BRAND STRATEGY

Colourbook: più brand awareness e web marketing con la consulenza di Brandmaker

- # # # #

colourbook

Con oltre 600 referenze in catalogo, il brand Colourbook ha come principale caratteristica l’alta qualità dei suoi prodotti per cartoleria, scuola e ufficio, dovuta a una produzione quasi esclusivamente made in Italy. Nota distintiva, uno stile minimal, ma colorato e di tendenza, che spazia soprattutto tra le tonalità fluo. Il mix di questi punti di forza ha contribuito negli anni alla crescita e all’apprezzamento dei prodotti Colourbook su un’ampia fascia di clientela.

L’agenzia Brandmaker affiancherà l’azienda e il management in un percorso di consulenza strutturata attraverso il coinvolgimento diretto dei propri esperti che, a seconda delle diverse esigenze, svolgeranno un’attività di sviluppo, implementazione, coordinamento e supervisione di tutte le necessità di comunicazione dell’azienda.

L’attività di consulenza sarà orientata alla crescita della brand awareness del marchio Colourbook in termini di maggiore identificazione e riconoscibilità sul territorio nazionale, oltre che di supporto e spinta per lo sviluppo commerciale. L’agenzia gestirà strategicamente la scelta delle migliori modalità di comunicazione per l’azienda e dei progetti e gli strumenti più adatti al raggiungimento degli obiettivi.

Particolare attenzione sarà destinata allo sviluppo della digital identity del brand, attraverso la realizzazione di un nuovo sito internet e un portale di eCommerce dedicato esclusivamente al marchio Colourbook, insieme a una mirata strategia di web marketing.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Ogilvy “Next Chapter”: nuovo modello organizzativo e nuova brand identity

- # # # #

ogilvy

Ogilvy annuncia oggi il suo “re-founding” e la sua nuova missione: lavorare come un unico network creativo integrato, con lo scopo di rendere rilevanti i brand (we exist to Make Brands Matter). L’agenzia, proseguendo nel proprio viaggio di trasformazione definito “Next Chapter”, ha presentato la nuova struttura organizzativa e la nuova brand identity.

“Per il nostro brand si è trattato di un viaggio durato ben diciotto mesi in cui si è realizzata la trasformazione più grande nella storia dell’agenzia” ha dichiarato John Seifert, Chief Executive di The Ogilvy Group. “Abbiamo ridefinito l’agenzia e creato un nuovo modello per continuare a rispondere al meglio alle esigenze dei nostri clienti e di un settore che abbiamo contribuito a
creare oltre settant’anni fa”. Il brand riunisce così le tre diverse unit di OgilvyOne, Ogilvy & Mather Advertising e Ogilvy Public Relations, insieme a vari sotto-brand e brand specializzati, in un’unica realtà unificata e accomunata da una stessa identità, posizionamento, modello di servizio ai clienti e conto economico. E questa realtà è fondata su cinque pilastri:

1. Nuovo modello organizzativo: trasformazione da una holding di sotto-brand gestita a matrice in un’azienda a brand unico rappresentata da dodici craft e sei capability principali, oltre a un nuovo sistema operativo:
• Craft: Creative, Strategy, Delivery, Client Service, Data, Finance, Technology, Talent, Business Development, Marketing & Communications, Administrative e Production
• Capability: Brand Strategy, Advertising, Customer Engagement and Commerce, PR and Influence, Digital Transformation, Partnership

2. Nuova offerta consulenziale: sulla base del successo di OgilvyRED, nasce Ogilvy Consulting, una nuova realtà orizzontale interna a tutta l’organizzazione, basata sulla Digital Transformation Consulting, Growth e Business Design and Innovation.

3. Nuovo sistema di brand identity e design: nuovo brand system, tra cui un sito internet ridisegnato che rispecchia il nuovo spirito “One Ogilvy”.

4. Nuovo modello di partnership: per guidare e gestire un modello di network realmente integrato, stiamo definendo una struttura di partnership globale, affinché la diversità della nostra leadership – a livello di mercati, capability e generazioni – rappresenti ancora meglio il nostro brand per il bene ultimo dell’azienda, sia ora che in futuro.

5. Nuova piattaforma digitale globale: creazione di uno strumento per lo scambio di conoscenze, lo sviluppo professionale e il networking personalizzato delle community chiamato Connect – per formare i nostri dipendenti e creare team in grado di
supportare al meglio i nostri clienti.

