COMMERCE

Deloitte Global Powers of Retailing: Wal-Mart prima, Amazon sfiora il podio

- # # # # # # # #

amazon retail deloitte

Deloitte ha presentato la 22° edizione dello studio Global Powers of Retailing, in cui vengono analizzati i risultati dell’esercizio annuale al 30 giugno 2018 resi pubblici dai più grandi retailer del mondo: i primi 250 più hanno generato un fatturato pari a 4.530 miliardi di dollari nel corso dell’anno fiscale 2017 (periodo compreso tra luglio 2017 e giugno 2018), segnando una crescita del 5,7% rispetto all’anno precedente.

 

“L’economia globale si trova oggi a un punto di svolta. Fino all’inizio del 2018 abbiamo assistito a una crescita importante ma nel prossimo futuro è plausibile aspettarsi un rallentamento, anche a causa di fattori quali l’inflazione nei principali mercati, gli aggiustamenti delle politiche monetarie e fiscali dei governi e il deprezzamento della valuta a cui sono soggetti gran parte dei paesi emergenti,” spiega Claudio Bertone, Equity Partner Deloitte e Responsabile per il settore Retail. “Per i retailer questo si tradurrà in un rallentamento della spesa e un aumento dei prezzi per i beni di consumo ma anche in difficoltà nella gestione di supply chain globali”.

 

I primi dieci retailer al mondo contribuiscono per il 31,6% al fatturato complessivo generato dai 250 maggiori retailer al mondo. Wal-Mart, Costco e The Kroger confermano la loro posizione sul podio della Top 10. Il movimento più significativo è quello di Amazon, che si posiziona al quarto posto in classifica, a un’incollatura da The Kruger, e guadagna due posizioni rispetto al Fiscal Year 2016 sospinto da una costante crescita a doppia cifra (25,3%), ancor più considerevole se paragonata alla crescita registrata in media dalla Top 10 (+6,1% YoY).

Le aziende presenti nella Top 10 crescono comunque a un ritmo più elevato rispetto al resto della classifica (rispettivamente del 6,1% contro il 5,7% complessivo), sebbene, in termini di marginalità si registri una lieve contrazione sull’anno precedente e una performance inferiore alla media della Top 250, rispettivamente di 3% e 3,2%.

 

Il maggior numero di realtà che trovano posto nella Top 250 provengono dall’Europa: cresce, infatti, da 82 a 87 il numero di aziende che hanno sede nella regione e tre di esse rientrano anche nella Top 10 (Schwarz, Aldi Einkauf, Tesco PLC, mntre il resto sono colossi statunitensi). Due terzi del fatturato dei retailer in Europa proviene da Germania, Regno Unito e Francia.

La Germania è casa delle imprese più grandi, che con una dimensione media di 24,7 miliardi di dollari superano di gran lunga la media di 18,1 miliardi di dollari delle imprese presenti nella Top 250. La Francia, invece, spicca per l’internazionalizzazione con aziende che operano in media in 29,2 paesi.

 

“Anche per i retailer italiani si registra, nell’anno chiuso entro il 30 giugno 2018, un andamento nel complesso positivo”, conclude Bertone. “Tutti i quattro player italiani presenti nella Top 250 dei big della distribuzione registrano un avanzamento in classifica: Coop si conferma il primo distributore italiano, collocandosi al 71esimo posto; seguono Conad e Esselunga che si piazzano rispettivamente al 73° (+5 posizioni rispetto al FY 2016) e al 121° (+10 rispetto al FY 2016) posto; chiude Eurospin che avanza di ben 19 posizioni collocandosi al 168° posto della Top 250”.

articoli correlati

TECH & INNOVATION

Coop e Accenture: nel Supermercato del Futuro arriva il chatboy ShoppY

- # # # # # #

shoppy

Prosegue la collaborazione tra Coop e Accenture all’interno del Supermercato del Futuro di Milano Bicocca, laboratorio di sperimentazione di eccellenza per il retailer, che questa volta mette a disposizione dei propri soci e clienti ShoppY, una soluzione di intelligenza artificiale.

Archiviato il tradizionale fogliettino della spesa, ora ci si muove dentro e fuori dal supermercato con l’aiuto del chatbot ShoppY, un assistente agli acquisti virtuale e personale, pensato per aiutare a gestire la lista della spesa, ottenere suggerimenti d’acquisto, notizie sulle promozioni, sulla posizione dei prodotti nel punto vendita o ancora per conoscere orari di apertura e chiusura dello stesso.

