COMMERCE

#NetcommForum 2017: verso l’Unified Commerce

- # # # #

unified commerce

Si avvicina l’apertura dell’edizione 2017 del #NetcommForum, l’appuntamento nazionale promosso dal Consorzio del Commercio Elettronico Italiano, che mercoledì prossimo a Milano prenderà il via consentendo ai visitatori di approfondire aspetti e dinamiche dell’intera filiera dello shopping online, e che sarà guidato da ricerche aggiornate e dalle ultime tendenze messe a confronto con le case history dei principali operatori del settore italiani e internazionali.

Già sold out l’area espositiva con la presenza di oltre 160 aziende. Due giorni animati da 3 convegni istituzionali, 60 workshop tematici e 160 relatori esperti del mondo digitale, per fare il punto sulle tendenze in atto.

“È in atto un profondo cambiamento della domanda e dell’offerta, che coinvolge dei fattori chiave nel commercio elettronico a partire dal consumatore, i cui bisogni devono essere puntualmente analizzati e soddisfatti. Egli si aspetta un servizio in tempi rapidi, geolocalizzato e orientato a soddisfare anche le necessità più immediate. Per questo le aziende che hanno integrato il canale digitale nei loro processi di business devono essere in grado di creare un’esperienza unificata di eCommerce, dove online e offline e i diversi device si mescolano costantemente in un nuovo ecosistema esperienziale”, spiega Roberto Liscia, Presidente di Netcomm.

Sarà proprio il tema dello Unified Commerce il filo conduttore di questa edizione del Netcomm Forum, che aprirà mercoledì la prima delle tre plenarie previste nel Programma. Attraverso dati e approfondimenti di speaker nazionali e internazionali, grazie al punto di vista privilegiato sull’evoluzione del mercato digitale di Netcomm, si comprenderà come lo unified commerce sta permeando il settore, i consumatori e quindi le decisioni strategiche delle aziende.

Si inizia alle 9.15 con l’intervento di Roberto Liscia, che delineerà i trend evolutivi del mercato, dei consumatori e le conseguenti implicazioni per le aziende. A seguire Riccardo Mangiaracina, Direttore Scientifico dell’Osservatorio eCommerce B2C, School of Management del Politecnico di Milano, che analizzerà il mercato dell’eCommerce B2c in Italia. Jorij Abraham, Managing Director Ecommerce Foundation, indagherà poi i cambiamenti dei consumatori online, dei nuovi sviluppi tecnologici e dell’andamento dei mercati globali proiettati al 2020, offrendo agli operatori concrete proposte strategiche per posizionarsi nello spazio globale del mercato retail. A chiudere la Plenaria tre testimonianze di importanti aziende che stanno sviluppando un percorso connotato dalla trasformazione digitale e focalizzato all’omnicanalità.

Alle 16.30 con la seconda Plenaria della giornata: “Dalla strategia all’execution: le eccellenze digitali” si entrerà nel merito di come le imprese stanno ricercando expertise sempre più specialistiche e innovative nelle aree chiave dello unified commerce: dalla logistica ai pagamenti, passando per l’IT e il marketing. Attraverso le testimonianze dirette di aziende native digitali e di quelle offline che hanno abbracciato il digitale, si comprenderà come le strategie adottate le abbiano portate a interagire con il consumatore in modo immediato e diretto, attraverso una pluralità di interfacce, garantendogli un’esperienza unica, personalizzata e continuativa e, nel contempo, le abbiano aiutate a portar linfa al loro business.

