BRAND STRATEGY

Continua anche quest’anno la partnership tra Logotel e il Museo del Novecento

- # # # # #

logotel museo del novecento

Costruire esperienze coinvolgenti in grado di creare impatti reali per i visitatori di un museo, progettando così nuove forme di relazione. È in questa direzione che la Service Design Company Logotel ha sviluppato dal 2016 la partnership con il Museo del Novecento di Milano. Logotel ha lavorato con il Museo per la ridefinizione delle strategie di comunicazione digital e social, integrando il piano di comunicazione con elementi di servizio rivolti a diverse tipologie di visitatori, con l’obiettivo di coinvolgere un pubblico sempre più ampio e trasversale.

Il progetto nasce dal desiderio del Museo del Novecento di ridisegnare la propria identità online, partendo dalla riprogettazione della user experience del website istituzionale, sviluppato da Logotel (online a marzo 2016). Contestualmente, è stata definita e implementata la strategia di ingaggio e partecipazione sui social network, in particolare per i canali Facebook, Twitter e Instagram. Un team multidisciplinare con Susanna Legrenzi, Social Media Strategist del progetto per Logotel, ha lavorato lungo tutto il processo di realizzazione del nuovo sito web, coinvolgendo direttamente i curatori e responsabili della comunicazione del museo: dall’analisi dei bisogni alla user experience, fino alla progettazione e produzione dei contenuti multimediali. Gli obiettivi raggiunti sono stati quelli di rafforzare l’identità e la presenza online del Museo del Novecento, nei suoi aspetti di servizio (biglietti, info di visita, offerta didattica, eventi…), rispondendo ai bisogni e alle aspettative dei visitatori, ma anche attivando nuove pratiche di storytelling e azioni di storydoing in particolar modo attraverso i social network, così da coinvolgere le community in esperienze partecipative.

I risultati ottenuti dalla collaborazione Logotel – Museo del Novecento hanno registrato un importante consolidamento della brand awareness del museo, posizionandolo tra i più attivi in ambito social media, come conferma la ricerca presentata a gennaio 2017 dall’Osservatorio Innovazione Digitale nei Beni e Attività Culturali del Politecnico di Milano, in cui il Museo del Novecento – dopo un anno di collaborazione – si è posizionato terzo su Twitter e quarto su Instagram, su una base di 125 musei italiani analizzati nel 2016. Grazie alle attività e ai contenuti pianificati, in termini di crescita di follower i profili social del Museo del Novecento hanno registrato + 105% su Facebook, + 554% su Twitter, + 166 % su Instagram (dati aggiornati al 2016 rispetto a inizio progetto 2015). Il sito web del Museo ha ottenuto anche un 81.2/100, come punteggio attestato da Travel Appeal Museum (periodo che va dal 20 settembre 2015 al 20 settembre 2016). Il lavoro svolto insieme al Museo del Novecento ha prodotto impatti positivi anche e soprattutto per i visitatori: in sinergia con sito web e attività social, sono stati sviluppati itinerari di visita tematici in grado di far scoprire oltre un secolo di arte secondo chiavi di lettura differenti, attività di gamification via Instagram, e altri progetti ancora. Per facilitare la visita nelle sale è stato realizzato inoltre un nuovo set di mappe digitali che consentono di muoversi con la massima autonomia alla scoperta dei capolavori esposti.

“Siamo felici di poter continuare nel 2017 – sottolinea Cristina Favini, Strategist e Manager of Design Logotel – la collaborazione con il Museo del 900. Un’occasione per riflettere e sperimentare nuove logiche di comunicazione e servizio volte a valorizzare il ruolo del museo come luogo di confronto, creatività e dialogo, in grado di creare impatto nelle esperienze culturali delle persone. Questa collaborazione ci ha permesso di sperimentare anche il coinvolgimento attivo del territorio, nello specifico di organizzare diversi appuntamenti che hanno visto persone e famiglie dell’associazione Made in Lambrate vivere il museo in modo diverso. Oggi e in futuro diventa urgente ridisegnare il senso e il valore di scambio tra museo e comunità, città, imprese, istituzioni pubbliche. Grazie agli straordinari contenuti dei musei, alle nuove forme di comunicazione e a tecnologie sempre più accessibili si apre la strada a nuove modalità di experience per i visitatori e alla creazione di ecosistemi di servizio che rafforzeranno ulteriormente il ruolo dei musei nella società contemporanea”.

articoli correlati

AZIENDE

Io Donna e Mybeautybox siglano una partnership all’insegna della bellezza

- # # #

Mybeautybox e Io Donna collaborazione

Mybeautybox e Io Donna stringono per la prima volta una collaborazione in nome della bellezza, con l’obiettivo di massimizzare le sinergie tra i due brand.