Il chatbot, sviluppato da Accenture e Avanade su tecnologia Microsoft, sfrutta algoritmi di machine learning per apprendere ed elaborare, in maniera anonima, i dati presenti negli scontrini, restituendo ai clienti un servizio utile.

Per poter dialogare con ShoppY non è necessario scaricare app o registrarsi, è infatti sufficiente andare sulla pagina Facebook del Supermercato del Futuro di Coop e iniziare a chattare con lui, inviando un messaggio. Il chatbot riconosce se ha già avuto conversazioni con l’utente, è in grado di aiutarlo nella creazione di una lista della spesa nuova, recuperarne una precedente o aggiornarla proponendo, attraverso un sistema di raccomandazione evoluto, prodotti abitualmente associati a quanto già presente nell’elenco.

“Così come già avviene per i retailer online, anche per quelli tradizionali è molto importante la capacità di stabilire con i consumatori un dialogo che tenga in considerazione informazioni o dati già condivisi”, dichiara Alberto Pozzi, Managing Director Accenture, responsabile per il retail. “Si tratta di una delle esigenze più impellenti per il grocery. La gestione strategica dei dati può diventare un elemento di vantaggio competitivo, permettendo non solo una interazione intelligente con i consumatori, ma soprattutto abilitando nuovi modelli di business e collaborazioni con altri attori del proprio ecosistema”.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Friendz e PHD al lavoro per accrescere l’awareness di Coop Origine

- # # # #

coop origine friendz

Friendz, in collaborazione con l’agenzia media PHD, ha appena dato il via alla campagna “Dal campo alla tavola” che si concluderà l’1 Agosto per creare awareness attorno alla linea di prodotti Coop Origine del marchio Coop Italia.

In particolare, Friendz si è concentrata sui pomodori, unendosi alla campagna lanciata dal brand ed amplificandone la portata. Con questa campagna, Coop vuole trasmettere la propria competenza sul mercato e l’approfondita conoscenza della filiera e dei propri prodotti. Per questo motivo ha ideato delle nuove “etichette parlanti” presenti sulle confezioni, che aiuteranno a raccontare le peculiarità, le caratteristiche ed il percorso di questi prodotti.

Su questa base, il team creativo di Friendz ha sviluppato due diverse attivazioni social per ingaggiare la propria community. La prima sarà una doppia condivisione Facebook ed Instagram di contenuti UGC (User Generated Content) in cui gli utenti dovranno scattare delle fotografie ai pomodori in un setting naturale, accompagnandole ad una descrizione con l’hashtag della campagna di comunicazione #CoopOrigine ed un riferimento alla tracciabilità del prodotto.

La seconda attivazione riguarderà esclusivamente le Instagram Stories. Gli utenti Friendz dovranno creare un Boomerang per dare vita alla passata di pomodoro più lunga d’Italia. Ogni story conterrà il Geotag e gli hashtags #PassataDiPomodoro e #CoopOrigine per venire repostate nelle stories del profilo ufficiale di Coop.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Expansion Group firma il packaging design di D’Osa Coop

- # # #

D'Osa

Expansion Group ha realizzato il system della nuova linea di prodotti di casa Coop D’Osa, la linea completa di prodotti che permette di preparare favolose ricette in tutta semplicità.

D’Osa propone miscele, preparati, lieviti, amidi, decorazioni e tanti altri ingredienti che rendono l’esperienza di cucinare facile e appagante anche per chi non è un mago ai fornelli.

Il logo della linea e il packaging system sono stati ideati dalla Design Unit di Expansion Group, che ha scelto uno stile semplice e accattivante abbinato a un colore vivace per comunicare valori quali facilità, velocità e divertimento nello sperimentare in cucina, come ben sintetizzato dal pay-off “Facile cucinare!”, studiato per veicolare il principale plus della nuova linea.

L’agenzia ha realizzato anche un utile ricettario ricco di sfiziose idee, gustosi consigli e golosi spunti per esprimere il proprio estro ai fornelli con il prezioso aiuto dei tantissimi prodotti di questa nuova linea.

Per la Design Unit di Expansion Group hanno lavorato Annalisa Muccioli, Graphic Designer, sotto la direzione creativa di Andrea Ligi, Head of Design.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Coop affida a Expansion Group la creatività della campagna “Approvato dai Soci”

- # # # #

Expansion

Invitare gli oltre 8 milioni e mezzo di Soci a esprimere il loro giudizio sui prodotti a Marchio: questo l’obiettivo della nuova comunicazione “Approvato dai Soci” promossa da Coop. Il concept di questa importante operazione è stato ideato da Expansion, l’agenzia guidata da Giorgio Piccioni.