“La nostra creatività è alla base del network globale di Ogilvy e costituisce il più grande vantaggio competitivo di cui disponiamo,” ha dichiarato Tham Khai Meng, Chief Creative Officer. “Faremo leva sul patrimonio creativo di David Ogilvy per alimentare il nostro futuro”.

Grazie all’uso del linguaggio della legatura, il nuovo logo rappresenta l’agilità, la collaborazione e il senso di coesione creativa che questo brand sa creare in modo unico per i propri clienti. È stato reintrodotto l’iconico rosso Ogilvy in un Pantone più brillante ed è stata aggiunta una tavolozza secondaria di grigi, rosa, blu e gialli per sottolineare la tensione dell’azienda verso la modernizzazione, pur mantenendo il nostro forte retaggio. Sono anche stati ritagliati e personalizzati i font Ogilvy quali Ogilvy Serif e Ogilvy Sans. È stato inoltre ridisegnato il sito aziendale per mostrare tutta l’ampiezza e lo spessore del lavoro creativo, del talento e della thought leadership dell’agenzia. Per il rebranding Ogilvy ha collaborato con la premiata agenzia di branding e design Collins.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Q8 Italia torna on air con una nuova identity. Creatività e media affidati a Havas Village

- # # #

q8 havas village

Grandi novità nell’aria per Q8. Dopo oltre vent’anni, infatti, la compagnia petrolifera decide di salutare l’icona che l’ha contraddistinta per tutto questo tempo, la barca a vela, e di puntare su qualcosa di nuovo. L’idea della nuova campagna è quella di valorizzare il momento stesso della sosta: fermarsi da Q8 è una pausa in cui, oltre a rifornire la tua auto, ricarichi te stesso.

È un personal refueling. Q8 può sostenere il personal refueling perché ha in atto una serie di trasformazioni che tendono a migliorare l’esperienza di rifornimento: stazioni di servizio all’avanguardia, sistemi di pagamento digitali, carburanti evoluti, un programma fedeltà dai grandi vantaggi e in continua trasformazione. Q8 diventa il luogo dove il viaggio si fa più leggero.

Questo concetto si traduce creativamente in una nuova icona: ogni auto, dopo un rifornimento Q8, si trasforma in qualcosa di diverso. Diventa una mongolfiera che viaggia leggera nei cieli di una città. Mongolfiere che hanno forme diverse, legate alla destinazione di ciascun viaggio e che colorano in modo sorprendente il contesto urbano. La scelta di questo Key visual permette alla campagna di valorizzare i diversi prodotti e servizi Q8, riuscendo a parlare in modo coerente e differenziante di carburanti prestazionali, del loyalty program, delle iniziative speciali volte a favorire un corretto impatto ambientale.

La campagna è stata ideata da Havas Milan, direzione creativa esecutiva di Giovanni Porro, direttori creativi Antonio Campolo (art) e Luigi Fattore (copy). Produzione TV a cura di BlowUpFilm, regia di Fernando Livschitz. La campagna, pianificata da Havas Media, è on air dal 25 marzo e si svilupperà in maniera integrata su diversi touch points: TV, affissione, punto vendita, digital, social, stampa, radio.

 

CREDITS

OGGETTO: CAMPAGNA Q8 2018 – “FLY”

CLIENTE: KUWAIT PETROLEUM ITALIA

AGENZIA CREATIVA: HAVAS MILAN
DIREZIONE CREATIVA ESECUTIVA: GIOVANNI PORRO
DIRETTORE CREATIVO ART: ANTONIO CAMPOLO
DIRETTORE CREATIVO COPY: LUIGI FATTORE
STRATEGIC PLANNER: PIETRO PULEO
ACCOUNT DIRECTOR: ROSITA RAFANELLI
TV PRODUCER: VALERIA ZACCHI

CASA DI PRODUZIONE TV: BLOWUPFILM
EXECUTIVE PRODUCER: DESIREE CASTELLI MAESTRO
PRODUCER: EVA CHARPENTIER
REGIA: FERNANDO LIVSCHITZ
FOTOGRAFIA ROMA: PANCHO ALCAINE
FOTOGRAFIA BUENOS AIRES: MARIANO MONTI
POST PRODUZIONE: EL RANCHITO MADRID
MUSICA: DRIVE MY CAR (LENNON/MC CARTNEY)
COVER MUSICA: FERDINANDO ARNO’ – QUIET PLEASE!

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Il 23° Brand Identity GrandPrix va a CAME e Univisual

- # #

univisual came brand identity

Ieri sera lo spazio di Gessi Milano ha accolto la 23esima edizione del Brand Identity GrandPrix, il premio di TVN Media Group dedicato al brand design e alla comunicazione visiva.

