territorio. Con la casa delle start up anticipiamo il grande progetto del Polo Tecnologico”.

Il coworking, che si trova in via del Comizi Agrari 10 a Cremona, sarà operativo ai primi di settembre. È costituito da 26 postazioni per coworker in open space e da locali nei quali troveranno sede importanti realtà nel settore della ricerca, dello sviluppo tecnologico e della comunicazione. Lo spazio, che disporrà di collegamenti in banda ultra larga grazie a Linea Com, si completa con una sala per la formazione, una sala riunioni dotata dei più sofisticati sistemi tecnologici per videoconferenze e da 3 salette per piccole riunioni. Il coworking, oltre a mettere a disposizione postazioni di lavoro per periodi anche brevi, creerà sinergie e partnership con una serie di realtà per offrire soprattutto alle start-up servizi e consulenze per la loro attività. Prima ed importante collaborazione già attivata quella con il PoliHub (www.polihub.it) l’acceleratore di impresa del Politecnico.

Il Consorzio CRIT, nell’ottica della massima condivisione, ha deciso di aprire un primo contest per la scelta del nome, del logo e del dominio del sito web. Per partecipare al contest consultare il link: www.freelancer.com/contest/Name-domain-name-logo- design-83667.html. Per il vincitore in palio una somma di € 490,00. Il contest, che ha già ricevuto 190 proposte, è aperto ancora per pochi giorni.

articoli correlati