L’idea creativa utilizza un linguaggio di comunicazione semplice e fa leva su un simbolo – il cucchiaio – funzionale a trasferire il concetto di gradimento alimentare. Nell’ambito della campagna, infatti, il cucchiaio si trasforma in un sorriso di approvazione o in una smorfia di disapprovazione, al fine di incentivare i Soci Coop a partecipare ai test di gradimento sui prodotti a Marchio e a esprimere il loro giudizio.

Prodotti Coop: tu li provi, tu li approvi. Oppure no.” recita la headline della campagna multisoggetto, che, oltre a caratterizzare l’intero layout delle aree preposte all’assaggio, è stata declinata su numerosi materiali p.o.p., come locandine, shopper e vele, su materiali below the line e sulla web page di riferimento.

Per l’Advertising Unit di Expansion Group hanno lavorato Alessandro Schiavone, Art Director Senior, e Massimiliano Pancaldi, Head of Copy. La fotografia è stata curata da Studio Baraldi.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Coop e Y&R reinterpretano l’icona dell’orgoglio LGBT per la giornata del Coming Out

- # # # #

Coop - Y&R

iUn arcobaleno lungo uno scaffale, questa l’idea di Coop per omaggiare la giornata del Coming Out in cui si esalta il coraggio di dichiarare al mondo semplicemente ciò che si è.

Coop, ha deciso di stupire i suoi clienti, nello store di via Arona a Milano, con un’insolita e colorata sorpresa: utilizzare prodotti a marchio Coop per trasformare un intero scaffale nella bandiera arcobaleno.

Commenta Francesco Cecere, Direttore Marketing e Comunicazione Coop: “In linea con la tradizione di accoglienza e di apertura di Coop, abbiamo deciso di omaggiare la giornata mondiale del coming out ricreando, all’interno di uno dei nostri punti vendita, la bandiera che simboleggia l’icona dell’orgoglio LGBT. La scaffalatura arcobaleno testimonia l’apertura e il rispetto della Coop verso le scelte di vita delle persone e il rifiuto verso ogni tipo di discriminazione.”

Firmata da Y&R, la campagna Be Proud Of Your Shelf  vuole essere uno strumento per esprimere sostegno verso la comunità LGBT e per contribure alla sensibilizzazione degli italiani su un tema così attuale.

Spiega Vicky Gitto, Chief Creative Officer Young & Rubicam Italia: “L’importanza di questa operazione è duplice, ci troviamo di fronte a una marca che abbraccia una tematica di estrema rilevanza sociale e lo fa veicolando un messaggio di grande inclusività con tutti i suoi prodotti direttamente sul punto vendita. Lo store ha un’importanza straordinaria nelle logiche di interazioni con i consumatori in quanto rappresenta il momento di maggiore contatto con il cliente e dove l’esperienza del brand è più forte”.

articoli correlati

MEDIA 4 GOOD

Scottex e Water For People: Al via l’iniziativa che aiuta le popolazioni dell’Honduras

- # # # # #

Scottex e Water For People

Scottex lancia il programma “Un bagno cambia la vita”, un’attività che ha l’obiettivo di dare accesso a servizi igienici sicuri e puliti a 1,4milioni di persone in America Latina, e in particolare alle popolazioni rurali dell’Honduras.

Il progetto è realizzato in collaborazione con Water For People, un’associazione internazionale no-profit che opera in 9 Paesi nel mondo, e da settembre a dicembre 2017 l’attività verrà portata avanti presso i punti vendita Carrefour e Coop in Italia.

Per ciascuno di noi contribuire attivamente al progetto è facile: con il pacco speciale di carta igienica Scottex Pulito Completo dedicato all’attività, Scottex si impegna ad aiutare Water For People a fare la differenza.

L’iniziativa “Un bagno cambia la vita” si inserisce nel più ampio contesto di impegno sociale e ambientale che contraddistingue Scottex e tutto il Gruppo Kimberly-Clark: dopo il rilancio del 2016 e l’importante focus sul Pulito, il brand ha infatti aderito e promosso numerosi progetti di charity.

