ENTERTAINMENT

Due new entry per l’Osservatorio Branded Entertainment: MediaCom e Twentyfourseven

- # # # #

OBE

OBE – Osservatorio Branded Entertainment, l’Associazione che studia e promuove la diffusione sul mercato italiano del branded entertainment come leva strategica per la comunicazione integrata di marca, raccogliendo intorno a sé i principali player della filiera, annuncia l’ingresso tra i propri associati di due nuovi rappresentanti della industry del BE, MediaCom e Twentyfourseven Production.

MediaCom, Content + Connections Agency

Connessioni, strategia, contenuti. Sono questi i tre pilastri sui quali poggia MediaCom, Content + Connections Agency che pensa in maniera disruptive e lavora strategicamente al superamento del concetto classico di “agenzia media”. Fondata nel 1986, con oltre 7000 collaboratori in 150 diversi Paesi nel mondo, MediaCom si configura oggi come uno dei global leader nel settore della comunicazione. Grazie a un approccio strategico integrato, MediaCom ottimizza le connessioni esistenti tra le diverse tipologie di media per intensificare la risonanza dei contenuti e moltiplicarne la rilevanza all’interno del processo distributivo e sui singoli canali.

“Per MediaCom, che ha nella sua mission quella di essere la content and connections agency, l’ingresso in OBE rappresenta un passaggio fondamentale per condividere e imparare, dai nostri partner e, perché no, anche dai competitor, e per offrire il nostro contributo all’innovazione e allo sviluppo del branded entertainment nel nostro Paese”, spiega Pierfrancesco Petrosillo, Head of MediaCom Beyond Advertising.

Twentyfourseven Production: branded content e influencer marketing

Attenzione per la qualità e pervasività nella diffusione dei contenuti rivestono un ruolo essenziale anche nel business model di Twentyfourseven Production, agenzia di professionisti del digital nata da un’intuizione di Nicola Bertona e del duo comico formato da Andrea Pisani e Luca Peracino, in arte i PanPers. Grazie alla collaborazione con un ricco bacino di talenti (cantanti, attori, comici, professionisti della comunicazione), Twentyfourseven propone soluzioni di branded content e influencer marketing in grado di generare contenuti di alto livello supportati da un bacino di fan/follower/iscritti legati ai talenti, agli Influencer, a un circuito di community da oltre 12.000.000 di follower, con l’ambizioso obiettivo di costruire una scuola di pensiero e di creatività che possa garantire un sempre più fiorente apporto autoriale nei settori del community advertising, dell’influencer marketing e del branded content.

“Crediamo che l’autorialità e la creatività siano fattori assolutamente indispensabili per la creazione di un contenuto rilevante, a prescindere da quale sia la sua destinazione”, afferma Nicola Bertona, CEO & Co-founder di Twentyfourseven. “Ma non solo: è necessario anche poter contare su un team di talenti che sappia riconoscere le esigenze, gli interessi e le aspettative del target. Solo così la comunicazione può “intrattenere performando”. Il nostro lavoro consiste proprio nel trasformare i contenuti in intrattenimento allo stato puro, affinché i brand riescano ad avvicinarsi alle persone e a raggiungere gli obiettivi di marketing”.

OBE: risultati e prospettive

“Con l’ingresso di Mediacom e Twentyfourseven, OBE chiude l’anno con una compagine associativa di oltre 40 aziende, a conferma del ruolo sempre più importante dell’Associazione come unico referente istituzionale italiano per il Branded Content & Entertainment, capace di riunire intorno a sé tutti gli attori della filiera e farsi portavoce degli interessi comuni di sviluppo del mercato”, dichiara Anna Gavazzi, Direttore Generale di OBE (nella foto).

“Il 2018, in particolare, ha segnato un periodo di sensibile consolidamento associativo: 13 nuovi ingressi da inizio anno, la fondazione di tre Hub dedicati interni all’Associazione, la creazione di una Academy per il potenziamento dell’offerta formativa. Tutti risultati che personalmente accolgo con grande soddisfazione e per i quali ringrazio il lavoro dei membri del Consiglio Direttivo di OBE e il nostro infaticabile Presidente Laura Corbetta. Per il 2019 siamo già pronti a lanciare una nuova serie di servizi dedicati ai nostri associati e sono contenta di poter anticipare che sono molte le aziende ad aver già espresso interesse a entrare a far parte, con il nuovo anno, dell’Associazione”, conclude Anna Gavazzi.

articoli correlati

AZIENDE

H48 chiude il 2017 a +85%. I ricavi salgono a 3,7 milioni

- # # #

H48

H48 chiude il secondo anno di attività con 3,7 milioni di fatturato, + 85% sui 2 milioni del 2016. Crescita confermata per il 2018 grazie all’acquisizione di importanti clienti a seguito di gare, come Tuborg, Bricocenter, Sony Playstation e Wind/3, oltre alla riconferma di brand quali Muller e Carrefour Italia, con impatti anche sullo sviluppo del team di lavoro, già composto da oltre 20 persone.

I numeri di H48, non comuni nel panorama delle startup del settore comunicazione e advertising, raccontano la capacità di cogliere e interpretare tempestivamente i cambiamenti del mercato: grazie ai social network l’approccio alla comunicazione di marca è profondamente cambiato nell’ultimo decennio di pari passo con le abitudini dei consumatori.

