BRAND STRATEGY

Il Consorzio Melinda ridisegna il proprio packaging in chiave eco-friendly

- # # # #

melinda

Nell’attuale contesto, che vede i consumatori attribuire il giusto valore a scelte green ed ecocompatibili, il Consorzio Melinda rinnova, a partire dalla stagione appena cominciata, tutte le confezioni delle sue mele, rivisitandole graficamente ma soprattutto strutturalmente in chiave “ambientale”, proprio per dare un’ulteriore risposta coerente e concreta alle nuove esigenze in termini di sostenibilità ambientale.

Sono stati per questo sostituiti i vassoi standard con una nuova versione realizzata interamente in cartone, che oltre a presentare un minore impatto sull’ambiente, grazie all’utilizzo di un materiale eco-friendly, riporta  informazioni utili al consumatore, tra cui anche il corretto metodo di smaltimento.

L’attenzione al cliente è stata sviluppata anche attraverso la creazione di una grafica specifica per ogni varietà, permettendo così ai clienti di distinguere in maniera ancora più immediata il prodotto e suggerendone gli utilizzi più idonei. Il linguaggio utilizzato, molto diretto e consumer friendly, mette in risalto per ogni tipologia di mela le proprietà e le specifiche caratteristiche organolettiche distintive. La struttura grafica infine è stata progettata in linea con quella dei nuovi imballi recentemente sviluppati. Questi hanno visto un recente re-styling che ha mantenuto il fondo di colore bianco, coerente con una immagine ormai storicamente riconosciuta, ma ha inserito importanti elementi differenzianti come per esempio il logo Melinda stampato con la forma del bollino più noto d’Italia e la bandiera italiana che sottolinea l’orgoglio del Consorzio nell’essere, oltre che Trentino, anche “Made in Italy”.

L’introduzione di questi nuovi pack è solo un primo passo verso il futuro. Sono infatti già in fase di sviluppo nuove ricerche per un packaging ancora più all’avanguardia, attraverso la selezione di innovativi materiali a bassissimo impatto ambientale, il cui utilizzo avrà un sicuro riscontro positivo da parte del consumatore e si tradurrà in un vantaggio concreto anche per l’ambiente.

Nel 2019 infine Melinda si aprirà ancora di più ai propri consumatori “mettendoci la faccia”. Stamperà infatti sulle confezioni delle proprie mele le migliaia di volti delle famiglie socie produttrici del Consorzio, sottolineando ancora una volta la centralità e l’importanza dei frutticoltori che ogni giorno lavorano e curano la terra dove nascono e crescono le mele dal bollino blu.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Da domenica on air la campagna radio del Consorzio Gorgonzola Dop con Cannavacciuolo

- # # # #

gorgonzola

Saranno on air a partire dal 21 ottobre i nuovi spot radiofonici del Consorzio per la tutela del Formaggio Gorgonzola Dop, creato nel 1970 con sede a Novara. È un ente senza fini di lucro che raggruppa 37 soci di cui 29 produttori che rappresentano il 100% della produzione globale. Il Consorzio, che dipende direttamente dal Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari, Forestali e Turismo, ha il preciso scopo di vigilare sulla produzione e sul commercio del Gorgonzola DOP e sull’utilizzo della sua denominazione al fine di tutelare produttori e consumatori.

Focus di questa nuova campagna è l’utilizzo in cucina del prodotto, ed ecco lo chef stellato, Antonino Cannavacciuolo – già testimonial del Consorzio nelle occasioni precedenti –  che dispensa consigli su come esaltare il Gorgonzola Dop in ogni ricetta, svelando alcuni dei suoi segreti per dimostrare che puoi “mangiare buono anche se non sei Cannavacciuolo!”.

On air su Radio Italia S.M.I., Radio Capital e Radio Deejay, la campagna si compone di 1561 spot da 30” e 15”.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Il Consorzio del Parmigiano Reggiano investe sul Prodotto di Montagna

- # # # # #

montagna

Il Consorzio del Parmigiano Reggiano investirà 200.000 euro in una nuova campagna stampa nazionale per promuovere il Prodotto di Montagna. L’obiettivo è aumentare quota di mercato e brand awareness di un prodotto già molto apprezzato dai consumatori: basti pensare che, nel 2017, la produzione in zone di Montagna ha rappresentato il 20% del totale della DOP, ossia ben 724.000 forme.