Sicurezza sul lavoro, rispetto per l’ambiente e attenzione per il benessere delle persone, sono i valori principali dell’impegno di Kimberly-Clark nel perseguire la sostenibilità delle proprie attività sotto ogni aspetto.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Coop lancia il nuovo servizio EasyCoop con il passaparola di trnd

- # # # # #

nasce EasyCoop nuovo ecommerce Coop

Nasce EasyCoop, il servizio di Coop pensato per chi non vuole rinunciare alla qualità e convenienza Coop comodamente dal divano di casa propria. Per lanciare il nuovo servizio, che in un primo periodo verrà proposto nella capitale, Coop ha scelto trnd, leader del marketing collaborativo, che ha studiato per il cliente una campagna ad hoc.

Il nuovo servizio EasyCoop è pensato per un consumatore moderno che ha sempre meno tempo ma che non vuole rinunciare alla qualità dei prodotti e dei servizi. Per presentarlo ai propri consumatori, Coop ha scelto la società specializzata nelle campagne di passaparola offline e online, che ha selezionato attentamente 1000 trnder sul territorio romano, all’interno del Grande Raccordo Anulare.

I trnder, così vengono chiamati i mille partecipanti al progetto, riceveranno 3 codici sconto del valore di 15 euro e le spese di consegna gratuite per tutto il 2017. In questo modo potranno provare agevolmente il servizio e parlarne con i propri amici. Avranno altresì 10 codici del valore di 10 euro e 20 buoni per consegna gratuita da distribuire al proprio network. Saranno quindi tra i primi utenti a sperimentare il servizio e a dare un importante feedback ad EasyCoop.

“L’obiettivo che ci siamo dati per la campagna con trnd è sicuramente quello di far conoscere ai romani il servizio che Coop offre alla propria clientela. Ma abbiamo scelto trnd soprattutto per gli insight immediati che mille utenti e tutti i loro amici potranno darci in totale sincerità. Per un servizio nuovo come il nostro, le opinioni dei consumatori sono preziose”, ha dichiarato Simone Gerola, Direttore Digital di EasyCoop.

Ma cosa dovranno fare nel dettaglio i trnder?

  1. Iscriversi al nuovo portale Easycoop.com e fare la spesa
  2.  Esprimere la loro opinione in 3 sondaggi online
  3. Far conoscere EasyCoop ad amici e conoscenti attraverso il passaparola e distribuendo i buoni sconto ricevuti nello starter kit.

“Questa campagna combina la peculiarità del lancio di un nuovo prodotto con quella di un ecommerce. Si tratta di un bel test per noi e siamo quindi pieni di aspettative: già con un ecommerce come Zalando abbiamo ottenuto dei risultati stupefacenti, tali da replicare la campagna più volte. Con EasyCoop vogliamo superarci”, ha dichiarato Milvia Bonvicino, Managing Director di trnd Italia.

La campagna, che è partita martedì 23 maggio, ha la durata di 4 settimane e coinvolgerà 1000 trnder sul territorio di Roma.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

On air la nuova campagna istituzionale di Coop, firma Y&R Italia

- # # # # #

Campagna Coop

Il sodalizio tra Y&R e Coop Italia continua con il lancio in TV, radio e web del nuovo format di comunicazione. Dopo aver affrontato il difficile contesto competitivo dato dalla crisi economica nazionale, Coop torna oggi a parlare dei propri valori di marca e lo fa con un format nuovo, creato per dare un supporto concreto alle esigenze dei consumatori. Il punto di partenza della nuova campagna integrata è sempre il consumatore: i suoi dubbi e le sue esigenze oggi vertono su tematiche valoriali a cui Coop risponde con fatti concreti espressi con un tono di voce fresco, moderno, dinamico e coinvolgente.

I temi trattati saranno molteplici nel corso dell’anno, il primo è il valore della sicurezza. La musica composta ad hoc per Coop Italia da Massimiliano Pelan e Fabio De Martino (30”) è l’emblema della campagna e firma i fatti dichiarati con l’invito a celebrare un momento di cooperazione, di azione, di sguardo al futuro. E’ il momento di celebrare ciò che il brand ha costruito negli anni dando sempre però un ruolo fondamentale al consumatore. Tale promessa è sottolineata da un ulteriore cambiamento: lo storico logo “la Coop sei tu” viene presentato anch’esso con un nuova impostazione grafica che integra il payoff con il brand a sottolineare il rapporto paritario tra la marca e le persone.