La nuova partnership coinvolgerà lettrici e utenti alla scoperta dell’esperienza reale racchiusa nei cofanetti Mybeautybox e dei contenuti esclusivi del sistema multimediale di Io Donna.

Il settimanale femminile del Corriere della Sera dedicherà alle novità di Mybeautybox diverse iniziative: anticipazioni dei prodotti contenuti nelle varie box, rubriche, newsletter e campagne stampa, oltre a varie attività sul sito e sulle sue property social. Mybeautybox garantirà ai suoi utenti un accesso privilegiato e diretto a promozioni, concorsi ed eventi esclusivi firmati Io Donna, a partire dallo YOGA Tour della primavera-estate 2017, che partirà da Tivoli il 27 maggio prossimo.

Alle lettrici di Io Donna verranno inoltre dedicati sconti esclusivi e iniziative ad hoc: per le nuove iscritte a Mybeautybox uno sconto speciale del 10% e un welcome kit a loro dedicato, oltre a nuove promozioni ogni mese.

articoli correlati

MEDIA 4 GOOD

Privalia e UNICEF rinnovano la collaborazione internazionale per i diritti dell’infanzia

- # # #

Privalia e UNICEF collaborazione

Unicef e Privalia rinnovano l’accordo di collaborazione internazionale, iniziato nel 2015, per ulteriori due anni. Ad oggi questa collaborazione ha realizzato una serie di progetti in 4 Paesi. In Messico, attraverso il programma dell’Unicef.

“Miglioriamo l’istruzione dei bambini e delle bambine indigeni del Messico”, dove oltre 440 insegnanti hanno ricevuto una formazione per l’apprendimento della lingua indigena ed è stato possibile garantire l’accesso all’educazione di oltre 14.500 bambini e bambine. In Brasile, appoggiando il programma “Adolescenti fuori dalla scuola” in cui oltre 12.500 adolescenti si sono mobilizzati per contrastare l’abbandono scolastico prematuro, che coinvolge più di 1,5 milioni di adolescenti. In Spagna, promuovendo il programma per la conoscenza dei diritti “Scuola amica dei bambini”, che Unicef ha avviato nelle scuole per far conoscere ad ogni bambino e bambina i propri diritti e aiutarli a metterli in pratica. In Italia, il programma “L’albero dei diritti” ha reso possibile la promozione e la conoscenza della Convenzione sui diritti dell’Infanzia e dell’adolescenza nelle scuole Italiane attraverso attività laboratoriali a cui hanno preso parte oltre 50.000 bambini e bambine.

Attualmente Privalia dona all’Unicef l’1% di tutte le vendite della categoria “Baby & Kids” presenti sul sito, mette in atto diverse azioni di solidarietà durante l’anno, come ad esempio in Italia il “Privalia Xmas Market” e altre iniziative sul territorio nazionale che hanno come obiettivo il miglioramento della vita dei bambini e delle bambine.

“Ringraziamo Privalia per aver rinnovato il suo impegno al fianco dell’Unicef. In particolare quest’anno, Privalia sosterrà il progetto dell’Unicef per garantire protezione e assistenza a tanti  minorenni rifugiati e migranti in Italia. Sono bambini che hanno già vissuto terribili sofferenze, in fuga da violenze, povertà, torture, che hanno affrontato grandissimi rischi e pericoli. Dobbiamo impegnarci perché possano avere un futuro più sereno e di integrazione”, ha dichiarato Paolo Rozera, Direttore generale dell’Unicef Italia.