L’agenzia Univisual di è aggiudicata il massimo riconoscimento, con il progetto di rebranding realizzato per CAME, gruppo italiano con 60 anni di storia noto come leader nell’automazione di cancelli e oggi affermato player mondiale nella produzione e fornitura di soluzioni tecnologiche integrate per l’automazione di ambienti. Oltra al GrandPrix, il progetto si è aggiudicato anche il 1° Premio Corporate Identity.

Nel corso della serata, condotta da Roberta Galiazzo, presenter di QVC Italia, sono stati consegnati i 14 premi di categoria. Fra questi il riconoscimento speciale “Best Chocolat Packaging” assegnato in collaborazione con Salon du Chocolat – partner dell’evento insieme a EPDA (European Packaging Design Association) e Print Power – a “Collezione: I Volti del Mondo” di JoyFlor.

La giuria che ha esaminato i lavori era composta da riconosciuti esperti del mondo della comunicazione visiva, affiancati da una selezione di direttori marketing, a rappresentare le aziende investitrici. La serata è stata impreziosita da un momento di celebrazione riservato allo scultore giapponese Hidetoshi Nagasawa, insignito del Premio Arte e Culture della Comunicazione, iniziativa che si prefigge di individuare e conferire un’importante attestazione a una personalità dell’arte e della comunicazione che si sia particolarmente distinta nell’esplorare e percorrere gli sconfinamenti reciproci di questi due territori della creatività.

Il Premio Speciale Brand Identity GrandPrix è stato assegnato a MOSTRO, Festival di Arti Grafiche e Comunicazione Visiva a cura di Marco Sammicheli, con il coordinamento di Maria A. Di Pierro e l’art direction di Zup Design, la cui prima edizione si è tenuta a Milano dal 6 al 12 ottobre 2017, nell’ambito del Brera Design Days. Durante il gala, inoltre, sono stati consegnati i riconoscimenti del premio BBS (Bliblioteca Bilancio Sociale), dedicato ai marchi che hanno voluto investire in sostenibilità facendone un asset di business.

articoli correlati

AGENZIE

Yugen affida ad Allea l’incarico per la brand identity di un nuovo integratore sportivo

- # # # #

Allea

In vista del prossimo lancio sul mercato italiano di un nuovo integratore, caratterizzato da una innovativa modalità di erogazione e adatto alle specifiche esigenze degli sportivi, Yugen ha affidato ad Allea la brand strategy complessiva.

“Nello specifico, il team Corporate Design di Allea curerà lo sviluppo dell’intero sistema di brand, dalla messa a punto del naming alla realizzazione del sito web, fino alla declinazione sul packaging e gli altri strumenti di brand identity”, sottolinea Gianluca Barbero, Direttore Creativo di Allea (nella foto).

Il nuovo prodotto aprirà, di fatto, una categoria inedita per il settore degli integratori, posizionandosi come “acceleratore di performance”, basato sulla stimolazione naturale del sistema nervoso e su livelli di performance elevati, studiati per sostenere gli sportivi nelle manifestazioni più estreme come maratona, triathlon ed endurance.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

True Company presenta il nuovo logo istituzionale del Gruppo Editoriale Citynews

- # # # # # #

nuovo logo istituzionale citynews

True Company lancia la nuova brand identity del Gruppo Editoriale Citynews. L’Agenzia ha curato l’ideazione, lo sviluppo e la realizzazione del nuovo logo con l’obiettivo di “istituzionalizzare” la corporate identity e allo stesso tempo consolidare il posizionamento del Gruppo Editoriale in un contesto nazionale.

Il nuovo logo nasce da una lunga e accurata riflessione da parte del Gruppo editoriale digitale fondato nel 2010 da Luca Lani e Fernando Diana.

Nel rivisitare la brand identity di Citynews, True Company ha voluto rappresentare il carattere di quello che è oggi un importante protagonista nel panorama dell’informazione nazionale. Nello studio del logotipo, la lettera “C” rappresenta un obiettivo, un occhio attento, aperto sul mondo pronto a raccontare e a essere sempre presente sulla notizia. La scelta della tipografia dai caratteri netti e decisi punta a comunicare la forza di un grande Gruppo Editoriale e, allo stesso tempo, l’utilizzo dell’italico aggiunge dinamismo e rapidità, tipiche del mondo digitale.