Il fil rouge dello unified commerce che ha guidato questa edizione del #NetcommForum trova il suo compimento nell’ultimo grande momento di giovedì 11 maggio alle 9.30: “La data revolution guida il cambiamento del mercato“. Con l’aiuto di ricercatori, accademici ed executive di aziende internazionali si affronterà il tema dei dati quale nuovo assetto competitivo per le imprese, scoprendo come oggi, in questo scenario che vede il cliente al centro, essi sono il nuovo canale di connessione tra azienda e consumatore per la creazione di valore reciproco e dinamico.
Punto di forza del #NetcommForum 2017 saranno anche i 60 workshop che affronteranno argomenti trasversali e complementari all’eCommerce, suddivisi per temi tra cui: Customer Experience, Marketing, Mobile, Pagamenti, Servizi, Tecnologia e Analytics. Accanto a questi anche le “Netcomm innovation roundtable”, incontri tematici che hanno l’obiettivo di analizzare aree e industry (e-health, logistica, food, export, marketing, pagamenti) che vedranno secondo Netcomm una forte innovazione guidata dal contesto digitale.

“Siamo particolarmente soddisfatti di proporre un’edizione del #NetcommForum così ricca di contenuti e con la presenza di aziende nazionali e internazionali che hanno deciso di condividere le loro storie digitali”, afferma Roberto Liscia. “La crescita anno dopo anno del nostro format e l’interesse delle aziende nei confronti del #NetcommForum credo siano sintomatici di un processo inarrestabile di digital transformation trainato all’interno delle imprese proprio dall’eCommerce. Basta dare un’occhiata ai dati per capire che anche nel primo trimestre dell’anno questo settore ha mantenuto la sua dinamicità: in soli tre mesi i consumatori italiani che hanno effettuato almeno una volta un’esperienza di acquisto online passano da 25,9 a 26,4 milioni (1) .Prevediamo inoltre che nel 2017 crescerà ulteriormente il ruolo dei dispositivi mobile: l’incidenza degli ordini effettuati da tablet e smartphone sul totale degli acquisti online passerà dal 23,9% del 2016 al 25,9%. In un contesto in veloce evoluzione come quello dell’eCommerce”, prosegue Liscia. “In cui il consumatore è sempre più multi-device e omnicanale, le aziende devono dimostrare di avere una cultura del digitale che permetta loro di relazionarsi con il cliente in modo fluido, abbattendo le barriere tra il canale online e offline e facilitando un’esperienza di acquisto totalmente digitale”.

L’appuntamento è per il 10 e 11 maggio 2017 dalle ore 9.00 alle ore 18 presso MiCo – Milano Congressi – Gate 14| Via Gattamelata, 5 Milano.

Per info e agenda completa delle due giornate: www.netcommforum.it

(1) Dati Net Retail, marzo 2017 – Ricerca Human Highway per Netcomm

articoli correlati

COMMERCE

Nexive punta sulla Smooth Delivery e presenta la sua visione al Netcomm eCommerce Forum