“I bambini e le bambine di oggi saranno gli adulti di domani ed è importante per noi, come persone e come azienda, continuare a collaborare attivamente per la creazione di un futuro migliore che difenda e rafforzi i diritti fondamentali dell’infanzia”, ha commentato José Manuel Villanueva, socio fondatore e CEO di Privalia.

“Credo fermamente in questa collaborazione e ritengo che il programma dell’Unicef in Italia sia estremamente importante, poiché si focalizza su un tema delicato, di forte interesse e attualità a livello internazionale. Sono orgogliosa dell’impegno attivo di Privalia con Future for Children a sostegno dell’Unicef, che coinvolgerà tutti i paesi in cui siamo presenti”, ha Concluso Valentina Visconti, Country Manager di Privalia Italia.

articoli correlati

MEDIA 4 GOOD

Save the Children e Unilever Italia insieme per sostenere i bambini e le famiglie migranti

- # # #

partneship Unilever Italia Save the Children Italia

I conflitti siriani causano numerose vittime, a causa dei quali famiglie e bambini sono costretti ad abbandonare tutto per cercare salvezza e futuro in altri paesi. Molti raggiungono Milano nel tentativo di attraversare, poi, la frontiera nord del Paese e raggiungere il Nord Europa.

Per rispondere al crescente numero di migranti arrivati nel nostro Paese, Unilever Italia, rinnova per il 2017 la collaborazione con Save the Children Italia finanziando lo Spazio a Misura di Bambino dedicato ai bambini e alle loro famiglie in transito presso l’HUB del Comune di Milano in via Sammartini alla Stazione Centrale, all’interno del quale operatori ed educatori di Save the Children in partnership con Mitades, svolgono ogni giorno attività socio-educative e ludico-ricreative con i bambini, che possono così ritrovare una dimensione di normalità e tranquillità insieme alle loro famiglie. Ad esse vengono anche distribuiti pannolini, vestiti, kit per i neonati e per l’igiene.  Nel solo 2016, più di 1.400 bambini, per più della metà sotto i 6 anni, e loro famiglie in transito a Milano, provenienti da Siria, Eritrea e altri paesi, hanno potuto usufruire di questi servizi, che, grazie al sostegno di Unilever, saranno disponibili anche nell’anno in corso.

“Siamo felici che Unilever abbia rinnovato anche quest’anno il suo supporto a questo progetto garantendo così la sua sostenibilità nel tempo. Grazie a questo, potremo continuare a supportare tanti bambini, anche piccolissimi, che sono stati costretti a fuggire dai loro paesi con le loro famiglie per cercare salvezza e futuro nel nostro Paese e in Europa. Unilever dimostra, ancora una volta, il suo forte impegno nella responsabilità sociale d’impresa, e ci auguriamo che questa partnership possa crescere ulteriormente in futuro”, ha dichiarato Claudio Tesauro, Presidente di Save the Children Italia.

“Coerentemente con il percorso tracciato nei 50 anni di presenza e radicamento in Italia, che dimostra come attraverso la collaborazione sia possibile creare valore per il contesto in cui operiamo, con il sostegno a questo progetto, Unilever vuole contribuire a fronteggiare un’emergenza di primaria importanza nella convinzione che inclusione e diversità culturale siano una condizione necessaria e imprescindibile per lo sviluppo sociale nel nostro Paese. Come azienda, abbiamo il dovere di occuparci delle generazioni attuali e future e ricercare soluzioni ai problemi che direttamente o indirettamente ci accomunano. Ancora una volta, insieme a Save the Children vogliamo dimostrare quanto sia possibile contribuire attivamente, anche con semplici iniziative, alla risoluzione delle grandi sfide a cui ci troviamo davanti. Il nostro Unilever Sustainable Living Plan, piano per la crescita sostenibile, è l’esempio di quanto si possa stimolare un cambiamento positivo dell’intero sistema, da cui chiunque può trarre un vantaggio”,  ha commentato Angelo Trocchia, Presidente e AD di Unilever Italia.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Alice e Mareblu insieme per uno speciale progetto di comunicazione integrata

- # # #

filletti sgombro Mareblu

Mareblu, con i suoi filetti di Sgombro, è protagonista di una collaborazione a 360° gradi con Alice, televisione dedicata al mondo della cucina e dell’alimentazione al canale 221 del digitale terrestre.

