AZIENDE

Italia Startup a quota 2.638 associati; al via le elezioni del nuovo consiglio direttivo

- # # #

italia startup

Importanti risultati per Italia Startup. L’associazione raggiunge quota 2.638 associati con l’ingresso di nuove realtà tra cui due aziende importanti del panorama italiano come Computer Gross, distributore a Valore leader in Italia di prodotti e soluzioni informatiche, e Petrolcarbo, provider nel settore dell’energia; due scaleup nell’ambito delle scienze della vita quali CellDynamics e Genenta Science, GELLIFY, piattaforma di innovazione che supporta lo sviluppo di digital company nel B2B e le mette in connessione con le aziende corporate; due abilitatori quali IKN Italy, che promuove progetti ed eventi a sostegno delle startup per ambiti settoriali e Fondazione UCIMU, organizzazione senza scopo di lucro, per le indagini e la ricerca scientifica, di UCIMU-Sistemi per produrre, l’associazione dei costruttori italiani di macchine utensili, robot e automazione.

Oltre a dare il benvenuto ai nuovi soci, in vista dell’Assemblea 2018, Italia Startup annuncia anche i nomi dei venti candidati al nuovo Consiglio Direttivo, per il mandato 2018/2021. I candidati verranno votati nel corso della prossima Assemblea e i quindici di loro che riceveranno il maggior numero di preferenze andranno a comporre il nuovo board dell’Associazione.

“Ho presieduto con emozione l’ultimo Consiglio Direttivo del mio mandato alla Presidenza di Italia Startup e sono particolarmente felice che in questa occasione si sia ancora una volta dimostrata la vitalità dell’associazione che è pronta ad un cambio veloce nella staffetta tra il Consiglio uscente e quello entrante che sarà eletto dall’assemblea il prossimo 28 giugno” ha dichiarato il Presidente Marco Bicocchi Pichi. “Il Consiglio ha approvato nell’occasione l’ingresso di nuovi associati ed ha confermato importanti progetti, dimostrando con i fatti la rilevanza dell’associazione per la costruzione e sviluppo dell’ecosistema dell’innovazione italiano”.

L’Assemblea dei Soci avrà luogo il 28 giugno e prevederà la nomina del nuovo Board composto da massimo quindici delegati di aziende associate, per il mandato 2018/2021. Il Consiglio  poi eleggerà al suo interno il Presidente dell’Associazione. L’elenco  dei venti candidati che verranno votati nel corso dell’Assemblea associativa è disponibile sul sito dell’associazione. Ad oggi ltalia Startup conta un totale di 2.638 soci, tra questi 1.793 persone fisiche, 740 startup seed, 13 scaleup, 69 “partner” delle startup tra incubatori, investitori e abilitatori, e infine 23 aziende mature.

articoli correlati

AGENZIE

IAB Italia, eletto il nuovo consiglio direttivo per il triennio 2017-2019

- # # # # #

iab italia

IAB Italia, nell’ambito dell’Assemblea Generale dei Soci, ha eletto oggi i 9 Consiglieri del Direttivo, che resteranno in carica per il triennio 2017-2019. La composizione del nuovo Consiglio Direttivo, che vede la conferma all’interno del Board di buona parte dei Consiglieri del Direttivo uscente, agevolerà il proseguimento dell’importante percorso di crescita e consolidamento intrapreso dal 2014. Il Presidente uscente Carlo Noseda – davanti a una platea gremita – ha presentato come si è evoluta l’Associazione nel corso del triennio appena concluso, ringraziando personalmente uno a uno i Consiglieri che ne hanno fatto parte e il Direttore Generale, con il suo staff che oggi annovera nove persone.