“Siamo fieri di aver collaborato con Citynews a dare un nuovo volto più istituzionale al Gruppo. È’ stata una sfida stimolante sviluppare una nuova brand identity più corporate, riuscendo a portare con sé anche quei valori e quelle caratteristiche di modernità e innovazione tecnologica tipiche di una delle realtà più interessanti nel panorama dell’editoria digitale italiana”, ha affermato Flavio Giammello, associate partner True Company e Socio Fondatore Sterling Cooper.

Credits:
Creative Director: Matteo Mascetti
Client Director: Giacomo Pietrogrande

articoli correlati

AGENZIE

Meridiana sceglie The Ad Store Italia per il restyling della sua piattaforma online

- # # # # #

The Ad Store

Trasformare 19 milioni di utenti in altrettanti viaggiatori e oltre 400 mila iscrizioni in esperienze: questa la sfida che The Ad Store, il network internazionale della comunicazione con headquarter in Italia, ha raccolto da Meridiana, forte della sua grande expertise proprio nel settore airline.

La compagnia aerea sarda ha coinvolto l’agenzia nel percorso di rinnovamento digitale che ha portato alla riprogettazione della sua piattaforma online. The Ad Store ha modellato la nuova digital experience di Meridiana su 3 nuovi brand pillars: Further. Easier. Stronger.

Further. Affiancata da Diamantea, storico digital partner dell’agenzia, The Ad Store è riuscita ad andare oltre le classiche caratteristiche di una piattaforma airline per offrire a ogni utente una user experience personalizzata in grado di gratificarlo e aumentare i livelli di engagement. Un obiettivo ambizioso reso possibile grazie alle strategie di context marketing e alla partnership certificata con Sitecore, piattaforma di content management leader nel mondo, che ha rappresentato il grande valore aggiunto del progetto.

Easier. L’agenzia ha ridisegnato la piattaforma in ogni dettaglio per guidare il visitatore verso la sua destinazione ideale in modo semplice, immediato e trasparente. Meridiana si racconta attraverso le sue mete, quindi spazio alle immagini: grandi, suggestive e d’impatto per far innamorare l’utente della sua prossima destinazione prima ancora che il viaggio abbia inizio.

Stronger. Per permettere al sito di apparire fresco e attuale negli anni a venire, The Ad Store ha scelto di dare alla piattaforma un look&feel solido, contemporaneo e dal taglio emozionale. Ogni wireframe, ogni font, ogni icona, ogni cinemagraph animation sono stati disegnati ad hoc, con una logica ben precisa: creare una forte brand identity in cui il viaggiatore potesse riconoscersi e immedesimarsi.

Credits
CHIEF CREATIVE DIRECTOR: Natalia Borri
CREATIVE DIRECTOR & ART DIRECTOR: Giulio Nadotti
WEB & UX DESIGNER: Stefano Peschiera
DIGITAL DIRECTOR: Davide Rapetti
ACCOUNT DIRECTOR: Michele Febbroni
PARNTER TECNOLOGICO: Diamantea

articoli correlati

BRAND STRATEGY

RobilantAssociati vince la gara Domori per la nuova brand identity del gruppo torinese

- # # # # #

Domori

Il rigore della selezione, la ricercatezza degli ingredienti e l’equilibrio del gusto sono i punti chiave del nuovo design dell’azienda piemontese Domori: un progetto che porta la firma di RobilantAssociati, la società di brand advisory e design leader del mercato italiano.

“L’unicità di Domori risiede nella sua ricerca costante della massima qualità lungo l’intera filiera: dalla selezione delle materie prime alla lavorazione diretta delle fave di cacao volta a preservarne ed esaltarne le caratteristiche dando vita a un prodotto inimitabile” afferma Giuliano Dell’Orto, Direttore Creativo di RobilantAssociati. “Questo progetto è stato l’occasione per dare nuova evidenza alla vocazione di Domori: selezionare il cacao più nobile, delicato e raro per i suoi prodotti. Domori è, infatti, l’azienda che per prima ha creato un codice di degustazione del cacao, definendone gli standard di eccellenza, creando una vera e propria “cultura” e contribuendo alla sua diffusione non solo tra cultori e appassionati ma anche presso un pubblico più ampio. Con il suo stile essenziale, geometrico, e rigoroso la nuova identità visiva ben esprime la “scienza del cacao” di Domori: quell’alchimia perfetta tra aromaticità, rotondità, purezza e persistenza gustativa che rappresenta la promessa distintiva dell’azienda”.