La presenza sul canale TV 221 del digitale terrestre prevede product placement dei filetti di Sgombro Mareblu, da febbraio ad aprile, nei programmi “365 Una ricetta al giorno” e “Alice Club” – il club della buona tavola con Francesca Romana Barberini.

In aggiunta, dal 6 febbraio al 30 aprile, invece, sono previsti dei billboard da 10 secondi in apertura e chiusura dei programmi, oltre che una serie di telepromozioni in cui lo chef Poggi presenterà le 4 varianti della linea dei Filetti di Sgombro Mareblu (all’olio di oliva, piccanti, affumicati e al naturale) e le loro caratteristiche.

Il progetto di comunicazione prosegue sul mensile Alice in cui i Filetti di Sgombro Mareblu saranno protagonisti di quattro sfiziose ricette in altrettanti numeri della rivista (da febbraio a maggio) e sul sito web dove, da febbraio ad aprile, sono previste 12 settimane di personalizzazione con banner e box dedicati.

La collaborazione con il network di Alice prosegue anche nei punti vendita fino al 30 settembre, grazie alla presenza di espositori con crowner dedicato all’iniziativa. Su ogni crowner saranno inoltre presenti dei blocchetti con tante deliziose ricette Alice da staccare subito in regalo per i consumatori.

I filetti di Sgombro Mareblu sono della tipologia Scomber Scombrus, la più pregiata in commercio, cotti al vapore e arricchiti da ingredienti semplici e genuini, tutti senza conservanti, e ideali da consumare da soli o come ingrediente per sfiziose ricette.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Risoli punta su iFood.it per una comunicazione 100% made in Italy

- # # #

collaborazione Risolì e iFood.it

Risolì inizia l’anno stringendo una collaborazione con iFood.it. Oggi sono quasi 1 milione e mezzo i lettori che attingono ogni mese alle ricette proposte dai food blogger che compongono la redazione di iFood.it e che hanno aderito al progetto editoriale proposto dall’Editore Netaddiction.

Il progetto di comunicazione integrata è stato costruito con l’obiettivo di mettere in evidenza la filosofia produttiva propria di Risolì, i suoi valori e l’impegno nel mantenere l’intera filiera produttiva 100% italiana. Partita a fine novembre per concludersi il prossimo febbraio, l’attività si strutturerà attraverso la collaborazione di dieci food blogger di iFood.it che avranno il compito di raccontare i prodotti e creare ricette originali. Il progetto è stato arricchito da un blogger tour organizzato nel quartier generale dell’azienda: Risolì (lo scorso novembre) ha aperto le porte a 5 ospiti che hanno potuto toccare con mano a 360° una filosofia produttiva unica.

Un’iniziativa esperienziale a “barriere 0” tra Risolì e le blogger: massima trasparenza, aspettative e promesse esaudite dalla realtà dei fatti.
La collaborazione è evidente già sull’home page del sito di iFood e punta ad una pagina dedicata che raccoglierà tutte le ricette elaborate dai blogger del network, seguendo lo stile e i valori di Risolì: una cucina sana che esalta i sapori semplici, grazie alla qualità della fattura e la sicurezza degli strumenti di cottura 100% italiani.

Questo connubio definisce l’anima all’avanguardia di Risolì, innovativa non solo nel proprio settore di riferimento, ma anche nella comunicazione: il progetto fonde esperienza, marketing offline e online, creando interazione dal vivo e sul web.

A supporto dell’attività editoriale ci sarà un’attività coordinata di social media marketing multi-account, che valorizza e amplifica tutto quello che accade fuori e entro la rete, tra le diverse piattaforme (Facebook/Twitter/Instagram) grazie agli alti reach organici sviluppati dalle diverse fan page.

La capacità dei blogger e lo storytelling, accurato anche nella struttura di una semplice ricetta, azzera l’impatto della comunicazione pubblicitaria del brand sull’utilizzatore finale e diventa uno dei punti di forza di iFood.it al servizio della comunicazione di player d’eccellenza e qualità come nel caso dell’azienda Risolì.