Negli ultimi tre anni IAB Italia si è rafforzata sotto molti punti di vista: per quanto riguarda gli Associati – che oggi rappresentano egregiamente anche il mondo degli investitori oltre che l’intero panorama degli operatori del settore – e sul fronte degli eventi, che sono diventati più numerosi e hanno registrato un grande incremento di partecipazione di pubblico e di ospiti prestigio. Inoltre, i tavoli di lavoro a livello nazionale e internazionale hanno contribuito a un solido posizionamento dell’Associazione anche verso le istituzioni e l’intero contesto socio-economico. Ultimo fiore all’occhiello, poi, è stato il forte rilancio delle iniziative di formazione, che ora IAB Italia eroga direttamente con una piattaforma all’avanguardia in grado di certificare le competenze dei professionisti della Industry.

Tutti questi fattori fanno di IAB Italia un’Associazione florida e in continua crescita, anche dal punto di vista finanziario: rispetto al 2014, infatti, sono stati quintuplicati gli utili e triplicati i ricavi. Il Vice Presidente uscente Aldo Agostinelli, a conclusione dell’Assemblea dei Soci, ha voluto sottolineare l’auspicio che il nuovo Direttivo voglia dedicarsi al fondamentale tema della trasparenza della filiera del digital advertising, che è strettamente legato alla credibilità della Industry e – conseguentemente – alla sua crescita. IAB Italia si trova oggi a un punto di svolta, che la vedrà impegnata nel consolidare il proprio ruolo di guida della Industry, in grado di supportare le aziende del Digitale a cogliere le nuove e importanti opportunità offerte da un mercato in continua evoluzione, a beneficio degli operatori stessi e dell’intera società. Lo scenario economico del Paese è sempre più legato al Digitale e IAB Italia vuole continuare a essere protagonista di questa trasformazione. I rappresentanti sono stati votati dalla base associativa, suddivisa in cinque categorie a seconda del settore di appartenenza e del fatturato dichiarato:

-Domanda Big
Carlo Noseda, Ceo&Managing Partner M&C Saatchi
Aldo Agostinelli, Digital Director Sky Italia
-Domanda Small
Paolo Mardegan, CEO DigiTouch
Michele Marzan, Chief Strategy Officer MainAd
-Offerta Big
Roberto Zanaboni, Head of Marketing Digital Advertising RCS MediaGroup
Christina Lundari, General Manager Aol
-Offerta Small
Sheyla Biasini, Country Manager Italia zanox
Sebastiano Cappa, Country Manager Italia Ligatus
-Service
Fabrizio Angelini, Italy Country Manager comScore

Nel corso della prima riunione del Consiglio Direttivo, che si svolgerà nei prossimi giorni, saranno nominati Presidente, Vice Presidente e Tesoriere, votati tra i Consiglieri eletti oggi.

articoli correlati

AGENZIE

Eletto il nuovo Consiglio dell’OBE. Laura Corbetta Presidente

- # # # #

branded entertainment content

Laura Corbetta, CEO e founder di YAM112003, è il nuovo Presidente dell’Osservatorio Branded Entertainment (OBE), affiancata alla guida dell’Associazione da Cristian Brambilla (Head of Business Development, Italiaonline) Simonetta Consiglio (Direttore Marketing e Comunicazione, Gruppo Sisal), Francesca Sorge (Brand Solutions Director, Discovery Italia), Guido Surci (Chief Strategy & Innovation Officer, Havas Media Group).  Le esperienze dei membri del neo eletto consiglio nei diversi ambiti strategici del branded entertainment mettono a disposizione dell’Associazione un patrimonio di competenze diversificato e in continua evoluzione, fortemente sensibile ai temi dell’innovazione e della contemporaneità.
“Ringrazio i consiglieri e il Presidente uscenti, Marco Girelli (CEO Omnicom Media Group [n.d.r.]) e il team di professionisti che hanno fondato l’Associazione per l’ottimo lavoro svolto fino ad ora – è il messaggio di Laura Corbetta – Il branded entertainment, nel suo essere chiave di volta della comunicazione di questi e dei prossimi anni, costituisce una grande opportunità per l’intero mercato della comunicazione. Tanto lavoro è stato fatto e altrettanto può essere portato avanti dal nuovo consiglio direttivo con l’obiettivo di valorizzare al massimo le potenzialità del branded entertainment e la centralità dell’associazione garantendo la rappresentanza a tutti i membri dell’Osservatorio, siano essi centri media, agenzie, case di produzione, editori o aziende inserzioniste”.