“Il branded content nasce proprio da un cambiamento culturale importante”, spiega Pasquale Ascione, CEO e co-founder di H48. “I consumatori sono molto più istruiti, competenti, reattivi, capaci e volenterosi di scegliere. Nell’era dei social hanno visto aperta la possibilità di esprimersi, di commentare, di criticare, di giudicare, di partecipare in maniera molto più attiva al processo di definizione e creazione di una marca stessa. I consumatori oggi sono esigenti e il prodotto in quanto tale spesso non basta più. È finito il tempo della pubblicità passiva e questo deve essere vissuto dai brand come un’opportunità per fruire del contributo dei consumatori stessi, dei propri clienti. Opportunità enorme che va gestita con attenzione e competenza, perché all’aumentare delle opportunità aumentano i rischi di esposizione sociale a livello globale”.

Il successo della neonata agenzia di comunicazione in un settore polarizzato da grandi gruppi internazionali risiede, oltre che nella competenza e nella qualità dei contenuti, nella struttura e nell’approccio del team di lavoro: agile, veloce, camaleontico e fluido. Una squadra anagraficamente giovane, composta in prevalenza da millennials che hanno visto nascere le dinamiche della comunicazione social pur mantenendo le radici nel mondo pre-digitale. L’approccio, orientato alla multi-canalità, vede il digitale come una cultura applicabile a tutti i mezzi, anche a quelli definiti “tradizionali”, che evolvono e si digitalizzano. Altro fattore determinante è il valore trainante del brand che viene cucito all’interno di un contenuto e restituito alle audience, frutto della ricerca costante di idee che soddisfino le nuove esigenze dei consumatori. L’innovazione e la sperimentazione, nelle modalità di comunicazione, nei linguaggi e nell’utilizzo delle piattaforme diventano il denominatore comune a tutte le attività dell’agenzia.

“Siamo un team giovane – conclude Ascione – composto da persone iper-competenti, nuove figure professionali, in un’organizzazione che va oltre la classica struttura delle grandi agenzie. Da noi ci sono videomaker, advertiser, motion designer, autori e tecnici esperti di nuove piattaforme digital. Ognuno, nel proprio settore, è super formato: senza competenze le sfide si perdono”.

articoli correlati

AGENZIE

Nascono i Triboo Studios, l’experiential factory di Triboo

- # # # #

Triboo Studios

Il Gruppo Triboo lancia Triboo Studios, la struttura di produzione dedicata al branding che attraverso la produzione in house di contenuti originali e multimediali è in grado di proporre ai propri partner progetti di comunicazione e storytelling di Marca autentici e performanti.

I Triboo Studios nascono con l’obiettivo di offrire al mercato una soluzione unica ed inedita nella creazione di content strategy per le aziende: un perfetto mix tra competenze di comunicazione e narrazione di marca, che deriva dalla sinergia tra il team dell’agenzia creativa di Triboo e il coinvolgimento delle redazioni di tutte le sue testate: Agrodolce, Roba da Donne, Motori.it, Blogo.it, Greenstyle, Webnews, ecc.

Firme autorevoli, editor, copywriter e art director specializzati nelle diverse tematiche sono coinvolti nella produzione dei contenuti video proposti da Triboo Studios: dal linguaggio televisivo al web per generare engagement sui social con l’orientamento “native” nella diffusione.

La metodologia degli Studios di Triboo si fonda su un forte approccio consulenziale e strategico-creativo: dall’analisi del positioning e del contesto di mercato, alla definizione del concept e dei piani di localizzazione, per arrivare allo sviluppo di una strategia di creazione e distribuzione dei contenuti costruita su misura in base alle specifiche esigenze di comunicazione dei brand.

La “performance” dei contenuti sarà il minimo comun denominatore di tutti i progetti dei Triboo Studios, che saranno infatti studiati, prodotti e monitorati avvalendosi delle competenze e dell’esperienza delle verticali specialistiche del Gruppo Triboo: SEO, Social Media Marketing, Programmatic, Direct marketing, ecc.

L’offerta dei Triboo Studios si completa con la capacità di progettare e realizzare eventi live.

 

articoli correlati

MEDIA

Content marketing sul climate change per Fujitsu Climatizzatori con Andrea Giuliacci

- # # # #

fujitsu giuliacci

Quali sono i criteri a cui affidarsi per scegliere le App più attendibili delle previsioni meteo? La meteorologia ci aiuterà a risparmiare in bolletta nei prossimi anni? È vero che Venezia potrebbe scomparire in futuro, a causa del cambiamento climatico?

Questi e altri quesiti troveranno risposta grazie alla nuova iniziativa promossa da Fujitsu Climatizzatori con Andrea Giuliacci. Partirà mercoledì 2 maggio l’appuntamento settimanale con il meteorologo e climatologo che sarà protagonista delle serie di clip video “Capire il clima per migliorarlo”, con l’azienda di tecnologie per il clima e il benessere abitativo. Ogni settimana sul canale Facebook dell’azienda sarà pubblicato un video della durata di un minuto e mezzo circa in cui Giuliacci racconterà curiosità e spiegazioni scientifiche inerenti il meteo e il clima della Terra.