Risolì vuole ribadire e ricordare che esistono ancora aziende italiane che credono nel valore della produzione interamente realizzata nel nostro Paese.
iFood ha saputo cogliere immediatamente le esigenze dell’azienda, formulando un progetto interattivo e interessante per il pubblico online, ottimizzando al meglio le risorse del proprio network e proponendo un piano di comunicazione multicanale.

articoli correlati

AZIENDE

Imperatore Travel e Ri.Brain insieme per gestire le strategie di web marketing

- # # #

Imperatore Travel sceglie Ri.Brain

La necessità per i Brand e le Aziende di investire sul Web ed avviare un processo di digitalizzazione, si fa sempre più intenso. Il Tour Operator Imperatore Travel, ha avviato da qualche anno questo processo che vede coinvolti più fornitori digitali.

Scelti per una partnership triennale, la giovane Digital Agency Ri.Brain si occuperà della realizzazione e gestione della Strategia di Web Marketing, del coordinamento dei vari reparti e operativamente della gestione Social Network e campagne di Advertising.

L’investimento nel mondo digitale voluto fortemente dall’azienda Imperatore Travel, ha come fine ultimo quello di facilitare ed agevolare gli Agenti di Viaggio che si affidano ad Imperatore, rafforzare il ramo B2C ed affacciarsi al mercato inglese con il nuovo progetto Get Your Sicily.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Un nuovo vocabolario in 3 volumi: il progetto della nuova collaborazione Treccani e JWT

- # # # # #

Un nuovo vocabolario in 3 volumi: il progetto della nuova collaborazione Treccani e J. W. Thompson

La collaborazione tra J. Walter Thompson e Treccani parte con il progetto dedicato al nuovo vocabolario in 3 volumi.
“Treccani è senza dubbio uno dei marchi più preziosi del nostro panorama nazionale” ha raccontato Giuseppe Salinari, General Manager J. Walter Thompson Italia. “È per noi al contempo un grande onore e una grande responsabilità lavorare per aggiungere valore a questa fondamentale istituzione culturale del paese. Come agenzia ci stiamo specializzando nel supportare i brand tradizionali a vivere in maniera proficua questo intenso momento storico di trasformazione. Con i nostri planner siamo già al lavoro per far sì che a questo primo piccolo passo, segua un lungo percorso di collaborazione con l’Istituto: cercheremo di supportare con la massima concentrazione il grande lavoro iniziato dal dottor Bray per far sì che Treccani continui ad essere un punto di riferimento imprescindibile anche per le future generazioni di italiani”.

L’idea di campagna si basa sul fatto che ci si trova spesso in situazioni nelle quali le persone ci giudicano ancora prima di conoscerci. Sapersi esprimere al meglio ci consente di dimostrare chi siamo davvero. La lingua italiana è ricca di parole dal suono e dal significato straordinario. Per questo Treccani ci invita ad arricchire sempre di più il nostro vocabolario, per essere sempre più fieri di quel bene prezioso per il paese che è la lingua italiana. La programmazione si articola sul web e in TV. Lo spot è in onda da domenica 18 settembre con due soggetti di 60”.

 

Credits:
Agenzia: J. Walter Thompon Roma
Direttore Creativo Esecutivo: Flavio Mainoli
Creativi: Antonio Codina – Massimiliano Traschitti
Producer: Valeria Della Valle
Account: Elisabetta Zauli
Cdp: Think|Cattleya

articoli correlati

AZIENDE

Google e Mediaset: “Sotterriamo l’ascia di guerra e collaboriamo”

- # # # #

Google e Mediaset hanno diffuso stamattina un comunicato congiunto che pone fine ad anni di contenziosi, in particolare relativi ai programmi del Biscione diffusi su YouTube, e inaugura una nuova era di collaborazione.
“Google/YouTube e il Gruppo Mediaset – recita infatti il comunicato – hanno concluso oggi un significativo accordo di collaborazione. L’intesa apre nuove prospettive nei rapporti tra i due player e pone contemporaneamente fine a quasi otto anni di contenziosi. L’accordo mira allo sviluppo della presenza digitale dei contenuti Mediaset attraverso una partnership con YouTube e con Google Play. Si avvia inoltre una strategia congiunta per la protezione dei contenuti in ordine alla massima tutela del copyright dell’editore”.
“Google/YouTube e il Gruppo Mediaset – conclude la dichiarazione congiunta – si danno reciprocamente atto dello spirito positivo con cui si è giunti a una collaborazione proficua e soddisfacente per il futuro delle due società”.