L’intervento ha interessato in particolar modo gli astucci della gamma più rappresentativa che utilizza esclusivamente il raro cacao Criollo. L’obiettivo è stato quello di aumentare lo spazio di racconto in grado di esprimere visivamente le peculiarità intrinseche del prodotto, conferendo maggiore preziosità attraverso la scelta di materiali e finiture di stampa. Il quadrato dorato – parte integrante del logo Domori – diventa elemento centrale sul pack, cuore del prodotto, sia visivamente che metaforicamente. Da esso si irradiano una serie di emanazioni geometriche che assumono ritmo e risalto diversi a seconda dell’intensità organolettica della tavoletta. Man mano che la percentuale di cacao Criollo aumenta, le propagazioni si fanno via via più definite, intense e preziose fino ad arrivare a una presenza marcata dell’oro per il 100%, massima espressione di valore e competenza della Marca. Il progetto si è aggiudicato il Premio Gran Prix Brand Identity, per la categoria “Best Chocolate Packaging”.

articoli correlati

AZIENDE

Criteo presenta Kinetic Design: creatività on-brand personalizzata e in real time

- # # # #

Criteo

Criteo ha annunciato Kinetic Design, la nuova tecnologia brevettata per la creazione degli annunci che fornisce creatività on-brand dal forte impatto visivo ottimizzate contestualmente e in real time per ogni consumatore, senza la necessità di definire dimensioni e layout grafici preventivamente. La brand identity e i requisiti legati agli annunci di ogni cliente vengono tradotti in un framework completo machine-based che definisce la presentazione grafica, consentendo ai marketer di generare un maggiore coinvolgimento del cliente, aumentare la reach e ottenere performance impareggiabili, mantenendo al contempo coerente l’estetica del brand nelle campagne.

Criteo ha sviluppato la tecnologia Kinetic Design per affrontare il mercato del native advertising, cresciuto esponenzialmente nell’ultimo periodo. Esso consente di aumentare le performance delle campagne pubblicitarie su tutte le inventory degli editori, soprattutto su mobile. Kinetic Design offre un tasso di personalizzazione illimitata grazie alla possibilità di generare oltre 17.000 miliardi di varianti di visual design. Una migliore capacità creativa viene fornita in aggiunta alle solide caratteristiche di product recommendation di Criteo, che assicurano che i contenuti degli annunci siano costruiti sulla base degli interessi di acquisto di ogni consumatore in real time.

I marketer sono così in grado di controllare il proprio messaggio e la brand experience durante l’intero percorso digitale. Kinetic Design offre un design ispirato al brand e performance degli annunci senza pari, grazie alla costruzione di ogni singola impression sul consumatore. In un test su 44 miliardi di impression condotto da Criteo, le capacità avanzate di Kinetic Design hanno dimostrato un aumento del coinvolgimento e delle vendite fino al 15 per cento.

“Kinetic Design consente ai marketer di ottenere una forte identità di brand, continuando ad avvantaggiarsi delle performance senza pari sulle quali abbiamo costruito la nostra reputazione,” ha dichiarato Alberto Torre, Managing Director di Criteo Italia. “Nel nostro paese ePRICE, IBS.it e Decathlon stanno già constatando il valore aggiunto di Kinetic Design all’interno delle campagne di brand e sono certo che i risultati saranno molto significativi”.

Criteo Kinetic Design si basa su tre componenti principali:

Composer: questa potente tecnologia consente ai team creativi di Criteo di progettare un framework di design digitale per ogni cliente, basato sulle singole guideline di brand. Il framework è scalabile per consentire la personalizzazione verso più di 1.2 miliardi di utenti attivi mensili di Criteo, mantenendo al contempo una rappresentazione del brand coerente.

Ottimizzazione creativa in real-time: Criteo Kinetic Design assicura che ogni creatività visuale sia basata sul comportamento degli utenti. Ottimizza ogni annuncio sulla base degli insight in real time dei consumatori e sulla consapevolezza di contesto selezionando gli elementi di design del brand più rilevanti dal design framework creato dal Composer, consentendo così una vera customer experience one-on-one.

Renderer: eliminando le restrizioni legate alla dimensione degli annunci o al layout, Renderer consente di generare automaticamente il layout più efficace e di adattarsi a qualsiasi dimensione o inventory degli editori in tutto il mondo. Questo offre ai marketer la capacità senza precedenti di raggiungere i clienti istantaneamente attraverso la vasta rete di editori di Criteo, senza i ritardi dovuti alla componente creativa.