Andrea Giuliacci commenta: “Sono felice di essere stato coinvolto da Fujitsu Climatizzatori per essere il volto e l’esperto di questo progetto di natura divulgativa rivolto al pubblico. L’obiettivo è fare cultura sul clima e sulla meteorologia per essere consapevoli dell’effetto e delle cause di fenomeni che riguardano gli ambienti in cui viviamo e, su una scala più ampia, l’atmosfera e l’intero pianeta”.

“Del resto – continua Giuliacci – sono convinto che approfondire questi argomenti sia fondamentale, e anche per questo curerò personalmente la sessione dedicata alla comunicazione del cambiamento climatico nell’ambito di ClimeTech, importante evento internazionale in programma a settembre a Ferrara, rivolto ai temi dei cambiamenti climatici con la partnership di Unesco, Commissione Europea e Presidenza del Consiglio dei Ministri.”

L’iniziativa “Capire il clima per migliorarlo” sarà sostenuta da attività di web marketing pianificate da Fujitsu: una campagna Facebook di quaranta giorni con l’obiettivo di raggiungere cinquecento mila contatti e da un’intensa attività di programmatic advertising. Inoltre, dal sito www.fujitsuclimatizzatori.it sarà possibile compilare un form per presentare le proprie domande ad Andrea Giuliacci.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Bitmama firma il social branded content di “Le Conserve della Nonna”

- # # # # #

Bitmama

Parte in questi giorni “S.O.S. NONNA”, la nuova campagna di comunicazione di “Le Conserve della Nonna” firmata Bitmama, tutta incentrata sui contenuti social. Una scelta che potrebbe stupire, da parte di un brand che affonda le radici nella tradizione, nei ritmi e nei valori di una volta, e invece è pensata proprio per trasmettere lo spirito più profondo della marca: “Le Conserve della Nonna” ha nel suo stesso DNA la capacità di far vivere le tradizioni al passo coi tempi e unire le generazioni, e sta inaugurando proprio quest’anno una serie di progetti dedicati a questo tema.

Nasce così l’idea di una mini web-serie che ha per protagonisti nonna Adele e suo nipote Andrea: un branded content che racconta in maniera simpatica ma allo stesso tempo genuina e reale l’incontro fra due generazioni, con il linguaggio nativo di Facebook. Adele è la classica rezdòra emiliana, abituata a prendersi cura dell’orto e cucinare per un’intera famiglia, un po’ burbera ma anche molto affezionata al nipote e felice di tramandargli il suo amore per la cucina e per le cose fatte bene, Andrea è un ragazzo di 20 anni, un nativo digitale che non sa come tenere in mano un coltello da cucina, preparare delle polpette o distinguere un’erba aromatica dall’altra.

Il loro è un vero scambio: Andrea aiuta Adele a destreggiarsi con lo smartphone e la porta un po’ nel suo mondo, mentre Adele gli insegna trucchi e astuzie da nonna. Il risultato: pillole video che raccontano momenti di complicità fra i due protagonisti, insieme ad alcuni semplici tips&tricks da nonna che non tutti conoscono… I vasetti “Le Conserve della Nonna” sono parte della narrazione, in maniera naturale, così come sono parte della vita delle persone.

I contenuti si articoleranno in diversi formati, pensati per rispondere a diversi obiettivi di comunicazione e momenti di campagna: 5 episodi principali, 4 pillole in cui Adele e Andrea si sfidano a rispondere a una domanda di “cultura casalinga” e diversi format fotografici, pensati per coinvolgere gli utenti nella conversazione e fornire approfondimenti di cucina.

CREDITS

Chief Creative Director: Fabio Padoan
Head of art: Valeria Fuso
Senior Copywriter: Julie Carpinelli
Social Media Manager: Susanna Aruga, Cecilia Sponza
Client Service Director: Ethiopia Abiye
Account Manager: Francesca Casciato
Account Executive: Cecilia Longoni

Casa di produzione: Filmine
Regia: Valerio Valente
DOP: Danilo Monte
Producer: Enrico Cannizzo
Fotografo: Max Zarri

articoli correlati

MEDIA

Content seeding firmato Gruppo Triboo: Prime Real Time crea il Native Hub

- # # # # # #

Native Hub

Prime Real Time, l’azienda leader in Italia nella gestione di Soluzioni Adv ad alto contenuto tecnologico e parte del Gruppo Triboo, crea il Native Hub, una soluzione originale e inedita in ambito Native a uso delle Digital PR e non solo.

Il Native Hub è l’innovativa proposta di Prime Real Time in grado di trasformare il Branded Content in puro Content Seeding ponendo l’accento sull’elemento più complesso del processo di Branded Content: la distribuzione. Native Hub, infatti, prevede la diffusione di qualunque tipo di contenuto complesso (infografiche, testi, immagini, video prodotti dal cliente) su 60 siti, in continuo aumento, scelti all’interno di un network Premium abilitato e customizzato grazie alla tecnologia Sharethrough. La strategia di Seeding costruita insieme al cliente, garantisce sia una distribuzione controllata, pertinente e perfettamente safe, sia il raggiungimento di utenti on-target realmente interessati al contenuto.