articoli correlati

AGENZIE

Debby affida a Take la concept experience per i punti vendita del gruppo in tutto il mondo

- # # # # # #

L’agenzia Take ha inaugurato la sua collaborazione con Debby, la linea make up di Deborah Group rivolta alle teenager che amano sperimentare ogni giorno, con l’idea You Start.
You Start è un concetto che attinge in maniera variegata al mondo delle giovanissime, suggerendo diversi gradi di lettura. In primo luogo stabilisce che Debby è la linea con cui debuttare al make up, fa riferimento al mondo degli youtubers e alla consuetudine a mettersi in gioco, come nel caso dei selfie. E infine è un invito a cominciare la giornata “letteralmente” in bellezza.
Take ha realizzato una creatività che utilizza i canali e l’attitudine “tech” del target. Si sviluppa con storie quotidiane che possono essere approfondite tramite un codice QR, dedicato alle native digitali. Pillole video realizzate dalla Casa di Produzione Red Farm. “Siamo felici della collaborazione con Debby, un brand dedicato a chi è alla ricerca di una propria identità e sperimenta ogni giorno” dichiara Claudia Strada, direttore clienti di Take. “Abbiamo studiato i codici più diffusi tra le giovani e li abbiamo trasformati con un tocco di trucco. Si tratta di una sfida appena iniziata che ci auguriamo continui”.
“L’idea di Take interpreta la nostra esigenza di affermare ulteriormente Debby, la linea make up young nata nel 2008 con un’anima che si rivolge a ragazze giovani, dalla forte personalità ed esigenti, interessate a creare ogni giorno nuovi look e nuovi stili”, dichiara Giorgia Bonetti, direttore comunicazione Deborah Group.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Reprise Media guida la strategia digital b2c di Jobmetoo

- # # # # #

Continua la collaborazione tra Reprise Media, l’agenzia digital appartenente al gruppo IPG Mediabrands, e Jobmetoo, l’agenzia per il Lavoro che opera online dedicata esclusivamente alle persone con disabilità e appartenenti alle Categorie Protette.

L’agenzia digital Reprise Media, ha affiancato Jobmetoo nell’ambizioso obiettivo di affermarsi come punto d’incontro tra domanda e offerta lavorativa per l’intero universo di utenti appartenenti alle Categorie Protette.

Reprise Media, guidata in Italia da Luca Carrozza (nella foto),  ha curato una strategia digital B2C in grado di integrare differenti attività media digitali, con il duplice obiettivo di creare lead generation, ampliando il database di curricula di Jobmetoo, e aumentare la brand awareness. In meno di otto mesi sono stati raggiunti risultati sorprendenti: sono infatti migliaia i curriculum raccolti.

La collaborazione con Jobmetoo, infatti, nasce da una serie di attività preliminari alla pianificazione pubblicitaria. Partendo dall’attento lavoro di configurazione della piattaforma Google Analytics, Reprise Media ha supportato l’agenzia nella migrazione dal vecchio al nuovo sito web in un’ ottica SEO friendly.
Successivamente a questa prima fase, è stata pianificata una campagna digital su più piattaforme, con l’obiettivo di generare lead, aumentando le registrazioni al sito Jobmetoo. A una campagna search, che ha coinvolto Google Adwords e Bing – Yahoo, con ottimi risultati in termini di costo conversioni, è stata poi affiancata una campagna Facebook, indirizzata a un target potenzialmente interessato ai temi inerenti al mondo della disabilità.