CREDITS
Cliente: Coop Italia
Direttore Marketing e Comunicazione: Francesco Cecere
Responsabile Comunicazione: Alessandro Serra
Agenzia: Y&R Italia
Chairman & Chief Creative Officer: Vicky Gitto
Creative Director Copy: Paolo Pollo
Deputy Creative Director Art: Marco Panareo
Senior Art Director: Anna Taschini
Senior Copywriter: Francesco Cellini
Client Director: Chiara Gilli
Account Director: Valeria Pedrazzini
CDP: BedeschiFilm srl
Executive Producer: Emanuela Murelli, Federico Salvi
Directors: DaDa – Veronica Mengoli e Claudia Biondini
Musica: Massimiliano Pelan e Fabio De Martino
Postproduzione: PostAtomic
Agenzia Media: PHD

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Coop Italia e Accenture reinventano l’esperienza d’acquisto in ambito alimentare: apre a Milano il Supermercato del Futuro

- # # # # #

Coop

Coop Italia ha collaborato con Accenture per rivoluzionare la customer experience della vendita alimentare al dettaglio e creare il primo Supermercato del Futuro. Il nuovo punto vendita, inaugurato a Milano in zona Bicocca, è un ambiente accogliente, innovativo che permette l’accesso a informazioni utili sui prodotti, un supermercato che abbina l’atmosfera tradizionale dei mercati rionali con soluzioni digitali, migliorando l’orientamento all’interno del punto vendita.

Accenture ha lavorato con Coop nel ridisegnare completamente l’architettura delle informazioni del supermercato. Collaborando con Avanade, una joint venture tra Accenture e Microsoft, Accenture ha aiutato Coop a implementare l’infrastruttura IT e ad analizzare e sviluppare i touchpoint del punto vendita. Il risultato è una soluzione modulare e flessibile basata su una piattaforma cloud Microsoft Azure, facilmente scalabile e replicabile in un ampio numero di negozi.

“Dopo il grande successo e il riscontro estremamente positivo ricevuto quando abbiamo presentato all’Expo di Milano l’idea di Supermercato del Futuro, abbiamo continuato a lavorare per tradurre la nostra visione in realtà”, afferma Marco Pedroni, Presidente di Coop Italia. “Accenture e Avanade hanno messo a sistema la loro competenza digitale per aiutarci a ridisegnare l’esperienza d’acquisto dei prodotti alimentari abilitando un “viaggio digitale” che risponde al bisogno dei nostri clienti di avere accesso a maggiori informazioni e a ulteriori funzionalità, in modo coinvolgente, semplice e intuitivo”.

La nuova customer experience è resa possibile dall’introduzione di alcune soluzioni digitali a disposizione dei clienti, dai banchi interattivi, agli scaffali verticali fino allo schermo data viz. Il progetto incorpora una serie di soluzioni tecnologiche originariamente concettualizzate per Coop in occasione di Expo Milano 2015 dallo studio Carlo Ratti Associati, diretto da Carlo Ratti, professore del MIT.

Banchi interattivi: nel supermercato i prodotti sono esposti su ampi banchi interattivi che, con un semplice movimento della mano, permettono di visualizzare su un monitor informazioni aggiuntive sul prodotto, tra cui l’origine, i valori nutrizionali, l’eventuale presenza di ingredienti allergizzanti, le istruzioni per lo smaltimento, i prodotti correlati e le promozioni in corso. Questa esperienza “aumentata” è resa possibile da una soluzione innovativa sviluppata da Accenture e basata su sensori Kinect che, attraverso meccanismi di body detection, riconoscono i gesti del cliente.

Scaffali verticali: nel nuovo negozio anche il layout degli scaffali è stato ripensato e associato ad un’applicazione touch che permette al cliente di orientarsi tra le varie categorie di prodotto, filtrarle e cercare ciò che si desidera, scoprire le promozioni in corso e visualizzare informazioni dettagliate. Tutto ciò dà vita a un’etichetta “aumentata” che consente al cliente di acquisire una conoscenza approfondita del prodotto che si appresta ad acquistare.

Visualizzazione dei dati in tempo reale: una delle pareti del supermercato è dedicata ad un ampio schermo che proietta dati e contenuti in tempo reale, tra cui: i valori del marchio Coop, offerte speciali del giorno e suggerimenti per la preparazione di cibi, ma anche notizie dal mondo social come i post sulla pagina Facebook di Coop, oppure l’elenco dei prodotti più venduti e le promozioni per ciascuna categoria.