La proposta del Native Hub è finalizzata alla creazione di interazioni ed engagement con gli utenti prediletti dal cliente, attraverso una strategia di comunicazione di medio-lungo periodo e non meramente one-shot. Tipicamente integrata nelle Digital PR e nell’Article Marketing la soluzione tecnologica del Native Hub consente di accelerare i tempi di produzione, approvazione, e ovviamente distribuzione del contenuto, garantendo tempestività nell’avvio o nell’interruzione di contenuti guidati, facilmente modificabili anche con riferimento al feedback degli utenti.

Grazie alla tecnologia leader al mondo nel native, Sharethrough For Publisher di cui Prime Real Time è esclusivo vendor in Italia, il contenuto può essere diffuso attraverso tre diverse soluzioni: la Brand Page articolata in molteplici Content Cards, il Feed Flux, che consente di importare e pubblicare direttamente nel Close up gli aggiornamenti in tempo reale dal blog o dal sito del cliente, il Video Seeding, un ottimo strumento per diffondere contenuti emozionali video con un secondaggio anche superiore ai 30 secondi.

“Native Hub si differenzia da qualunque altra proposta Native, perché si basa su una strategia di comunicazione a medio-lungo termine, incentrata sulla veicolazione e lo sviluppo di una serie di contenuti aggiornabili prodotti dal cliente, attraverso un network di siti premium che garantiscono lettori qualificati. Con questa proposta”, dichiara Cristina Pianura, Managing Director di Prime Real Time. “Vogliamo favorire lo sviluppo di un prodotto Native ad alto valore aggiunto anche dal punto di vista del Publisher, senza disturbare la sua specifica vocazione redazionale, ma permettendogli di affiancargli una valida soluzione industrializzata e diffusiva che dà valore ulteriore ai propri utenti, senza disturbarne la navigazione perché perfettamente integrata nelle pagine dei siti”.

articoli correlati

MEDIA

Arkage firma i branded content di Carrefour Italia, protagonista Mr. V

- # # # # #

Carrefour e Arkage

Mr. V, personaggio di fantasia, è il protagonista di una strategia di branded content articolata e innovativa che ha l’obiettivo di presidiare un ambito, quello dei numerosi appassionati di vino di qualità, su cui Carrefour Italia ha deciso di investire. La qualità dei prodotti presenti in punto vendita, soprattutto nei nuovi format di enoteche dei nuovi Carrefour market, è il punto di partenza delle numerose attività digital lanciate assieme all’agenzia Arkage. Le videoclip di Mr. V lanciate sui canali digitali di Carrefour Italia sveleranno al pubblico i segreti per assaggiare il vino e per impressionare gli amici (e non solo) al ristorante, contenuti editoriali sul Carrefour Magazine approfondiranno gli argomenti salienti ed infografiche dal forte appeal visivo arricchiranno ulteriormente la content strategy.

Arkage ha curato l’ideazione creativa e la produzione di tutti i contenuti, anche quelli editoriali in collaborazione con la “sorella” Netnoc. Particolare attenzione è stata data alla creazione del personaggio Mr. V con shooting fotografici e video realizzati ad hoc dall’unità di produzione interna dell’agenzia. Mauro Feliziani, client creative director Arkage per Carrefour Italia, spiega: “Abbiamo lavorato molto per creare un personaggio divertente e autentico. Gli utenti, soprattutto sui canali social, si sono letteralmente innamorati di Mr. V”. La content strategy coprirà tutto il 2017 con un rilascio graduale dei contenuti che ad oggi hanno già totalizzato oltre 1 milione di views.

articoli correlati

MEDIA

Mondadori con Wochit per potenziare la produzione di video sui social media

- # # # #

13 milioni di fan complessivi, attraverso 38 pagine attive su Facebook. Questo i numeri che spiegano il “peso” dei social all’interno delle strategia di Gruppo Mondadori, in particolare grazie ai video, che hanno raggiunto i 90 milioni si video views totalizzate dai brand Mondadori su Facebook, specialmente su Giallo Zafferano, Cookaround, Donna Moderna, Nostrofiglio.it, Focus, Pianeta Donna, Pianeta Mamma. Video brevi e accattivanti, girati ad hoc per i canali social, privilegiando tecniche come il jumpcut e lo stop motion, e a un rapporto costante e attento con i propri utenti.

In quest’ottica è stata siglata una partnership con Wochit, piattaforma internazionale di creazione video, che consente di potenziare la produzione di contenuti video originali. Wochit offre un tool di editing per gestire la personalizzazione grafica delle diverse linee di produzione dei brand: viene utilizzato dal team di content editor di Mondadori, mettendo a frutto l’esperienza nella content curation per la creazione di video efficaci e in linea con il tone of voice del brand.
Durata breve, formato quadrato che si adatta a tutti i tipi di device, immagini selezionate e d’effetto con anteprime a tutto schermo immediatamente visibili nei feed e testi capaci di catturare gli spettatori amplificano l’impatto dei video sui canali social.