 

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Bosch lancia la sua nuova brand identity

- # # # #

Bosch rilancia la propria brand identity

Vivacità, diversità, dinamicità: con la sua nuova brand identity, Bosch sottolinea la trasformazione digitale dell’azienda, un fornitore di soluzioni per la vita connessa. “Le soluzioni connesse ci permettono di contribuire a migliorare la qualità della vita e a conservare le risorse. La nuova identità del nostro marchio segue questa direzione. La nuova immagine rispecchia la diversità e l’individualità dei nostri prodotti” ha dichiarato Volkmar Denner, CEO di Bosch, spiegando i valori fondanti della nuova Brand Identity. La nuova immagine aziendale porta in primo piano gli aspetti emozionali del marchio, grazie al maggior numero di colori e a un linguaggio di immagini e forme del tutto nuovi. Il nome Bosch in lettere rosse, lo slogan “Tecnologia per la vita” e il rocchetto rimangono inalterati. “Negli ultimi anni, la nostra azienda si è trasformata radicalmente. La nuova immagine aziendale esprime visibilmente la trasformazione digitale dell’azienda” ha aggiunto Denner. Le smart home facilitano le attività domestiche, rendendole più pratiche, mentre le auto sono in grado di chiamare i soccorsi da sole in caso di incidente.

La nuova immagine aziendale si focalizza sugli speciali requisiti di design dei media digitali. Tuttavia, verrà usata anche nei media tradizionali, nel packaging dei prodotti e nell’interior design. Questa immagine semplice è caratterizzata da poche regole, proprio per lasciare spazio alla creatività di chi dovrà utilizzarla. I nuovo visual descrive i vantaggi di “Tecnologia per la vita” con colori caldi. L’attenzione si concentra sull’utente delle tecnologie, “vogliamo che lo slogan ‘Tecnologia per la vita’ divenga qualcosa di tangibile ogni volta che qualcuno entra a contatto con il marchio. Per ottenere ciò utilizziamo immagini ed elementi grafici” ha dichiarato Peter Feldmann, responsabile del Brand Management e del Marketing Communication di Bosch.
I nuovi elementi grafici, le linee rette, sovrapposte e curve sono state ideate per simboleggiare al meglio le promesse del marchio Bosch: qualità, partnership globale, prodotti ricchi di fascino e massima responsabilità. La grafica presenta nuovi colori che si basano su quelli utilizzati fino ad ora dal Gruppo Bosch: rosso, blu, azzurro e verde. La gamma colori è stata estesa fino a includere varie sfumature create mescolando i colori primari, per esempio il fucsia. Un ulteriore elemento grafico è rappresentato dalle caselle di testo colorate che possono sovrapporsi. I campi in sovrapposizione descrivono il collegamento tra le persone e la tecnologia. Per riassumere la nuova immagine, Gregor Schilling, responsabile del Corporate Design di Bosch, ha commentato: “Prese nel loro insieme, le immagini di sfondo a schermo intero, la grafica e le caselle sovrapposte producono un’immagine distintiva e vivace.”
Bosch intende introdurre la nuova immagine aziendale con gradualità, nel corso dei prossimi due anni.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Brand Identity GrandPrix: domani sera al Gessi Milano la serata finale

- # # # # # #

Domani sera il Gessi Milano, in via Manzoni 16A, nel cuore del capoluogo lombardo, ospiterà la 21esima edizione del Brand Identity GrandPrix , in premio di TVN Media Group dedicato all’identità di marca. Una serata dai molti volti: premiazione, occasione di networking qualificato e – non ultimo – appuntamento musicale, grazie alla performance live del Free Horses Quintet. Sarà il suono dei loro strumenti, basso, batteria, sassofono, tromba e chitarra, a date il tono alla manifestazione, che vedrà sfilare sul palco i 18 vincitori di categoria. Tra di essi, che hanno conquistato l’ambito riconoscimento che celebra l’eccellenza nella comunicazione visiva, in forma di identità di marca e design strategica, sarà assegnato il GrandPrix assoluto.

Anche quest’anno affiancano l’organizzazione partner di rilievo, tra i quali Print Power (che conferma il suo impegno e rinnova la sua collaborazione con TVN Media Group), l’associazione internazionale EPDA European Packaging Design Association e il Salon du Chocolat, che a due giorni dal suo debutto meneghino assegnerà nell’ambito del Brand Identity GrandPrix due Premi Speciali: Chocolat Packaging, per progetti di design relativi a confezioni di prodotti di cioccolato e Chocolat Product Design, per lo sviluppo e la creazione di un sistema d’identità per prodotti di cioccolato (vedi notizia). La serata sarà anche l’occasione per consegnare a Davide Rampello, figura poliedrica nel panorama culturale italiano, il Premio Arte e Culture della Comunicazione. Roberta Galiazzo sara la conduttrice della serata.

articoli correlati

AGENZIE

Nasce nel cuore di Milano il Senato Hotel Milano, firma la brand identity YAM112003

- # # # # # #

Prende il via a nel centro di Milano, al centro del quadrilatero della moda, il Senato Hotel Milano, luogo esclusivo dedicato all’eleganza italiana. YAM112003 si è occupata di creare la brand identity dell’hotel e il look del sito.

