AGENZIE

Saatchi & Saatchi firma la nuova campagna, a tema carta e cartone, di Comieco

- # # #

comieco saatchi & saatchi

Comieco, Consorzio Nazionale per il Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica, ha affidato a Saatchi & Saatchi l’incarico per il lancio della sua nuova campagna di comunicazione nazionale. L’idea è quella di valorizzare l’importanza del riciclo rappresentando la carta e il cartone come i migliori amici delle nostre città. Nella creatività vediamo quindi dei cani, i migliori amici dell’uomo, realizzati interamente in carta riciclata. Il claim ci invita a riciclare carta e cartone perché sono un grande valore per la nostra città. La campagna, on air da fine febbraio, con due soggetti dedicati al mese del Riciclo della carta e all’iniziativa Riciclo Aperto, si declina su stampa e outdoor, e su radio, web e socia media.

CREDITS
CEO: Simone Masè
Direttore Creativo Esecutivo: Agostino Toscana
Direttore Creativo: Manuel Musilli, Alessandro Orlandi
Copywriter: Leonardo Cotti e Marta Curcio
Art Director: Alessandra Torri e Umberto Vita
Mock up di Chiara de Rota e Linda Vallone
Fotografo:  Paolo Cecchin
Art buyer: Rossana Coruzzi
Team Account: Mayna Frosi, Carola Simoncini
PR Coordinator: Rachele Dottori

articoli correlati

AGENZIE

Comieco sceglie The 6th per comunicare il bilancio di sostenibilità

- # # # #

The 6th

COMIECO, il consorzio nazionale per il recupero e riciclo degli imballaggi a base cellulosica, ha affidato allo studio creativo The 6th, di Emanuele Basso ed Elena Carella (nella foto), la realizzazione della pubblicazione “COMIECO sostenibile”: il bilancio annuale delle attività del riciclo di carta e cartone in Italia.

Progetto editoriale e video, realizzati da The 6th, racconteranno, in occasione dell’evento Ecomondo a Rimini dal 7 al 10 novembre, i risultati di raccolta e di riciclo di carta e cartone ottenuti da COMIECO.

Grazie alle sue attività sul territorio e alla partecipazione di cittadini, comuni e aziende, nel 2016 sono stati raccolti 3,2 milioni di tonnellate di carta e cartone, il 3,3% in più rispetto all’anno precedente, con una nota di merito per il sud talia, che ha registrato l’8,6% in più.

articoli correlati

AZIENDE

I consigli antispreco di Comieco “vestono” i buoni pasto Edenred

- # # # # # #

Ticket Restaurant Edenred

Edenred, inventore del Ticket Restaurant, e Comieco, Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica, hanno sottoscritto una partnership per la realizzazione di speciali copertine di buoni pasto con dei consigli “antispreco”. Il progetto mira a sensibilizzare oltre un milione di lavoratori titolari dei benefit Edenred a una cultura dell’alimentazione sostenibile, della corretta differenziazione dei rifiuti e della lotta allo spreco delle risorse.

I beneficiari dei Ticket Restaurant potranno, infatti, leggere sulle cover dei blocchetti di buoni pasto delle pillole informative curate da Comieco con alcuni semplici consigli per evitare gli sprechi: ad esempio richiedendo ai ristoratori una family bag per portare a casa gli alimenti non consumati.

Stando ai dati 2016 dell’Osservatorio Nazionale Waste Watcher di Last Minute Market, società spin-off dell’Università di Bologna, in Italia ogni anno vengono sprecati circa 16 miliardi di euro di cibo, praticamente l’1% del prodotto interno lordo.

“Le buone politiche di riduzione”, spiega Sabrina Citterio, Responsabile Corporate Social Responsibility di Edenred Italia, “devono interessare innanzitutto i privati cittadini perché la maggior parte dello spreco avviene nelle mura domestiche ma coinvolgere anche il mondo della pausa pranzo fuori ufficio che accomuna 2,5 milioni di lavoratori italiani. Come Edenred da tempo siamo impegnati su questo fronte attraverso partnership con associazioni no profit per la destinazione delle eccedenze alimentari e progetti innovativi come quello che ha previsto la distribuzione di 2500 doggy bag a oltre 1000 ristoranti sul territorio nazionale”.

La cultura dello spreco può essere contrastata agendo proprio sui piccoli comportamenti quotidiani, e tra questi la raccolta differenziata è uno dei principali strumenti a disposizione di ognuno di noi. Non tutti i rifiuti sono inutili, infatti. Carta e cartone, così come tutti i rifiuti che si possono differenziare correttamente, sono preziose risorse da non sprecare e fare una buona raccolta differenziata è un gesto semplice che fa bene all’ambiente e di grande senso civico.

“Attraverso una incisiva politica di prevenzione e sviluppo della raccolta differenziata di imballaggi cellulosici immessi al consumo che Comieco persegue da oltre 30 anni, è stato possibile ottenere risultati molto importanti”, dichiara Eleonora Finetto, Responsabile Comunicazione di Comieco. “Oggi, 8 imballaggi cellulosici su 10 nel nostro Paese vengono riciclati e nel 2015 ogni italiano in media ha raccolto in modo differenziato circa 51,5 kg di carta e cartone. Sono risultati importanti ma si può fare ancora molto per migliorare la raccolta e intercettare le circa 900.000 tonnellate di carta e cartone che ancora finiscono nell’indifferenziato”.