Al fine di poter ampliare l’audience è stata inoltre attivata una campagna in programmatic buying, sfruttando le potenzialità della piattaforma proprietaria del gruppo IPG Mediabrands: Cadreon. A tale proposito sono state attuate due differenti strategie: la prima “contestual”, sfruttando i contenuti del sito web visualizzato dall’utente per associare il messaggio pubblicitario strettamente a essi affine. La seconda di “retargeting”, allo scopo di intercettare quella fascia di utenti già interessi ai servizi offerti da Jobmetoo, che non avevano ancora portato a termine la registrazione online.
Per accrescere la brand awareness di Jobmetoo, infine, la pianificazione ha previsto l’attivazione di una campagna display sui siti target gestiti da Mediamond.

articoli correlati

AZIENDE

Sportal.it, la nuova concessionaria fino a dicembre 2016 è PERFORM

- # # # # # #

PERFORM e Sportal.it annunciano oggi una nuova collaborazione strategica, grazie alla quale l’agenzia gestirà in esclusiva tutti gli spazi pubblicitari di Sportal.it fino a dicembre 2016.
L’accordo, che consolida il ruolo di leadership di PERFORM nel segmento sportivo, rientra nella strategia di sviluppo della società che ha già dato vita a partnership di successo con realtà quali Calciomercato.com, MotoGP.com, WWE.com e TheFootball App.
In questa logica si arricchisce l’offerta di PERFORM per aziende e centri media che vogliono pianificare la loro pubblicità sul target sportivo, raggiungendo oltre 10 milioni di appassionati di tutte le discipline sportive, attraverso un’offerta integrata video, display, editorial e mobile.
Dal 1998 il sito Sportal.it è uno dei principali punti di riferimento per gli appassionati di sport nel nostro paese, con sezioni dedicate al mondo del calcio, basket, tennis, rugby e motori, vantando un reach di oltre 1 Milione di browser unici e circa 15 milioni di pagine viste al mese.
Marco Gabbi, responsabile commerciale e marketing di Sportal.it, commenta: “Un’importante realtà multinazionale come il Gruppo PERFORM, che nel giro di pochi anni si è imposta nel mondo dell’informazione sportiva online, sia il migliore partner per dare impulso al continuo sviluppo di Sportal.it e sono certo che questa nuova collaborazione si rivelerà proficua per entrambi”.
Pietro Ronchetti, Head of Sales Development di PERFORM, aggiunge: “Siamo molto soddisfatti dell’accordo concluso con Sportal.it perché ci consente di ampliare l’offerta della nostra concessionaria che potrà rivolgersi a un pubblico interessato a molteplici discipline sportive. Questo rappresenta un grande valore per le aziende e i centri media nostri clienti, che potranno pianificare campagne pubblicitarie e progetti speciali ad hoc su un sempre più ampio target di appassionati sportivi”.

articoli correlati

AZIENDE

Nuova collaborazione tra Jaguar Land Rover e Intel per lo sviluppo dell’infotainment