I video realizzati dai brand del Gruppo Mondadori con Wotchit hanno ottenuto oltre 30 milioni di visualizzazioni. Tra i più apprezzati, il video di Focus, “Come berremo l’acqua nel futuro“, con più di 4 milioni di visualizzazioni e 70.000 condivisioni; quello di Donna Moderna, “Rapporto tra zia e nipote“, con 2,7 milioni di visualizzazioni e 60.000 condivisioni; e quello di Pianeta Mamma, “Un papà non è solo un papà”, con oltre 2 milioni di visualizzazioni e quasi 60.000 condivision

articoli correlati

AZIENDE

IAB Italia presenta l’agenda del Seminar Content Strategy del prossimo 7 aprile

- # # # #

IAB Italia

IAB Italia presenta un programma ricco e differenziato per il Seminar del 7 aprile dedicato alla Content Strategy: l’agenda, disponibile da oggi sul sito di IAB, propone ospiti nazionali e internazionali in grado di stimolare un interessante dibattito sull’importanza dei Branded Contents per una strategia di comunicazione efficace. Un tema, questo, sempre più rilevante per le aziende, alla luce di uno scenario in cui il valore e la pertinenza dei contenuti sono il vero fattore differenziante per arrivare ai consumatori e per costruire con loro un rapporto di fiducia.

Numerosi gli interventi che – nel corso dell’intera giornata – animeranno i 3 filoni tematici individuati – Branded Contents, Distribution&Content Strategy, Metriche e Misurazione
– per permettere al pubblico del Seminar di entrare nel vivo di ogni aspetto della Content Strategy.

Aprirà la giornata Jennifer Hubber, Ceo Ipsos Italia, con un intervento legato a una ricerca, che traccia il quadro definitorio del Branded Content, realizzata in collaborazione con Oxford University e con BCMA, Branded Content Market Association. Subito dopo, l’intervento di Elena Grinta, Direttore Generale Osservatorio Branded Entertainment, offrirà lo stato dell’arte e il dimensionamento del mercato italiano.

La sessione dedicata al Branded Contents prenderà il via con Alessandro Pastore, Content & Innovation Director MEC, che presenterà la case history Now TV, soffermandosi su come i dati possano guidare le scelte creative. Seguirà una tavola rotonda che vedrà i protagonisti dell’editoria spiegare il ruolo fondamentale dei Branded Contents all’interno delle strategie di comunicazione dei clienti: si confronteranno sul tema Filippo Arroni, Country Manager Blasting News Italia, Elia Blei, Managing Director Vice Media Italia, Andrea Santagata, Vice Direttore Generale Periodici Italia Mondadori, e Biagio Stasi, Chief Digital Officer Hearst Magazine Italia.

La seconda parte della mattinata sarà dedicata al tema della Distribution & Content Strategy, dove aziende leader di settore porteranno la loro esperienza con gli interventi di Davide Mondo, Amministratore Delegato Mediamond, Christina Lundari, General Manager AOL Italy e Francesca Romagnoli, Head of Operation Ligatus.

Dario Caiazzo, Managing Director Teads Italia, fornirà al pubblico in sala le chiavi di lettura e le linee guida strategiche relative al filone tematico delle Metriche e della Misurazione, seguito da Lorenzo Facchinotti, Media Analytics Leader Nielsen, che presenterà una ricerca sull’efficacia dell’advertising sulle metriche di Brand. Chiuderà i lavori della giornata l’atteso intervento di Anna Bager, Senior Vice President and General Manager Mobile and Video at IAB US, che illustrerà scenario e trend del mercato americano, oltre a best practice e nuovi formati. Oggetto del suo intervento anche i valori fondamentali della trasparenza e chiarezza con cui i contenuti promo-pubblicitari devono essere offerti agli utenti e l’importanza del contesto in cui vengono inseriti.

Il Seminar ospiterà anche in questa occasione personaggi di spicco non strettamente legati al settore, che porteranno una visione laterale rispetto alla Industry. Marco Montemagno, moderatore della giornata e Direttore Creativo di tutti gli eventi IAB Italia, dialogherà sul palco con Andrea Fontana, AD Storyfactory e Docente “Storytelling d’impresa” Università di Pavia, per capire la relazione tra Content e Storytelling e per fornire consigli per rendere più appealing il contenuto. Secondo ospite “extra” sarà il giovane, ma famosissimo, Salvatore Aranzulla, che racconterà la sua esperienza di Influencer e Divulgatore Informatico.

Per partecipare a IAB Seminar è necessario registrarsi sul sito www.iab.it. Le iscrizioni online chiuderanno il 6 aprile alle 11.00 e sarà possibile iscriversi la mattina dell’evento al MiCo solo fino a esaurimento posti. Sarà come di consueto possibile seguire e commentare gli interventi in tempo reale sui social utilizzando l’hashtag #iabcontent17.

Sponsor dell’appuntamento AOL, Ligatus, MEC e Mediamond come Platinum e Teads come Coach.

articoli correlati

MEDIA

Subito con Cortellesi e Albanese per il branded content di “Mamma o papà?”

- # # # # #

mamma o papà

farà il suo debutto il prossimo San Valentino “Mamma o papà?” la nuova commedia di Riccardo Milani co-prodotta da Wildside e Medusa Film e distribuita da Medusa Film. I protagonisti Paola Cortellesi e Antonio Albanese, per la prima volta insieme sul grande schermo, interpretano un’irreverente coppia di genitori alle prese con tre figli e una separazione politicamente scorretta.