L’investimento stampa costituisce la seconda fase del piano strategico “Prodotto di Montagna – progetto Qualità” per sostenere il valore aggiunto del formaggio prodotto in montagna. Il Consorzio, dopo aver raccolto le adesioni al progetto da quasi 40 caseifici delle zone di Montagna, punta ora a far conoscere al consumatore le distintività del Parmigiano Reggiano prodotto nei Caseifici certificati, sparsi nelle province di Parma, Reggio Emilia, Modena e Bologna.

La campagna stampa, che inizia oggi e terminerà a gennaio 2019, avrà come target specifico l’audience di dieci testate nazionali tra quotidiani e periodici. Protagonista sulle pagine dei giornali sarà l’impresa dell’astronauta Maurizio Cheli che lo scorso 17 maggio ha raggiunto la vetta dell’Everest in compagnia del Re dei Formaggi.

“Il Parmigiano Reggiano mi ha accompagnato nel luogo della Terra più vicino allo spazio. Ero all’ultimo campo base, a 8.000 metri – ha commentato Maurizio Cheli – avevo bisogno di energia extra, ho guardato bene e nella Haul Bag avevo ancora tre monoporzioni di Parmigiano Reggiano che si sono rivelate indispensabili per arrivare in vetta!”.
Il claim della nuova campagna non poteva che essere quindi “La forma più alta d’amore”, con il duplice riferimento alle alture dove è prodotto il Parmigiano Reggiano di Montagna e poi alla vetta più alta del mondo raggiunta da Cheli.

Il Parmigiano Reggiano certificato “Prodotto di Montagna – progetto Qualità Consorzio” si caratterizza per un colore paglierino intenso dovuto ai fieni, ai prati e alle essenze presenti in montagna, da odori e aromi di frutta fresca, spezie e brodo di carne, da un equilibrio perfetto tra i cinque sapori (acido, salato, dolce, amaro e umami) e da una buona granulosità e solubilità.
Tutte queste caratteristiche sono frutto di rigoroso processo produttivo, tutelato dal Consorzio proprio per dare maggiore sostenibilità allo sviluppo della montagna e offrire ai consumatori garanzie aggiuntive legate, oltre all’origine, anche alla qualità del formaggio.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Il Gorgonzola Dop si racconta in rete con l’ironia di “Nonna Zola”

- # # #

gorgonzola

Non si sa quanti anni abbia, sicuramente non più di 1000 come il gorgonzola, ma di lei sappiamo con certezza due cose: è una nonna “social” e conosce il Gorgonzola Dop come nessun altro! Si sta parlando di “Nonna Zola”, un personaggio nuovo e carico di simpatia creato dal Consorzio per la Tutela del Formaggio Gorgonzola per comunicare al pubblico della rete i valori del prodotto utilizzando, attraverso una Web Serie, le dinamiche e il linguaggio tipico dei social.

“Nonna Zola” interpreta in modo perfetto le caratteristiche proprie del Gorgonzola Dop ovvero allegria, condivisione, cultura, bontà, simpatia e dolcezza. La cucina è il suo regno ed è il luogo dove si svolgono tutti gli episodi. È una cucina vissuta, come quelle di una volta, punto d’incontro e d’allegria, dove si riunisce tutta la famiglia.

“Nonna Zola” vive situazioni normali e quotidiane e ha sempre quel consiglio in più che in cucina può dare solo chi ha grande esperienza. “Racconta” il Gorgonzola Dop, perché insegnare ricette è compito degli chef. Insomma, è la nonna che tutti vorremmo a “portata di clic” per avere le “dritte” giuste e risolvere i piccoli problemi in cucina, evitare gli sprechi alimentari e seguire un’alimentazione sana.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Consorzio Parmigiano Reggiano: l’alimento della vita. Campagna di Grey on air da domenica

- # # #

parmigiano reggiano

La comunicazione del Consorzio del Parmigiano Reggiano cambia forma e sostanza e si propone al consumatore con una nuova brand identity, una nuova campagna stampa, e un nuovo spot che sarà on air da domenica 29 ottobre.

La nuova comunicazione è frutto di una riflessione profonda che ha portato il Consorzio verso un posizionamento che punta a dare valore alla marca e a dialogare con i diversi target di riferimento (chi si occupa della famiglia, chi vive di cucina, chi diventa mamma, chi fa sport, chi è influencer, chi segue i trend, chi è produttore)  che troveranno nel Parmigiano Reggiano un “alimento della vita”.