Le speciali copertine saranno distribuite a circa un milione di beneficiari Edenred a gennaio e aprile.

articoli correlati

AZIENDE

Comieco lancia il contest green per i pack dell’ecommerce

- # # # # #

Comieco

È un vero fenomeno quello del commercio elettronico e gli imballaggi cellulosici ne sono grandi protagonisti: negli ultimi anni si è registrato un sostanziale aumento di packaging nel passaggio dal commercio tradizionale, quello del negozio, a quello online. Tante scatole meritano una grande attenzione: Comieco – Consorzio Nazionale per il recupero e riciclo degli imballaggi a base cellulosica ha pensato di usare le stesse scatole come veicolo di informazione per invitare i consumatori a dare nuova vita al cartone del pacco che arriva nelle case. Basti infatti pensare che rompere il cartone, ripulirlo da nastri e punti metallici e ripiegarlo costituisce il 90% di una perfetta raccolta differenziata.

La scatola di cartone, che ha protetto per tutto il tragitto il prodotto acquistato, arriva al domicilio dell’acquirente che, una volta aperto il pacco e gioito del proprio acquisto, trova ad accompagnare il prodotto una serie di istruzioni che spiegano in maniera esaustiva come garantire all’imballaggio un futuro gettandolo nel bidone della raccolta. Ma non solo: dal semplice gesto del corretto smaltimento del cartone nasce la possibilità di partecipare a un divertente concorso, quello per diventare dei veri… “rompiscatole”.

Comieco lancia così #IoRompoleScatole, un contest online che, in modo simpatico e irriverente, si propone di informare il consumatore suggerendogli le modalità di un corretto smaltimento degli imballaggi in carta e cartone nella raccolta differenziata, realizzato in collaborazione con alcune aziende attive in ambito eCommerce. In palio per i partecipanti 240 buoni acquisto instant win e 5 super premi finali per un valore complessivo di 6.550 euro.

“L’eCommerce è un settore in forte crescita: l’innovazione tecnologica, però, non può prescindere da un materiale tradizionale come il cartone, risorsa preziosa e da non sprecare. E’ infatti importante conferirlo negli appositi contenitori per la raccolta differenziata imparando a smaltirlo in modo corretto: basti pensare che le scatole di cartone sono fatte per l’80% con materiale riciclato”, dichiara Carlo Montalbetti, Direttore Generale di Comieco. “Da 30 anni Comieco diffonde alcune semplici regole di comportamento nel riciclo di carta e cartone in Italia e i numeri parlano chiaro: nel 2014 sono stati raccolti circa 3 milioni di tonnellate di carta e cartone, che, per ogni italiano, significano 52 kg a testa”.

articoli correlati

AZIENDE

Le doggy bag d’autore di Comieco in mostra a Roma

- # # #

Le confezioni d’autore del progetto “Doggy Bag – Se avanzo mangiatemi”, promosso dal consorzio Comieco in collaborazione con Slow Food Italia, entrano a far parte della mostra “Corporate Art”,

“Doggy Bag- Se Avanzo mangiatemi” è un progetto contro lo spreco alimentare all’insegna della creatività made in Italy, con una forte valenza sociale e culturale. Importanti esponenti della cultura italiana come l’arch. Michele De Lucchi e il prof. Andrea Kerbaker hanno coordinato un team di professionisti del livello dei designer Francesco Faccin, Giulio Iacchetti e Matteo Ragni in collaborazione con Chiara Moreschi, e degli illustratori Beppe Giacobbe, Guido Scarabottolo e Olimpia Zagnoli. Agli artisti è stata commissionata la progettazione di tre diversi contenitori per cibi e bevande e la loro illustrazione, per rendere la” doggy bag” un vero e proprio oggetto d’autore.
Il contenitore per il cibo diventa così un prodotto alla base di una vera e propria rivoluzione culturale che coinvolge tutti gli attori della filiera alimentare, dallo chef al team del ristorante ai clienti i quali, forti della grande carica d’ironia e di umorismo di cui sono vestiti i contenitori per vino e alimenti, non dovranno più sentirsi in soggezione nel portare a casa quanto rimasto a fine pasto.

“Il Consorzio non è nuovo alle esperienze e collaborazioni artistiche: negli anni abbiamo realizzato mostre come Paper View, dedicata alle cartiere storiche d’Europa, con Mauro Lovi e con il fotografo Giorgio Perini, o Arte e Design – Vivere e Pensare in carta e cartone, per citarne solo due” ha dichiarato Carlo Montalbetti, Direttore Generale di Comieco. “Ora partecipiamo a Corporate art con un innovativo progetto che si propone di trasformare un problema in opportunità e di far partire una rivoluzione culturale: nell’anno di Expo 2015, che ha tra i temi portanti proprio l’impegno a diminuire gli sprechi alimentari, Doggy Bag – Se avanzo mangiatemi ha infatti lo scopo di ridurre le quantità di alimenti gettati via ogni giorno in ristoranti e trattorie e di stimolare un cambio di mentalità nei ristoratori e nei clienti. Comieco da 30 anni garantisce il recupero e l’avvio a riciclo di carta e cartone provenienti delle raccolte differenziate urbane e promuove la diffusione di comportamenti sostenibili e buone pratiche per la riduzione degli sprechi. E contro gli sprechi di cibo il packaging, soprattutto quello cellulosico, può avere un ruolo strategico”.