Il sito, suddiviso in cinque sezioni, guida l’utente in un vero e proprio viaggio all’interno dell’hotel. Ricco di immagini di grande impatto realizzate dal fotografo Robert Holden, il sito permette di visionare le camere, la location e i luoghi intorno all’hotel. Il palazzo si trova nella Milano più elegante a pochi passi da via della Spiga e piazza Cavour, piazza San Babila e corso Venezia. Alloggiare al Senato Hotel significa quindi vivere la città anche senza utilizzare l’automobile.
Intuitivo e di facile navigazione, il sito è 100% Responsive e Mobile, permette una rapida fruizione dei contenuti, ottimizzati appositamente per i dispositivi mobili. Il sito ha l’obiettivo di comunicare l’eleganza e la raffinatezza dell’hotel, da oltre un secolo casa privata della famiglia Ranza, che oggi apre le sue porte e si trasforma in un boutique hotel dall’ospitalità squisitamente milanese.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Una nuova immagine per Novamont, insieme a Lorenzo Marini Group

- # # # # #

Per avviare e portare a termine il processo di rebranding, attraverso la definizione della propria equity e della propria Brand Identity, Novamento si affida – dopo una consultazione – a Lorenzo Marini Group, chiedendo all’agenzia un progetto integrato sulla brand architecture del gruppo. Nata come centro di ricerca Montedison con l’ambizioso obiettivo di realizzare una “Chimica Vivente per la Qualità della Vita”, dopo anni di intensa attività di ricerca Novamont ha sviluppato e portato sul mercato una nuova famiglia di materiali a basso impatto, riconosciuti commercialmente con il nome “Mater-Bi”, un’innovativa famiglia di biopolimeri, biodegradabili e compostabili, ottenuti con materie prime rinnovabili.

Ma Novamont non realizza solo prodotti: il suo modello di sviluppo, la “Bioraffineria Integrata nel Territorio”, guarda, in particolare, alla creazione di filiere agroindustriali a partire dalle aree locali, nel rispetto della loro biodiversità ed in partnership con gli agricoltori, e da siti industriali non più competitivi o dismessi che possono essere oggetto di riconversione, adottando un approccio conservativo e non dissipativo, economicamente sostenibile ed ambientalmente compatibile.
Con 412 addetti e investimenti costanti in attività di R&S (7,2% sul fatturato 2014), il Gruppo Novamont ha generato, negli anni, un portafoglio di circa 1.000 brevetti.
Forte di questo storytelling e di questa unicità nel mercato mondiale, l’azienda ha deciso di allineare la propria immagine attraverso una operazione ampia di progettazione delle identità visive che riguarda tutto il gruppo, comprese le società consociate, Mater Biopolymer e Mater Biotech, ed i suoi prodotti: Mater-Bi, , Matrol-Bi e Origo-Bi.
La nuova brand identity verrà presentata a settembre con l’obiettivo di creare un house of style capace di migliorare la brand reputation presso gli stakeholder, gli opinion makers e il target più attento dei consumatori.
Il progetto di affinamento di immagine voluto dall’amministratore delegato Catia Bastioli, ha come gruppo di lavoro interno il team di comunicazione (con Giulia Gregori, Andrea Di Stefano, Federica Mastroianni eFlavia Vigoriti), mentre per l’agenzia il team di lavoro è composto da Lorenzo Marini, Mario Attalla, Nicoletta Cocchi, Dominique Alessandro, Stella Lupi e Artemisa Sakaj.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Alitalia rinnova brand e visual identity. Firma Landor

- # # # # # # #

Nel corso di un evento svoltosi oggi in un hangar di Fiumicino, Alitalia ha presentato il nuovo brand, la nuova livrea degli aerei e la nuova visual identity ai suoi dipendenti, ai media internazionali e ai propri stakeholder istituzionali e di business. Presente anche il Capo del Governo Matteo Renzi.