“Abbiamo lavorato per rafforzare la comunicazione con l’obiettivo di far percepire i plus e gli elementi distintivi che rendono il Parmigiano Reggiano DOP un formaggio unico al mondo, guidati dalla consapevolezza che il consumatore al quale ci rivolgiamo è evoluto e ricerca nel Parmigiano Reggiano qualcosa che va oltre la funzione pratica del prodotto” ha affermato Nicola Bertinelli, presidente del Consorzio Parmigiano Reggiano.

Il Parmigiano Reggiano viene quindi presentato come un alimento che accompagna il consumatore in tutti i momenti della sua giornata e della sua vita: un perfetto alleato per la salute e il benessere psicofisico, un “alimento della vita”. La selezione degli ingredienti migliori e 100% naturali, il rispetto della stessa ricetta da mille anni, l’eccellenza della DOP riconosciuta in tutto il mondo: tutti questi sono atti d’amore. Amore verso la terra d’origine, la tradizione, la qualità. Come sono atti d’amore quelli che compie chi, ogni giorno, sceglie Parmigiano Reggiano per sé e per gli altri. Ecco perché quando si parla di Parmigiano Reggiano, si parla d’amore.

Questo è il concept della creatività ideata da Grey che prevede lo sviluppo di un progetto di comunicazione integrato. La campagna, sarà sarà on air da domenica 29 ottobre, mette in scena situazioni diverse dove l’amore, in tutte le sue sfaccettature, è il tema centrale: un ragazzo davanti al futuro suocero, una coppia che discute, un bambino che fa la classica imbarazzante domanda al suo papà. Ed è nei dialoghi tra i protagonisti, battuta dopo battuta, che il rapporto tra l’amore e il Parmigiano Reggiano prende forma, per poi rivelarsi. L’indissolubile legame tra il formaggio più famoso al mondo e il sentimento per eccellenza è anche celebrato dal nuovo claim “Parmigiano Reggiano. Quello vero è uno solo”.

Il soggetto principale è il target della campagna, con le sue necessità: non si parte dal prodotto ma da chi lo consuma. La regia dei film è di Enrico Mazzanti per AKITA, mentre Francesca Moscheni è la fotografa delle immagini che verranno utilizzate per la campagna stampa. La campagna sarà veicolata attraverso la carta stampata, radio, tv e media digitali. Il budget ottobre-dicembre 2017 sarà pari a circa 3 milioni di euro.

Tali attività rientrano all’interno del più ampio progetto di riposizionamento del Consorzio del Parmigiano Reggiano: un piano di comunicazione strutturato all’interno del quale l’agenzia Italia Brand Group ha curato lo sviluppo della nuova brand strategy comprese le fasi di restyling evolutivo della marca e il set-up di tutti gli elementi della nuova identity.  L’obiettivo è quello di elevare il percepito del marchio con una strategia di branding in grado di valorizzare l’heritage del Consorzio attraverso un’immagine più in linea con gli stili di vita di oggi.

Il primo passo del progetto è rappresentato dal restyling evolutivo del logo Parmigiano Reggiano caratterizzato da una nuova forma che richiama quella del prodotto. I colori, come l’oro e il nero rimandano a prodotti di fascia premium, mentre la font creata ad hoc, che riprende il sigillo a fuoco che il Consorzio appone sul prodotto, e il richiamo allo scalzo conferiscono maggiore identità al marchio. Ne scaturisce un’identità stilisticamente moderna con elementi della tradizione. Il colore del logotipo ricorda sia un oro leggero sia le nuance della superfice irregolare del prodotto.

Il nuovo posizionamento punta, ora, a presentare Parmigiano Reggiano come alimento della vita: il prodotto ideale per chi sceglie uno stile di vita sano anche a tavola grazie a un alimento italiano, genuino, naturale e buono.
Il progetto è stato coordinato da Pietro Rovatti, nuovo brand consultant del Consorzio.

Credits

ITALIA BRAND GROUP
Design Direction Claudio Giacosa
Art Direction Giovanni Burrascano

GREY
Chief Creative Officer: Christopher Jones
Direzione Creativa Esecutiva: Roberto Battaglia
Direttore Creativo: Mario Esposito
Copywriter: Livia Aurora Cappelletti
Art Director: Edwin Herrera
Head of Account Department: Silvia Cazzaniga
Account Supervisor: Matilde Dettin
Account: Manuela Mignacca
Chief Strategy Officer: Gaetano De Marco
Creative Planner: Carlo Muttoni
TV Producer: Carla Beltrami
Art Buyer: Elena Seregni

PRODUZIONE
Executive Producer: Paolo Zaninello
Regia: Enrico Mazzanti
Musica: Ferdinando Arnò
Fotografa: Francesca Moscheni