Grazie alla collaborazione con Slow Food Italia sono già 75 i ristoranti milanesi e lombardi che hanno ricevuto gratuitamente un kit di contenitori.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Comieco e Igino Massari presentano il panettone dedicato a Expo 2015

- # # # # #

Per dare un originale e simbolico benvenuto a Expo 2015, ormai alle porte, Comieco ha commissionato a Iginio Massari, pasticciere pluripremiato e artista dei dolci riconosciuto a livello internazionale, una creazione esclusiva. Per questo omaggio ad Expo, è stato scelto un dolce che, storicamente, coniuga in sé sapori e culture diverse tra loro, in linea con lo spirito della grande manifestazione internazionale che renderà Milano protagonista del mondo: il panettone, da secoli simbolo indiscusso di Milano e della sua capacità innata di fondere tradizione territoriale e apertura al mondo e al nuovo.

A rendere ancora più speciale questo dolce d’eccellenza saranno le originali confezioni in cartone-cuoio che Comieco, il Consorzio Nazionale per il Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica, ha scelto per custodire la creazione di Massari: ispirate alle classiche “cappelliere”, storicamente adoperate per proteggere e preservare i sapori e i profumi del panettone, ma rinnovate per l’occasione con preziose illustrazioni del noto artista milanese Guido Scarabottolo.

“Al panettone, oggi, non rinunciano 8 italiani su 10. Comieco ha voluto rendere omaggio a questo dolce e ad Expo rinnovando in modo originale un imballaggio storico, la tradizionale cappelliera, che nel passato ha contribuito in modo determinante al successo internazionale di questo protagonista del Made in Italy di qualità”, ha raccontato Carlo Montalbetti, Direttore Generale di Comieco. “Grazie a questo resistente involucro in cartone, infatti, il panettone è oggi il dolce più diffuso e ha raggiunto nel tempo tutti i 205 Stati del mondo”.

“Per il panettone ispirato ad Expo 2015 ho pensato di valorizzare al massimo i prodotti del territorio che ospiterà questa importante manifestazione internazionale”, dichiara Iginio Massari. “Tutte le materie prime che ho scelto, infatti, sono di provenienza lombarda ed espressione di una lunga tradizione di qualità e di eccellenza: per esempio, farina e burro sono dei dintorni di Milano, lo zucchero viene estratto da una bietola di coltivazione biologica nel cremonese, zona dalla quale arrivano anche le uova, mentre il miele di tiglio è di Quinciano d’Oglio, il migliore in circolazione. A ciò si aggiungono, oggi come allora, uvetta sultanina e frutta candita provenienti da altre latitudini”.

La creazione di Massari, con la sua originale custodia, verrà presentata e proposta per la degustazione sabato 29 novembre (ore 11.30, Spazio Ex-Ansaldo) all’inaugurazione di Re Panettone 2014, il più frequentato appuntamento dedicato al dolce tipico milanese, giunto alla sua settima edizione.

articoli correlati

AZIENDE

Systemic Food Design, l’educational games di Comieco per costruire filiere sostenibili

- # # # # #

Comieco, il Consorzio Nazionale per il Recupero e Riciclo degli Imballaggi a Base Cellulosica, e l’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo  lanciano Systemic Food Design, un educational games per costruire modelli sostenibili di produzione e consumo del cibo.

 

Accedendo al sito è possibile infatti mettere a punto la propria filiera produttiva, verificando il livello di sostenibilità delle proprie scelte da quattro diversi punti di vista: ambientale, economico, sensoriale e sociale.

Si parte selezionando un prodotto a scelta tra olio, marmellata, uova, patatine, pasta, pollo, biscotti, birra, gelato e formaggio e ci si trova di fronte ad una serie di domande che permettono di costruire passo dopo passo l’intera filiera, dalla scelta delle materie prime al confezionamento e vendita del prodotto. Per ogni filiera è presente un glossario che approfondisce il significato dei principali termini-chiave, da “biodiversità” a “monocoltura”, da “razza ibrida” a “sementi di varietà autoctone”, in modo che l’utente possa effettuare la propria scelta con la maggiore consapevolezza possibile.

 

Systemic Food Design è il risultato di un lavoro di ricerca promosso da Comieco e svolto dagli studenti del corso in “Approccio Sistemico alla Gastronomia” dell’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, in provincia di Cuneo, coordinati dal prof. Franco Fassio. Il sito è stato sviluppato con il contributo tecnico di Molecole Sistemiche e Sinbit.

articoli correlati