“Con il Supermercato del Futuro di Coop, realizziamo quella convergenza tra fisico e digitale che permette di creare un’esperienza di acquisto realmente coinvolgente e immersiva”, ha dichiarato Alberto Pozzi, Managing Director della Retail Practice di Accenture in Italia. “Coop dà così forma al supermercato di domani, combinando in un’unica esperienza: personalizzazione dei servizi, accesso ad informazioni approfondite sui prodotti e utilizzo di dispositivi connessi, che accompagnano il consumatore nell’acquisto. Confidiamo di poter proseguire in questa collaborazione e di continuare a portare i benefici dell’innovazione ai clienti Coop”.

“Avanade vive con entusiasmo il potere dell’innovazione digitale e la possibilità di poterla vedere realizzata. Siamo felici di aver aiutato Coop a trasformare in realtà il concetto di Supermercato del Futuro,” ha affermato Stefania Filippone, Executive in Consumer Goods & Retail, Avanade, Italia.

articoli correlati

AZIENDE

Novacoop lancia la food experience di Coop “Fiorfood”, il progetto è curato da Bebit

- # # # # # #

Logo di Bebit che cura il lancio del concept store di Coop

Novacoop affida a Bebit il progetto web “Fiorfood“, la nuova food experience di Coop. “Il nostro obiettivo è offrire agli utenti il sogno di un’esperienza enogastronomica a 360°” afferma Roberto Botto, Direttore Clienti di Bebit. “‘Fiorfood, cibo ed emozioni’ è un progetto innovativo che ci ha entusiasmato dal primo istante: un nuovo modello di store interpretato come luogo in cui coltivare la socialità, assistere a una conferenza o alla presentazione di un libro, fare la spesa e degustare cibi eccellenti preparati sul momento. Un contenitore che il nostro team, in collaborazione con la Community e social media manager di Novacoop Monica Di Martino, svilupperà sul piano digital, dando vita al website e curando il lancio della comunicazione sui social network”.
“Non solo cibo, ma anche approfondimento, apprendimento, sperimentazione, emozione” prosegue Enrico Chiadò Rana, Direttore Creativo di Bebit. “Un incarico che ci dà l’opportunità di arricchire la nostra expertise nel settore food, con un bigplayer italiano del calibro di Coop. Website e pagina social diventeranno la voce e la vetrina di uno store che si propone come centro di innovazione nel rapporto tra consumatore e consumo”.
“Lo sviluppo digital farà da booster per la promozione del format Fiorfood” conclude Roberto Botto. “La strategia ideata da Bebit lavorerà per presentare agli utenti un concetto democratico e accessibile di eccellenza gastronomica, coerente con i valori del brand Coop, in grado di avvicinare il consumatore alla ristorazione di qualità e alla storia dei prodotti. Il primo punto vendita Fiorfood è nato a Torino, nel contesto suggestivo della Galleria San Federico, dove si integra con uno spazio dedicato ad una proposta qualificata di Librerie Coop”. Bebit fa parte dello stesso Gruppo di comunicazione in cui rientrano anche Libera Brand Building e Magic Box Events.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Coop sceglie la mobile domination di smarclip per la linea BeneSì

- # # # # # #

Porta la firma di smartclip la pianificazione Mobile Domination per la campagna di promozione della linea BeneSì di Coop sul network Food. La strategia media, messa a punto per Coop da PHD del Gruppo Omnicom, ha coinvolto smartclip per la distribuzione della nuova campagna video.

smartclip punta a coinvolgere il pubblico sempre più ampio di appassionati di cucina attraverso una distribuzione che coinvolge le app Piccole Ricette, la celebre mobile app di cucina, da oltre 3 anni nella top ten della sua categoria in App Store, eletta da iPhone Italia tra le migliori app di cucina del 2013, finalista dello Smau Mob App Awards Bologna 2014, e la nuovissima Ricette&Sapori di DeAgostini Digital, uno dei principali editori italiani, particolarmente legato al target femminile.

La Mobile Domination, che segue una fase di pianificazione pre-roll, è costituita da uno spot video al lancio dell’app (Pre-App), da un background personalizzato nella parte superiore dell’app e da un banner cliccabile garantendo a Coop visibilità esclusiva e massiva sulle due applicazioni attraverso formati impattanti display e una partnership editoriale con sezione dedicata per un’efficace ottimizzazione degli investimenti e una presenza strategica sul target di riferimento.

