ENTERTAINMENT

Cinzano: 260 anni di storia in mostra al Museo Nazionale del Risorgimento italiano di Torino

- # #

mostra Cinzano

La mostra “Cinzano: da Torino al mondo. Viaggio alla scoperta di un’icona italiana” intende celebrare un importante anniversario per un brand che ha saputo intrecciare il suo percorso aziendale con l’evoluzione del costume e delle tradizioni del nostro paese.

Per tutelare e valorizzare l’eredità di Cinzano, dal 5 ottobre 2017 al 14 gennaio 2018 il prestigioso Museo Nazionale del Risorgimento Italiano di Torino ospita questa mostra elaborata con il contributo del comitato scientifico (che ha curato il riordino dell’archivio storico), attingendo al ricco materiale storico aziendale, documentale e pubblicitario del brand.
Cinzano rende così disponibile al pubblico, dopo circa vent’anni, alcune delle sue più famose illustrazioni, manifesti d’epoca, bottiglie e oggettistica promozionale vintage.

La mostra è suddivisa in tre sezioni tematiche: la prima è dedicata alla comunicazione pubblicitaria, con l’eccezionale produzione artistica che Cinzano ha promosso avvalendosi della collaborazione dei più importanti illustratori e grafici pubblicitari del Novecento; la seconda traccia una storia complessiva del marchio, dalle origini nella città di Torino fino al decollo e consolidamento internazionale (sarà una linea del tempo che illustrerà le principali tappe della storia della famiglia Cinzano e dell’azienda); la terza mette in scena le collezioni di oggetti storici del mondo bar del brand, dalle targhe promozionali ai vassoi, dai bicchieri e dagli shaker alle antiche bottiglie risalenti all’Ottocento.

Come immagine guida della mostra ma anche delle celebrazioni per i 260 anni del marchio è stata scelta la Donna adagiata sui grappoli d’uva di Cappiello. Il manifesto è uno dei pezzi più iconici dell’Archivio Cinzano: l’uva, materia prima nella produzione di vermouth e vini spumanti, trova qui la sua giusta dimensione, divenendo protagonista insieme alla donna-ambasciatrice dei prodotti del brand. Così come Cappiello si è distinto per le sue idee rivoluzionarie in campo grafico, Cinzano si è distinta fin dal 1757 sia per le sue innovazioni di prodotto, sia per la capacità di affidare la promozione della sua immagine ai migliori artisti del proprio tempo.

Il patrimonio culturale di Cinzano, che dalle strade di Torino è riuscito a proiettarsi nell’immaginario globale, è protagonista di questa mostra curata da un comitato scientifico di storici e docenti italiani di spicco come Giovanni De Luna, Valentina Colombi, Giorgio Bigatti, Primo Ferrari e Carlo Vinti, e coordinata da Paolo Cavallo. Molti membri del comitato scientifico sono originari di Torino, un elemento, questo, che dà ulteriore impulso alla loro passione e al loro impegno nel riscoprire la storia di Cinzano e il suo legame con Torino e con il Piemonte.

“Il comitato, nominato più di tre anni fa, ha sviluppato un approfondito lavoro di ricerca all’interno dei Regi Archivi di Torino e nei 40.000 faldoni che contengono i vasti archivi della famiglia Cinzano, riscoprendo documenti, oggetti e illustrazioni di un periodo che va dal 1568 al 1990. La riscoperta della ricca tradizione di Cinzano ha portato alla decisione di condividere con il grande pubblico la storia di questo marchio illustre nato a Torino e divenuto un simbolo di italianità, per tutelare l’eredità del marchio e guidarne il restyling in occasione del suo 260° anniversario”, ha spiegato Lorenzo Sironi, Senior Marketing Director del Gruppo Campari.

“Questa mostra è un’occasione unica per conoscere una grande storia fatta di personaggi straordinari, eventi importanti e prodotti eccellenti, dai famosi vermouth ai rinomati vini spumanti. Si tratta di un vero e proprio percorso emozionale attraverso il quale il visitatore può ammirare 26 manifesti d’epoca, creati dai grandi artisti e illustratori, restaurati per l’occasione, che rappresentano una importante testimonianza della strategia di comunicazione della marca sempre all’avanguardia. Un forte legame con la tradizione, unito ad uno spirito innovativo sono le caratteristiche che hanno consentito a Cinzano di assumere un ruolo fondamentale nella cultura del bere italiana e internazionale”, ha dichiarato Paolo Cavallo, responsabile degli archivi storici del Gruppo Campari.

“Essendo uno dei più importanti musei di storia in Italia e in Europa, siamo molto orgogliosi di ospitare una mostra che ripercorre i 260 anni di un marchio del prestigio di Cinzano, nato a Torino e oggi conosciuto in tutto il mondo. Non potevano che essere celebrati qui al Museo Nazionale del Risorgimento, un luogo che allo stesso modo parla al mondo dell’Italia e dei suoi valori”, ha commentato Ferruccio Martinotti, direttore del Museo Nazionale del Risorgimento Italiano.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Bcube riconsegna al mercato l’antico Vermouth Cinzano. Con carro e cavalli

- # # # # # #

Cinzano è tra le prime aziende ad inventare il Vermouth e a farlo conoscere in tutto il mondo. La ricetta originale dei Fratelli Cinzano risale al 1757. Oggi quella intuizione ritorna a vivere con un nuovo Vermouth Rosso chiamato proprio Cinzano 1757. Campari Italia, per il lancio di questo vermouth che guarda al passato, si è affidata a Bcube, che già aveva curato il  lancio di Bankes, primo gin della gamma spirits di Campari. L’agenzia ha sviluppato una campagna trade e una speciale activation promozionale rivolta al pubblico finale per far emergere la grande novità di questo prodotto: essere un grande classico ma ripensato appositamente per avere un gusto più rotondo e adatto alla miscelazione. In questo modo sarà facile diventare il perfetto alleato per barman e consumatori che cercano il perfetto Negroni e il perfetto Americano. L’idea alla base della comunicazione è stata quelle di ricreare nel presente la consegna di una cassa di Cinzano 1757 così come sarebbe avvenuta nel passato. A questo scopo la campagna trade mostra un fattorino del passato che consegna in un locale moderno durante l’ora dell’aperitivo. Così come l’activation in cui la consegna, con carro trainato da cavalli e vestiti d’epoca, è stata messa in scena in diverse zone di Milano.

 

Credits

Sergio Spaccavento: Executive Creative Director

Arturo Dodaro: Client Creative Director

Martino Lapini: Copywriter

Paola Borroni: Account Director

Maria Luisa Crisponi: Producer

in collaborazione con USUP & Below the line Event producer & creative partner

articoli correlati