Nell’attesa, e visto il tono dissacrante del film, QMI, a cui è affidata la comunicazione integrata e digital, ha realizzato delle pillole natalizie che posizionano la pellicola come uno degli eventi cinematografici più scorretti del 2017.
I video – con gli speciali auguri e consigli natalizi a tutti i papà e mamme da parte dei due attori protagonisti – hanno trovato in Subito un partner d’eccezione per lanciare una divertente campagna di promozione.
Paola Cortellesi e Antonio Albanese svelano così alla community Facebook del portale di compravendita leader in Italia il loro personale elenco di regali “sbagliati” da far trovare ai figli sotto l’albero di Natale per far sì che questi decidano di passare le festività con l’altro genitore! Nessun problema, comunque: i regali “sbagliati” si rivendono senza problemi con Subito.

articoli correlati

MEDIA

Lidl e Trilud firmano i branded content “Ricette senza…” su ButtaLaPasta.it

- # # # # #

Lidl e Trilud lanciano 5 videoricette su ButtaLaPasta.it

Lidl sceglie Trilud Group per lanciare la sua prima iniziativa di branded content online, sviluppata attraverso videoricette inedite e articoli dedicati su ButtalaPasta.it, oltre a social seeding e copertura advertising sulle testate in target del gruppo. La pianificazione del progetto è stata curata dall’agenzia OMD.
Le 5 esclusive video ricette, online sul web magazine dedicato alla buona cucina, vedono protagonista Alice Balossi, food blogger e pasticcera, autrice del blog I dolci di Alice e partecipante del talent culinario Bake Off Italia; le sue “Ricette senza…”, appetitose ma semplici e alla portata di tutti, sono pensate per far conoscere la linea “Free from”, con una selezione di prodotti per gli intolleranti al lattosio e al glutine, e la gamma “BioOrganic”, per i clienti più esigenti. I video sono stati ideati e prodotti da BrandMade, l’agenzia creativa del gruppo.
I contenuti video sono contestualizzati all’interno di uno speciale editoriale realizzato su ButtalaPasta.it, all’interno del quale vengono presentate ricette, consigli e approfondimenti legati alla corretta alimentazione per chi soffre di intolleranze alimentari; il web magazine, che ha superato a settembre i 4 milioni di browser unici e i 15 milioni di pagine viste (fonte Google Analytics), rappresenta il contenitore più appropriato per il progetto all’interno dell’offerta editoriale di Trilud Group.
A integrazione dell’attività editoriale e video, è previsto un piano di visibilità e distribuzione che integra social seeding sui canali delle testate in target di Trilud Group e una pianificazione advertising sulle testate ButtalaPasta.it, PourFemme.it, TantaSalute.it e DonnaClick.it.
“Progetti di questo tipo” afferma Alberto Gugliada, co-founder di Trilud Group, “avvalorano la convinzione che la unit Brand Partnership di Trilud Group stia lavorando nella giusta direzione: il cliente ha creduto e investito in un progetto di contenuto al quale abbiamo integrato un piano di visibilità che ne garantisce anche la distribuzione; la proposizione di Brand Partnership è proprio questo: proporre progetti di contenuto qualitativo senza dimenticare le necessità di massimizzazione dei risultati comunicativi in termini quantitativi”.
“Abbiamo scelto di sposare un’iniziativa che permettesse a Lidl Italia di arricchire la customer experience” dichiara Marcello Candelori, Amministratore Delegato Acquisti di Lidl Italia, “offrendo contenuti coinvolgenti, informativi e accessibili in ogni momento da tutti. Crediamo sempre di più nelle opportunità che offre il mondo digital e vogliamo testare format innovativi che ci permettano di raggiungere nuovi target”.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