PIANIFICAZIONE MEDIA 
Media by Design (Italia Brand Group)

articoli correlati

AGENZIE

Il Consorzio del Prosciutto di Modena DOP riconferma l’incarico a Cooee

- # # # #

cooee - Prosciutto di Modena

Il Consorzio del Prosciutto di Modena DOP ha rinnovato la pluriennale collaborazione con l’agenzia Cooee, affidandole l’incarico di gestire il piano di comunicazione 2017-2018. L’obiettivo è incrementare la notorietà e la riconoscibilità del brand, già apprezzato oltre i confini della relativamente piccola zona di produzione grazie all’ottima reputazione di cui gode il prodotto nella ristorazione di alta qualità.

L’investimento comprende sia azioni offline che azioni di web marketing. Il piano di comunicazione sui media tradizionali si articola su una campagna radio (Emilia, Toscana, Liguria e Lombardia), e sui quotidiani locali, oltre che su riviste trade e testate specializzate. Molto più articolato il piano delle attività digital, che comprendono una campagna SEM su motore di ricerca Google, display advertising su portali web dedicati alla gastronomia, campagne DEM e attività SEO.

“La collaborazione con il Consorzio del Prosciutto di Modena prosegue da anni – commenta Mauro Miglioranzi, CEO e direttore creativo esecutivo di Cooee – e ci continua a dare molte soddisfazioni. La novità più interessante del nuovo progetto appena confermato è la prospettiva di promuovere le qualità organolettiche del Prosciutto di Modena attraverso il coinvolgimento di uno chef stellato diplomato in Culinary Nutrition, ovvero la scienza della nutrizione applicata alla cucina”.

articoli correlati

AZIENDE

Plavid entra a far parte di OpenVV per promuovere un video adv più trasperente ed efficace

- # # # # #

Plavid, piattaforma di video-advertising di Mosaicoon, si impegna sempre di più sul tema della visibilità delle campagne video e annuncia il suo ingresso tra i membri di Open Video Viewability, il consorzio che riunisce i maggiori player del mercato del video-advertising e della misurazione (tra cui Nielsen, DoubleVerify, Media Rating Council) per la promozione di un advertising più trasparente ed efficace.

Fondato da TubeMogol, OpenVV si propone di sviluppare e diffondere un’unica tecnologia open-source, allineata agli attuali standard dell’industry, per misurare l’effettiva visibilità delle campagne video. L’obiettivo di OpenVV è quello di garantire agli advertiser che le loro campagne video siano effettivamente viste dal loro target di utenti, missione che Plavid ritiene fondamentale: “I nostri formati Outstream presuppongono una user initiated view, quindi una visualizzazione che per definizione garantisca l’attenzione dell’utente” commenta Marco Imperato, Head of Digital Media Mosaicoon. “Questo perché vogliamo raggiungere persone che scelgano volontariamente di entrare in contatto con il video del brand ed interagire con esso”.

La partnership con OpenVV conferma l’orientamento di Plavid verso lo sviluppo di soluzioni di video- advertising che siano efficaci, trasparenti e in grado di generare engagement con gli utenti finali. E i risultati conseguiti nel corso dell’anno appena trascorso ne sono una testimonianza: oltre 130 top brand coinvolti (tra cui Vileda, Samsung, MSC Crociere, 01 Distribution, Mercedes-Benz), 20 milioni di visualizzazioni sui video distribuiti negli ultimi mesi, un view-thorugh-rate medio del 5% e un Engagement Rate Medio sui Social Network in crescita del 40% rispetto all’anno precedente.
Particolarmente positivi i dati di perfomance della Social Video Page, la media platform strategica ideata da Mosaicoon per la diffusione dei contenuti del brand in uno spazio esclusivo di proprietà del cliente, pensato per amplificare la user experience. Le campagne video integrate all’interno di una Social Video Page hanno registrato infatti un Earned Media superiore del 58% e un Engagement Rate superiore del 30% rispetto alle campagne ospitate su altri canali. Positivo anche il tasso medio di interazione con i banner e gli altri elementi interattivi in pagina, che si attesta sopra il 3,5%. Numeri che confermano l’efficacia di un approccio alla comunicazione in-house finalizzato a supportare il brand nel trasformarsi in una vera e propria Digital Media Company che produce, distribuisce e monitora i suoi contenuto video online.