- # # # # #

Sito web di Nexive

Nexive partecipa alla XI° edizione dell’eCommerce Forum di Netcomm (Milano, 18-19 Maggio) e presenta una nuova visione della logistica a supporto del commercio elettronico: la Smooth Delivery ovvero la perfetta integrazione della consegna nell’acquisto, che deve rappresentare un’ambizione per i merchant quanto per gli operatori logistici per soddisfare a pieno il consumatore finale e incoraggiare gli acquisti online. L’esperienza dimostra infatti che il cliente tende a percepire come un’unica entità chi vende e chi recapita e che esiste ancora un gap tra le attese e la soddisfazione relativa alla consegna, che rappresenta ormai l’unico vero punto di critica o di sorpresa per chi acquista on-line; un fattore strategico da curare per sostenere la crescita dell’eCommerce e di conseguenza la competitività delle aziende italiane.
Da sempre Nexive, forte della sua esperienza di operatore postale attento alle esigenze dei destinatari finali, supporta i merchant come dimostrano la crescita dei volumi e del fatturato legati ai servizi parcel: nell’ultimo anno i pacchi movimentati da Nexive in tutta Italia hanno sfiorato i 2.000.000 di unità con un valore in crescita del 161% rispetto al 2014. E il 2016 si è aperto con grande dinamismo: nel primo trimestre sono già stati movimentati oltre 760.000 pacchi con una crescita del 180% dei volumi e del 160% del valore rispetto al primo quarter 2015.
In questo scenario di espansione dell’eCommerce, l’impegno di Nexive per una consegna sempre più fluida e integrata si traduce anche in interventi volti a migliorare l’ingegneria di processo, come il nuovo software adottato per ottimizzare i percorsi degli addetti alle consegne: RouteSmart. Il software unisce gli ultimi sviluppi tecnologici in fatto di cartografia satellitare (GIS) con potenti algoritmi di calcolo dedicati all’ottimizzazione delle attività specifiche dell’ultimo miglio. La nuova tecnologia riceve in input i volumi geroreferenziati, elabora lo scenario ottimale in termini di produttività e restituisce i target per il giro di recapito, consentendo di calcolare in modo puntuale l’obiettivo di recapito in funzione del territorio e dei volumi da recapitare.
L’adozione di questa tecnologia unitamente ad altri strumenti di tracking, s’inserisce nella strategia di Nexive per offrire un servizio di delivery all’altezza della aspettative e in grado di soddisfare merchant e consumatori finali. Alcuni servizi a valore aggiunto sono per esempio la possibilità di pagare al momento della consegna tramite POS, per superare la resistenza al pagamento online, l’home delivery con possibilità di concordare orari comodi e consegna su appuntamento anche il sabato, e la possibilità di far leva sugli oltre 1200 punti di contatto Nexive sul territorio nazionale per consentire il ritiro fisico della merce e una più semplice gestione dei resi.
“Dedicare attenzione all’esperienza di delivery è fondamentale perché determina la percezione di tutto l’acquisto online: il 70% degli e-shopper dichiara di sviluppare fedeltà per un retailer in funzione dell’esperienza di delivery vissuta e il 40% dei consumatori dichiara di evitare acquisti online per timori inerenti al successo della consegna. Ecco perché Nexive, che intende porsi come il partner ideale delle aziende che vogliono crescere con l’eCommerce, punta sul concetto di ‘Smooth Delivery’ e investe per ottimizzare i processi di consegna e differenziare i servizi in risposta alle molteplici esigenze dei consumatori. Un impegno costante che sta portando risultati, come dimostra l’incremento del valore delle nostre soluzioni di delivery che nell’ultimo anno è cresciuto del 161%”, ha dichiarato Valentina Pavan, Parcel Development & Retail Director di Nexive, durante eCommerce Forum nel corso del workshop “Le nuove frontiere dell’innovazione”.
L’offerta Parcel di Nexive integra quattro diverse soluzioni: Sistema Completo, Sistema Espresso, Sistema Economy e Sistema Slim. Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito web www.nexive.it.

articoli correlati

NUMBER

L’ecommerce va sempre più su: i numeri del Consorzio Netcomm presentati all’eCommerce Forum

- # # # # #

Continua instancabile la fortissima crescita del settore del commercio elettronico, che in Italia ha visto solo numeri a doppia cifra a partire dal 2010: dopo infatti aver ottenuto un incremento del 16% nel 2014, l’eCommerce registrerà per il 2015 un’ulteriore crescita del 15% che porterà il mercato a superare i 15 miliardi di euro. A sottolinearlo è stato il Consorzio Netcomm nella cornice dell’eCommerce Forum, tenutosi oggi a Milano alla presenza di oltre 4.000 invitati, tra aziende, professionisti e giornalisti. Un record che mostra come il comparto sia divenuto nel tempo una scelta obbligata e un canale necessario e cruciale per le imprese che vogliano fare business sia nel nostro Paese sia su scala globale.

Secondo le ultime stime di Ecommerce Foundation, in tutto il mondo le vendite complessive di beni e servizi online si attesteranno sui 2.100 miliardi di dollari a fine 2015 (erano 1.840 miliardi a fine 2014), ovvero il 5% sul totale complessivo delle vendite retail. Sono in media il 75% gli utenti che nel mondo accedono al web tramite dispositivi mobili. Se, poi, analizziamo la sola Europa le previsioni per il 2015 si stima a 470 miliardi di euro il fatturato complessivo di beni e servizi acquistati tramite eCommerce, con una preponderanza del 54% dei beni rispetto al 46% dei servizi. In Europa la popolazione di e-shopper supera i 230 milioni di individui e sono circa 2,5 milioni i posti di lavoro che direttamente o indirettamente l’eCommerce sta generando nel Vecchio Continente. Nel corso del 2014 i 3 Paesi europei in cima all’ideale classifica delle vendite online che catalizzano il 60% delle vendite online sono: UK con 122 miliardi di euro, Germania con 70 miliardi, Francia con 56,8.