E3 firma la strategia social per la promozione del nuovo SUV Peugeot 2008

- # # # # # # #

E3 firma la strategia social per la promozione del nuovo SUV Peugeot 2008

E3 ha curato per Peugeot un progetto di video branded content e social engagement volto a creare awareness sul nuovo SUV Peugeot 2008 e a far conoscere le potenzialità del Grip Control, il sistema di motricità avanzata in dotazione su questo e altri modelli della gamma Peugeot.
A tal fine E3 ha ideato e realizzato 5 video virali, in continuità con la campagna di lancio “Master of the Elements” e una tab di gioco su Facebook che coinvolgeranno gli appassionati di motori e tecnologie e i fan di Peugeot per tutto il mese di ottobre.
A ritmo di uno a settimana, i 5 video virali raccontano ognuno, in modo divertente e surreale, una funzione del Grip Control: Sabbia, ESP Off, Normale, Fango e Neve. La scorsa settimana è stato viralizzato sui social il primo video che ritrae un ragazzo mentre esce dall’ufficio in giacca e cravatta in una giornata calda d’estate; esausto, sale in auto, attiva la modalità Sabbia del Grip Control, ritrovandosi in t-shirt e cappello fronte mare pronto ad aprire la portiera e poggiare i piedi su una splendida spiaggia. Cliccando sul video i fan atterranno sulla Facebook Canvas App dedicata alla dotazione Grip Control e che E3 ha creato per coinvolgere i fan in un gioco interattivo online.
Il concept di gioco è collegato alla manopola che regola il sistema di motricità avanzata Grip Control, disponibile sul Nuovo SUV Peugeot 2008. Per dare inizio al gioco, il fan preme il pulsante di azione e il Grip Control gira per fermarsi su un’azione (ad esempio “Ghiacciare”). Cliccando una seconda volta il pulsante, l’azione viene completata e sviluppata per formare una frase simpatica e dal mood sopra le righe (ad esempio “Ghiaccia il signore che parla al cinema”). Il gioco è volto quindi a proporre delle soluzioni ironiche e irriverenti a situazioni impreviste che si verificano nella routine quotidiana, richiamando a mo’ di “super poteri” le modalità del Grip Control. Al termine del gioco il fan può condividere la frase, inserita in una grafica dedicata, con gli amici ed invitarli a giocare o anche prenotare un test drive o richiedere un preventivo.
«Il Grip Control è una delle peculiarità disponibili per il nuovo SUV Peugeot 2008 e si rivolge a un pubblico dinamico e giovane, che si sposta di frequente e che utilizza molto i social network. Siamo molto soddisfatti del concept creativo e della strategia di engagement che E3 ha sviluppato sia perché la strategia è in linea con il nostro target sia perché l’idea creativa è disruptive e virale», ha commentato Carlo Leoni, Responsabile Comunicazione di Peugeot Italia. «Siamo lieti di aver colto la nuova sfida che Peugeot ci ha presentato perché di grande stimolo per lo spirito social e creativo del nostro team. Riuscire a spiegare in modo semplice e divertente una feature tecnologica ed innovativa come quella del Grip Control e nello stesso tempo riuscire anche a creare word of mouth con sentiment positivo, attraverso dinamiche di viralizzazione e di online engagement è per noi una reale gratificazione. Il video branded content si conferma una leva di marketing fondamentale per la fruizione dei contenuti da dispositivi mobile», ha commentato Federico Ceccarelli, Direttore Clienti di E3. Hanno lavorato al progetto l’Account executive Federico Faverio, la Social media manager Lorena Pellegrino, la Creative Supervisor Raluca Mircea e il senior software engineer Gabriele Tamburini. Girati in tutta Italia tra Fano, il passo dello Stelvio, l’hinterland milanese e la Brianza, i 5 video virali sono stati ripresi e montati dal regista Giovanni Valentini. PHD ha curato la campagna advertising di veicolazione video sui social.

articoli correlati

NUMBER

È boom di Snapchat e Instagram, ma il 26% degli utenti ignora i branded content. I dati Kantar TNS

- # # # # # # #

È boom di Snapchat e Instagram, ma il 26% degli utenti ignora i branded content. I dati Kantar TNS

Crescono sempre più i social network, ma il momento non è tutto rose e fiori: infatti ben il 26% degli utenti dichiara di ignorare i post sui social o i contenuti condivisi dalle marche. Lo scetticismo maggiore è stato riscontrato nei paesi scandinavi dove il 57% dei rispondenti, sia in Svezia che in Danimarca, aveva dichiarato di ignorare i branded content. All’estremità opposta della scala solo il 15% dei rispondenti in Arabia Saudita e il 19% in Brasile avevano dichiarato di non essere interessati a contenuti brandizzati, mentre la Cina, come l’Italia, si posizionano intorno alla media globale con il 24%.
La popolarità di Snapchat e Instagram è cresciuta negli ultimi due anni rispondendo alla richiesta di contenuti veri, personali, e istantanei, “in the moment” secondo lo studio dell’istituto globale di ricerca Kantar TNS svolto su 70.000 consumatori.

Quasi un quarto (23%) degli utilizzatori internet è ora su Snapchat, un grande salto rispetto al 12% di due anni fa. Situazione simile in Italia (con il 25% degli utenti internet ora attivi sulla piattaforma, verso un 15% vs 2015), mentre in America Latina assistiamo ad un balzo dal 12 (2014) al 38% (2016). Anche Instagram ha acquisito popolarità, con un livello di utilizzo globale che oggi è al 42% dal 24% del 2014 – In Italia, è sulla piattaforma il 51%, con una crescita di 15 punti percentuali negli ultimi due anni…

Leggi l’articolo completo su MyMarketing.Net!

articoli correlati

ENTERTAINMENT

“La ricetta perfetta”: il ‘brand entertainment più ambizioso della tv italiana’ nato dalla collaborazione tra Lidl Italia, Publitalia Branded Entertainment, Rti e Yam112003

- # # # # # #

I giudici e la conduttrice de La ricetta perfetta

Un’operazione “tailor made” ideata appositamente per Lidl Italia e realizzata da Publitalia Branded Entertainment, divisione dedicata al BE all’interno del Team CrossmediaBranded parte del Gruppo Mediaset, prodotta da YAM112003 per Mediaset. Sarà on air da domenica 17 aprile alle ore 09:50 su Canale 5 lo showcooking ‘La ricetta perfetta – dal fornello al carrello’, presentato oggi negli studi Mediaset di Cologno Monzese da Alberto Rossini – Head of content Yam112003
Luca Boselli – Amministratore Delegato Lidl Ialia e Andrea Scotti – Crossmedia e Branded Entertainment Director Publitalia insieme ai giudici e alla conduttrice.

La sfida culinaria sarà condotta da Cristina Chiabotto e vedrà impegnati tre giudici d’eccezione: Davide Scabin, chef stellato, Maurizio Pisani, esperto di marketing, Margherita Contin, brand ambassador di Lidl Italia. Le ricette dei concorrenti verranno valutate e perfezionate grazie alla consulenza dei tre giudici, in modo da trasformarsi in un piatto pronto che gli italiani potranno acquistare in tutti i supermercati della catena e gustare a casa propria.