articoli correlati

MEDIA

Da oggi è online Edicola Italiana: oltre 60 testate italiane a portata di tablet

- # # # # # # # # #

È attiva da oggi Edicola Italiana, la piattaforma per comprare, abbonarsi e leggere quotidiani e magazine su Tablet, PC e smartphone, con oltre 60 fra quotidiani (nazionali e locali) e periodici in versione digitale, compresi Corriere della Sera, La Repubblica, Il Sole 24 Ore, La Gazzetta dello Sport, La Stampa, Il Messaggero, Il Gazzettino, Il Mattino, Tv Sorrisi e Canzoni, Il Venerdì di Repubblica, Io Donna, D La Repubblica delle Donne, Oggi, Chi, Cucina Moderna, Sport Week, CasaFacile, Donna Moderna, Panorama, Grazia, How To Spend It, IL, solo per citarne alcuni.

Basta inserire una i propri dati al primo accesso per sperimentare un diverso modo di leggere, che rende fruibili i contenuti di più testate senza doversi collegare ai singoli siti. Dopo la registrazione, non sarà più necessario inserire i propri dati a ogni acquisto, ma verrà richiesto solo l’inserimento della password. Il metodo di acquisto online di Edicola Italiana è sicuro e facile, grazie all’integrazione con il sistema Gestpay del Gruppo Banca Sella, che segue i massimi standard di sicurezza definiti dai circuiti internazionali. A breve si potrà accedere alle app delle singole testate con le stesse credenziali di www.edicolaitaliana.it. Un’altra caratteristica esclusiva di Edicola Italiana è la ricerca in modalità full text di una o più parole chiave: gli utenti possono cercare un argomento o un nome per trovare le parole corrispondenti in tutti gli articoli dei quotidiani e dei magazine presenti nel chiosco digitale.

Inoltre, grazie all’account multiprofilo di Edicola Italiana si possono creare sottoprofili personalizzabili, in modo da gestire e consultare singolarmente e contemporaneamente i prodotti scelti dai diversi componenti della famiglia ed essere sempre aggiornati sulle nuove uscite dei quotidiani e delle riviste preferiti. È possibile acquistare anche gli arretrati.

Tra le offerte di Edicola Italiana è presenta anche la “Prova per 7 giorni”, che permette agli utenti di sfogliare online la copia digitale del proprio quotidiano gratuitamente per una settimana e decidere poi se continuare con l’abbonamento. In promozione per i primi mesi di attività e per la prima volta in Italia, all’interno del catalogo di www.edicolaitaliana.it, è possibile acquistare e leggere sul proprio computer, smartphone e Tablet tutti i mensili a soli 9,99 € al mese, e tutti i settimanali + i mensili a soli 14,99 € al mese, sottoscrivendo gli abbonamenti “All you can read”. Edicola Italiana nasce per volontà del Consorzio Edicola Italiana, costituito da Caltagirone Editore, Gruppo 24 ORE, Gruppo Editoriale L’Espresso, La Stampa – ITEDI, Gruppo Mondadori e RCS MediaGroup e rappresenta un significativo passo avanti nella direzione dell’innovazione tecnologica per la fruizione dell’informazione. Per lo sviluppo e la gestione commerciale di Edicola Italiana, il Consorzio ha scelto in esclusiva la startup Premium Store, controllata dall’incubatore Digital Magics (che nel maggio scorso ha finanziato l’iniziativa con 1 milione di Euro) e da importanti imprenditori e investitori italiani.

articoli correlati

AGENZIE

Nasce HERo, il consorzio per allargare l’Expo anche alla capitale; l’idea di Martini6