 

Continua a leggere su MyMarketing.Net!

articoli correlati

NUMBER

NetcommConnect, focus sull’internazionalizzazione dell’ecommerce

- # # # #

Quinto appuntamento per NetcommConnect, il ciclo d’incontri focalizzati su alcuni dei temi più rilevanti dell’eCommerce organizzato dal Consorzio Netcomm con il supporto di Showroomprive.com. Focus quindi sull’internazionalizzazione.

Durante l’evento si è trattato in modo approfondito il tema dell’internazionalizzazione e a guidare la discussione e stimolare il confronto tra le esperienze dirette dei partecipanti in questa occasione sono intervenuti: Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria e Adrien Naeem Business Development manager Demanware.

“Il nostro Paese è conosciuto in tutto il mondo per le sue eccellenze Made in Italy e l’eCommerce si rivela un’opportunità ormai irrinunciabile per le imprese che vogliono estendere il proprio business oltre i confini nazionali- sottolinea Roberto Liscia, Presidente di Netcomm. Tutte le piccole e medie imprese italiane possono sfruttare degli spazi di mercato molto importanti a livello globale, si parla di una platea di oltre 1 miliardo di consumatori che abitualmente compra online e di 2,6 miliardi di individui che sono su internet. È chiaro dunque come l’eCommerce rappresenti un’opportunità di sviluppo per l’economia Italiana nel suo complesso e si comincia a registrare un interesse crescente da parte delle imprese, in particolare del Made in Italy e della grande distribuzione, consapevoli delle grandi opportunità che il digitale può offrire. Guardando ai mercati internazionali, il mercato digitale cinese, in particolare, presenta delle caratteristiche molto interessanti. In Cina si contano infatti 624 milioni di internet user e 320 milioni di e-shopper con una media di 30 anni di età e di 90€ di spesa mensile. I consumatori cinesi passano 165 minuti al mese sui siti di eCommerce e l’online risulta essere il canale principale da cui traggono informazioni rispetto ai prodotti che acquistano, tutte le aziende che vogliono esportare in Cina non possono prescindere dunque dall’adeguarsi al digitale. A maggio Netcomm organizzerà un viaggio di lavoro proprio per capire le opportunità offerte del commercio elettronico in Cina per le imprese italiane.

“L’internazionalizzazione è uno dei pilastri che guidano la nostra strategia insieme allo sviluppo del mobile – afferma Virginia Hernandez, International PR Manager and Business Development di Showroomprive.com. Abbiamo annunciato proprio di recente il lancio del nostro nuovo sito multi-valuta, accessibile oggi in 167 Paesi, che ci permetterà di rendere disponibili i prodotti delle migliori marche a prezzi scontati fino al 70% in diversi paesi del mondo. Una nuova leva di crescita globale per i brand nostri partner che si aggiunge alla nostra attuale presenza ben consolidata in otto grandi paesi europei: Francia, Spagna, Italia, Polonia, Portogallo, Inghilterra, Paesi Bassi e Belgio.”

Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria commenta “Il progetto Esportare la Dolce Vita, che nel 2014 ha raggiunto la sua quinta edizione, vuole essere un progetto operativo per fornire al Sistema Associativo, e quindi alle imprese dei settori interessati, uno strumento di lavoro per orientare le scelte strategiche nei paesi emergenti. Si fa una previsione a 6 anni sulle importazioni dei beni di consumo di fascia medio alta, appartenenti ai settori alimentare, arredamento, abbigliamento, calzature, occhialeria e oreficeria, nei 30 mercati emergenti a maggior potenziale. Ci concentriamo sui paesi emergenti perché lì cresce la classe benestante e con essa i consumi e la richiesta di made in Italy; si stima che nel 2019 queste aree ospiteranno oltre 600 milioni di nuovi ricchi, quasi 200 milioni in più rispetto al 2013. Si tratta di persone con un reddito medio annuo pari a 30-35mila dollari, la metà di essi proverrà dai principali centri urbani di Cina, India e Brasile, ma se ne riscontra un aumento significativo anche in Paesi come Turchia e Polonia. I contenuti del nuovo rapporto Esportare la Dolce Vita 2015 verranno presentati l’11 maggio 2015 presso l’Auditorium Padiglione Italia Expo.”

“Demandware fornisce ai propri clienti una soluzione completa per l’omni-channel e per il business internazionale, dice Adrian Naeem, Business Development Manager presso Demandware. Sulla piattaforma Demandware girano oltre 1100 siti eCommerce per oltre 250 retailers in oltre 45 paesi ed ha individuato tre modelli principali di espansione globale: Cross Border Shipping, Third Party Logistics e localized Entry. In generale, quando un’azienda decide di approcciare mercati internazionali, i livelli di complessità e costi aumentano. Poter contare su un’unica piattaforma semplifica i processi e riduce il Time-to-market. Utilizzando la nostra piattaforma commerce cloud siamo in grado di analizzare i dati, identificare trend e testare e paragonare le performance. Questo ci permette di sviluppare una intelligence globale, di innovare il sistema con continui aggiornamenti e in via definitiva di rimanere in linea con la continua evoluzione del mondo del retail. I retailer possono inoltre personalizzare ulteriormente i loro siti ed esperienza del brand con servizi e funzionalità aggiuntive fornite da un sempre crescente network di partner, che attualmente conta circa 200 nomi.”

articoli correlati

BRAND STRATEGY

KiKO Milano vince il “Premio Assoluto Netcomm eCommerce Award 2014″

- # # #

Il brand KIKO Milano si è aggiudicato il “Premio Assoluto Netcomm eCommerce Award 2014”, che premia l’eccellenza del commercio elettronico italiano.
La nona edizione del Netcomm e-Commerce Forum ha decretato infatti il sito www.kikocosmetics.it vincitore assoluto fra un panel di oltre 100 siti di e-commerce candidati sul territorio nazionale e selezionati da Ernst&Young.
KIKO si è aggiudicato i due premi delle sezioni Best e-Commerce Corporate e Best Netcomm e-Commerce Award 2014, il premio assoluto a livello italiano.

Questa la motivazione che ha portato alla vittoria il brand della business company Percassi:
“…perché migliore espressione per la sua storia passata e presente, di un e-commerce senza frontiere, che con una continua tensione all’internazionalità, dal territorio italiano è partito alla conquista di nuovi mercati, perché espressione di un modello di business vincente che punta su una crescita integrata del retail con l’online. Per la presenza un’e-commerce efficace e coerente con l’immagine del brand”.
Grazie a questo risultato, KIKO MILANO ha ottenuto il bollino Best Netcomm e-commerce Award 2014 e rappresenterà l’Italia alla finale degli European E-Commerce Award, che si terrà a Barcellona dal 16 al 18 giugno, nell’ambito del Global e-Commerce Summit.

Il sito, molto frequentato, fornisce anche dettagliate descrizioni, immagini e suggerimenti di ciascuno degli oltre 1.500 prodotti KIKO, proprio come in negozio. Entro fine 2014 il sito di e-commerce www.kikocosmetics.com sarà attivo anche per il mercato statunitense.
Ulteriore dimostrazione del grande successo che stanno riscuotendo la qualità e l’innovazione dei prodotti KIKO sul web è la sua community Facebook (più di 3 milioni di fan in Europa, di cui oltre 2 milioni in Italia) e gli altri Social Network attivi (Twitter, Instagram, Youtube, Google Plus).

articoli correlati