BRAND STRATEGY

CornerJob, on air la nuova campagna call to action “Entra nel team”

- # # # # # #

Campagna Entra nel team CornerJob

CornerJob lancia una nuova campagna pubblicitaria caratterizzata da una potente call to action: “Entra nel team”. Realizzata dall’agenzia la chose, la campagna oltre che in Italia è già on air anche in Francia, Spagna e Messico.

“Entra nel team” è una formula universale, che si legge spesso già nelle prime righe degli annunci di lavoro di molte aziende. CornerJob ne ha fatto la sua firma, dal momento che questo invito rappresenta alla perfezione i valori del brand: semplicità, efficacia e immediatezza. Non solo. La sua sintesi rende questo claim particolarmente forte sotto ogni profilo e in ogni contesto. Sul fronte aziende, CornerJob aiuta infatti i recruiter di diversi settori (tra cui horeca, commercio, distribuzione, servizi, etc.) a creare i loro team di lavoro selezionando in maniera rapida ed efficace i candidati migliori. Sul fronte candidati, la app propone loro una soluzione semplice affinché trovino il lavoro che desiderano, rapidamente e vicino. Entrando così a far parte delle migliori squadre possibili. “Dal nostro lancio abbiamo riscontrato un crescente successo e il nostro operato ha consentito la formazione di numerosi team di lavoro, giorno dopo giorno”, ha dichiarato Mauro Maltagliati, cofondatore e CEO Italia di CornerJob. “La nostra azienda crede fortemente nel lavoro di squadra. Sono state proprio le numerose testimonianze positive ricevute nel corso degli ultimi mesi da parte di recruiter e candidati a convincerci che ‘Entra nel team’ era decisamente la nostra proposizione valoriale”.

La nuova campagna televisiva si concentra su due settori in cui la rapidità e l’efficacia della ricerca del personale sono fondamentali: la ristorazione e il commercio. Girati in un ristorante e in una boutique dell’11° arrondissement di Parigi dal regista Vincent Rodella, i due soggetti ci portano alla scoperta della nascente complicità che si instaura fra un datore di lavoro e un nuovo assunto con la soddisfazione che ne deriva dal lavorare insieme. La sequenza termina con i due che “si danno il cinque”, a rappresentare l’entusiasmo del risultato raggiunto. I due soggetti sono stati declinati per raggiungere i diversi pubblici. Per chi cerca lavoro, si evidenzia che “otto milioni di candidati hanno già scelto CornerJob”, e lo spot si conclude mostrando come chattare in diretta con i datori di lavoro e trovare rapidamente un’occupazione. Per i recruiter, l’accento è posto sul fatto che “200 mila imprese hanno già scelto CornerJob”, con lo spot che si conclude mostrando come postare un’offerta di lavoro in un minuto e contattare direttamente i candidati sullo smartphone. Realizzata dall’agenzia la chose, la campagna è on air in Italia e Spagna sui canali Mediaset, in Francia sui canali del gruppo TF1 e in Messico sui canali del gruppo TV Azteca.

articoli correlati

MEDIA

AdPulse introduce il video a “misura d’utente”, formattabile e interrompibile a piacere

- # # # #

adpulse

Fin dal suo riposizionamento, AdUX ha scelto di intraprendere un cambiamento rivoluzionario nel mondo del digital advertising: riportare – come suggerisce il nome – l’utente al centro.
Focalizzare il business sulla user experience, offrendo contenuti di valore diffusi attraverso formati non intrusivi, anche per quanto riguarda il video. In questo contesto AdPulse, la unit specializzata in digital advertising di AdUX guidata da Valentina Vozza, ha scelto di puntare sull’intrattenimento previo consenso annunciando l’arrivo in Italia della nuova skin video che sarà erogata in esclusiva sul Marketplace di AdPulse Video.

Grazie a questo nuovo formato, che rappresenta un nuovo approccio alla pubblicità online, l’utente potrà scegliere liberamente se visualizzare il video in fullscreen oppure no, semplicemente cliccando sulla call to action dedicata. Inoltre, per lasciare all’utente la massima libertà d’azione possibile, il video può essere interrotto in qualsiasi momento e ripartire dal punto di stop, senza dover necessariamente ricominciare la visualizzazione.

