MEDIA 4 GOOD

Vidas e Armando Testa: una “Good Heart Challenge” per realizzare la Casa Sollievo Bimbi

- # # # # # # #

Vidas - Armando Testa

È la prima volta nella storia della comunicazione sociale che un’idea e una causa prendono piede in modo così totalizzante, coinvolgente, così emotivamente forte. Così forte da aver provocato un’eccezionale gara di solidarietà attorno al progetto di raccolta fondi per la costruzione del nuovo centro pediatrico Casa Sollievo Bimbi Vidas, che sorgerà a Milano accanto alla già presente Casa Vidas.

Una gara di solidarietà cominciata lo scorso ottobre quando l’agenzia Armando Testa ha ideato il concept “Tutti siamo stati bambini. Non dimentichiamolo” declinandolo in un film, una campagna stampa, in affissione, radio e social.

Si è trattato di una vera è propria “Good Heart Challenge”, così forte da mettere insieme il talento e il tempo di personaggi completamente differenti tra loro, ma dallo stesso grande cuore: il regista Silvio Muccino e Linus di Radio Deejay; l’attrice Lella Costa e Ferruccio De Bortoli; i comici Ale e Franz, l’attrice Vittoria Belvedere e la presentatrice Teresa Mannino, il critico d’arte Philippe Daverio e gli stilisti Dolce & Gabbana.

Ma la corsa è andata avanti e la “palla di neve”, come l’ha definita Nicola Belli, Amministratore Delegato dell’agenzia, è diventata una valanga. Le novità sono arrivate con l’adesione di Fedez, rapper, personaggio tv e produttore discografico, e di Debora Villa, volto comico della tv. E poi ancora il rapper J-AX, il cantante Elio (al secolo Stefano Belisario) e il giornalista sportivo e telecronista Guido Meda.

In un mondo di numeri, di marketing, di big data, il cuore di ognuno può davvero alleviare il dolore di un bimbo terminale e della sua famiglia.

Il film Tv girato da Silvio Muccino vede protagonisti diversi testimonial che salgono su una meravigliosa giostra dove rivivono l’emozione di quando erano bambini. In nome di quei bambini che sono stati, tutti lanciano un messaggio forte e chiaro: l’infanzia non va dimenticata così come non vanno dimenticati i bambini meno fortunati.

Il film è stato prodotto grazie anche all’instancabile lavoro di Emanuela Cavazzini e della sua casa di produzione Brand Cross.

Nella campagna stampa, gli scatti fotografici realizzati da Stefano Babic raffigurano ognuno di questi personaggi con un vecchio giocattolo, caro ricordo d’infanzia.

Molti di questi giocattoli, provenienti dalla Collezione Privata del Museo del Cavallo Giocattolo, sono opere uniche e rare messe a disposizione da Chicco e dalla famiglia Catelli. Gli stessi soggetti della stampa saranno utilizzati anche per le uscite in affissione, sui circuiti messi a disposizione da IGP Decaux.

Ma la corsa non si ferma certamente qui. Per tutti il vero traguardo è raccogliere fondi per la causa di Vidas, sull’IBAN IT09J0335901600100000015590. Solo se arriveremo là, la corsa sarà davvero chiusa. E avremo vinto tutti insieme.

La Casa del sollievo pediatrico è l’ultimo grande progetto nel percorso di Vidas, anch’esso voluto fortemente dalla Fondatrice Giovanna Cavazzoni. Una donna eccezionale, come l’ha definita Silvio Muccino, “con un’amore per la vita davvero grande e con un entusiasmo paragonabile solo a quello dei bambini. Proprio dal mio incontro con questa donna ho capito che nel mio film avrei dovuto mettere in evidenza la vita e non la morte, la luce al posto del buio”. “Si tratta di un grande progetto di civiltà”, ha commentato Ferruccio De Bortoli, Presidente di Vidas. “Il progresso di una civiltà dipende anche da quanto questa è in grado di curare la sofferenza. Il messaggio della campagna ci fa sentire tutti più uniti, rivalutando ogni piccolo gesto d’amore”.

La costruzione della Casa del Sollievo Bimbi partirà nell’autunno 2016. Sarà una casa accogliente dove i bambini potranno essere seguiti sia in day hospital pediatrico con ambulatori, studi medici, palestra, una piccola piscina e spazi per attività di svago e gioco, sia nel reparto degenza con sei mini appartamenti per l’ospitalità del minore e di un familiare. La struttura ospiterà anche un nuovo Centro Ricerca Scientifica su patologie e terapie relative all’età pediatrica.

articoli correlati

MEDIA 4 GOOD

Una gara di solidarietà per Vidas. Armando Testa firma il concept della nuova campagna

- # # # # # # #

“Tutti siamo stati bambini. Non dimentichiamolo.” Questo il concept creato dall’agenzia Armando Testa per la nuova campagna di Vidas, storica associazione che da 33 anni offre assistenza completa e gratuita ai malati terminali e alle loro famiglie. L’obiettivo anche stavolta è altissimo e impegnativo: raccogliere fondi per la costruzione della nuova Casa Sollievo Bimbi che sorgerà a Milano accanto a Casa Vidas.

Per sostenere questo progetto è partita davvero una gara del cuore: un incredibile numero di personaggi del mondo del cinema, dello spettacolo, della cultura, della moda, della musica milanese e italiana, ha donato il proprio tempo e tutto l’appoggio possibile.

Emanuela Cavazzini partner di Brand-Cross ha aderito con entusiasmo al progetto producendo lo spot e coinvolgendo Silvio Muccino, come regista e testimonial, come pure Vittoria Belvedere, Teresa Mannino, Ale & Franz. Ma le celebrities non finisco qui: Fedez, Linus di radio DeeJay, Dolce e Gabbana, Lella Costa, fino a esponenti della cultura come Philippe Daverio e Ferruccio De Bortoli.

Lo spot tv ha come protagonista una meravigliosa giostra Carosello su cui alcuni dei testimonial rivivono le emozioni e il divertimento di quando erano bambini, accompagnati dalle note di un brano capace di esprimere grande amore per la vita.

In nome dei bambini che sono stati, hanno lanciato un messaggio forte e chiaro: l’infanzia non va dimenticata così come non vanno dimenticati i bambini meno fortunati.

Gli scatti fotografici sono di Stefano Babic, che ha ritratto ognuno dei testimonial con un vecchio giocattolo, caro ricordo d’infanzia.

L’agenzia Armando Testa Milano ha studiato il logo della nuova costruzione così come lo spot e la campagna affissione, stampa e radio in pianificazione dal prossimo gennaio 2016.

Questa gara di solidarietà ha visto anche la partecipazione eccezionale di Chicco che ha messo a disposizione alcuni rari esemplari provenienti dalla collezione del suo Museo
d’Impresa, il Museo del Cavallo Giocattolo.

Oltre alla TV e alla stampa, il progetto verrà comunicato anche alla radio e ovviamente anche sui social.

 

articoli correlati