Elena Grinta che ha fondato l’Associazione nel 2013 dichiara “Sono orgogliosa del successo che l’Associazione ha ottenuto, dei progressi che si sono fatti in tempi così rapidi e degli obiettivi raggiunti in questi primi 4 anni di vita. L’elezione di un consiglio fatto di professionisti del settore era un passo naturale nel processo di maturazione di questa organizzazione, che oggi è senza dubbio, al pari della grandi associazioni come Assocom, IAB o UPA – per citarne alcune – un organo istituzionale di riferimento nell’industria della comunicazione”.

Il 2016 è stato inoltre un anno di consolidamento per l’OBE, con l’acquisizione di 11 nuove associate: Sofidel, Think Cattleya, Sony Music, Extra.It, Luxvide, Sisal, Qmi, Dentsu, Pesci Combattenti, Rai Pubblicità, Leroy Merlin e la conferma del maggior numero di aziende del 2015: Mercedes, Qvc, Discovery Italia, Illy Spa, Connexia, Fremantle Media Spa, Telecom, Fox International Channels, Viacom Pubblicitè, Rcs, Magnolia, Starcom, Omnicom, La Effe, Yam112003, Publitalia ’80, Il Sole24ore, Sky.

articoli correlati

AGENZIE

Rinnovato il Consiglio Direttivo di UPA. Il 22 Aprile l’elezione del presidente

- # # # #

L’assemblea dell’UPA, il riferimento associativo per le imprese che investono in pubblicità in Italia, ha rinnovato il Consiglio Direttivo nominando  36 Consiglieri, prestigiosi rappresentanti dell’imprenditoria italiana e amministratori delegati delle più importanti multinazionali che operano In Italia.
Le imprese associate a UPA rappresentano circa il 90% dell’investimento pubblicitario in Italia.
Le sfide che ha di fronte il nuovo Consiglio Direttivo sono proporzionali alla profonda trasformazione che sta interessando l’economia e lo scenario dei media. In particolare, per quanto riguarda le ricerche, UPA continuerà a pilotare l’evoluzione di Auditel verso i nuovi comportamenti di ascolto televisivo.
L’Associazione degli investitori seguirà, inoltre, l’auspicata rinascita di una ricerca ufficiale sulla radio e porrà un’attenzione particolare allo sviluppo della misurazione multidimensionale della piattaforma web. Oggi tornano ad essere quanto mai centrali e decisive le capacità di elaborazione strategica nella visione delle imprese sul piano della comunicazione. Su questo UPA è attivamente impegnata, così come sul piano internazionale in cui oggi vengono concepiti i sistemi di regolazione.
Un tavolo di confronto costante sarà costituito anche dai rapporti con le Istituzioni e con le Autority che presiedono le linee tematiche proprie della tutela del consumatore e della comunicazione e sulle quali UPA è già oggi un interlocutore privilegiato.
Sarà altrettanto costante l’impegno di UPA affinché l’Istituto di autodisciplina pubblicitaria (IAP) mantenga la sua capacità di essere al passo con le trasformazioni sociali e tuteli in pieno la concorrenza e il consumatore.
La riforma della RAI continuerà ad essere al centro dell’attenzione, affinché la più importante industria culturale del Paese sia sempre più al servizio dei cittadini e sganciata dalla lottizzazione politica.
Proseguirà anche l’impegno di UPA per la modernizzazione del Paese che passa attraverso il superamento del digital divide e la diffusione di una banda larga di qualità.
Un tema su cui UPA insisterà è la formazione dei giovani e il loro inserimento nel mondo della comunicazione d’impresa continuando a investire risorse e attenzione sulla Scuola di Alta Formazione.
Il prossimo 22 aprile il Consiglio Direttivo si riunirà per eleggere tra i suoi membri il Presidente per il prossimo triennio.
Il Consiglio direttivo che guiderà UPA è composto, in ordine alfabetico, da:

Giacomo Archi, Presidente e Amministratore Delegato Henkel Italia
Michele Bauli, Vice Presidente Bauli
Maurizio Beretta, Head Of Group Identity & Communication Unicredit
Marcello Binda, Amministratore Delegato Binda Italia
Francesca Catelli, Vice Presidente Gruppo Artsana
Gianluca Corti, Consumer Mobile Director Vodafone
Francesco Cruciani, Managing Director Italy Davide Campari
Francesco Del Porto, Global Chief Customer Officer&President Region Italy Barilla
Valerio Di Natale, Presidente E Amministratore Delegato Mondelez Italia
Andrea Falessi, Responsabile Comunicazione Italia Enel
Aldo Fumagalli, Presidente Gruppo Candy
Marc Gosselin, Presidente e Amministratore Delegato Danone Italia
Lorenza Guerra Seragnoli, Consigliere D’amministrazione Montenegro
Maximo Ibarra, Amministratore Delegato Wind Telecomunicazioni
Andrea Imperiali di Francavilla, Senior Vp image And Brand Equity Management Pirelli&C.
Sami Kahale, Presidente e Amministratore Delegato Procter & Gamble Italia
Maura Latini, Direttore Generale Coop Italia
Giuseppe Lavazza, Vice Presidente Luigi Lavazza
Giulio Malgara, Presidente Malgara Chiari & Forti
Vittorio Meloni, Responsabile Direzione Relazioni Esterne Intesa Sanpaolo
Anna Elisa Messa, Senior Vice President – Coordinamento Identity Management Eni
Marina Nissim, Vice Presidente Bolton Group
Debora Paglieri, Presidente e  Amministratore Delegato Paglieri
Marco Palmieri, Presidente e Amministratore Delegato Piquadro
Lodovico Passerin D’entreves, Senior Advisor Fiat
Lorenza Pigozzi, Direttore Comunicazione Gruppo Mediobanca
Alessandro Pittaluga, Amministratore Delegato Galbusera
Mario Preve, Presidente Riso Gallo
Francesco Pugliese, Amministratore Delegato Conad
Roberto Santoro, Media Strategy Manager West Europe Ferrero
Lorenzo Sassoli de Bianchi, Presidente Valsoia
Cristina Scocchia, Amministratore Delegato L’Oreal Italia
Ubaldo Traldi, Amministratore Delegato Perfetti Van Melle
Marco Travaglia, Direttore Generale Sud Europa Nestle’ Purina
Angelo Trocchia, Presidente Unilever Italia
Carlotta Ventura, Responsabile Domestic Media Telecom Italia