Ampio spazio è stato dedicato anche alle innovazioni dell’offerta, introdotte in tutte le proprie classi di viaggio sulla flotta di lungo raggio con l’obiettivo di riposizionarsi come leader nei servizi di alta qualità e come ambasciatore delle eccellenze italiane nel mondo.
“La giornata di oggi rappresenta un momento importante nella storia di uno dei brand italiani più iconici al mondo”, ha infatti dichiarato Luca Cordero di Montezemolo, Presidente di Alitalia. “Oltre alla nuova livrea degli aerei, abbiamo anche presentato i risultati del grande lavoro svolto per rendere più confortevoli gli interni delle cabine e per introdurre una forte innovazione nel servizio”.
“La livrea dei nostri aerei”, ha quindi aggiunto, “viene universalmente associata all’Italia ed è considerata iconica e immediatamente riconoscibile. Tuttavia era chiaro che avesse bisogno di evolversi per portare Alitalia nel XXI secolo, in modo da realizzare i nostri ambiziosi obiettivi e rispondere alle più esigenti aspettative del mercato”.

La società di design Landor ha ricevuto il compito di creare un nuovo look, giovane e seducente, per rappresentare i piani ambiziosi della compagnia aerea, utilizzando elementi del design della precedente, famosa livrea, disegnata dalla stessa Landor nel 1969.
Dopo 46 anni, per la prima volta scompare dalla fusoliera la tradizionale banda verde, ma per riflettere la longevità e la celebre storia della compagnia, il logo stilizzato, che ha caratterizzato Alitalia dalla prima importante operazione di rebranding 46 anni fa, è stato aggiornato e perfezionato, mantenendo il verde, il bianco e il rosso della bandiera italiana. Il nuovo logo è stato reso più moderno ed è stata introdotta una “A” più dominante, che rappresenta un coraggioso riferimento alle altezze che la compagnia è impegnata a raggiungere e la sua invidiabile esperienza nel settore dell’aviazione. La ‘A’ stilizzata compare in modo sobrio anche sui rivestimenti della cabina e sugli arredamenti interni, come tende, poggiatesta e cuscini. Il nuovo design vivace e contemporaneo sarà presente anche sui menu, e per i magazine a bordo e il materiale da lettura.

Aumentando il numero dei toni dei colori primari, la livrea rinnovata ora presenta una maggiore ricchezza e profondità. Traendo ispirazione in parte dalle linee delle auto da corsa della Formula 1, sono state aggiunte delle striature al triangolo interno rosso della “A” di Alitalia, creando un effetto gessato che rispecchia l’esclusività, la cura per i dettagli e una forte attenzione al design.
“Da oggi, questo brand italiano per antonomasia sta iniziando un nuovo viaggio, con una livrea rinnovata e dotata delle infrastrutture e delle competenze per realizzare il suo vero potenziale”, ha concluso Silvano Cassano, Amministratore Delegato di Alitalia. Questa nuova identità ci permetterà di portare lo stile unico e senza tempo di Alitalia in tutto quello che facciamo in giro per il mondo. Il brand Alitalia è oggi più potente che mai, e guarda al futuro con vigore e ottimismo”.

articoli correlati

AGENZIE

M’Over, il progetto di Cortina d’Ampezzo, affida a Mapo Studio la sua brand identity online e offline

- # # # # #

M’Over, un ambizioso progetto turistico e sportivo di Cortina d’Ampezzo, ha affidato a Mapo Studio il compito di creare la brand identity online e offline, e fornire gli strumenti di comunicazione utili a distinguersi nel mercato. Una coesione particolare tra design, fotografia e video che ha permesso a Mapo Studio di sintetizzare l’ampia offerta di M’Over e costruire uno storytelling efficace e d’impatto, restando fedeli all’unicità di valori e alla passione che contraddistinguono questa iniziativa.

“Cercavamo uno studio che riuscisse a valorizzare il nostro progetto” commenta Alberto Pivato, Socio e Direttore della struttura invernale di M’Over, “e in Mapo Studio abbiamo trovato un gruppo di persone che ha messo insieme novità e innovazione, rendendo chiaro il nostro messaggio: non siamo una solita scuola di sci, ma una realtà che vuole far vivere la montagna a 360°, in estate e in inverno”.

Kristian Ghedina & Deborah Compagnoni fra gli attori principali di questo bellissimo film, un nuovo modello per il rilancio del turismo ad alta quota. Oggi M’Over si sta preparando alla prossima stagione estiva, all’insegna sempre dell’innovazione dei servizi da proporre e della qualità dell’output.

Ma non basta. La prossima sfida sarà quella di strutturare M’Over come uno Exclusive Sport Provider nel mondo, dove i nostri clienti grazie al network che andremo a disegnare potranno trovare gli stessi standard d’eccellenza, gli stessi format didattici e le stesse emozionanti esperienze.

articoli correlati