I vantaggi di questa soluzione sono molteplici, tra cui una maggiore qualità dei video in alta definizione, supportando così un aumento notevole del tasso di engagement verso gli utenti che ad oggi registra una media di oltre il 15%.

Il settore dell’automotive è stato il più reattivo nei confronti del nuovo formato di AdPulse, in particolare brand rinomati come Ford, Volkswagen e Skoda hanno compreso l’efficacia di questo approccio, inserendo il formato nella loro video strategy.

articoli correlati

AZIENDE

“A place for cultural progress”: All’exAnsaldo nasce Base. Al via la call-to-action per gli spazi

- # # # # # #

Saranno 6.000 metri quadri ad alta densità di talenti e imprese creative quelli in cui, dalla prossima primavera, avrà sede Base. A place for cultural progress. È questo il nome scelto da Arci Milano, Avanzi, esterni, h+, Make a Cube3, insieme al Comune di Milano, per il nuovo progetto culturale e produttivo che a breve rivoluzionerà gli spazi dell’Ex Stecca delle Acciaierie Ansaldo, tra via Bergognone 34 e via Tortona 54.
L’inaugurazione è attualmente prevista il 30 marzo 2016. Si tratta di un progetto per la città, che adesso chiama la città stessa a partecipare, attraverso il lancio della prima Call to Action aperta ad imprese, organizzazioni no profit, gruppi informali e liberi professionisti italiani e internazionali per proporre progetti e idee ma soprattutto per diventare partner strategici nello sviluppo di questa realtà a partire dalla sua nascita.
Base vedrà da un lato la realizzazione di produzioni proprie, dall’altro fungerà da piattaforma di supporto e trampolino per l’avvio di realtà creative selezionate, con la possibilità di offrire spazi fisici, servizi o supporto strategico. Perché Base nasce come luogo aperto dove sviluppare nuove progettualità, anche grazie alle sinergie favorite da una dimensione collettiva. Una base solida a Milano, con lo sguardo verso il mondo. Una base di partenza, di ritorno, di incontro, rielaborazione, sperimentazione, messa a punto e lancio.
Per partecipare alla prima fase della call to action è necessario andare sul sito www.base.milano.it e compilare il format online, corredato da eventuali allegati, entro l’1 dicembre 2015. Sarà inoltre possibile richiedere un appuntamento per confrontarsi e discutere progetti e proposte mentre tutti i venerdì dalle h.9.00 alle h.13.00 gli spazi saranno visitabili per un sopralluogo previo appuntamento.

articoli correlati

AZIENDE

Expo2015 in cerca di land artist. Il bando della Fondazione Triulza e Arte in Cascina

- # # # # #

Una call internazionale dedicata alla Land Art promossa da Fondazione Triulza e dall’associazione Arte in Cascina. Obiettivo è selezionare 5 artisti che realizzino altrettante opere di Land Art, l’arte fatta con materiali naturali nella natura, da esporre in Cascina Triulza- il Padiglione della Società Civile di Expo Milano 2015 e in 4 Parchi Naturali vicini ad Expo 2015.

La call si apre oggi, 10 febbraio, e si chiude il 10 marzo 2015. Le opere vincitrici saranno comunicate entro il 10 aprile. Le proposte devono essere inviate all’indirizzo email info@arteincascina.org. Il modulo di partecipazione, gli allegati e tutte le informazioni sulla call sono scaricabili dai siti www.arteincascina.org e www.fondazionetriulza.org.

La Land Art contribuirà a rendere l’esperienza di visita a Cascina Triulza interessante ed inaspettata, coinvolgendo il pubblico in un’esperienza culturale e artistica stimolante, educativa e di intrattenimento.
L’opera artistica vincitrice – denominata “Cascina Triulza” – dovrà risultare iconografica e rappresentativa del tema di Expo Milano 2015, della sua declinazione da parte del Padiglione della Società Civile-Cascina Triulza e del concetto di Land Art. L’opera di Land Art “Cascina Triulza” sarà realizzata fra i mesi di aprile e maggio e verrà collocata presso il Padiglione della Società Civile-Cascina Triulza in Expo Milano 2015, nella corte della Cascina, nello spazio denominato “Frutteto”, a fianco dell’area pic-nic.