articoli correlati

AGENZIE

Isabelle Harvie-Watt subentra a Layla Pavone nel Consiglio Direttivo di AssoCom

- # # # #

Isabelle Harvie-Watt, CEO & Country Manager di Havas Media Group in Italia entra a far parte del Consiglio direttivo di AssoCom, subentrando a Layla Pavone, che  ha recentemente lasciato Isobar ed è ora Venture Partner  in Digital Magics. Come da regolamento quindi, Layla Pavone ha rassegnato le dimissioni dalla carica di Consigliere, mantenendo comunque la presidenza del Centro Studi dell’Associazione ed entrando nel Consiglio di Amministrazione di Assap servizi.
Come è noto Layla Pavone. Per questo, come da regolamento, Layla Pavone ha rassegnato le dimissioni dal Consiglio Direttivo dell’associazione Isabelle Harvie-Watt, prima dei non eletti per il Consiglio entrato in carica a dicembre 2013, ha già un ruolo attivo nell’associazione, essendo rappresentante di AssoCom nel Consiglio di Amministrazione di Auditel. Oltre a diventare Consigliere, la Harvie-Watt farà parte del Gruppo di Lavoro che si occupa dei rapporti fra agenzie e clienti.
“Sono molto felice di questa opportunità e farò del mio meglio per portare avanti i progetti già in essere e quelli che si condivideranno nel prossimo futuro”, è stato il suo commento, “Faccio i miei sinceri in bocca al lupo a Layla per la sua nuova carica” commenta Isabelle Harvie-Watt, che Isabelle Harvie-Watt ha un’esperienza di oltre vent’anni nel marketing e nella comunicazione internazionale maturata all’interno del mondo della moda e dei beni di lusso avendo ricoperto incarichi di crescente responsabilità in aziende quali Giorgio Armani e Versace e più recentemente nel Gruppo Tod’s dove è stata responsabile delle strategie di marketing,  comunicazione e PR a livello globale.
“Mi fa molto piacere che Isabelle entri nel Consiglio Direttivo, in quanto già da tempo sta dando un importante contributo all’Associazione e sono sicura che con questo nuovo incarico potrà incidere in modo ancora più efficace portando in AssoCom la sua esperienza e idee nuove”; questo il commento di Layla Pavone, che ha poi ribadito come il proprio impegno per AssoCom duri da molto tempo e non venga di certo meno in questo momento. “Continuo a ritenere fondamentale avere una rappresentanza delle imprese della comunicazione forte e moderna”, ha concluso pavone, “e per questo continuerò a lavorare, anzitutto come Presidente del Centro Studi ma anche in tutte le occasioni future nelle quali la mia competenza e il mio entusiasmo potranno essere utili all’Associazione”.

articoli correlati

AGENZIE

Rinnovato il Consiglio Direttivo di IAB Italia. Il 25 febbraio l’elezione del presidente

- # # # #

L’Assemblea dei soci di Iab Italia ha eletto stamattina i nuovi membri del consiglio direttivo, secondo le nuove regole di governance approvate lo scorso novembre, che prevedono la suddivisione dei soci in cinque categorie, ciascuna delle quali elegge i propri rappresentanti. Dallo scrutinio  sono emersi Virginia Pallavicini di Nielsen per la categoria Service; Stefano Portu di DoveConviene e Michele Marzan di Zanox per Offerta Small; Raffaele Cirullo di Enel e Roberto Silva Coronel di Performedia per Domanda Small. Gabriele Mirra di Italiaonline e Paolo Portioli di Seat PG (per la categoria Offerta Big); così come Carlo Noseda di M&C Saatchi e Aldo Agostinelli di Sky (per Domanda Big) sono stati e eletti “d’ufficio” in quanto unici candidati per le due coppie di poltrone disponibili. Il consiglio direttivo, rinnovato per otto dei nove componenti (il solo Marzan era presente in quello precedente) si riunirà per la prima volta il prossimo 25 febbraio per eleggere il nuovo presidente, il vice presidente e il tesoriere.

 

Nel corso dell’assemblea annuale che ha preceduto l’elezione, in sede di approvazione del bilancio – tornato in attivo per la prima volta dal 2008 – il presidente uscente Simona Zanette, dopo i ringraziamenti di rito, ha ricordato alcuni dei temi “caldi” su cui IAB Italia è impegnato, tra i quali spiccano le modalità attuative degli emendamenti introdotti nella cosiddetta Web Tax (tracciabilità dei pagamenti per gli acquisti digitali e obbligo di partita Iva) e la definizione di una normativa nazionale in termini di privacy “digitale”. Al riguardo è in programma il 28 febbraio un incontro con  AGCom per arrivare a colmare questa lacuna, che affianca l’Italia solo alla Grecia tra tutti i paesi dell’Unione. In merito infine alla propria non-candidatura, Zanette ha esplicitamente rimarcato che è stata una scelta dettata da ragioni aziendali: “Quest’anno AlFemminile.com (di cui la stessa Zanette è Country Manager e AD, ndr) sarà oggetto di un piano importante di sviluppo, e dall’HQ mi è stato richiesto di concentrarmi totalmente su questo impegnativo progetto”. A latere dell’assemblea, Simona Zanette ha poi fornito maggiori dettagli: “Oltre a una notevole espansione del sito esistente, abbiamo in previsione il lancio di una nuova iniziativa in ambito food. Procederemo inoltre a una parziale internalizzazione della rete di vendita, per ora limitata ai progetti speciali, che rappresentano circa il 20% dei nostre ricavi. Sulla base dei risultati di questa decisione, valuteremo i passi ulteriori”. “Nel 2013”, ha concluso Zanette, “la raccolta ha superato i 5 milioni, in crescita dell’8% sull’anno precedente. Quest’anno, anche grazie alle novità in programma, contiamo di crescere ancora”.