“La Mobile Domination, ormai punto di riferimento nel mercato italiano del mobile advertising, propone una combinazione di formati video e display capaci di unire strategie di branding, tipiche del video, a pianificazioni di advertising tipiche del mondo mobile”, afferma Luca Di Cesare, Managing Director di smartclip Italia. “In questo momento il mercato sta offrendo una grande disponibilità di spazi per le pianificazioni di mobile video advertising, ma è necessario indirizzare i budget verso ambienti sicuri e con audience di qualità: per questo Coop ha scelto di puntare sulle app del nostro network per gli investimenti pubblicitari in mobile video”.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Accenture, Avanade e Coop: esperienze “futuristiche” nel retail

- # # # # # # # # #

Accenture e Avanade hanno sviluppato per Coop i sistemi software che supportano l’esperienza utente dei visitatori del Supermercato del Futuro, situato all’interno del Future Food District in EXPO.

Al centro del Future Food District c’è la visione dell’architetto Carlo Ratti, insegnante presso il Massachusetts Institute of Technology di Boston e direttore del MIT Senseable City Lab. In questa visione la consapevolezza alimentare è fortemente sostenuta dalla tecnologia, a supporto del consumatore. Per il Future Food District è stato quindi realizzato un supermercato completamente funzionante, dove l’utente può fare la spesa, scoprire la storia dei prodotti e leggerne le caratteristiche: prezzi, allergeni, ingredienti, provenienza, valori energetici, impatto ambientale, video, foto e altre descrizioni di dettaglio. Il tutto in un ambiente che coniuga accoglienza e innovazione, dove il visitatore, con il supporto della tecnologia, può effettuare i propri acquisti in maniera più consapevole e “socializzante”.

Per far sì che i 1500 prodotti presenti nel supermercato potessero raccontare le loro caratteristiche e la loro storia nel modo più fluido e naturale possibile, Accenture e Avanade hanno realizzato diverse tipologie di interazione:
– Tavoli interattivi, composti da vele e Microsoft Kinect e collocati all’interno di tutto il supermercato;
– Scaffali verticali con touch screen disposti in tutto il perimetro di ciascuno dei 3 livelli del supermercato;
Second Screen in alcuni punti specifici del supermercato.

Per quanto concerne i tavoli interattivi, Accenture e Avanade hanno sviluppato una nuova modalità di interazione, intuitiva e per questo efficace, che permette ai visitatori del supermercato di interagire con i prodotti fisici semplicemente indicandoli. Grazie ai 200 sensori Microsoft Kinect disposti nelle vele all’interno del supermercato, l’utente ha la possibilità di accedere a tutte le informazioni riguardanti i prodotti, semplicemente allungando la mano verso il prodotto prescelto e vivendo un’esperienza unica nel suo genere.

Gli scaffali verticali sono dotati di un’etichetta aumentata, che è possibile attivare mediante un semplice tocco. Le tecnologie alla base, Windows 8.1, le Modern App e il Kiosk Mode, rendono facile la gestione di tutti i dispositivi utilizzabili dagli utenti. Tutti i dispositivi sono collegati a PC della famiglia NUC (Next Unit of Computing) di Intel, pensati per lavorare in piccoli spazi come quelli ricavati dietro le vele.

Il CMS dell’intero sistema è basato su Sitecore, nel quale vengono archiviati tutti i prodotti e le informazioni presenti sugli scaffali, comprese le nozioni nutrizionali e la provenienza fruibile sugli schermi di tutti i generi alimentari presenti.

Attraverso il Cloud Microsoft e nello specifico grazie a Microsoft Azure, sono stati integrati i diversi sistemi; sono state gestite le informazioni attraverso 400 mini-PC connessi in rete, monitorati e configurati automaticamente, grazie alla tecnologia Windows 8.1, ai servizi presenti su Microsoft Azure e alla suite Microsoft System Center, che sfrutta anche la tecnologia Intel V-Pro dei processori dei pc NUC.

L’intero flusso di informazioni derivante dalle interazioni viene gestito attraverso i servizi offerti dal Cloud di Microsoft Azure, elaborato e reso disponibile tramite SQL Server Integration Services. L’obiettivo è quello di rendere comprensibile ai visitatori queste informazioni aggiuntive sui prodotti mediante un enorme Data Visualization Wall visibile sulla parete del supermercato da qualunque punto: 120 mq di proiezione digitale che mostrerà in tempo reale alcuni dati relativi al punto vendita: il numero dei visitatori, con quali prodotti stanno interagendo, la top ten dei prodotti più venduti…

La visione del Supermercato del Futuro non si ferma solo alla nuova esperienza del cliente, ma migliora sensibilmente anche il lavoro dei dipendenti Coop: attraverso un’apposita applicazione sviluppata per tablet Microsoft Surface 3, gli addetti possono sostituire, spostare, rifornire e gestire i prodotti in vendita e in magazzino.