Saranno inoltre selezionati 4 ulteriori progetti – i “Premi Parco” – le cui realizzazioni saranno installate a cura degli artisti presso altrettanti parchi di significativo interesse naturalistico nelle vicinanze di Expo: Bosco WWF di Vanzago; Bosco in città – Italia nostra, Milano; Parco del Ticino e Lago Maggiore; Scuola Agraria del Parco di Monza. Queste opere saranno realizzate tra i mesi di aprile e luglio 2015.

A chi si rivolge la call e come si partecipa: la call si rivolge ad artisti professionisti e amatoriali e a studenti delle Accademie delle Belle Arti, architettura e altri indirizzi artistici, di nazionalità italiana e straniera e di età maggiore di 18 anni. Sono ammesse partecipazioni di gruppo per un massimo di 4 persone. Per assicurare a tutti l’accessibilità all’iniziativa, garantendone al tempo stesso la sostenibilità, la partecipazione al concorso prevede un contributo di € 20,00 per ogni singola proposta progettuale inviata, da versare al momento dell’iscrizione del progetto alla Call.

Contenuti delle proposte: le opere saranno selezionate tenendo in considerazione la tecnica, l’originalità e la coerenza con il temi di Expo Milano 2015 e soprattutto con i temi sviluppati dal Padiglione società Civile-Cascina Triulza, dettagliati nel progetto Energies to change the world. In particolare le quattro direttrici tematiche sono: dare voce a chi non ha voce; avere, vivere, tradurre esperienze; promuovere protagonismo consapevole e partecipato; dialogare per costruire futuro.

articoli correlati

TECH & INNOVATION

Arriva Hi-Code, il primo QR Code parlante

- # # # #

Silicon Valley, andata e ritorno. Ispirato da un viaggio nella mecca della tecnologia USA, Hi-Code è un perfetto esempio di genialità italiana che ha realizzato, però, in Europa, il suo sogno americano. Progettato dall’ingegnere italiano Gianluca Vitali, Hi-Code evolve il concetto di codice multimediale per offrire nuove opportunità alle aziende e regalare un mondo di emozioni agli utenti.

In principio fu il QR Code: basta scaricare una semplice app per collegarsi a internet e scoprire i contenuti “nascosti” nel particolare codice in bianco e nero. Semplice e geniale, ma non certo emozionale, né appealing dal punto di vista visivo; infatti in un QR Code è impossibile integrare una call to action, o anche solo una frase o un’immagine. Ed è proprio in questo senso che Hi-Code può essere considerato la sua evoluzione: completamente personalizzabile e 100% visual, comunica il proprio scopo e attrae l’attenzione di chi lo vede. Una soluzione fruibile non solo dalle aziende in cerca di strumenti di comunicazione in grado di creare engagement, ma anche per gli utenti che, sempre più lontani dall’essere “target”, diventano parte attiva dell’interazione con uno strumento emozionale che possono utilizzare a loro volta. Hi-Code infatti prima di tutto comunica e lo fa a partire dalla creazione di un codice e fruizione dello stesso semplici e immediate.

Ecco come funziona: si accede con account personale a una piattaforma online, si decide che tipo di contenuto comunicare attraverso Hi-Code, si inserisce l’url di atterraggio cui verrà indirizzato chi scansionerà quel particolare Hi-Code e si attende che l’Hi-Code venga generato, si configura l’Hi-Code decidendo se far visualizzare lo stesso contenuto a tutti gli utenti oppure personalizzarlo in base alla zona geografica o al giorno o ad altri parametri presenti sulla piattaforma. A quel punto basterà inserire Hi-Code in una qualsiasi comunicazione online oppure offline (campagna adv, prodotto, volantino, sito web, ecc.) e invitare i propri utenti a scaricare gratuitamente l’app iOS o Android sui propri smartphone.

Per le aziende è un’ottima opportunità, perché oltre a incentivare il consumatore a scansionare il codice grazie a una call to action ben precisa permette di monitorare l’efficacia della campagna e profilare l’utente. Per gli utenti è uno strumento di comunicazione e intrattenimento innovativo, da utilizzare liberamente per linkare agli amici un proprio video, un messaggio, un’immagine o un’anteprima dal proprio blog o il proprio profilo social.

articoli correlati