articoli correlati

AGENZIE

Elezioni Consiglio Direttivo IAB Italia: posticipata la dead line per le candidature

- # # # #

IAB Italia comunica che la data di scadenza per presentare le candidature per le prossime Elezioni del Consiglio Direttivo per il triennio 2014 -2016 è posticipata alle ore 24.00 del 16 febbraio p.v.

La proroga consentirà di agevolare la procedura di presentazione delle candidature, a seguito dei cambiamenti nel sistema elettorale, tra cui la nuova Classificazione dei soci, resa pubblica nella giornata di ieri, che con l’obiettivo di garantire una compagine bilanciata e rappresentativa di tutta la industry all’interno del Board, prevede la suddivisione delle realtà parte dell’Associazione in categorie, sulla base della tipologia di business e della soglia di fatturato/billing annuo realizzato su spazi digitali.

Tutte le informazioni sono disponibili sul sito www.iab.it alla pagina Elezioni

articoli correlati

AGENZIE

I 15 candidati al Consiglio Direttivo di AssoCom. Corsa a tre per la presidenza?

- # # # # # # # #

Alessandro Barbieri, presidente di Reloy; Giorgio Bonifazi Razzanti, presidente di Pan Comunicazione; Vittorio Bonori, CEO di Zenith Optimedia; Marzia Curone, amministratore delegato di Relata; Enrico Gasperini, fondatore e consigliere delegato di Livextension; Marco Girelli, CEO di OMD, Sandra Grifoni, amministratore unico di InMediato; Marco Gualdi, amministratore delegato di Inventa CPM; Isabelle Harvie Watt, CEO & country manager di Havas Media Group Italia; Alessandra Lanza, responsabile business innovation di Filmaster Events; Mauro Miglioranzi, amministratore unico di Cooee Italia; Emanuele Nenna, managing director di Now Available; Layla Pavone, managing director di Isobar; Rossella Sobrero, presidente di Koinetica; Marco Testa, presidente del Gruppo Armando Testa e già presidente dell’allora Assocomunicazione tra il 2006 e il 2008.
Questi i nomi dei candidati al Consiglio Direttivo di Assocom resi noti ufficialmente stamattina. L’elezione, che si terrà il 18 dicembre all’Hotel Cavalieri di Milano, sarà la prima a svolgersi secondo le nuove regole dello statuto modificato a giugno di quest’anno, che prevede nove membri del consiglio direttivo, ai quali spetterà la nomina del Presidente. Al riguardo, i primi rumors indicano tra i papabili con maggiori probabilità di successo Marco Testa e Vittorio Bonori, con Marco Girelli quale outsider dalle buone possibilità.
“Questo è un momento cruciale per la vita di AssoCom, a conclusione di un anno di profondo rinnovamento”, è il commento di Stefano del Frate, direttore generale dell’Associazione, “Le candidature sono molte e autorevoli e numerose sono le persone che per la prima volta si propongono per il ruolo di consiglieri. Questa importante partecipazione è sicuramente un segnale positivo: siamo in molti a credere che AssoCom debba andare avanti per diventare ancora più forte e rappresentativa. Molte le riconferme di consiglieri che hanno giudicato positivamente l’esperienza di lavoro nell’ultimo Consiglio e molti i nuovi candidati, con nutrita presenza del settore media, che hanno positivamente interpretato il ruolo che possono ricoprire in associazione in un momento particolarmente difficile del mercato”.

articoli correlati