- # # # # #

Ricerca e sviluppo al centro dei pensieri del gruppo Jaguar Land Rover, che decide di intensificare le sue attività nel campo delle tecnologie di infotainment grazie alla sua nuova collaborazione con Intel ed all’apertura di un nuovo Centro Ricerca e Sviluppo Tecnologico a Portland, Oregon.
Il nuovo impianto, situato sulla West Coast, supporterà lo sviluppo dei futuri sistemi di infotainment dei veicoli, operando in collaborazione con un  selezionato numero di partner tecnologici. L’ubicazione ha privilegiato la vicinanza del Centro agli Hub dell’industria tecnologica di Silicon Valley e di Seattle, dove Jaguar Land Rover sta sviluppando gli accordi di collaborazione con le industrie IT leader mondiali per competenze  tecniche e creatività.
Jaguar Land Rover ha già iniziato a lavorare su più livelli: progettazione, ricerca e marketing, con l’ambizioso obiettivo di realizzare il miglior infotainment automobilistico possibile. La vicinanza del Centro Ricerche Jaguar Land Rover ai Laboratori Intel facilita quindi la relazione collaborativa sui progetti di ricerca.  Sono già stati avviati diversi programmi per esplorare e sviluppare i prototipi della tecnologia digitale di prossima generazione che connetterà veicolo, dispositivi e cloud. La conoscenza acquisita  attraverso i programmi di ricerca e l’allineamento dei programmi di ingegneria accelereranno lo sviluppo di nuove ed innovative esperienze di infotainment a bordo dei veicoli.
“Il nostro obiettivo”, dichiara Wolfgang Ziebart, Engineering Director di Jaguar Land Rover, “è quello di innovare e sviluppare l’esperienza perfetta per i nostri clienti e, in quest’ottica, collaborando sia con aziende tecnologiche Start-up sia con grandi organizzazioni come Intel, riusciremo ad ampliare gli orizzonti della futura tecnologia dell’infotainment”.
Il nuovo ‘Open Software Technology Centre’ di Portland, che aprirà nel 2014, sarà l’ideale complemento del già affermato Infotainment Team della Jaguar Land Rover, di base negli impianti di Gaydon, UK. Saranno impegnati nel Centro circa trenta specialisti di infotainment, fra i quali sedici esperti di software. Il Centro comprenderà il laboratorio di sviluppo ed un’officina veicoli con sei postazioni di lavoro.
In futuro, il Centro di Portland affiancherà i progetti di ricerca a lungo termine che saranno intrapresi dal Team R&D Jaguar Land Rover, presso il National Automotive Innovation Campus (NAIC) dell’Università di Warwick, la cui apertura è prevista nel 2016. Tali progetti includono l’Elettrificazione, Veicoli Smart and Connected, e Interfaccia Uomo/Macchina.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

On air “In&Out”, la webseries nata dalla collaborazione di Donnamoderna.com e Kijiji.it

- # # # # # #

È in onda dal 25 ottobre “In&Out“, simpatica e divertente webseries da 10 puntate on air su donnamoderna.com. Il progetto editoriale, ideato in collaborazione con Kijiji.it, il sito di annunci gratuiti locali del gruppo eBay, si compone di puntate di 3 minuti pensate per aiutare gli utenti ad orientarsi nel complesso mondo degli annunci online, strumento sempre più di uso comune a cui si rivolge un numero crescente di utenti.
Protagonista dei divertenti sketch Giovanni, che con un po’ di surrealismo darà utili consigli su come utilizzare al meglio gli annunci online per affrontare problemi quotidiani che caratterizzano la vita di ognuno di noi: dal cercare un nuovo lavoro al vendere la propria casa passando per la ricerca dell’auto dei propri sogni, il mondo degli annunci online non avrà più segreti, grazie a In&Out.
“Con questo nuovo progetto editoriale vogliamo cercare di avvicinare gli utenti, dai più competenti ai meno esperti, al mondo degli annunci online offrendo loro consigli ed indicazioni su come poter sfruttarne al meglio le vaste potenzialità che possiede” afferma Roberto Tucci, Business Development & Customer Satisfaction Manager. “Kijiji.it è stato il primo storico precursore del mondo delle inserzioni gratuite online e a otto anni di distanza dalla sua nascita, grazie ai suoi oltre 5.000.000 di annunci online e le 60.000 nuove inserzioni giornaliere, continua ad essere un punto di riferimento del settore, raccontando in modo dinamico le evoluzioni nelle abitudini di consumo degli italiani”.
La collaborazione con Donnamoderna.com si inserisce in un nuovo ambito di comunicazione delle testate di informazione online in chiave edutainment e hawtotainment, che vede nel contenuto video un eccezionale strumento per la trasmissione di informazioni preziose per gli utenti del mezzo. Come afferma Cinzia Fiaccadori, Amministratore Delegato di Eidos, La Forza delle Idee “Crediamo molto nella forza del contenuto video per veicolare messaggi e contenuti e pensiamo che In & Out rappresenti  un modo nuovo ed innovativo di comunicare”.
La web series In&Out, ideata e realizzata in collaborazione con la videofactory NCLP (NonChiederciLaParola) che dal 2008 produce format crossmediali, vedrà la pubblicazione di una nuova puntata ogni settimana per 10 settimane all’interno della sezione “donnamoderna.tv”.
Ecco il link alla seconda puntata: http://video.donnamoderna.com/esclusiva/Come-trovare-un-elettrodomestico-con-gli-annunci-online

articoli correlati