- # # # #

Non solo Milano ma tutto il territorio nazionale: è l’idea di Martini6, società di comunicazione del gruppo Movie Magic International, che in ottica Expo 2015 ha chiamato a raccolta aziende e professionisti del settore della comunicazione, del marketing, del mondo legale, della logistica e del turismo per dare vita al consorzio HERo, Hub for the Expo in Rome.
Il progetto è stato presentato nei giorni scorsi alla Camera di Commercio di Roma alla presenza, tra gli altri, di Roberto Arditti, direttore Affari Istituzionali Expo 2015, Benedetto Della Vedova, sottosegretario agli Esteri, e Vincenzo de Luca, Responsabile di Expo 2015 del Ministero Affari Esteri. “HERo – ha spiegato Margherita Boniver nel ruolo di advisor del consorzio – darà un supporto in risposta agli enormi flussi previsti per Expo 2015 offrendo servizi utili a tutte le delegazioni che in arrivo e in partenza transiteranno da Roma, estendendo e facendo così apprezzare, grazie a Expo, le potenzialità del ‘sistema Paese’ a tutti coloro che arriveranno: delegazioni, aziende straniere, investitori”.
L’iniziativa legata a Expo 2015 si innesta nella strategia di costante crescita di Martini6 che, a dispetto della crisi, nel 2013 ha registrato un fatturato più che doppio rispetto all’esercizio precedente, arrivando a circa 6 milioni di euro, grazie anche a un portfolio clienti che annovera, tra gli altri, Eni, Enel e Ikea Italia. Nata dall’incontro di professionisti con diversi background ed esperienze nella comunicazione, Martini6, che ha una sua base solidamente radicata a Roma ma ha sedi anche a Milano, Torino e Berlino, deve la sua performance a una logica di diversificazione delle attività di comunicazione. “Lo facciamo per offrire risposte a tutte le esigenze, creando una sinergia virtuosa”, spiega il senior chairman Enzo Giacopinelli, una lunga esperienza nel mondo della pubblicità. “La nostra azione spazia dall’organizzazione di eventi e di attività di incentive al product placement, dalla comunicazione on e off line alle media relations. Grazie ai diversi know how presenti nel gruppo, Martini6 è in grado di offrire ai propri clienti soluzioni personali, integrate ed efficienti”.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Il Consorzio Vini di Romagna comunica in Italia e “aggredisce” gli Usa

- # # # # # #

Valorizzare e internazionalizzare: queste le keyword che disegnano l’impegno assunto dal Consorzio Vini di Romagna – oltre 100 cantine aderenti – suffragato istituzionalmente dal riconoscimento Erga Omnes ottenuto lo scorso anno dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali e ora finalmente operativo. Il decreto sancisce la centralità del Consorzio Vini di Romagna in tutte le attività di promozione e valorizzazione dei vini a Denominazione d’Origine. Sono circa 20 milioni le bottiglie prodotte annualmente dalle uve dei 15.000 ettari di vigneto Doc della Romagna. Sostenendo i vini della Romagna e promuovendoli in Italia e nel Mondo, con budget adeguati e strategie pluriennali, il Consorzio contribuirà a elevare la percezione di valore dei vini romagnoli e a rendere giusta reputazione alla loro qualità e a questo straordinario territorio. Perché, come hanno evidenziato le aziende da più tempo impegnate sui mercati internazionali, per riuscire nelle vendite occorre avere alle spalle una “regione del vino” credibile e presente, che evochi eccellenza produttiva e che sappia comunicare efficacemente i propri valori.

Ed è così che il Consorzio Vini di Romagna apre la sua prima campagna di comunicazione nazionale sui media di riferimento per l’enogastronomia e il turismo (da “Gambero Rosso” alla rivista di Slow Food, da “Tempi liberi” del Corriere della Sera a “I viaggi” di Repubblica). “Con questa campagna la Romagna fa udire forte la sua voce – sottolinea il presidente del Consorzio, Giordano Zinzani – Negli ultimi anni ci siamo impegnati molto sulla qualità dei vini e abbiamo messo ordine nei disciplinari di produzione, è ora il tempo di comunicare questi valori ai consumatori italiani ed esteri”..La campagna è la prima di un investimento che si manterrà rilevante e anzi si accrescerà per gli anni a venire. La scelta visuale è forte e innovativa: cingere la bottiglia con un packaging vivace, espressivo e favolistico nel quale i luoghi e le atmosfere che caratterizzano la Romagna, la sua terra, la sua gente, sono protagonisti e metafora di un vero desiderio di scoperta: svelare e gustare il carattere autentico dei suoi vini, viverne l’esperienza unica”. Creativityà e pianificazione della campagna sono firmate dall’agenzia Hoop srl, con sede a Faenza  e Cesena.

Inboltre, nel mese di ottobre il Consorzio Vini e nove aziende romagnole parteciperanno a un tour negli USA che li vedrà impegnati a Boston, Chicago e Los Angeles. Il Wine-riot di Boston è un innovativo e riuscitissimo evento nel quale cento etichette italiane vengono servite a tavoli aziendali/consortili, con i visitatori che possono scaricare gratuitamente su Smartphone APP di promemoria dei migliori vini degustati. Grazie alla tecnologia e alla comunicazione “social” sono molti anche i giovani che si avvicinano al mondo del vino. A Chicago e Los Angeles si svolgeranno, invece, dei workshop ai quali sono attesi circa 300 operatori commerciali americani, titolari di esercizi o che detengono licenze per import e distribuzione dei vini nel nord del continente, ma anche per i principali stati dell’America del sud.