Andrea Scotti s’è soffermato sulla specificità di questo progetto che ha definito come “l’operazione di brand entertainment più ambiziosa della tv italiana”, impensabile un anno fa. Un programma che potrebbe fare scuola e che è sostenuto dalla potenza di fuoco dell’impero del Biscione: 400 brand video, 200 passaggi su Radio Italia, 35 doppie pagine sui periodici Mondadori (DonnaModerna, Chi, CucinaModerna e TV Sorrisi e Canzoni) e una campagna digital che prevede oltre 9milioni di impression. Uno spiegamento di forze che non ha precedenti: 90 persone coinvolte nella produzione, con tre casting e ben 21 giorni di shooting.

21 cuochi amatoriali si sfideranno ai fornelli con l’obiettivo di vedere la loro ricetta del cuore in vendita sugli scaffali del loro supermercato preferito. In palio 100mila euro e la commercializzazione della ricetta che entrerà a far parte dell’assortimento, sotto il marchio “Italiamo”, linea food di Lidl dedicata alle eccellenze gastronomiche Made in Italy.

“Siamo orgogliosi di questo progetto, che ci permette di valorizzare l’incredibile patrimonio gastronomico italiano, costituito non solo da materie prime eccellenti, ma da una cultura culinaria fatta di passione, tradizioni e piccoli segreti che si tramandano e arricchiscono di generazione in generazione. Con questa trasmissione, raccontiamo la storia della nostra cucina attraverso le ricette dei nostri clienti, che rappresentano tutte le regioni italiane” – commenta Luca Boselli, Amministratore Delegato di Lidl Italia.

“Abbiamo deciso di adottare una strategia innovativa di marketing dando la parola ai nostri clienti” continua Boselli “solo un anno fa abbiamo lanciato Pizza FANtastica, la prima applicazione di crowdsourcing con la quale abbiamo chiesto ai fan della nostra pagina Facebook di creare la pizza dei loro sogni, entrata poi in assortimento. “«La ricetta perfetta»” va oltre il classico product placement. Mettiamo a disposizione dei clienti i nostri scaffali, sui quali vedremo presto la ricetta perfetta”.

 

Il primo boot camp vedrà impegnati oltre 60 concorrenti nei casting in 3 diverse città italiane; Milano per il Nord, Roma per il Centro e Palermo per il Sud. Ad accedere poi alla sfida ai fornelli saranno 21 concorrenti che, in gruppi di 3 (uno per zona geografica), si sfideranno in 7 puntate a seconda della categoria di ricetta proposta: antipasti, primi, secondi di carne, secondi di pesce, piatti vegetariani, pizze e focacce, torte e dessert. Ogni puntata avrà 1 solo vincitore e i 7 vincitori di puntata si affronteranno in finale, dalla quale uscirà il vincitore assoluto del programma che si aggiudicherà 100.000 Euro in gettoni d’oro e la possibilità di vedere commercializzata all’interno dei punti vendita di Lidl Italia la ricetta creata davanti ai giudici. Il programma, che si svilupperà in 9 puntate, verrà pubblicizzato attraverso tutti i canali, offline e online, di Lidl Italia grazie ad una campagna marketing cross mediale e sarà possibile seguire il talent con l’hashtag #ricettaperfetta sui profili social dell’azienda, in particolare Facebook, Twitter e Instagram.

A supporto del programma è stato inoltre creato un minisito a sostegno della campagna teasing. (A.P.)

articoli correlati

MEDIA

Ricola lancia il progetto di branded content in papercraft su La7; firma Cairo Communication

- # # # # #

Ricola lancia un progetto di branded content su La7

Venerdì 11 marzo, pochi minuti prima della trasmissione Crozza nel paese delle Meraviglie alle ore 21.10, è andata in onda su La7 la prima dei tre racconti di 60 secondi, realizzati e sviluppati per Ricola nell’ambito di un nuovo progetto creativo di Cairo Communication.
L’animazione, interamente realizzata con la tecnica del papercraft, mostra in apertura la copertina di un volume dal titolo intrigante “Il Segreto di Chrüterchraft”.
Le pagine animate all’interno del volume narrano la storia della miscela magica dal nome impronunciabile Chrüterchraft, il mix di 13 erbe svizzere in grado di attribuire alle caramelle Ricola poteri eccezionali, e del suo protagonista Seppo, l’esperto montanaro svizzero  custode delle erbe che affronta le imprese più ardite con il sostegno della forza delle erbe. Le tre narrazioni, dai titoli L’Incantesimo del Sambuco, Sul Cocuzzolo della Montagna e Il folletto crudele andranno in onda, in esclusiva su La7,  il 18 marzo ed il 1 aprile e verranno ritrasmesse l’8 il 15 ed il 22 aprile.
I brevi racconti, dedicati totalmente al mondo delle erbe e a Seppo il montanaro, prevedono il coinvolgimento di altri personaggi fantastici come la vecchia strega Frau Holle e l’elfo malvagio Crudelfo. Ciascuno dei simpatici racconti si conclude sempre con il lieto fine e con la frase mantra conclusiva “Così le tredici erbe vissero per sempre felici e contente in un astuccio di Ricola ai Fiori di Sambuco” o, a secondo del soggetto, con il nome di altri gusti: Ricola Menta di Montagna e Ricola Melissa Limoncella.

articoli correlati