Nell’ottica di rendere ancora più unico il percorso del cliente nel Future Food District, Coop ha chiesto ad Accenture di ideare e sviluppare un’app, che guiderà il visitatore in un percorso personalizzato all’interno del negozio.

Attraverso una logica di gamification, il cliente definirà il proprio Lifestyle (vegan, bio, italian lover etc.) e, grazie all’utilizzo di beacon ultrasonici collocati nel punto vendita – circa una ventina – vedrà comparire sul proprio smartphone segnalazioni dei prodotti maggiormente in linea con il proprio stile di vita e informazioni sulla loro esatta localizzazione all’interno dello store. La mobile app avrà inoltre un’integrazione di realtà aumentata, per cui il visitatore potrà accedere a dei contenuti aumentati semplicemente inquadrando dei tag.

 

articoli correlati

AZIENDE

FutureBrand realizza la Limited Edition Barilla per Expo 2015

- # # # # #

Barilla è presente all’interno del Supermercato del Futuro Coop con una limited edition pensata e realizzata da FutureBrand. L’agenzia ha studiato un pack di Farfalle e una confezione di Sugo al Basilico che riprendono lo stile di Erberto Carboni, creatore della grafica Barilla negli anni ’50, attualizzandolo rispetto ai temi proposti da Expo. Infatti, accanto al recupero dell’heritage grafico di Barilla, la limited edition si focalizza sulla sostenibilità, come suggerisce la spiga di grano che racchiude in sé il valore della nutrizione e l’impegno verso l’ambiente, in coerenza con il programma “Buono per te, Buono per il Pianeta”.

“Abbiamo reso omaggio alla storia di Barilla, reinterpretando Carboni con un linguaggio contemporaneo facendolo dialogare con il presente e il futuro rappresentato dal tema e dai valori di Expo”, dice Chiara Pomati, Creative Director di FutureBrand. “Non si tratta di una rilettura del passato fine a se stessa, ma di dare visibilità all’impegno di Barilla sul fronte della sostenibilità di tutta la sua filiera produttiva”.

Grazie a un QR code, infatti, i visitatori possono scoprire che cosa c’è dietro alle confezioni di pasta o ai sughi Barilla, dalla coltivazione e raccolta del grano duro, passando per tutte le tappe: molitura e stoccaggio; stoccaggio delle materie prime, trasformazione e confezionamento; distribuzione.

Elena Braghero, Global Barilla Brand Development, aggiunge: “Accanto allo scaffale che ospita la pasta e il sugo limited edition, è posizionato un videobox interattivo dove due video raccontano, attraverso illustrazioni originali ideate da FutureBrand, il percorso di sostenibilità dal campo alla tavola dei prodotti Barilla”.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Forsman & Bodenfors firma la campagna “The Organic Effect” per la catena svedese Coop

- # # # # #

“The Organic Effect” è l’ultima campagna lanciata dall’agenzia Forsman & Bodenfors per la catena svedese di supermercati Coop. La campagna – un vero e proprio esperimento – rivela cosa accade in proprio corpo quando si comincia a mangiare soltanto cibo biologico. Il test, che ha coinvolto una normale famiglia svedese, è stato condotto dallo Swedish Environmental Research Institute IVL e il film è stato prodotto dalla casa di produzione Acne Film.

Sin dagli anni ’80 Coop è stata pioniera in Svezia per il biologico, aiutando gli agricoltori a passare alla coltivazione bio, favorendo l’accessibilità del cibo biologico per i consumatori e spronando la politica a fare sempre di più per la produzione di cibo biologico. Tuttavia, si sa, quello che mangiamo proviene da tutto il mondo e quindi i risultati di questo esperimento riguardano tutti noi.

Credits
Client: Coop
Agency: Forsman&Bodenfors
Art Director: Johan Eghammer, Johanna Hofman-Bang
Copywriter: Johan Olivero
Account Manager: Lena Grundström, Patrik Danroth
Account Director: Anders Härneman
Designer: Viktor Brittsjö
Agency Producer: Åsa Hammar
Planner: Amelie Sandström, My Troedsson
Digital Producer: Helena Wård

Production: ACNE Production
Director: Marcus Svanberg
Producer: Kristofer Larsson
DOP: Anders Jedenfors
Offliine Editor: Henning Mark
Post Production: Shortcut Stockholm
Sound: Plop Produktion

Video distrubution: Be On
Jenny Canborn
Renée Vennberg
Carl-Christian Dyrssen
Maria Molsa

articoli correlati