A partire dall’autunno e per tutto l’inverno, infine, il Consorzio organizzerà nelle proprie enoteche (Osteria di Piazza Nuova a Bagnacavallo, Ca’ de Ven a Ravenna, Ca’ de Bé a Bertinoro) delle degustazioni “dinner-educational” per diffondere con piacevolezza la conoscenza dei vini di Romagna.

articoli correlati

AGENZIE

La forza di cinque partner al servizio delle imprese per affrontare Expo 2015

- # # # # #

MCI, una delle società leader a livello globale nella creazione e gestione di grandi eventi, ha dato vita a un Consorzio per affrontare la sfida dell’Esposizione Universale (EXPO) di Milano del 2015, rispondendo alle esigenze di comunicazione dei Paesi e delle imprese partecipanti che si confronteranno sul tema “Nutrire il pianeta, energia per la vita”.

Della gestione dei contenuti alla progettazione e costruzione dei padiglioni, dalla creazione di eventi e alla comunicazione al pubblico, il Consorzio raggruppa aziende che coprono l’insieme di queste specializzazioni. Infatti, oltre a MCI, con i suoi 48 uffici in 23 Paesi del mondo, fanno parte del Consorzio Nussli, azienda svizzera che si occuperà della progettazione e costruzione dei padiglioni, oltre alla realizzazione degli allestimenti interni, e Dorier, azienda svizzera specializzata in tecniche per il suono, video e luci. Completano il vantaglio delle competenze i due business partner BRC Imagination Arts, specializzata nella produzione di eventi con un forte contenuto esperienziale e di entertainment, e SEC Relazioni Pubbliche e Istituzionali, una delle principali società italiane di comunicazione d’impresa presente anche all’estero, che si occuperà della comunicazione dei soggetti che si affideranno al Consorzio per la loro presenza ad Expo Milano 2015.

“Il Consorzio rappresenta una grande opportunità per i Paesi e le grandi aziende che stanno pensando ad una presenza in EXPO”, spiega Sophie Deletraz, responsabile di MCI per il progetto EXPO. “Qui, infatti, troveranno un unico interlocutore con un’esperienza internazionale in grado di realizzare “chiavi in mano” i loro progetti o di partecipare nella costruzione di parti di essi”.

Nel complesso, i partner del Consorzio hanno al loro attivo importanti casi di successo, quali i padiglioni Usa e Japn gas all’Esposizione Internazionale di Aichi (Giappone) nel 2005, il padiglione Omega ai Giochi Olimpici 2008 di Pechino, e – all’Esposizione Universale di Shanghai nel 2010 – i padiglioni di Germania, Svizzera, Singapore, Liechtenstein, Canada, USA e altri per grandi imprese come China Mobile, China Telecom, SAIC-General Motors. Questi solo per citare i maggiori impegni, senza dimeniticare la presenza operativa alle Olimpiadi invernali di Vancouver del 2010, al  BMW Guggenheim Lab a New York nel 2011, all’Expo tematica di Yeosu in Corea del Sud 2012, a cui si aggiungono  molti altri grandi eventi per grandi gruppi internazionali come Disney, Nespresso e Korean Airline.

 

articoli correlati

AGENZIE

Cayenne vince la gara e “riconquista” il Prosciutto di Parma

- # # # # # # #

Si è chiusa la gara creativa indetta dal Consorzio del Prosciutto di Parma per la comunicazione del 2013, che ha visto emergere, davanti alle altre agenzie coinvolte, l’agenzia Cayenne guidata da Peter Grosser, che in passato ha già lavorato per il Consorzio: L’incarico si estendo alla comunicare del Prosciutto di Parma “a 360 gradi”, avvalendosi degli strumenti più tradizionali, come radio, tv e stampa, affiancati con pari dignità dal web, per interagire con i consumatori, anche durante eventi specifici, allo scopo di avvicinarli al prodotto.

“Abbiamo scelto Cayenne”, spiega Paolo Tanara, presidente del Consorzio del Prosciutto di Parma, “perché è stata l’agenzia che ha saputo interpretare meglio le nostre esigenze trasformandole in un progetto di comunicazione a 360° che speriamo possa colpire nel segno. Trasmettere il valore del prodotto, motivare all’acquisto, creare una relazione con il consumatore, esaltare le caratteristiche qualitative e i valori nutrizionali del Prosciutto di Parma, sono soltanto alcuni degli obiettivi che ci siamo prefissati quest’anno”.

Il concept del progetto di comunicazione prende il via dai risultati di un ricerca quali-quantitativa realizzata da Lorien Consulting, che ha analizzato il posizionamento e l’immagine della marca, nonché gli effetti della comunicazione sul consumatore e l’evoluzione delle abitudini alimentari degli italiani.
Ne è emersa, relativamente alla sfera alimentare, la tendenza a un consumo più consapevole rispetto al passato e a una maggiore tutela della qualità, avendo al tempo spesso accresciuto la propensione a una spesa che evita gli sprechi e si concentra sulle promozioni.
E appunto il tema centrale della comunicazione 2013 sarà la difesa del diritto del consumatore alla qualità, rappresentata dal Prosciutto di Parma: un concetto declinato su tutti gli strumenti di comunicazione e nelle principali attività di promozione e valorizzazione del prodotto.
Oggi il consumatore è sottoposto alla pressione di una miriade di offerte completamente diverse le une dalle altre”, conclude Tanara; per questo stiamo orientando i nostri sforzi nel cercare di informare adeguatamente il consumatore affinché sappia riconoscere nel Prosciutto di Parma un prodotto dalla filiera tutta italiana in grado di garantire una rigorosa tracciabilità e sicurezza e elevate caratteristiche qualitative e nutritive”.

articoli correlati

AZIENDE

Il mondo dell’Asiago Dop si fa sempre più social

- # # # #

“Apriamo oggi una nuova fase della comunicazione online di un prodotto tanto amato come l’Asiago DOP“, afferma Flavio Innocenzi, direttore del Consorzio, “all’insegna della forte interazione con il consumatore e i fan”. Il mondo dell’Asiago Dop si fa dunque sempre più social, con due innovativi percorsi aperti alla partecipazione e al confronto con i navigatori. Si parte l’1 marzo, con Asiago CheeSfida, la grande competizione online che reinterpreta il panino secondo le moderne tendenze del gusto e mette alla prova, per la prima volta, quattro categorie di partecipanti: ristoratori, negozianti di prodotti alimentari, foodblogger e appassionati.

Il percorso social proseguirà nelle settimane successive con l’avvio di Asiago Network, la speciale sezione dedicata agli “Amici dell’Asiago DOP”, una community internazionale costituita da quanti, nel mondo, contribuiscono a promuovere e valorizzare il formaggio Asiago DOP alla quale il Consorzio dedicherà eventi e appuntamenti speciali.

Condivisione e partecipazione sono i segni distintivi del nuovo sito www.formaggioasiago.it che si propone con una veste grafica accattivante e moderna, di forte impatto visivo, con tante informazioni utili sul prodotto, la storia della sua origine e dei suoi soci, le ricette e gli abbinamenti. Un mondo proposto in cinque lingue, a conferma della vocazione internazionale dell’Asiago DOP, sempre più presente nei più qualificati eventi fieristici mondiali e nelle più importanti manifestazioni gastronomiche internazionali.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Melinda è tra i fornitori ufficiali del 49° Campionato del Mondo di Sci Nordico

- # # # # #

I campioni internazionali e le stelle della squadra italiana potranno gustare le mele Melinda durante tutto il periodo del campionato di Sci Nordico. La competizione è un evento importante per gli appassionati dello sci nordico, disciplina che comprende diverse specialità che vanno dallo sci di fondo al salto con gli sci, passando per la combinata nordica. Per questa occasione in Val di Fiemme saranno presenti atleti provenienti da oltre 55 nazioni diverse che potranno gustare i prodotti del Consorzio Melinda, eccellenza del Trentino.

“Crediamo fortemente nei valori dello sport e dell’importanza della corretta alimentazione per uno stile di vita sano. Siamo lieti di partecipare come fornitori ufficiali con il nostro prodotto a questo evento internazionale che si svolge nelle valli trentine”, commenta il presidente del Consorzio Melinda, Michele Odorizzi (nella foto).

Questa importante iniziativa si affianca alle altre attività del Consorzio a sostegno dello sport come il Trofeo Melinda (ciclismo), la Ciaspolada (corsa con ciaspole), la Marcialonga (sci di fondo) e la partnership del Consorzio con la squadra di pallavolo maschile Itas Diatec Trentino. Le regioni che legano il Consorzio al mondo dello sport derivano dall’attenzione che i frutticoltori Melinda mettono nel proprio lavoro per un prodotto di qualità adatto a uno stile di vita sano, elemento identificabile anche nelle discipline sportive che verranno praticate durante il 49° Campionato del Mondo di Sci Nordico.

articoli correlati